Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 377948323 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2017

On-line le commissioni relative all'esame di stato 2016-17
di m-nicotra
1864 letture

Scuola, pubblicati i risultati delle procedure di mobilità della primaria
di a-vetro
1572 letture

Personale Scuola Primaria - Movimenti a.s. 2017/2018
di a-vetro
1540 letture

Istituzioni scolastiche funzionanti nell’a.s. 2016/2017 il cui Dirigente Scolastico sarà collocato a riposo dal 01/09/2017
di a-vetro
1329 letture

Scuola, mobilità e titolarità. Presto un disegno di legge per abrogare la 107 e ripristinare le vecchie regole
di m-nicotra
1326 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Operazioni di mutamento di incarico e mobilità interregionale dei Dirigenti scolastici con decorrenza 01/09/2017 – Integrazione elenco sedi disponibili
·Fasce di complessità delle Istituzioni scolastiche della Sicilia a.s. 2017-2018. Rettifica
·Fasce di complessità delle Istituzioni scolastiche della Sicilia a.s. 2017-2018
·INVALSI 2017 - Griglia per l'attribuzione del voto della prova nazionale
·Istituzioni scolastiche funzionanti nell’a.s. 2016/2017 il cui Dirigente Scolastico sarà collocato a riposo dal 01/09/2017


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Elio Vittorini e la Sicilia. Il realismo vittoriniano e lo scontro con Palmiro Togliatti. La novità letteraria di 'Conversazione in Sicilia'
Redazione
Elio Vittorini (Siracusa, 23 luglio 1908 - Milano, 12 febbraio 1966) è uno degli intellettuali italiani più vivaci e uno degli scrittori più impegnati nella revisione e ridefinizione del realismo nell'arte ed in letteratura. Egli ridefinisce inoltre l'idea di letterarietà e giunge fino al limite estremo delle possibilità "nuove" contenute nel termine, che, dopo di lui non potrà assumere il tradizionale significato di stilisticamente e formalmente adeguato. La sua critica al concetto ormai logorato dall'abuso scolaticistico è generata da una nuova visione acquisita durante la vastissima ricognizione non solo della vita letteraria, ma anche di quella sociale e politica. E' con la stessa esperienza di traduttore dei maggiori romanzieri americani, che introduce in Italia un clima culturale e letterario meno municipale. L'esperienza antifascista e l'adesione al partito comunista gli offrono poi gli strumenti conoscitivi di prima mano per ottenere una capacità di linguaggio e di scrittura a tutto campo, come è appunto il terreno della "nuova" letterarietà che insegue e propone.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 25 giugno 2017 07:30:00 (165 letture)

(Leggi Tutto... | 8682 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Presentazione del libro di Massimo Frasca 'Città dei Greci in Sicilia'
Redazione
Il Polo Regionale di Catania per i Siti Culturali, ospita martedì 28 marzo alle ore 17,30 nella Sala dell’Esedra in Via Teatro Greco la presentazione del volume del prof. Massimo Frasca, Città greche di Sicilia, edito da Edizioni di Storia e Studi Sociali. Alla presentazione saranno presenti: Maria Costanza Lentini direttore del Polo Regionale di Catania per i siti culturali, Massimo Frasca autore del libro e docente di archeologia classica all'Università di Catania, Fabio Caruso ricercatore dell’IBAM-CNR, Fabrizio Nicoletti archeologo del Polo Regionale di Catania per i Siti Culturali.
download invito
poloregionalect.segreteria@regione.sicilia.it
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 25 marzo 2017 08:30:00 (616 letture)

(Leggi Tutto... | 4826 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La severa lezione storiografica di Benedetto Croce. La Storia d’Italia dal 1871 al 1915
Redazione
Maestri sono coloro che rimangono nella memoria dei posteri e che costituiscono punti importanti di riferimento per i tempi futuri. La crisi conoscitiva e culturale, però, ne ha ridimensionato la funzione e il valore, poiché essa si è presentata con il vigore distruttivo dei nostri Padri Spirituali, sulle cui pagine a nessuno piace studiare. E ciascuno oggi preferisce con arroganza andare a ruota libera nei concetti e nel linguaggio per dimostrare autonomia e autorevolezza, senza tener conto del fatto che ogni progresso negli studi e nella ricerca disciplinare presuppone il possesso di conoscenze elaborate e acquisite precedentemente con grande fatica. Esistono quindi i veri Maestri e sono gli Spiriti Magni, i più creativi e costruttivi, coloro che hanno compiuto le autentiche rivoluzioni metodologiche, stilistiche e contenutistiche. Essi sono pochissimi nell’Italia del Novecento e bisogna rispettarli per il bene che si deve a noi stessi e alla comunità alla quale apparteniamo. Nel loro numero molto limitato rientra certamente Benedetto Croce (1866-1952), nonostante il giudizio malefico di Ludovico Geymonat.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 14 marzo 2017 07:30:00 (587 letture)

(Leggi Tutto... | 9466 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Un omaggio a un intellettuale coraggioso che scrisse e si contraddisse
Redazione
Gli "eroici furori" di Elio Vittorini, scrittore magico e realista, né rosso, né nero. Né con Croce, né con Lukacs. NO alla cultura politicizzata, no al sovietismo zdanoviano. Sì , a una politica culturale liberale, aperta alle suggestioni della complessità della società capitalista, e , "proletaria" , insieme, emancipatrice delle classi più umili e disperate. Spirito polemico, intellettuale inquieto, moderno, e antico, rondista, e illuminista impenitente sempre; tanto realista e prammatico, quanto utopista inquieto, di inesausta ancestrale "tensione messianica", Vittorini scrisse, e si contraddisse, senza mai tradire la sua ...

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Domenica, 26 febbraio 2017 08:30:00 (511 letture)

(Leggi Tutto... | 2110 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La maga e il talismano dello scrittore catanese, Adriano Di Gregorio
Redazione
Con il romanzo "La maga e il talismano" (Algra editore), lo scrittore catanese, Adriano Di Gregorio, ha continuato la fortunata serie del commissario Battaglia e del suo fidato amico, l'ispettore Spanò.
Le indagini di quest'ultimo caso vengono condotte a ritroso: dalla misteriosa denuncia di un omicidio, del quale però non si scopre il corpo, Battaglia si ritrova dapprima a smascherare un vasto traffico di droga che gira attorno alla tenda di una maga e alla fine è costretto ad "imbattersi nel più atroce crimine che la mente umana abbia mai potuto concepire". Così come era accaduto nel romanzo precedente, il commissario Battaglia, sebbene sia deciso e puntuale nel lavoro, è invece insicuro e fragile nella vita privata, sempre molto movimentata.

Claudia Mandrà
clama10@virgilio.it
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 24 gennaio 2017 08:00:00 (552 letture)

(Leggi Tutto... | 2837 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Note a margine di Rita Garofalo Algra Editore
Redazione
Ecco il secondo libro della collana della Collana Fiori blu che Rita Garofalo, medico, specialista in endocrinologia, psicologa e psicoterapeuta, offre ai lettori dopo il successo del delicato, romanzo Controvento, nel qual l'Autrice racconta un'originale esperienza, che può diventare modello ed esempio sul come comportarsi quando si rimane coinvolti nel vortice di un tumore annunciato e s'imbocca il sentiero terapeutico. Il successo del primo volume l'ha indotta a dare sfogo alla creatività fantastica e impulsiva mettendo in dialogo la penna e il pennello, l'immagine dipinta e la pagina letteraria, il messaggio dei grandi pittori e la vita semplice e drammatica di quanti, osservando un'opera d'arte ritrovano consonanza di sentimenti con l'Artista e conforto alla personale esperienza esistenziale.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 10 dicembre 2016 09:00:00 (618 letture)

(Leggi Tutto... | 4961 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Umanistiche: L’intellettuale Signum contradictionis
Redazione
Avere la testa tra le nuvole, e sentirsi obbligato, a un tempo, a stare con i piedi per terra; avere dolorosa consapevolezza di esistere e di non esistere, di voler e disvolere per anarchica vocazione, di essere dentro e fuori, per sé, ma anche per gli altri; aspirare alla verità ma pieno di incertezze e di dubbi e di interrogativi, per la stessa ragion critica che gli vacilla sotto gli occhi sempre e soccombe alla sua volontà, indecisa su cosa fare o non fare, per eccesso di pensieri di continuo rampollanti; amare le regole e disattenderle per volere dire, al tempo stesso, tutto e il contrario di tutto per narcisistica vocazione; sono, queste, caratteristiche dolorose, stemma e stigma del relativismo agnitivo dell' intellettuale "déraciné" - se così vogliamo impropriamente definirlo -.

antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 03 novembre 2016 08:30:00 (590 letture)

(Leggi Tutto... | 2723 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il pluralismo ideologico ed esistenziale nella poetica di Giovanni Pascoli. Nella ricorrenza dei 125 anni dalla pubblicazione della prima edizione ufficiale di 'Myricae' (luglio 1891)
Redazione
Sono trascorsi cinque lustri dall'anno di grazia 1991, quando a Massa e altrove si è voluta ricordare solennemente la ricorrenza dei cento anni dalla pubblicazione della prima edizione ufficiale di " Myricae" di Giovanni Pascoli. La vera celebrazione in effetti è stata quella intrapresa dal Comitato Pascoliano di Massa in virtù della passione autentica di Antonia Cerboncini e Walter Fiani, che hanno coinvolto istituzioni e scuole nell'iniziativa affascinante di reperire e pubblicare documenti inediti e fare intervenire i più qualificati studiosi del Poeta romagnolo nei serrati dibattiti che allora si svolsero tra Liceo Classico "Pellegrino Rosssi" e Palazzo Ducale di Massa. Il Liceo apuano poteva vantare la presenza di un archivio storico ricco e ben conservato e di un registro dei verbali del Collegio docenti nel quale si udiva ancora la voce cristallina dell'autore di "Myricae". Qui egli aveva insegnato latino e greco e dopo di lui vi insegneranno B3albino Giuliano, Manara Valgimigli, Enrica Carpita ed altri docenti di valore. In quell'anno di grandi propositi editoriali e e di pregevoli interventi istituzionali (mi sembra giusto ricordare l'attivismo bibliografico dell'assessore alla Cultura pro tempore, Dott. Pier Paolo Santi) si sono messi in moto tutti gli organismi pascoliani e si è rievocato puntualmente il soggiorno in città pure delle due sorelle del Poeta, Ida e Maria.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 20 settembre 2016 08:30:00 (846 letture)

(Leggi Tutto... | 11794 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Sicilia, my love di Enzo Randazzo
Redazione
Il romanzo Sicilia, my love, di Enzo Randazzo, edito da Medea, giunto già alla terza edizione, è stato il tema dell'incontro letterario che si è svolto a Siracusa presso la Chiesa di San Tommaso ad Ortigia. Promosso in collaborazione con la Redazione del Settimanale diocesano "Il Cammino", l'incontro è stato introdotto dal preside Giuseppe Adernò, il quale ha messo in luce le caratteristiche letterarie dell'opera, il forte messaggio di sicilianità che trasmette e l'ampiezza dei temi sociali e culturali che vengono affrontati: dall'emigrazione all'interculturalità, dalla tradizione alle innovazioni nei diversi stili di vita. Il volume, ha ricevuto il patrocinio della Regione Siciliana-Assessorato dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, ed ha raccolto numerosi successi,riconoscimenti e premi. L'Autore, Enzo Randazzo, presente all'incontro, racconta una vicenda che sviluppa un interesse per la storia e la cultura regionale e nazionale in una prospettiva multiculturale, celebrando le bellezze naturali dell'Isola, le sue tradizioni culturali, storiche e linguistiche.

redazione@aetnanet.org
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 17 luglio 2016 07:30:00 (1092 letture)

(Leggi Tutto... | 6226 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il Codice Rustici, un viaggio attraverso la storia
Rassegna stampa
Firenze, 1441. Un orafo decide di intraprendere un viaggio ai Luoghi Santi. Marco di Bartolomeo Rustici è un artigiano abile e notissimo, poco istruito nel latino ma devoto e dotato di un suo patrimonio intellettuale, appassionato cultore di sillogi, antologie e volgarizzamenti delle Sacre Scritture. Egli stila un resoconto dettagliatissimo in volgare del suo pellegrinaggio a Gerusalemme in un prezioso manoscritto che resta intatto fino ai nostri giorni, custodito dal 1812 nella Biblioteca del Seminario Arcivescovile di Firenze. Roma, 17 maggio 2016. Tappa prestigiosa di un altro viaggio. Quello di un sogno, nato diciotto anni fa e perseguito con tenacia e passione da Elena Gurrieri, oggi responsabile di quella Biblioteca. La realizzazione di un’edizione in facsimile che sostituisse il manoscritto sia per preservare l’originale dall’inevitabile usura provocata dalle consultazioni e sia per mettere a disposizione di un pubblico più vasto il prezioso manoscritto.

Donatella Purger - Firstonline.info
donatellaaura@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 24 maggio 2016 06:00:00 (822 letture)

(Leggi Tutto... | 8929 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Carlo Antoni e la restaurazione del diritto di natura. Storicismo, illuminismo e giusnaturalismo
Redazione
"Anime incarnate" erano definiti da Eugenio Garin nelle sue eleganti Cronache di filosofia italiana tutti quei filosofi italiani del secondo dopoguerra, di estrazione accademica, che si facevano la guerra mentale e psicologica quando la guerra reale era finita e rimanevano i rigurgiti del fascismo e dell'antifascismo con i discepoli dei due vecchi maestri scomparsi rispettivamente nel 1944 Giovanni Gentile e nel 1952 Benedetto Croce. Le "anime incarnate" volevano rimettere in piedi una gramsciana guerra di posizione per posizionare se stessi negli atenei più prestigiosi e reggere l'urto dei loro avversari nell'accaparramento delle cattedre.. Carlo Antoni da gran signore non partecipò alla guerra delle cattedre, ma solo a quella più decorosa delle ideologie in nome e per conto di colui che considerò sempre il suo maestro e cioè Benedetto Croce. Egli era un intellettuale schivo, uno studioso solitario che conduceva la sua battaglia in modo rigoroso e senza continui revisionismi, giacché aveva fatto sul serio la Resistenza con le armi intellettuali e con la massima devozione agli ideali della libertà e della dignità, ai quali aveva deciso di sacrificare la vita, come del resto aveva fatto prima con la partecipazione a favore dell'Italia, da cittadino austro-ungarico e quindi da "traditore", alla grande guerra.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 22 maggio 2016 10:00:00 (799 letture)

(Leggi Tutto... | 11647 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Carlo Antoni e la lotta contro lo storicismo hegeliano. L’interpretazione giusnaturalistica del marxismo
Redazione
Carlo Antoni (Senosecchia, Trieste, 15 agosto 1896-Roma 3 agosto 1959) è sommo filosofo, grande storico della filosofia e insigne germanista; ordinario di filosofia della storia nell'Università di Roma, purtroppo è oggi poco conosciuto persino negli ambienti intellettuali del nostro Paese. Io tenterò qui una breve ricognizione per dimostrarne l'importanza come interprete di Croce e di Marx e come critico intelligente dello storicismo hegeliano. Seriamente impegnato nella revisione critica del pensiero crociano ed hegelo-marxiano, scrive una molteplicità di saggi che hanno un notevole valore storiografico e teoretico (tra cui segnalo: Dallo storicismo alla sociologia, Sansoni, Firenze 1940; La lotta contro la ragione, Sansoni, Firenze 1942; Ciò che è vivo e ciò che è ciò che è morto della dottrina di Carlo Marx, Quaderni del movimento liberale italiano, Roma 1943; Commento a Croce, Neri Pozza Editore, Venezia 1955; La restaurazione del diritto di natura, Neri Pozza Editore, Venezia 1959; Della storia d'Italia, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 2012)e che conservano ancora tutta la loro freschezza concettuale e stilistica. La teoresi di Antoni si può inscrivere tutta all'interno dei rapporti tra storicismo e giusnaturalismo, in relazione sia alle indagini sulla cultura tedesca che a quelle sull'idealismo italiano, ed in particolare ai vari saggi su Benedetto Croce, attraverso il quale egli può risalire con maggiore efficacia alla migliore tradizione etico-politica dell'Italia e dell'Europa e trasformare così la sua storiografia in altissima e profondissima filosofia.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 08 maggio 2016 07:00:00 (889 letture)

(Leggi Tutto... | 17301 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Sulla lotta partigiana
Redazione
Certo gli "anti" spesso sono funzionali ai "pro" se non sostanziati da programmi di vita e stili di comportamento che ne segnano in modo evidente e visibile le azioni e gli effetti che ne derivano da esse. La lotta di liberazione, è stato un progetto, una sperimentazione, una battaglia per la vita, per ridare senso e significato ai valori fondanti della convivenza sociale, diritti, giustizia, dignità, tolleranza e soprattutto partecipazione e responsabilità. L'unione delle forze che hanno prodotto il ribaltamento e la sconfitta di un potere politico, il fascismo, è stata possibile solo perché ad un potere costituito si è organizzato un contropotere dai contorni ideologici chiari ed inequivocabili: l'antifascismo. Ed è questa la traccia indelebile che ha lasciato la lotta partigiana, la creazione di un organo di potere organizzato ed efficiente, reattivo ed omogeneo, diffuso e partecipato.

Musarra Pasquale
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 25 aprile 2016 08:30:00 (695 letture)

(Leggi Tutto... | 4367 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Umanistiche: Il partigiano siciliano Alfio Anastasi e l’attuale riflessione storiografica sulla Resistenza
Redazione
Nel settantunesimo anniversario della Liberazione il passaggio dalla cronaca alla storia e dalla memoria soggettiva e monumentale alla severa ricostruzione. Il flusso delle stagioni ideologiche, culturali e politiche non è stato vano. Il tempo è una categoria dello spirito che chiede distanza di ripensamenti e abbandono dei caldi ideologismi Ho dovuto rompere con gli amici più cari, quelli che "venivano" dalla Resistenza, per affermare il sacrosanto dovere della libera ricerca della verità storica contro ogni mistificazione per ragioni le più svariate e non sempre miserevoli e volgari. Perciò ho rifiutato per quanto mi è stato possibile la falsa narrazione dello storico valdostano Federico Chabod di un Sud tagliato fuori dalla lotta di liberazione nazionale e sottoposto ai peggiori condizionamenti sociali e culturali, perché su di esso non soffiava prepotente da nessuna fessura "il vento del Nord", che rappresentava il progresso intellettuale e morale, la modernità democratica e costituzionale ed il più autentico antifascismo, quello che si sarebbe invece fermato ai confini meridionali della Toscana. Nel Regno del Sud la Resistenza taceva poiché sarebbe avvenuta troppo presto l'invasione anglo-americana nella notte del 9-10 luglio 1943 e non vi potevano germogliare le condizioni ideali e materiali di una opposizione armata e disarmata contro i nazifascisti:

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 25 aprile 2016 07:30:00 (757 letture)

(Leggi Tutto... | 16471 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Cultura, presentato in Vaticano 'Poesie-preghiere da San Francesco ad oggi'
Redazione
"Un libro che sonda religiosamente le varie epoche della letteratura italiana, evidenziando i poeti che si candidano a portavoce dell'eternità": con queste parole il saggista e critico letterario don Santino Spartà ha introdotto nella parrocchia di Sant'Anna in Vaticano la presentazione del libro "Poesie-preghiere da San Francesco ad oggi" (editoriale Agorà), curato dalla siciliana Maria Pia Risa. Il volume raccoglie 209 poesie-preghiere scritte dal Duecento ai giorni nostri, attribuite complessivamente a 58 autori. L'opera esordisce con San Francesco d'Assisi per giungere ai contemporanei, passando per figure prestigiose come Dante Alighieri e san Giovanni Paolo II; le loro orazioni sono state selezionate con un paziente lavoro di ricerca, svolto quasi esclusivamente nella Biblioteca Apostolica Vaticana di Roma.

Graziella Nicolosi (Tessera Odg 145786)
graziella_nicolosi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 19 aprile 2016 06:00:00 (810 letture)

(Leggi Tutto... | 5656 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: 'Nenti cchiù da diri'. Poesia e metapoesia in Salvo Basso
Rassegna stampa
Carissimi, ho il piacere di inoltrarvi la locandina dell'imminente conferenza su Salvo Basso che terrò il prossimo giovedì 7 aprile alle ore 17 presso l'aula 268 (II piano), ex Monastero dei Benedettini, nell'ambito delle iniziative del comitato catanese della "Società Dante Alighieri". Con cortese richiesta di diffusione dell'evento e sperando che partecipiate numerosi.

Novella Primo
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 05 aprile 2016 02:00:00 (857 letture)

(Leggi Tutto... | 1148 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Paolo e Francesca: dove sta l’errore dei due amanti?
Redazione
Paolo e Francesca: dove sta l'errore dei due amanti? I "duo cognati" si sono illusi che "ciascun amore in sé sia " laudabil cosa". Si sono abbandonati alla fatale necessità d'amore, (all'"amor ch'a nullo amato amar perdona), ignorando che anche il "cor gentile" deve ubbidire alla ragione . Dice Virgilio(la Ragione):
: "[...] /innata v'è virtù che consiglia,/ e de l'assenso de' tener la soglia" ( Purgatorio , C. XVIII, vv.62-63)**
E "tener la soglia", è compito affidato alla ragione, al libero arbitrio, alla libera scelta dell'uomo, alla capacità di discernimento.
[...], poniam che di necessitate
surga ogne amor che dentro a voi s'accende,
di ritenerlo è in voi la podestate.
( ibidem,vv.70-72).
"Né creator né creatura mai/...fu sanza amore,/ o naturale o d'animo[...] lo naturale è sempre senza errore,/ ma l'altro puote errar per malo obietto/ o per troppo o per poco di vigore." (canto XVII del Purg.quarta cornice, accidiosi, vv.91-96);

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Sabato, 02 aprile 2016 07:30:00 (1043 letture)

(Leggi Tutto... | 4028 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Dell’antifascismo 'filosofico' di Benedetto Croce. Un chiarimento storiografico
Redazione
Ho avuto modo di ringraziare privatamente il compianto amico sociologo Carmelo Rosario Viola per la sua recensione molto densa e brillante di un mio lungo saggio su Benedetto Croce pubblicata sul quotidiano "Rinascita" ( "Benedetto Croce e la biologia del sociale. Un lavoro critico e analitico dello studioso Salvatore Ragonesi sul filosofo liberale" ), poco prima della sua improvvisa scomparsa, che mi ha dato l'occasione di riformulare con sincera convinzione Il quesito se fu vero antifascismo quello di Benedetto Croce. Riprendo adesso i miei appunti che avevo accumulato e poi accantonato in seguito alla grave perdita del dottissimo e acutissimo amico sociologo , al quale il filosofo napoletano, come a tanti altri intellettuali italiani, compresi per esempio Ludovico Geymonat e quelli della sua scuola, non era molto simpatico per ragioni culturali e filosofiche.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 18 marzo 2016 03:30:00 (892 letture)

(Leggi Tutto... | 18963 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Dante, sempre attuale
Redazione
Nel sentire collettivo odierno, parecchi dei vizi capitali non sono più considerati, né vissuti, come tali, ovverosia come frutto dell'eccesso, della subordinazione della ragione all'istinto. E' cambiata addirittura la stessa terminologia definitoria di certi vizi capitali: oggi l'accidia (tepidezza nel seguire il bene: "l'amor del bene, scemo/ del suo dover" Purg. c.XVII, vv.85-86) si chiama depressione; i peccati di gola sono considerati forme di relazione patologica nei confronti del cibo: è il caso della bulimia ( eccesso smodato di cibo ingurgitamento senza misura); o, viceversa della anoressia (rifiuto sconsiderato del cibo); l'ira (incapacità di autocontrollo) viene considerata, nei suoi eccessi, disagio psichico, e così via. E la lussuria? Essa non è considerata dalla morale comune come un peccato, quanto piuttosto come una libera disposizione alla sessualità.

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 02 marzo 2016 03:30:00 (878 letture)

(Leggi Tutto... | 2959 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La frattura epistemica nel sistema di Giovanni Gentile e la svolta filosofica del 1928. Il sentimento come categoria dello spirito
Redazione
I libri di testo liceali e universitari spesso tendono a confondere e sovrapporre le ricostruzioni quando non storicizzano adeguatamente ed anzi rappresentano in modo indistinto, unitario ed organico il pensiero di un autore che attraversa invece varie fasi, sviluppa diverse posizioni e le va via via revisionando e superando. dialetticamente. Anche le migliori e più documentate storie della filosofia, come per esempio quella classica di Nicola Abbagnano, non possono evitare di cadere nel solito vizio della continuità interna ad uno stesso pensatore per farne un modello chiaro e coerente. E Giovanni Gentile, che è un pensatore pieno di ripensamenti e autorevisioni, dev'essere sempre e in ogni luogo quel filosofo che porta risolutamente a compimento la tesi prospettata da Fichte nella Dottrina della scienza di una rigorosa e totale immanenza di ogni realtà nel pensiero pensante e di un pensiero "sciolto" nell'atto del soggetto trascendentale, cioè del pensiero prodotto dall'Io universale o infinito.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 18 febbraio 2016 04:30:00 (942 letture)

(Leggi Tutto... | 17812 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Ormai il capitalismo non ha più nulla con cui tacitare la protesta sociale
Opinioni
Karl Marx aveva intuito e teorizzato la globalizzazione capitalista oltre un secolo e mezzo fa. Oggi gli stessi economisti borghesi si sono rassegnati di fronte all'evidenza oggettiva e drammatica di un sistema economico che genera solo diseguaglianze crescenti tra ricchi e poveri nella popolazione. Non si tratta di un'anomalia, ma di una tendenza intrinseca e connaturata al capitalismo. Che piaccia o meno, poco importa. La realtà dimostra il fallimento di un assetto economico che rischia di condurre l'umanità verso la rovina e la catastrofe. La razione di miseria imposta ai popoli in Europa (i PIGS) non basterà ad arrestare la caduta di rendimento (del saggio di profitto) del capitale finanziario, per cui serviranno altre manovre finanziarie che spingeranno verso una condizione crescente di insopportabilità dei sacrifici imposti ai lavoratori. Ormai il capitalismo non ha più nulla con cui tacitare la protesta sociale. Anzi, per sopravvivere è costretto ad estorcere ricchezze in dosi sempre maggiori.

Lucio Garofalo
l.garofalo64@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 26 gennaio 2016 03:30:00 (1058 letture)

(Leggi Tutto... | 7584 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Noterella sui modi. I giovani e il congiuntivo
Redazione
L'uso del congiuntivo si è fatto sempre più raro nella pratica della quotidiana comunicazione verbale, addirittura scomparso nel linguaggio nudo e crudo facebookkiano! Ai giovani non piace codesto modo, forse perché Il congiuntivo vive fuori della grazia delle loro certezze, è meno franco e spiccio, e virile, del modo dell'indicativo. E' più sottile, più cerimonioso, raffinato, delicato, il congiuntivo, talora fin troppo da parere un modo della ipocrisia velata smancerosa e perbenista. Una cosa è certa: non ama l'urlo, i toni forti, il congiuntivo; è vero! E' problematico, possibilista, diplomatico; certo più adatto alle complicità, ai compromessi, che alle decisioni ineluttabili e irreversibili. Il congiuntivo è il modo del desiderio cortese, del timido supporre, del sussiego di chi non sa, e non vuole, imporre o comandare niente a nessuno!

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 17 dicembre 2015 03:30:00 (977 letture)

(Leggi Tutto... | 2716 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il partigiano acese Alfio Anastasi e la partecipazione del Sud alla guerra di liberazione. Per un necessario passaggio dalla memoria alla storia
Redazione
Ho sempre rifiutato la narrazione dello storico valdostano Federico Chabod di un Sud tagliato fuori dalla lotta di liberazione nazionale e sottoposto ai peggiori condizionamenti sociali e culturali perché su di esso non soffiava prepotente da nessuna direzione "il vento del Nord", quello che rappresentava il progresso economico, la modernità democratica e costituzionale ed il più autentico antifascismo, quello che si sarebbe fermato ai confini meridionali della Toscana. Nel regno del Sud la Resistenza taceva, secondo lo storico, perché era avvenuta troppo presto l'invasione anglo-americana della notte del 9-10 luglio 1943 e non vi potevano germogliare le condizioni ideali e materiali di una opposizione armata e disarmata contro i nazifascisti: "Questo è il regno del Sud. Qui non troviamo, non possiamo trovare la Resistenza. Si costituiscono, è vero, dei Comitati di liberazione nazionale, ma essi sono ben diversi da quelli delle altre regioni; qui i comitati si formano quando ormai non c'è più nessuna lotta da condurre. Quelli del Nord invece combattono per due anni, molti dei loro membri rischiano continuamente la vita, e parecchi infatti la perdono; le popolazioni sanno che fra loro c'è un gruppo di uomini cui spetta il durissimo compito di guidare la lotta.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 28 novembre 2015 01:00:00 (1032 letture)

(Leggi Tutto... | 11772 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Per la critica della docimologia
Redazione
La scuola esiste per trasmettere valori, saperi e competenze; la sua funzione costitutiva e intrascendibile è quella conoscitiva e l'insegnamento è il lavoro che se ne occupa e la rende operante presso le nuove generazioni. Protagonista indiscusso di questo processo di trasmissione è l'insegnante col suo bagaglio di esperienze e di saperi. Mediatore tra la cultura, le conoscenze del passato e del presente, e il bisogno e il dovere di apprendimento delle nuove generazioni. In questo spazio si costruiscono il suo ruolo e la sua legittimazione sociale. E' il sapere il punto d'origine del lavoro scolastico e tutto il resto è strumentale alla loro acquisizione. Le scienze cosiddette dell'educazione entrano in servizio per favorire e rendere efficace questo compito. Sono convocate per farci conoscere l'alunno e per offrire i mezzi più adeguati per consentire il successo dell'apprendimento. Sono scienze funzionali all'insegnamento e al diritto di formazione delle nuove generazioni.


prof. Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 12 novembre 2015 01:30:00 (1093 letture)

(Leggi Tutto... | 11952 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: 1914-1918. Il mondo va alla guerra
Redazione
Grande GuerraTutto il Novecento è "figlio" della Grande Guerra. Il mondo d'oggi è la conseguenza diretta della Prima Guerra Mondiale. E tutti i successivi conflitti, le ostilità, le contese, i massacri, le immane tragedie, gli odi, sono il frutto acerbo della Guerra del 15-18. Tutto nasce da lì, dalla Grande Guerra, che ha segnato in maniera indelebile il destino dell'Europa e del mondo intero. Ed è incomprensibile la storia dell'umanità senza conoscere a fondo le ragioni che hanno scatenato quel drammatico conflitto, e, soprattutto, l'evoluzione, la conduzione, gli sviluppi, la conclusione, il suo funesto epilogo, gli accordi di pace e il "Trattato di Londra" del 1919. Tutto ebbe inizio dal fango delle trincee, dal filo spinato, dagli infiniti e terribili giorni ad aspettare il nemico e ad aspettare la morte, dalle interminabili notti a "vegliare un compagno morto", dagli assalti alla baionetta, dal gas nervino, dalla carneficina delle battaglie di Verdun e di Somme, dalla disfatta di Caporetto, dalle acque del sacro Piave, dagli scontri nelle pietraie del Carso e dell'Isonzo, dalla gloriosa battaglia di Vittorio Veneto. E in questa guerra l'uomo ha dato veramente il peggio di sé, ...

Angelo Battiato
angelo.battiato@istruzione.it
Postato da Angelo Battiato Domenica, 08 novembre 2015 02:00:00 (1096 letture)

(Leggi Tutto... | 7712 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Andrea Giusti e il 'pessimismo radicale' nell’arte
Redazione
Andrea Giusti è nato a Massa e vive a Carrara, nel cuore del centro storico, dietro la graziosa piazzetta del Duomo di Sant'Andrea, là dove si radunano mensilmente gli "artisti del Borgo" e le artiste del circolo apuano "Artemisia" a vivere un intenso momento di comunicazione della loro vibrante vitalità culturale in una sorta di simposio platonico per celebrare la bellezza dell'arte ed il bene comune. Egli è però artista più riservato e se ne sta quasi appartato nella sua profonda meditazione che esprime soltanto con il segno e sulla tela, con rabbia e passione, con sofferenza e devozione, con violenza e spirito di compassione. L'Artista apuano si ispira certamente all'espressionismo astratto di Pollock, ma lo fa con molta moderazione e ponderazione e soprattutto con molto acume, e perciò tiene conto del fatto che il grande pittore americano ha aggiornato e variato la sua tecnica dello sgocciolamento integrandola e arricchendola con l'uso tradizionale del pennello ...

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 31 ottobre 2015 03:00:00 (886 letture)

(Leggi Tutto... | 9376 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Donatella Gabrielli e l’estetica della metamorfosi metafisica
Redazione
Si può prescindere nella pittura da ogni rappresentazione del finito? Evidentemente non è possibile, e Donatella Gabrielli, grande artista e ed efficacissima organizzatrice di gruppi culturali e di eventi artistici a Sarzana, a La Spezia ed a Massa Carrara, ci fornisce l'immagine insistita e raffinata di un "finito minimalista" che ottiene il massimo dell'espansione e che contiene l'infinità. Miracolo dell'arte e della capacità artistica! Miracolo della pienezza dei mezzi espressivi, creativi e percettivi, e della visione totale della realtà. Miracoloso è il fenomeno del piccolo che contiene il grande, anziché esserne contenuto. E non è davvero cosa di poco rilievo, poiché si tratta dell'avvenimento più straordinario che si possa immaginare il fatto che l'artista riesca a produrre una molteplicità di forme piccolissime, appena visibili, appena abbozzate, mediante una speciale azione cromatica, e ad ottenere con una magia tecnica una suggestiva metamorfosi all'interno delle stesse forme e nell'assoluta simultaneità dell'azione artistica che rende il finito un infinito.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 19 ottobre 2015 03:00:00 (819 letture)

(Leggi Tutto... | 8870 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Serena Stefani e l’arte come ricomposizione teologica dell’uomo
Redazione
Serena StefaniGiovane per età anagrafica ma solida e matura nella visione estetica, nella cultura e nelle realizzazioni tecniche, l'artista Serena Stefani vive in terra di confine tra Liguria e Toscana, a Santo Stefano Magra, che amministrativamente si trova in provincia di La Spezia in una striscia di territorio pianeggiante sulla sponda sinistra del fiume Magra, là dove la natura non ha potuto segnare una più larga e sicura demarcazione geografica. L'arte e la scienza però non hanno sedi deputate e così l'Artista che è nata a Sassuolo in Emilia, dopo aver girato in lungo e in largo per l'Italia con la famiglia per serie ragioni di lavoro del padre,operaio meccanico e lodato inventore, ha trovato casa e bottega in questa graziosa e raffinata cittadina e dei bravi maestri nell'Accademia di Belle Arti di Carrara, nella quale ha conseguito prima il diploma triennale con il massimo dei voti e poi la laurea magistrale nel biennio di specializzazione in pittura con il medesimo risultato.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 17 ottobre 2015 02:30:00 (809 letture)

(Leggi Tutto... | 6978 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Controvento. Un libro medicina e terapia per il tumore al seno
Redazione
Leggero, elegante, delicato, il primo romanzo di Rita Garofalo CONTROVENTO (Algra editore) racconta un'originale esperienza, che può diventare modello ed esempio sul come comportarsi quando si rimane coinvolti nel vortice di un tumore annunciato e s'imbocca il sentiero terapeutico. L'autrice, che è un medico, specialista in endocrinologia, psicologa e psicoterapeuta, narra dello smarrimento di una donna che scopre di avere un tumore al seno e che, anzicché pensare di combatterlo, lo accoglie come un "figlio indesiderato e maligno", ma soprattutto come un'opportunità per un cambiamento di vita. Il racconto appare come un "viaggio dell'anima" dove il tumore al seno diventa strumento per ripercorrere il passato, affrontare i fallimenti e le contraddizioni di una vita, per giungere infine alla guarigione del "cancro del seno e dal cancro dell'anima che lo ha generato".

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Venerdì, 16 ottobre 2015 01:00:00 (1090 letture)

(Leggi Tutto... | 5290 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La natura vivente di Patrizia Pianini. Il naturalismo neorinascimentale dell’artista carrarese
Redazione
L'arte non è un semplice esercizio ginnico per occupare le ore libere da altri impegni esistenziali più pressanti, ma un'attività molto seria che comporta fatica, concentrazione e studio. E l'artista carrarese Patrizia Pianini è un ottimo modello di ricercatrice e di sperimentatrice che dedica al lavoro artistico il suo tempo migliore, le sue energie più fresche e la sua spontaneità produttiva e creativa, quella più libera e autentica. Ella vuole realizzare la sua idea, frutto della sua cultura e della sua forte immaginazione, e vuole metterla subito sulla tela e poi si accorge che i suoi mezzi espressivi straordinari la costringono a mantenersi entro i confini della normalità intuitiva e comunicativa. Il suo amore profondo e quasi esclusivo per l'arte le fornisce emozioni e percezioni che vengono perciò mediate da una intelligenza pronta e capace di comporre l'opera con attenzione ed equilibrio, passando e ripassando attraverso uno studio paziente ed accurato ed una fantasia bene orientata sotto il profilo estetico.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 04 ottobre 2015 03:30:00 (1022 letture)

(Leggi Tutto... | 6525 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il sistema attualistico di Giovanni Gentile e la 'svolta' filosofica del 1928. Genesi dell’estetica gentiliana
Redazione
Giovanni GentileI libri di testo liceali e universitari a volte fanno dei brutti scherzi, quando rappresentano in modo unitario ed organico il pensiero di un autore che attraversa invece varie fasi, sviluppa diverse posizioni e le va via via revisionando e superando dialetticamente. Anche le migliori e più documentate storie della filosofia, come per esempio quella di Nicola Abbagnano, non possono evitare di cadere nel solito vizio della continuità interna ad uno stesso pensatore per farne un modello chiaro e coerente. E Giovanni Gentile, che è un pensatore pieno di ripensamenti e autorevisioni, dev'essere sempre e in ogni luogo quel filosofo che porta risolutamente a compimento la tesi prospettata da Fichte nella Dottrina della scienza di una rigorosa e totale immanenza di ogni realtà nel pensiero pensante e di un pensiero "sciolto" nell'atto del soggetto trascendentale, cioè dell'Io universale o infinito.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 26 settembre 2015 02:30:00 (1072 letture)

(Leggi Tutto... | 13852 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: A cinquant’anni dalla scomparsa del grecista Manara Valgimigli
Redazione
Manara ValgimigliCosimo Ceccuti, benemerito promotore della Fondazione Spadolini, ha fatto opera egregia e molto opportuna nel ricordare su La Nazione di venerdì 28 agosto a p. 30, con grande affetto, la figura di Manara Valgimigli a cinquant'anni dalla sua scomparsa a Vilminore di Scalve in provincia di Bergamo; ma nel delinearne la biografia ha ignorato la sua permanenza fondamentale a Massa come acuto studioso e pubblicista, brillante docente di latino e greco al Liceo Classico "Pellegrino Rossi" e attivo assessore alla Pubblica Istruzione nel Comune. Il "passaggio" massese di Valgimigli nel periodo 1913-1916 risulta purtroppo del tutto assente in Ceccuti e tuttavia è puntualmente documentato nel prezioso Registro dei verbali del Collegio dei Professori stilati dal 1911 al 1916, ininterrottamente, da Balbino Giuliano, docente di filosofia e futuro ministro dell'Educazione Nazionale dal 1929 al 1931. Tale registro è conservato nell'Archivio Storico del Liceo-Ginnasio "Pellegrino Rossi" e annota fedelmente nell'ottobre del 1913 l'arrivo di Manara Valgimigli, il grande filologo, storico e traduttore elegante di moltissime pagine di letteratura greca che adesso ha trentasette anni ed è nella pienezza delle sue energie intellettuali, nonostante la fatica dei continui trasferimenti per la Penisola ed il dolore per la morte della giovane moglie Sandrina (Alessandra Cantoni) il 9 luglio 1904.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 13 settembre 2015 02:30:00 (1539 letture)

(Leggi Tutto... | 8128 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: L‘estrema 'Professione di fede' di Giovanni Gentile. Una conferenza fiorentina del 1943
Redazione
Le storie della filosofia e le varie ricognizioni storiografiche degli studiosi si fermano solitamente agli anni Venti-Trenta del Novecento quando Giovanni Gentile (Castelvetrano, 1875-Firenze, 1944) assume un atteggiamento ostile al Concordato tra Stato e Chiesa e contesta in particolare la solenne dichiarazione concordataria di una religione cattolica che deve stare a fondamento e coronamento dell'istruzione, poiché ritiene che una tale affermazione non solo fornisce un primato anacronistico alla Chiesa cattolica, ma propone pure un tipo di educazione incompleta e parziale, privata cioè della sua migliore qualità altamente critica e profondamente creativa e ricettiva del divino. La totalità educativa, secondo il Filosofo idealista, non può che essere conquistata e determinata dalla criticità e dalla libertà dello spirito come coronamento e completamento dello sviluppo educativo, giacché solo così la formazione umana può ottenere la sua più autentica realizzazione laica e la sua vera sintesi. Il Filosofo siciliano ritiene inoltre di aver dato tutto lo spazio possibile alla religione cattolica nella scuola italiana con la riforma ordinamentale e contenutistica del 1923 e con l'inserimento della stessa religione nell'insegnamento elementare. Adesso si tratta invece di un eccesso medievale insopportabile, nella moderna civiltà, grazie al quale la definizione concordataria è troppo rigida nell'affermazione decisa del principio religioso in stretto collegamento con la Chiesa cattolica ...

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 24 agosto 2015 01:30:00 (1283 letture)

(Leggi Tutto... | 18062 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Luigi Capuana e l’esoterismo di casa nostra
Redazione
Luigi CapuanaL'altra mattina, conversando con un amico, all'angolo d'un bar, mi ha "confidato" candidamente che la sera prima, a casa sua, aveva organizzato un festino, e dopo aver consumato la cena e chiacchierato allegramente, i convitati avevano "inscenato" una seduta spiritica, come quella vista nei film horror, dove attorno ad un piccolo tavolo ovale, un uomo, nei panni di "medium", diceva di comunicare ... con gli spiriti dei defunti! Forse al giorno d'oggi, presi da mille problemi e difficoltà, da continue crisi e tante preoccupazioni, non abbiamo neppure il tempo di pensare (figuriamoci di credere!) al mistero, agli spiriti, all'esoterismo, al lato oscuro delle cose! Ma c'è stato un tempo, un'epoca assai lontana, tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento, dove lo spiritismo e l'esoterismo venivano "vissuti" con naturalezza, soprattutto da nobili e intellettuali, che si rifugiavano nei misteri dell'occulto per cercare e scoprire nuove realtà, dopo aver "sedimentato" e metabolizzato il pensiero positivista delle "magnifiche sorti e progressive", dove la ragione e la scienza non riuscivano più a dare delle risposte esaurienti alle loro tante domande.

Angelo Battiato
angelo.battiato@istruzione.it
Postato da Angelo Battiato Domenica, 26 luglio 2015 02:00:00 (2046 letture)

(Leggi Tutto... | 6030 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Lucia Della Scala e l’ontologia dell’atto estetico
Redazione
Lucia Della Scala è nata a La Spezia e vive e lavora in Toscana, nella terra che s’intreccia in profondità con la Liguria meridionale, e lì produce le sue opere, nella Lunigiana storica,  dove il fiume Magra riceve da est il Taverone e da ovest il Vara e si appresta a circumnavigare con tutta la sua ricchezza e  bellezza il sacro Monte Marcello reso celebre dalla presenza nel secondo dopoguerra dei più noti letterati italiani, da Elio Vittorini a Mario Soldati, da Salvatore Quasimodo a Carlo Bo, ecc. L’artista ha potuto in quei luoghi e all’Accademia di Belle Arti di Carrara perfezionare le sue tecniche e riscoprire la reale natura del suo impegno, che è un vero approfondimento filologico e teologico prima che tecnico e artistico, e disvelare a se stessa la valenza prioritaria della sua attività intenzionalmente rivolta alla sacralità dell’immagine in quanto essa è anzitutto atto religioso, l’erede delle “cose divine”,  l’annunciatrice dell’immortalità,come profetizza Filone di Alessandria  e conferma in seguito  tutto il movimento neoplatonico, a partire da Plotino.

prof. Salvatore Ragonesi
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 13 luglio 2015 01:30:00 (1359 letture)

(Leggi Tutto... | 10930 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Pasolini una testimonianza scomoda, ancora attuale
Redazione
Ci sono scrittori la cui opera con lo scorrere del tempo perde lo smalto, s'annebbia, per così dire, e avvitandosi su se stessa, non riesce più a forare e a interessare il cuore e la mente di nuovi e più esigenti lettori. Non è, certo, questo il caso di P.P. Pasolini. A cinquant'anni dalla sua morte la sua opera scrittoria, in particolare quella del giornalista, - osservatore acuto, polemista critico, comunista militante dissidente e disorganico, - si rivela - oggi più che mai - di una attualità inquietante e struggente. Ci colpiscono ancora l'amara profondità profetica di alcune delle sue analisi sociologiche, nonché le considerazioni etico - politiche svolte con "passione e ideologia" in ordine alle condizioni reali e ai cambiamenti "antropologici" indotti dal "progresso borghese", - a suo giudizio devastanti, - riguardanti l'Italia del dopoguerra: dagli anni '50, fino al '75, anno della tragica morte del Nostro.

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Sabato, 27 giugno 2015 01:00:00 (1615 letture)

(Leggi Tutto... | 4412 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Torna parrinu e ciuscia...!!!
Recensioni
Torna parrinu e ciusciaÈ un libro che è costato oltre un decennio di lavoro ed in cui sono elencati ben 266 detti siciliani descritti in dettaglio con precisione da filologo e riferi- menti alle origini ed ai vari significati. Secondo la definizione trascritta nella quarta di copertina: "Questo libro si prefigge l'obiettivo di illustrare l'origine di certe espressioni verbali di cui è particolarmente ricca la nostra lingua di Sicilia. Una selezione di locuzioni verbali, ... , con relative ascendenze." tratta dalla presentazione dello stesso autore. Chi non ha ancora superato i sessant'anni avrà difficoltà a credere che negli anni '40 e forse fino alla prima metà dei successivi anni '50 del XX secolo, tutti i discorsi di noi siciliani erano sempre infiocchettati da proverbi e modi di dire tipici del nostro dialetto. Quand'ero bambino non avevo molta voglia di studiare: ne fui poi folgorato nell'adolescenza. Durante la guerra mia madre aveva incontrato per caso una sua antica compagna di scuola che era venuta ad abitare a pochi metri da casa nostra e la sera ...
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 06 giugno 2015 01:30:00 (2923 letture)

(Leggi Tutto... | 4204 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Se l’Università deve insegnare la grammatica ai futuri giuristi
Rassegna stampa
Emergenza della lingua italianaCi voleva un dipartimento universitario di giurisprudenza per fare esplodere l’urgenza di rimediare all’impreparazione linguistica dei ragazzi appena usciti dalle scuole. A Pisa un’insegnante di diritto, Eleonora Sirsi, in collaborazione con il linguista ed ex presidente della Crusca Francesco Sabatini, ha rotto gli indugi, stanca di leggere le tesi scorrette dei suoi allievi. Non imprecise o lacunose sul piano concettuale, ma deficitarie sul piano della lingua italiana. Anacoluti, distorsioni, pleonasmi, reggenze sbagliate, sviste lessicali, incapacità di usare la punteggiatura. Per non dire del deficit grammaticale e sintattico che emerge dai concorsi pubblici. Un disastro.

Il Corriere Della Sera
Postato da Redazione Giovedì, 04 giugno 2015 00:30:00 (1693 letture)

(Leggi Tutto... | 3090 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Pirandello, poeta della disarmonia
Redazione
"Io penso che la vita è una molto triste buffoneria, poiché abbiamo in noi, senza poter sapere né come né perché né da chi, la necessità di ingannare di continuo noi stessi con la spontanea creazione di una realtà (una per ciascuno e non mai la stessa per tutti) la quale di tratto in tratto si scopre vana e illusoria.
Chi ha capito il giuoco, non riesce più a ingannarsi; ma chi non riesce più ad ingannarsi non può più prendere né gusto né piacere alla vita. Così è. La mia arte è piena di compassione amara per tutti quelli che si ingannano; ma questa compassione non può non essere seguita dalla feroce irrisione del destino, che condanna l'uomo all'inganno. Questa, in succinto, la ragione dell'amarezza della mia arte, e anche della mia vita". ( Lettera autobiografica, stesa da P. nel 1912 per fornire alcune notizie sulla propria vita).
Pirandello sentì sempre dentro di sé, quasi come consustanziale al proprio essere, la disarmonia; la poetica dell'umorismo ..

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 14 maggio 2015 01:30:00 (1617 letture)

(Leggi Tutto... | 8973 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La 'Storia d’Italia' del filosofo triestino Carlo Antoni. Un saggio storico di drammatica attualità che introduce utilmente la riflessione sulla Resistenza e l’Italia contemporanea
Redazione
Le Edizioni di Storia e Letteratura di Roma hanno compiuto un autentico miracolo divulgativo con la ristampa nell'elegante collana "Civitas" di un saggio misconosciuto del filosofo triestino Carlo Antoni titolato Della storia d'Italia e scritto e diffuso clandestinamente nel novembre del 1943 come primo numero dei "Quaderni del movimento liberale italiano" e riproposto in verità con poca fortuna dall'Editore Colombo di Roma nel 1947, assieme ad altri due saggi, con il titolo generico Tre scritti storici. La prima pubblicazione, è forse opportuno precisarlo, risale al clima drammatico dominato dall'8 Settembre e dall'armistizio di Badoglio pieno di ambiguità e di gravissime conseguenze per i soldati italiani in Italia e fuori d'Italia e per le popolazioni civili, da sud a nord. Io ne riparlo adesso nell'attuale clima celebrativo, perché mi sembra giusto presentare e commentare il giudizio storiografico di un filosofo non mediocre sugli avvenimenti e sugli uomini che concorrono a costruire il nuovo edificio democratico italiano, E sui vizi italici più che sulle virtù italiche. Io mi sono occupato del saggio antoniano a più riprese, quando il libro era un oggetto misterioso per molti, e ne ho lasciato segni ben visibili sulla rivista bresciana Nuova Secondaria, n.10, anno XII, 15 giugno 1995, pp.73-74, con un articolo di analisi critica titolato Della storia d'Italia. Un saggio di Carlo Antoni, e su altre riviste e giornali. In questa nuova edizione promossa da Storia e Letteratura si trova l'Introduzione, assai penetrante e circostanziata, dello storico Giuseppe Galasso.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 26 aprile 2015 08:30:00 (1662 letture)

(Leggi Tutto... | 19732 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Un omaggio a Dante pensando ai miei studenti. Il 'vital nodrimento' di Dante, a 750 anni dalla sua nascita
Redazione
" [...]
e s'io al vero son timido amico,
temo di perder viver tra coloro
che questo tempo chiameranno antico". (Par. XVII, vv. 118-119)
Dante Alighieri, uomo e poeta di forte coscienza morale, sentì sempre vivo il legame con la posterità in funzione proprio della responsabilità della sua missione di intellettuale impegnato in un viaggio di verità e di giustizia, oltre che di redenzione. L'esercizio della conoscenza e della verità, fu, infatti, il primo dovere avvertito come imprescindibile dal suo stesso essere un intellettuale. A 750 anni dalla sua nascita, ancora oggi la sua opera si rivela per noi piena di "vital nodrimento", e mantiene intatta la sua attualità, nel reclamare con forza che compito precipuo di un intellettuale non è solo quello di esprimere opinioni in materia di morale o di ideologia, ma è qualcosa di più, qualcosa che finisce per scontrarsi sempre, inevitabilmente, con l'arroganza del potere, le sue bugie, le sue perversioni, le sue ipocrisie e le sue forme di coercizione. La parola dell'intellettuale (e cattolico, per giunta!), se vuole essere credibile, non può che essere di disgusto e di denuncia ..

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 22 aprile 2015 08:00:00 (1925 letture)

(Leggi Tutto... | 3842 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La scienza e la filosofia
Redazione
La filosofia è nata quando si è cominciato a cercare di capire il mondo ,la sua origine,la realtà e il significato delle cose. La ricerca che ne è derivata è stata nello stesso tempo fisica e metafisica; è stata sperimentale e filosofica. Cruciale diventa subito la questione di stabilire lo statuto epistemologico di ciò che appare e quello di ciò che si comincia a ritenere che veramente sia. In questa ricerca il mondo comincia subito a dividersi tra ciò che appare e ciò che è e il pensiero dell'uomo tra doxa ed episteme. Il dibattito serrato su questo problema ad un certo punto si conclude con l'affermazione della superiorità del discorso razionale, per la capacità di dire veramente ciò che è a prova di confutazione.

prof. Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 22 aprile 2015 07:30:00 (1479 letture)

(Leggi Tutto... | 3973 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: La città e il suo storico. Bronte e Benedetto Radice
Redazione
Interpretare il territorio e riscrivere la sua storia. Questo il filo rosso che ha legato gli interventi di letterati, storici, archeologi e urbanisti convenuti a Bronte presso l'Istituto superiore "Benedetto Radice" che, con una due giorni di studi (10 e 11 aprile), ha voluto ricordare i 160 anni dalla nascita dell'illustre uomo di cultura a cui è intitolata la scuola. "La città e il suo storico. Bronte e Benedetto Radice" ha - di fatto - avuto il merito di far rispolverare una cospicua letteratura, in parte conosciuta solo da cultori e specialisti, e metterla in relazione con fonti archivistiche e nuove acquisizioni documentali. Ad aprire i lavori Maria Pia Calanna, dirigente dell'Istituto, che ha evidenziato come il convegno sia il punto di approdo del percorso didattico - educativo, condotto all'interno dell' istituzione, nell'anno scolastico 2014/15 sulla figura e l'opera di Radice. Maria De Luca, assessore comunale alla cultura, assicurando il suo impegno per la pubblicazione degli atti, ha rivolto parole di compiacimento e gratitudine agli organizzatori.

placidoantonios@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 20 aprile 2015 08:00:00 (1306 letture)

(Leggi Tutto... | 6207 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Dina Viglianisi pittrice della luce con il Club Unesco per la Giornata del libro
Redazione
Sabato 18 aprile, alle ore 18.00, presso i nostri locali, verrà inaugurata la mostra "Zodiaco, Tarocchi, Angeli, Ex Libris" di Dina Viglianisi che ospiteremo sino a fine mese. L'iniziativa, organizzata dal Club UNESCO di Enna, rientra nell'ambito dei progetti culturali promossi in occasione della Giornata Mondiale del Libro che si terrà il prossimo 23 aprile. Dina Viglianisi nata a Catania, disegna dall’età di tre anni. Compiuti gli studi artistici presso l’Istituto d’Arte di Catania, dal 1969 al 1972 ha partecipato ai Corsi Internazionali di Tecniche dell’Incisione presso l’Istituto Statale d’Arte di Urbino con i maestri Renato Bruscaglia, Carlo Ceci, Pietro Sanchini. Titolare di cattedra di Discipline Artistiche sino al 1994, dal 2003 al 2012 ha insegnato "Disegno e Tecniche Pittoriche" all'Accademia di Belle Arti e Restauro "Abadir" di S. A. Li Battiati - Catania.

Libreria Romeo Prampolini
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 18 aprile 2015 10:00:00 (1609 letture)

(Leggi Tutto... | 4029 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Giampaolo Pansa, la casta storiografica e la Resistenza negata e ritrovata
Redazione
Giampaolo Pansa ha davvero indovinato sia il titolo che il bersaglio del suo libro più eloquente edito da Sperling e  Kupfer nel 2007, giacché i “Gendarmi della Memoria” (questo è il titolo del libro) sono personaggi reali che abbiamo visto (e vediamo) all’opera, indefessi e accesi difensori dell’ordine costituito del discorso resistenziale. Dalle loro sedi universitarie e dagli istituti storici della Resistenza o più semplicemente dai centri direzionali e promozionali dell’Anpi, costoro hanno ostacolato la libera ricerca, gravemente condizionato gli studi  e provocato una pericolosa e mortificante mitizzazione degli avvenimenti storici e di taluni soggetti provocatoriamente esposti alla celebrazione. Se qualche autore di rilievo ha potuto eludere in parte la loro sorveglianza, ciò è avvenuto semplicemente perché non è stato ben compreso il contenuto del lavoro, com’è accaduto a Claudio Pavone con il suo saggio “Una guerra civile” e ad altri studiosi  e ricercatori di storia contemporanea che hanno spinto il loro sguardo fino ad intravedere un sostrato finora rimasto invisibile. E sono venute fuori le belle pagine sui resistenti meridionali al nazifascismo o quelle meno belle sui traditori della Resistenza trasformati improvvidamente in eroi.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 15 aprile 2015 08:00:00 (1454 letture)

(Leggi Tutto... | 16336 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Riflessi per Enzo Randazzo
Redazione
Riflessi, libreria virtuale di Poeti e Poesia, ha selezionato e pubblicato le poesie di Enzo Randazzo. Poeti e Poesia, la storica rivista letteraria, nell’attuale momento culturale, continua a dedicare sempre più spazio alla poesia e ne valorizza la diffusione, cercando di diventare un vero e proprio punto di riferimento a livello nazionale per tutti coloro che si sentono investiti da questa passione. Scopo principale di Poeti e Poesia è quello di scavare nei cassetti degli autori e portare alla luce la poesia contemporanea. Nell’ambito di questo progetto, la rivista ha selezionato 9 poesie dello scrittore Enzo Randazzo che è entrato a fare parte di una libreria virtuale: il lettore può non solo leggere i testi ma avvalersi di una audio che propone una magistrale lettura interpretata.

Gisella Mondino
Postato da Giuseppe Adernò Venerdì, 10 aprile 2015 08:30:00 (1352 letture)

(Leggi Tutto... | 4445 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il volto libertario del marxismo. Marxismo e giusnaturalismo
Redazione
Su queste pagine più volte ho sfiorato il tema del marxismo e della varietà delle sue possibili interpretazioni. In Gramsci, per esempio, esso mi si è presentato sotto la forma dello storicismo assoluto e della teoria egemonica della politica e della cultura alla maniera crociana, mentre in Engels esso mi è apparso sotto l'aspetto del materialismo positivista e pragmatico, in Antonio Labriola sotto quello della filosofia della storia e in Ernst Bloch nella forma della filosofia della speranza e del socialismo utopico, che si trasforma in teologia umanistica e libertaria. La sollecitazione a toccare questo aspetto libertario mi è venuta dal ricordo della mia stessa esperienza giovanile e di quella dei tanti giovani pieni di entusiasmo e di passione politica che al primo impatto con il pensiero marxiano ne avvertono spesso le forti vibrazioni giusnaturalistiche fatte di libertà, uguaglianza, giustizia e umana dignità e respingono quasi istintivamente tutte le altre emozioni e percezioni e specialmente quelle coinvolgenti più direttamente la prassi agonistica da cui si era generata la rivoluzione bolscevica carica dei duri corollari del ferro e del fuoco e delle connesse ferite inferte dalla dittatura del proletariato e del partito.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 29 marzo 2015 08:00:00 (1706 letture)

(Leggi Tutto... | 22488 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il marxismo di Antonio Gramsci come storicismo 'assoluto'. Per una rilettura critica dei 'Quaderni del carcere'
Redazione
L'articolo "Gramsci il totalitario" del sociologo Alessandro Orsini sembrava aver travolto d'un colpo l'idea che avevamo faticosamente acquisito in epoca difficile di un Gramsci in carcere democratico e liberale, per nulla intimidito nel voler seguire le orme dello storicismo crociano. Ma quello di Orsini era soltanto un ulteriore e maldestro tentativo di rappresentare il comunista sardo con il metodo più semplice e disinvolto che era (ed è) è quello di prendere alcune espressioni, di isolarle e di costruirvi una narrazione di comodo e quindi di trasformare Gramsci in un teorizzatore e predicatore dell'intolleranza:"Il mio libro,frutto di un lavoro di scavo durato un decennio, contiene un'ampia documentazione a sostegno della tesi che Gramsci fu un teorico della pedagogia dell'intolleranza" (A. Orsini "Gramsci il totalitario", sul settimanale "Sette" del 26 aprile 2012, p.67).

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 22 marzo 2015 07:45:00 (2069 letture)

(Leggi Tutto... | 20270 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il 18 marzo 1983 si spegneva in esilio s.m. il re Umberto II
Redazione
Umberto, nato a Racconigi il 15 settembre 1904, ter- zogenito di Vittorio Emanuele III ed Elena di Savoia, ricevette una severa educazione militare, unita a complessi studi umanistici e giuridici. Presente pur giovinetto sui campi di battaglia della Grande Guerra assieme al padre, perfezionò la sua formazione con numerosi viaggi in Europa: fu il primo Principe italiano a recarsi in Argentina e Cile, salutato entusiasticamente dalla folta colonia nazionale lì stanziatasi fra '800 e '900. Nel 1930 si univa in matrimonio con Maria Josè del Belgio: dalle nozze nascevano nel 1934 S.A.R. la Principessa Maria Pia, nel 1937 S.A.R. il Principe Vittorio Emanuele, nostro Gran Maestro, nel 1940 S.A.R. la Principessa Maria Gabriella e nel 1943 S.A.R. la Principessa Maria Beatrice. L'assunzione di sempre maggiori responsabilità istituzionali e militari si cumulò a un intenso impegno in ambito culturale e filantropico, che fece di Umberto, assieme alla consorte, un punto di riferimento per tutto il popolo italiano.

Ordini dinastici della real casa di Savoia
Delegazione di Sicilia - Vicariato di Siracusa
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 22 marzo 2015 06:30:00 (1660 letture)

(Leggi Tutto... | 4710 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Umanistiche: Un Omaggio a Mario Luzi nel decimo anniversario della sua scomparsa
Redazione
Questo pensiero lo dedichiamo alla cara memoria di Mario Luzi, com'è doveroso e giusto a conferma della nostra lunga e inossidabile amicizia. Noi non lo possiamo cancellare dalla nostra memoria, poiché lui fa parte della nostra stessa vicenda umana, morale e intellettuale. Noi lo proponemmo per la cittadinanza onoraria a Massa e l'avrebbe ricevuta se non si fosse verificata la sua scomparsa, il 28 febbraio 2005. A Massa egli si sentiva di casa, e aveva molti amici, e chiedeva di loro, ed era impaziente nel ricevere notizie rassicuranti sul loro conto. La sua scomparsa ci colse di sorpresa e ci lasciò sgomenti. Mario Luzi fa parte della storia dei nostri incontri culturali, dei nostri corsi di aggiornamento, della nostra stessa vicenda esistenziale ed intellettuale, essendo stato docente al Liceo Classico "Pellegrino Rossi" di Massa in tempi lontani e protagonista e animatore della cultura massese.

prof. Nicola Costantino
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 15 marzo 2015 09:00:00 (1782 letture)

(Leggi Tutto... | 5376 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Secondo incontro del progetto 'ClassicaMente Noi: per una memoria della cultura, per una cultura della memoria'
Istituzioni Scolastiche
Venerdì 27 febbraio, alle ore 17.00, presso la Biblioteca Comunale (Sala del Palmento) di Massannunziata (CT), si terrà il secondo incontro delle attività del progetto "ClassicaMente Noi: per una memoria della cultura, per una cultura della memoria", organizzato e coordinato dal prof. Nicola Basile del Liceo "C. Marchesi" di Mascalucia, Delegazione del "Centrum Latinitatis Europae" per la Sicilia orientale.

prof. Nicola Basile
basnico@hotmail.it
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 25 febbraio 2015 09:00:00 (1669 letture)

(Leggi Tutto... | 2701 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Gentile (e Croce), non hanno mai osteggiato la cultura scientifica
Redazione
Penso che sia finito da tempo oramai quel modo di pensare - sbagliato - che non ci potesse essere dialogo fra le discipline umanistiche e le scienze esatte; e che sia stata solo leggenda metropolitana quella che volle addebitare al duopolio egemonico culturale Croce - Gentile la responsabilità di un tale divorzio fra scienza e filosofia. In realtà, nel nostro Paese la ricerca scientifica conobbe un periodo esaltante (si pensi ai risultati ottenuti da Camillo Golgi e Guglielmo Marconi, da Vito Volterra e Ulisse Dini, e a nomi come quelli di Ugo Amaldi, Guido Castelnuovo, Enrico Fermi ecc. ecc. ), proprio quando i filosofi neoidealisti sembravano dispiegare la loro maggiore influenza. Nessuno dei due grandi pensatori negò mai l'importanza della scienza, al contrario: ne sottolinearono con convinzione la utilità della funzione, necessaria al progresso dell'umanità.

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Martedì, 24 febbraio 2015 08:00:00 (2125 letture)

(Leggi Tutto... | 3651 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: L’attualismo personalista di Enrica Carpita. L’allieva prediletta di Giovanni Gentile ne revisiona il pensiero
Redazione
Dalla semplice biografia alla storia della filosofia: questo è il percorso che mi propongo di compiere riflettendo sulla figura di Enrica Carpita, l'allieva prediletta di Giovanni Gentile a Pisa, che dimostra sempre affetto e gratitudine verso il suo Maestro, ma che ne revisiona il pensiero. Per la costruzione di questo percorso non ho potuto attingere ad inesistenti studi precedenti e pertanto ho utilizzato solo documenti di prima mano rintracciati nell'archivio storico del Liceo Classico "Pellegrino Rossi" e nella Biblioteca Civica "Stefano Giampaoli" di Massa. Avverto inoltre che lo scritto non ha un carattere municipalistico e corporativo, in quanto il personaggio in esame e la prospettiva critica assunta rivestono un valore non-localistico e, a parer mio, rientrano a pieno titolo nella tematica della filosofia italiana.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 23 febbraio 2015 08:00:00 (2291 letture)

(Leggi Tutto... | 24849 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Leonardo Sciascia al Liceo Scientifico 'Galileo Galilei' di Catania
Redazione
Leonardo Sciascia al Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di CataniaAccade, in letteratura. Accade che un autore di cui siamo convinti di conoscere tutto per avere frequentato più e più volte vita e opere, esternazioni e tracciati critici, finisca ancora per sorprenderci complice l’inedita immagine fornita da chi  gli è stato accanto e si mostra disponibile a condividere la felicità della sua condizione privilegiata. E’ quanto accaduto con Leonardo Sciascia al Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Catania, ospite d’eccezione la figlia minore dello scrittore, Anna Maria.
Il Liceo catanese ha quest’anno accolto l’invito del MIUR a sottrarre arte e letteratura alla dittatura culturale dei format di vario tipo e lo ha fatto attivando un percorso che è sinonimo di impegno e partecipazione. Se il programma nazionale collegato all’annuale incontro del “Maggio dei Libri” propone sotto l’etichetta “Libriamoci” un’attenzione più particolare all’atto del leggere e del liberarsi  dai lacci  e lacciuoli del quotidiano, quanto messo in campo dal liceo catanese vuole essere un momento in più di analisi e di riflessione, di condivisione e di proposizione.

Gabriella Congiu
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 22 febbraio 2015 08:30:00 (2689 letture)

(Leggi Tutto... | 7467 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Mario Luzi e la poetica del realismo metafisico. Una pagina poco nota di storia della letteratura italiana
Redazione
Mario Luzi e Salvatore RagonesiMario Luzi (Firenze, 20 ottobre 1914 - Firenze 28 febbraio 2005) venne più volte al Liceo Classico "Pellegrino Rossi" di Massa, nel quale aveva insegnato all'inizio della sua carriera professionale ed al quale era rimasto fortemente legato, come gli capitava del resto per i luoghi cari alla sua memoria formidabile. E non negava mai la sua presenza quando lo invitavamo a discutere di letteratura e della genesi e dello sviluppo della sua poesia o della natura della sua prassi letteraria, nei corsi di aggiornamento che si organizzavano per insegnanti delle scuole medie superiori. Ed egli proponeva la presenza di Carlo Bo, il grande critico letterario, Rettore dell'Università di Urbino e Autore dei famosi Otto studi del 1940, per aiutarlo ad approfondire e allargare le riflessioni sui vari aspetti della vita letteraria europea del Novecento.
Eravamo diventati amici con Mario Luzi, ed a Massa egli aveva tanti ammiratori e sostenitori ...
prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 12 febbraio 2015 08:00:00 (2208 letture)

(Leggi Tutto... | 16205 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Errando discitur, ovvero: quando un motto si fa principio pedagogico, al liceo 'Concetto Marchesi' di Mascalucia
Redazione
Il Liceo "Concetto Marchesi" di Mascalucia (CT), Delegazione del Centrum Latinitatis Europae (CLE) per la Sicilia orientale, in collaborazione con il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell'Università degli Studi di Messina, giorno 30 gennaio ha dato avvio al secondo ciclo di conferenze nell'ambito del Progetto dal titolo ClassicaMente Noi: per una memoria della cultura, per una cultura della memoria, organizzato dal prof. Nicola Basile, (Liceo "Concetto Marchesi" - Mascalucia). L'incontro, il primo di quattro appuntamenti che hanno per tema "il ruolo dell'errore nel processo di insegnamento-apprendimento", si è svolto, alle ore 17.00, nella suggestiva cornice di Villa Buscemi "Villa Buscemi -Sala Palmento" (Delegazione e Biblioteca comunale) di Mascalucia di fronte a un folto e attento pubblico di docenti, studenti e genitori, e con la partecipazione del Sindaco di Mascalucia, Giovanni Leonardi.

Nuccio Palumbo
antonino11palumbo@gmail.com
Postato da Nuccio Palumbo Martedì, 03 febbraio 2015 08:15:00 (2933 letture)

(Leggi Tutto... | 5552 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Balbino Giuliano e Manara Valgimigli nel Liceo Classico di Massa. Una pagina sconosciuta di storia della scuola nazionale
Redazione
Manara Valgimigli e Balbino GiulianoVi sono dei tempi e degli uomini che contrassegnano talvolta vicende istituzionali, culturali e politiche di lunga durata e che scandiscono i ritmi profondi della storicità. In tale prospettiva si colloca senza alcun dubbio il passaggio dal Liceo Classico "Pellegrino Rossi" di Massa di taluni personaggi che sono organicamente collegati non solo alla storia di questa Scuola e della comunità locale, ma anche alla vita della scuola nazionale ed agli avvenimenti politici e culturali della società italiana. Tra costoro si trovano certamente, oltre a Giovanni Pascoli ed Enrica Carpita, Balbino Giuliano e Manara Valgimigli che più e meglio di altri uomini di scuola realizzano pienamente la loro intrinseca vocazione pedagogica e teoretica sia nella loro attività di docenti che nell'intenso lavoro di ricerca filologica, storiografica e filosofica.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 01 febbraio 2015 07:45:00 (3022 letture)

(Leggi Tutto... | 21983 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Garibaldi in Sicilia
Redazione
Sarà presentato a Giarre giorno 26 gennaio 2015 , alle ore 17:00,  nella sala  "Rosario Romeo" del Palazzo delle Culture, il volume di Luigi Gabriele Frudà, "Garibaldi in Sicilia",  Ed. Gangemi, Roma, 2014.  Dopo i saluti dell'Assessore alla Cultura, prof. Antonino Raciti, introdurrà il Prof. Nicolò Mineo e seguiranno le relazioni del Prof. Girolamo Barletta e dello stesso autore.  L'incontro è organizzato dalla Società giarrese di storia patria e cultura e dall'Associazione culturale Agorà. Luigi Gabriele Frudà, nato a Linguaglossa, è professore ordinario di Metodologia e della Ricerca Sociale presso la Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione del'Università "Sapienza" di Roma.

prof. Carmelo Torrisi
Postato da Carmelo Torrisi Domenica, 25 gennaio 2015 09:31:50 (2376 letture)

(Leggi Tutto... | 3483 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Mario Gori, il poeta niscemese del 'Garofano rosso'
Redazione
Mario GoriTempo fa con amici, non ricordo più se per diletto o pietà, son giunto sin nel lontano e sperduto cimitero di Niscemi, e su una tomba, schiva e solitaria, lessi un'epigrafe: "Di noi non resteranno che parole", e un nome: Mario Gori, nato a Niscemi il 16 settembre 1926 - morto a Catania il 5 dicembre 1970. Mario Gori, per l'anagrafe Mario Di Pasquale, figlio di Salvatore e Maria Arca, è stato un importante poeta, scrittore e intellettuale siciliano. Sin da giovinetto si è nutrito di letture e poesie, addirittura alcuni suoi professori sostennero che all'esame di maturità classica avesse svolto il tema di italiano in versi. Dopo aver terminate le scuole elementari e conseguita la maturità nel celebre Liceo Classico "Secusio" di Caltagirone a pieni voti, nel 1945 si iscrisse alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Catania prima e in quella di Pisa dopo, ma non frequentò le lezioni perché si dedicò esclusivamente alla poesia e all'attività letteraria.

Angelo Battiato
angelo.battiato@istruzione.it
Postato da Angelo Battiato Domenica, 25 gennaio 2015 08:00:00 (3718 letture)

(Leggi Tutto... | 5604 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Tra storiografia resistenziale e memorialistica autoreferenziale. Il caso esemplare del partigiano calabrese Dante Castellucci, detto Facio
Redazione
Sul partigiano calabrese Dante Castellucci, detto Facio, nato a Sant'Agata di Esaro in provincia di Cosenza il 6 agosto 1920 e ucciso proditoriamente dai suoi stessi compagni di lotta (meglio chiamarli subito "traditori"), ad Adelano di Zeri in provincia di Apuania (oggi Massa-Carrara) la sera del 21 luglio 1944, non sono mancate nel corso degli anni le ricostruzioni biografiche e le interpretazioni della sua morte da parte di alcuni studiosi e cronisti locali e nazionali con esiti diseguali e non sempre soddisfacenti. La mia rievocazione si aggiunge adesso alle altre, anche se del caso mi ero occupato già in tempi non sospetti, quando non si poteva ancora parlare di "assassinio" e di "tradimento"; e non ho mai avuto difficoltà ad evidenziare la verità di quel fatto increscioso e clamoroso, un tragico incidente nella storia travagliata e non sempre lineare della Resistenza italiana. Solo il saggio di Carlo Spartaco Capogreco, Il piombo e l'argento, edito da Donzelli nel 2007, è un pregevole testo di storiografia e una dignitosa ricostruzione storica che fa vera luce sul caso perché mette opportunamente in campo tutte le risorse critiche e tutte le testimonianze possibili, ...

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 19 gennaio 2015 08:00:00 (3034 letture)

(Leggi Tutto... | 15124 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: 'Fine dell’adolescenza': un romanzo ritrovato di Mario Grasso
Redazione
L'ho ricevuto personalmente dall'Autore con una breve e graziosa dedica e me lo sono conservato tanto gelosamente che non l'ho più rivisto, come capita spesso per le cose più importanti della nostra esistenza. Fino al giorno in cui ho dovuto sistemare le mie carte e ho ripescato gli antichi oggetti della mia esperienza umana e intellettuale, tra i quali, appunto, il pregevole romanzo di Mario Grasso "Fine dell'adolescenza" pubblicato a Catania nel febbraio 1992. Una rilettura del romanzo mi fornisce una nuova visione della vicenda che si svolge tutta sul trenino della Circum-Etnea tra Catania e Bronte, là dove insegna il protagonista, e che solo in apparenza sembra una storia d'amore platonico tra il professore e la sua collega, mentre in effetti è l'incompiuta storia della nostra esistenza destinata alla sconfitta e impegnata a realizzare il suo fallimento con obiettivi effimeri e sfuggevoli e con strumenti mentali impotenti, capaci solamente di ripetere il già visto ed esperito, senza alcuna possibilità di concludere interamente il percorso esistenziale nel nuovo e di renderlo concreto, attuale e riconoscibile. L'adolescenza perdura al di là del suo limite fisico ,ed è in certo senso un bene per l'uomo moderno, in quanto esalta l'immaginazione che non è sempre negativa.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 04 gennaio 2015 08:30:00 (1799 letture)

(Leggi Tutto... | 17388 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Prefazione al volume monografico Futurismo come attualità e divenire 'Rivista di Studi Italiani', giugno 2009 (pp. 1-4)
Redazione
Futurismo come attualità e divenire
Noi siamo sul promontorio estremo dei secoli! (...)
Perché dovremmo guardarci alle spalle se vogliamo sfondare le misteriose porte dell'Impossibile?
F. T. Marinetti
Chi non sa fissarsi sulla soglia dell'attimo dimenticando tutto il passato (...) non saprà mai che cosa sia la felicità.
F. Nietzsche
Alle soglie del ventesimo secolo Henry Adams, nella sua celebre Autobiografia (The Education of Henry Adams), ci offriva un'immagine assai pregnante per definire il mutamento di sensibilità avvenuto improvvisamente al passaggio di secolo; lo storico dichiarava, infatti, di trovarsi "con l'osso del collo storiografico spezzato dall'improvvisa irruzione di forze del tutto nuove"1. Le rassicuranti certezze del secolo decimo nono, che "era regolato dalle leggi di Newton ed accettava il principio di non contraddizione a fondamento del ragionamento"2, vengono "improvvisamente" minacciate da una travolgente filosofia del futuro.

Nino Arrigo
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 24 dicembre 2014 08:00:00 (1868 letture)

(Leggi Tutto... | 11060 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il Castello Ursino nella storia e nelle storie di Catania - edizioni Bonanno
Redazione
In occasione dell'incontro natalizio per lo scambio degli auguri, è stato presentato presso la sede dell'UCIIM il volume del preside Agostino Arena: "Il Castello Ursino nella storia e nelle storie di Catania" (edizioni Bonanno).
Il volume, che coniuga il rigore della ricerca storica con gli elementi didascalici e divulgativi per la conoscenza del prezioso monumento della città di Catania è corredato da un'appendice fotografica ed ricco apparato di note e bibliografia. Avendo collaborato con il prof. Santi Correnti e la cattedra di Storia della Sicilia, il preside Arena, adesso in pensione, ha ripreso la ricca documentazione raccolta e ne ha fatto dono in occasione del Natale all'Uciim, e alla città di Catania. Ben argomentata risulta la descrizione delle caratteristiche dell'architettura sveva e le diverse vicende storiche, che hanno segnato le trasformazioni e gli usi del Castello nel tempo e l'attuale destinazione a Museo civico, ....

redazione@aetnanet.org
Postato da Redazione Domenica, 21 dicembre 2014 08:00:00 (2392 letture)

(Leggi Tutto... | 3150 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Il ruolo del Meridione nella costruzione della cultura nazionale. Dal Sud conquistato la rigenerazione intellettuale dell’Italia
Redazione
Subito dopo l'annessione territoriale si pone il problema di fare l'Italia come nazione e gli abitanti degli ex Stati come cittadini di un unico Stato. Questa non è operazione facile; ma un intellettuale meridionale sa cosa e come fare: "Fare intendere Hegel all'Italia- dice Pasquale Villari scrivendo a Bertrando Spaventa - vorrebbe dire rigenerare l'Italia. Io per me credo che, se tu cominci, vedrai sorger per via elementi d'una vita che non aspettavi [...] Io credo che, superato il primo ostacolo, tu ti vedresti padrone di tutta la gioventù. Camillo [De Meis] ti potrà dire che entusiasmo producevano le parole di De Sanctis quando egli spiegava qualche pagina dell'Estetica di Hegel. Ha fatto lezione per moltissimi anni; i suoi giovani parlavano solamente di quel tempo in cui si spiegava qualche pagina dell'Estetica di Hegel. E' un sistema quello che, una volta inteso, s'impadronisce di tutte le cognizioni di un uomo, di tutte le azioni, di tutta la vita. In Italia non si è ancora visto un simile fatto, e ve ne è bisogno; senza filosofia non si può diventar nazione, e filosofia italica oggi non v'è, né vi è speranza, se qualche giovane ardito non si spinge innanzi: ...

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 12 dicembre 2014 08:00:00 (1620 letture)

(Leggi Tutto... | 15846 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Umanistiche: Lamberto Borghi e la pedagogia come disciplina filosofica
Redazione
Lamberto Borghi appartiene a quel gruppo di validissimi pedagogisti con immensa cultura generale, come Ernesto Codignola, Giovanni Maria Bertin, Aldo Visalberghi, Raffaele Laporta, Margherita Fasolo, Francesco De Bartolomeis, Giuseppe Flores d'Arcais, Luigi Stefanini, ecc., che rappresentano in Italia l'ultima frontiera della pedagogia come disciplina filosofica. Dopo la loro dismissione professionale vi è il vuoto, che frantuma e polverizza la scienza pedagogica, spezzandone in modo forse irreversibile le connessioni interdisciplinari che un tempo tenevano unite attorno ad un nucleo concettuale le varie istanze dell'educazionale. La scomparsa dei grandi Maestri è in realtà una grave perdita, di cui si dovrà discutere un giorno in sede storiografica, ed i loro eredi come Franco Cambi e Franco Frabboni ne devono prendere atto, e constatarne il decesso ad opera delle neo-scienze dell'educazione prive di teoreticità o dotate di una debolissima ed assai oscura vena speculativa. E questo accade perché si è voluta staccare violentemente la pedagogia dalla filosofia e non si è più tenuto conto né della riflessione di Sergio Hessen nei suoi "Fondamenti della Pedagogia come filosofia applicata", né di quella molto più suggestiva sviluppata in Italia da Giovanni Gentile nel suo "Sommario di pedagogia come scienza filosofica", ...

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 02 dicembre 2014 07:30:00 (2202 letture)

(Leggi Tutto... | 18874 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Pubblicato 'Il verismo svelato', di Ignazio Burgio
Recensioni
Il verismo svelatoIl verismo svelato, un saggio diverso dal solito, questo, che con l'ausilio della Scienza della comunicazione ricostruisce innanzi - tutto l'ambiente sociale e culturale tra Otto e Novecento - quello della Europa e dell'Italia post-unitaria, ma anche della Catania "belle epoque" - al fine di sottolinearne i fattori che più hanno condizionato la nascita e lo sviluppo della nuova letteratura sociale, naturalista e verista: l'alfabetizzazione di massa e l'espansione del numero dei lettori specie nei centri urbani, anche nell'universo femminile e fra i ceti operai; la produzione e distribuzione a livello industriale, grazie a nuove tecnologie, di quotidiani e riviste; la sostituzione dello stile del discorso orale e personale, con lo stile del discorso scritto impersonale, come nei saggi scientifici e letterari; l'innovazione nel teatro del buio in sala e del concetto di "quarta parete"; la nascita e lo sviluppo dei nuovi mass- media visivi, la fotografia ed il cinema. È un libro inoltre che soffermandosi sui rapporti tra gli autori ed i mezzi di trasmissione della loro arte e letteratura - lingua, dialetto, libri, giornali, teatro e cinema - svela anche ...

Ignazio Burgio
http://digilander.libero.it/ignazio.burgio/libri.htm
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 30 novembre 2014 07:30:00 (4183 letture)

(Leggi Tutto... | 4930 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Umanistiche: Francesco Acri e la dissoluzione letteraria della filosofia
Redazione
Una stagione culturale assai fortunata è quella che vede la presenza simultanea a Catanzaro e dintorni di un nutrito gruppo di filosofi di straordinario valore. Per una strana coincidenza cronologica nello stesso anno (1834) nascono Francesco Acri a Catanzaro e Francesco Fiorentino a Sambiase (oggi appartenente al comune di Lamezia Terme), i due amici che poi si sarebbero scontrati polemicamente; e subito dopo Felice Tocco (1845) e Alfonso Asturaro (1854), i due illustri docenti universitari, rispettivamente a Firenze ed a Genova, e due grandi teorici ed epistemologi. Basterebbe consultare un semplice dizionario di filosofia per avere un'idea dell'importanza di tutti questi uomini nella scuola e nella cultura del nostro Paese. Ma la disattenzione è abbastanza diffusa, oggi, pure se qua e là per l'Italia, nelle città in cui esercitano la loro attività e finiscono la loro vita esistono iscrizioni a loro dedicate e notevoli targhe commemorative. Come per l'Acri, sepolto nella Certosa di Bologna, Chiostro VII, Portico est, nella cui lapide, dettata dal famoso letterato Giuseppe Albini dell'Università di Bologna, è incisa la seguente epigrafe che trascrivo integralmente per correggere e integrare le tante citazioni parziali e inesatte: ...

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 17 novembre 2014 08:00:00 (1768 letture)

(Leggi Tutto... | 18832 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Guido De Ruggiero e la disperata ricerca del Trascendente
Redazione
Stupisce che il nome di Guido De Ruggiero (Napoli 28 marzo 1888 - Roma 29 dicembre 1948) non sia apparso nelle grandi storie della filosofia che si sono compilate in Italia negli ultimi cinquant'anni, da quella della Garzantia cura di Ludovico Geymonat a quella della UTET a cura di Nicola Abbagnano e Giovanni Fornero ed a quella della Bompiani a cura di Giovanni Reale e Dario Antiseri, e che sia apparso solo di passaggio in qualche enciclopedia filosofica. Capisco che non tutti gli autori possono trovare spazio nelle compilazioni monumentali, ma sorprende che il primo realizzatore italiano di una intelligente e onesta storia della filosofia in tredici volumi editi da Laterza dal 1918 al 1948 non venga nemmeno menzionato, tranne che in brevi note bibliografiche, dai suoi più giovani colleghi, almeno per la straordinaria fatica storiografica da lui sostenuta, tutta condotta in prima persona e con grandissimo dispendio di energie intellettuali e fisiche che probabilmente ne hanno provocato la morte prematura. Egli, insomma, non ha una adeguata collocazione da nessuna parte come storico della filosofia e nessuno ha voluto assumersi la responsabilità di parlarne in modo criticamente adeguato.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 08 novembre 2014 08:30:00 (2051 letture)

(Leggi Tutto... | 19822 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Etica e diritto naturale nel pensiero di Pasquale Galluppi. Unità di attività teoretica e attività pratica
Redazione
Dedico questo articolo alla cara memoria di Santino Caramella, che è stato un pioniere degli studi galluppiani in Italia.
Il mio intervento del 20 marzo 2013 su Infosannio (v. S. Ragonesi, Pasquale Galluppi nella storia della filosofia europea) ha inteso dimostrare la speciale e qualificata posizione galluppiana nella storia della filosofia italiana ed europea e l'unità di Filosofia e Storia della filosofia effettuata dal Pensatore calabrese per conquistare un nuovo metodo di studi ed una indiscutibile primazia in Italia. La conoscenza dei punti più alti del pensiero filosofico d'Europa nell'epoca moderna, da Cartesio a Kant, e la critica puntuale e costruttiva degli Autori e delle loro opere rappresentano certamente un merito del Tropeano che non può sfuggire all'intelligenza storica, come non sfugge la realizzazione di un modo originale di procedere che non caratterizza solo le Lettere filosofiche su le vicende della filosofia relativamente ai princìpi delle conoscenze umane da Cartesio sino a Kant inclusivamente, ma anche tutti gli altri lavori, dal Saggio filosofico sulla critica della conoscenza alle Lezioni di logica e metafisica e dagli Elementi di filosofia alla Filosofia della Volontà.

prof. Salvatore Ragonesi
salvatoreragonesi@hotmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 28 ottobre 2014 08:30:00 (1843 letture)

(Leggi Tutto... | 19980 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Umanistiche: Fides quaerens intellectum
Redazione
"Mi sono proposto di investigare e di riflettere per mezzo della sapienza, su tutto ciò che avviene sotto il cielo. Questa è un'occupazione gravosa che Dio ha dato agli uomini, perchè essi si tormentino"(Qohelet 1,13).
"Stupenda per me è la tua sapienza, troppo alta, non la posso comprendere"(Salmo 139,6).
L'atto di fede è un atto di umiltà; è un affidamento all'Assoluto, esitante e insidiato dai dubbi e con cui si cerca di colmare la distanza tra il finito e l'infinito,di uscire dall'insoddisfazione delle certezze fattuali; la fede è ricerca del senso del nostro breve viaggio e tentativo di darle una speranza.

Prof. Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Lunedì, 27 ottobre 2014 08:00:00 (1603 letture)

(Leggi Tutto... | 4388 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Più letto di Oggi
Ancora Nessun Articolo.


Social AetnaNet
Cerca


Community
Community
Diventa utente attivo della community di Aetnanet!
Inviaci articoli, esperienze, testimonianze sul mondo della scuola.

scrivi a: redazione@aetnanet.org


Pubblicità
pubblicità su Aetnanet.org


Seguici
telegram facebook
google plus facebook
mobile twitter
youtube rss


Bandi PON

PON, Fedeli: ''Stanziati 50 milioni per l'integrazione
di a-vetro

Fondi Strutturali Europei 2014/2020
di a-vetro

PON 2014-2020 – Avviso pubblico prot.n. 3504 del 31/03/2017 per il potenziamento della Cittadinanza europea
di a-vetro

PON 2014-2020 – Avviso pubblico prot. AOODGEFID/3340 del 23/03/2017 – Pubblicazione del Manuale Operativo
di a-vetro

PON Scuola, Fedeli: “80 milioni per la Cittadinanza Europea”
di a-vetro

PON 2014-2020 Avviso pubblico ''Competenze di Cittadinanza Globale'' prot. AOODGEFID/3340 del 23-03-2017
di a-vetro

Fondi strutturali e di Investimento Europei (SIE) – Programmazione 2014/2020 e 2007/2013 - Richiamo su adempimenti di Informazione e pubblicità.
di a-vetro

Adempimenti di chiusura Programmazione PON FESR 2007-2013 – Richiesta dichiarazione di funzionalità e destinazione d’uso
di a-vetro

Impegno della somma complessiva di euro 6.368.959,25 sul capitolo di spesa POC 773908 per l’esercizio finanziario 2017
di m-nicotra

Fondi Strutturali Europei – PON – FSE Avviso pubblico per lo sviluppo del pensiero computazionale.
di a-vetro

Indice Progetti PON


Top Five Settimana
i 5 articoli più letti della settimana

Banca dati contratti integrativi
di a-vetro
237 letture

L'insostenibile leggerezza dell'essere ... un alunno con 'obiettivo minimo' o eccellente?
di m-nicotra
214 letture

Elio Vittorini e la Sicilia. Il realismo vittoriniano e lo scontro con Palmiro Togliatti. La novità letteraria di 'Conversazione in Sicilia'
di m-nicotra
165 letture

Per i proff. olandesi Ad Schuurbiers e Hilde Kemperman, Job Shadowing al liceo Galilei di Catania
di m-nicotra
159 letture


Top Video
Video
Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
817 letture

26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
1488 letture

Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
1364 letture

Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni
2941 letture

La 5A Informatica di Belpasso discute di Rivoluzione industriale 4.0
4474 letture

L'unione fa la scuola - Palermo 24 ottobre 2015
3018 letture

NO DDL Scuola Renzi - Flash mob 09 maggio 15
9264 letture

Sciopero scuola 5 maggio 2015 Catania - No DDL Riforma Scuola
9720 letture

Renzi: 3 miliardi per la scuola e centomila insegnanti in più
9375 letture

No DDL Scuola - spot promo sciopero 5-6 maggio 2015
10982 letture



Articoli Precedenti
Seleziona il mese da vedere:

  Giugno, 2017
  Maggio, 2017
  Aprile, 2017
  Marzo, 2017
  Febbraio, 2017
  Gennaio, 2017

[ Mostra tutti gli articoli ]


Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti



Utenti registrati:
Ultimo: gmirabella
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 11170

Persone Online:
Visitatori: 206
Iscritti: 0
Totale: 206

Traffico Generato
Anonimi: 206 (100%)
Registrati: 0 (0%)
Numero massimo di utenti online:206
Membri:0
Ospiti:206
Ultimi 5 Registrati
gmirabella
    Jan 28, 2017.
raffagre
    Jan 28, 2017.
gvaccaro
    Jan 28, 2014.
mrdinoto
    Jul 09, 2013.
sostegno
    Jul 09, 2013.

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2002

Pagine visitate
· Visitate oggi 3,125
· Visitate ieri 195,177

Media pagine visitate
· Oraria 2,769
· Giornaliera 66,447
· Mensile 2,021,114
· Annuale 24,253,368

Orario Server
· Ora

00:23:03

· Data

26 Jun 2017

· Zona

+0200

© Weblord.it


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.55 Secondi