Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 403691841 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2017

Viaggiatori stranieri nella Sicilia dell’Ottocento - giovedì 9 novembre alle ore 17,30, al Teatro Antico Catania - Sala dell’Esedra
di m-nicotra
1010 letture

Convocazione per incarichi a T.D. - Disponibilità
di a-vetro
896 letture

La Fedeli annuncia i nuovi concorsi, ma i Commissari dell’ultimo consorso 2016 sono ANCORA in attesa di essere retribuiti e rimborsati!
di m-nicotra
660 letture

Gli Attestati di eccellenza Certilingua alle studentesse diplomate del Liceo E. Boggio Lera
di m-nicotra
626 letture

Determinazione organico posti comuni personale Docente a.s. 2017/2018
di a-vetro
598 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Manovra. Scuola: rimuovere l’anomalia dei docenti ingabbiati
·Il burn out degli insegnanti è una realtà. Il governo non può continuare a ignorarlo
·Convegno: La nuova disciplina del cinema e dell'audiovisivo | Gorizia, 17 novembre ore 10.30
·Pane e olio al posto della mensa? chi si indigna sostenga nostro emendamento
·Rimettere al centro la professione dell’insegnante, anche per rispondere alle critiche dell’OCSE


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: 1917-2017. Centenario della Rivoluzione d’Ottobre. Il treno di Lenin e un sogno chiamato rivoluzione

Redazione
Il treno correva veloce quella notte. Sbuffava e avanzava nella nebbia, lesto, deciso, diretto verso la meta. Squarciava il freddo e i confini, tra il buio della notte e le lande desolate d'Europa, come in un vecchio film in bianco e nero, come in un'immagine dei romanzi di Dostoevskij o di Tolstoj. Un viaggio lungo 2500 Km, dalla Svizzera alla Russia, dal cuore dell'Europa alla Madrepatria, dall'esilio ad un sogno chiamato rivoluzione. Il "treno di Lenin", carico di speranza e di passione, per ridare "terra, pane e pace" ai contadini russi, costretti a vivere in condizioni di povertà e di semischiavitù, in un sistema ancora feudale. E quel treno, diretto a Pietrogrado, viaggiava con ventisette passeggeri a bordo, nel bel mezzo della Prima Guerra Mondiale. Il treno era partito il 9 aprile 1917 dalla stazione di Zurigo, passato il confine svizzero, alla stazione di Gottmadigen, aveva trovato una carrozza speciale con destinazione Sassnitz, poi un traghetto, il Queen Victoria per Trelleborg, in Svezia, da lì era giunto a Malmoe e a Stoccolma, dove era stato accolto dal sindaco socialdemocratico della capitale, alla frontiera di Haparanda-Tornio, poi a Helsinki, l'ultimo tratto prima della meta: Pietrogrado. E ad ogni stazione, in ogni fermata, puntuali ad attendere quel convoglio c'erano sempre guardie, controlli, paure e speranze.

Quel treno era stato persino piombato! Il governo tedesco, infatti, aveva fatto bloccare tre delle quattro entrate del vagone sul quale viaggiavano i bolscevichi per impedire ogni contatto con la popolazione tedesca, e per permettere alle guardie tedesche di controllare i viaggiatori ad ogni stazione. Ma perché erano partiti? Chi aveva organizzato quel viaggio? E soprattutto, cosa andavano a fare in Russia? Tante le domande che... viaggiavano sul quel treno. Vladimir Ilyich Lenin, capo dell'ala radicale dei socialisti rivoluzionari, i bolscevichi, che già dal lontano 1905 era stato costretto ad abbandonare la Russia, e che viveva da esule in giro per l'Europa, nel febbraio del 1917 si trovava in Svizzera quando apprese dai giornali la notizia dello scoppio della rivoluzione nel suo paese. E dopo l'iniziale esultanza decise, insieme agli altri "compagni dissidenti", di rientrare quanto prima in Russia, per prendere la guida della rivoluzione e portare i bolscevichi al potere. Ma facciamo un passo indietro. Nel febbraio 1917, nel pieno della carneficina della Prima Guerra Mondiale, con gli eserciti contrapposti che si massacravano sui fronti occidentale e orientale, con gli operai delle fabbriche scesi in sciopero per la mancanza di cibo e per le gravi condizioni di lavoro, e con la situazione bellica che si metteva male per gli imperi centrali, soprattutto per la Russia, era scoppiata la Rivoluzione a San Pietroburgo (rinominata Pietrogrado all'inizio della Prima Guerra Mondiale).

Da subito la rivolta si era dilagata in altre parti della Russia, così lo zar Nicola II, temendo che sarebbe stato violentemente rovesciato, dopo molte esitazioni, aveva scelto di abdicare. A quel punto la Duma prese il controllo dello Stato, istituendo un Governo Provvisorio e trasformando, per sempre, l'Impero Russo in Repubblica. Lenin, quindi, avuto notizia della rivolta, aveva deciso di ritornare in Russia, ma a causa della guerra mondiale in mezzo, le porte di molti Paesi erano sbarrate e risultava quasi impossibile attraversare l'Europa. I primi a negare a Lenin il passaggio per ritorno in patria erano state le potenze dell'Intesa, l'Inghilterra e la Francia, d'accordo col governo provvisorio russo, perché spaventate della propaganda disfattista del bolscevico sulla "guerra predatoria imperialista".

Allora Lenin, con gli altri ventisette emigrati, 18 bolscevichi, 6 bundisti e 3 menscevichi, organizzò un piano per negoziare il loro viaggio in treno attraverso la Germania, allora in guerra con la Russia: si convinse che solo un "negoziato" con i tedeschi l'avrebbe riportato in patria. Intuendo che il gruppo di dissidenti politici avrebbe creato discordia e caos all'interno del fronte dei nemici russi, il Governo tedesco diede l'assenso a che i 32 russi, tra cui Lenin, la moglie Nadezda Krupskaja, l'amante Inessa Armand, e il rivoluzionario Zinoviev, viaggiassero in un vagone ferroviario attraverso il loro territorio. Dietro il permesso del Kaiser Guglielmo II si celava un patto politico rischioso: il freddo calcolo tattico era che il ritorno di Lenin avrebbe accelerato la sconfitta militare russa, complice la carneficina e l'ingente perdita dei soldati in guerra.

Inoltre, la Germania erogò un finanziamento di decine di milioni di marchi verso i conti correnti del partito di Lenin da febbraio a novembre 1917: in cambio, una volta arrivato al potere in Russia, Lenin avrebbe firmato un trattato di pace coi tedeschi, cosa che effettivamente accadrà nel 1918 col Trattato di Brest-Litovsk. Tuttavia, Lenin, temendo le critiche di quelli che l'avrebbero tacciato per traditore "agente tedesco" e "spia del Kaiser", per aver accettato l'aiuto del nemico, negò sempre lo scambio, che l'avrebbe potuto distruggere politicamente (negato anche dalla storiografia ufficiale sovietica). Appena arrivato alla Stazione "Finlandia", di Pietrogrado, il 16 aprile 1917, Lenin, che era rimasto fuori dalla Russia negli ultimi 17 anni, accolto trionfalmente dal popolo, tenne uno "storico comizio", in cui attaccava duramente il Governo Provvisorio e lanciava l'appello per la "Rivoluzione del proletariato di tutto il mondo"! E con l'arrivo in Russia di Lenin la storia della rivoluzione cambiò! Con il passare dei giorni crebbe il consenso attorno all'ala bolscevica del movimento rivoluzionario, che all'inizio era minoritaria, tanto che a luglio, Lenin e i dirigenti bolscevichi si sentirono pronti per muovere una rivolta ed abbattere il governo provvisorio, colpevole, secondo loro, di essere troppo moderato, d'aver tradito lo spirito della rivoluzione di febbraio e, soprattutto, di continuare la guerra a fianco delle potenze democratiche occidentali. La rivolta di luglio fallì, Lenin si nascose, travestito, senza barba e con parrucca, in un paesino ai confini con la Finlandia pronto a rifugiarsi all'estero. Ma le forze popolari vicine ai bolscevichi erano ormai pronte a chiudere per sempre la partita con il debole e sempre più isolato governo di Kerensky.

Tutto il resto è scritto nei libri di storia: le gloriose "giornate d'Ottobre", i "dieci giorni che sconvolsero il mondo", la ferma decisione dei marinai dell'incrociatore Aurora, che con il primo colpo a salve diedero il segnale d'inizio per la "conquista del Palazzo d'Inverno". E poi l'assedio al Palazzo d'Inverno, sede del Governo provvisorio di Kerensky, la notte tra il 24 e il 25 ottobre, "le lunghe ore di quella notte che si trascinavano penosamente", la fuga di Kerensky e dei suoi, "l'appassionante" assalto di Lev Trockij e delle Guardie Rosse, con l'aiuto dei marinai della base di Kronstadt, al Palazzo d'Inverno, per la verità quasi vuoto. E infine, dopo la sanguinosa guerra civile, la carcerazione e il tragico eccidio dell'intera famiglia reale dei Romanov, la vittoria della rivoluzione bolscevica, "tutto il potere ai Soviet" e la "nuova pagina nella storia dell'umanità"! Tutto questo fu la Rivoluzione d'Ottobre. Ma cos'è una rivoluzione? Come nasce, come si fa? La rivoluzione è carne e sangue, sofferenza e sacrificio, rabbia e furore, passione e violenza, utopia e speranza. Speranza di uomini nuovi, di un mondo diverso, di giorni migliori. Tutto ebbe inizio con... "uno spettro si aggira per l'Europa: lo spettro del comunismo.

Tutte le potenze della vecchia Europa si sono coalizzate in una sacra caccia alle streghe contro questo spettro: il papa e lo zar, Metternich e Guizot, radicali francesi e poliziotti tedeschi"! La "profezia" di Marx, scritta nel suo "Manifesto" del 1848, nell'ottobre del 1917 divenne realtà! Ma la rivoluzione non è solamente un'insurrezione armata, un colpo di Stato, uno sconvolgimento delle Istituzioni, un capovolgimento delle regole. No. La rivoluzione è movimento di popolo, per il popolo. La rivoluzione è un "tempo dorato" dove il popolo è artefice e protagonista del proprio destino, come nella Rivoluzione francese, nella Comune di Parigi, nella Rivoluzione d'Ottobre. Il popolo è guida di se stesso, entra nella storia, diventa storia, fa politica, governa la cosa pubblica, partecipa alla vita di tutti. "Non è lo Stato a comandare il popolo, ma è il popolo a comandare lo Stato", disse Qualcuno. Questa è la rivoluzione.

Certo, poi verranno i giorni feroci della "dittatura del proletariato", del regime comunista, degli "ordini inflessibili" del Soviet e del Comitato Centrale, dei sacrifici della NEP e della Nuova Politica Economica, dei gulag, e delle "purghe di Stalin". Ma quella è un'altra storia! "Senza l'amore sacro per la patria e per l'umanità la rivoluzione non è che un crimine che distrugge un altro crimine". E adesso,... cosa resta della Rivoluzione russa!? Rimane il ricordo delle gloriose giornate dell'ottobre del '17, del fumo delle barricate, delle battaglie nelle piazze, fianco a fianco, fiato a fiato, con i compagni di lotta, dell'assalto al Palazzo d'Inverno, della presa del potere di Lenin.

La rivoluzione è l'idea che cammina con le gambe degli uomini, la visione che diventa azione, lo "Spirito" che diventa realtà tangibile, da toccare con le mani, da modellare con il cuore ribelle, per costruire un nuovo modello di Stato, un nuovo ordine, con nuove leggi e nuove regole. Una nuova vita. Uno Stato che cancelli le disuguaglianze, che riscatti il contadino, che dia dignità e libertà ai cittadini, che dia speranza a tutti, che dia "terra, pane e pace" al popolo, alle masse, ai poveri del mondo, a tutti. Un sogno chiamato rivoluzione,... iniziato sul "treno di Lenin"!

Angelo Battiato








Postato il Domenica, 12 novembre 2017 ore 07:00:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.38 Secondi