Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 377739030 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2017

On-line le commissioni relative all'esame di stato 2016-17
di m-nicotra
1843 letture

Scuola, pubblicati i risultati delle procedure di mobilità della primaria
di a-vetro
1557 letture

Personale Scuola Primaria - Movimenti a.s. 2017/2018
di a-vetro
1529 letture

Scuola, mobilità e titolarità. Presto un disegno di legge per abrogare la 107 e ripristinare le vecchie regole
di m-nicotra
1314 letture

Istituzioni scolastiche funzionanti nell’a.s. 2016/2017 il cui Dirigente Scolastico sarà collocato a riposo dal 01/09/2017
di a-vetro
1302 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Licei Musicali a.s. 2017/2018 - 19/06/2017
·Personale Scuola Infanzia - Movimenti a.s. 2017/2018
·Personale docente ed educativo. Aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento, valevoli per il triennio scolastico 2014/2017 - Operazioni di carattere annuale.
·Esami di Stato I ciclo a.s. 2016/2017. Nomine Presidenti di Commissione - Rettifiche
·Personale Scuola Primaria - Movimenti a.s. 2017/2018


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: La severa lezione storiografica di Benedetto Croce. La Storia d’Italia dal 1871 al 1915

Redazione
Maestri sono coloro che rimangono nella memoria dei posteri e che costituiscono punti importanti di riferimento per i tempi futuri. La crisi conoscitiva e culturale, però, ne ha ridimensionato la funzione e il valore, poiché essa si è presentata con il vigore distruttivo dei nostri Padri Spirituali, sulle cui pagine a nessuno piace studiare. E ciascuno oggi preferisce con arroganza andare a ruota libera nei concetti e nel linguaggio per dimostrare autonomia e autorevolezza, senza tener conto del fatto che ogni progresso negli studi e nella ricerca disciplinare presuppone il possesso di conoscenze elaborate e acquisite precedentemente con grande fatica. Esistono quindi i veri Maestri e sono gli Spiriti Magni, i più creativi e costruttivi, coloro che hanno compiuto le autentiche rivoluzioni metodologiche, stilistiche e contenutistiche. Essi sono pochissimi nell’Italia del Novecento e bisogna rispettarli per il bene che si deve a noi stessi e alla comunità alla quale apparteniamo. Nel loro numero molto limitato rientra certamente Benedetto Croce (1866-1952), nonostante il giudizio malefico di Ludovico Geymonat.

Il Filosofo, nato a  Pescasseroli (del quale ricorrono quest’anno i sessantacinque anni dalla morte avvenuta a Napoli il 20 novembre 1952),  diventa  definitivamente  “napoletano” dopo aver ricevuto  l’ospitalità romana presso lo zio Silvio Spaventa, a seguito della perdita dei genitori e della sorella nel terremoto di Casamicciola del 1883 e la decisione di trasferirsi nella casa che fu l’abitazione di Giambattista Vico, il suo più diretto e acuto predecessore nella visione storiografica. La bella metropoli adagiata sul Tirreno con lui ascende a capitale della cultura nazionale ed internazionale. Egli assume il ruolo di promotore di critica storica e letteraria e di caposcuola dello storicismo italiano, diverso da quello di Hegel e dei suoi epigoni tedeschi. Lo storicismo crociano non è né giustificazionista né nazionalista, ma laico, libertario e aperto alla comprensione totale della realtà passata con tutta l’energia razionale e la tensione etica dell’attualità.

La sete di profonda e ampia comprensione mette in moto la categoria storiografica che ingloba  sensibilità e interesse verso la contemporaneità, quel mondo dell’attualità nel quale ci tocca vivere, lavorare e agire, e che trasforma anche il passato più remoto in storia contemporanea, perché esso investe direttamente e dall’interno la nostra sfera intellettuale e tutta la nostra esistenza più intima.  Questa è, a parer mio, la connotazione principale dello storicismo crociano, che è pensiero e azione, metodo e contenuto, forma e materia. E con la scoperta della contemporaneità storica, assai semplice in verità ma fondamentale, il Filosofo napoletano può procedere sulla via della ricostruzione etico-politica degli eventi storici e strutturare una storiografia davvero esemplare senza cedere al filologismo fine a se stesso e alle posizioni ed emozioni partigiane e soggettivistiche, agli interessi di parte che non costituiscono giudizio storico, giacché sono privi di verità, di imparzialità e di vera capacità cognitiva. E ciò si deve verificare pure in considerazione del fatto evidentissimo che la storia viene costruita e ri-costruita continuamente in funzione della vita pratica attuale e dell’agire etico-politico:  “Cosicché è da dire, conchiudendo, che la conoscenza storica sorge dall’azione, ossia dal bisogno di schiarire e nuovamente determinare gli ideali dell’azione oscurati e confusi, e che, col pensare l’accaduto, rende possibile la loro nuova determinazione e prepara la nuova azione” (Benedetto Croce, “La storia come pensiero e come azione”, Laterza, Bari 1966, p.162). Tutta la storia è dunque storia “contemporanea” ed essa deve contenere e appagare il bisogno di conoscenza e imparziale.

Benedetto Croce, con un incessante e severo lavoro di scavo teoretico, definisce le coordinate della “buona” storiografia e contestualmente realizza le sue grandi opere storiografiche nella famosa   trilogia:  la “Storia del Regno di Napoli” del 1925, la “Storia d’Italia dal 1871 al 1915”, che è del 19 28 e la “Storia d’Europa nel secolo decimonono”, che è del 1932.  Queste opere, scritte e pubblicate in un brevissimo arco di tempo, sono dei capolavori di scrittura, di pensiero e di metodo. E non si può dire che esse non siano state generate nel momento cruciale sia della storia d’Italia sia della  storia europea. In esse aleggia una forte lezione di liberalismo aperto e intelligente che vuole muovere all’azione prudente e che gli antifascisti intendono pienamente e mettono in atto in stretta aderenza al duro “Manifesto degli intellettuali antifascisti” elaborato e messo in circolazione dallo stesso Croce nel 1925.

Dunque, la  contemporaneità della storia, ovvero quel passato che non passa mai perché è sempre un presente di fronte alla coscienza dello storico, costituisce il cardine dello storicismo crociano e della stessa scientificità storiografica come la intende il nostro Filosofo, che non perde di vista l’obiettivo della verità acquisita anche e soprattutto in modo puntuale e filologicamente esatto e quello della formazione liberale per un progetto etico-politico di giustizia e di emancipazione umana da realizzare sul terreno storico. Per questa ragione lo storico non può essere uomo di parte, privo di larga umanità e vuoto di cultura. Egli non può essere né guelfo né ghibellino, ma libero cittadino del mondo storico, ovvero libero intellettuale in una libera comunità. E così la storia d’Europa non è una semplice vicenda di guerre e di conquiste, ma storia di libertà e di liberazione; come la storia d’Italia che ha inizio con l’unificazione dei suoi popoli pre-unitari e non prima che venisse a compimento l’unità nazionale come presupposto dell’emancipazione culturale e civile che la nuova cittadinanza porta con sé e diffonde tra i cittadini del nuovo Stato, introducendovi una legislazione più progressiva delle precedenti pre-statali indipendenti autonome: “E’ questo lo schizzo di una storia dell’Italia dopo la conquistata unità di stato, ossia non una cronaca come se ne hanno già parecchie in materia, e non una narrazione in un senso o in un altro tendenziosa, ma appunto il tentativo di esporre gli avvenimenti nel loro nesso oggettivo e riportandoli alle loro fonti interiori” (B.Croce, “Avvertenza” alla “Storia d’Italia dal 1871 al 1915”, Laterza, Bari 1966, p.VII).

Benedetto Croce, lo storico della “serena” ricomposizione e conciliazione, degli opposti, colui che avrebbe visto la nazione unita e pacificata, in felice ascesa, sociale e spirituale, per onorare la verità dei fatti e dei giudizi, è costretto invece a raccontare i turbamenti, la scomposizione e le drammatiche fratture aperte dagli interventisti nel corso della prima guerra mondiale. Si tratta di ferite gravissime che determinano conseguenze pesanti e tragiche nella storia successiva del nostro Paese. L’interventismo, dice il Croce nelle ultime pagine della sua “Storia d’Italia”, è infatti una prima tappa di un processo inarrestabile verso il baratro del fascismo con la messa in crisi dei   rapporti di cittadinanza e di civiltà: “I nazionalisti volevano la guerra per giungere attraverso la guerra al successo e alla gloria militare, all’espansione industriale, al soverchiamento del liberalismo e al regime autoritario, per sostituire all’Italia del Risorgimento un’altra Italia, rigenerata nella moderna plutocrazia, non impacciata da ideologie e da scrupoli” ( Benedetto Croce, “Storia d’Italia”, cit., p. 264). Così il rigore metodologico e la tensione etica costringono lo Storico napoletano a seguire e raccontare la vera storia degli eventi terribili con la massima acribia e con le tinte realistiche del pessimismo storiografico.

prof. Salvatore Ragonesi








Postato il Martedì, 14 marzo 2017 ore 07:30:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi