Benvenuto su Aetnanet.org

version 0.2 for Mobile




AetnaNet ha attivato il proprio canale su Telegram (è un'app di messaggistica focalizzata sulla velocità e sulla sicurezza che può essere installata su smartphone, ma anche sul personal computer https://telegram.org/).
Una volta installata l'app, basta cliccare su questo link https://telegram.me/aetnanet e dopo cliccare su Unisciti.
Si accettano proposte per attivare nostri canali monotematici, tipo Riforma, Esami di stato, Graduatorie, Mobilità, Precariato; indirizzare le richieste a telegram@aetnanet.org

Sogno di una notte di inizio estate tra esame di stato e ricordi di una ormai lontana ... Stoccolma

postato: 2020-07-02 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

Ogni tanto mi chiedo se sarai l’unica e a malincuore devo accettare l’insolita risposta, ma son certo che l’originalità disegnata dai tuoi stati d’animo e dell'imprevedibile essenza permetterà sempre e comunque di donare momenti pennellati da un irreale infinito

Ho sognato e ho inevitabilmente costretto a sognare con me almeno due classi di quinto anno, e forse anche qualcun'altro .... è ormai cosa risaputa, dopo tanta energia restano a terra anche o solo un mucchio di macerie, dipende da dove si inizia a guardare. Ma è proprio a partire dalle macerie che si ricostruisce, con maggiore consapevolezza e maggiore "maturità" un sentimento di condivisione reale, autentica in cui il tutto è molto di più della somma delle singoli parti.......
Pietro ha 18 anni. Oggi è davanti alla Commissione d'esame.....esami strani, quasi surreali per tipologia, durata, natura......surreali come le giornate trascorse a casa negli ultimi tre mesi a metà tra senso di impotenza per non poter fare ciò che si vorrebbe, tra piacevole relax per non avere l'obbligo degli orari, degli impegni, delle scadenze giornaliere, tra preoccupazioni per un anno scolastico dagli esiti più che mai incerti. Ma è proprio questa complessità, questo "tutto" irriducibile ad una definizione univoca di stato d'animo che rende unico il percorso di Pietro, ma, in fondo di ognuno di noi,chiamati a vario titolo a "fare scuola".

renata.baroni@isfrancescoredi.edu.it
michelangelo.nicotra@isfrancescoredi.edu.it
IIS Francesco REDI di Paternò


Sogno di una notte di inizio estate tra esame di stato e ricordi di una ormai lontana ... Stoccolma

postato: 2020-07-02 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

Ogni tanto mi chiedo se sarai l’unica e a malincuore devo accettare l’insolita risposta, ma son certo che l’originalità disegnata dai tuoi stati d’animo e dell'imprevedibile essenza permetterà sempre e comunque di donare momenti pennellati da un irreale infinito

Ho sognato e ho inevitabilmente costretto a sognare con me almeno due classi di quinto anno, e forse anche qualcun'altro .... è ormai cosa risaputa, dopo tanta energia restano a terra anche o solo un mucchio di macerie, dipende da dove si inizia a guardare. Ma è proprio a partire dalle macerie che si ricostruisce, con maggiore consapevolezza e maggiore "maturità" un sentimento di condivisione reale, autentica in cui il tutto è molto di più della somma delle singoli parti.......
Pietro ha 18 anni. Oggi è davanti alla Commissione d'esame.....esami strani, quasi surreali per tipologia, durata, natura......surreali come le giornate trascorse a casa negli ultimi tre mesi a metà tra senso di impotenza per non poter fare ciò che si vorrebbe, tra piacevole relax per non avere l'obbligo degli orari, degli impegni, delle scadenze giornaliere, tra preoccupazioni per un anno scolastico dagli esiti più che mai incerti. Ma è proprio questa complessità, questo "tutto" irriducibile ad una definizione univoca di stato d'animo che rende unico il percorso di Pietro, ma, in fondo di ognuno di noi,chiamati a vario titolo a "fare scuola".

renata.baroni@isfrancescoredi.edu.it
michelangelo.nicotra@isfrancescoredi.edu.it
IIS Francesco REDI di Paternò


Compiègnie, l’esame di Stato e la vita che verrà ...

postato: 2020-07-02 09:00:00 da Angelo Battiato

Cos’è Compiègne? Compiègne è al di là del bene e del male. Compiègne è un mito. Compiègne è una metafora. Desiderio irrinunciabile di riscatto e di rivincita, di affrancamento e di emancipazione, di redenzione e di liberazione. E di giustizia. Perché solo chi ha la percezione d’aver subito un’ingiustizia può alzare le barricate per combattere l’Ingiustizia, con determinazione, con ferocia, con tenerezza, con indulgenza. L’ingiustizia è come una morsa, se stringe ti stritola e ti può anche “uccidere”, ma se gli dai spazio, respiro, se la combatti con gentilezza e intelligenza, con “speranza e carusanza”, ti fa sentire un altro. E le ingiustizie fanno d’un ragazzo un uomo, ed un uomo più uomo. La giustizia è come una notte dura d’inverno, come una mattina di pioggia, come un cavallo cocciuto, che conosce il sentiero e lo percorre, sino in fondo. Un’ora d’esame che m’è sembrato un minuto, e mentre parlava e rispondeva a tutte le domande, io ripensavo a uno, due, mille momenti della vita di prima, e come un “lungo miglio”, come il corridoio del film “la famiglia” di Ettore Scola, rivedevo i giochi e gli scarabocchi tracciati nel suo “ufficio”, e tutte le volte che l’ho aspettato, e tutte le nottate di studio, come presagi di futuro, come premesse di magnifici risvegli, come sequenze di giorni migliori e di lunghissimi sentieri.

Angelo Battiato




All’Istituto paritario S. Maria della Mercede di S Agata Li Battiati, la pagella e un CD ricordo dell’anno Covid-19

postato: 2020-07-01 08:00:00 da Andrea Oliva

La “casa” è stato il tema didattico scelto per l’anno scolastico 2019-2020 ed ha accompagnato le diverse fasi della programmazione didattica.
I temi del percorso educativo hanno seguito le diverse azioni didattiche, dando unità ai progetti sviluppati nelle singole classi.
Nel mese di marzo oltre che un valore simbolo, la casa è diventata segno concreto e vissuto a causa della pandemia per il Covid-19.
Chi l’avrebbe immaginato che la casa, luogo ideale di affetti e di sentimenti, diventasse operativamente anche luogo e spazio di apprendimento scolastico, aula virtuale e scuola di vita?
I docenti hanno lavorato intensamente e utilizzando la didattica a distanza, hanno reso attivi e impegnati nello studio i ragazzini, i quali hanno ben utilizzato il tempo di “segregazione domestica” condividendo nuove esperienze di vita familiare.
 
Giuseppe Adernò


Scuola, pubblicati i risultati della mobilità dei docenti: soddisfatto oltre il 55% degli insegnanti. Per 8.000 ok a spostamento in altra Regione. Azzolina: “Importante aver garantito la procedura. Ora avanti con le assunzioni”

postato: 2020-06-30 08:00:00 da Andrea Oliva

Oltre il 55% delle richieste soddisfatte. È il dato che emerge dall’analisi degli esiti della mobilità dei docenti per l’anno scolastico 2020/2021 pubblicati oggi. Quest’anno sono state 108.676 le domande elaborate, di cui 90.306 per la mobilità territoriale e 18.370 per quella professionale. Oltre 96mila i docenti effettivamente coinvolti – al netto delle domande non accoglibili - 78.881 le donne e 17.696 gli uomini. Le domande soddisfatte a livello nazionale sono state 55.008, pari a oltre il 55% del totale dei docenti che hanno partecipato alla mobilità ordinaria. Nel dettaglio, sono state accolte 49.053 domande di mobilità territoriale, il 54,3% di quelle presentate, per un totale di 8.000 spostamenti circa fuori regione garantiti agli insegnanti.
“Aver garantito la procedura mobilità è stato importante e non scontato, dato che eravamo in piena emergenza sanitaria - sottolinea la Ministra Lucia Azzolina -.  Il Ministero ha svolto un grande lavoro, ha supportato il personale, ha portato avanti un’operazione normalmente ordinaria in tempi straordinari. Oggi questo risultato può sembrare scontato, ma ricordo che qualche mese fa non era considerato tale. Abbiamo garantito i diritti degli insegnanti, per 8mila di loro c’è uno spostamento fuori Regione che significa riavvicinamento a casa. Ora lavoriamo per le assunzioni da fare questa estate anche in vista della ripresa di settembre”.

Il Ministro

Lucia Azzolina



Personale docente scuola Infanzia - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti

postato: 2020-06-29 15:33:04 da Andrea Oliva

Personale docente scuola Infanzia - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti

Pubblicazione dispositivo e allegati
Allegati:

Download
[Dispositivo] 388 kB
Download
[Allegati] 39 kB


Personale docente scuola Primaria - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti

postato: 2020-06-29 15:32:48 da Andrea Oliva

Personale docente scuola Primaria - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti Pubblicazione dispositivo e allegati

Allegati:

Download [Dispositivo] 384 kB
Download [Allegati] 62 kB



Personale docente scuola II Grado - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti Pubblicazione dispositivo e allegati

postato: 2020-06-29 15:32:36 da Andrea Oliva

Personale docente scuola II Grado - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti Pubblicazione dispositivo e allegati

Allegati:
Download [Dispositivo] 398 kB
Download [Allegati] 82 kB



Personale docente scuola I Grado - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti

postato: 2020-06-29 15:32:22 da Andrea Oliva

Personale docente scuola I Grado - Mobilità a.s. 2020/2021 - Movimenti
Pubblicazione dispositivo e allegati


Allegati:
Download [Dispositivo] 387 kB
Download
[Allegati] 70 kB


Il Piano Scuola 2020-2021 e la 'verità nascosta'

postato: 2020-06-28 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

Oh autonomia scolastica, oh antipatica, odiata, insopportabile autonomia, finalmente qualcuno si accorge che davvero esisti! Finalmente qualcuno scrive che senza di te non sarà possibile ripartire a settembre! Nel "Piano Scuola 2020-2021", la Ministra, il Governo e le Regioni sottoscrivono il Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione" accorgendosi che davvero esisti ed hai il volto di tutte le componenti della comunità educante, nella complessità dei suoi protagonisti a tutti i livelli, nei volti di donne e uomini che fanno dell’istruzione e della formazione l’impegno etico e professionale di vita.
Un intero paragrafo è dedicato alla "Valorizzazione delle forme di flessibilità derivanti dall'Autonomia scolastica". Nella scuola della convivenza con Covid 19, ci si accorge - finalmente - della NECESSITA' di mettere in campo una "riflessione organizzativa e didattica in grado di non disperdere quanto le scuole sono riuscite a realizzare, valorizzando gli ambiti dell'autonomia scolastica e fornendo loro spazi di coordinamento finalizzati a coinvolgere i diversi attori in un rinnovato patto di corresponsabilità educativa". Eureka, direbbe il buon Archimede!

Per ANCODIS
Prof. Rosolino Cicero


Lettera alla comunità scolastica per la riapertura delle scuole a settembre

postato: 2020-06-27 14:00:00 da Michelangelo Nicotra

“Un bambino, un insegnante, un libro e una penna
possono cambiare il mondo.”
Malala Yousafzai
L’emergenza sanitaria che il Paese ha attraversato in questi mesi e che ancora non ha terminato di dispiegare i propri effetti ha inciso profondamente sulla vita di tutti. Otto milioni di studentesse e di studenti hanno dovuto lasciare le loro aule, ex abrupto, per vivere una scuola diversa, una scuola da casa. Non era mai successo prima. Grazie allo sforzo dei docenti, dei dirigenti scolastici, del personale ATA, di tanti dipendenti dell’Amministrazione ministeriale, centrale e territoriale, delle famiglie, che hanno dato un grande contributo, la scuola non li ha mai lasciati soli, non si è fermata. La comunità scolastica ha mostrato di essere un tessuto vivo e reattivo. In poche settimane, infatti, il sistema di istruzione italiano ha reagito, ha affrontato una crisi senza precedenti mettendo in piedi quasi da zero - perché praticamente da zero siamo partiti, anche a causa dei cronici ritardi del nostro Paese nei processi di formazione e digitalizzazione - la propria risposta in termini di didattica digitale a distanza. Con una rinnovata collaborazione fra Ministero dell’Istruzione e RAI sono stati messi a disposizione contenuti televisivi e programmi dedicati, anche in diretta, per integrare l’offerta. Un lavoro che non era mai stato fatto prima e che resterà anche per il futuro, anzi andrà implementato. Un patrimonio di esperienze e competenze di cui andare fieri e da non disperdere assolutamente: rappresenta un’eredità importante per il futuro.

Il Ministro
Lucia Azzolina


Presentate le Linee guida per settembre

postato: 2020-06-27 07:00:00 da Michelangelo Nicotra

“A settembre si torna a scuola in presenza e in sicurezza” lo ha detto oggi la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, presentando le Linee guida per la ripresa insieme al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il testo ha avuto il via libera, questo pomeriggio, anche da parte delle Regioni e degli Enti locali, è immediatamente operativo e verrà ora diramato alle istituzioni scolastiche. “Le Linee guida sono il frutto di un lungo confronto e di una condivisione con gli attori del mondo della scuola, comprese famiglie e studenti, con le Regioni, gli Enti locali, e ci consentono di fare un lavoro che non guarda solo alla riapertura, ma anche al futuro della scuola. Abbiamo le risorse economiche, gli strumenti, possiamo far sì che la ripartenza sia anche volano di innovazione”, ha aggiunto la Ministra. “Stiamo dando soluzioni chiare, ma flessibili: ogni scuola è strutturalmente diversa dall’altra, dobbiamo tenerne conto”, ha detto ancora Azzolina. Confermato, durante la conferenza stampa, un miliardo in più per la ripartenza, che consentirà, fra l’altro, di avere un maggiore organico per evitare classi sovraffollate. “Saremo in grado di avere fra docenti e personale ATA 50mila persone in più”, ha anticipato la Ministra.

Il video della conferenza: https://www.youtube.com/watch?v=xQVCLG-OTzg
Le linee guida
miur.gov.it


ATA internalizzati: 1 luglio manifestazione in piazza Montecitorio per ottenere il full-time

postato: 2020-06-26 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

Sono in discussione in questi giorni gli emendamenti al decreto Rilancio Italia. Tre di questi riguardano il personale ATA internalizzato con contratto part-time e che riuscirebbero ad ottenere contratti full-time (seppur temporaneamente) e quella vita dignitosa che la Costituzione all'art. 36 garantisce alle lavoratrici e ai lavoratori tutti. USB sarà in piazza Montecitorio il 1 luglio dalle 10.30 per fare sentire la voce dei lavoratori ATA internalizzati, per chiedere che gli emendamenti vengano approvati, utilizzando quindi il prossimo anno per trovare soluzioni definitive. La scuola non necessita infatti di misure tampone, ma di investimenti strutturali e reali sul personale ATA e docente e sulle strutture e gli edifici, particolarmente in un momento di emergenza epidemiologica come quello che stiamo vivendo.

scuola@usb.it


Le linee guide che spezzano la scuola, non la riaprono

postato: 2020-06-25 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

Le cosiddette “linee guida” per il prossimo anno scolastico della ministra Azzolina sono un documento desolante, logico esito di mesi di confusione, irresponsabilità, propaganda e adesione alle peggiori idee di controriforma della scuola - Ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI. Un documento che mira a spostare lontano dal ministero le responsabilità per una situazione gravissima, un documento che cerca di coprire l’assenza delle scelte di investimento necessarie e, insieme a ciò, un documento che colpisce al cuore il diritto allo studio, la funzione docente, le condizioni di lavoro, il senso culturale stesso della scuola.

pcistruzione@libero.it


La DaD ha salvato la baracca?

postato: 2020-06-24 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

Io sono un maestro di scuola primaria, e non un docente universitario, per cui posso garantire che i danni arrecati dalla didattica a distanza in questo segmento, e direi in tutto il primo ciclo dell'istruzione, sono notevoli. C'è chi, invece, ripete come una sorta di mantra spirituale la tesi propagandista che la DaD avrebbe "salvato la scuola" dall'emergenza pandemica. Io so solo che c'è chi ha lavorato sodo, per non sortire granché dai propri alunni, ed a parità di retribuzione, e chi si è "grattato la schiena", per dirla senza peli sulla lingua, percependo regolarmente lo stipendio. Direi che è la prassi vigente anche nella realtà quotidiana di chi vive la scuola in presenza, e direi in tutto il mondo del lavoro:
"Fantozzi docet". Ma non è il punto centrale del ragionamento. Non mi interessa il "divide et impera" tra i lavoratori della scuola. Dicevo che c'è chi si dimostra convinto, in buona o in mala fede, che "la DaD ha salvato la scuola".

Lucio Garofalo


Cutelli Green!

postato: 2020-06-24 07:30:00 da Michelangelo Nicotra

L’acqua, fresca e dolce, come dice il poeta, scorre dalle due fontanelle che, grazie alla determinatezza della Dirigente Scolastica, prof.ssa Elisa Colella, sono state appena installate nel piccolo Giardino dei Giusti del Liceo Cutelli, un angolo di verde curato con grande dedizione. All’inizio di questo complesso anno scolastico alle Studentesse e agli Studenti era stato garantito che la Scuola si sarebbe impegnata per la difesa dell’ambiente, eliminando per quanto possibile l’uso sconsiderato della plastica e il dono a tutte le matricole del primo anno di una graditissima borraccia ha voluto testimoniare la volontà ad agire in tal senso. Tuttavia, per completare l’azione, era necessario dare l’opportunità di attingere l’acqua fresca, appunto, all’interno dell’Istituto. Adesso finalmente è possibile!

Ufficio stampa Liceo Ginnasio
Statale Mario Cutelli


Logistica del rientro a scuola dopo il lockdown. Proposte per una scuola di qualità in tempo di Covid-19

postato: 2020-06-24 07:00:00 da Michelangelo Nicotra

Quelli che seguono sono suggerimenti operativi per il rientro a scuola permanendo la pandemia Covid-19. Volutamente, non si entra nel merito della necessità di un pronto rientro a scuola per tutti i nostri giovani, che certo è unanimemente condivisa, né della necessità di sostenere i genitori che lavorano quando il figlio è in Didattica a distanza. Ci si limita a esporre alcuni accorgimenti e procedure che possono rendere più agevole la riapertura delle scuole, nel rispetto delle regole e dei limiti vigenti e del diritto alla salute di ciascuno. Un elenco non esaustivo, che invitiamo a utilizzare come punto di partenza per altre e più approfondite riflessioni. Questa ipotesi può essere applicata in qualsiasi contesto scolastico. VINCOLI
La nostra riflessione è partita dall’analisi dei vincoli esistenti: gruppi di non più di 10 alunni, ulteriormente ridotti  nella scuola dell’infanzia, ingressi  scaglionati,  soprattutto  nella  scuola  superiore,  per  ridurre l’affollamento  dei  mezzi  pubblici, aerazione  continua  degli  spazi  comuni  e  delle  palestre, pulizia approfondita, specie delle superfici di contatto (documento del Comitato tecnico scientifico del 28 maggio 2020 in merito alle ripresa delle attività didattiche); invarianza degli organici di docenti e ATA (Ministero dell’Istruzione); obbligo della mascherina fino al raggiungimento del banco, 2mq di spazio individuale ad alunno, distanza fra docente e banchi di almeno 2 metri, garantire le aree di passaggio (documento della Conferenza delle Regioni in data 11.6.2020).

Per informazioni: 328 8424375 – rita.manzani@age.it


Insegnamento dell’educazione civica: Studio della Costituzione, sviluppo sostenibile, cittadinanza digitale sono i tre assi portanti. Fondamentale la formazione del personale

postato: 2020-06-23 15:00:00 da Andrea Oliva

Il Ministero dell’Istruzione ha inviato a tutte le scuole le Linee guida per l’insegnamento dell’Educazione civica. A partire dal prossimo anno scolastico, il 2020/2021, questo insegnamento, trasversale alle altre materie, sarà infatti obbligatorio in tutti i gradi dell’istruzione, a partire dalle scuole dell’infanzia. Le Linee guida rappresentano un documento agile e di facile consultazione, attraverso il quale i dirigenti scolastici e gli insegnanti potranno dare seguito alle regole che entreranno in vigore a settembre. Secondo quanto previsto dalla legge 92 del 2019, infatti, l’insegnamento di Educazione civica avrà, dal prossimo anno scolastico, un proprio voto, con almeno 33 ore all’anno dedicate. Tre gli assi attorno a cui ruoterà l’Educazione civica: lo studio della Costituzione, lo sviluppo sostenibile, la cittadinanza digitale.
Le Linee guida
Il Decreto
miur.gov.it


Corso-concorso nazionale, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento di dirigenti scolastici presso le Istituzioni scolastiche statali. Indicazioni relative allo svolgimento della prova preselettiva

postato: 2020-06-22 08:00:00 da Andrea Oliva

Con la nota prot. n. 27719.13-06-2018 della Direzione generale per il personale scolastico sono state fornite, agli Uffici scolastici regionali, le indicazioni relative allo svolgimento della prova preselettiva del Corso-concorso nazionale, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento dei dirigenti scolastici presso le Istituzioni scolastiche statali, di cui al D.D.G. n. 1259, del 23/11/2017.

Consulta le indicazioni operative della prova preselettiva:
Prot. n. 27719 del 13-06-2018

miur.gov.it


C’era una volta… Favolando, l’opera prima di Sarah Grisiglione

postato: 2020-06-20 06:00:00 da Angelo Battiato

E sotto l’ombrellone quest’estate, tra “distanziamento fisico” e desiderio d’evadere e di dimenticare “l’infernale covid 19”, porteremo una bella scorta di libri, di quelli buoni, però! Uno ve lo consiglio io, un libro da leggere tutto d’un fiato, che parla di scuola, di passato e di futuro, in bilico tra la fantasia e la realtà, tra i sogni e la ragione; un racconto fatto per trasmettere emozioni ed educare i giovani al rispetto dei valori della vita. Il libro è “C’era una volta… Favolando” (Algra Editore. 2020), l’opera prima della prof.ssa Sarah Grisiglione, una mia brava e coinvolgente collega del Liceo Artistico Statale “Emilio Greco”, di Catania, oltre ad essere scrittrice e psicologa. Il racconto narra della scuola di ieri, con le maestre “di mezza età, ma ancora attraenti”, come la “maestra Tina”, “sacchetto monocolore come vestito, i capelli grigi tirati sulla nuca, la pelle opaca e le labbra incolori”, ma con “un’aria rassicurante e accogliente”, un “largo sorriso giovanile”, ed un cuore grande come una mamma; ma anche della scuola di oggi, con i tablet, i registri elettronici e i progetti extracurriculari.

Angelo Battiato


Coronavirus, la Sicilia a un passo da essere territorio Covid free

postato: 2020-06-19 15:50:44 da Andrea Oliva

19 giugno 2020
La Sicilia ad un passo dall'essere territorio Covid free. E' il risultato del delicato processo di allineamento dei dati relativi all'emergenza Coronavirus curato dall'osservatorio epidemiologico dell'assessorato della Salute in collaborazione con i dipartimenti di prevenzione delle Asp. Tale procedura, condotta in maniera analoga anche in altre Regioni del Paese, è stata avviata già nelle scorse settimane per avere un quadro preciso della situazione relativa ai soggetti attualmente positivi.
Va ricordato che dall'inizio dell'emergenza, la Sicilia, attenendosi scrupolosamente alle linee guida ministeriali, oltre a trasmettere alla Protezione civile i dati provenienti dai laboratori, dagli ospedali e dai dipartimenti delle Asp, ha caricato i record su una piattaforma informatica predisposta dall'ISS.
La procedura, appena ultimata, ha pertanto permesso l'allineamento dei due flussi tenendo conto delle progressive guarigioni cliniche di cittadini che sono stati singolarmente ricontrollati e dei tamponi. Il dato, inoltre, è stato raggruppato per domicilio (e non per residenza). Ad oggi i soggetti attualmente positivi sono in totale 153 tra pazienti ospedalizzati e in isolamento domiciliare. Gli uffici siciliani trasmetteranno domani all'Unità di crisi nazionale il dato allineato.
Va chiarito, infine, che i dati diffusi fin dall'inizio dell'emergenza hanno costantemente fotografato l'andamento epidemiologico del Coronavirus in Sicilia che oggi risulta essere quasi Covid Free.

pti.regione.sicilia.it


Concorso docenti Religione, insediato Tavolo Ministero-CEI

postato: 2020-06-19 15:03:17 da Andrea Oliva

Al via il Tavolo di lavoro congiunto tra il Ministero dell’Istruzione (MI) e la Conferenza Episcopale Italiana (CEI) per l’approfondimento delle diverse tematiche che riguardano l’insegnamento della Religione Cattolica e per la definizione dell’intesa sul prossimo concorso per gli insegnanti di Religione previsto dal decreto scuola approvato lo scorso dicembre.
Questa mattina la prima riunione, che si è svolta in un clima di assoluta collaborazione, alla presenza di rappresentanti del Ministero e della Conferenza Episcopale.
Il Tavolo è presieduto dalla dott.ssa Lucrezia Stellacci, consigliere della Ministra Lucia Azzolina. Il concorso sarà bandito entro il 2020. Dovrà essere però preceduto, come previsto dal decreto di dicembre, da un’intesa tra MI e CEI.
Il Tavolo seguirà l’iter dell’intesa con l’obiettivo di chiuderla in breve tempo e procedere poi con la stesura del bando. Ciò consentirà al Ministero di procedere con l’emanazione del bando di concorso nei tempi previsti per coprire i posti per l’insegnamento di Religione Cattolica che risulteranno vacanti e disponibili nell’arco del prossimo triennio. Resta fermo quanto previsto dal decreto di dicembre circa lo scorrimento delle graduatorie generali di merito del precedente concorso.

miur.gov.it



'L’estate di Arturo', l’ultima fatica letteraria di Francesco Manna

postato: 2020-06-18 07:00:00 da Angelo Battiato

Pubblicato di recente per i tipi della Youcanprint, l’ultimo libro di Francesco Manna, “L’estate di Arturo”, sta già riscuotendo un buon successo di lettori e di critica. E’ il suo primo “romanzo giallo”, dove racconta la storia di un adolescente che, per un banale incidente stradale, si ritrova ingessato e costretto a stare a letto, e da casa sua comincia a notare strani movimenti di uomini e donne intorno al suo isolato, che destano la sua attenzione. Infine, suo malgrado, si ritrova testimone di un efferato delitto. Arturo, “fisico atletico, alto, magro, capelli neri e lisci”, è un quattordicenne assennato e maturo, nonostante la sua giovane età, ed è, soprattutto, un ragazzo curioso e desideroso di conoscere il mondo e di fare incetta di esperienze. E l’amore corrisposto per una compagna di classe è l’esperienza più bella, come per tutti i ragazzi della sua età, il desiderio di incontrarsi, di “conoscersi” studiando insieme, di assaporare emozioni, sguardi, le prime pulsioni amorose.

Angelo Battiato


A settembre Educazione Civica in tutte le scuole

postato: 2020-06-17 08:05:00 da Andrea Oliva

In ottemperanza all’art.3 della legge n.92 del 20 agosto 2019 . “Introduzione dell’insegnamento scolastico dell’Educazione Civica” è sul tavolo del Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, la bozza del decreto che, composto in 6 articoli contiene le “Linee guida per l’insegnamento dell’Educazione Civica” il profilo delle competenze al termine del primo ciclo, e il profilo educativo culturale e professionale.
Dall’anno scolastico 2020-2021 le istituzioni scolastiche del sistema nazionale, compresi i Centri per l’Educazione degli Adulti (CIPIA) e le scuole Paritarie danno avvio alla prima attuazione delle Linee guida e quindi all’insegnamento curriculare e trasversale dell’Educazione Civica, introdotta nel 1958 dal Ministro Aldo Moro a seguito di un convegno nazionale dell’UCIIM celebrato presso il Castello Ursino di Catania nel febbraio del 1957.
I Collegi dei docenti integrano i criteri di valutazione degli apprendimenti e la valutazione periodica e finale dell’insegnamento “trasversale” dell’Educazione Civica e delle “competenze civiche e linguistiche” viene espressa secondo le vigenti norme e, quindi, mediante un giudizio descrittivo nella scuola Primaria e con il voto nella scuola Secondaria di primo e secondo grado.

Giuseppe Adernò


Dalle parole ai fatti. Giovedì 18 giugno flash mob delle scuole paritarie

postato: 2020-06-17 08:00:00 da Andrea Oliva

Nel corso del “web-pressing” parlamentare promosso dalle 50 associazioni no-profit: Comitato POLIS PRO PERSONA), da RICOSTRUIRE e dal FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI, a sostegno delle scuole paritarie i diversi gruppi politici hanno espresso condivisione sui principi di libertà, di parità scolastica, di servizio pubblico, di diritti delle famiglie e degli studenti.
Il tam tam è stato “virale”, oltre 2500 iscritti al webinar e migliaia collegati in piattaforme facebook sono stati ascoltatori attenti delle dichiarazioni dei parlamentari che hanno espresso apprezzamento, sostegno e volontà di difendere la causa di una dignitosa parità scolastica.
La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, in una lettera alle associazioni ha spiegato che “oggi più che mai è necessario dimostrare che scuola statale e scuola paritaria non sono l’una alternativa dell’altra, ma uno strumento unico per un’offerta formativa sempre più ricca”.

Giuseppe Adernò


Quanto ci manca Pasolini!

postato: 2020-06-17 07:00:00 da Angelo Battiato

Quanto ci manca Pierpaolo Pasolini in questa nostra Italia, in balia del vento della banalità e dell’indifferenza, battuta dalle onde dell’ignoranza e dell’odio e affogata in un mare di superficialità. A tutti i livelli. Dai salotti buoni della finanza, agli uffici dei politici e delle direzioni dei giornali. Soprattutto di un “nord” pasciuto e cresciuto nel mito di essere apripista e classe dirigente dell’intero Paese. Quanto ci manca Pasolini! Quanto ci manca il suo “sapere”, la sua capacità di leggere e di decifrare l’anima degli uomini, il suo capire il senso profondo dell’umanità, di intuire i mali oscuri della nazione. “Credo che i meridionali, in molti casi, siano inferiori”, una frase senza senso, senso costrutto, sgrammaticata eticamente e moralmente, proferita in diretta televisiva, da chi, veramente, ha un deficit di maturità, di lungimiranza, di coraggio, di profondità culturale. Si, di cultura. Perché la cultura non è una parola imbellettata, incipriata e passata a setaccio nei corsi di laurea; non è l’uomo incravattato e vestito a festa, che sa parlare. No!

Angelo Battiato




Mobilità a.s. 2020/2021 - Personale A.T.A. - Disponibilità posti prima dei movimenti

postato: 2020-06-16 08:00:00 da Andrea Oliva

Pubblicazione disponibilità

Allegati: Download [Disponibilità] 660 kB

ct.usr.sicilia.gov.it





Dotazione organica provinciale di diritto del personale A.T.A. per l’a.s. 2020/2021

postato: 2020-06-16 07:50:00 da Andrea Oliva

Pubblicazione dispositivo

Allegati: Download [Dispositivo] 444 kB



Alceo di Mitilene, poeta e combattente dell’antica Grecia

postato: 2020-06-16 07:00:00 da Angelo Battiato

Alceo è stato tra i più significativi e originali poeti dell’antica Grecia, cantore della libertà, dell’amore e dei piaceri del vino che ha celebrato con versi immortali, ha combattuto per la sua città, contro le ingiustizie e la tirannia. Conterraneo e contemporaneo della famosa poetessa Saffo, nacque a Mitilene, nell’isola di Lesbo, attorno al 630 a.C., da una famiglia aristocratica. Della sua vita si hanno poche notizie storiche, così come delle sue opere ci sono pervenute solamente alcuni frammenti, tra i quali, “Inno ad Apollo” (solo il primo verso, ma possiamo ricavare la parafrasi da un’orazione di Imperio); “Inno a Hermes” (solo la prima strofa); “Inno ai Dioscuri” (che ha un precedente nel XXXIII inno omerico e un seguito nel XXII idillio di Teocrito); “Canti conviviali” (dove celebra i lieti banchetti e i convitti dell’eterìa); “Carmi della lotta civile” (canti politici e di battaglia). Sappiamo che la sua opera venne divisa dagli alessandrini in 10 libri, ordinati per argomento: inni agli dei, canti delle lotte civili, canti conviviali, simposio, canti erotici, e altri canti, di cui rimangono circa 400 frammenti. Celebre rimane l’immagine nella quale paragona la sua città, Mitilene, ad una nave, il mare alle alterne vicende, e la tempesta alle battaglie, l’immagine della nave sbattuta dalla tempesta come metafora del travaglio dello Stato in pericolo (“Non riesco a capire la rissa dei venti...”).

Angelo Battiato


L’Istituto Comprensivo 'Italo Calvino', di Catania, al tempo del coronavirus

postato: 2020-06-15 18:33:31 da Angelo Battiato

Il COVID 19 non ha fermato la scuola! Anzi, dalle difficoltà possono nascere nuove e illuminanti idee, “perché in tempi di crisi, i saggi costruiscono ponti, gli stupidi barriere”. E nonostante la pandemia e il lungo periodo di sospensione delle attività didattiche, l’Istituto Comprensivo Statale “Italo Calvino”, di Catania, diretto dal preside prof. Salvatore Impellizzeri, non si è fermato, anzi, ha continuato a fare scuola a gonfie vele! Con la passione e la grinta di sempre, le insegnanti hanno continuato e concluso il progetto POR (IV Edizione) “Leggo al quadrato. Esprimiamoci con creatività”, coordinato dalla prof.ssa Venerina Platania, docente di Lettere, con il coinvolgimento della classe 3^ A.

Angelo Battiato


La mia notte prima degli esami

postato: 2020-06-14 12:41:06 da Angelo Battiato

E poi arriva la notte prima degli esami. Arriva anche in questo difficile anno scolastico. Arriva all’improvviso, così, senza che neppure ce n’accorgiamo, arriva in un battibaleno, come tutte le cose che s’aspettano con ansia, con agitazione e con turbamento, arriva subito, arriva e basta. L’abbiamo aspettata lungamente, da tempo immemorabile, che ci sembrava irraggiungibile. Forse è arrivata troppo in fretta, come tutte le cose “che non vediamo l’ora che arrivino”, o forse troppo tardi (ma il tempo è galantuomo, e saprà riporre ogni cosa a suo posto!). Ma è arrivata la “fatidica e mitica” notte prima degli esami, in questo tempo sospeso, tra la paura d’uscire di casa e la voglia di abbracciare, in questo anno storico e incredibile, tra chi vuole gli “esami online” e chi li vuole “in presenza”, e sarà comunque un esame unico e irripetibile per la storia della scuola italiana. Ma questa non sarà una notte prima degli esami uguale a tutte le altre, “come un anno non è uguale a un altro anno”, come “non semu tutti ‘i stissi”. Non è una notte silenziosa, traditrice, misteriosa, non è una notte da lupi, una notte di luna piena, una notte d’aver paura. “Questa notte è ancora nostra”,… e sarà nostra per sempre, custodita come un bene prezioso, nei luoghi più ameni e segreti dell’anima, ci terrà compagnia, come un cofanetto di segreti, carica d’emozioni, “di lacrime e preghiere”, e di ricordi.

Angelo Battiato


Fase 3, Musumeci: 'L'Isola torna sempre di più alla normalità'

postato: 2020-06-14 10:15:39 da Andrea Oliva

14 giugno 2020
Si ritorna sempre di più alla normalità in Sicilia. Visto l'andamento della situazione epidemiologica, il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha firmato una nuova ordinanza che, a partire da lunedì, consentirà il riavvio, nell'Isola, di numerose attività economiche e sociali.
In particolare, potranno riaprire: sale giochi, sale scommesse e sale bingo; sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso, nonché le fiere e i congressi; centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei Livelli essenziali di assistenza che sono erogate nel rispetto della vigente normativa), centri culturali e centri sociali; comprensori sciistici; servizi ristorazione; attività dei servizi alla persona; stabilimenti balneari e spiagge di libero accesso.


pti.regione.sicilia.it


Il C. D. 'Teresa di Calcutta', di Tremestieri Etneo, vince i Giochi Matematici

postato: 2020-06-14 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

Il Circolo Didattico "Teresa di Calcutta", di Tremestieri Etneo, anche al tempo del coronavirus, ha vinto i Giochi Matematici del Mediterraneo, "Alfredo Guido". I Giochi Matematici del Mediterraneo, giunti alla decima edizione, sono un libero concorso riservato a tutti gli allievi delle scuole primarie (classi terze, quarte, quinte) e secondarie di primo e secondo grado delle scuole italiane ed estere. Su tantissimi alunni del Circolo Didattico che hanno superato i primi test, cinque si sono classificati finalisti nelle prove nazionali, tutti in prima fascia di merito: categoria P3 Abate Marco (3^ B Settebello), Cannavò Giulia (3^ B Settebello), Giompapa Niccolò (3^ A Immacolata), categoria P4 Pantellaro Laura (4^ D Immacolata), categoria P5 Allegra Damiano (5^ D Settebello), Marletta Alice (5^ A Settebello).

Referente Ufficio Stampa
del Circolo Didattico "Teresa di Calcutta" di Tremestieri Etneo
Ins. Anna Maria Gazzana


Anna Giuffrida, dirigente dell’I.C. 'Pizzigoni-Carducci', a conclusione del servizio regala un defibrillatore alla scuola che lascia

postato: 2020-06-14 08:15:00 da Andrea Oliva

Scende il sipario sull’anno scolastico che dal mese di marzo è stato interrotto e gestito “a distanza” con notevoli difficoltà e complessità, ma… finalmente è terminato!.
La ruota del tempo non si ferma e a conclusione dell’anno sono molti i docenti e il personale della scuola che terminano gli anni di servizio attivo e beneficiare della meritata pensione.
La festa del pensionamento è stata sempre un momento particolare della vita scolastica che prevedeva i saluti, i ringraziamenti, i ricordi degli anni trascorsi insieme, e tanta commozione.
Quest’anno le norme di prevenzione del Covid-19 hanno bloccato anche questo momento di socializzazione, caratterizzante lo stile familiare della “comunità scolastica”.
La dirigente dell’Istituto comprensivo Pizzigoni-Carducci, Anna Giuffrida, a conclusione del servizio attivo, consapevole che “Si va in pensione da un ufficio e non da un amore”, non potendo organizzare la tradizionale festa del saluto per il pensionamento, ha destinato la somma per l’acquisto di un defibrillatore, dispositivo salvavita che riconosce le alterazioni del ritmo della frequenza cardiaca, molto utile come dotazione della scuola per le attività sportive e le emergenze sanitarie.

Giuseppe Adernò


Più parità per le paritarie, più libertà per tutti. Web pressing il 15 giugno, flash Mob il 18 giugno

postato: 2020-06-14 08:00:00 da Andrea Oliva

Da martedì 9 giugno è in discussione alla Camera dei Deputati per essere convertito in legge il Decreto n.34 denominato “Rilancio”.
Si auspica che le tante buone proposte di miglioramento sulla scuola e sulla famiglia possano avere accoglienza  e nel testo di legge  e che vengano recepite le istanze sociali che nello specifico della scuola riguardano le scuole paritarie  che fanno parte del sistema nazionale d’istruzione e sono rimaste emarginate, trascurando il diritto della “parità” e della libertà di scelta educativa dei genitori
Continua la maratona per aiutare la famiglia e salvare la scuola pubblica e, dopo il “rumore costruttivo” attivato nei giorni 19 e 20 maggio, mediante la mobilitazione nazionale di numerosi video da tutte le scuole cattoliche, dirette televisive, convegni, comunicati stampa è stato organizzato per LUNEDI 15 GIUGNO 2020  un WEB-PRESSING PARLAMENTARE "  sul tema PIÙ PARITÀ PER LE PARITARIE, PIÙ LIBERTÀ PER TUTTI”

Giuseppe Adernò


Elezioni amministrative, in Sicilia 62 Comuni al voto il 4 e 5 ottobre

postato: 2020-06-12 14:37:59 da Andrea Oliva

12 giugno 2020
Si svolgeranno il 4 ottobre le elezioni amministrative in 62 Comuni dell'Isola. Lo ha deciso il governo Musumeci, su proposta dell'assessore alle Autonomie locali, Bernardette Grasso. L'eventuale ballottaggio è fissato per il 18 ottobre. A essere coinvolti dalla tornata elettorale straordinaria- a seguito del doppio rinvio deciso per contenere i rischi sanitari derivanti dalla diffusione della pandemia da Covid 19 - saranno oltre 810 mila siciliani. In precedenza, le elezioni erano state fissate il 24 maggio (ballottaggio il 7 giugno) e successivamente il 14 giugno (ballottaggio il 28). Ma, in entrambi i casi, visto l'evolversi della situazione emergenziale dovuta all'epidemia, la tornata elettorale era stato rinviato al secondo semestre 20202, in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 novembre. A seguito dell'emergenza Covid 19, in questa tornata elettorale le urne saranno aperte due giorni: domenica (dalle 7 alle 22) e lunedì (dalle 7 alle 14) Lo scrutinio delle schede si terrà immediatamente dopo la conclusione delle votazioni. La costituzione dell'Ufficio elettorale, nei vari seggi, avverrà il sabato pomeriggio.

pti.regione.sicilia.it


Caro-voli, Musumeci: 'Un biglietto unico per i collegamenti Alitalia'

postato: 2020-06-12 13:57:44 da Andrea Oliva

11 giugno 2020
«Chiediamo un biglietto unico con Alitalia, al di là del giorno di prenotazione. Non è possibile continuare a subire capricci e angherie da parte della compagnia di bandiera, la cui politica scoraggia la mobilità dei siciliani». Il presidente della Regione Nello Musumeci è stato molto netto, questa mattina all'aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo, nell'incontro tra la giunta regionale e una delegazione di trenta sindaci di tutta l'Isola, guidata dal presidente dell'Anci Sicilia, Leoluca Orlando. Nel corso della riunione è stato approvato un documento congiunto che verrà inviato al governo nazionale per esprimere una vibrata protesta nei confronti di Alitalia per la «inaccettabile radicale riduzione e, in alcuni casi, perfino la soppressione, delle tratte operate da e per la Sicilia».

pti.regione.sicilia.it


X Edizione Corso Online per Docenti per potenziare le Competenze Digitali

postato: 2020-06-11 08:05:00 da Andrea Oliva

olii
Si comunica che la Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione del Ministero dell'Istruzione organizza, con il supporto scientifico del Comitato Olimpico delle Olimpiadi Italiane di Informatica e l’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico), la decima edizione del corso per la formazione di docenti dell’area matematica- scientifica- tecnologica della scuola secondaria di II grado, su tematiche di “Computer Science”, afferenti ai contenuti delle Olimpiadi Italiane di Informatica (OII).
Il Corso è gratuito per i partecipanti.
E' possibile iscriversi a partire da mercoledì 24 giugno 2020 alle ore 15.00 fino a sabato 4 luglio 2020 alle ore 15.00, compilando un form online reperibile all'indirizzo https://digit.olinfo.it/register/index.html.
Al corso saranno ammessi fino a un massimo di 1000 insegnanti; il Comitato Olimpico accetterà iscrizioni valide secondo l’ordine di arrivo. Il corso è gratuito per i partecipanti.

redazione@aetnanet.org



Concorso DD n. 1546/2018– Rettifica graduatoria Infanzia posto comune AAAA

postato: 2020-06-10 08:10:00 da Andrea Oliva

Allegati:

Download [Decreto Rettifica graduatoria concorso Infanzia posto comune DD1546. 2018 prot. 12011del 09-06-2020] 860 kB
Download [Concorso DD 1546 2018 - Rettifica Graduatoria INFANZIA POSTO COMUNE] 768 kB

usr.sicilia.it



Decreto organico di diritto a.s. 2020/21 personale docente posti di sostegno

postato: 2020-06-10 08:05:00 da Andrea Oliva

Allegati:
Download [Decreto Organico di diritto SOSTEGNO a.s. 2020-2021]  231 kB

usr.sicilia.it



All’Istituto San Vincenzo Cantieri educativi e Attività estive per minori

postato: 2020-06-10 08:00:00 da Andrea Oliva

Fino allo scorso anno si chiamava Grest oggi, dopo la quarantena per la pandemia le attività pe ri minori prendono il nome di “centri estivi”. Presso l’Istituto Sam Vincenzo, (zona Monserrato – Piazza Cavour) dal 15 giugno al 31 luglio saranno attivi i “Cantieri educativi” per i minori. Positiva occasione di svago e d’incontro tra i ragazzi che sono stati costretti in isolamento domestico dal mese di marzo. I generosi docenti “volontari” si sono messi a disposizione per organizzare le attività di laboratorio creativo, artistico, sportino, animazione, balli di gruppo, piscina interna per i piccoli e nelle settimane di luglio due giorni al mare.
Per organizzare l’attività è stato elaborato un progetto nel rigoroso rispetto delle norme di prevenzione indicate dalle Linee guida emanate dal Governo e dalla Protezione civile.
La maggior parte delle attività si svolgerà negli ampi cortili e la giornata “estiva” prevede alle ore 8,30 l’accoglienza, alle 9,00 balli di gruppo, quindi attività di laboratorio e dopo la ricreazione giochi all’aperto. Per coloro che ne fanno richiesta, si offe la possibilità di fruire del pranzo a scuola e le attività pomeridiane avranno termine alle ore 16,30.
Particolare attenzione viene riservata alla dimensione emotiva e relazionale di bambini, dopo questo non facile periodo di blocco psicologico e con l’aiuto di esperti docenti si provvederà al recupero delle capacità di letto-scrittura e calcolo che non sono state adeguatamente sviluppate tramite la “didattica a distanza”, così da poter essere pronti per il nuovo anno scolastico.
I genitori potranno beneficiare dei contributi che lo Stato con il Decreto n.34 “Rilancio”, ha assegnato a questi progetti, presentando domanda all’Inps nell’ambito dei finanziamenti “bonus centro estivo e servizi integrati per l’infanzia”.

redazione@aetnanet.org


Scuola, Azzolina firma il decreto: con la ‘chiamata veloce’ possibile l’accesso più rapido alla cattedra

postato: 2020-06-09 09:58:42 da Andrea Oliva

Al via la ‘chiamata veloce’, il meccanismo di assunzione previsto dal decreto-legge 126, approvato lo scorso dicembre, che punta a velocizzare i tempi di accesso al ruolo per gli insegnanti e a coprire più rapidamente le cattedre vacanti. I posti che rimarranno liberi ogni anno, dopo le abituali operazioni di assunzione, potranno infatti andare ai docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento o nelle graduatorie di concorso che decideranno di spostarsi volontariamente anche in altra regione per occuparli. Il che consentirà a molti insegnanti di ottenere più velocemente la cattedra, andando dove ci sono posti liberi. Ma anche di assegnare posti che, altrimenti, rimarrebbero vuoti e sarebbero coperti con contratti a tempo determinato. La procedura è valida anche per il personale educativo.

miur.gov.it


La negoziazione assistita

postato: 2020-06-09 09:40:57 da Andrea Oliva

Un istituto per deflazionare l’arretrato giudiziario
La negoziazione assistita (di seguito n. a.) da uno o più avvocati è disciplinata dagli artt. 2 e seguenti del decreto legge 12 settembre 2014, n. 132 convertito dalla legge 10 novembre 2014, n. 162. Essa consente di risolvere le controversie tra due o più contendenti senza ricorrere al giudice, con il patrocinio di uno o più avvocati, e di concludere tale vertenza in breve termine, non superiore a tre mesi (né inferiore ad un mese). A tal uopo le parti stipulano una convenzione di negoziazione, redatta in forma scritta (in caso contrario la convenzione è inammissibile) e gli avvocati certificano l’autografia delle sottoscrizioni apposte alla convenzione sotto la loro (degli avvocati) responsabilità professionale. L’avvocato deve sempre informare il cliente, all’atto del conferimento dell’incarico, della possibilità di ricorrere alla presente convenzione.

Prof. Salvatore Freni
Ex allievo "Convitto M. Cutelli"



Gli atti dell’amministrazione finanziaria si contestano dinanzi alle commissioni tributarie

postato: 2020-06-09 09:34:27 da Andrea Oliva

Le controversie con il fisco sono decise in due gradi di giudizio ed in casi specifici in tre gradi di giudizio.
Il contribuente destinatario di un atto emesso da un Ente impositore (Agenzia delle entrate, Ufficio tributi del Comune etc.) o da un gestore della riscossione che ritiene ingiusto (quali: un atto d’accertamento, la richiesta di una somma che lo stesso ha già versato o ritiene di non dovere per altro motivo oppure il rifiuto di restituzione di una somma pagata indebitamente da questi)  può contestare tale atto ricevuto entro 60 giorni dalla sua notifica, dinanzi alle Commissioni tributarie, come si è detto in epigrafe.
Il processo tributario di cui qui si dice è disciplinato dal Decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546 come modificato ed integrato (gli articoli di seguito citati senza l’indicazione della norma cui appartengono fanno parte del D.lgs. appena citato).

Prof. Salvatore Freni
Ex allievo "Convitto M. Cutelli"


BERLINO EST 2.0. Un volume di Federico Cenci sull’avventura della pandemia

postato: 2020-06-09 08:15:00 da Andrea Oliva

Quando nel 1818 Jeremy Bentham  coniò il termine cacotopìa, che  nel 1868  il filosofo John Stuart Mill distopia non si poteva immaginare che tale evento potesse avere una connotazione storica realmente vissuta nel XXI secolo.
Gli “Appunti tra distopia e realtà” che il giornalista e scrittore Federico Cenci ha pubblicato nel pamphlet “Berlino est 2.0” (Eclettica edizioni) raccontano, come in una sequenza di video, quanto è accaduto nei settanta giorni di lockdown che da marzo a maggio hanno bloccato la vita degli italiani.
L’immagine di copertina, il colore rosso cupo con i segni-simbolo di colore nero e bianco proietta il lettore in un contesto oggi lontano, ma tristemente veritiero, leggendo i fatti di cronaca giornaliera in una trasposizione storica contestualizzata nella Germania dell’Est e nell’immaginifica città di Berlino, prima del 9 novembre 1989, data storica della caduta del muro.
Come afferma l’Autore “all’indomani del DPCM che rendeva restrittive le misure di contenimento e di prevenzione dell’epidemia di coronavirus mi sembra di essermi ritrovato in una “Berlino Est 2.0”.
La negazione delle libertà individuali, la chiusura delle scuole, dei negozi, delle Chiese; le strade deserte, le piazze vuote, il ritmato mantra: “Non uscire di casa”, “#io resto a casa”; i diktat dei divieti; le norme prescrittive assillanti e ripetute in ogni edizione di telegiornale; lo slogan “Andrà tutto bene” hanno bloccato la vita degli italiani per ben 70 giorni.


Giuseppe Adernò


Curvare la Didattica: mista, compatta, intensiva e modulare. Proposte e percorsi di sperimentazione

postato: 2020-06-08 08:10:00 da Andrea Oliva

La moda delle sigle ha facilitato nella scuola la scrittura dei verbali, ma spesso ha confuso le idee.
L’acronimo  PEI che una volta stava per “Progetto Educativo d’Istituto”, è stato utilizzato per il “Piano educativo individualizzato” e poi ancora per il “Progetto educativo di “integrazione” prima  e di “inclusione” dopo.
Poi c’è stato il PNSD “Piano nazionale della scuola digitale” e a marzo è nata la  nuova siglia  DAD: “Didattica a distanza”, seguita a fine maggio dalla VAD: “Valutazione della didattica a distanza”
Con l’O.M 11 del 16 maggio 2020 sono comparsi due nuovi acronomi: PIA (Piano  di integrazione degli apprendimenti) e PAI (Piano di apprendimento individualizzato)  per gli alunni ammessi alla classe successiva con delle insufficienze.
L’acronimo PAI corrisponde anche al  “Piano annuale dell’inclusione” inserito nel PTOF.
La moda degli inglesismi, inoltre,  ha mortificato la bellezza  e la ricchezza della nostra lingua italiana ed oggi si parla di “didattica blended”, mentre risulta certamente di più chiara comprensione  anche per i genitori l’espressione “didattica mista o ibrida”.
           
Giuseppe Adernò


Settembre nero. Possibile una scuola rinnovata? Avanti, adagio, quasi indietro

postato: 2020-06-08 08:05:00 da Andrea Oliva

Il decreto che regolamenta l’avvio delle lezioni a settembre ha creato non poche perplessità tra i Dirigenti che hanno la responsabilità di organizzare “in sicurezza” la scuola per un sereno svolgimento delle attività didattiche per il nuovo anno scolastico.
Sono molti i rischi e le preoccupazioni perché la complessità delle norme scritte richiede risorse economiche che non ci sono, strutture e spazi che non si possono inventare dall’oggi al domani, cambiamento di stile di lavoro che non si ottiene con la bacchetta magica.
L’organico dell’Istituto necessariamente dovrà essere potenziato. Come? Quando?   Sono questi interrogativi che fanno pensare e diventano barriere e ostacoli per le possibili soluzioni.
Un’antica massima saggiamente descrive il presente della scuola italiana: “Avanti adagio, quasi indietro”.
C’era una volta la scuola a dimensione comunitaria, con poche classi e non numerose e piccole scuole ben governate, (dieci anni fa erano 12.000 le scuole, ora sono ridotte ad 8.000)

Giuseppe Adernò


Quando si tradiscono i diritti. La scuola paritaria è pubblica

postato: 2020-06-08 08:00:00 da Andrea Oliva

Con calore e tenacia l’on Luigi Berlinguer, già Ministro dell’Istruzione, ha difeso il principio del diritto all’istruzione che la Costituzione sancisce, dando facoltà ai cittadini di istituire scuole che sono “investimenti pubblici” di educazione e che lo Stato ha il dovere di sostenere e di agevolare.
L’istruzione è, infatti, un diritto e un dovere a garanzia del pluralismo culturale che si alimenta della qualità delle proposte educativa.
La scuola un tempo “privata” e, a volte, organizzata senza le necessarie garanzie professionali e dei percorsi didattici, con la Legge 62 del 2000, che porta la firma del Ministro Berlinguer, è stata normata come parte integrante del Sistema Nazionale dell’Istruzione, con la dicitura di “scuola paritaria” e con l’impegno di rispettare le norme di regolarità del percorso didattico e della necessaria qualificazione professionale dei docenti.
Lo Stato e il Ministero hanno il compito di vigilare e assicurare il rispetto delle norme, riconoscendo la validità dei titoli di studio rilasciati.
 
Giuseppe Adernò