Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483773576 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4356 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1438 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
840 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
791 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
757 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
·Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
·26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
·Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
·Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: 1914-1918. Il mondo va alla guerra

Redazione
Grande GuerraTutto il Novecento è "figlio" della Grande Guerra. Il mondo d'oggi è la conseguenza diretta della Prima Guerra Mondiale. E tutti i successivi conflitti, le ostilità, le contese, i massacri, le immane tragedie, gli odi, sono il frutto acerbo della Guerra del 15-18. Tutto nasce da lì, dalla Grande Guerra, che ha segnato in maniera indelebile il destino dell'Europa e del mondo intero. Ed è incomprensibile la storia dell'umanità senza conoscere a fondo le ragioni che hanno scatenato quel drammatico conflitto, e, soprattutto, l'evoluzione, la conduzione, gli sviluppi, la conclusione, il suo funesto epilogo, gli accordi di pace e il "Trattato di Londra" del 1919.

Tutto ebbe inizio dal fango delle trincee, dal filo spinato, dagli infiniti e terribili giorni ad aspettare il nemico e ad aspettare la morte, dalle interminabili notti a "vegliare un compagno morto", dagli assalti alla baionetta, dal gas nervino, dalla carneficina delle battaglie di Verdun e di Somme, dalla disfatta di Caporetto, dalle acque del sacro Piave, dagli scontri nelle pietraie del Carso e dell'Isonzo, dalla gloriosa battaglia di Vittorio Veneto. E in questa guerra l'uomo ha dato veramente il peggio di sé, tutto veniva concesso, il fine veramente giustificava i mezzi, e gli uomini valevano meno di niente, meno di una bocca di cannone o di una tanica di benzina, e il libero pensiero valeva meno di "un bottone ben lucidato".

Non si può comprendere il "biennio rosso", la rivoluzione russa, il fascismo, il nazionalsocialismo, non si possono capire le dittature, le persecuzioni, le violenze, i crimini, l'olocausto, gli stermini se non si conosce e non si comprende la Grande Guerra. Non si può comprendere Hitler, Mussolini, Stalin, senza il conflitto mondiale e il suo umiliante epilogo, per i vincitori e i vinti, senza "l'Armistizio di Compiégne", il "Patto di Londra" e la "vittoria mutilata". Probabilmente senza la guerra Hitler a Monaco avrebbe continuato a sognare di fare il grande artista o ad insegnare all'Accademia di Belle Arti; Mussolini sarebbe rimasto un esponente di spicco del Partito Socialista Italiano e il direttore dell'Avanti; Churchill sarebbe stato un oscuro premier del Regno Unito e un incallito fumatore di sigari toscani; le camicie nere sarebbero stati forti braccia dell'agricoltura e della nascente industria del nord; e le camicie brune sarebbero rimaste nei ranghi delle caserme prussiane, a bivaccare e a sognare di abbattere la rivoluzione d'ottobre. Il "Putsch di Monaco" non sarebbe successo. La "Marcia su Roma" non sarebbe servita. Non ci sarebbe stato nessun Führer, nessun Duce, nessun Caudillo. Tutto sarebbe stato diverso. L'Europa sarebbe stata un'altra. Il mondo d'oggi sarebbe stato differente.

Ma la storia non torna mai indietro, non conosce scorciatoie, non gioca a nascondino, non guarda in faccia a nessuno. "La storia dà torto e dà ragione" a tutti, a vincitori e vinti. Ma torniamo alla guerra. Nel 1914 tramontava il mito del laissez-faire, il convincimento che la società si potesse autoregolare con le sole forze del mercato, libera da principi e da regole, si comprese che il mercato da solo non poteva bastare a creare una società equa e solidale, occorreva una nuova organizzazione dello Stato, era necessario uno Stato che limitasse lo "strapotere" del mercato, uno Stato sociale che tenesse conto delle reali esigenze delle masse popolari. Ma per lo Stato sociale, i tempi non erano ancora maturi.

Occorreranno ... due guerre mondiali ... e molte decine di milioni di morti! La prima vittoria dei ceti dominanti dell'epoca fu, del resto, l'assenza di una vera opposizione politica: anche i partiti socialisti aderenti alla Seconda Internazionale si associarono patriotticamente alla politica dei rispettivi paesi. Una parte determinante delle opinioni pubbliche europee si schierarono con le idee "patriottiche" delle rispettive nazioni. I popoli austriaci, tedeschi, francesi, inglesi, italiani, russi, serbi, turchi, si strinsero attorno ai loro governanti, si allinearono con le classi dirigenti delle loro nazioni, infischiandosene delle idee internazionaliste e socialiste. Per la verità, in difesa della pace restarono attive solo delle esigue minoranze politiche. Poi, con la "scusa" della revolverata di Sarajevo, scoppiò l'inferno, e fu un suicidio per la vecchia Europa e per la civiltà occidentale. Alla fine, i cosiddetti imperi centrali crollarono, lasciando un mucchio informe di macerie, una montagna di rovine, materiali e umane.

L'Austria fu travolta soprattutto dalla sua stessa natura e dalla ribellione delle nazionalità. La Germania ripiegò, ma accettò una pace umiliante senza avere subito una vera sconfitta militare. L'Italia si accontentò delle terre irredenti del Friuli e del Trentino, e subì l'oltraggio della "vittoria mutilata". Gli Stati Uniti d'America, con i quattordici punti di Wilson, a modo loro, si convinsero che la guerra era stata un antidoto all'autoritarismo (degli altri) e al pericolo comunista, e azzardarono un nuovo e fragile "ordine mondiale".

Ma la "mazzata" più grande fu addossare l'intera responsabilità del conflitto alla Germania, un oltraggio - per i vinti - che avrebbe causato rancori immensi e conseguenze inimmaginabili. In realtà, nulla venne veramente risolto. La guerra non aveva inaugurato il nuovo mondo sperato da tutti. Anzi, tutto ritornò ad essere più difficile e più complicato di prima. E sul campo rimasero soltanto macerie e ... oltre ottanta milioni di morti che "chiedevano" solamente giustizia e verità. Chiedevano di non essere dimenticati. Chiedevano di scongiurare altri odi, altri conflitti, altre guerre, altri morti. Chiedeva pace e rispetto. Chiedevano, ... chiedevano invano ...

Angelo Battiato
angelo.battiato@istruzione.it








Postato il Domenica, 08 novembre 2015 ore 02:00:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.30 Secondi