Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 459795686 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2018

Concorso dirigenti, un cammino di preparazione: 35 ammessi su 38 partecipanti
di m-nicotra
1065 letture

Graduatorie Provinciali ad Esaurimento definitive del personale docente di ogni ordine e grado, per l’anno scolastico 2018/2019
di m-nicotra
891 letture

Graduatorie provvisorie utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali e interprovinciali su posti comuni e sostegno - Scuola Primaria
di m-nicotra
876 letture

Al fianco di super presidi reggenti (riconosciuti) troviamo dei super Collaboratori (NON riconosciuti). Un altro anno di lavoro “non ordinario” ci attende nella faticosa (per chi?) gestione delle scuole in reggenza
di m-nicotra
778 letture

Calendario operazioni propedeutiche all’avvio dell’anno scolastico 2018/19
di m-nicotra
723 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Ulteriore disponibilità, immissione in ruolo dei docenti inclusi nelle graduatorie del Concorso Regionale anno 2016 per la scuola secondaria di I e II grado - 17/08/2018
·Convocazioni per l’immissione in ruolo dei docenti inclusi nelle Graduatorie ad Esaurimento della Provincia di Catania per la scuola dell'Infanzia e per la scuola Secondaria di I e II grado - Elenco convocati- Rettifica elenco convocati
·Immissione in ruolo dei docenti inclusi nella Graduatoria ad Esaurimento per la scuola Primaria - Disponibilità sedi
·Calendario delle convocazioni per l’immissione in ruolo dei docenti inclusi nelle graduatorie ad esaurimento della Provincia di Catania per la scuola Primaria e per la scuola secondaria di I e II grado a.s. 2018/19
·Immissione in ruolo dei docenti inclusi nelle graduatorie del Concorso Regionale anno 2016 per la scuola Primaria e Secondaria di I e II grado - Elenchi nominati


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


AetnaNet: Sindacati

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

Dirigenti Scolastici: Premiare i presidi che non fanno bocciare. Denuncia della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza
Sindacati
Nel nostro territorio i dirigenti scolastici, per essere valutati positivamente, devono fare in modo che i docenti non boccino gli alunni che hanno poca voglia studiare. Non è una boutade estiva, lo hanno messo nero su bianco i gestori dell'Ufficio Scolastico regionale dell'Emilia Romagna in un decreto dirigenziale emesso nei giorni scorsi, si tratta del "Piano Regionale di Valutazione dei dirigenti scolastici" (lo alleghiamo affinché ognuno possa verificare). Non bocciare gli studenti sfaticati è l'obiettivo principale, infatti è il primo nell'elenco dei "risultati" che i dirigenti scolastici devono perseguire per avere una buona valutazione.

Gilda Parma e Piacenza
gilda.insegnantiparma@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 18 agosto 2018 08:00:00 (300 letture)

(Leggi Tutto... | 3365 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Graduatorie: Una doverosa precisazione all'intervista pubblicata su La Repubblica di Torino il 7 agosto
Sindacati
In un’intervista pubblicata su La Repubblica di Torino il 7 agosto, Stefano Parola, dopo aver erroneamente definito non abilitata la docente in possesso di diploma magistrale da lui intervistata, conclude con la seguente domanda A voi maestre diplomate viene obiettato che però non avete mai passato un concorso e dunque non dovreste accedere a un posto pubblico. Cosa rispondete? Quella del superamento di un concorso nella scuola è un’argomentazione che viene ricorsivamente posta in ambito politico, accademico e scolastico e sulla quale l’associazione ADIDA è più volte intervenuta. Nel ribadire che il diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002 è un titolo abilitante, come stabilito anche dalla sentenza del Consiglio di Stato nel 2012 […], vorremmo focalizzarci in questa sede sul nesso esistente tra competenze professionali, curriculum di studi ed esperienza, in risposta alla concezione di chi vede nel concorso l’unica forma di selezione del personale scolastico.

Laura La Manna, Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 15 agosto 2018 20:00:00 (323 letture)

(Leggi Tutto... | 5747 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Al fianco di super presidi reggenti (riconosciuti) troviamo dei super Collaboratori (NON riconosciuti). Un altro anno di lavoro “non ordinario” ci attende nella faticosa (per chi?) gestione delle scuole in reggenza
Sindacati
Ed alla fine - come accade ormai da oltre un decennio - è arrivata l'attesa Circolare estiva!
Gli USR hanno inviato ai DS "l'invito" a presentare la disponibilità ad assumere un incarico di reggenza nelle scuole prive di DS, indicando le sedi sulla base di alcuni criteri generali. E' la nota che nessun DS, a parole, dichiara di voler ricevere poichè si troverà di fronte ad un "dovere" al quale non potrà sottrarsi ai sensi dell'Art. 19 comma 1 lettera b CCNL Area V. E quindi, piuttosto che rischiare una reggenza d'ufficio NON gradita, un DS si rende disponibile ad una reggenza GRADITA nell'auspicio di trovare una Istituzione scolastica senza grandi elementi di complessità e di criticità, con uno staff ben strutturato e competente, magari nello stesso comune, magari con un numero limitato di plessi! Nuove responsabilità per i DS sicuramente, più lavoro anche!

Rosolino Cicero, Renato Marino, Silvia Zuffanelli, Cristina Picchi, Mara Degiorgis, Antonella D'Agostino, Carla Federica Spoleti
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 12 agosto 2018 12:00:00 (778 letture)

(Leggi Tutto... | 7077 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Da vicepreside a Collaboratore principale. Una evoluzione semantica che non corrisponde ad una innovazione giuridica. Preferiamo la seconda!
Sindacati
Fino al 2001 c'erano i docenti incaricati di collaborare con il Direttore Didattico o il Preside (i Collaboratori e tra questi il Vicepreside) ai sensi dell'art 7 comma h del D.Lgs 297/94, poi divenuti docenti individuati dal DS (Collaboratori del DS e tra questi il 1° Collaboratore) con il ben noto D.Lgs 165/2001 all'art. 25, comma 5; successivamente si fa riferimento ai Collaboratori del DS all'articolo 1, comma 83, della legge 13 luglio 2015, n. 107 (collaboratori fino al 10% dell'organico dell'autonomia): in tutti i casi si tratta di docenti che coadiuvano il DS in attività di supporto organizzativo e didattico dell'istituzione scolastica. Oggi apprendiamo dell'esistenza tra i Collaboratori di una nuova figura: il "Collaboratore principale" (fonte ANP del 2/8/2018). Chi sarebbe in effetti? L'ex Vicepreside, l'ex 1° Collaboratore, cioè quel docente che in ogni Istituzione scolastica svolge mansioni delegate dal DS di rilevante importanza necessarie all'organizzazione ed alla gestione del servizio scolastico. All'innovazione semantica, purtroppo, ancora oggi NON corrisponde la più importante e cioè l'innovazione dello status giuridico che per noi Collaboratori dei DS è il TEMA preminente per portare il nostro modello di gestione scolastica nei ranghi dei moderni sistemi europei.


Rosolino Cicero, Renato Marino, Silvia Zuffanelli, Cristina Picchi, Mara Degiorgis, Antonella D'Agostino, Carla Federica Spoleti
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 05 agosto 2018 09:30:00 (541 letture)

(Leggi Tutto... | 10452 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Personale ATA: Richiesta immissioni in ruolo e aumento organici ATA
Sindacati
Credevamo e speravamo che con il nuovo Governo il personale amministrativo tecnico e ausiliario statale diventasse finalmente “visibile” con tutte le sue problematiche e fosse considerato per quello che realmente vale; invece ad oggi la situazione non sembra molto difforme dal passato: anche le 9873 immissioni in ruolo richieste e i 5182 posti assegnati sull’organico di fatto con la nota MIUR 32989 del 20 luglio scorso, che fornisce indicazioni generiche, ricalcano le solite procedure; infatti i posti liberi sull’organico di diritto sono quasi 17000 ma invece di nominare in ruolo su quel totale complessivo assistiamo agli usuali balletti con il Ministero che ne chiede solo una parte, il MEF che decide considerando solo ragioni economiche e i nostri precari e l’utenza che subiscono inermi. Inoltre da quei 9873 posti se ne devono togliere 789 per la stabilizzazione dei co.co.co e 305 per la stabilizzazione degli LSU di Palermo, per cui per i nostri poveri precari statali ne rimangono solo 8744, cioè circa la metà dei posti liberi. Non ce ne vogliano questi dipendenti, ma riteniamo che debbano essere stabilizzati tutti i precari a cominciare dai nostri statali, che per anni si sono sacrificati lavorando anche molto lontano da casa, e non solo una parte che, tra l’altro, non è nemmeno presente nelle nostre graduatorie.

La Direzione Nazionale Feder.ATA
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 01 agosto 2018 09:00:00 (556 letture)

(Leggi Tutto... | 8384 bytes aggiuntivi | Personale ATA | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Addirittura più soldi alle scuole paritarie? Caro Ministro Bussetti non ci siamo!
Sindacati
Caro Ministro, lei ha difeso ancora le scuole paritarie e ha dichiarato: "E' mia intenzione rivedere il meccanismo di erogazione delle risorse oggi destinate in maniera inversamente proporzionale alla retta. Utilizzerò criteri basati sulla qualità didattica del servizio.Le scuole paritarie, oltre a garantire la pluralità di scelta educativa, assicurano un servizio che consente di risparmiare risorse finanziarie, per servizi educativi che dovrebbero essere erogati dallo Stato. Più fondi a quelle scuole che hanno una retta più bassa e una qualità migliore del servizio". Cosa ne pensa il M5S che nel programma elettorale era prevista la cancellazione  totale dei contributi alle scuole paritarie confessionali e private?
Caro Ministro come farà ad usare i criteri sulla qualità del servizio se più della metà delle scuole paritarie da Roma in giù non paga gli insegnanti?
Lo Stato da sempre, non è in grado di mettere i sigilli ad una scuola confessionale... figuriamoci se entrerà nel merito della qualità del servizio con soli 191 ispettori in tutta Italia.

Paolo Latella
Insegnante e giornalista - Membro dell'Esecutivo nazionale Unicobas Scuola & Università
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 28 luglio 2018 09:00:00 (374 letture)

(Leggi Tutto... | 7500 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: A ogni scuola un preside
Sindacati
Si è conclusa oggi regolarmente la prova preselettiva del Concorso per l'assunzione di dirigenti scolastici delle scuole statali. Il primo concorso dopo sette anni. Obiettivo: la copertura dei posti vacanti e disponibili per il prossimo triennio, 2019-2021, e il superamento del fenomeno delle reggenze. Lo svolgimento regolare della prova potrebbe essere il primo passo per un ritorno alla normalità nella direzione e gestione delle scuole statali. In realtà le cose non stanno del tutto così.  Da una parte c'è l'amara constatazione di come solo il sistema scolastico italiano realizzi questi tempi biblici per l'avvio di un nuovo concorso per reclutare il proprio personale: sette anni per i dirigenti, quindici anni per i direttori amministrativi. "Dall'altra - ha ricordato oggi il presidente nazionale di DiSAL Ezio Delfino -  questo concorso non offre soluzione immediata alla grave urgenza segnalata a giugno da DiSAL all'inizio dell'attuale ministero".

Ufficio stampa DiSAL
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 26 luglio 2018 09:00:00 (583 letture)

(Leggi Tutto... | 4224 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Graduatorie: L'anno di prova è valutazione. Il MIUR non sconfessi se stesso
Sindacati
La vicenda dell’inserimento in GAE dei diplomati magistrali, con le contraddizioni e la complessità che la caratterizzano, assume toni ancora più cupi intorno all'ipotesi che circa 7000 dei docenti coinvolti possano perdere il ruolo, per effetto della nota sentenza negativa. Del Consiglio di Stato. Questo perché, chi è stato già immesso in ruolo, ha superato un anno di prova, necessario per la riconferma del contratto a tempo indeterminato, anno che si concretizza come una vera e propria valutazione delle capacitò professionali, con un preciso significato e una portata in termini di formazione, definita in modo centralizzato ed uniforme.

Valeria Bruccola, Laura La Manna
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 26 luglio 2018 08:00:00 (1226 letture)

(Leggi Tutto... | 5289 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Riforma: Delegazione ANCODIS incontra alcuni componenti della Commissione Cultura della Camera. Presentata la proposta di istituire il middle management nella scuola italiana
Sindacati
Una delegazione dell’Associazione Nazionale dei Collaboratori dei Dirigenti Scolastici costituita dai Primi Collaboratori dei DS Rosolino Cicero, Adriano Genga e Antonella Venanzuola, ha incontrato a Palazzo Montecitorio le On.li Azzolina, Casa e Villani  componenti del Movimento 5 Stelle nella VII Commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera. I rappresentanti di ANCODIS hanno presentato una proposta per il riconoscimento dello status giuridico dei Collaboratori dei DS in una visione moderna della struttura organizzativa delle Istituzioni Scolastiche. Considerato il ruolo, le mansioni e le responsabilità in ciascuna autonoma Istituzione Scolastica di quanti svolgono attività di collaborazione al Dirigente Scolastico nell’ambito gestionale ed organizzativo, al fine di dare un legittimo riconoscimento alla figura dei docenti Collaboratori (Collaboratore Vicario, 2° Collaboratore, Responsabili/Fiduciari di plesso), propongono ai Componenti delle Commissioni Cultura della Camera il riconoscimento giuridico in un inquadramento intermedio (middle management scolastico) tra la figura del Dirigente e quella del corpo docente.

Il Presidente A.N.Co.Di.S. Palermo
prof. Rosolino Cicero
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 21 luglio 2018 08:00:00 (4144 letture)

(Leggi Tutto... | 7027 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Contratto: ATA-ITP eX Enti Locali, porre fine a una grande ingiustizia
Sindacati
Ricapitoliamo le vicende legislative e processuali della nostra categoria, per proporre una soluzione equa.
1. L’art. 8 della legge 124/1999 ha stabilito che il personale ATA (Assistenti Tecnici, Amministrativi e Collaboratori Scolastici) e ITP (Insegnanti Tecnico Pratici), dipendente dagli Enti Locali (Comuni e Province), che lo fornivano allo Stato, venisse trasferito alle dipendenze del MIUR, continuando a lavorare negli Istituti Scolastici in cui già prestava servizio a fianco dei colleghi già dipendenti del MIUR.
La norma aveva lo scopo di porre tutto il personale ATA e ITP alle dirette dipendenze dei Dirigenti Scolastici, nel nuovo sistema dell’Autonomia Scolastica.
Il comma 2 del suddetto art. 8, disponeva, saggiamente, che al personale trasferito venisse riconosciuta, ai fini economici e giuridici, l’anzianità maturata fino alla data del trasferimento, a conferma della continuità del rapporto di lavoro.

Il Comitato Nazionale ATA-ITP ex Enti locali
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 16 luglio 2018 08:00:00 (807 letture)

(Leggi Tutto... | 13896 bytes aggiuntivi | Contratto | Voto: 0)

Graduatorie: Prosegue serrato il confronto: questione diplomati magistrali
Sindacati
La giornata del 10 luglio è stata segnata da una serie di eventi e di incontri politici ed istituzionali di estrema importanza nei riguardi della vicenda dei diplomati magistrali inseriti in GAE e/o assunti a tempo indeterminato per effetto dei ricorsi. La notizia di una sentenza del Consiglio di Stato, secondo la quale è stata disposta l'equiparazione del punteggio del titolo di diploma magistrale rispetto alla laurea in SfP e la conferma dell'iscrizione in GAE di un ricorrente, in data successiva alla famosa sentenza dell'Adunanza Plenaria, contribuiscono ad accentuare quelle contraddizioni che già abbiamo sottolineato in ogni sede tra persone con medesimo titolo, storia professionale simile che, per pura casualità, oggi, per effetto della sentenza della Plenaria, avranno sorti professionali diverse. Non abbiamo tardato a rappresentare tale ennesima difformità di giudizio al mondo politico. Come Adida, insieme al Mida Precari, abbiamo avviato un confronto politico con esponenti della maggioranza e dell'opposizione, per sollecitare la giusta soluzione dopo anni di sfruttamento e di contenziosi, onerosi per la collettività e per lo Stato stesso.

Valeria Bruccola e Rosa Sigillò
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 12 luglio 2018 09:00:00 (486 letture)

(Leggi Tutto... | 4225 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Riforma: Momento catartico di una mattina (caldissima) in Italia
Sindacati
Cari radical chic, cari petalosi rossi, carissimi communisti (bolscevichi contro senso o contro mano scegliete voi) piddini con il rolex: Sapete perché il decreto "Dignità " tanto voluto dal M5S è odiato da Berlusconi e da tutti i padroni (i datori di lavoro sono un'altra cosa)? Semplice perché è un atto dovuto verso la dignità della gente. Questa è la prima vera azione di "sinistra" che tutelerà il popolo. Si, avete letto bene, di sinistra, quella reale. La prossima (in studio in VII Commissione Cultura ed Istruzione di Camera e Senato) sarà quella di cancellare la norma presente nella "BuonaScuola" che vieta al personale precario (insegnanti e personale non docente) di lavorare per più di tre anni. Infatti questa legge tanto voluta da Matteo Renzi, in risposta alla sentenza europea che imponeva all'Italia di stabilizzare i precari dopo tre anni di supplenze, invece di aiutare i lavoratori li penalizzerà gravemente, vietandogli addirittura di continuare ad insegnare non potendo più accettare supplenze annuali.

Paolo Latella
Insegnante e giornalista
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 11 luglio 2018 08:30:00 (275 letture)

(Leggi Tutto... | 5718 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Assunzioni: Il mancato rispetto della tempistica MIUR-INPS sui pensionati della scuola ha sottratto posti ai trasferimenti e alle immissioni in ruolo
Sindacati
Con circolare n. 5 dell’11 gennaio 2017 l’INPS ha stabilito l’adozione, a regime dal 1°gennaio 2017, di una nuova modalità di definizione delle prestazioni basata sui dati presenti sul conto individuale assicurativo dell’iscritto.  L’accertamento del diritto al trattamento pensionistico, dunque, sarà effettuato dalle Strutture territoriali INPS sulla base dei dati presenti sul conto individuale assicurativo entro i termini previsti per la lavorazione degli elenchi di seguito indicati.  Dopo, con circolare n. 4 del 17/01/2018, sempre l’INPS ha dettato le indicazioni operative per la predisposizione delle posizioni assicurative per i pensionamenti del comparto scuola per l’anno 2018, riportando anche la tempistica da rispettare per i vari ordini e gradi di scuola ai fini dell’accertamento al diritto alla pensione, con la trasmissione dei rispettivi elenchi.  Tali elenchi, suddivisi nelle categorie infanzia, primaria, secondaria di 1° e 2° grado, personale educativo, insegnanti di religione, A.T.A. e dirigenti, dovranno essere lavorati dagli ambiti territoriali provinciali/scuole e dalle Strutture territoriali INPS secondo la seguente tempistica: ..

f.to Francesco Sola
Segretario Generale SAB
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 10 luglio 2018 09:00:00 (624 letture)

(Leggi Tutto... | 5131 bytes aggiuntivi | Assunzioni | Voto: 0)

Precariato: Diplomati Magistrali. MSA: 'decreto legge dignità non è la soluzione'
Sindacati
Dopo diversi mesi dalla sentenza dello scorso dicembre da parte del Consiglio di Stato che ha escluso dalle GAE i diplomati magistrali con titolo conseguito ante 2001/2002, qualche giorno fa, il 2 luglio, il Ministero dell'Istruzione risponde con il decreto dignità. Tuttavia, tale provvedimento non offre alcuna soluzione concreta ai circa 50.000 diplomati magistrali. Confermare il ruolo dei docenti neo-immessi, riaprire le GAE e assumere precari con 36 mesi di servizio: sono queste le proposte di MSA. Con il decreto approvato il 2 luglio dal Ministero viene applicato anche ai diplomati magistrali quanto previsto dal decreto legge 669/1996, che permette alla Pubblica Amministrazione di adottare i provvedimenti giurisdizionali entro 120 giorni dalla data di comunicazione del titolo esecutivo. Tale intervento al fine di consentire l'ordinato avvio del nuovo anno scolastico. Secondo l'associazione MSA, sempre attenta a tutelare i diritti degli emarginati, questa misura non costituisce una risposta efficace per i numerosissimi diplomati magistrali, il cui futuro lavorativo e professionale continua a rimanere nella più totale incertezza.

Il Coordinatore Nazionale settore scuola Prof. Scandura Luciano
Il Responsabile della Comunicazione Prof.ssa Moliterni Elisa
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 10 luglio 2018 08:00:00 (515 letture)

(Leggi Tutto... | 6176 bytes aggiuntivi | Precariato | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Incarichi, mansioni, servizio e riconoscimento economico dei Collaboratori dei DS nell’anno scolastico 2017-2018
Sindacati
Nel corso dell'anno scolastico 2017-2018, ANCODIS ha proposto due questionari online con lo scopo - attraverso il primo - di rilevare incarichi e mansioni svolte dai Collaboratori su delega dei DS nelle loro I.S. e, con il secondo, di dare una concreta definizione del loro lavoro in relazione alla governance nella scuola di servizio, al tempo dedicato alla collaborazione ed, in ultimo, al riconoscimento economico assegnato in sede di contrattazione di istituto. Il primo è stato proposto nella prima parte dell'anno scolastico e sono state monitorate in modo puntuale le principali azioni nelle quali i Collaboratori hanno dato un diretto contributo sia nella fase programmatica che in quella esecutiva (dalla redazione dei documenti strategici, alla organizzazione del servizio scolastico, alla sicurezza). Una prima osservazione ha riguardato le Mansioni assunte nella redazione dei documenti e nel coordinamento organizzativo attraverso la partecipazione diretta alla stesura dei principali Documenti che ogni I.S. è impegnata a redigere e delle azioni necessarie alla pianificazione e svolgimento del servizio scolastico.
In particolare, il 65% ha dichiarato di aver avuto un ruolo nella progettazione ed organizzazione dei PON, il 78% nella redazione del RAV, il 67% nella elaborazione del PTOF ed il 73% nel Piano di miglioramento.

prof. Rosolino Cicero, Presidente ANCODIS Palermo
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 08 luglio 2018 09:00:00 (1005 letture)

(Leggi Tutto... | 11387 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Graduatorie: Le Maestre/i diplomate/i magistrali (DM) in lotta chiedono un incontro urgente al Miur e alla VII Commissione della Camera e del Senato
Sindacati
Sul sito del Governo si annuncia l'intenzione di utilizzare il comma 1 dell'art. 14 della legge 669/1996, che consente l'applicazione esecutiva di sentenze alle Pubbliche Amministrazioni nel tempo di 120 giorni, per la situazione delle maestre /i DM. Di fatto si parla di congelamento perché non viene presa nessuna decisione ma si sposta il problema in avanti di 4 mesi e questo anche per i docenti di ruolo che da questa disposizione non hanno nulla di garantito. La motivazione è che si cerca di "studiare" un provvedimento consono, atto a risolvere l'intricata questione delle maestre/i DM che da anni garantiscono il funzionamento della scuola ma allo stato attuale non hanno alcuna prospettiva di immissione in ruolo. Questo argomento è indifendibile: la questione è nota da mesi e le forze politiche al governo ne avevano fatto uno dei cavalli di battaglia della loro campagna elettorale criticando il ministro Fedeli per non essersi impegnato nella soluzione della vicenda. Riteniamo pertanto che limitarsi a prevedere l'applicazione delle sentenze dei vari Tribunali con la tempistica dei 4 mesi sia inaccettabile dal movimento delle maestre/i DM e dal mondo della scuola nella sua interezza: il caos nella Primaria e nell'Infanzia invece di crearsi a settembre si creerà con tempi scaglionati in pieno anno scolastico. Dopo tante promesse le forze politiche al governo sono riuscite nella classica impresa della montagna che partorisce topolini.

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 06 luglio 2018 08:00:00 (438 letture)

(Leggi Tutto... | 5325 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Riforma: Bene, per il sindacato SAB, l’abolizione della chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi. La tempistica
Sindacati
Con la diffusione del CCNI del 26/6/2018, trasmesso con nota MIUR n. 29748 del 27/06/2018, concernente il passaggio da ambiti territoriali a scuole, di fatto, risulta abolita la chiamata diretta, prevista dalla Buona-Scuola, dei docenti da parte dei dirigenti scolastici a partire dal prossimo anno scolastico. Il sindacato SAB, tramite il segretario generale prof. Francesco Sola, valuta positivamente tale determinazione che aveva portato alla mobilitazione nazionale contro lo strapotere dato ai dirigenti scolastici i quali, nel primo anno di applicazione, avevano posto in essere atti personali, quali richiedere le foto dei docenti, organizzare colloqui con richieste di informazioni anche sullo stato di salute proprio e dei familiari, condizioni economiche, ecc.., per la scelta dei docenti. Per il corrente anno scolastico, invece, una volta che, a livello ministeriale erano stati contrattati nuovi criteri da adottare per la chiamata diretta dei docenti, i dirigenti scolastici, tranne una piccola percentuale, avevano inteso abdicare a tale funzione delegando gli uffici scolastici provinciali territoriali ad assegnare alle scuole i docenti trasferiti su ambiti provinciali. Con la nota di cui sopra il MIUR ha dettato anche la tempistica da rispettare per i docenti ...

F.to Francesco Sola Segretario Generale SAB
www.sindacatosab.it
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 02 luglio 2018 08:30:00 (542 letture)

(Leggi Tutto... | 5513 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Precariato: 30 Giugno 2018. Scadenza contratti. Quali sono i diritti dei precari? Vademecum MSA
Sindacati
30 giugno 2018. Si conclude un altro anno scolastico e termina così anche il contratto di numerosi docenti che si ritrovano di nuovo in uno stato di profonda incertezza, in attesa di essere richiamati a settembre. M.S.A., sempre attenta alle necessità dei lavoratori precari, desidera ricordare i loro diritti: indennità di disoccupazione NASPI, Trattamento di fine rapporto (TFR) e pagamento delle ferie non godute. La NASPI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) è l’indennità mensile di disoccupazione erogata dall’Inps a tutti i lavoratori che perdono la propria occupazione in maniera involontaria, ivi compresi dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni. Quali sono i requisiti? Per poter accedere alla NASPI è necessario soddisfare alcuni requisiti: essere privi di occupazione a seguito di licenziamento per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore (ad esempio scadenza del contratto) e ...

Il Coordinatore Nazionale settore scuola Prof. Scandura Luciano
Il Responsabile della Comunicazione Prof.ssa Moliterni Elisa
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 02 luglio 2018 08:00:00 (583 letture)

(Leggi Tutto... | 5376 bytes aggiuntivi | Precariato | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Il Tribunale di Mantova archivia una querela per diffamazione presentata da un Preside nei confronti di un sindacalista
Sindacati
Il giorno 05/12/2017 il sindacalista dell’associazione sindacale Politeia Scuola Lioumis Ioannis venne invitato a presentarsi a Mantova, presso la Sezione di Polizia Giudiziaria, in qualità di persona sottoposta alle indagini per il reato di diffamazione. Era accusato dal Dirigente Scolastico di un Ist. Comprensivo Modenese, di aver offeso la sua reputazione. Le frasi incriminate, estrapolate dal articolo di un quotidiano di Modena “Maestra troppo buona, il Preside la sospende” del 16/04/2017, sarebbero queste:
…………………
1) “quello che è accaduto alla maestra ha dell’incredibile ma si inquadra nel disegno della cosiddetta legge della “Buona Scuola”. Con la riforma Renzi gli insegnanti vengono considerati esecutori di ordini e i presidi si comportano da padroni con tutti gli abusi del caso”;
download Querela e Archivizione
prof.re Ioannis Lioumis
Presidente associazione sindacale Politeia Scuola
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 30 giugno 2018 10:00:00 (569 letture)

(Leggi Tutto... | 4942 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 5)

Voce alla Scuola: Care colleghe e cari colleghi, siete mai stati in una scuola tedesca?
Sindacati
Quando vai in Germania per uno scambio culturale ed entri in una scuola tedesca, l'insegnante italiano si sente in difficoltà, non per la preparazione né per la cultura ma per il modo con cui vengono trattati gli insegnanti tedeschi. Le scuole sono bellissime, gli insegnanti sono rispettati e molto considerati dagli studenti e da tutta la società, le aule sono grandi e le classi non sono numerose, la sala professori non è una sala ma un intero appartamento nella scuola, stanze singole e confortevoli, una cucina con tutti i confort, forno a microonde, frigo, macchina del caffè, pane, briosche, latte, acqua, quotidiani. Dopo aver consumato la colazione, una pausa pranzo, lasci la moneta in cucina anche per il giornale. Libri gratis, attività ludiche. Spazi culturali, insomma è un piacere "vivere" a scuola. Vogliamo parlare del bagno? Pulitissimo, profumato, carta igienica, assorbenti, crema per le mani, c'è addirittura il fon. Ogni insegnante ha le chiavi della scuola, può entrare quando vuole anche la domenica se deve svolgere attività di ricerca o preparazione delle lezioni. Sala biblioteca, sala relax, computer disponibili con connessione ad alta velocità. Altro elemento che fa capire come siamo "visti" dai colleghi tedeschi. Quando vai in Germania e sei con loro in giro o a scuola non usi mai il portafoglio, perchè se provi a pagare ti dicono: "no no lascia stare, ci pensiamo noi" in senso caritatevole, perchè sanno quanto guadagniamo al mese.

Paolo Latella
Insegnante e giornalista
Segretario Unicobas Scuola & Università LombardiaMembro direttivo nazionale
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 27 giugno 2018 08:00:00 (617 letture)

(Leggi Tutto... | 8194 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Riforma: Proposte e soluzioni con un DDL come intervento immediato e strutturale per la scuola pubblica statale
Sindacati
In attesa che il ministro Bussetti individui le criticità nella Legge 107 e definisca un piano strategico per migliorare la scuola italiana mi permetto di formulare alcune proposte e soluzioni, alcune sono in pratica le stesse del M5S presenti nel programma elettorale, altre sono le soluzioni immediate che permetterebbero a un milione di insegnanti e personale non docente di sentirsi finalmente difesi e rispettati da un Governo e dal proprio ministro.
Sugli stipendi purtroppo l'ho scritto varie volte. La prima cosa da fare è cancellare il DM 29/93 che il governo Amato, con il benestare della Cgil, bloccò gli aumenti sotto l'inflazione programmata. Abrogare il d.lgs 165/2001 sulla privatizzazione del pubblico impiego e riconsegnare la Scuola dello Stato alla pura Istituzione di natura costituzionale; Se abbiamo perso 15 mila euro in questi 10 anni il motivo è proprio quello. Gli insegnanti sono professionisti della didattica e i professionisti devono essere retribuiti in modo serio. Gli inservienti dei servizi igienici sulle aree di servizio tedesche prendono di più dei prof italiani. Non sono queste le priorità? Io credo di si. Bisogna ribaltare il sistema partendo dei livelli di priorità.

Paolo Latella Segretario Unicobas Scuola & Università Lombardia Membro esecutivo nazionale
Fonte diritto scolastico prof. Salvatore Sias – direttivo Unicobas Scuola & Università Lombardia
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 26 giugno 2018 08:30:00 (656 letture)

(Leggi Tutto... | 10659 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Confintesa L.C. chiede il rinvio del concorso a Dirigente Scolastico e una soluzione per i ricorrenti del 2011
Sindacati
Il giovane sindacato si appella al Ministro dell'istruzione Bussetti per chiedere il rinvio del concorso a dirigente scolastico,  la cui data, per la prova pre selettiva, è fissata al 23 luglio. Fissare la pre selettiva al 23 luglio è una mossa azzardata, dichiara Adele Sammarro, Segretario generale di Confintesa L.C., perché va a penalizzare una intera categoria di docenti che non potranno dedicarsi alla preparazione dei quiz in maniera adeguata, poiché impegnati negli esami di maturità. E' risaputo che prima del 18 solitamente non si finisce, addirittura ci sono commissioni d'esami che terminano intorno al 20 luglio; ragion per cui il lasso di tempo da dedicare allo studio è troppo breve, per non parlare poi, di quei docenti che sono anche impegnati nell'Alternanza Scuola lavoro. Certamente, non si può discriminare in questi termini la categoria dei docenti.

Segretario generale di Confintesa L.C.
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 26 giugno 2018 08:00:00 (596 letture)

(Leggi Tutto... | 3326 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Riforma: La Cattiva scuola è ritornata buona?
Sindacati
In una dichiarazione ripresa dall’ANSA, rilasciata durante la presentazione della futura squadra del Governo targato M5S Giuseppe Conte disse: “rivedere, pressoché integralmente, la riforma della cattiva scuola”. Oggi invece nel discorso alla Camera ha detto che bisogna intervenire nella Buona Scuola perché non tutto va cancellato. Capisco che siamo all’inizio della legislatura ma bisogna essere chiari perché il popolo della scuola è stanco, è deluso, si è sorbito per 5 anni un venditore di pentole e successivamente un rappresentante di pentole e una senatrice con la terza media che hanno prima approvato una legge pericolosa e poi l’hanno applicata con i decreti attuativi. Fregandosene delle proteste e delle richieste di modifiche inviate in VII Commissione Cultura ed Istruzione della Camera dei Deputati presentate dal M5S e  dal mio sindacato Unicobas Scuola & Università. Quindi caro Presidente ci aspettiamo un chiarimento e soprattutto stiamo aspettando il Ministro Marco Bussetti, le sue linee chiare e concrete di indirizzo sulla buona scuola e sulla politica scolastica.

Paolo Latella
Insegnante e giornalista
Dirigente Nazionale Unicobas Scuola & Università
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 18 giugno 2018 08:30:00 (973 letture)

(Leggi Tutto... | 6012 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Chi si innamora troppo di sé stesso, non avrà contendenti
Sindacati
Il magistrale pensiero di Benjamin Franklin riassume perfettamente la sintesi del comunicato di Dirigentiscuola del 25 maggio scorso, allorquando rivendica la piena paternità della sentenza n. 1057 del Giudice di Napoli. L’estensore del comunicato, per dare una connotazione particolarmente colorita, si è letteralmente inventato che altri volessero appropriarsi del risultato della sentenza, dimenticando che è un’altra sentenza di un giusto riconoscimento nel giudizio di primo grado, ma purtroppo le numerose sentenze di primo grado ottenute sul territorio nazionale sono tutte naufragate nel giudizio di appello. Ciò induce ad affermare che, senza ombra di dubbio, a tutt’oggi non ci sono sentenze passate in giudicato che possano costituire almeno orientamento giurisprudenziale.

Alessandro Calbrese
alessandrocalab@libero.it
Postato da Salvatore Indelicato Venerdì, 08 giugno 2018 12:49:17 (834 letture)

(Leggi Tutto... | 4888 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Riforma: Appello dirigenti scolastici al nuovo Governo
Sindacati
Gent.mi
Il nostro Paese, e con esso il nostro sistema scolastico nazionale, necessitano della stabilità di governo e di amministrazione. Ci rivolgiamo a voi nella convinzione che, sulla base del mandato ricevuto possiate agire con cura e attenzione nei confronti della scuola italiana. In quanto Associazione professionale di Dirigenti scolastici Vi chiediamo di avviare con urgenza ogni possibile iniziativa per favorire un clima di reale alleanza educativa nel mondo della scuola, dove ogni componente ed ogni istituzione statale e non statale siano considerati parte attiva nel rinnovamento formativo, operando in modo che coloro che dirigono oggi le scuole statali e paritarie del sistema pubblico siano considerati come speciali alleati in questa impresa, cruciale per la realizzazione del  bene comune.

Ezio Delfino
Presidente nazionale DiSAL
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 03 giugno 2018 09:00:00 (662 letture)

(Leggi Tutto... | 5103 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Voce alla Scuola: NO all'Esercito nelle scuole, totale solidarietà ad Antonio Mazzeo
Sindacati
I COBAS esprimono totale solidarietà ad Antonio Mazzeo, docente dell'ICS "Cannizzaro - Galatti" di Messina, contro il quale la D.S (dirigente scolastica) dell'Istituto, dott.ssa G. Cacciola, ha promosso un procedimento disciplinare per aver contestato la presenza della propaganda militare e dell'Esercito nella propria scuola. I fatti: il 17 aprile del 2018 il predetto Istituto ha ospitato una delegazione della Brigata Aosta con la sua banda, che si è esibita a scuola. Nei giorni precedenti, il prof. Mazzeo, da sempre impegnato in difesa della pace e nella promozione della soluzione non violenta di tutti i conflitti, aveva inviato una lettera alla D.S. nella quale sottolineava di aver appreso dell'esistenza dell'iniziativa dalla stampa, che la stessa era in contrasto con i valori didattico-educativi dell'istituzione scolastica e che non era stata regolarmente deliberata dagli organi collegiali. Il docente concludeva esprimendo un totale dissenso "per questo pseudo-progetto "Militari-studenti [...] realizzato proprio nei giorni in cui si consuma l'ennesima tragedia di guerra internazionale utilizzando ancora una volta come piattaforma di morte la Sicilia e le sue basi militari". Successivamente, con modi coerenti e pacati, il professore aveva espresso pubblicamente le medesime riflessioni, che venivano divulgate su alcuni blog on line.

Piero Bernocchi
portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 24 maggio 2018 09:00:00 (395 letture)

(Leggi Tutto... | 4645 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 5)

Sicurezza: Basta con le aggressioni fisiche e il mobbing contro i/le docenti
Sindacati
Ultime notizie dalle scuole. 1) All'elementare Leopardi di Napoli, mamma-tigre aggredisce a cazzotti la maestra che le aveva sgridato il pargoletto: la maestra sviene ed è ricoverata in ospedale per trauma cranico. L'assatanata mammina rivendica davanti al preside l'accaduto, spalleggiata da altrettanto sciagurati parenti prontamente accorsi. 2) Al liceo classico Carducci di Viareggio una insegnante mette un 4 ad una studentessa, che chiama in soccorso un'altra mamma-tigre, che viene fatta entrare a scuola e aggredisce la professoressa colpevole dello "sgarro". Anche qui ricovero ospedaliero per la prof e grande sconcerto di preside e colleghi/e. E' solo il bilancio dell'ultimo fine settimana: ma l'elenco delle violenze fisiche di genitori (soprattutto) e di studenti (molto meno) si sta facendo lungo e impressionante. Però, ancor più diffuse einvasive, piuttosto che il cosiddetto "bullismo" degli studenti (termine buono per tutti gli usi), sono "le aggressioni verbali praticate dai genitori, che arrivano fino al mobbing e allo stalking nei confronti degli insegnanti", con gruppi agguerriti che, usando i social, esercitano una pressione verbale e psicologica ostile, intervenendo arbitrariamente nella didattica a favore dei propri figli e pretendendone il massimo successo scolastico (del genere "come ha osato mettere 4 a mio figlio? L'ho interrogato io e sapeva tutto"!!)."Questa attività asfissiante sfocia spesso in diffamazione pubblica, in vilipendio di docenti che, per inciso, sono anche "pubblici ufficiali"".

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 22 maggio 2018 08:30:00 (446 letture)

(Leggi Tutto... | 9185 bytes aggiuntivi | Sicurezza | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Organizzare e dirigere le scuole dell'autonomia - I. C. De Roberto, 25 maggio Catania
Sindacati
La DirScuola Soc. Coop. a r.l., ente di formazione per il personale della scuola accreditato dal MIUR, in collaborazione con ANP - sede territoriale di Catania, organizza il corso "Organizzare e dirigere le scuole dell'autonomia". Il corso ha per obiettivo l'acquisizione da parte dei corsisti delle competenze fondamentali per progettare, coordinare, organizzare la gestione delle istituzioni scolastiche autonome. In piena corrispondenza a quanto richiesto dal bando di reclutamento, DirScuola ha elaborato un percorso di formazione sulle competenze fondamentali del dirigente scolastico e dei docenti che ricoprono incarichi di tipo organizzativo. Sono garantiti moduli fruibili on line (video registrazioni con presentazioni di slides, materiali di studio, schede informative, bibliografia, rassegna normativa e sitografia), un servizio di risposte via email ai corsisti su quesiti relativi al percorso formativo. Le videoregistrazioni degli incontri in presenza saranno a disposizione dei corsisti in piattaforma. Verrà rilasciato attestato di partecipazione per un totale di 50 ore composte da: - 16 ore in presenza - 34 ore di studio sulla piattaforma.

segreteria@anp.it
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 20 maggio 2018 08:00:00 (690 letture)

(Leggi Tutto... | 4799 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Altri soldi 'a pioggia' ai dirigenti scolastici emiliani. Loro sono tutti meritevoli!
Sindacati
Lo scorso 4 maggio si è svolto un incontro nella sede dell'Ufficio Scolastico Regionale, al quale hanno partecipato i dirigenti dell'Amministrazione scolastica ed i sindacati che rappresentano la stessa dirigenza (organizzazioni che rappresentano anche i docenti), in quella sede hanno sottoscritto un'integrazione del loro Contratto Integrativo Regionale, già firmato nei mesi scorsi, che  prevede l'erogazione di una somma aggiuntiva alla retribuzione di risultato che tutti i ds già percepiscono "a pioggia". L'unica differenza è la scuola in cui operano. Dirigenti e sindacati dirigenziali hanno convenuto un'integrazione che andrà a tutti loro, varia dai 750 ai 1300 euro. Dice Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda Parma e Piacenza: "Spesso quando si rivolgono a noi parlano di "merito", certi usano spregiudicate e discrezionali "prerogative dirigenziali", come se fosse normale "comandare" senza avere il consenso necessario- contnua l'esponente della Gilda piacenina e parmense - non non chineremo mai la testa nei confronti di una minoranza che pretende di contare più del Collegio dei docenti".

gilda.insegnantiparma@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 10 maggio 2018 08:00:00 (348 letture)

(Leggi Tutto... | 2622 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Calendario scolastico: Il calendario scolastico della Regione Sicilia, secondo l’assessore Lagalla
Sindacati
Da qualche anno, le prerogative della Regione Sicilia in materia di Istruzione, lungi dal condurre all’approvazione della legge per il Diritto allo Studio di cui avremmo bisogno (la Sicilia è l’unica Regione italiana a non averne una), vengono esercitate con attenzione pressoché esclusiva al calendario scolastico regionale. E, quantunque la materia sembrerebbe di semplice applicazione, tale prerogativa viene esercitata con notevole imperizia, nonché con coerenza degna di miglior causa, nonostante l’avvicendarsi delle amministrazioni. In particolare, a sollecitare le interpretazioni creative degli amministratori regionali è l’art. 74 del d.lgs. n. 297/1994, il “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione”, che al comma 3 dispone che “Allo svolgimento delle lezioni sono assegnati almeno 200 giorni”. Questa disposizione, già in gran parte “tecnicamente” inapplicabile, per via del fatto che è stata concepita sull’articolazione dell’orario scolastico su sei giorni (mentre oggi la maggior parte delle scuole ha un orario distribuito su cinque giorni), non finisce di solleticare la fantasia e la creatività degli amministratori. La novità di quest’anno, ancora ufficiosa, ma anticipata a mezzo stampa dall’assessore Lagalla in persona, riguarda la stupefacente interpretazione del termine “lezioni”: ...

Cobas Scuola - Sicilia
cobas.pa@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 08 maggio 2018 08:00:00 (924 letture)

(Leggi Tutto... | 5300 bytes aggiuntivi | Calendario scolastico | Voto: 0)

Graduatorie: Cancellazione dalle GAE dei DM? Alcune precisazioni ...
Sindacati
Nei giorni scorsi, alcune notizie, precedute da titoloni fuorvianti e tendenziosi, ideati ad arte per acquisire "visualizzazioni" e consensi, hanno alimentato la già alta preoccupazione nelle migliaia di docenti della scuola primaria e dell'infanzia  in attesa di sapere quale sarà il loro destino. Inutile ricordare i fatti, ormai noti, come inutile è ricordare che senza il parere dall'Avvocatura di Stato, l'amministrazione che, indipendentemente dall'avvicendamento politico, esiste e deve rispondere della e sulla questione, non muoverà un dito, nonostante il tempo passi e la questione si faccia sempre più grottesca e grave. Il MIUR aveva garantito la conclusione dell'anno scolastico ma questa, apparsa come una rassicurazione, era una scontata certezza, vista la lentezza che caratterizza da un lato l'amministrazione stessa, dall'altro l'ambito giudiziario. Tuttavia, il problema non è tanto l'anno in corso ma la complessità della vicenda, le enormi disparità tra posizioni molto diverse, in termini di contratti, di prospettive, di condizioni tra persone presenti anche nei medesimi ricorsi.

Valeria Bruccola, Coordinatrice Nazionale Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 10 aprile 2018 12:00:00 (537 letture)

(Leggi Tutto... | 6141 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Organico diritto&fatto: Organici, un altro colpo alla scuola pubblica
Sindacati
I numeri dell’organico della scuola italiana, comunicati in questi giorni, rappresentano un ulteriore, duro, colpo all'istruzione pubblica e alle speranze di decine di migliaia di lavoratori e lavoratrici, in particolare del Sud del paese - ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI. Sono numeri ridicoli, inferiori persino a quello che era lecito attendersi sulla base delle scarse risorse dedicate a questo fine nel bilancio dello stato. E sono numeri che preannunciano gravi problemi per il prossimo anno scolastico. Un organico così dimensionato impedirà alla scuola italiana di svolgere compiti essenziali. Come sempre saranno i settori più deboli a pagare: le periferie, i ragazzi e le ragazze diversamente abili, gli studenti lavoratori.

pcistruzione@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 31 marzo 2018 09:00:00 (1375 letture)

(Leggi Tutto... | 2653 bytes aggiuntivi | Organico diritto&fatto | Voto: 0)

Contratto: Differenza fra sospensione attività didattiche e chiusura scuole solita disparità di trattamento
Sindacati
In questo ultimo periodo gli italiani hanno dovuto fare i conti con il Burian e il personale ATAanche con le solite disparità di trattamento fra loro e i docenti, perché nelle varie località colpite da nevicate eccezionali, gelicidio e quant’altro i sindaci o chi per essi hanno deciso, a seconda delle situazioni, di chiudere le scuole o di sospendere le attività didattiche per uno o più giorni; pertanto si sono avute modalità differenti di prestazioni di lavoro a seconda delle decisioni prese dagli organismi preposti.
Differenza fra sospensione attività didattiche e chiusura scuola
Con la "sospensione delle attività didattiche", dovuta ad eventi straordinari come ad esempio emergenze sanitarie o di pericolo, la scuola rimane aperta ma non si svolgono lezioni e solo il personale ATA deve recarsi a scuola (non lo devono fare allievi e docenti, perché è sospeso l’obbligo delle lezioni, a meno che non ci siano delle attività già programmate, che potranno comunque essere rimandate dal Dirigente). Se il personale ATA è impossibilitato a raggiungere la sede dovrà “giustificare” l’assenza ricorrendo ai permessi previsti dal contratto (ad esempio permessi retribuiti o non retribuiti o ferie). Con la "chiusura della scuola", disposta per eventi gravi e/o particolari (nevicate, alluvioni, elezioni politiche ecc .) si vieta l’accesso ...

La Direzione Nazionale FEDER.ATA
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 09 marzo 2018 07:00:00 (715 letture)

(Leggi Tutto... | 6432 bytes aggiuntivi | Contratto | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Dissenso, antifascismo e libertà: solidarietà alla maestra Cassaro
Sindacati
La vicenda di Lavinia Flavia Cassaro, maestra sospesa dal servizio per aver urlato la propria rabbia contro le forze dell'ordine è davvero il segno dei tempi che corrono e questi sono decisamente mala tempora. Lavinia, indicata dalla stampa borghese e perbenista come una "cattiva maestra", ha espresso il proprio dissenso contro quelle forze dell'ordine che durante le ultime manifestazioni antifasciste hanno caricato i cortei antifascisti a protezione di quei dichiarati fascisti di Casa Pound o Forza Nuova ai quali venivano concesse piazze e comizi nonostante quanto previsto dalla nostra Costituzione repubblicana costruita con il sangue e il sacrificio dei partigiani italiani. L'insegnante stigmatizzata dalla stampa e vista anche da alcuni colleghi come una "estremista" è tale solo di fronte a chi si è abituato al disprezzo dello stato sociale, dei diritti degli ultimi, dei valori della Repubblica, non ultimo l'antirazzismo.

scuola@usb.it
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 04 marzo 2018 12:00:00 (624 letture)

(Leggi Tutto... | 7300 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Generare cambiamento. Dirigere oggi la scuola di domani
Sindacati
Si svolgerà a Torino nei giorni 1 - 2 - 3 marzo 2018 il 31° Convegno nazionale di DiSAL, al quale parteciperanno Dirigenti scolastici, Responsabili di direzione, Figure di Staff, Docenti vicari e Direttori amministrativi delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado, con rappresentanti degli USR, degli AST, Dirigenti Tecnici, nonché a Responsabili istruzione e formazione degli Enti locali. Provenienti da ogni regione e dall'estero, i partecipanti si confronteranno su di un tema ricco o propositivo: "Generare cambiamento. Dirigere oggi la scuola di domani": al centro dell'appuntamento cultura, responsabilità e competenze per una nuova dirigenza. La scuola di oggi opera in un contesto che è investito in pieno dalle trasformazioni culturali di inizio millennio. Sono enormemente aumentati, sotto diversi profili, i sapere e gli strumenti, i mezzi e le facilitazioni a nostra disposizione in campo educativo: appaiono invece sfuggenti e indefiniti, prima ancora che le modalità di esercizio del compito educativo, il suo senso, il suo valore e la stessa desiderabilità del compito educativo, e di conseguenza i vissuti relativi a esso.

Ufficio stampa DiSAL
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 27 febbraio 2018 07:00:00 (725 letture)

(Leggi Tutto... | 5401 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Concorso Docenti: Concorso Docenti Abilitati. Un cammino di preparazione
Sindacati
L'UCIIM, (Unione Cattolica degli Insegnanti), promuove un cammino di accompagnamento per i docenti abilitati della scuola secondaria che si preparano al Concorso. Il corso prevede lezioni in presenza e materiale on line e guida alla preparazione della prova scritta. Gli incontri in presenza sono previsti a Palermo, Agrigento e a Catania, presso la sede UCIIM Via Cultraro,15 (zona Borgo-Orto Botanico- San Nicolò al Borgo). Prenotazione. Inviare e mail di adesione alla Presidente dell'UCIIM mabaiamonte_2017@libero.it
mabaiamonte_2017@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 25 febbraio 2018 07:00:00 (944 letture)

(Leggi Tutto... | 1890 bytes aggiuntivi | Concorso Docenti | Voto: 0)

Riforma: Scuola primaria e dell'infanzia e reclutamento: quale fase transitoria?
Sindacati
"Finalmente" è stato pubblicato il bando che permetterà l'avvio della cosiddetta fase transitoria per il reclutamento dei docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Più volte ho definito questo provvedimento una "toppa" che il MIUR ha messo su uno strappo del sistema di reclutamento voluto dal governo Renzi e normato dal governo successivo. Ma è evidente che, dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha chiuso le porte della stabilizzazione ai docenti della scuola primaria e dell'infanzia, questa toppa è striminzita e non copre affatto l'incresciosa situazione di tutti i docenti delle graduatorie d'istituto, acuita dalla citata sentenza. Se è vero che la fase transitoria dovrebbe restituire dignità professionale e prospettive a docenti abilitati estromessi dai piani di stabilizzazione previsti dalla legge 107, dopo la sentenza dell'Adunanza plenaria essa mette in evidenza la grave esclusione da qualsiasi forma di riconoscimento i docenti abilitati di seconda fascia destinati all'insegnamento nella scuola dell'infanzia e nella primaria.

Valeria Bruccola
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 17 febbraio 2018 10:00:00 (776 letture)

(Leggi Tutto... | 5989 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Personale ATA: Il rinnovo del contratto: menefreghismo, indifferenza e noncuranza verso gli ATA
Sindacati
Spett/le Ministra dell’Istruzione Sen. Fedeli,
dopo anni e anni di attese e speranze per un giusto riconoscimento del prezioso lavoro svolto quotidianamente, utile e indispensabile al buon funzionamento di tutte le attività svolte nelle Istituzioni Scolastiche, il Personale ATA, anche stavolta, in occasione del rinnovo contrattuale, è stato completamente ignorato, mortificato e abbandonato; peggio di così non poteva andare. Gli aumenti stipendiali accordati agli ATA sono inaccettabili, irrisori, squallidi e insignificanti, forse neppure degni di oboli concessi per pietà; nonostante ciò, la stampa e l’opinione pubblica riportano a grandi titoli cifre inesatte e ingigantite, giustamente siamo in campagna elettorale e queste notizie servono per ricevere consensi, ma tutti sappiamo che la realtà è ben diversa. Inoltre gran parte delle norme contenute nel nuovo Contratto sono imperiose, palesi e arcinote ormai da tempo, spesso inadatte e inopportune per un ambiente scolastico / educativo, adottabili in rarissimi casi. Spett/le Ministra, l’aspetto più sconcertante e sconvolgente per il Personale ATA è rappresentato dall’art. 34 “Commissione per l’ordinamento professionale personale ATA”, dalla cui attenta lettura, si evince ancora una volta, a chiare note, la precisa intenzione di continuare a prendere in giro tutti gli ATA delle Istituzioni Scolastiche Italiane.

La Direzione Nazionale Feder.ATA
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 11 febbraio 2018 09:00:00 (1242 letture)

(Leggi Tutto... | 5075 bytes aggiuntivi | Personale ATA | Voto: 0)

Contratto: In arrivo nel prossimo contratto un codice etico per i professori? Lo stato di polizia dentro la scuola è servito!
Sindacati
Via i docenti contrastivi e polemici.
La scuola sta pericolosamente cambiando, non la riconosco più, sempre più lontana da quel luogo dove si dovrebbe respirare cultura, dove si aiutano gli studenti ad acquisire il sapere critico, dove si respira libertà e democrazia. La fiducia è un sentimento di sicurezza che deriva dal confidare in qualcuno o in qualcosa. E’ una convinzione personale di correttezza e verità e non può essere forzata. Se si ottiene la fiducia di qualcuno si è stabilita una relazione interpersonale sulla comunicazione e sulla condivisione di valori ed esperienze. La fiducia dipende sempre dalla reciprocità. Il rapporto che si crea tra studente ed insegnante è fondamentale e si basa sulla fiducia, sulla correttezza, sulla verità. Il comportamento del docente diventa spesso un modello educativo da seguire per gli studenti.

Paolo Latella - Insegnante e giornalista
Unicobas Scuola & Università
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 05 febbraio 2018 09:00:00 (915 letture)

(Leggi Tutto... | 9665 bytes aggiuntivi | Contratto | Voto: 0)

Graduatorie: Diplomati magistrali, Fase transitoria, SFP, ITP, AFAM: nessuna soluzione all'orizzonte!
Sindacati
Le cronache delle prime settimane dell'anno hanno acceso i riflettori su una parte delle questioni che, dopo la famosa sentenza del Consiglio di Stato, riguarda i docenti diplomati magistrali, una pesante ipoteca per cui non si intravede una imminente soluzione. È vero che da ogni parte del Paese si susseguono mobilitazioni significative ma la piega che sta prendendo la vicenda, per la quale si auspicava una soluzione veloce, non lascia ben sperare. Sembra essere in una fase di stallo e a poco servono le rassicurazioni verbali da parte del MIUR che non muove un dito affinché si gestiscano e risolvano le assurde disparità generate dalla sentenza del Consiglio di Stato. Sono a rischio i ruoli, tanto per i diplomati magistrali quanto per i docenti della secondaria, assunti dalle GAE prima della sentenza stessa. E' a rischio la tenuta della scuola e sarà disattesa l'equità che dovrebbe essere garantita dal diritto, qualora non si trovasse una soluzione immediata.

adida.associazione@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 28 gennaio 2018 07:00:00 (1992 letture)

(Leggi Tutto... | 4439 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Aggiornamento: Convegno 'Far crescere la persona – La scuola di fronte al mondo che cambia'
Sindacati
Si rende noto che le associazioni professionali Diesse ed Uciim propongono agli insegnanti di ogni ordine e grado il Convegno “Far crescere la persona - La scuola di fronte al mondo che cambia”, che si terrà a Catania nei giorni 26 febbraio, 7, 14 e 15 marzo. Il Convegno, rivolto a dirigenti e docenti di ogni ordine e grado, intende sviluppare un’articolata riflessione sul mondo della scuola di fronte al mondo che cambia, toccando i nervi scoperti del problema educativo e formativo, e rilanciando un dibattito che vuole trovare nuovi spunti e nuove piste di lavoro. Il Convegno ospiterà gli interventi di personalità specialistiche del mondo scientifico e universitario, con un taglio strettamente legato alla realtà della scuola.

farcrescerelapersonaconvegno@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 25 gennaio 2018 08:30:00 (766 letture)

(Leggi Tutto... | 4196 bytes aggiuntivi | Aggiornamento | Voto: 0)

Graduatorie: La lotta delle maestre/i diplomate/i magistrali è un passaggio cruciale
Sindacati
La lotta delle diplomate/i magistrali è ad un passaggio cruciale: dall’Assemblea Nazionale dei COBAS della Scuola un appello alla responsabilità. Concentrare le lotte, unificare le legittime richieste di tutto il precariato della scuola. L’Assemblea Nazionale dei COBAS della Scuola, tenutasi a Roma il 20 e 21 gennaio, oltre a preparare la campagna per le imminenti elezioni delle RSU che si svolgeranno con meccanismi antidemocratici che favoriscono sfacciatamente i sindacati di Palazzo, e oltre ad aver valutato con estremo allarme la possibile chiusura, tra il governo e i suddetti sindacati, di un contratto catastrofico sia sul piano normativo che salariale, ha discusso a fondo della eccellente lotta delle diplomate/i magistrali, della grande importanza che tale lotta raggiunga i risultati che si prefigge, e della necessità di proporre obiettivi che unifichino il variegato e spesso inter-conflittuale precariato scolastico.

Piero Bernocchi  portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 24 gennaio 2018 07:30:00 (544 letture)

(Leggi Tutto... | 6568 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Grande successo dello sciopero e della manifestazione al MIUR delle diplomate/i magistrali
Sindacati
Grande successo dello sciopero e della manifestazione nazionale delle diplomate/i magistrali, almeno 5000 maestre/i protestano al MIUR durante tutta la giornata. Ora il movimento di lotta deve riunirsi in assemblee provinciali/regionali, verso una Assemblea nazionale che produca una piattaforma unitaria e le prossime iniziative di lotta. E’ terminata poco fa, dopo otto ore, l’eccellente manifestazione di protesta delle maestre/i diplomate/i magistrali contro l’inaccettabile sentenza del Consiglio di Stato che vorrebbe annullare i diritti acquisiti di questa importante parte della categoria, sentenza che va contro tutte le precedenti che in questi anni avevano dato ragione a decine di migliaia di docenti che adesso si vedono negare persino il diritto all’inserimento nelle Graduatorie a Esaurimento (GAE), e che vengono retrocessi a docenti di serie C.

Piero Bernocchi  portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 09 gennaio 2018 09:00:00 (848 letture)

(Leggi Tutto... | 5515 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Plenaria: mobilitazione per l’8 gennaio. Il movimento dei precari della scuola non si arresta e non si arrende
Sindacati
È di queste ultime ore la pubblicazione delle decisioni dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato in merito alla posizione degli insegnanti in possesso di diploma magistrale. A distanza di numerosi anni dai primi provvedimenti favorevoli che hanno permesso ad oltre 3.000 docenti l'ingresso nelle GAE, oggi il Consiglio di Stato ribalta le decisioni precedenti statuendo che il diploma magistrale conseguito entro l'a.s. 2001/2002 "non ha mai costituito titolo sufficiente per l'inserimento nelle graduatorie permanenti". Nella decisione difatti si legge che "il diploma magistrale, se conseguito entro l'a.s. 2001/2002, rimane titolo di studio idoneo a consentire la partecipazione alle sessioni di abilitazione all'insegnamento o ai concorsi per titoli ed esame apposti all'insegnamento, ma di per se non consente l'immediato accesso ai ruoli. Il valore legale conservato in via permanente, quindi, si esaurisce nella possibilità di partecipare alle sessioni di abilitazione o ai concorsi".

adida.associazione@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 22 dicembre 2017 07:00:00 (1272 letture)

(Leggi Tutto... | 8061 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Alternanza Scuola Lavoro: Associazioni escluse dall'alternanza scuola lavoro: DiSAL al Ministro
Sindacati
Desidero segnalare con disappunto alla S.V. il mancato invito dell'Associazione DISAL agli Stati Generali dell'Alternanza scuola lavoro che si svolgeranno a Roma il giorno 16 dicembre 2017 di cui si è appresa notizia dalla stampa e dal sito del MIUR. L'occasione di una prima lettura del tema dell'Alternanza Scuola Lavoro a tre anni dalla sua implementazione non poteva non prevedere, insieme ai "rappresentanti delle studentesse e degli studenti, dei genitori, del mondo della scuola, dei sindacati, delle imprese e delle istituzioni coinvolte", una partecipazione anche delle realtà associative dei dirigenti di scuole sia statali che paritarie, quale è DiSAL, impegnati in prima fila a sostenere, implementare e realizzare il nuovo modello di arricchimento dei curricoli.

Ezio Delfino
Presidente nazionale DiSAL
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 17 dicembre 2017 07:30:00 (945 letture)

(Leggi Tutto... | 2749 bytes aggiuntivi | Alternanza Scuola Lavoro | Voto: 0)

Aggiornamento: Quale contratto, quale stato giuridico e quale scuola per gli insegnanti 2.0?
Sindacati
Convegno “Quale contratto, quale stato giuridico e quale scuola per gli insegnanti 2.0?” organizzato dall'Associazione Unicorno l'AltrascuolA in collaborazione con l'Unicobas Scuola&Università, mercoledì 20 dicembre 2017 ore 9.00 / 13.00 Aula Magna I.P.S.I.A. "Di Marzio – Michetti" Via Arapietra, 112 – Pescara. Relatori: prof. Stefano d'Errico (Segretario Nazionale Unicobas Scuola&Università); prof.ssa Laura Bagattini (Segretaria Regionale Abruzzo Unicobas Scuola&Università), h. 12.00 Dibattito. Esonero dal servizio fruibile da tutti i docenti e gli ATA, di ruolo e non, ai sensi dell'art. 64, commi 4 e 5, del vigente CCNL. Per prenotare l'attestato di partecipazione, anticipare la presenza via mail a: unicorno.altrascuola@tiscali.it

unicobas.rm@tiscali.it
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 13 dicembre 2017 08:30:00 (723 letture)

(Leggi Tutto... | 2345 bytes aggiuntivi | Aggiornamento | Voto: 0)

Bonus premiale: Basta con il premio di sedicente 'merito' ai/alle fedelissimi/e dei dirigenti scolastici, basta con il 'cerchio magico' del preside
Sindacati
Il Dipartimento per il coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il 19 ottobre '17, ha riconosciuto il diritto di ogni docente di accedere all'intera documentazione relativa all'assegnazione del "bonus", il sedicente "premio di merito". Ha infatti dato ragione a un insegnante che aveva richiesto, invano, al proprio preside "copia delle schede individuali relative alla valutazione ai fini dell'attribuzione del bonus di merito di ogni singolo docente che lo precede in graduatoria e griglia di valutazione completa". E ciò perché, secondo la Presidenza del Consiglio, chi richiede atti relativi a una procedura alla quale ha partecipato vanta "un interesse all'accesso de quo, previsto e tutelato dal combinato disposto degli artt. 7 e 10 della legge 241/90". Con questo chiaro e incontestabile pronunciamento si dovrebbe, perciò, mettere fine alla grottesca procedura che ha finora caratterizzato, in quasi tutte le scuole e su suggerimento del MIUR, l'assegnazione del premio. La stragrande maggioranza dei dirigenti scolastici, infatti, non ha pubblicato né le graduatorie con le relative motivazioni, né, tanto meno, gli importi assegnati ai singoli premiati/e, presunti "migliori".

Piero Bernocchi;; portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 27 novembre 2017 08:00:00 (982 letture)

(Leggi Tutto... | 4640 bytes aggiuntivi | Bonus premiale | Voto: 5)

Manifestazioni non governative: Inaudito: caricati gli insegnanti di Cobas e Unicobas in sciopero
Sindacati
Eravamo davanti al MIUR e avevamo finito di ascoltare gli interventi di Piero Bernocchi (Cobas) e Stefano d’Errico (Unicobas). Ci siamo allora messi in corteo ed hanno cominciato a fare storie sui numeri. Poi quando ci ha raggiunto l’altro pezzo di corteo ci hanno detto che dovevamo essere ancora di più. Noi gridavamo “corteo corteo “. Dopo ci hanno detto che non potevamo partire perché non potevamo bloccare il traffico. Allora la polizia è avanzata e ha cominciato a manganellare con almeno due feriti tra i manifestanti (uno dei quali ricoverato all’Ospedale Santo Spirito con un copioso taglio sul cuoio capelluto). Non contenti i poliziotti hanno caricato ancora una volta, mentre noi gridavamo “vergogna vergogna”! Subito dopo ci hanno detto che se nascondevamo le bandiere ci avrebbero fatto passare alla chetichella. A quel punto eravamo disorientati e stavamo per accettare ... ma quando

Stefano d’Errico (Segretario nazionale Unicobas Scuola&Università)
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 11 novembre 2017 08:00:00 (757 letture)

(Leggi Tutto... | 5661 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Sciopero generale il 10 novembre 2017
Sindacati
Il 10 novembre scioperano la Scuola, i Trasporti, la Sanità, il Pubblico Impiego e il Lavoro Privato contro le politiche economiche e sociali del governo e la sua Finanziaria. Manifestazioni in molte città, a Roma al MIUR (ore 9.30) e al Parlamento (ore 11.30), al Ministero della Salute (ore 9). Il 10 novembre, indetto dai COBAS e da altre strutture del sindacalismo alternativo, si svolgerà lo sciopero di tutto il lavoro dipendente, dalla Scuola ai Trasporti, dalla Sanità alle Telecomunicazioni, nel Pubblico Impiego e nel Lavoro privato. Si svolgeranno manifestazioni in molte città d'Italia e in Sicilia a: PALERMO, ore 9:00 corteo da piazza Croci - CATANIA, ore 9:30 presidio davanti la prefettura in via Etnea.

Piero Bernocchi  portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 09 novembre 2017 07:30:00 (696 letture)

(Leggi Tutto... | 4144 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Il Consiglio nazionale di DiSAL a Matera, capitale europea della Cultura 2019
Sindacati
La situazione professionale di chi dirige scuole oggi in Italia è tra le più confuse e problematiche nell'ambito dei servizi pubblici e della dirigenza in particolare. Tanti sono gli episodi recenti o meno a questa conferma. Persino gli annunci sullo stipendio si sono rivelati alla realtà dei fatti ben diversi dai proclami. Mai come in questi anni la scuola è balzata agli onori della cronaca, ma di solito solo per danni, crimini o disgrazie, mettendo in sordina l'urgenza di risposte al rinnovamento culturale ed alle emergenze educative, senza saper valorizzare il grande bene e l'impegno profuso da molti nell'aprire ogni giorno le porte delle scuole per la formazione dei ragazzi. Il tutto avviene in una situazione fortemente contraddittoria: mentre tanti invocano maggiore e migliore formazione, la situazione normativa, sociale, strutturale, organizzativa ed economica della scuola resta tra le più trascurate.

ufficiostampa@disal.it
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 08 novembre 2017 07:00:00 (706 letture)

(Leggi Tutto... | 3647 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Concorsi: La Fedeli annuncia i nuovi concorsi, ma i Commissari dell’ultimo consorso 2016 sono ANCORA in attesa di essere retribuiti e rimborsati!
Sindacati
ll Ministro Fedeli pensa ai Concorsi per docenti abilitati entro il 2017 e per i non abilitati nel 2018, ma dimentica di non aver ancora "pagato" i commissari del Concorso 2016. La denuncia arriva dal sindacato ASA Scuola, che resta basito dalle  ultime dichiarazioni del Ministro Fedeli (rilasciate durante la conferenza programmatica del PD); in pratica il sindacato sottolinea che ad oggi in molte regioni italiane i presidenti ed i commissari del Concorso a cattedra bandito nel 2016, non sono stati ancora pagati. «Il reclutamento del Concorso a cattedra bandito nel 2016 è stato molto difficile - sottolinea il segretario del sindacato ASA Scuola, Stefano Guarnera - in quanto le condizioni proposte erano veramente "ridicole": un compenso forfettario tra i 200 a 250 euro più un'indennità di 50 centesimi per ogni candidato esaminato. Gli insegnanti ed i Dirigenti scolastici che hanno comunque accettato, per spirito di servizio e abnegazione, hanno dovuto inoltre anticipare personalmente le spese di vitto, alloggio e spostamenti che ad oggi, a più di un anno, non sono neanche state rimborsate!

Sindacato ASA Scuola
segreteria@asascuola.it
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 01 novembre 2017 08:00:00 (1233 letture)

(Leggi Tutto... | 5315 bytes aggiuntivi | Concorsi | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Il 10 novembre sciopero generale della scuola
Sindacati
50 euro di elemosina per i docenti e ancor meno per gli ATA e 500 di aumento per i presidi, 10 volte tanto: basta con lo strapotere dei dirigenti scolastici! Il 10 novembre la scuola sciopera contro la politica scolastica del governo e l’inserimento nel contratto della legge 107, per il recupero almeno del 20% di salario perso in 10 anni. Le notizie riguardanti docenti ed ATA, che giungono dal fronte della Legge di Bilancio che verrà discussa in Parlamento nei prossimi giorni, sono micidiali. Dopo quasi dieci anni di blocco contrattuale, durante i quali hanno perso circa il 20% del salario reale, il governo annuncia che, col prossimo contratto, ad essi/e verrà restituito a mala pena il 3% (45-50 euro netti in media) e per giunta in un biennio, mentre per i presidi si prepara un aumento dieci volte tanto, di 500 euro mensili, per un totale di 11 mila euro lordi annui.

Piero Bernocchi  portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 31 ottobre 2017 07:00:00 (814 letture)

(Leggi Tutto... | 6009 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

INVALSI: Invalsi: la Gilda di Parma e Piacenza chiede una trattativa decentrata all'Invalsi
Sindacati
La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza ha notificato all’Invalsi una formale richiesta di trattativa decentrata relativa alle attività, che tale ente, per il tramite dei Dirigenti Scolastici richiede ai docenti. Anche se la normativa vigente (art. 7 comma 5 del Decreto Legislativo  62 del 13 aprile 2017) prevede che lo svolgimento delle attività di rilevazione Invalsi, sia da considerare quale attività ordinaria d’Istituto, la Gilda di Parma e Piacenza pone l’accento sul post svolgimento delle prove in seconda e quinta primaria e nelle seconde della scuola di 2° grado. L’Invalsi  non si preoccupa di gestire il lavoro di data entry nelle sue piattaforme informatiche, per tale incombenza non viene esperita alcuna gara d’appalto, né viene proposto un compenso per il personale scolastico. Talvolta ci si trova di fronte a dirigenti scolastici che pretendono tale attività di inserimento dati come se fosse ...

gildaparma@gmail.com
per contatti tel 338 8103820
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 30 ottobre 2017 09:00:00 (643 letture)

(Leggi Tutto... | 3428 bytes aggiuntivi | INVALSI | Voto: 0)

Personale ATA: Sostituzioni ATA: qualche timida speranza
Sindacati
Gentili Colleghi,
La manovra di bilancio 2018/2020 è stata discussa dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 Ottobre 2017, e come previsto, è attesa in Parlamento per la discussione e l'approvazione definitiva. Sappiamo con certezza che la bozza di Decreto tiene conto principalmente dei Dirigenti Scolastici come guide e leaders delle nostre Istituzioni Scolastiche, premiandoli principalmente sul piano economico con un aumento netto di circa 400,00 EUR mensili, e l' aggiornamento dei loro stipendi partirà da Settembre 2018. La bozza della Legge di Bilancio 2018 appena trattata dal Consiglio dei Ministri, prevede una modifica all'articolo 1, comma 332 della Legge di Stabilità del 2015, che vieta ai Dirigenti Scolastici, dal 1 settembre 2015, di conferire le supplenze agli Assistenti Tecnici in modo assoluto, agli Assistenti Amministrativi quando l'organico di diritto è di tre unità o più, e ai Collaboratori Scolastici per i primi sette giorni di assenza del titolare.

La Direzione Nazionale Feder.ATA
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 29 ottobre 2017 07:30:00 (1148 letture)

(Leggi Tutto... | 4168 bytes aggiuntivi | Personale ATA | Voto: 0)

Graduatorie: In arrivo la Risoluzione per i docenti della scuola primaria e dell'infanzia
Sindacati
Sappiamo tutti che il 15 novembre si terrà l'adunanza plenaria che deciderà in merito alla vicenda legale dei Diplomati magistrali inseriti in graduatoria ad esaurimento con provvedimenti cautelari. Ci si augura che, confermando quanto ha già espresso, il Consiglio di Stato confermi gli inserimenti e detti le linee necessarie ad uniformare i termini di una vicenda che ha assunto contorni regionalistici, quando non addirittura territoriali, determinando negli ultimi due anni disparità notevoli tra vari ricorrenti degli stessi ricorsi e  tra un ricorso e l'altro. Tuttavia, per poter dare attuazione di quanto la Plenaria deciderà, sarà necessario un atto di indirizzo politico che detti le linee affinché si proceda, a livello amministrativo, nel definire la vicenda dei docenti interessati dai ricorsi. Quale sarà l'esito, pur mantenendo vivo l'ottimismo, non si potrà non assumersi la responsabilità di valutare come porsi di fronte al numero rilevante di docenti che, a seguito delle immissioni in ruolo, ormai costituiscono una presenza strutturale.

Valeria Bruccola
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 29 ottobre 2017 06:00:00 (994 letture)

(Leggi Tutto... | 4673 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: DiSAL e ANDIS alla Camera per dirigenti scolastici e sicurezza. Chiedono un intervento legislativo urgente
Sindacati
Pienamente riuscito il confronto tra deputati, giuristi, esperti e Associazioni professionali dei dirigenti scolastici DiSAL e ANDiS  ieri, 25 ottobre 2017, presso la Sala Salvadori di Palazzo Montecitorio durante il Seminario sul tema 'Sicurezza e responsabilità dei dirigenti scolastici. Verso una soluzione legislativa?'.   Un consenso positivo tra politici ed esperti che può favorire l'arrivo nell'aula della Camera delle prima proposta di legge per rivedere la responsabilità dei dirigenti scolastici in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro e investirne gli enti proprietari. Ridiscutere l'anomala definizione di "datore di lavoro" del dirigente scolastico, che non dispone di strumenti e condizioni per i necessari interventi, è diventato sempre più urgente, dopo le vicende di condanne di presidi che hanno fatto scalpore e dopo il dilagare delle situazioni di grave precarietà di moltissimi edifici scolastici.

ufficiostampa@disal.it
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 27 ottobre 2017 07:30:00 (733 letture)

(Leggi Tutto... | 3596 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Riforma: Bocciamo i licei brevi
Sindacati
Rivolgiamo un forte appello affinché gli organi collegiali delle scuole superiori rifiutino di partecipare alla sperimentazione dei cosiddetti licei brevi, che consentono un percorso quadriennale di studi al posto di quello di cinque anni. Bocciare questa idea malsana significa salvaguardare la crescita culturale delle giovani generazioni, impedire un ulteriore destrutturazione della scuola pubblica, difendere occupazione e condizioni di lavoro di docenti e di personale tecnico ed amministrativo - ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI. Entro il 13 novembre gli istituti possono “candidarsi” ad essere tra le cento cavie che sperimenteranno, in tutta Italia, quest’altro passo della controriforma dell’istruzione ...

pcistruzione@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 27 ottobre 2017 06:00:00 (1937 letture)

(Leggi Tutto... | 2421 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Vittoria dei Cobas e delle scuole: il preside non può violare le delibere degli Organi Collegiali - Verso lo sciopero generale del 10 novembre
Sindacati
Pino Iaria, docente di matematica dell'I.I.S. Boselli di Torino e membro dell'Esecutivo Nazionale COBAS, in quest'anno scolastico era stato assegnato dal preside ad altra scuola, in violazione della continuità didattica e malgrado Collegio Docenti e Consiglio d'Istituto avessero indicato quale primo criterio di assegnazione proprio tale continuità. Insieme a Iaria anche altre/i docenti sono stati/e spostati dalle loro classi, esclusivamente a causa del loro contrasto con il preside. In particolare lo spostamento di Iaria era determinato da ragioni ritorsive stante l'attività sindacale del docente che ha denunciato più volte sia in Collegio che all'USR condotte non conformi ai doveri professionali da parte del preside (tramite una puntuale verifica dei progetti e delle spese dell'Alternanza scuola-lavoro), nonché le pressioni del dirigente per "ritoccare" verbali di scrutini, ricevendo una contestazione disciplinare, poi archiviata dopo le puntuali controdeduzioni. E a conferma di tale atteggiamento vessatorio, in data 18.5.2017 nel corso del Comitato di valutazione il preside si era rivolto al prof. Iaria affermando: "io la sposterò di sede perchè lei è un elemento disturbatore".

Piero Bernocchi - portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 26 ottobre 2017 06:00:00 (789 letture)

(Leggi Tutto... | 5527 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Aggiornamento: Una risorsa educativa della scuola. Convegno regionale degli Insegnanti di Religione Cattolica
Sindacati
Si è tenuto a Palermo  il convegno CISL sull'IRC dal titolo: "L'I.R.C. Una risorsa educativa della scuola". I lavori, coordinati   dalla Segretaria Regionale CISL scuola, Prof.ssa Francesca Bellia, si sono aperti con l’intervento del Prof. Carmelo Mirisola, responsabile provinciale del dipartimento IRC della CISL scuola di Catania , il quale ha richiamato alcune problematiche riguardanti la categoria ed ha ricordato come si sia arrivati al primo concorso grazie all’azione della CISL. In videoconferenza il Preside Sergio Cicatelli, Direttore dell’Ufficio Scuole Cattoliche  presso la CEI.  ha auspicato l’espletarsi a breve di un concorso per gli IdR al fine di ripristinare il 70%  dei posti,  come già previsto dalla legge 186/2003, che sancisce l’indizione  triennale del concorso per i docenti di religione.

prof. Manuli Sergio
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 24 ottobre 2017 19:00:00 (835 letture)

(Leggi Tutto... | 5005 bytes aggiuntivi | Aggiornamento | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Presidi indignati manifesteranno spontaneamente a Roma il 21 ottobre 2017
Sindacati
Tutto è nato sul web e su facebook senza alcun apparato, senza risorse e senza sponsorizzazioni da parte di 1.500 presidi indignati al grido PEREQUAZIONE e SICUREZZA.
Un movimento spontaneo sorprendente che in pochi mesi è esploso sulla chat di telegram “ Soli dirigenti “ e sul sito facebook collegato, anch’esso costituito di “ SOLO DIRIGENTI”
Il movimento è trasversale a tutti i sindacati e a tutte le associazioni di dirigenti scolastici e si pone l’obiettivo di costituirsi in associazione nazionale per la dignità dei presidi, offesi da una retribuzione mortificante senza perequazione e senza RIA e minacciati e inquisiti dalle istituzioni dello Stato deputate alla sicurezza che invece di aiutare i presidi li arrestano e li multano tempestandoli di molestie burocratiche.
Postato da Salvatore Indelicato Martedì, 17 ottobre 2017 11:55:40 (1737 letture)

(Leggi Tutto... | 8957 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Dirigenti Scolastici: Al via l’associazione dei dirigenti scolastici solo dirigenti
Sindacati
Sabato 21 Ottobre, a Roma, presso il Liceo Artistico “Enzo Rossi”, nascerà l’associazione SOLO DIRIGENTI, davanti ad una rappresentanza di oltre duecento dirigenti scolastici provenienti da tutta Italia.
Si chiamerà SOLO DIRIGENTI Il movimento nazionale che proverà a unire i dirigenti scolastici di tutta Italia. Un movimento nato sui social e che in pochi mesi ha raccolto oltre mille aderenti nell’intera Penisola.
Oltre duecento di questi si incontreranno, per la prima volta, con l’intento condiviso di far sentire la propria voce, troppo spesso non ascoltata. «In un contesto di generale depauperamento della scuola italiana, la condizione dei dirigenti scolastici, negli ultimi anni, è andata sensibilmente peggiorando. Stipendi inadeguati, un carico notevole di responsabilità, con la gestione di una, due, tre e più scuole, di migliaia di studenti, di centinaia di docenti e ATA;  problemi legati alla sicurezza di edifici, il più delle volte, obsoleti e non a norma, su cui non si può intervenire».
Postato da Salvatore Indelicato Lunedì, 16 ottobre 2017 10:32:10 (1431 letture)

(Leggi Tutto... | 5669 bytes aggiuntivi | Dirigenti Scolastici | Voto: 0)

Lavoro: Lettera a DS Sicilia su recupero giorni sospensione attività didattica 2017.18
Sindacati
Chiarimenti sull'art. 4 del D. A. n. 6378 del 22.08.2017 relativo al recupero dei giorni di sospensione didattica deliberati dalle istituzioni scolastiche. L'inizio del nuovo anno scolastico ha visto l'affermarsi tra un numero consistete di Dirigenti Scolastici della nostra Regione di un'interpretazione che riteniamo errata dell'art. 4 in oggetto laddove recita: "prevedendo, ai fini della compensazione delle attività non effettuate, modalità e tempi di recupero in altri periodi dell'anno stesso". Già lo scorso anno scolastico, a fronte di un'identica formulazione del citato art. 4, abbiamo avuto notizia di Dirigenti Scolastici che hanno escogitato i più fantasiosi modi per far recuperare ai docenti i giorni di sospensione didattica deliberati dal Consiglio d'Istituto "ai fini della compensazione delle attività non effettuate".

cobasscuolapa@fastwebnet.it
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 09 ottobre 2017 07:30:00 (1327 letture)

(Leggi Tutto... | 4027 bytes aggiuntivi | Lavoro | Voto: 0)

Alternanza Scuola Lavoro: Gravissimo l'incidente dello studente spezzino, basta con l’alternanza scuola lavoro!
Sindacati
L'incidente di cui è stato vittima lo studente dell'istituto professionale "Capellini-Sauro" di La Spezia, impegnato in un progetto di alternanza scuola/lavoro in un’azienda di riparazione di motori nautici è gravissimo e rivelatore. Siamo di fronte al fatto inaccettabile che un ragazzo che frequenta una scuola statale si ritrovi gravemente ferito per essere stato, dalla stessa scuola, coinvolto in un’attività del tutto impropria. Chiediamo che sull’episodio sia fatta piena e immediata chiarezza ed il Ministero dell’Istruzione risponda seriamente evitando, com’è solito fare, inutili frasi di circostanza. L’alternanza scuola lavoro introdotta dalla “buona scuola” renziana si rivela, ogni giorno di più, come un elemento incompatibile con una scuola democratica, qualificata e seria.

Matteo Bellegoni segretario regionale PCI
Luca Cangemi responsabile nazionale scuola PCI
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 09 ottobre 2017 07:00:00 (976 letture)

(Leggi Tutto... | 2778 bytes aggiuntivi | Alternanza Scuola Lavoro | Voto: 5)

Manifestazioni non governative: Il 10 novembre sciopero generale della scuola contro la politica scolastica del governo e lo strapotere dei presidi
Sindacati
Durante lo scorso anno scolastico, pur lottando con forza e continuità, non siamo riusciti ad impedire che gli otto decreti attuativi della legge 107, varati dal governo Gentiloni per chiudere nella gabbia della "cattiva scuola" docenti, ATA e studenti, venissero approvati dal Parlamento e aggravassero ulteriormente i disastri della legge. A partire dai superpoteri dei presidi - che disgregano il tessuto unitario e collaborativo nelle scuole con soprusi continui nei confronti dei docenti ed ATA che non si piegano alle sciagurate logiche aziendalistiche - al dilagare di una grottesca "Alternanza scuola-lavoro", forma sfacciata di apprendistato gratuito e inutile; dalla centralità data agli assurdi quiz Invalsi al famigerato "bonus" per gli insegnanti più "collaborativi"; dalla chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi (in estate naufragata ma già riproposta pervicacemente) alla minaccia della riduzione di un anno di scolarità: tutti gli effetti nefasti della politica scolastica governativa sono oramai squadernati in forma eclatante.

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS - Stefano d'Errico  segretario nazionale UNICOBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 01 ottobre 2017 08:00:00 (1222 letture)

(Leggi Tutto... | 4910 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Integrazione sociale: Il sogno inclusione nella scuola. Un convegno UCIIM che ricorda i quarant’anni della Legge 517, apripista nel sentiero dell’integrazione
Sindacati
Lo scorso anno erano quasi 225mila gli alunni diversamente abili che frequentavano la scuola pubblica statale, quest'anno il dato è aumentato di circa 10mila unità. Nella scuola primaria sono oltre 83mila gli alunni iscritti e frequentanti e nella scuola secondaria di II grado con circa 66mila studenti. Questi dati sono stati presentati nel corso del seminario di studio promosso dall'UCIIM di Catania, in collaborazione con l'UCSI e l'Ordine dei Giornalisti, per ricordare i 40 anni della Legge 517 del 1977. Giornalisti e docenti hanno avuto modo di riflettere e ripercorrere il cammino dell'integrazione scolastica, che colloca la scuola e la società italiana ai primi posti, almeno per l'apparato legislativo.

Giad
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 01 ottobre 2017 07:30:00 (1089 letture)

(Leggi Tutto... | 5952 bytes aggiuntivi | Integrazione sociale | Voto: 0)

Graduatorie: ITP: la battaglia adesso è vostra!
Sindacati
È sempre la stessa musica: mano a mano che si cerca di far emergere le contraddizioni subite da una categoria e si ricorre alla sfera giudiziaria, a causa della chiusura politica che da anni ormai caratterizza il sistema di reclutamento nella scuola statale, si scatenano guerre fratricide e reazioni di contrasto immotivate quanto poco degne della categoria che rappresentiamo, quella degli insegnanti. Adesso, dopo l'annosa e ben nota vicenda dei diplomati magistrali, l'asse dello scontro si è spostato sui docenti ITP che, a seguito di una disattenzione reiterata del MIUR nei confronti del riconoscimento del loro profilo e della loro specificità, si sono rivolti alla Magistratura per ottenere quanto ritengono di diritto. La vicenda giudiziaria ha portato alla emanazione di provvedimenti cautelari con i quali i docenti ITP, relegati in III fascia delle Graduatorie d'Istituto, possono essere intanto iscritti in II fascia, in vista delle nomine annuali da queste graduatorie.

Valeria Bruccola, Coordinatrice Nazionale Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 21 settembre 2017 07:30:00 (1306 letture)

(Leggi Tutto... | 7020 bytes aggiuntivi | Graduatorie | Voto: 0)

Manifestazioni non governative: Per uno sciopero generale unitario in autunno
Sindacati
Il successo dello sciopero dei trasporti, indetto unitariamente il 16 giugno scorso dal sindacalismo conflittuale e alternativo, ha confermato quanto sia importante, al di là della divisione organizzativa, l’unità d’azione in occasione di lotte specifiche o scioperi nazionali. Essa mette in atto un moltiplicatore di forze che mobilita una massa di lavoratori/trici ben più ampia della somma delle forze promotrici. Seppure è vero che l’eccessivo “pluralismo” di sigle, spesso con programmi pressoché identici e con nomi che si copiano e si clonano all’inverosimile, sconcerta non poco i lavoratori/trici, essi/e giudicherebbero già un vistoso passo in avanti se si realizzasse una sistematica unità d’azione tra tali strutture. Ed in tal senso è decisiva la scelta di date unitarie per lo svolgimento di scioperi a carattere nazionale, i quali, difficili anche di fronte a convocazioni unitarie, appaiono velleitari e autolesionisti quando si frantumano in più indizioni effettuate, in un breve lasso temporale, da sigle quasi indistinguibili tra loro.

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 15 settembre 2017 08:00:00 (740 letture)

(Leggi Tutto... | 6106 bytes aggiuntivi | Manifestazioni non governative | Voto: 0)

Sicurezza: Richiesta di chiarimenti in merito all’applicazione del D.L. 73/2017 convertito con Legge n° 119 del 31/07/2017
Sindacati
Il D.L. 73/2017 convertito con Legge n° 119 del 31/07/2017 prevede, per i servizi educativi per l’infanzia e le scuole dell’infanzia ivi incluse quelle private non paritarie, che la mancata presentazione da parte dei genitori della documentazione di cui al comma 3 nei termini previsti comporti la decadenza dall’iscrizione e quindi l’impossibilità di accesso alla scuola, mentre la nota 1679 del 1/9/17 prevede l’allontanamento temporaneo del bambino con il mantenimento dell'iscrizione al servizio educativo ed il suo reinserimento solo dopo la presentazione della documentazione richiesta. Come è noto in questi primi giorni di applicazione dei dispositivi normativi in oggetto molti dirigenti e responsabili di nidi e scuole per l’infanzia si trovano a dover gestire situazioni di minori i cui genitori, alla scadenza dell’11 settembre u.s., non hanno presentato la documentazione delle avvenute vaccinazioni o hanno manifestato in modo esplicito l’intenzione di non procedere. L’applicazione dei dispositivi in oggetto chiama in causa direttamente i responsabili di scuola ai quali spetterebbe, in tali casi, il compito di emanare provvedimenti motivati di allontanamento o di sostenere possibili contenziosi con l’utenza.

Presidente nazionale DiSAL
Ezio Delfino
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 15 settembre 2017 07:30:00 (1040 letture)

(Leggi Tutto... | 6243 bytes aggiuntivi | Sicurezza | Voto: 0)

Università: Abbattuto il MIUR sul numero chiuso all'Università. Un altro passo verso la riconquista del diritto allo studio
Sindacati
Una battaglia etica e politica, prima ancora che legale, quella contro il numero chiuso per l'accesso all'università. Una battaglia che da alcuni anni gli studenti conducono in maniera tenace e determinata, contro quello che rappresenta, secondo me, uno dei tanti tasselli di involuzione culturale e civile nel nostro Paese e non solo, che porta a casa una grande vittoria con una sentenza del Tar contro la chiusura delle facoltà umanistiche dell'Università Statale di Milano. Sembrerà strano, a chi sa che mi occupo quasi esclusivamente di scuola e precariato, l'entusiasmo con cui ho accolto questa notizia, sicuramente non immediatamente riconducibile alle mie tematiche abituali. Tuttavia, chi ha seguito Adida fin dai suoi esordi, ritroverà che proprio nella forte analogia con la battaglia che ormai da sette anni porto avanti, iniziata quando la riforma Gelmini introdusse un nuovo sistema di formazione docenti, ormai superato della legge 107, basato sul numero chiuso.

Valeria Bruccola, Coordinatrice Nazionale Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 05 settembre 2017 07:30:00 (1255 letture)

(Leggi Tutto... | 11191 bytes aggiuntivi | Università | Voto: 0)

RSU: Giovedì 7 Settembre, seconda giornata nazionale RSU e Delegati CISL
Sindacati

La CISL SCUOLA di Catania organizza per Giovedì 7 settembre p.v. dalle ore 11:00 alle ore 14:00 presso I.C. “PARINI” di Catania  Via S. Quasimodo, 3 un’assemblea sindacale delle RSU e dei DELEGATI.
 
download; Locandina
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 04 settembre 2017 08:15:00 (843 letture)

(Leggi Tutto... | 1030 bytes aggiuntivi | RSU | Voto: 0)

Più letto di Oggi
Ancora Nessun Articolo.


Social AetnaNet
Cerca


Community
Community
Diventa utente attivo della community di Aetnanet!
Inviaci articoli, esperienze, testimonianze sul mondo della scuola.

scrivi a: redazione@aetnanet.org


Pubblicità
pubblicità su Aetnanet.org


Seguici
telegram facebook
google plus facebook
mobile twitter
youtube rss


Bandi PON

Studenti del Majorana in campus nei mesi di giugno e luglio
di m-nicotra

Bando ad evidenza pubblica selezione n. 2 Esperti esterni madrelingua inglese - Progetto 'Il Pon per le competenze' Codice progetto 10.2.2A-FSEPON-SI-2017-485 CUP H94C16000060007
di m-nicotra

Manifestazioni Conclusive PON-FSE ''Competenze di base'' - A.S. 2017-18
di c-citraro

Laboratorio creativo e artigianale per la valorizzazione delle vocazioni territoriali
di m-nicotra

Selezione Associazioni/Enti per moduli 'Navigare necesse' e 'Vivere la montagna' PON 10.1.1A-FSEPON-SI-2017-405
di m-nicotra

Selezione 2 esperti esterni - moduli 'Io e la scherma' e 'Scuola Bottega'- Pon Inclusione Progetto PON 10.1.1A-FSEPON-SI-2017-87
di m-nicotra

selezione esterna per incarico di esperto madre lingua inglese e francese Progetto “Stare bene a scuola” - Codice: 10.1.1A- FSEPON-SI-2017-322
di m-nicotra

Bando selezione esperti FSE/PON
di s-tricomi

Progetto PON Azione 10.2 Obiettivo 10.2.2 Codice Progetto 10.2.2A-FSE PON-SI 2017-387; selezione 3 Esperti
di a-oliva

Selezione Attori del territorio e Selezione ad evidenza pubblica - esperti esterni all'I.S.'Majorana-Arcoleo' Caltagirone
di m-nicotra

Indice Progetti PON


Top Five Settimana
i 5 articoli più letti della settimana


Top Video
Video
Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
514 letture

Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
2327 letture

26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
3107 letture

Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
2974 letture

Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni
4882 letture

La 5A Informatica di Belpasso discute di Rivoluzione industriale 4.0
6120 letture

L'unione fa la scuola - Palermo 24 ottobre 2015
4221 letture

NO DDL Scuola Renzi - Flash mob 09 maggio 15
10546 letture

Sciopero scuola 5 maggio 2015 Catania - No DDL Riforma Scuola
11174 letture

Renzi: 3 miliardi per la scuola e centomila insegnanti in più
10913 letture



Articoli Precedenti
Seleziona il mese da vedere:

  Agosto, 2018
  Luglio, 2018
  Giugno, 2018
  Maggio, 2018
  Aprile, 2018
  Marzo, 2018
  Febbraio, 2018
  Gennaio, 2018

[ Mostra tutti gli articoli ]


Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti



Utenti registrati:
Ultimo: gmirabella
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 11170

Persone Online:
Visitatori: 154
Iscritti: 0
Totale: 154

Traffico Generato
Anonimi: 154 (100%)
Registrati: 0 (0%)
Numero massimo di utenti online:154
Membri:0
Ospiti:154
Ultimi 5 Registrati
gmirabella
    Jan 28, 2017.
raffagre
    Jan 28, 2017.
gvaccaro
    Jan 28, 2014.
mrdinoto
    Jul 09, 2013.
sostegno
    Jul 09, 2013.

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2002

Pagine visitate
· Visitate oggi 24,589
· Visitate ieri 79,441

Media pagine visitate
· Oraria 3,134
· Giornaliera 75,206
· Mensile 2,287,541
· Annuale 27,450,489

Orario Server
· Ora

07:17:09

· Data

19 Aug 2018

· Zona

+0200

© Weblord.it


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.56 Secondi