Benvenuto su Aetnanet.org

version 0.2 for Mobile




AetnaNet ha attivato il proprio canale su Telegram (è un'app di messaggistica focalizzata sulla velocità e sulla sicurezza che può essere installata su smartphone, ma anche sul personal computer https://telegram.org/).
Una volta installata l'app, basta cliccare su questo link https://telegram.me/aetnanet e dopo cliccare su Unisciti.
Si accettano proposte per attivare nostri canali monotematici, tipo Riforma, Esami di stato, Graduatorie, Mobilità, Precariato; indirizzare le richieste a telegram@aetnanet.org

Elogio della lettura, ovvero un libro ha il colore dell’estate

postato: 2020-08-03 07:00:00 da Angelo Battiato

Prova d’estate, tanto attesa e desiderata. Prova di libertà, d’emozioni, di nuove sensazioni. Dopo le “barricate e le trincee di casa” del lungo inverno appena trascorso, proviamo a respirare, a volare, a vivere. E basta poco per innalzare la mente, per levare gli ormeggio e liberare il pensiero, per sciogliere i nodi e librarci liberi nel “mare nostrum” dell’immaginazione. Si, basta poco per essere felici. E noi insegnanti lo sappiamo bene. Basta un buon libro, un po’ di tempo e il desiderio d’infinito,… e sei in capo al mondo! E un libro d’estate è speciale. Un libro d’estate sa di sole, sa di sale, sa di mare. Un libro d’estate, come un gabbiano, ha ali grandi per volare. Poi messo in valigia tra creme, costumi e ombrelloni, ti porta dietro i monti, per valloni, nei boschi più fitti, tra ruscelli genuini, a rincorrere gazzelle e tulipani.
Un libro d’estate lo sogni anche di notte, appena prendi il primo sonno, proprio dopo aver contato un po’ di stelle, dal Grande Carro a Orione, e poi giù giù fino ad Aldebaran, oltre la stella Polare! Un libro d’estate è un balsamo che ti protegge dal primo sole, da ogni scottatura, più di qualsiasi cremina presa in farmacia.

Angelo Battiato


Vi aspettiamo in presenza e in modalità telematica all'IIS Francesco REDI di Paternò, Belpasso e Biancavilla

postato: 2021-01-15 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

L’IIS “Francesco REDI” di Paternò, Belpasso e Biancavilla è lieto di comunicare che a partire dal 9 gennaio 2021 saranno organizzati degli Open days, sia in modalità telematica (Meet) che in presenza, nell’ottica di voler orientare e accompagnare gli allievi delle classi terze della scuola secondaria di primo grado nel delicato passaggio verso il successivo ordine di studi. Nel corso degli incontri programmati, sotto forma di webinar, verrà illustrata agli allievi interessati e alle loro famiglie l’offerta formativa dei quattro indirizzi di studio dell’IIS “Francesco REDI”, secondo il calendario che segue: sabato 16, mercoledì 20 Gennaio 2021 (in modalità telematica e in presenza).

Dirigente scolastico
dott.ssa Giuseppa Morsellino










“Liquido / solido” webinar sulla lettura ai tempi dell’infosfera

postato: 2021-01-14 11:42:29 da Andrea Oliva

Nell’ambito delle attività del Polo di biblioteche scolastiche che ha come capofila la Scuola Secondaria di primo grado Dante Alighieri di Catania diretta dalla DS Rita Donatella Alloro, si è svolto il 13 Gennaio 2021, dalle ore 16.00 presso una sala riunioni virtuale della Gsuite della scuola, un webinar per docenti sulla lettura e sui libri ai tempi dell’infosfera, cioè della nostra società così fortemente connaturata da relazioni e connessioni virtuali e tecnologiche che sembrano aver trasportato la narrazione su altre dimensioni meno solide (cartacee) e più liquide (digitali).
Ma come hanno illustrato sapientemente le due relatrici Francesca Mignemi e Anna Di Paola, appassionate professioniste del settore, già libraie ed ora studiose di libri e letteratura, le cose non stanno proprio così. In un intrigante percorso che ha tenuto attaccati al video docenti di tutte le aree di insegnamento (anche se con una certa prevalenza di Lettere), hanno dimostrato che partendo da queste attuali realtà virtuali che sembrano monopolizzare le attenzioni e gli interessi di un pubblico eterogeneo e variegato si possono “ricondurre a casa” i lettori giocando sull’impianto narrativo che soggiace ad ogni forma di espressione e su parole chiave che sono appunto “le chiavi” per mettere in relazione mondi che apparentemente sembrano inconciliabili e lontani anni luce.
Così hanno reso evidente come, evitando anacronistiche crociate, attraverso la sperimentazione e la pratica di transmedialità e crossmedialità, ascoltando e studiando si possono ritrovare quegli elementi emotivi, empatici che fanno scattare la complicità tra io lettore e libro.
Sì, proprio il libro perché “solido” o “liquido” comunque leggere libri ci rende unici, liberi, appagati e affrancati specialmente in questi tempi tristi. L’istinto narrativo che dunque esiste in ogni essere umano merita di essere curato e sostenuto.
Una vasta e aggiornata bibliografia è stata fornita ai docenti con specifiche indicazioni per una fruizione integrata in contesti scolastici applicabile sia in presenza che a distanza come per adesso accade. Un grazie accorato da parte di tutti i docenti intervenuti alle due esperte relatrici.

Prof. Lorenzo Bordonaro




AUTONOMIA E QUALITA’. CONVEGNO MARATONA PROMOSSO DA AICQ (Associazione Italiana Cultura e Qualità)

postato: 2021-01-14 11:39:23 da Andrea Oliva

La XII edizione del Convegno Nazionale del Settore Education di AICQ sul tema “Autonomia del Servizio Scolastico e Qualità Sostenibile - Potenzialità dell’Autonomia Scolastica in era Covid” ha avuto luogo il 12 gennaio dalle ore 14, alle ore 20,30
Oltre duecento partecipanti hanno seguito l’intensa carrellata d’interventi l’autonomia scolastica è stata esaminata e riletta alla luce della pandemia che ha messo a fuoco una cultura di scuola non ancora adeguata ai principi della qualità.
Dopo i sei interventi dei saluti istituzionali da parte dell’Assessore Regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla; del Direttore dell’USR, Stefano Suraniti; dei presidenti dell’Associazione Cultura e Qualità: Giovanni Mattana (nazionale), Pietro Vitiello (regionale); Catterina Pasqualin (AICQ Education), coordinati dal referente AICQ Sicilia, Carmelo Diana, sono intervenuti 10 relatori, moderati dal Prof. Salvatore La Rosa, direttore della rivista “Le nuove frontiere della scuola” e presidente regionale AIDU.
La lectio magistralis del prof.  avv. Alessandro Pajno ha percorso il cammino storico dell’autonomia scolastica che scaturisce dagli artt, 32 e 34 della Costituzione, avviata con la Legge 537 del 1993 e definita con l’art. 21 della Legge 59 del 1997 e dal successivo Regolamento del DPR 275 del 1999

Giuseppe Adernò


Pandemia educativa 34 mila gli assenti da scuola. Con questo titolo il quotidiano “Avvenire” ha presentato il rapporto di Save the Children, descrivendo lo stato di stanchezza, sfiducia, paura del futuro tra gli adolescenti.

postato: 2021-01-12 16:05:00 da Andrea Oliva

Dopo la pausa delle vacanze natalizie tradizionalmente si rientrava a regime nel ritmo dello studio, delle interrogazioni di fine quadrimestre e poi…. Le schede di valutazione.
La ripresa quest’anno è stata rallentata e diversificata nel territorio nazionale e questo stato di confusione ha fortemente inciso sullo stato d’animo degli studenti, i quali hanno attivato anche manifestazioni di “sciopero bianco” chiedendo le lezioni in presenza.
“Vedere gli studenti in piazza a chiedere: garanzia del diritto all’istruzione; autonomia ai presidi e alle scuole mi pare il riscatto della Libertà educativa”, ha scritto Suor Anna Monia Alfieri.
 Oltre alla pandemia sanitaria, l’Italia deve affrontare la pandemia educativa, che pone una pesante ipoteca sul successo di una generazione e sullo sviluppo del Paese. Due anni senza scuola regolare, fa registrare un rallentamento nello sviluppo culturale di cinque anni e, purtroppo il tempo perduto non si potrà recuperare, nonostante tutto l’impegno e le innovazioni didattiche e tecnologiche.  Il 46%, degli studenti intervistati parla di un "anno sprecato" e la costrizione di vivere incontri solo virtuali ha fatto riscoprire a molti il valore della relazione "dal vivo".

Giuseppe Adernò


SCIOPERO BIANCO ALLA PARINI “ I nostri figli non seguiranno alcuna lezione a distanza; svolgeranno i compiti assegnati dalle maestre, ma non si collegheranno da remoto”

postato: 2021-01-12 16:00:00 da Andrea Oliva

12_01_01

LETTERA APERTA DEI GENITORI DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE 2a A DELL’ Istituto  “G. PARINI” CATANIA : niente didattica a distanza.


Alla dirigente scolastica
Noi genitori degli alunni della classe 2° A, preso atto dalla decisione di istituire la didattica a distanza per la settimana intercorrente tra i giorni 11/ 1 e 15/1 pp.vv. e dopo esserci riuniti, abbiamo deciso di rivogerLe il nostro pensiero comune.-
I recenti provvedimenti adottati dai nostri amministratori locali penalizzano oltremodo i nostri figli costretti - nuovamente – a restare chiusi in casa.-
Ci permetta di dire, senza timore di essere smentiti, che le motivazioni frettolosamente sbandierate a giustificazione dell’improvvisa chiusura della scuola primaria appaiono ai più pretestuose e del tutto contrarie allo spirito di protezione delle nuove generazioni, ancora una volta calpestate.
E’ opportuno premettere che nessuno, tra noi, sottovaluta l’attuale situazione emergenziale e siamo ben consapevoli della pressione che subiscono le strutture ospedaliere chiamate a fronteggiare il copioso aumento dei ricoveri.
Tuttavia, non è in alcun modo condivisibile la scelta di posticipare il rientro a scuola individuando tra i giovani alunni la categoria sulla quale far ricadere il peso di condotte di una minoranza ristretta di incoscienti e che per i loro comportamenti si decida di recludere i nostri figli a casa, negando loro il diritto alla formazione.
Sembrerebbe mancare qualsivoglia criterio in ciò che viene deciso per le scuole.

A nome dei genitori :  Avv. Todaro


APPELLO PER LA RIAPERTURA DELLE SCUOLE

postato: 2021-01-11 08:00:00 da Andrea Oliva

Da marzo 2020 da quando è stata dichiarata la cosiddetta pandemia gli studenti italiani, più di ogni altro loro coetaneo europeo, praticamente salvo pochi giorni di ordinarie lezioni, non hanno più frequentato in presenza le lezioni; la sola alternativa della didattica a distanza, nonostante il più che ordinario impegno profuso dagli insegnanti, non rappresenta che una brutta copia di ciò che dovrebbe essere un serio corso di studi.
 La scuola italiana già abbandonata sia nelle strutture sia nei programmi che privilegiano un presente sganciato da una indispensabile conoscenza del passato e proiettato acriticamente verso un futuro incerto, sta subendo il colpo mortale non per il virus ma per la cattiva gestione di questa emergenza.
Diffondendo paura con la complicità dei mezzi di informazione, il governo peggiore del mondo, che ha realizzato il record mondiale di morti e la peggiore decrescita del pil, ha introdotto una serie di norme e divieti in alcuni casi assurdi se non ridicoli come per esempio i banchi a rotelle, inoltre molti presidi dal canto loro non hanno fatto altro che essere “più realisti del re” aggiungendo altre restrizioni piuttosto che cercare soluzioni alternative che esistono.

redazione@aetnanet.org



Valutazione scuola primaria senza voti, ma…

postato: 2021-01-10 10:00:00 da Andrea Oliva

La normativa ha individuato, per la scuola primaria, un impianto valutativo che supera il voto numerico su base decimale nella valutazione periodica e finale e consente di rappresentare, in trasparenza, gli articolati processi cognitivi e meta-cognitivi, emotivi e sociali attraverso i quali si evidenziano i risultati degli apprendimenti.
La motivazione principale di tale innovazione trova le sue radici nel cuore dell’azione didattica che è orientata non solo all’acquisizione di nozioni, ma ancor più allo sviluppo di apprendimenti e quindi di specifiche competenze, espressione della modificazione dei comportamenti, del modo di pensare, di sentire e di agire dello studente.
 Le competenze non sono elementi misurabili con il metro del voto, né utilizzando la scala numerica decimale, né tanto meno sono codificabili con termini descrittivi preconfezionati dei “livelli di apprendimento”.
Unica formula della valutazione delle competenze è di tipo descrittivo, che prevede una dettagliata elencazione dei traguardi conseguiti in stretta connessione con il percorso didattico realizzato. Tale descrizione va espressa sotto forma di parole che fotografano nel dettaglio gli effettivi obiettivi raggiunti e le competenze acquisite.

Giuseppe Adernò


UNA MAESTRA INDIGNATA. La scuola è un ambiente educativo e di apprendimento. I nostri alunni nutriti con amore, condivisione, collaborazione, curiosità, affettività in una didattica che coniuga cervello ed emozioni

postato: 2021-01-10 09:45:00 da Andrea Oliva

10_01_01
Considero una vergogna nazionale chiudere nuovamente i giovani a casa, rinfacciando a tutti la festa organizzata da una superficiale di qua o un deficiente di là.
 È vero da Nord a Sud un gruppetto d’incoscienti c’è stato, anche percentualmente era prevedibile, ma da qui a recludere tutti in casa, negando il diritto alla formazione, lo trovo un abuso. La cosa più grave è che sono stati proprio i giovani di Catania e provincia a organizzare una petizione affinché non si tornasse in presenza… “per la tutela della salute propria e dei propri cari.”
 L’80% di essi ritiene non sia sicuro ritornare a scuola… piuttosto che scendere in piazza per pretendere mezzi di trasporto dedicati, tamponi settimanali o quindicinali, garanzia di tracciamento. È evidente lo stato di ottundimento: in solo 8 mesi d’isolamento, i giovani si sono abituati e quasi rassegnati alle norme dei DPCM.
Analizziamo insieme il termine rassegnarsi: disposizione ad accogliere senza reagire fatti che appaiono inevitabili: soffrire con santa, eroica rassegnazione], ma non con rassegnamento e sottomissione. longanimità, pazienza, che molti oggi confondono con il più nobile sostantivo resilienza che implica, invece, la non alienazione della propria identità.
 
Ins. Paola Liuzzo


Speranza firma nuova ordinanza: cinque le regioni in area arancione

postato: 2021-01-09 06:00:00 da Andrea Oliva

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova Ordinanza sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020), che si è riunita l'8 gennaio 2021.
L'Ordinanza, che sarà in vigore a partire da domenica 10 gennaio, colloca in area arancione le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto.
Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa è la seguente, a partire da lunedì 11 gennaio:
  • area gialla: Abruzzo, Campania, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Toscana,Umbria, Valle d’Aosta
  • area arancione: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto
  • area rossa: (nessuna Regione).
Restano in vigore le restrizioni previste dal decreto-legge 5 gennaio 2021, n. 1.

www.salute.gov.it


CAOS SCUOLA. LO SCOTTO PIÙ DEVASTANTE PER I RAGAZZI, LE FAMIGLIE ED IL PAESE. Quale futuro per gli studenti Covid-19?

postato: 2021-01-08 21:50:48 da Andrea Oliva

08_01_04
"I genitori italiani sono gravemente preoccupati per le scelte politiche sulla scuola che il Governo sta attuando in risposta alla crisi pandemica", queste parole di Carlo Stacchiola, Presidente di Articolo 26, Associazione nazionale membro del FoNAGS, il Forum Nazionale dei Genitori nella Scuola presso il MIUR, trovano consenso diffuso tra genitori, docenti, e studenti.
 L’incertezza della data di ripresa delle lezioni al termine delle vacanze natalizie, la variegata modulazione di orari e di tipologia didattica “ distanza” o “in presenza” sono il segno della pesante confusione che caratterizza ancora una vola il nuovo anno appena iniziato.
Spettacolo indecoroso, sulla pelle degli alunni, delle famiglie, dei dirigenti e docenti, dell’intera società, che, temiamo, sarà destinato a proseguire”, afferma l’ex ispettore, Roberto Leoni, presidente della Fondazione “Sorella Natura”.
 I ragazzi, le nuove generazioni stanno pagando il prezzo più elevato in termini di disagio psicologico, rischio d’insuccesso e abbandono scolastico.

Giuseppe Adernò


Festa del Tricolore. Lezione di Educazione Civica con 55 ragazzi sindaci

postato: 2021-01-08 21:35:37 da Andrea Oliva

Il 7 gennaio, primo girono di scuola dopo le vacanze natalizie, si celebra il 224° anniversario della Giornata nazionale della Bandiera, il simbolo della Patria, di onore di unità nazionale.
Era il 1797 quando da Reggio nell’Emilia ha avuto inizio il percorso durante il quale il Tricolore si è radicato lungo tutta l’Italia come simbolo dello Stato unitario e poi della Repubblica, affermando i valori di libertà e democrazia che hanno ispirato tante generazioni d’italiani».
Durante il lockdown abbiamo provato una grande emozione nel vedere tanti tricolori esposti alle finestre, sulle terrazze e sulle case lungo tutta la Penisola. Lo scorso 2 giugno la pattuglia acrobatica nazionale delle “Frecce tricolore” hanno “visitato” diverse città capoluoghi di regioni e la ricorrenza del 7 gennaio ha impegnato 55 ragazzi sindaci e consiglieri del CCR di: Catania, Motta S. Anastasia, Piano Tavola, Camporotondo, San Pietro Clarenza, Tremestieri, S Agata Li Battiati, Caltagirone e poi ancora il CCR di Zevio e Palù in provincia di Verona.
In video conferenza hanno seguito con vivo interesse la lezione di Educazione Civica sulla storia del Tricolore tenuta dal coordinatore dei CCR, preside Giuseppe Adernò, nominato dall’UCIIM ambasciatore dell’Educazione Civica.

redazione@aetnanet.org


COVID, ORDINANZA DI MUSUMECI: ECCO LE NUOVE RESTRIZIONI

postato: 2021-01-08 21:13:09 da Andrea Oliva

08 gennaio 2021
«C'è un solo rimedio, purtroppo, per evitare l'ulteriore crescita dei contagi in Sicilia: adottare misure restrittive, tenendo conto anche delle indicazioni arrivate dal Comitato tecnico scientifico regionale».
Lo annuncia il presidente della Regione Nello Musumeci, dopo il confronto avuto in mattinata con il governo centrale, durante il quale è stata rappresentata «questa nostra preoccupazione e condivisa la necessità di anticipare l'entrata in vigore della "zona arancione", che, comunque, sarebbe stata dichiarata da Roma nelle prossime giornate. Una decisione che ci fa guadagnare una settimana di tempo, in un quadro nazionale e internazionale di crescita esponenziale del contagio».
Alle consuete regole previste dal Protocollo nazionale per la "zona arancione", nell'ordinanza appena firmata dal presidente Musumeci, d'intesa con l'assessore alla Salute Ruggero Razza, sono state aggiunte delle misure ancora più restrittive. Ecco quali.
Controlli per chi arriva in Sicilia
Vengono mantenuti i controlli per i passeggeri in arrivo nell'Isola (registrazione obbligatorio sul sito dedicato e tampone rapido), così come la riduzione dei voli da e per la Sicilia.
Misure per gli esercizi commerciali
Previste misure di distanziamento interpersonale negli esercizi commerciali, con la previsione di screening per gli operatori. I sindaci hanno la facoltà di regolamentare l'accesso nelle zone commerciali per evitare gli assembramenti.
Sospensione attività didattiche
Prevista la sospensione delle attività didattiche in presenza fino al 16 gennaio per le scuole elementari e medie inferiori e fino al 30 gennaio per gli istituti superiori. Analoghe disposizioni potranno essere adottate da parte della Conferenza dei rettori. Prosegue normalmente, invece, l'attività in presenza per nidi, asili e scuole dell'infanzia.
«Sono certo - afferma Musumeci - che tornerà a prevalere la responsabilità collettiva. Sarebbe assurdo se per la indisciplina di una minoranza si dovessero pagare, ancora, costi sociali ed economici enormi. Una parte importante, come sempre, per garantire l'effettività di queste misure - conclude il presidente della Regione - è affidata alle Forze dell'ordine. Auspico pertanto che vi sia una maggiore presenza, con il ricorso a tutto il personale disponibile, anche delle associazioni di volontariato della Protezione civile regionale».
Ordinanza n° 5 dell'8 gennaio 2021

pti.regione.sicilia.it




Pogliese, ordinanza chiusura scuole venerdì e sabato in attesa delle decisioni di Stato e Regione

postato: 2021-01-07 22:03:26 da Andrea Oliva

Il sindaco di Catania Salvo Pogliese ha appena firmato un'ordinanza per la chiusura temporanea, nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 gennaio, dei plessi scolastici di ogni ordine e grado del territorio comunale, incluse le scuole  dell'infanzia e gli asili nido, per prevenire la diffusione del contagio da Covid-19.
Il provvedimento è stato predisposto dall’Amministrazione Comunale di Catania  in attesa che vengano emanati  gli atti con le decisioni del governo nazionale e regionale che diano indirizzi univoci per l’intera isola. “In questa condizione di perdurante incertezza  -ha spiegato il sindaco Pogliese- è doveroso per quelle che sono le nostre competenze intervenire con misure di prevenzione che siano tempestive e idonee a contrastare il propagarsi anche potenziale del virus. Per questo chiudiamo le scuole di ogni ordine e grado domani e sabato. Auspico ancora una volta -ha continuato  il sindaco di Catania- che entro lunedì venga fatta chiarezza e si provveda a chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado almeno per tutto il mese di Gennaio, in modo che si possa tornare in aula in presenza con maggiore serenità con dati migliori di quella attuali relativi alla diffusione del contagio in Sicilia e in Italia. Dobbiamo a tutti i costi evitare una nuova ondata e per questo sollecito gli organi preposti a intervenire con la necessaria risolutezza”.

www.comune.catania.it



Come sarà la festa di S. Agata?

postato: 2021-01-07 08:00:00 da Andrea Oliva

Molti se lo chiedono, e non si hanno informazioni.
Gli altri anni già prima di Natale il programma era pronto e le attività di preparazione impegnavano le giornate del mese di gennaio, in preparazione al grande evento della festa solenne
Nella vicina Acireale il comunicato stampa relativo alla solenne festa di San Sebastiano recita:
“La festa di quest'anno si svolgerà totalmente all'interno della Basilica, ma non per questo sarà meno intensa - - Ci sarà la possibilità di partecipare alle celebrazioni Eucaristiche, anche se si dovrà prenotare la partecipazione, pregare un istante dinanzi alla venerata immagine di San Sebastiano e accostarci al sacramento della Penitenza. Saremo tutti chiamati però a seguire con attenzione scrupolosa le regole e le normative per il contenimento dell'epidemia da Covid-19, per cui vi raccomandiamo di prendere visione delle prescrizioni riportate nel programma dei festeggiamenti e di attuarle con senso di responsabilità e di rispetto verso se stessi e verso gli altri”. 
Anche per Catania si potrebbe utilizzare la medesima modalità, esponendo il Busto reliquario  dal 3 al 7 gennaio  e consentire ai fedeli di esprimere con  la preghiera personale la devozione alla Santa Patrona.
L’incontro con Sant’Agata non può mancare per i catanesi e tale opportunità  prettamente religiosa non potrà essere negata ai fedeli, pur rispettando le norme di prevenzione dei contagi.
Incontrando  un amico, mi ha detto che ha sognato il Comm. Luigi Maina che si preparava alla festa di S Agata che per lui era la vita  ed entrando in Cattedrale sembrava di rivederlo nella sua sedia  in devota preghiera.
 
Giuseppe Adernò


''PER NON DIMENTICARE GIUSEPPE DI MATTEO ''. Un’ora di lezione di Educazione Civica per ricordare, riflettere e capire.

postato: 2021-01-07 07:55:00 da Andrea Oliva

Sono trascorsi 25 anni della tragica morte del piccolo Giuseppe Di Matteo, sciolto nell’acido dai suoi carnefici, dopo 779 giorni di prigionia.
L’omicidio spietato è stato compiuto per punire il padre del piccolo Giuseppe, che era diventato collaboratore di giustizia.
Il Parlamento internazionale della legalità di Palermo e il suo presidente Nicolò Mannino hanno da sempre sensibilizzato gli studenti nel ricordo della tragedia, recandosi al "Giardino della Memoria " per posare un fiore su quel pozzo e sulla brandina arrugginita del casolare abbandonato dove il piccolo è stato tenuto prigioniero, è stato posto un angelo di porcellana, donati dagli studenti del Liceo di Bronte che raffigura un bambino con un giglio in mano.
La manifestazione: “Un fiore per Giuseppe”, avrà luogo lunedì 11 gennaio alle ore 10,30 e darà conforto alla mamma del piccolo, Franca Castellese, e a tutti i genitori delle vittime innocenti dalla criminalità mafiosa.
Quest’anno è stata proposta una significativa iniziativa che coinvolge tutte le scuole nel dedicare un’ora di lezione alla memoria del piccolo Giuseppe.

Giuseppe Adernò




COVID, AL VIA SELEZIONE PER NUOVO PERSONALE NELLE AZIENDE SANITARIE

postato: 2021-01-07 05:00:00 da Andrea Oliva

5 gennaio 2021
Sarà attiva a partire dalle ore 15 del 7 gennaio la piattaforma telematica che consente di partecipare al bando per il reperimento di tecnici, informatici, assistenti sociali ed amministrativi da impiegare in tutte le aziende del sistema sanitario regionale nell'ambito dell'emergenza Covid in Sicilia. L'iniziativa, varata dall'assessorato regionale alla Salute, ha l'obiettivo di stilare un elenco di figure professionali per assicurare i fabbisogni ad Aziende e strutture commissariali impegnate nella pandemia. Nello specifico il policlinico di Messina 'Martino', individuato quale azienda capofila, predisporrà nella sezione concorsi del sito www.polime.it il form di registrazione a cui sarà possibile accedere per la partecipazione al bando riservato a diplomati e laureati.
La selezione prevede il conferimento di incarichi di collaborazione coordinata e continuativa o libero professionali per i profili di collaboratore amministrativo professionale, educatore professionale, collaboratore professionale assistente sociale, collaboratore ingegnere, assistente tecnico perito informatico, assistente amministrativo. Per ogni figura professionale sono richiesti specifici requisiti (vedi allegato). I professionisti selezionati, a seconda dei profili, supporteranno le attività di tracciamento, il caricamento e lo sviluppo dei dati sulle piattaforme nazionali, regionali e aziendali. Inoltre saranno a sostegno di tutte le attività correlate al piano di vaccinazione anticovid e di ogni ulteriore azione per l'attuazione delle misure previste dalla legislazione vigente per far fronte alla pandemia.
La durata dell'incarico è collegata al perdurare dello stato di emergenza sanitaria e, comunque, per tutta la durata della campagna di vaccinazione, tenendo debitamente conto della necessità di effettuare le prestazioni a supporto delle Aziende del Servizio sanitario regionale. Gli elenchi dei professionisti verranno formulati in base alla data e all'ora di presentazione della domanda. Sarà possibile registrarsi fino alle ore 23.59 del 10 gennaio 2021.

pti.regione.sicilia.it


54° Giornata mondiale della pace - 1° gennaio 2021. La cultura della cura come percorso di pace. Un nuovo CPS per il cammino del 2021

postato: 2021-01-03 15:00:00 da Andrea Oliva

Il messaggio di Papa Francesco in occasione della 54° giornata mondiale della pace risuona come monito per tutti i popoli, per il Governanti, e per il semplice cittadino, che come persona contribuisce alla costruzione della comunità civile.
Il 2020 è stato segnato dalla grande crisi sanitaria della pandemia Covid-19, che ha prodotto una pesante crisi economica, lavorativa e provocando pesanti sofferenze e disagi.
Guardando al futuro e iniziando il nuovo anno l’esortazione del “prendersi cura” del fratello che soffre, del bimbo che cresce, dello studente e del giovane che ha bisogno di una guida, e poi ancora il sentirsi “custodi del creato”, di un dono prezioso che Dio ha affidato all’uomo per renderlo fruttuoso e non per danneggiarlo o usarlo in maniera inopportuna.
Il “prendersi cura” è un gesto di maternità, di tenerezza che nell’iconografia del Natale appare evidente e Papa Francesco l’ha evidenziato facendo notare come Maria tiene in braccio il suo bambino prendendolo dalla culla.

 Giuseppe Adernò


Il regista Pirrello nei cinema chiusi a Catania? Qui la vita continua in attesa che il pubblico ritorni?

postato: 2021-01-02 20:27:20 da Michelangelo Nicotra

Catania. Cosa accade nelle sale cinematografiche chiuse al pubblico in questi mesi di pandemia? Ritornato nella sua Catania dopo mesi al lavoro in giro per l’Italia, il regista e film maker Marco Pirrello ha deciso di  verificarlo da solo, scoprendo che dentro i cinema storici la vita continua. Ha perciò girato un video di 8 minuti dal titolo “Solo nei migliori cinema”, condividendolo gratuitamente su Facebook per testimoniare l’amarezza ma anche la cura romantica e appassionata dei gestori.

Rosa Maria Di Natale
https://video.repubblica.it/edizione/palermo/il-regista-pirrello-nei-cinema-chiusi-a-catania-qui-la-vita-continua-in-attesa-che-il-pubblico-ritorni


ANCoDiS: il 50% degli studenti del secondo ciclo resterà “fuori le mura”. Siamo di fronte all’ennesima prova per la scuola italiana.

postato: 2021-01-02 15:11:22 da Andrea Oliva

La Nota MPI 2241 del 28 dicembre 2020 avente come oggetto: “Ordinanza del Ministro della salute 24 dicembre 2020” firmata dal Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione, dottor Marco Bruschi, fa riferimento all’Ordinanza del Ministero della Salute che dispone il rientro in classe in presenza dal prossimo 7 gennaio (8 gennaio in Sicilia) per il 50 per cento degli studenti del secondo ciclo di studi.
Tante le problematiche che le scuole per l’ennesima volta si trovano ad affrontare: attività didattica in presenza; attività di didattica a distanza; entrate ed uscite differenziate; rimodulazione dell’orario scolastico per alunni e docenti; rimodulazione dei servizi del personale ATA; applicazione di misure prudenziali e precauzionali sempre più attente e quant’altro.
Bisognerà creare le condizioni per un ritorno alla didattica in presenza che riprenda le esperienze realizzate in DaD in modo che si possa garantire in tutto e per tutti il diritto allo studio.
E’ possibile iscriversi al meeting attraverso il seguente link: https://forms.gle/1R2pyuiG8P9dh6MU6
Si allega la locandina
Per ANCoDiS
Prof.ssa Connie Fascella*
*componente del Direttivo ANCoDiS


# Ragazzi Sindaci di Sicilia uniti salutano il 2020

postato: 2021-01-02 15:00:00 da Andrea Oliva

Per salutare il 2020, un anno da dimenticare, pieno di preoccupazioni, smarrimenti e tristezza, un anno che ci ha messo tutti sullo stesso piano e che ha fatto scendere piogge di lacrime, non potevamo fare altro che recitare la preghiera che Papa Francesco ha scritto per il bene dell’umanità, in questo momento afflitta dalla Pandemia.
È questa l’iniziativa promossa dal Comune di Maletto, rivolta a tutti i #Sindaci e ai Baby Sindaci della Sicilia, uniti insieme nella preghiera per le proprie comunità, la sera del 31 dicembre alle ore 18:00.
Un modo per essere uniti, seppur distanti, con un pensiero rivolto a coloro che hanno perso una persona cara o che lottano in prima persona per fronteggiare l'emergenza sanitaria come gli operatori sanitari, le forze dell'ordine e tutti i lavoratori dei servizi essenziali, e con la speranza che tutte le famiglie del mondo possano superare questo brutto momento guardando al futuro con coraggio e ottimismo.
 Delle nove provincie siciliane oltre 100 Comuni hanno aderito all’iniziativa, coinvolgendo Sindaci e Assessori dalle sale dei Consigli Comunali e, dalle loro case, in video collegamento il baby Sindaco, il vice sindaco, e il presidente del Consiglio Comunale dei Ragazzi. I social hanno diffuso la notizia condivisa con tanti “mi piace”.
Della provincia di CATANIA hanno aderito i comuni di: Maletto, Bronte, Maniace, Randazzo, Linguaglossa, Biancavilla, Paternò, Ragalna, Belpasso, San Pietro Clarenza, Camporotondo, Tremestieri, Trecastagni, Sant'Agata Li Battiati, Nicolosi, Fiumefreddo, Mascali, Giarre, Mazzarrone, San Michele di Ganzeria, Caltagirone, Grammichele, Zafferana, Gravina di Catania, Caltagirone, Pedara, Licodia Eubea, Motta Sant'Anastasia.
 
redazione@aetnanet.org


Lu Trenu

postato: 2021-01-01 12:00:00 da Angelo Battiato

È l'eterna lotta tra il passato e il futuro. Tra ieri e domani. Tra il prima e il dopo. La memoria di ciò che era, e la speranza di ciò che sarà. Il ricordo, la nostalgia, la rimembranza, anche dolorosa, faticosa, difficile da decifrare del passato; e il desiderio, la speranza, la fiducia, il coraggio del futuro, del nuovo giorno, del nuovo anno. Il vecchio e il nuovo anno che si incontrano, ogni anno, proprio a mezzanotte. Si danno appuntamento il 31 dicembre. Per dirsi addio, con tenerezza, con indulgenza. Il vecchio anno muore e il nuovo anno nasce. Che coincidenza! Che destino! E nel mezzo scorre la vita, sempre nuova e sempre uguale. Si, la vita degli umani.
Che meraviglia! Buona vita a tutti!

Angelo Battiato
Lu trenu

Nta la stazioni di lu nostru munnu,
la notti tra dicembri e jnnaru,
s'ancontrunu, ma sulu ppi ‘n secunnu,
du treni, unu scuru, l'autru chiaru.

Unu si nni va lentu, pari stancu,
nun avi luci, è tuttu impolveratu.
L'autru arriva in fretta, è beddu, iancu,
di fili argentu e oru è cummigghiatu.

Supra a banchina c'è tanta cunfusioni,
carusi, picciriddi, genti ranni,
arrivunu di tutti li nazioni,
ccu tamburi, stindardi, interi banni.

“Evviva, finalmente, benvenutu!"
ci gridunu tra applausi e mortaretti.
Veni, ca tantu l'autru si nna gghiutu,
ccu li so tanti peni e i so dispetti.


Elogio del tempo, ovvero, al nuovo anno che verrà

postato: 2021-01-01 06:00:00 da Angelo Battiato

Il tempo è una ruota perfetta, diretta, navigata. Costruita da mani esperte e giudiziose. Generata in un luogo lontanissimo, che nessuno ha mai veduto. Non ha un inizio e una fine. Non ha amici, né nemici. Non conosce padrone, non accetta consigli, non chiede aiuto, non prende ordini. Tira dritto per la sua strada, senza guardare in faccia a nessuno. Senza lesinare nulla, senza risparmiare un sol centesimo, senza centellinare un millimetro. Conosce tutti i segreti, tutti i misteri, tutti i nascondigli. Misura il vettore, la direzione e l’intensità. Sa dove va e cosa vuole. Sa cosa lascia e a cosa mira. Prende tutto ciò che vuole, lascia tutto ciò che non serve. C’è nel primo vagito e c’è nell’ultimo respiro. Ha visto il Big Bang e vedrà la fine di tutto. Ha osservato tutte le notti e tutti i giorni del mondo. Ha scrutato le stagioni e i dolori dell’uomo. Carpisce l’ineffabile, l’indicibile, l’incommensurabile. E’ l’Alfa e l’Omega. L’inizio e la fine. Il principio e la meta. La partenza e il traguardo. E’ infinito. E’ tutto.

Angelo Battiato


Il vocabolario del 2020 - Parole nuove sulla scia del Covid

postato: 2020-12-30 15:00:00 da Andrea Oliva

Sfogliando le pagine del vocabolario, che raccoglie le parole vecchie e nuove, ritroviamo come il 2020 l’ha arricchito di termini finora poco comuni, di sigle e d’innovazioni sociali e culturali che rimangono nella memoria.
Coma ha riportato Tuttoscuola nell’ABC ritroviamo la ministra Azzolina, i Banchi, e il Coronavirus.
L’intero anno 2020 è stato segnato dalla pandemia Covid-19, esplosa prima in Cina e diffusa in Italia nel primo focolaio di Vo’ Euganeo, e quindi in tutti i continenti ed ha comportato profonde innovazioni sociali di comportamento per il distanziamento fisico (che alcuni chiamano ancora sociale) e quindi la necessità dei banchi monoposto, banchi a rotelle, Didattica a distanza con le sigle DAD, DID, DDI, i Docenti “fragili” e i supplenti “Docenti Covid”.
 Il termine “da remoto” è entrato nel linguaggio della scuola, delle pubbliche amministrazioni, delle aziende, dove si lavora in Smart working.
Per la valutazione di fine anno sono stati attivati i PIA (piano d’integrazione degli apprendimenti) e per gli studenti con “debiti formativi” il consiglio di classe ha predisposto il PAI (piano degli apprendimenti individualizzati.
Anche gli esami sono stati svolti “a distanza”, come pure le lezioni universitarie e gli esami dei concorsi, compresa una speciale seconda prova scritta per il TFA sostegno, divenuta “prova pratica ma a distanza”.
E’ stata la stagione della "scuola diffusa", che si è svolta non nelle 45 mila sedi scolastiche ma nei 5 o 6 milioni di case dove vivono gli studenti, recuperando in parte le ore di lezione perse in presenza.

Giuseppe Adernò



Dotazione organica provinciale Personale ATA a.s. 2020/21

postato: 2020-12-30 10:10:00 da Andrea Oliva

30_12_05 Pubblicato dispositivo 

Allegati:
Download [Dispositivo] 454 kB


ct.usr.sicilia.gov.it


Convocazioni in modalità telematica per eventuale stipula di contratto a tempo determinato per l'a.s. 2020/2021 su posti COMUNI e SOSTEGNO SENZA TITOLO per gli aspiranti inclusi nelle GAE della Scuola dell'Infanzia

postato: 2020-12-30 10:28:34 da Andrea Oliva

30_12_07 Pubblicato avviso e allegati 

Allegati:

Download [AVVISO] 464 kB
Download [Allegato excel] 23 kB
Download [Disponibilità] 173 kB

ct.usr.sicilia.gov.it


Dotazione organica provinciale sostegno a.s. 2020/21

postato: 2020-12-30 10:05:00 da Andrea Oliva

30_12_04 Pubblicato Provvedimento 

Allegati:

Download [Dispositivo] 511 kB

ct.usr.sicilia.gov.it


Dotazione organica provinciale a.s. 2020/21

postato: 2020-12-30 10:00:00 da Andrea Oliva

30_12_07 Pubblicato decreto 

Allegati:
Download [Decreto] 326 kB


ct.usr.sicilia.gov.it


ConvittOrienta 9-13-23 gennaio 2021. Prenota il tuo webinar al Convitto Cutelli per la Scuola Primaria, Secondaria di Primo Grado, Liceo Classico Europeo sul sito istituzionale http://convittocutellict.gov.it/

postato: 2020-12-30 08:00:00 da Andrea Oliva

Quest’anno l’orientamento sarà tutto in modalità on line, dal momento che le piattaforme didattiche hanno temporaneamente sostituito la fisicità di alunni, docenti e famiglie.
Il Convitto Cutelli organizza dei virtual open days in sostituzione degli open days in presenza. E se quest’anno non sarà possibile, com’era nostra consuetudine, permettere agli alunni delle scuole medie del territorio della Sicilia Orientale di trascorrere una giornata da semiconvittori, vivendo sulla pelle emozioni ed esperienze, per poter poi scegliere in serenità il proprio percorso di studi al Liceo Classico Europeo, cercheremo di accogliere virtualmente al Convitto Cutelli tutti coloro che lo vorranno.
Il nostro canale youtube Convitto Nazionale M. Cutelli Catania mostrerà gli interni del nostro splendido palazzo monumentale e il suo moderno adattamento alle aule scolastiche, oltre alle attività e peculiarità delle nostre scuole, attraverso i video dei nostri alunni.
Prenotando sul sito istituzionale http://convittocutellict.gov.it/ il webinar on line sarà possibile conoscere il Convitto nei suoi tre ordini di scuola, Primaria, Secondaria di Primo Grado e Liceo Classico Europeo, anche interagendo formulando domande sugli aspetti di maggior interesse. Accedendo ai link sarà possibile ricevere l'invito (link sulla e-mail indicata nel modulo di prenotazione) al webinar prescelto dal calendario. Vi aspettiamo numerosi.

Sito istituzionale: http://convittocutellict.gov.it/   -  Canale youtube: Convitto Nazionale M. Cutelli Catania

Calendario webinar:
http://convittocutellict.gov.it/media/attachments/2020/11/20/calendario-webinar-orientamento.pdf
Modulo adesione webinar Primaria https://forms.gle/ZPMBXhcDJ9FNvb9Y6
Modulo adesione webinar Secondaria Primo Grado https://forms.gle/mB1eLonwpmGehfiA7
Modulo adesione webinar Liceo Classico Europeo https://forms.gle/9LJ6U4vsPef5GTpV6

Stay tuned 😜
Team Orientamento Convitto Cutelli



Primo anno della Ministra Lucia Azzolina

postato: 2020-12-28 08:00:00 da Andrea Oliva

Lo scorso anno, proprio in questi giorni all’indomani dell’approvazione della Legge di Bilancio, il Ministro dell’Istruzione e dell’Università (MIUR), Lorenzo Fioramonti, in linea di coerenza con i suoi principi e con la dichiarazione “Se non ci sono almeno tre miliardi per la scuola, mi dimetto” consegnava al premier Giuseppe Conte, la lettera di dimissioni.
Il presidente del Consiglio, salomonicamente decise di scorporare il Ministero: Lucia Azzolina, allora sottosegretario all’Istruzione, fu promossa a capo del Ministero della Scuola, (MI) mentre Gaetano Manfredi fu nominato Ministro dell’Università, della Ricerca Scientifica e Tecnologica. (MURST)
Non poteva mai aspettarsi, però, Lucia Azzolina, che il suo dicastero sarebbe finito al centro della più grave emergenza dal secondo dopoguerra: il Covid-19 ha sconvolto la scuola e ancora oggi si fa i conti con la pandemia.
E’ trascorso un anno e sembra quasi un secolo per tutti gli avvenimenti che hanno caratterizzato l’anno 2020, che ha prodotto profonde trasformazioni di relazioni e di comportamenti civili che rendono “diversa” la vita sociale, politica e culturale.
 “Ai posteri l’ardua sentenza”.

Giuseppe Adernò


Il Coordinamento ITP chiede 'riconoscimento giuridico e pari dignità'

postato: 2020-12-24 20:57:25 da Angelo Battiato

Quella dei docenti ITP (Insegnanti Tecnico Pratici) è una vicenda tanto nota, quanto complessa e intricata. Una querelle tanto semplice, quanto (sembra) di difficile soluzione. Una controversia, comunque, che ha bisogno solamente d’un po’ d’attenzione e tanta buona volontà, per avere una dignitosa e definitiva risoluzione. Ed è sicuramente una delle tante ingiustizie della scuola italiana. Per conoscerla a fondo abbiamo voluto sentire la loro “campana”, la voce degli insegnanti ITP, di chi si batte, da anni, per il riconoscimento dei “diritti e della dignità”, attesi da troppo tempo e fino adesso negati. Siamo andati fino a Biella per ascoltare le loro rimostranze e le loro richieste. Hanno costituito pure un’associazione per meglio tutelare le loro istanze, il “Coordinamento ITP”, il cui portavoce da sempre è il prof. Liborio Butera, un siciliano trasferitosi da anni in Piemonte.
«Lo storico Coordinamento ITP, mai domo, dopo le dure lotte del passato, che hanno salvato la categoria dall’ira “riformista” della ministra Moratti e della ministra Gelmini, che volevano cancellare i docenti di laboratorio dalla scuola italiana; dopo aver ottenuto la riconversione sul sostegno, per sanare gli esuberi creati dalla loro scellerata politica scolastica, adesso ha deciso di spostato la lotta nei tribunali italiani. – è un fiume in piena il prof. Butera, raggiunto al telefono – E i risultati positivi non si sono fatti attendere, confermando la bontà e la giustezza delle nostre rivendicazioni. – continua Liborio Butera – Gli esponenti del coordinamento ITP hanno ottenuto delle sentenze straordinarie, in alcuni Tribunali del Lavoro italiani, come quella ottenuta presso la Corte d’Appello di Torino, che finalmente ha riconosciuto l’equiparazione economica tra docenti diplomati e docenti laureati, specializzati sul sostegno.

Angelo Battiato


Phisycs vs manga, dai fumetti alle leggi della Fisica. Seminario di studi al Liceo Scientifico 'A. Russo Giusti' di Belpasso

postato: 2020-12-23 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

Cosa può avere a che fare un personaggio dei fumetti come Lupin con le leggi della Fisica? Mazinga, Conan, Holly e Benji con la Meccanica classica?
L’associazione potrebbe apparire peregrina, invece spiegare la teoria della gravità differenziata o la relatività partendo dalle avventure degli eroi dei più noti cartoni animati giapponesi è stato il filo conduttore che ha tenuti con il fiato sospeso ed ha entusiasmato per circa due ore gli studenti del Liceo scientifico “Antonino Russo Giusti” di Belpasso lo scorso 21 dicembre.
L’idea è nata, qualche anno fa, davanti ad un caffè, quando due compagni di classe del Liceo si ritrovano dopo anni a parlare; da una parte c’è il Dott. Antonio Mannino Direttore dell’evento Etnacomics e dall’altra il Prof. Noto.
Promotrice del Seminario dal suggestivo titolo “Phisycs vs manga”  la professoressa Elena Làudani, insegnante di Materie scientifiche e Direttrice di Dipartimento del Liceo; relatore il Professore Francesco Noto, Docente di Analisi matematica presso l’Università di Catania, Tecnologo e Progettista meccanico per l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare -  Laboratori Nazionali del Sud.

Gruppo Orientamento
Liceo Scientifico “A. Russo Giusti” - Belpasso
IIS “Francesco Redi”


Viene Natale. Tra i grandi cantanti siciliani il coro di voci bianche “V.Bellini” di Catania

postato: 2020-12-22 18:39:13 da Andrea Oliva

Il progetto solidale Sicilia per l’Italia con la canzone “Viene Natale - Se stiamo lontani staremo vicini” ha  raccolto in un CD le voci più significative nel panorama musicale nazionale.
All’iniziativa promossa dalla Regione Siciliana e dalla Fondazione Istituto Sam Raffaele Giglio, di Cefalù hanno aderito: Carmen Consoli, Suor Cristina, Silvia Salemi, Deborah Iurato, Giovanni Caccamo, Loredana Errore, Giuseppe Anastasi, Mario Venuti, Roy Paci, Vincenzo Spampinato, i Kaballà, Vincenzina Grillo e Lello Amalfino e poi ancora i mattatori televisivi Rosario Fiorello, e Nino Frassica che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa “corale”.
Nell’albero di Natale realizzato con lo foto dei cantanti al centro c’è il Coro di Voci Bianche “Vincenzo Bellini” di Catania, diretto dai maestri Daniela Giambra e Alessandro Vargetto e aggrega studenti di diverse scuole della città di Catania.
La gioia dei piccoli cantori, coinvolti nel progetto di solidarietà, coordinato da Alessandra La Ferlita è stata condivisa dai genitori degli studenti ed hanno dedicato attenzione e professionalità nel registrare il canto presso il Teatro “Vincenzo Bellini” di Catania, nel rispetto delle norme di prevenzione Covid-19, con la partecipazione del presidente del coro, Giuseppe Adernò
L’obiettivo del progetto è quello di raccogliere fondi a sostegno delle famiglie degli operatori sanitari che hanno sacrificato la propria vita in prima linea negli ospedali italiani, e per le donazioni libere la Fondazione Giglio ha attivato un conto dedicato
(IBAN: IT78Y0521643260000000091315) e una raccolta su Gofundme. (http://gf.me/u/zdgknt).
Un appello alla solidarietà in questo Natale “speciale”, giunga a tutti per “sentirsi vicini anche se lontani” attraverso il linguaggio universale della musica, che in questo particolare momento dà voce al disagio e cura l’anima con un corale: “We are the world” alla siciliana.

redazione@aetnanet.org


La redazione di AETNANET si congratula con il preside Giuseppe Adernò per avere ricevuto dall’UCIIM il prestigioso riconoscimento come “AMBASCIATORE DELL’ EDUCAZIONE CIVICA”

postato: 2020-12-22 08:00:00 da Andrea Oliva

In occasione dell’incontro  “Riflessioni sul  Natale 2020” promosso dalla Sezione UCIIM  (Unione Cattolica Docenti Educatori e Formatori) di Catania  e realizzato  in video conferenza, la presidente Maria Antonietta Baiamonte ha  consegnati i diplomi di “Ambasciatore dell’Educazione civica
- al  prof. Luciano Corradini, già Sottosegretario dell’Istruzione  e presidente emerito dell’UCIIM, promotore del “Progetto giovani”  e tenace difensore dei valori della cittadinanza attiva e responsabile  ha tracciato il percorso storico dell’Educazione civica  che completa il progetto educativo di formazione integrale dell’uomo, persona e cittadino;
- alla prof. Lucrezia Stellacci, presidente regionale  UCIIM di Puglia e coordinatore del Comitato Tecnico scientifico nazionale dell’Educazione Civica presso il Ministero dell’Istruzione, ha illustrato le Linee guida che accompagnano l’attuazione della Legge 92/2019 che introduce l’Educazione Civica nel curricolo didattico della scuola italiana;
- al  preside Giuseppe Adernò, presidente emerito della Sezione UCIIM di Catania, promotore del progetto “Ragazzi 2000” già dal 1993 ha  reso concreta e pratica  l’Educazione Civica attraverso l’attivazione del “Consiglio Comunale dei Ragazzi”, spazio di democrazia e di partecipazione nella scuola, considerata come una “piccola città”.
Nel ringraziare per il prestigioso riconoscimento il preside Adernò, che si è sempre speso per i ragazzi, organizzando iniziative, progetti, visite didattiche e istituzionali che hanno sviluppato tra i giovani il senso civico e l’amore per la politica, intesa come “ricerca del bene comune, ha comunicato che oltre il libro “ La scuola piccola città- Guida alle elezioni del Sindaco e del Consiglio comunale dei ragazzi” è in cantiere una raccolta di testi scritti dai ragazzi sull’esperienza della pandemia Covid-19 dal titolo :“ Scrivere dritto su righe storte”.
E’ la voce dei ragazzi che descrivono i loro sentimenti durante il lockdown e raccontano i loro sogni per il post Covid e per il loro futuro.
 
redazione@aetnanet.org


AMBASCIATORI DELL’ EDUCAZIONE CIVICA. Prestigioso riconoscimento dell’UCIIM

postato: 2020-12-21 08:05:00 da Andrea Oliva

In occasione dell’incontro “Riflessioni sul Natale 2020” promosso dalla Sezione UCIIM (Unione Cattolica Docenti Educatori e Formatori) di Catania e realizzato in video conferenza, sono intervenute per gli auguri ai Soci nello spirito di fedeltà ai valori dell’UCIIM la presidente nazionale, Rosalba Candela e regionale Chiara di Prima.
 La prof. Maria Antonietta Baiamonte ha introdotto l’incontro, commentando la particolarità di questo Natale e lo status della scuola in questo particolare momento storico segnato dalla pandemia Covid-19.
Come ricorda Plinio Corrêa de Oliveira: “Se è vero che, in ogni epoca, il Santo Natale apre una schiarita di allegria e di pace nel duro affanno della vita quotidiana, ai giorni nostri la tregua natalizia assume un significato eccezionale perché equivale a un grande e universale sursum corda, proclamato a un’umanità tumultuata e sofferente, che s’inabissa acceleratamente nel caos della più completa dissoluzione morale e sociale”.
La centralità dell’azione educativa della scuola è orientata a una concreta applicazione dell’Educazione civica, che appunto come disciplina trasversale, coinvolge il processo formativo degli studenti come singoli e come gruppo.

redazione@aetnanet.org


S. AGATA LI BATTIATI – Si insedia il Consiglio Comunale dei ragazzi dell’Istituto S Maria dalla Mercede

postato: 2020-12-21 08:00:00 da Andrea Oliva

“Giuro di essere fedele alla Repubblica … mi impegno a collaborare per il bene della scuola, piccola città”
Con queste parole Martina Vaiana, con solennità e grande emozione ha pronunziato la formula del giuramento come quarto sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi dell’Istituto S Maria della Mercede e, quindi ha ricevuto dal Sindaco Nunzio Rubino la fascia tricolore.
Nella sala del Consiglio comunale di S Agata Li Battiati alla presenza del Sindaco Nunzio Rubino, dei dirigenti scolastici Lina Di Caro, dell’istituto Mercede; Linda Piccione della scuola Pluchinotta; del preside Giuseppe Adernò, e di Miriam Puliatti, Sindaco dei ragazzi della scuola Pluchinotta, si è svolta la cerimonia che ha visto in sequenza la recita della formula da parte dei componenti della giunta e gli assessori hanno presentato i loro programmi: Martina Argurio, vice sindaco e assessore alla solidarietà; Matteo Messina, assessore alla cultura; Valerio Giuffrida, assessore al bilancio e all’economia; Gaia Alberati, assessore allo sport; Luigi D’Arrigo, assessore all’ambiente; Lorenzo Duscio, assessore all’igiene.

redazione@aetnanet.org


Per una scuola giusta

postato: 2020-12-20 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

1) Parlare di giustizia
La disuguaglianza a scuola è un problema serio,ma è scomparso da tanto tempo dal dibattito pubblico, come se fosse stato risolto o semplicemente perché non ha avuto più alcuna rilevanza nelle preoccupazioni delle formazioni politiche che hanno costituito i governi nell’ultimo ventennio. La giustizia a scuola, anche se disattesa,è un problema politico di prima grandezza, preminente sui problemi dell’organizzazione, dell’efficienza, dell’autonomia, della qualità e delle dotazioni tecnologiche ai quali si è voluto ridurre la questione scolastica e ai quali ci si è interessati in modo esclusivo.A quanti non si interessano di sapere se a scuola c’è giustizia, si deve ricordare che ancora oggi non tutti i gradi di istruzione sono accessibili alla generalità dei giovani e che rimane alta la percentuale delle persone, che escono dal sistema scolastico e formativo prive delle necessarie competenze per esercitare i diritti di cittadinanza. Quasi sessanta anni dopo la riforma della media unificata (‘62) e dopo decenni di scolarizzazione di massa non si riesce di fatto a parificare l’istruzione tecnica e professionale con quella liceale e a disarticolare la confluenza, socialmente condizionata, degli alunni verso i vari indirizzi di istruzione secondaria superiore. Non solo. Più gravi sono diventate le conseguenze sociali dell’insuccesso scolastico. L’attuale organizzazione del lavoro non è in grado di offrire opportunità ai drop-outs del sistema scolastico e di assorbirli come avveniva non molto tempo fa. Proprio per questo è sempre meno tollerabile la disparità nella qualità dell’insegnamento dato e ricevuto. L’attenzione verso la giustizia nella scuola esprime una preoccupazione realistica per quelle disuguaglianze che possono diventare intollerabili e incompatibili con la coesione sociale. Una scuola giusta rimane sempre la più importante giustificazione della sua esistenza ed è la via d’uscita dalla sua crisi. Rappresenta la sfida per il suo futuro. La scuola pubblica deve formare cittadini uguali, con uguali chances di partecipare alla vita pubblica, economica e sociale. Al centro del problema della giustizia a scuola si pone il bene, primario e necessario nel terzo millennio, della conoscenza e del sapere. Il problema è quello della distribuzione e dell’accesso al sapere e alla conoscenza. Bisogna chiedersi allora se il patrimonio collettivo di esperienze e conoscenze consegnatoci dalle generazioni precedenti sia al servizio di tutti o di pochi privilegiati e se la conoscenza come bene pubblico per definizione non debba essere posseduto da tutti.Se la conoscenza è e deve essere per pochi, infatti, non si capisce perché si debba mantenere un sistema pubblico di istruzione.

Raimondo Giunta


Progetto 'Erasmus Bits and Pieces of Culture'. L’Istituto Comprensivo “A. Gabelli”, di Misterbianco, sperimenta un nuovo modo di fare Erasmus

postato: 2020-12-20 08:00:00 da Angelo Battiato

Nonostante la pandemia, l’Istituto Comprensivo Statale “Aristide Gabelli”, di Misterbianco, fa scuola ... a gonfie vele! Si è conclusa giovedì 10 dicembre, infatti, dopo cinque giorni di intensa attività online, la mobilità virtuale organizzata dall’Istituto scolastico misterbianchese, come quarto e penultimo scambio tra gruppi di alunni all’interno del progetto “Erasmus+ KA229 Bits and Pieces of Culture”, Partenariato Strategico finalizzato all’acquisizione di competenze linguistiche, digitali e interculturali degli studenti, avviato nel settembre 2018. In seguito alla pandemia e alla conseguente impossibilità di vivere in modo “canonico” l’esperienza Erasmus, le scuole partner della Croazia, Polonia, Grecia, Spagna e Cipro hanno dovuto rimodulare il progetto e annullare la visita a Misterbianco, prevista nel marzo 2020. Ed è stato l’istituto misterbianchese, diretto dalla dott.ssa Adriana Battaglia, a dover “riconvertire” le attività interamente online, pur mantenendo vivi i valori e lo spirito del Programma dell’Unione Europea, implementando, con successo, innovative sperimentazione digitale.
Così nei primi giorni dicembre, 75 alunni dei 5 paesi partner e 45 alunni italiani della scuola secondaria di I grado (coinvolti nell’accoglienza e nello svolgimento delle attività didattiche) hanno preso parte alla mobilità dedicata all’Italia, dal titolo “Bits and Pieces of Monuments”, con varie attività virtuali, visite guidate, attività didattiche, workshop, focalizzati sulla cultura italiana e sulle tradizioni locali, utilizzando contenuti e materiali multimediali creati da docenti e alunni dell’Erasmus Club dell’I.C. “A. Gabelli” nel corso delle settimane precedenti. D’altronde, il mondo digitale ha infinite potenzialità, basta conoscerle e saperle sfruttare, senza snaturare gli obiettivi e le finalità del progetto originario. In tal senso, il programma ha previsto diverse attività “esplorative” delle diverse città, dei monumenti e dei siti UNESCO di tutti i paesi partner (tramite piattaforma TwinSpace di eTwinning e altre App).

Angelo Battiato


Progetto PON 'Comunicare per crescere'. Ovvero, insegnando s’impara, al Circolo Didattico Teresa di Calcutta, Tremestieri Etneo

postato: 2020-12-20 07:00:00 da Angelo Battiato

In tempo di Covid bisogna alzare lo sguardo verso il cielo, oltre le stelle. Per allontanare il male e per dimenticare il dolore del mondo. Ed è proprio quello che hanno fatto al Circolo Didattico “Teresa di Calcutta”, di Tremestieri Etneo, dove numerosi bambini delle seconde e delle terze del plesso di via Guglielmino, e la 2^ A e la 4^ B del plesso di via delle Scuole, coordinati dalle insegnanti Anna Maria Gazzana, Rosella Scalisi e Anna Arcidiacono, e incoraggiati dalla Dirigente Scolastica, la prof.ssa Benedetta Liotta, nell’ambito del progetto PON “Conoscere e comunicare per crescere. Innov@ti II Edizione. A che servono le STEM?”, hanno realizzato un avvincente percorso didattico dal titolo, “Fantastico viaggio tra le stelle”. Il progetto, adattato all’età dei piccoli destinatari, appartenenti a classi diverse, è stato fin da subito accattivante e giocoso, proprio per agevolare la conoscenza reciproca, stimolare la curiosità e la riflessione su argomenti come spazio, sole, stelle e cielo. Inoltre, sono state adottate delle metodologie innovative e coinvolgenti per conoscere le competenze di base dei bambini ed adeguare gli interventi educativi.
La metodologia didattica utilizzata è stata quella del brainstorming, outdoor training, cooperative e collaborative learning e toturing. Le attività, accolte con molto entusiasmo da parte dei bambini, hanno facilitato la comprensione dell’acronimo STEM, soprattutto nelle attività di Tinkering, caratterizzate da abilità creativa, espressione e pensiero.

Angelo Battiato


18 Dicembre 2020 - Coronavirus, conferenza stampa del Presidente Conte

postato: 2020-12-19 11:40:10 da Andrea Oliva

Il Presidente Conte ha tenuto a Palazzo Chigi una conferenza stampa sulle nuove misure per il contenimento dell'emergenza da Covid-19.
conferenza stampa

Comunicato del Consiglio dei Ministri n. 85 del 19/12/2020
Il decreto legge del 18 dicembre 2020 sulla Gazzetta Ufficiale


Graduatorie Provinciali PROVVISORIE permessi per il diritto allo studio anno solare 2021 personale docente ed A.T.A.

postato: 2020-12-19 10:05:27 da Andrea Oliva

Pubblicato Avviso e Graduatorie Provvisorie

Allegati:

Download [Avviso] 332 kB
Download [Graduatorie Provvisorie ATA] 150 kB
Download [Graduatoria Provvisoria Infanzia] 141 kB
Download [Graduatoria Provvisoria Primaria] 204 kB
Download [Graduatoria Provvisoria I Grado] 110 kB
Download [Graduatoria Provvisoria II Grado] 144 kB

ct.usr.sicilia.gov.it


Curriculo di sicurezza. Premiata la scuola Verga di Siracusa

postato: 2020-12-19 09:53:56 da Andrea Oliva

Il progetto pilota “La sicurezza a partire dai banchi di scuola: 10 Scuole, 10 Ordini, 10 Città”, elaborato dal Gruppo di lavoro Sicurezza del CNI e avente come obiettivo primario la diffusione della cultura della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, ha coinvolto e premiato anche una scuola siciliana: il IV Istituto Comprensivo Giovanni Verga di Siracusa, ad indirizzo musicale.
Il 14 maggio 2019 è stato sottoscritto un importante protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI), il Ministero dell’Istruzione (MIUR) ed il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri per sviluppare un programma di promozione e di educazione alla sicurezza partendo dai banchi di scuola, a cominciare dalla scuola media inferiore. Il progetto è stato avviato nel mese di settembre 2019 e si è concluso nell’ottobre 2020, nonostante le difficoltà e i condizionamenti dovuti alla pandemia Covid-19.
Mercoledì 16 dicembre nel corso di un webinar  si è svolta online la Cerimonia di Premiazione dei progetti che il comitato paritetico del progetto con rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e del  Consiglio Nazionale degli Ingegneri  ha selezionato Sono stati premiati i tre migliori safety project e sono state assegnate due menzioni speciali.

 Giuseppe Adernò


Oltre la distanza, insieme per la legalità attraverso il cinema - Sabato 19 Dicembre in streaming sul canale youtube del Redi

postato: 2020-12-19 08:11:45 da Michelangelo Nicotra

Invito a partecipare attraverso la diretta streaming sul canale YouTube dell’Istituto d'Istruzione Superiore "Francesco REDI", alla cerimonia di presentazione del protocollo d’intesa “Cinema, legalità e cultura”. Si rende noto che, nel quadro delle attività dirette all'Educazione alla Legalità, allo studio trasversale dell’Educazione Civica e nella realizzazione delle finalità connesse alla Funzione Strumentale volta ai rapporti con il territorio, in seguito all’approvazione del Consiglio d’Istituto, sabato 19 dicembre a partire dalle ore 11.00, si procederà, in diretta streaming sul canale Youtube dell’Istituto, alla firma di un protocollo d'intesa con l'Associazione "Antimafia e Legalità" e con l'Associazione no profit "Cinemaset" volto a promuovere iniziative finalizzate alla diffusione presso le giovani generazioni della cultura antimafia e della sicurezza attraverso la formazione di una coscienza civile.Saranno presenti i sindaci delle città di Paternò, Belpasso, Biancavilla,con il saluto, in collegamento web,di S. Ecc. Rev.ma Mons. Antonino Raspanti, Vescovo di Acireale,Vicepresidente della Conferenza Episcopale Italiana; della dott.ssa Giovanna Boda, Capo Dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali MI.
Interverranno alla cerimonia: il Vicequestore dot. Paolo Leone, Dirigente Commissario Polizia di Stato;
l’avv. Enzo Guarnera, vicepresidente Associazione “Antimafia e legalità”;
il produttore cinematografico Antonio Chiaramonte, Presidente Associazione “Cinemaset”;
mons. Giovanni Lanzafame, Vicario foraneo della città di Belpasso.
Download Invito
Il Dirigente Scolastico
dott.ssa Giuseppa Morsellino


Regalo di Natale. Un container di banchi e materiale didattico verso il Senegal

postato: 2020-12-16 15:00:00 da Andrea Oliva

I vecchi banchi scolastici biposto sono stati sostituiti da quelli monoposto arrivati in tutte le scuole a seguito dell’emergenza Covid-19.
Che cosa fare dei banchi non utilizzati che sono ancora in buone condizioni?
Ce lo siamo chiesti in tanti, vedendoli ammassati nei corridoi e nei cortili ,ed abbiamo esteso l’invito a donarli alle associazioni, oratori, parrocchie.
L’invito è stato accolto dal Liceo “Lombardo Radice” a favore di un istituto di Acireale ed il Liceo “Turrisi Colonna” di Catania, ha destinato i banchi, (come da foto) all’Associazione Cappuccini Onlus”, alla Parrocchia S. Croce del Villaggio S. Agata e alla Parrocchia S. Maria di Valverde.
L’invito rivolto ai Salesiani è stato ben accolto dall’Associazione Don Bosco 2000 che ha attivato già dal 2016 un progetto di cooperazione allo sviluppo “migrazione circolare” in Senegal.
Il progetto è articolato in due focus:
1. Beteyà BIO: Attività generatrici di reddito in campo agricolo e avicolo per l'autosufficienza alimentare dei villaggi più poveri
2. Beteyà EDU: attività educative e animazione territoriale a favore di bambini e ragazzi dei villaggi, accompagnamento all'inserimento scolastico con donazione Kit didattici e materiali di studio.

Giuseppe Adernò



La politica va a scuola. Futurlab a servizio dei giovani

postato: 2020-12-15 08:00:00 da Andrea Oliva

Il futuro è dei giovani, ma serve una giusta formazione per vincere le sfide della complessità, dell’emergenza, della crisi che caratterizza questo particolare momento storico segnato dalla pandemia Covid-19.
La politica per definizione è ”la ricerca del bene comune” e i ragazzi lo sanno, i politici meno, si rivelano “impreparati e distratti”.
Per questo è nata la “Scuola di formazione politica per il bene comune”, apartitica, promossa dalla Fondazione per la Sussidiarietà in collaborazione con l’Associazione nazionale “Futurlab” che ha avuto origine a Catania.
Su tema: “Democrazia, sovranità popolare e decisione politica” in videoconferenza sono intervenuti, diversi relatori e, dopo il saluto istituzionale dell’assessore comunale Michele Cristaldi , ha preso la parola, il dirigente generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Francesco Tuffarelli, docente di Diritto all’Università Roma 3, il quale, su sollecitazione del giornalista moderatore, Giuseppe Di Fazio, ha spiegato agli studenti di quinto anno del Liceo “Cutelli” e del Liceo “Turrisi Colonna” e ai soci partecipanti di Futurlab l’interpretazione del termine “democrazia”, intesa non come “potere del popolo”, bensì spazio di condivisione che “dà la parola al popolo”, realtà multiforme di persone orientate alla civile convivenza.

Giuseppe Adernò


Al via i controlli per chi arriva, Musumeci a Fontanarossa. In vigore l'ordinanza che dispone tamponi rapidi nei punti di accesso all'Isola.

postato: 2020-12-15 07:00:00 da Andrea Oliva

15_12_06 14 dicembre 2020
Sono partiti, stamane, i controlli dei viaggiatori in arrivo in Sicilia, così come disposto dall'ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci, per limitare il contagio del Coronavirus nell'Isola. Il governatore, per rendersi conto personalmente della situazione, si è recato in mattinata all'aeroporto "Fontanarossa" di Catania, dove ha incontrato gli operatori del Servizio sanitario regionale che effettueranno i tamponi rapidi ai passeggeri.
«Nel primo giorno di avvio della mia ordinanza - ha detto Musumeci - ho verificato l'efficienza e l'organizzazione perfetta che abbiamo predisposto, in collaborazione con la società che gestisce lo scalo di Catania e la stessa cosa vale per l'aeroporto di Palermo. Non ci sono file, non c'è ressa, i passeggeri sono soddisfatti, la comunità siciliana è rassicurata dal fatto che chi rientra in Sicilia deve dimostrare di non essere positivo al Covid. Possiamo affrontare questo periodo natalizio con serenità, ma anche con grande senso di responsabilità. Questa postazione è stata immaginata e realizzata anche all'arrivo delle stazioni ferroviarie. Sono convinto che stiamo dando un esempio di grande efficienza».
 
Scarica video e intervista Musumeci:

pti.regione.sicilia.it