Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 360445566 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11169 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2017

Assemblea sui decreti attuativi della legge 107, Lunedì 6 febbraio
di m-nicotra
1251 letture

Piano di dimensionamento della rete scolastica della Sicilia
di a-vetro
1039 letture

Contingente posti per contratti a T.I. a.s. 2016/2017
di a-vetro
995 letture

Presidio a Catania per il ritiro dei decreti della 107
di m-nicotra
772 letture

Ripubblicazione elenco completo degli idonei alla funzione di componenti dei nuclei per la valutazione dei Dirigenti Scolastici per il triennio 2016/17-2018/19
di a-vetro
738 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Normativa Utile
Normativa Utile

·Detrazione lavoro dipendente € 80,00
·Scheda FLC CGIL cessazioni dal servizio del personale della scuola 2014
·Modello di diffida per il rimborso del 2,50% per indebita trattenuta sul TFR (trattamento di fine rapporto)
·Documenti necessari per ottenere la disoccupazione
·Bocciata dalla Corte Costituzionale l'assunzione diretta dei docenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Abolizione delle tasse scolastiche i maturandi risparmiano 45 euro
Rassegna stampa
Abolizione delle tasse scolastiche i maturandi risparmiano 45 euro - Se il testo dell’atto del governo 381, riguardante l’effettività del diritto allo studio, resta così com’è senza subire modifiche, non ci sarà più bisogno per nessuna famiglia di versare le tasse scolastiche o di chiedere le esenzioni per reddito.
Spariranno le tasse scolastiche dal dizionario...

L.Loi
Il Messaggero
Postato da Antonia Vetro Mercoledì, 22 febbraio 2017 08:00:00 (59 letture)

(Leggi Tutto... | 4291 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Riforma PA e Codice Appalti in CdM
Rassegna stampa
Il Consiglio dei ministri, nel corso della riunione del 17 febbraio 2017, ha approvato in esame preliminare, due decreti legislativi di riforma della Pubblica Amministrazione....

Edscuola.eu
Postato da Antonia Vetro Domenica, 19 febbraio 2017 09:00:00 (238 letture)

(Leggi Tutto... | 7175 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Bonus merito, il preside che non contratta con i sindacati non compie condotta antisindacale
Rassegna stampa
La procedura delineata dalla riforma Renzi-Giannini per assegnare il “bonus” agli insegnanti meritevoli (che non prevede la consultazione con le Rsu) appare «completa in ogni suo aspetto»; e quindi, il preside che ha rispettato le regole (nell’attribuire le somme premiali ai docenti del proprio istituto) ha operato correttamente (non ha cioè impedito o limitato «in alcun modo l’esercizio della libertà e dell’attività sindacale»)...

Claudio Tucci
Il Sole 24 Ore
Postato da Antonia Vetro Mercoledì, 15 febbraio 2017 07:00:00 (273 letture)

(Leggi Tutto... | 4193 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Presidio a Catania per il ritiro dei decreti della 107
Attività parlamentare
Il Partito Comunista Italiano promuove martedì 14 Febbraio alle ore 17,30, un presidio davanti alla Prefettura di Catania (via Etnea) per chiedere il ritiro dei decreti delegati della legge 107 sulla scuola, provocatoriamente approvati dal governo Gentiloni. La continuità con la politica Renzi-Giannini, dopo la situazione disastrosa in cui è stata gettata la scuola italiana, è un insulto all'intelligenza - ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale del dipartimento scuola del PCI. Con i testi delle deleghe si accentuano i danni: si colpisce pesantemente la legge 104 (nonostante le numerose sentenze della Corte Costituzionale) e con essa i diritti dei ragazzi diversamente abili, si pongono le premesse per nuovi tagli, si umilia e frammenta la funzione docente, l'istruzione professionale diventa un ghetto, È necessaria dunque una forte mobilitazione per costringere il governo al ritiro dei decreti, come primo passo per aprire una nuova stagione della scuola italiana - ha concluso Cangemi.

pcistruzione@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 13 febbraio 2017 07:30:00 (772 letture)

(Leggi Tutto... | 2420 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Assemblea sui decreti attuativi della legge 107, Lunedì 6 febbraio
Attività parlamentare
Lunedì 6 febbraio alle ore 19,30 presso la sede PCI in vicolo Beritelli 7(traversa di via Rotonda, zona Piazza dante) si terrà un'assemblea d'informazione sui contenuti dei decreti attuativi della legge 107(cosiddetta "buonascuola") recentemente usciti dal Consiglio dei ministri. L'assemblea sarà introdotta da Cristina Bonfante, responsabile scuola del PCI catanese e conclusa da Luca Cangemi , della segreteria nazionale del PCI. La decisione del governo di approvare i decreti attuativi della legge 107/2015 è un fatto grave. Gentiloni, dopo essere stato costretto a mandare via la Giannini e a trasferire Faraone (significative eccezioni del governo fotocopia), lancia un segnale netto di continuità con la loro sciagurata politica scolastica.

Sezione PCI Olga Benario - Catania
circolo.olgabenario@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 03 febbraio 2017 07:30:00 (1251 letture)

(Leggi Tutto... | 2471 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Fase transitoria: l'ennesima farsa trasformata da riforma!
Sindacati
Difficile condividere il compiacimento e l'entusiasmo dell'Esecutivo che, in tempi record, ha definito le bozze dei decreti che dovranno completare l'attuazione della riforma del sistema scolastico, contenuta nella Legge 107/2015. La rapidità, con cui gli atti sono stati diffusi appena un mese dopo l'insediamento del nuovo Governo, dimostra la continuità rigorosa con il precedente, confermata proprio in queste ore da Gentiloni, dimenticando le pesanti ammissioni che l'ex Primo Ministro aveva fatto rispetto agli effetti della famigerata legge sul sistema scolastico, a partire dal reclutamento dei docenti. Ci aspettavamo almeno qualche aggiustamento, mentre le bozze ora al vaglio delle Commissioni parlamentari per i rituali pareri non vincolanti, risultano rafforzare la legge di riforma, con la sua piena attuazione, senza correttivi, nonostante i fallimenti costituiti dai piani di assunzioni ed il concorso 2016, che hanno determinato un avvio di anno scolastico caotico, con contenziosi a pioggia per ogni ordine di ragioni.

Valeria Bruccola, Coordinatrice nazionale Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 01 febbraio 2017 09:00:00 (307 letture)

(Leggi Tutto... | 8507 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Deleghe del governo, il Jobs act a scuola
Attività parlamentare
"Il nuovo sistema di reclutamento, delineato da uno dei decreti attuativi della 107 approvati recentemente dal governo Gentiloni, colpisce a fondo la condizione degli insegnanti"- ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI. "Le nuove generazioni dei docenti avranno meno diritti, saranno esposti al volere discrezionale dei dirigenti, saranno costretti ad un umiliante, lungo e sottopagato apprendistato. Il jobs act entra, così, nella scuola e nel pubblico impiego, a vele spiegate. Le scuole private conquistano un potere di ricatto (e di corruzione) come canale di accesso all'insegnamento, ...

pcistruzione@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 24 gennaio 2017 07:30:00 (1677 letture)

(Leggi Tutto... | 2201 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Deleghe Buona Scuola, 8 decreti +1: le norme per il riordino degli istituti tecnici
Rassegna stampa
Agli otto schemi di decreti legislativi attuativi delle deleghe contenute nella legge 107 se ne aggiunge un altro, predisposto dal Miur per evitare gli effetti (il commissariamento dello stesso Miur e la nomina di un commissario ad acta) della sentenza del Tar del Lazio che nello scorso mese di maggio aveva accolto il ricorso dello Snals riguardante il riordino dell’orario degli istituti tecnici introdotto dal DPR n. 88 del 2010 (Regolamento attuativo dalla riforma Gelmini).
Il provvedimento...

Orazio Niceforo
Tuttoscuola
Postato da Antonia Vetro Lunedì, 23 gennaio 2017 08:00:00 (528 letture)

(Leggi Tutto... | 5754 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Maestra batte il Ministero e ritorna al Sud
Rassegna stampa
Insegnante trasferita a Pavia vince il ricorso contro il Ministero e ritorna al sud. Accade a Buccino: protagonista la signora Concetta Nitto, 40 anni, insegnante di professione presso le scuole elementari. Dopo anni di precariato, vede finalmente realizzarsi il sogno tanto atteso dell'immissione in ruolo. A settembre però, con la riforma della "buona scuola" (legge 107/2015), il sogno di Concetta si trasforma in un incubo e l'insegnate salernitana che prestava servizio in Basilicata viene trasferita al Nord, in provincia di Pavia. Tutto ha inizio quando Concetta sceglie gli ambiti territoriali scolastici introdotti dalle liste di mobilità che prevedono l'individuazione delle scuole da parte dei docenti, secondo dei criteri di preferenza. La Nitto opta per la Basilicata, ma il Ministero dell'Istruzione nell'applicare la normativa di assegnazione delle sedi scolastiche, attraverso l'utilizzo di un algoritmo matematico e dei criteri non specificati nella normativa, manda l'insegnante in una scuola in provincia di ...

Mariateresa Conte
lacittadisalerno.gelocal.it
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 22 gennaio 2017 08:00:00 (376 letture)

(Leggi Tutto... | 3969 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Negli istituti professionali approda percorso il 3+2
Rassegna stampa
Istruzione professionale, si cambia. Negli istituti arriva infatti il 2+3: biennio unico e triennio unico. Si supera così l’attuale articolazione dei cosiddetti «due bienni più uno». Questa una delle novità principali previste in uno degli otto decreti legislativi approvati sabato scorso dal Consiglio dei ministri e trasmessi al Parlamento per i pareri.
La riforma...

Il Sole 24 Ore
Postato da Antonia Vetro Domenica, 22 gennaio 2017 07:00:00 (558 letture)

(Leggi Tutto... | 3623 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Il governo-fotocopia e la ministra Fedeli varano 8 decreti attuativi della disastrosa legge 107 per chiudere definitivamente docenti, Ata e studenti nella gabbia della scuola-azienda
Sindacati
Incurante della amplissima opposizione alla cattiva scuola della legge 107/2015, che tanto ha pesato sulla sconfitta netta di Renzi nel referendum costituzionale, il governo-fotocopia di Gentiloni ha varato otto decreti applicativi di tale legge, ignorando ogni forma di dialogo con i protagonisti dell'istruzione pubblica e ogni revisione significativa della 107, al di là di caramellose promesse della ministra Fedeli di neo-concertazione con i Cinque sindacati "rappresentativi". Seppure tra fumi di ambiguità le otto deleghe aggravano il già disastroso panorama della107. Per il futuro reclutamento dei docenti non si riconoscono le abilitazioni già conseguite né il servizio prestato. Per i diversamente abili, si superano i limiti di studenti previsti dalla L. 517/78 (20 per classe) e si mira a ridurre il numero degli insegnanti di sostegno, ...

Piero Bernocchi portavoce nazionale Cobas
Stefano d'Errico segretario nazionale Unicobas
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 20 gennaio 2017 08:30:00 (724 letture)

(Leggi Tutto... | 7789 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Dalla maturità, all’abilitazione per la cattedra: tutte le novità per studenti e prof
Rassegna stampa
L’alternanza scuola-lavoro diventa requisito di ammissione all’esame di Maturità, che subirà un nuovo “restyling”: dalle attuali tre prove scritte più colloquio, si passerà infatti a due scritti e orale (a saltare sarà la terza prova, il cosiddetto «quizzone»). L’Invalsi sbarca ufficialmente in quinta superiore (non però agli esami, ma in un periodo diverso dell’anno), e testerà le competenze degli studenti in italiano, matematica e, è la novità, inglese. A cambiare sarà anche la formazione...

Claudio Tucci
Il Sole 24 Ore
Postato da Antonia Vetro Martedì, 17 gennaio 2017 08:00:00 (560 letture)

(Leggi Tutto... | 6642 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Il Preside 'Grande Custode'. Vacanze finite, si torna sui banchi. Depotenziata la riforma
Redazione
L'antica espressione "Avanti, adagio, quasi indietro" ritorna attuale con il cambiamento del Ministro dell'Istruzione e in questa fase di transizione tutto rallenta e come dicevano i latini: "Non progredi, regredi est". L'ambizioso e tanto decantato programma della Buona scuola scricchiola cedendo il passo alle richieste sindacali e legittime istanze dei docenti modificando per il prossimo anno scolastico l'obbligo per neo assunti e docenti trasferiti di restare nella stessa sede per tre anni. Il contratto che regolerà i trasferimenti del personale docente per il 2017/2018 non rispetterà la regola dei tre anni e questo darà anche agli 83mila assunti con la Buona scuola la possibilità del trasferimento. Ecco quanto prevede l'intesa firmata dal nuovo ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli con i sindacati (ad eccezione della Gilda). La positiva e saggia decisione, che alleggerisce il disagio di tanti "deportati" al Nord ed alcuni "titolari al Nord" e utilizzati al Sud, si pone in contrasto con il Piano Triennale dell'Offerta Formativa ...

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 12 gennaio 2017 09:00:00 (363 letture)

(Leggi Tutto... | 5137 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Una vergogna chiamata 'school bonus'
Attività parlamentare
"La partenza dello "school bonus" con i provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate, struttura alla quale si dovrebbero dare ben altre priorità in questo paese, dimostra che la macchina infernale della legge 107 continua a macinare la scuola italiana" - ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI. Con lo "school bonus" la discriminazione tra aree geografiche e tipologie di scuola diventa un obiettivo sistematico, l'unità del sistema nazionale d'istruzione già così incrinata dai tagli di questo decennio è colpita anche dal punto di vista simbolico, la scuola pubblica invece di essere destinataria privilegiata delle risorse nazionali è abbandonata alla mercé di mecenati o più probabilmente speculatori, beneficiati da generosi sconti fiscali. - ha continuato Cangemi.

pcistruzione@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 05 gennaio 2017 06:30:00 (1742 letture)

(Leggi Tutto... | 2214 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: La tela di Penelope nelle mani della tessitrice. Mala tempora currunt nella scuola italiana
Redazione
La nomina della senatrice Valeria Fedeli a Ministro dell'Istruzione ha sorpreso non poco e leggendo i commenti che circolano su Facebook c'è da preoccuparsi. La scuola nella compagine del Governo sembra avere poca attenzione come dimostrano alcuni esempi eclatanti. Nella ripartizione dei Ministeri resta sempre l'ultimo e di accomodo, solo per mettere equilibrio tra le diverse fazioni partitiche. Coma ha scritto Roberto Tripodi, La Gelmini era stata assessore all'agricoltura a Brescia, la Moratti era la moglie di un imprenditore del petrolio, Lombardi era della confindustria, gli altri erano dell'università, come La Giannini. Il Ministro Misasi voleva i Lavori pubblici e quando gli diedero il MPI si sentì offeso. La stessa Falcucci, l'unica che ne capiva di scuola ed era molto preparata, proveniva dalla CISL scuola.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Mercoledì, 14 dicembre 2016 19:00:00 (511 letture)

(Leggi Tutto... | 6767 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Interrogativi ... In attesa della nuova primavera
Redazione
L'esito del referendum rende ancora più amplificati gli effetti degli interrogativi dei giorni precedenti. Ballano tutte le poltrone e i posti dirigenziali dei Ministeri e delle Direzioni Generali, si entra nel vortice dell'incertezza e dell'instabilità.
Per la scuola le cose non dovrebbero cambiare tanto perché la legge 107 è nella fase della sua implementazione sia sul piano normativo, con l'imminente varo dei decreti legislativi, sia su quello amministrativo, con le complesse, ma impellenti misure relative alle questioni riguardanti il personale, dalla mobilità ai concorsi, al nuovo e tanto atteso concorso per dirigenti, così da evitare il vuoto e il danno delle reggenze in numerosi istituti. E'imminente la complessa procedura sulla mobilità e il rinnovo del contratto con la controriforma della legge Brunetta. Per la mobilità si rischia di lasciare tutto nel caos attuale, lo stesso vale per la controriforma Brunetta. Che fine faranno le richieste dei sindacati?

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 10 dicembre 2016 09:30:00 (368 letture)

(Leggi Tutto... | 4999 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Comitato Area Sostegno e Inclusione - Report incontro 23 novembre
Comunicati
Egregio sottosegretario Faraone
Il costituendo comitato A.S.I. (Area Sostegno e Inclusione) composto unicamente da docenti specializzati per l’integrazione degli alunni disabili, intende con la presente, interpretando le specifiche esigenze e peculiarità del comparto, chiedere alla S.V. un incontro dedicato ai seguenti temi:
1. Riforma del sostegno e proposte integrative;
2. Effetti del piano straordinario di assunzioni di cui all’art. 1 comma 95 della legge 107/15
3. Effetti del piano straordinario dei trasferimenti previsto dall’art. 1 commi 73 e 108 della legge 107/15 ed attuato con O.M. 241 del 08/04/2016 e proposte;
Per il Comitato
Ins. Salvo Altadonna
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 30 novembre 2016 07:30:00 (380 letture)

(Leggi Tutto... | 2554 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Liceo in quattro anni
Redazione
Sfogliando i giornali ritorna il tema del Liceo breve e l'auspicata possibilità di completare la scuola superiore a 18 anni. Già tale idea-progetto era nei programmi della "riforma Gelmini" come si legge su "La Sicilia" del 19 settembre 2008: "Riforma scuola, la sfida della Gelmini. Novità per tutte le classi, meno ore di lezioni e superiori con 4 anni". Sono trascorsi otto anni e tanta acqua è passata sotto i ponti. Facendo un'attenta riflessione sul come gli studenti nella maggior parte dei Licei trascorrono l'ultimo anno che dovrebbe essere "curriculare", si constata che, già dal quarto anno, molti ragazzi, i più volenterosi cominciano i corsi di preparazione ai test universitari e non si comprende perche tali competenze le debbano acquisire fuori dalla scuola e non a scuola con i propri docenti.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 20 novembre 2016 13:30:00 (467 letture)

(Leggi Tutto... | 7894 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Da 'La buona scuola' ai referendum costituzionali: l'ultimo canto del cigno!
Sindacati
Negli ultimi giorni, ne abbiamo vite e sentite delle belle, dichiarazioni, promesse, inviti, raccomandazioni e amatemi, che è difficile non ricondurre alle vicende prereferendarie in cui, come tradizione vuole, chi ha il coltello dalla parte del manico lo usa come può. Fatalità, in questo caso, chi lo impugna è anche chi ha interesse a coronare il suo progetto riformatore e, allo scopo, utilizza tutti gli specchietti per le allodole che possiede. E così, nella rete, finiscono anche i precari della scuola, un esercito, che guarda caso, adesso, dopo le infamanti accuse di incompetenza e inadeguatezza, si trovano ad essere "riconosciuti" dal Governo, che, sempre guarda caso, si è accorto del valore professionale e della specificità.

Valeria Bruccola, Coordinatrice nazionale Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 19 novembre 2016 08:00:00 (441 letture)

(Leggi Tutto... | 4879 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Legge 107:'La Truffa 2' e la storia continua tra bufale e verità
Opinioni
Torno da scuola e leggo l'informativa FLCCGIL sull'incontro al Miur, mi colpisce poi improvvisamente una parte che qui riporto di seguito
Le risposte conclusive del Miur
"A fine incontro il Miur ha ribadito che non sono ipotizzabili modifiche al testo dellalegge 107/15anche se in sede di confronto si possono superare alcuni paletti presenti nella legge. Vedi il caso dellamobilità. Il prossimo CCNI potrà fare un RESET di tutti i vincoli preesistenti legati alle varie fasi assunzionali, mettendo tutti allo stesso nastro di partenza." NASTRO DI PARTENZA? ... di quale RESET stanno parlando? L'anno prossimo NESSUNO di COLORO che ha ottenuto il RECENTE Trasferimento rimanendo SODDISFATTO farà domanda per spostarsi!

Maria Pia Labita
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 07 novembre 2016 09:00:00 (642 letture)

(Leggi Tutto... | 6855 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Renzi contro Giannini: chissà se si parlano ...
Sindacati
Che il Governo Renzi fosse  al capolinea, almeno nel mondo della scuola, era chiaro, visti gli effetti disastrosi della Legge 107. Ma  dalla “squadra” di Renzi ci saremmo aspettati maggiore compattezza politica e una parvenza di coerenza, quella stessa spavalda boria alla quale ci hanno abituato, anche dopo fallimentari e antidemocratiche decisioni che hanno iniziato a cambiare il voto della scuola statale, all'insegna delle diseguaglianze tra docenti e della concentrazione di potere. Mentre Renzi bacchetta il suo Ministro dell'istruzione, ammettendo gli errori di gestione e promettendo di mettere mano al sistema scolastico, la Giannini non demorde e conferma la linea assunta finora, ribadendo nuove regole per la formazione e il reclutamento e nuovi concorsi.

Valeria Bruccola, Coordinatrice Nazionale Adida
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 26 ottobre 2016 07:30:00 (664 letture)

(Leggi Tutto... | 4222 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Legge 107/2015 e insegnamento alternativo alla Religione Cattolica
Rassegna stampa
La Legge 107/2015 (Legge su “La buona scuola”) ha apportato numerosi cambiamenti all’interno delle Istituzioni Scolastiche, ma per quanto riguarda l’insegnamento della Religione Cattolica (IRC) e l’insegnamento della Materia Alternativa ad essa, tutto è rimasto invariato.
Tuttavia, pur non essendoci un esplicito riferimento, la Legge 107/2015 rimarca, con il comma 16, l’obbligo delle scuole di assicurare con il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) le pari opportunità e la prevenzione di tutte le forme di discriminazione.
Così, in collegamento e coerentemente con quanto stabilito nel comma 16, anche la scelta di avvalersi o di non avvalersi dell’Insegnamento della Religione Cattolica non deve assolutamente dar luogo ad alcuna forma di discriminazione. Aspetto questo già esplicitato in passato con la Legge 121/1985, art. 9, comma 2, e con il D.L. 297/1994, art 310, comma 2.
A tutto ciò si aggiunge...

Agata Scarafilo
Scuola e Amministrazione
Postato da Antonia Vetro Martedì, 25 ottobre 2016 08:00:00 (533 letture)

(Leggi Tutto... | 13751 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Le incertezze del Sì e del No. La scuola che insegna
Redazione
Recentemente il Capo del Governo, Matteo Renzi è stato presentato come l'opposto del Re Mida: tutto quello che tocca perde valore e va rifiutato: conseguenza dell'estrema personalizzazione che egli ha posto nella sua azione politica. Stando all'esito del sondaggio 'scolastico', anche una previsione infausta per l'esito del referendum: prevarrebbe il no non in ragione di un giudizio negativo sul merito della riforma costituzionale, ma perché è la riforma 'di Renzi'. Un destino che ha già segnato anche il Governo Berlusconi e la sua fine. Sull'esito del referendum costituzionale sembra peraltro difficile avventurarsi in previsioni, data l'elevata percentuale degli incerti e anche il destino della Buona Scuola rimane incerto, anche perché la Riforma è stata classificata come "la scuola di Renzi".

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 20 ottobre 2016 06:30:00 (428 letture)

(Leggi Tutto... | 4503 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Trasparenza sul premio ai docenti 'meritevoli'
Sindacati
Da molte istituzioni scolastiche arrivano notizie secondo cui i Dirigenti scolastici si stanno rifiutando di pubblicare in modo integrale i dati relativi alla distribuzione del bonus previsto dalla legge n. 107/2015. In genere, i DS invocano il Codice sulla protezione dei dati personali, facendo riferimento all'art. 19, comma 3, del d.lgs. n. 196/2003, per il quale "la comunicazione ... e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento", dando per scontato che questa norma non ci sia.

cobas.comitati.di.base.scuola@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 17 ottobre 2016 08:30:00 (958 letture)

(Leggi Tutto... | 5931 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Spesa Ricavo Guadagno Perdita e 'Opportunità di vita FUTURA' Ovvero 'La grande fregatura della legge 107 che doveva tutelare i precari storici!'
Opinioni
Siamo ormai giunti alla data del 15 ottobre 2016, un sabato pomeriggio come tanti, che utilizzo per riflettere più a lungo sulla triste vicenda che riguarda il precariato storico del quale facevo parte fino a 1 anno fa  quando, una poco chiara e quanto mai misteriosa Legge composta da una grande quantità di articoli, spesso ambigui  o  in contrapposizione tra loro, ci mise di fronte ad una SCELTA OBBLIGATA:"Prendere o LASCIARE per sempre il mondo della scuola con lo spauracchio della impossibilità di continuare a lavorare da precari!". La politica  si rese conto del grande pasticcio fin da subito e per questo motivo venne, poi, fuori in extremis la FAQ 22 con la TUTELA della Prima Provincia, rivelatasi poi un vero boomerang per tutti coloro che "Si sono ILLUSI" di rimanere almeno sul proprio territorio. Altri, in virtù di un punteggio INFERIORE vennero catapultati subito al NORD.

Maria Pia Labita - Coordinamento SemiPrecari di Palermo
labita0@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 17 ottobre 2016 08:00:00 (608 letture)

(Leggi Tutto... | 10230 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Riforma: Fantasticherie linguistiche per una buona scuola
Opinioni
Tutto iniziò, se la memoria non ci inganna, con il "Qui manebimus optime" di Berlusconi. Cicerone, aveva detto "hic", che è avverbio di luogo, mentre "qui", in latino, è pronome relativo. Ma per un uomo d'azione, come l'ex Cavaliere, quello che conta è il messaggio. E il messaggio era chiaro e forte. Qui o hic, non si sarebbe smosso da lì. Per schiodarlo dalla poltrona hanno impiegato altri vent'anni. E la citazione sbagliata? Bazzecole. Il latino è come il sapone sul lastricato, viscido e insidioso. E un "classico" scivolone sull'onda dell'enfasi oratoria può capitare a tutti. La cosa peggiore però non è stato lo schiaffo a Cicerone, quanto l'aver "legittimato" - tanti altri (e peggiori) scivoloni ... La più rapida a raccogliere il testimone è stata la Gelmini, per lunghi anni ministro dell'Istruzione e della Ricerca nei governi Berlusconi, quando la compagine di maggioranza si faceva chiamare Polo del Buon Governo.

Alfio Chiarello
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 04 ottobre 2016 09:00:00 (588 letture)

(Leggi Tutto... | 5515 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: La scuola italiana che non ti aspetti… invece 'La Buona Scuola' di Renzi, Giannini, Puglisi, Toccafondi e Faraone è proprio così
Sindacati
L'articolo è un po' lungo ma vi prometto che non rimarrete delusi...
Avevano promesso 150 mila assunzioni ma ne hanno assunti solo 85mila senza considerare che molti di questi posti erano occupati da chi era andato in pensione (35mila posti). La chiamata diretta - è un sistema che deve produrre paura, disagio al personale della scuola, deve passare il messaggio che il dirigente può nominare chi vuole. Ma non è proprio così. Il docente a tempo indeterminato, se non viene "scelto" dal dirigente nell'ambito territoriale, verrà trasferito direttamente dall'Ufficio Scolastico Regionale in quella determinata scuola. L'obiettivo di questo gioco perverso è l'individuazione di eventuali docenti "contrastivi", separarli dal gruppo dei "bravi docenti educati e politicamente corretti", iscritti al Rotary, Ai Lyons, attivi negli oratori e in chiesa ogni mattina di domenica che non intervengono mai nei collegi dei docenti, perché gli va bene tutto.

Paolo Latella
Segretario della Lombardia e Membro del direttivo nazionale del sindacato Unicobas Scuola
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 24 settembre 2016 09:30:00 (918 letture)

(Leggi Tutto... | 21456 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Riforma: Il caos imperversa nel mondo della scuola
Sindacati
Gli uffici dell'amministrazione scolastica sono travolti da montagne di impegni ed incombenze che si susseguono a ritmi incalzanti e nonostante i loro enormi sforzi, difficilmente potranno permettere un avvio di anno scolastico tranquillo. La "buona scuola" duramente contestata dalle scriventi organizzazione sindacali, sta mostrando il suo vero volto, fatto di contraddizioni e incongruenze. Ma le indicazioni che arrivano da Roma impongono di accelerare, di superare le difficoltà pur di affermare la bontà delle scelte governative, persino a costo di ignorare i tempi adeguati per compiere gli atti nel rispetto della normativa vigente. Le conseguenze sono già ben chiare: sarà un avvio dell'anno scolastico caotico e gran parte delle prime ore di lezione scarsamente produttive.

Flc Cgil Cisl scuola Uil scuola Snals Confsal Gilda Unams
Ivanoe Vacca - Maria Giovanna Oggiano - Alessandro Cherchi - Maria Biosa - GianFranco Meloni
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 12 settembre 2016 08:30:00 (525 letture)

(Leggi Tutto... | 7137 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: L'anno che verrà ... E che la 'buona sorte' ci assista
Redazione
È ormai imminente l'avvio del nuovo anno scolastico. La sede in cui dovrò prestare servizio è quella dell'anno scorso: dista pochi chilometri dal luogo in cui attualmente abito ed è un ambiente, tutto sommato, vivibile e pacifico. Almeno per il momento, gli effetti velenosi della "Buona Scuola" non sono stati inoculati. Ecco il punto che mi preme sollevare: la spinosa e famigerata questione della "Buona Scuola", com'è stata ribattezzata la "riforma" renziana della scuola. L'anno appena trascorso è stato di transizione, ma ora si aprirà sul serio una fase difficile e regressiva (temo) nella storia della scuola italiana. Si prospetta una stagione tormentata dagli effetti destabilizzanti e distorsivi prodotti dall'applicazione della legge 107/2015.

Lucio Garofalo
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 29 agosto 2016 07:00:00 (638 letture)

(Leggi Tutto... | 3842 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Bonus ad libitum. Un Dirigente ateo e anticlericale esclude dal bonus il docente di religione
Redazione
Ha fatto scalpore la notizia circolata nella rete WhatsApp con la quale si denuncia che un Dirigente scolastico della provincia di Roma, esclude dal bonus l'insegnante di religione con la motivazione che, essendo egli ateo e anticlericale non condivide la presenza dell'insegnamento della religione nella scuola statale e non è utile alla formazione dello studente. Ecco che il bonus, espressione e beneficio della "buona scuola" rimane a vantaggio di pochi e "ad libitum" del dirigente che esercita ampia discrezionalità nell'assegnazione del beneficio economico, pur avendo avuto le indicazioni del Comitato di valutazione, che certamente non si è espresso in tal modo. La gravità del fatto di matrice evidentemente discriminatoria e ideologica viene segnalata anche ai fini di un'eventuale verifica di riscontro sulla veridicità dei fatti.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 23 agosto 2016 08:30:00 (667 letture)

(Leggi Tutto... | 5384 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Per i SemiPrecari non è una giornata di preparativi per il ferragosto ...
Opinioni
A Palermo davanti l'USR Sicilia si aspettano i colleghi che si sono alzati all'alba per raggiungerci da Catania, Siracusa, Messina, Enna, Agrigento e da tanti altri luoghi. Noi di Palermo andiamo a letto a notte fonda per rimanere sui social che ci servono per comunicare ed organizzarci. Anche noi ci siamo alzati all'alba perché "non si dorme quando ti senti calpestato sebbene tu abbia sempre fatto il tuo dovere come lavoratore ed onesto cittadino". Ma chi ci pensa alla vacanza? Le "Ferie" che ci stiamo godendo davanti le Prefetture, i Provveditorati ed USR vari ... hanno contribuito a colorare la carnagione chiara non ancora esposta ai raggi solari della spiaggia. Quelle "Ferie" che ci sarebbero servite per riprenderci, dopo un anno passato a compilare inutili cartacce su una Piattaforma dove interminabili serate ( dopo il lavoro a scuola) abbiamo trascorso per dimostrare ... per dimostrare cosa alla fine?
La nostra professionalità è stata passata ai raggi X attraverso procedure infinite e di infinita inutilità.

Maria Pia Labita
labita0@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 13 agosto 2016 07:30:00 (718 letture)

(Leggi Tutto... | 8734 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Le 'capre deportate' del governo Renzi, che abbandona il Sud al suo destino
Attività parlamentare
"Gli insulti di Rondolino agli insegnanti, di cui aveva già chiesto lo sgombero con la forza dal centro storico di Roma quando avevano manifestato contro la legge 107, si sono tinti di razzismo antimeridionalista negli ultimi attacchi contro i docenti del Sud costretti a trasferirsi in massa, e spesso senza criteri chiari, per coprire le sedi vacanti del Nord, pena perdere il posto di lavoro", denunciano i senatori Francesco Campanella e Fabrizio Bocchino, Sinistra Italiana-Altra Europa con Tsipraas. "Gli insulti gratuiti e indegni del dibattito pubblico di Rondolino mascherano un problema ben più complesso, cioè lo storico abbandono del Sud. Dalle regioni meridionali i giovani continuano a emigrare in massa, chi studia al Nord o all'estero poi non torna perché manca il lavoro, e chi ha un lavoro precario spesso rinuncia a fare figli", fa notare Campanella.

Cristiana Scoppa - Addetta stampa dei Senatori Fabrizio Bocchino e Francesco Campanella
scoppa.cristiana@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 13 agosto 2016 06:30:00 (942 letture)

(Leggi Tutto... | 3522 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Il Gatto e il Topo, Numeri, Algoritmi e 'PERSONE' ...
Opinioni
I primi effetti della mobilitazione sono venuti fuori  con la pubblicazione dei posti in deroga per i colleghi del sostegno ma noi del nostro Coordinamento ne diamo una lettura differente. Adesso provano a spaccarci in due o più fazioni in quanto CHI è tranquillo sull’AP ( assegnazione provvisoria) non avrebbe motivo di continuare a essere LAMENTOSO  e PIAGNONE come solitamente dice il Ministro Giannini e i suoi SEGUACI. Purtroppo la situazione della scuola Primaria di posto COMUNE è decisamente GRAVISSIMA.
Per noi non ci saranno assegnazioni provvisorie non essendo stati soddisfatti tutti gli Ante 2014/2015 di posto comune.

Maria Pia Labita
Coordinatore SemiPrecari di Palermo
labita0@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 11 agosto 2016 12:00:00 (865 letture)

(Leggi Tutto... | 6018 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Trasferimenti primaria, esodo di maestri al Nord
Opinioni
C'è gran fermento nel mondo della scuola a seguito della pubblicazione dei trasferimenti della scuola primaria. Sono ore drammatiche per centinaia e centinaia di insegnanti cosentini che si vedranno costretti a fare le valigie, destinazione Nord. E' stato un week end di fuoco quello appena trascorso per tantissimi insegnanti della primaria, che dopo aver visualizzato i risultati dei trasferimenti sono entrati nel panico più assoluto. Diverse sono state le anomalie che si sono registrate, molte delle quali, segnalateci dagli insegnanti. Negativi i commenti da ogni parte e malcontento generale, generato dalla pubblicazione dei trasferimenti sia provinciali che interprovinciali. Ad essere fortemente penalizzati i docenti trasferiti, assunti con il piano straordinario previsto dalla "legge 107/15". Ad ottenere il trasferimento in provincia solo 274 insegnanti, moltissimi sono rimasti fuori.

Adele Sammarro
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 05 agosto 2016 07:00:00 (777 letture)

(Leggi Tutto... | 4686 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Lettera aperta al Presidente della Repubblica Italiana, su discriminazione della mobilità
Opinioni
Egregio Presidente della Repubblica Mattarella,
scrivo questa lettera per chiederLe come mai una persona stimatissima e seria quale Lei è e che ha rivestito la carica di Giudice Costituzionale (2011-2015) abbia potuto firmare la LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 avente per oggetto: "Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti. (15G00122) (GU Serie Generale n.162 del 15-7-2015) ( Entrata in vigore il 16/07/2015 ), legge di cui parecchi articoli sono INCOSTITUZIONALI perché non solo violano l'art.3 e 97 della Costituzione italiana ma si pongono in contrasto con la normativa europea operando una discriminazione basata, come ad esempio per la mobilità, sulla fase di immissione in ruolo o sul canale (concorso o graduatorie) da cui sono stati assunti. Vengono calpestati, inoltre, i diritti già acquisiti in quanto non sono stati rispettati in toto i diritti di equa distribuzione dei posti per la mobilità interprovinciale stabiliti dalla normativa precedente ancora vigente (vedi Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297: Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione).

Caterina Accursio
Dirigente scolastico in quiescenza dal 1° settembre 2015
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 04 agosto 2016 07:30:00 (1018 letture)

(Leggi Tutto... | 5365 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Riforma: Addio scatti di anzianità, per il Governo i dipendenti pubblici vanno pagati a vita poco più di mille euro al mese
Sindacati
Entro febbraio verrà approvata la bozza del nuovo testo unico sul pubblico impiego, nella quale si prevede la possibilità concreta del licenziamento, in caso di sovrannumero. Prevista, però, anche la fine di quegli aumenti automatici in busta paga, legati all’anzianità di servizio, che in certi comparti, come la scuola, si tradurrebbe nella cancellazione dell’unica forma di carriera professionale. Per accedere agli aumenti, i dipendenti pubblici dovranno passare per la valutazione annuale del loro dirigente: sulla base di questa valutazione, verrà quindi assegnato un aumento, erogato a non più del 20% dei dipendenti. Se a questo si sommano le intenzioni ribadite oggi dal ministro Madia di non voler integrare le “briciole” previste dalla Legge di Stabilità 2016 per il rinnovo contrattuale e di destinare gli unici aumenti a chi percepisce redditi più bassi, il cerchio si chiude...

Anief.org
Postato da Antonia Vetro Martedì, 02 agosto 2016 07:00:00 (1431 letture)

(Leggi Tutto... | 8935 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Profeti di sciagure smentiti dai fatti
Attività parlamentare
"I profeti di sciagure e di tempeste verranno smentiti dai fatti. Mai lo Stato ha gestito una mole così grande di assunzioni a tempo di indeterminato come il piano straordinario di assunzioni della scuola e un concorso che assegnerà il quintuplo dei posti rispetto all'ultimo del 2012". Lo afferma la responsabile scuola del Pd Francesca Puglisi che sottolinea: "Quanto all'organico dell'autonomia forse qualcuno non ha capito bene lo spirito della legge 107. Tutto il personale scolastico è organico dell'autonomia. E tutti devono concorrere al successo formativo degli studenti. Le autonomie scolastiche possono organizzare classi e orari settimanali come meglio credono.

maria.calabretta@senato.it
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 29 luglio 2016 08:00:00 (848 letture)

(Leggi Tutto... | 2100 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Ennesimo atto di disprezzo nei confronti degli insegnanti da parte del MIUR
Attività parlamentare
"Ancora una volta la legge 107 si conferma una cattiva legge, che costruisce una cattiva scuola", fa notare il senatore Fabrizio Bocchino (Sinistra Italiana - Altra Europa con Tsipras) in merito alla mancata pubblicazione ieri, 26 luglio, degli elenchi con i trasferimenti di sede per centinaia di insegnanti delle scuole dell'infanzia e primaria che sono da mesi in attesa di conoscere l'istituto dove dovranno prendere servizio a settembre. "Non solo la procedura per gestire i trasferimenti è inutilmente farraginosa, perché il governo non ha voluto tenere conto dei suggerimenti per la sua semplificazione che arrivavano da chi lavora nel mondo della scuola. Non solo il MIUR ha posticipato per ben tre volte la data in cui avrebbe comunicato l'esito delle procedure di trasferimento", continua il Senatore.

scoppa.cristiana@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 28 luglio 2016 07:30:00 (1398 letture)

(Leggi Tutto... | 2608 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Il governo apre la tratta degli insegnanti
Attività parlamentare
"Le linee guida pubblicate per la chiamata diretta degli ambiti territoriali sono un insulto all'intelligenza sotto forma di documento ministeriale" - ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI. Non diversamente si può definire una serie di indicazioni, del resto non vincolanti, palesemente prive di ogni significato didattico, maldestra foglia di fico dell'assoluto arbitrio dei dirigenti scolastici nella scelta degli insegnanti. Si apre una vera e propria tratta di insegnanti senza diritti. L'associazione nazionale presidi, ormai vero ministero ombra, del resto lo chiarisce, brutalmente, in un proprio comunicato, che recita: "dopo l'assegnazione del bonus premiale l'individuazione dei docenti dagli ambiti territoriali costituisce un'ulteriore leva gestionale che sostanzia il profilo dirigenziale della scuola".

pcistruzione@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 27 luglio 2016 07:30:00 (1892 letture)

(Leggi Tutto... | 2722 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Venghinosignori venghino. Nuovaestate calda per la scuola. Scegli la tua bandiera e la tua parola d’ordine
Opinioni
Estate 2016, per la scuola vecchi schemi e qualche nuova parola d’ordine per spezzare la monotonia. Cominciamo col ribadire che si può essere legittimamente a favore o contro un Governo, un Ministro o una riforma e che la consapevolezza dell’essere, appunto, pro o contro nasce e si struttura in ognuno di noi sulla base dell’esperienza sociale che oggi indiscutibilmente è influenzata dal moltiplicarsi di interlocutori che si interpongono tra l’emittente di un provvedimento (Governo, MIUR etc..) e il ricevente del medesimo (docente, ATA etc…). Mi sono preso il lusso di ricostruire, anche se in modo parziale perché ho preso in considerazione solo le organizzazioni sindacali e le associazioni professionali, l’elenco degli intermediari dell’informazione nel mondo della Scuola, ovvero: ...

Salvo Altadonna
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 23 luglio 2016 08:30:00 (890 letture)

(Leggi Tutto... | 5551 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Una rivoluzione copernicana: dalle graduatorie alle competenze. Emanate le linee guida per la chiamata dei docenti
Sindacati
Con nota prot. N. 2609 del 22 luglio 2016 sono state emanate le Linee guida per l’individuazione dei docenti dagli ambiti territoriali, in applicazione di quanto previsto dai commi 79-82 della L. 107/2015.
Mentre da un lato si esprime condivisione sul rispetto del principio di legalità nel dare attuazione ad uno degli aspetti più innovativi della Legge 107, al tempo stesso non si può approvare che un intervento così significativo rischi di essere compromesso dalla compressione dei tempi a disposizione delle scuole, proprio alla prima esperienza e a conclusione di un anno scolastico particolarmente impegnativo.
Il ritardo nell’emanazione del provvedimento, dovuto al tentativo esperito dal MIUR di trovare un impossibile accordo sulla materia, in quanto derogatorio di una legge imperativa, con le Organizzazioni Sindacali di Comparto - tentativo rivelatosi fallimentare – restringe purtroppo in modo estremamente critico i tempi di attuazione, costringendo ad una prima applicazione del nuovo meccanismo di individuazione dei docenti a tappe forzate...

ANP
Postato da Antonia Vetro Venerdì, 22 luglio 2016 16:50:23 (1237 letture)

(Leggi Tutto... | 5453 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Voli pindarici e metamorfosi nella 'buona scuola'
Opinioni
E' tempo di grandi metamorfosi nella scuola. Stagione di cambiamenti di sostanza. Di nuovo che avanza, che rimescola tutto e non si arresta alla sola facciata. Una furia riformatrice incontenibile di portata storica. Qualcosa che richiama alla memoria (sarà per l'icona statuaria del Premier che brandisce il libro sulla Buona Scuola?) Costantino il Grande, folgorato dal (quasi) più celebre "In hoc signo vinces". Roba di peso, insomma. Di grande impatto. Ed è appunto la Buona Scuola (che tanto buona non deve essere, almeno a sentire la maggior parte dei professori), il motore di questo epocale rinnovamento. Un progetto che viene da lontano e che trova coronamento nel grande "sogno" renziano di portare l'istruzione al passo con i tempi. Ma come? Ripetiamo a memoria: saldando la formazione con il mondo del lavoro, insegnando le lingue straniere per trasformare i nostri figli in cittadini europei, ridando dignità (e ci sa tanto che sia quest'ultima la "scommessa" più ardita) al lavoro degli insegnanti, ...

Alfio Chiarello
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 21 luglio 2016 08:30:00 (736 letture)

(Leggi Tutto... | 5079 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Chiamata diretta: è il far west!
Sindacati
Cominciano a trapelare le prime indiscrezioni sulle indicazioni operative per la cosiddetta "chiamata diretta". Cgil, Cisl, Uil e Snals, che a fine giugno avevano presentato la proposta indecente di fornire ai dirigenti scolastici criteri fintamente oggettivi basati su certificazioni quanto meno discutibili, ora piangono lacrime di coccodrillo di fronte al documento non ancora definitivo che oggi il Miur ha presentato loro. A detta di questi sindacati, che di questo scempio sono stati ampiamente complici, il Capo dipartimento del Miur oggi avrebbe descritto le future modalità della chiamata diretta, che saranno divise in due fasi: nella prima fase, i dirigenti, sulla base del PTOF della propria scuola, potranno scegliere i docenti che presentino le caratteristiche richieste, in base ai CV proposti dai docenti stessi: lo faranno sulla base di alcuni criteri formulati dal MIUR, o, cosa assai grave, sulla base di criteri definiti da loro stessi in autonomia; nella seconda fase, l'Ufficio Scolastico Regionale nominerà d'ufficio i docenti che non saranno stati scelti dai DS. Volendo ipotizzare concretamente come funzionerà proviamo a fare un esempio, sulla scuola secondaria e sulla base delle date che sono trapelate, ma che non sono ancora ufficiali: ...

Scuola.usb.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 21 luglio 2016 06:30:00 (949 letture)

(Leggi Tutto... | 5834 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: 'Buona Sola' no una 'riforma' di Renzi, del PD o del governo in carica, bensì una controriforma calata dall'alto
Opinioni
Una volta ero convinto che la scuola pubblica italiana fosse un ambiente impermeabile e refrattario alle novità (intese qui in un'accezione deteriore), una categoria sociale restia e diffidente rispetto alle "rivoluzioni di destra" imposte dal capitalismo. Mi sbagliavo clamorosamente. Dopo aver visto il mondo della scuola assorbire ed accettare supinamente una sequenza micidiale di controriforme, dall'autonomia scolastica alla "buona scuola", susseguitesi negli ultimi vent'anni, mi sono dovuto ricredere. Temo che la massa dei colleghi sia fin troppo remissiva e "recettiva" (in un senso ironico) rispetto alle ingerenze politiche esercitate dall'alto. Ricordo che la "Buona Sola" non è una "riforma" di Renzi, del PD o del governo in carica, bensì una controriforma calata dall'alto, dal mondo imprenditoriale che punta a fare della scuola pubblica un luogo di addestramento alla selezione di classe all'interno del mercato del lavoro.

Lucio Garofalo
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 18 luglio 2016 08:00:00 (732 letture)

(Leggi Tutto... | 3283 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Chiamata diretta: il grande inganno
Sindacati
Il Ministero dell’Istruzione è l’unico responsabile della rottura che si è consumata al tavolo della trattativa riguardante l’assegnazione dei docenti dagli ambiti alle scuole. Dopo aver raggiunto l’intesa politica che definiva procedure trasparenti e oggettive per garantire l’incontro tra richieste qualitative delle scuole e requisiti dei docenti, salvaguardando esperienze e punteggi, è stata presentata una pletora di requisiti nazionali dai quali le singole scuole avrebbero dovuto indicarne quattro. Molti di quei requisiti non avevano alcun riferimento alla concreta attività didattica, culturale e pedagogica dei docenti. Le organizzazioni sindacali unitariamente hanno proposto un numero limitato di requisiti nazionali inequivocabilmente verificabili e certificabili che eliminassero ogni potere discrezionale e eventuali contenziosi.

Cgil Scuola
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 17 luglio 2016 08:00:00 (914 letture)

(Leggi Tutto... | 3351 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Piano Scuola Digitale, assunzioni, edilizia scolastica, school bonus I primi 12 mesi de #LaBuonaScuola
Ministero Istruzione e Università
Un Piano Nazionale da 1 miliardo per la Scuola Digitale, con 350 milioni già stanziati nei primi 6 mesi dal lancio. Fondi aggiuntivi e nuovi strumenti e interventi per migliorare la qualità dell'edilizia scolastica. Risorse raddoppiate per il funzionamento delle scuole. Novantamila insegnanti assunti nel 2015, il numero più elevato degli ultimi 20 anni. Un concorso da 63.712 posti bandito nel 2016. Sono alcuni dei risultati raggiunti nei primi 12 mesi di attuazione della legge "Buona Scuola", approvata il 9 luglio 2015 e poi entrata in vigore il 16 luglio, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. "Dopo una consultazione partecipata e un ampio dibattito parlamentare, la Buona Scuola sta finalmente diventando realtà. Stiamo dando attuazione ad una legge che interpreta una precisa scelta e una priorità del Governo: scommettere sull'istruzione come asse strategico dello sviluppo e della crescita del Paese. Quello appena trascorso è stato un anno intenso per il Miur. Non sono mancate critiche e difficoltà, ma credo sia stato un anno di attivismo e dinamismo positivo nelle scuole", dichiara il Ministro Stefania Giannini.

Miur
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 16 luglio 2016 07:30:00 (802 letture)

(Leggi Tutto... | 23562 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: La politica scolastica ... tra superficialità e improvvisazione
Opinioni
Un processo di ricerca, razionalmente concepito, prende avvio dallo studio del campo in cui nasce il problema, prosegue col riconoscimento degli elementi che lo sostanziano, con la loro definizione e con la specificazione dei risultati attesi.  L'art. 2 della legge 53/2003, che ha delegato al governo il riordino del sistema educativo, segue tale logica: "È promosso l'apprendimento  in  tutto l'arco della vita e sono assicurate  a  tutti pari opportunità di raggiungere elevati livelli culturali  e  di  sviluppare le capacità e le competenze, attraverso conoscenze  e  abilità,  generali  e  specifiche,  coerenti  con  le attitudini e le scelte personali, adeguate all'inserimento nella vita sociale  e  nel  mondo del lavoro, anche con riguardo alle dimensioni locali, nazionale ed europea".

Enrico Maranzana
zanarico@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 14 luglio 2016 07:30:00 (630 letture)

(Leggi Tutto... | 6172 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Ma quale 'Buona', è solo un castello di bugie
Attività parlamentare
"La cosiddetta 'Buona Scuola' è in realtà solo un castello di bugie, non a caso la Corte dei Conti l'ha bocciata confermando che i tagli dei ministri Tremonti e Gelmini non sono stati in realtà mai sanati. Evidentemente, un anno fa, non eravamo noi i gufi". Lo ha dichiarato la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo di Sinistra Italiana - SEL in Commissione Istruzione. "I docenti che risultano realmente assunti risulterebbero essere solo 47mila, eppure il Sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone, continua ad affermare che le assunzioni saranno in tutto 90mila, compresi i vincitori del concorso 2016 (un concorso ancora in essere, i cui posti in organico saranno possibili non prima del 2017). "Tra l'altro, anche per il personale Ata, già sottodimensionato, non c'è nessun incremento all'orizzonte. Ciò non aiuta certamente il buon funzionamento della scuola. Insomma, il Pd mente sapendo di mentire, visto che è da febbraio scorso che sbandiera in tutta Italia manifesti relativi all'assunzione di ben 100mila docenti!

UfficioStampa_Misto@senato.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 07 luglio 2016 07:00:00 (725 letture)

(Leggi Tutto... | 2746 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Riforma: Non c’è più tempo: pensare e realizzare un nuovo piano dell’offerta formativa nazionale per una scuola pubblica laica statale di qualità e ridurre l’abbandono scolastico e i Neet!
Opinioni
Quanti studenti con il giudizio sospeso si presenteranno preparati alla fine di agosto? Forse sarebbe opportuno ripensare ad un processo di valutazione di fine anno per tutti gli anni delle scuole secondarie di secondo grado con un esame finale. Dobbiamo alzare il livello qualitativo dei nostri studenti e portare l'obbligo a 18 anni. Con la possibilità, in corso d'opera, di rindirizzare gli studenti meno portati per lo studio, in indirizzi professionali, all'interno dello stesso istituto.
E' opportuno ripensare ad una scuola con tutti gli indirizzi di studio visto che la Legge 107/2015 a regime trasformerà gli insegnanti in docenti di materie dipartimentali.

Paolo Latella - Insegnante e giornalista
Segretario Unicobas Lombardia
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 04 luglio 2016 06:00:00 (777 letture)

(Leggi Tutto... | 5604 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Dichiarazione su rinuncia bonus SMS Palumbo di Villlabate (PA)
Istituzioni Scolastiche
Nel corso del presente anno scolastico è stato costituito nel nostro Istituto Scolastico, come richiesto dalla Legge 107/2015, un comitato di valutazione. Del comitato di valutazionefanno parte tre colleghe che sono state espressione del collegio dei docenti e che hanno svolto con competenza e abnegazione il loro ruolo, assumendo il gravoso compito di stabilire, insieme agli altri membri, i criteri finalizzati alla valutazione del merito per l'assegnazione dell'eventuale bonus premiale: a loro va il nostro ringraziamento per essersi spese generosamente nella ricerca di criteri che si rivelassero, nei limiti stessi imposti dalla norma, quanto più equilibrati e condivisibili. Corre l'obbligo di ringraziare anche il nostro dirigente per il rispetto e la totale assenza di preconcetti con cui si è approcciato alle idee e alle proposte delle colleghe. Lungi quindi dal voler prendere le distanze dall'ottimo lavoro finora svolto dal comitato, ci sentiamo tuttavia, in dovere di denunciare il pericolo insito nel principio del cosiddetto "bonus premiale".

Seguono le firme di 50 docenti su complessivi 75

della Scuola Secondaria di Primo grado "P. Palombo", di Villabate (PA)
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 01 luglio 2016 07:30:00 (933 letture)

(Leggi Tutto... | 5227 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Governo: P.A. – novità in materia di licenziamento disciplinare
Istituzioni
Il Governo ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28 giugno 2016, il decreto  legislativo  n. 116 del 20 giugno 2016, recante modifiche all’articolo 55-quater del D.L.vo 30 marzo 2001, n. 165, in materia di licenziamento disciplinare nelle Pubbliche Amministrazioni.
In particolare, costituisce falsa attestazione della presenza in servizio qualunque modalità fraudolenta posta in essere, anche  avvalendosi di terzi, per far risultare il dipendente in servizio o trarre in inganno l’amministrazione presso la quale il dipendente presta attività lavorativa circa il rispetto dell’orario di lavoro dello stesso.
Della violazione risponde anche chi abbia agevolato...

Dottrina per il Lavoro
Postato da Antonia Vetro Venerdì, 01 luglio 2016 06:00:00 (1064 letture)

(Leggi Tutto... | 2779 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: A Bologna docenti rifiutano i 'premi' dati in modo discrezionale e scelta si diffonde in tutto il territorio nazionale. La dimostrazione che questa non è una 'Buona Scuola'
Attività parlamentare
"Tra le varie contraddizioni della Legge 107, cosiddetta "buona scuola", vi è il bonus per la valorizzazione dei docenti rivolto solo al personale di ruolo. Avevamo denunciato che la costituzione dei comitati di valutazione in ogni Istituto comprensivo avrebbe aperto la strada alla mera discrezionalità dei criteri che sarebbero stati solo lesivi della libertà di insegnamento". Lo ha detto la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo di Sinistra Italiana - SEL in commissione Istruzione, che ha aggiunto: "Il rifiuto di molti insegnanti, destinatari del bonus, ad accettare quel sistema premiale a punti, scegliendo di distribuire la cifra tra tutti i docenti o ad altre attività didattiche è una scelta di grande dignità".

UfficioStampa_Misto@senato.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 30 giugno 2016 07:00:00 (778 letture)

(Leggi Tutto... | 2150 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Maturità e la geografia
Opinioni
Al Ministro dell'Istruzione piace molto la Geografia però solamente nelle tracce della Maturità. Puntualmente, anche quest'anno, nelle tracce della prova scritta di italiano compaiono temi di carattere geografico, economico e politico: valore del paesaggio, valore del confine e crescita e sviluppo con riflessione critica sul Pil. Temi affascinanti ed anche di stretta attualità: temiamo però che, come avvenuto lo scorso anno, queste tracce siano state sviluppate da un esiguo numero di studenti in quanto totalmente estranee al loro corso di studi. Eppure il Ministro Giannini dovrebbe ormai sapere che la Geografia economica e politica nelle scuole superiori italiane viene ormai insegnata nel solo biennio del tecnico commerciale mentre nei Licei e negli altri Istituti è pressoché assente!

Prof. Riccardo Canesi - Coordinamento Nazionale SOS Geografia
r.canesi@tin.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 23 giugno 2016 07:00:00 (757 letture)

(Leggi Tutto... | 2999 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Buona scuola, un anno deludente, senza risposte e lontano dalla complessità del mondo
Sindacati
La crisi economica planetaria, i conflitti promossi dall'Occidente contro il ruolo crescente di Cina e Russia, l'incapacità dell'Europa di offrire quelle risposte sociali fondate sulla solidarietà che i cittadini si aspettano. E ancora, i cambiamenti strutturali dell'area mediterranea, che vedranno milioni di giovani senza acqua corrente ed elettricità in casa scegliere, come i nostri antenati un secolo fa, la via dell'emigrazione, diventando i nuovi cittadini d'Europa. Il declino non reversibile dell'Occidente per la fine della rapina delle materie prime energetiche e alimentari dei popoli del sud del mondo. A fronte dell'epocalità di tali avvenimenti, la quotidianità italiana potrebbe essere trascurabile, sebbene proprio dalle risposte a questi grandi temi dipenda la vita di tutti i giorni dei nostri concittadini: lavoro, sicurezza, casa, istruzione, pensioni.

Davide Rossi
Segretario generale SISA
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 23 giugno 2016 06:00:00 (676 letture)

(Leggi Tutto... | 5751 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: PTPC e PTTI delle istituzioni scolastiche della Sicilia - scadenze
Ufficio Scolastico Regionale
Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione delle istituzioni scolastiche e Programma Triennale della Trasparenza e Integrità delle istituzioni scolastiche della Sicilia 2016-2018...

USR Sicilia
Postato da Antonia Vetro Martedì, 21 giugno 2016 07:30:00 (929 letture)

(Leggi Tutto... | 880 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Un modello di PTTI da pubblicare entro il 30 giugno
Rassegna stampa
Il Programma Triennale per la Trasparenza e l'Integrità (PTTI) delle istituzioni scolastiche statali rappresenta uno strumento di programmazione distinto rispetto al Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (PTPC) predisposto dall'USR, fermo restando che deve sempre essere assicurato il coordinamento fra i due strumenti.
Ciascun dirigente scolastico, in qualità di Responsabile della trasparenza, sentito il Consiglio di Istituto, deve adottare il PTTI dell’istituzione scolastica, la cui pubblicazione nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito della scuola deve avvenire entro il 30 giugno 2016...

Sinergiediscuola.it
Postato da Antonia Vetro Martedì, 21 giugno 2016 07:00:00 (905 letture)

(Leggi Tutto... | 2725 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Valutare i processi attributivi del bonus premiale
Redazione
L'anno scolastico è finito: il dirigente scolastico assegnerà i fondi per la valorizzazione del merito ai docenti.
Lo scenario è desolante. L'incompetenza e l'arroganza monopolizzano il campo delle singole scuole mentre l'elusione dei compiti di vigilanza quello ministeriale. La legge, riconosciuta la dimensione del problema educativo, ha introdotto una struttura organizzativa tridimensionale: "Le funzioni di indirizzo e controllo spettano agli organi di governo, mentre le funzioni di gestione amministrativa, alla dirigenza" [d.lgs. 27/10/2009 n. 150 art. 37].

Enrico Maranzana
zanarico@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 16 giugno 2016 06:30:00 (929 letture)

(Leggi Tutto... | 2580 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Costituzione reti scolastiche
Ufficio Scolastico Regionale
Costituzione reti scolastiche di cui all’art.1, comma 70 e ss.della legge 13 luglio 2015, n.107....

USR Sicilia
Postato da Antonia Vetro Mercoledì, 15 giugno 2016 10:35:03 (1366 letture)

(Leggi Tutto... | 700 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Monitoraggio sperimentazione modelli certificazione competenze nel primo ciclo
Ministero Istruzione e Università
Monitoraggio dell’adozione sperimentale dei nuovi modelli di certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione (CM 3/2015 e Nota DGOSV 11141 del 6-11-2015). Scadenze e adempimenti...

Miur
Postato da Antonia Vetro Domenica, 12 giugno 2016 07:30:00 (965 letture)

(Leggi Tutto... | 902 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Rispondo all’email di Matteo Renzi
Opinioni
Matteo Renzi - Enews 431, 6 giugno 2016 - ha inviato una mail in cui scrive: "Lo diciamo dal primo giorno. La scommessa educativa, l'investimento sul capitale umano, la centralità dell'istruzione sono temi chiave per il futuro (anche) del nostro Paese". E' vero, la centralità del servizio educativo è stata enunciata fin dal primo giorno: "La scuola è il cuore di tutto", strumento di "crescita dei prossimi 20 anni, non costo ma investimento per i nostri figli, per il nostro futuro, per l'Italia: chi vuole bene all'Italia vuole bene alla scuola. Dobbiamo disegnare insieme la scuola che verrà". Un'intenzionalità che il governo non è stato capace di realizzare: "Disegnare insieme la scuola che verrà" presuppone il rispetto delle ordinarie procedure progettuali, tra cui ...

Enrico Maranzana
zanarico@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 09 giugno 2016 07:30:00 (754 letture)

(Leggi Tutto... | 6361 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: CPIA Catania 2 di Giarre – Conferenza di servizio del 25 maggio 2016
Redazione
L'obiettivo di un assetto organizzativo sempre più efficace ed efficiente dei CPIA, e nello specifico del CPIA - Catania 2 - Giarre, in riferimento al D.P.R. 263/2012 (Regolamento recante norme generali per la ridefinizione dell'assetto organizzativo didattico dei Centri d'istruzione per gli adulti), è stato al centro della Conferenza di servizio di giorno 25 maggio presso la sede del Centro. Alla presenza della relatrice Dirigente Tecnico dell'USR - Sicilia dott.ssa Fiorella Palumbo, che ha dato inizio ai lavori introducendo la normativa di riferimento, degli interventi della dott.ssa Rita Vitaliti, Dirigente Scolastico del CPIA - Catania 2 - Giarre, impegnata sul territorio per garantire ...

Mario Di Nuzzo
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 08 giugno 2016 07:00:00 (833 letture)

(Leggi Tutto... | 2908 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Riforma: Il primo anno della Buona Scuola. Alla ricerca dei docenti migliori
Redazione
L'anno scolastico volge al termine e la frenesia e la tensione degli ultimi giorni, con il carico e le incombenze valutative e di esami dà alla scuola una dimensione particolare. E' periodo di bilanci, di relazioni e di sintesi. Si raccolgono i frutti di un intenso anno di lavoro, il primo della "Buona scuola" secondo le norme della Legge 107/2015 che comincia ad applicarsi. E' stato l'anno del "potenziamento" dichiarato ed in parte realizzato con la presenza di nuove forze lavoro e dei numerosi docenti neo immessi in ruolo. L'esercito dei 60mila che irrobustisce le potenzialità della "scuola-servizio". "Gli insegnanti italiani incidono positivamente sulla vita di tanti giovani. Sono loro, i docenti, ad indicare la strada ai loro studenti, a fare da guida. Il loro entusiasmo per ciò che insegnano e la loro gioia per il fatto di essere dei docenti sono contagiosi" Queste parole di Hanan Al Hroub (l'insegnante palestinese vincitrice del Global Teacher Prize 2016, conosciuto anche come il Premio "Nobel" per l'Insegnamento - premio da un milione di dollari) hanno dato l'occasione al Ministro Stefania Giannini di rilanciare l' "Italian Teacher Prize", la versione nazionale del "Nobel" mondiale.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 05 giugno 2016 08:30:00 (924 letture)

(Leggi Tutto... | 6271 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: L’incapacità di governare la scuola
Opinioni
L'introduzione della meritocrazia e del bonus ai docenti mette a nudo la confusione concettuale in cui vive l'istituzione scolastica.
Il problema del merito è decontestualllizzato. Le relazioni che sostanziano la visione sistemica sono cestinate: un architrave della cultura contemporanea è demolito. Il legislatore, come uno studente che non sa fare un compito, copia quanto avviene negli altri paesi. Il Miur, ancorato alla tradizione, è sordo agli indirizzi innovativi presenti nelle leggi. I dirigenti scolastici, appagati dall'erronea posizione loro assegnata nell'organigramma dalla legge 107, definiscono gli indirizzi generali perdendo di vista l'unitarietà del sistema scuola. "Parcellizza e comanda" è il loro motto.

Enrico Maranzana
zanarico@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 22 maggio 2016 08:00:00 (839 letture)

(Leggi Tutto... | 3002 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Sempre aperte, anche di domenica
Redazione
Non è la prima volta che i ministri della P.I. pensano di rendersi utili alla società chiedendo alle scuole di cancellare quel piccolo scandalo che è la chiusura domenicale delle scuole e quello più grande delle ferie estive degli insegnanti. Le scuole devono restare aperte al mondo esterno tutti i santi giorni dell'anno solare. Lo scandalo vero, però, non è la chiusura delle scuole,ma quello della società, ripiegata su se stessa, che alle generazioni nuove non apre le porte del lavoro e della cittadinanza. Ci aveva pensato a suo tempo Berlinguer con la Direttiva n.133 del 3 aprile del 1996; l'idea è semplice, ma anche pericolosa.A scuola si fa di tutto per tenere impegnati gli alunni; si fa anche dell'istruzione, se si trovano il tempo e il modo. E' un espediente per occultare seri problemi sociali; è anche un irresponsabile gioco al rialzo sulle possibilità e sulle responsabilità della scuola.

prof. Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Venerdì, 20 maggio 2016 06:30:00 (710 letture)

(Leggi Tutto... | 4752 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Approvazione DL scuola: Altadonna apprezzamento da parte dei neo-immessi
Opinioni
"Il confronto serio su temi condivisibili e di buon senso è la forza di provvedimenti come quello approvato oggi al Senato". A dirlo è Salvo Altadonna, docente palermitano, che nuovamente torna sull'argomento delle assegnazioni provvisorie. "I docenti immessi in ruolo in virtù della legge 107 - prosegue il docente - ritengono indispensabile continuare su questo percorso di dialogo con il sottosegretario Faraone in vista di una soluzione che già dal prossimo anno potrà definitivamente sanare la questione legata ai posti in deroga su sostegno e quindi ai trasferimenti definitivi degli insegnanti nelle loro province di origine. Intanto ci avvicineremo alla conclusione di quest'anno scolastico con la consapevolezza che essere stati immessi in ruolo sia l'inizio di un nuovo percorso che ha come obiettivo una scuola salda, che mette gli studenti al centro, dando la giusta attenzione alle necessità degli insegnanti".

Salvo Altadonna
salvoaltadonna@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 13 maggio 2016 06:30:00 (769 letture)

(Leggi Tutto... | 2402 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: #SistemaITS al via la nuova campagna di orientamento sugli Istituti Tecnici Superiori. Un sito, video, una App per scoprire tutta l'offerta formativa
Ministero Istruzione e Università
Una App, un sito e un profilo social dedicati, video esplicativi. Al via da oggi la nuova campagna di orientamento e informazione sugli ITS, gli Istituti Tecnici Superiori, le scuole di specializzazione tecnica nate per offrire ai ragazzi percorsi post diploma utili per inserirsi in modo qualificato nel mondo del lavoro. L'iniziativa è stata presentata presso la Sala della Comunicazione del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca dal Sottosegretario all'Istruzione Gabriele Toccafondi. La campagna di comunicazione "Sistema ITS" è stata pensata per i ragazzi e realizzata per far conoscere l'offerta formativa di questi Istituti distribuiti in tutta Italia. Un progetto "tascabile", a portata di mano, che sfrutta i canali social, le App e un portale web dedicato per arrivare con semplicità a studenti e genitori. "Sistema ITS segna un passo fondamentale e decisivo verso l'orientamento dei nostri giovani – ha spiegato il Sottosegretario all'Istruzione Gabriele Toccafondi – Un orientamento che tiene conto dei processi di trasformazione sociale ed economica e delle esigenze del mondo del lavoro e delle professioni di tecnici altamente specializzati".

Sistemaits.it
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 10 maggio 2016 07:30:00 (740 letture)

(Leggi Tutto... | 4503 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Contro la scuola SpA, a sostegno dei referendum - 9 maggio alle ore 19,30 al circolo Olga Benario di Catania
Attività parlamentare
L'Associazione per la ricostruzione del Partito Comunista organizza lunedì 9 maggio alle ore 19,30 al circolo Olga Benario di Catania (vicolo Beritelli, 7-zona Piazza Dante) un appuntamento a sostegno i referendum contro la legge di Renzi sulla scuola. Intervengono: Gilda Arena (circolo comunista Olga Benario), Cristina Bonfante (Segreteria PCdI Catania), Luca Cangemi (coordinamento nazionale Ass. per la ricostruzione del PC), Giovanni Contino (coordinatore regionale FGCI), Giusi Greta Di Cristina (comitato regionale PCdI). Partecipano le forze promotrici dei comitati referendari. Durante la serata Musica con i "Giringiro". Nel corso dell'iniziativa verranno raccolte le firme sui referendum sulla scuola, sugli altri referendum sociali e su quelli contro l'ltalicum.
lucangemi@libero.it
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 06 maggio 2016 06:00:00 (979 letture)

(Leggi Tutto... | 2266 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: La logica delle competenze e il mondo del lavoro. Un’ipotesi di scenario
Redazione
La competenza è uno dei concetti simbolo del nostro tempo e uno degli idoli più venerati in tutti i luoghi della nostra nostra società. E' una delle conseguenze dei cambiamenti profondi degli assetti economici e dell'organizzazione del lavoro verificatisi a partire dagli anni '80. Queste trasformazioni hanno subito un'accelerazione per le nuove dimensioni del mercato dei prodotti, dei servizi, del lavoro e degli investimenti non più ristretto, per i grandi rivolgimenti politici che hanno segnato la storia degli ultimi decenni, agli ambiti nazionali, ma dispiegato su tutta la comunità internazionale. Per il Libro Bianco del '95 l'universalizzazione dell'economia di mercato è uno dei tre shock che hanno trasformato profondamente e durevolmente il contesto dell'attività economica e il funzionamento delle società: gli altri sarebbero la nascita della società dell'informazione e lo sviluppo della civiltà scientifica e tecnica.

prof. Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Martedì, 03 maggio 2016 06:30:00 (727 letture)

(Leggi Tutto... | 17171 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: Premiare il merito. Dov’è la qualità della didattica?
Redazione
Nelle scuola i comitati di valutazione sono al lavoro per decidere i criteri sulla base dei quali i Dirigenti scolastici assegneranno il bonus merito. In alcune scuole si diffonde l'intenzione di premiare la quantità (assurgendola a criterio obiettivo), e dunque ad es. premiando semplicemente coloro che trascorrono più ore a scuola perché impegnati in commissioni o nello staff del dirigente, in altre si intende seguire un percorso progettuale che privilegia le azioni realmente svolte in coerenza ed in vista dei traguardi da conseguire previsti nel Piano di miglioramento che sarà verificato al termine del triennio. E' da certamente da premiare il contributo alla crescita della scuola in termini di qualità e di efficienza, oltre che di competitività per una migliore qualità. I circa 24 mila euro che saranno assegnati a ciascuna scuola saranno certamente insufficienti per gratificare il molto impegno profuso nella didattica e nella sperimentazione di una progettualità innovativa, ma saranno forse troppi per le scuole "sedute" che si limitano all'ordinario curriculare, che registrano riduzione di alunni per limitatezza d'impegno e di progettualità promozionale.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it
Postato da Giuseppe Adernò Venerdì, 29 aprile 2016 06:00:00 (762 letture)

(Leggi Tutto... | 6374 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Riforma: In attesa degli interventi governativi annunciati
Opinioni
"L'innovazione è il cuore del nostro tempo e il nostro tempo offre a chi ci prova e a chi si mette in gioco una grande occasione. Ecco perché l'Italia ha bisogno di provare concretamente a creare le condizioni perché la crescita torni stabilmente nel nostro Paese" [Matteo Renzi celebra i 70 anni della Vespa]. Coerenza vorrebbe che all'enunciato seguisse l'azione: "Correggeremo gli errori sulla scuola" [sono le parole del premier], perché la formazione dei giovani è la carta vincente. Molti e diffusi sono i vizi che inficiano "La buona scuola", la loro rimozione è improcrastinabile. Il titolo della legge 107 é l'errore più macroscopico: non più sistema educativo (legge 53/2003) ma sistema nazionale di istruzione.

Enrico Maranzana
zanarico@yahoo.it
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 28 aprile 2016 05:00:00 (604 letture)

(Leggi Tutto... | 3199 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Più letto di Oggi
Seconda prova scritta degli Esami di Stato: nuove date conferenze Fisica per i Licei scientifici
di a-vetro
89 letture




Social AetnaNet
Cerca


Community
Community
Diventa utente attivo della community di Aetnanet!
Inviaci articoli, esperienze, testimonianze sul mondo della scuola.

scrivi a: redazione@aetnanet.org


Pubblicità
pubblicità su Aetnanet.org


Seguici
telegram facebook
google plus facebook
mobile twitter
youtube rss


Bandi PON

Per la Scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento – Pubblicazione del Manuale per la gestione delle funzioni relative alle rinunce e all’integrazione dei moduli
di a-vetro

Scuola, Avviso da 25,9 milioni di euro per la realizzazione di laboratori nel Licei Musicali e coreutici e per le attrezzature degli Scientifici a indirizzo sportivo
di a-vetro

Fondi Strutturali Europei – PON – FSE Scuole polo per le attività di comunicazione – Avviso di preselezione.
di a-vetro

Candidati individuati in surroga
di a-vetro

Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo Nazionale Per la Scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento- Pubblicazione manuale utente per la gestione delle rinunce e aggiornamento manuale gestione certificazioni FESR.
di a-vetro

Bando per l’individuazione di n° 1 Docente esperto madrelingua francese o equivalente, a cui affidare n. 1 corso di 30 ore (B1)
di a-oliva

Guida – PON – Trasmissione progetti firmati digitalmente
di a-vetro

FSE–PON “Per la Scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento”- Pubblicazione del Manuale per l’aggiornamento delle iscrizioni animatori digitali, team per l'innovazione, personale docente e personale tecnico-amministrativo coinvolto
di a-vetro

PON, on line il nuovo sito web dedicato ai Fondi Strutturali Europei Per le scuole disponibile anche una guida operativa
di a-vetro

Innoviamoci all'I.C. 'Diaz-Manzoni' di Catania, grazie alla partecipazione al progetto PON FESR 10.8.1.A3.FESRPON-SI-2015-727
di m-nicotra

Indice Progetti PON


Top Five Settimana
i 5 articoli più letti della settimana

Graduatorie di istituto personale docente ed educativo
di a-vetro
485 letture

Ripubblicazione idonei alla funzione di coordinatori dei nuclei valutazione dei Dirigenti Scolastici triennio 2016/17-2018/19
di a-vetro
478 letture

Scuola, Fedeli: “Memoria atto doveroso, no a iniziative fuorvianti” Gran ballo in epoca fascista, il Miur avvia l’ispezione
di a-vetro
263 letture

Premio letterario Un Monte di PoEsIa 2017
di m-nicotra
250 letture

Riforma PA e Codice Appalti in CdM
di a-vetro
238 letture


Top Video
Video
Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
282 letture

26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
722 letture

Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
872 letture

Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni
1864 letture

La 5A Informatica di Belpasso discute di Rivoluzione industriale 4.0
3702 letture

L'unione fa la scuola - Palermo 24 ottobre 2015
2531 letture

NO DDL Scuola Renzi - Flash mob 09 maggio 15
8772 letture

Sciopero scuola 5 maggio 2015 Catania - No DDL Riforma Scuola
9171 letture

Renzi: 3 miliardi per la scuola e centomila insegnanti in più
8901 letture

No DDL Scuola - spot promo sciopero 5-6 maggio 2015
10427 letture



Articoli Precedenti
Seleziona il mese da vedere:

  Febbraio, 2017
  Gennaio, 2017

[ Mostra tutti gli articoli ]


Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti



Utenti registrati:
Ultimo: raffagre
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 11169

Persone Online:
Visitatori: 161
Iscritti: 0
Totale: 161

Traffico Generato
Anonimi: 161 (100%)
Registrati: 0 (0%)
Numero massimo di utenti online:161
Membri:0
Ospiti:161
Ultimi 5 Registrati
raffagre
    Jan 28, 2017.
gvaccaro
    Jan 28, 2014.
mrdinoto
    Jul 09, 2013.
sostegno
    Jul 09, 2013.
daisy
    Jul 09, 2013.

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2002

Pagine visitate
· Visitate oggi 24,514
· Visitate ieri 61,876

Media pagine visitate
· Oraria 2,698
· Giornaliera 64,755
· Mensile 1,969,648
· Annuale 23,635,775

Orario Server
· Ora

10:10:16

· Data

22 Feb 2017

· Zona

+0100

© Weblord.it


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.74 Secondi