Benvenuto su Aetnanet.org

version 0.2 for Mobile




AetnaNet ha attivato il proprio canale su Telegram (è un'app di messaggistica focalizzata sulla velocità e sulla sicurezza che può essere installata su smartphone, ma anche sul personal computer https://telegram.org/).
Una volta installata l'app, basta cliccare su questo link https://telegram.me/aetnanet e dopo cliccare su Unisciti.
Si accettano proposte per attivare nostri canali monotematici, tipo Riforma, Esami di stato, Graduatorie, Mobilità, Precariato; indirizzare le richieste a telegram@aetnanet.org



PENSARE LA PACE XVI giornata sociale diocesana. Verso i 60 anni della Pacem in terris

postato: 2022-11-28 08:05:00 da Andrea Oliva



Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Omaggio a Sant’Agata

postato: 2022-11-28 08:00:00 da Andrea Oliva

27_11_01
L’iniziativa di deporre un mazzo di fiori bianchi alla finestra del Santo Carcere di Sant’Agata  il 24 novembre, vigilia della “Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne” è  stato il segno originale promosso dal Comitato per la Festa di Sant’Agata, presieduto da Mariella Gennarino.
La sera del 24 novembre nella piazzetta antistante al Santo Carcere, con la partecipazione del Prefetto, Maria Carmela Librizzi, dell’Arcivescovo, Mons. Luigi Renna, del Questore, rappresentato dal Cav. Gianfranco Truglio, numerosi cittadini si sono riuniti in preghiera ed hanno coralmente espresso e manifestato la condanna della violenza contro le donne.
Nel messaggio di indirizzo, l’Arcivescovo, citando il monito di papa Francesco “Le varie forme di maltrattamento che subiscono molte donne  sono una vigliaccheria e un degrado per gli uomini e per tutta l’umanità. Non possiamo guardare dall’altra parte. Le donne vittime di violenza  devono essere protette dalla società".
Ferire una donna è oltraggiare Dio, che da una donna ha preso l’umanità, come da una donna, la Chiesa donna, prende l’umanità dei figli", ha denunciato il dramma delle 103 donne vittime della violenza domestica ed ha fatto rifermento anche alla mamma catanese uccisa dal figlio.

Giuseppe Adernò


Misterbianco – Flavia Distefano, sindaco dei ragazzi dell’Istituto “Gabelli”

postato: 2022-11-24 08:00:00 da Andrea Oliva

L’aula del Consiglio Comunale di Misterbianco si è riempita di studenti e genitori per assistere alla solenne cerimonia di giuramento del Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto “Aristide Gabelli” e del rinnovato Consiglio Comunale dei Ragazzi.
 La cerimonia ha avuto inizio con l’Inno d’Italia, l’ingresso della bandiera tricolore e del testo della Costituzione.
Ha introdotto la seduta il presidente del Consiglio Lorenzo Ceglie   e l’Assessore all’istruzione Marina Virgillito, ha portato il saluto del Sindaco Marco Corsaro  e con la fascia tricolore ha raccolto il giuramento del sindaco dei ragazzi.
 La dirigente scolastica Adriana Battaglia ha illustrato le valenze didattiche del progetto che aiuta  i ragazzi a prendere coscienza dell’essere cittadini attivi e responsabili e la prof. Annarita Treccarichi, referente del progetto ha letto il messaggio del  sindaco dei ragazzi uscente, Ninella Santonocito, la quale ha  inviato una lettera augurale al nuovo sindaco, ricordando tra le attività realizzate dal CCR, la visita in Prefettura e al nuovo Arcivescovo di Catania, la partecipazione del Convegno dei Sindaci e dei Vescovi del Mediterraneo a Firenze
La neo eletta sindaco, Flavia Distefano, con grande emozione ha recitato la formula di giuramento “Giuro di essere fedele alla Repubblica ….  Mi impegno a collaborare per il bene della scuola, piccola città e per la crescita sociale e civile e della Comunità scolastica” quindi ha baciato la bandiera, firmato la pergamena del giuramento ed ha indossato la fascia tricolore
Hanno quindi giurato gli Assessori, il presidente del Consiglio, Andrea Finocchiaro e poi tutti i consiglieri.
Nel discorso di presentazione Flavia Distefano ha illustrato il programma della Giunta esecutiva, impegnata a studiare gli eventi storici e i principi della democrazia, e a mettere in atto le promesse elettorali, contribuendo a “migliorare la scuola-piccola città” e a realizzare un efficace “progetto di inclusione” anche con le “merende condivise”.

redazione@aetnanet.org





I minori nella “ragnatela” dei social “Dare centralità ai ragazzi è una priorità del Governo”

postato: 2022-11-21 17:00:00 da Andrea Oliva

Sono passati oltre 30 anni dalla proclamazione della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che, per la prima volta, ha riconosciuto ai minorenni di tutto il mondo, i diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici.
La Convenzione, adottata nel 1989 dall'ONU, è stata ratificata in Italia il 27 maggio 1991.
In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia l’Unicef , il Telefono Azzurro e molte associazioni  dai titoli originali, promuovono interventi, manifestazioni , convegni, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema
I giornalisti ricordano la Carta di Treviso documento deontologico del 1990  finalizzato alla protezione dei minori nella ragnatela di social ed il giornalista Tiziano Toffolo, che è stato uno dei protagonisti del significativo documento, in una recente intervista ricorda il convegno organizzato a Treviso alla partecipazione di giornalisti provenienti da tutta Europa.
Nel 2006 il documento è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, da parte del Garante della privacy, ed ha acquisito la valenza di legge, divenendo in seguito Carta europea e internazionale.
 
Giuseppe Adernò


Scuola, Ministro Valditara: “Bene che gli studenti esprimano le loro idee, sempre pronto al dialogo nelle sedi istituzionali

postato: 2022-11-19 23:01:30 da Andrea Oliva

Ieri a Roma una delegazione del Ministero ha interloquito con alcuni rappresentanti degli studenti che manifestavano davanti alla sede del Ministero dell’Istruzione e del Merito. La delegazione si è dichiarata disponibile ad ascoltare e raccogliere le istanze delle associazioni studentesche e riportarle al Ministro, in vista del dialogo da lui annunciato nelle sedi istituzionali.

“È sempre positivo che gli studenti esprimano le proprie idee e avanzino le proprie proposte, è uno degli elementi fondamentali delle società libere” – dichiara il Ministro Valditara – . “Il dialogo è stato il principio cardine su cui ho impostato da subito la mia azione. Confermo che, nella Grande Alleanza per la Scuola e per il Merito che stiamo costruendo, il confronto con le ragazze e con i ragazzi riveste un ruolo fondamentale e sarò lieto di approfondire quanto prima il dialogo nelle sedi istituzionali preposte con i rappresentanti democraticamente eletti degli studenti”.



La forza della lettura al Liceo Lombardo Radice con Libriamoci

postato: 2022-11-19 08:00:00 da Andrea Oliva

Venerdì 18 novembre il Liceo Lombardo Radice di Catania si è trasformato in una biblioteca vivente, fatta di studenti e studentesse, giornalisti, scrittori, uomini di teatro di incredibile profondità, che hanno parlato di libri, di uomini, di popoli, di sentimenti antichi come il tempo eppur sempre nuovi, fatti di carta - i libri - e di carne - i lettori e gli autori.

“Libriamoci”, è l’evento, promosso dai Ministeri della Cultura e dell’Istruzione, che ha convogliato tutte queste energie, riuscendo nello scopo che si era prefisso quest’anno, far sentire “forte” chi legge. Sono stati forti i giovani lettori, aiutati e sostenuti dai loro professori, che hanno parlato, dinanzi a centinaia di loro coetanei, dei libri che amano.

La referente del progetto per il Lombardo Radice, Marcella Labruna, ha coordinato gli interventi degli ospiti di questa edizione e ha dato il via, con una riflessione personale sulle emozioni della lettura, all’edizione 2022 di Libriamoci. Il giornalista Massimiliano Perna, ha ricordato ai presenti la forza di due uomini che, anche grazie ai loro scritti, sono diventati simboli per tante generazioni, Ernesto “Che” Guevara e Pippo Fava; l’intenso intervento dell’ospite d’onore, il grande attore e attivista dei diritti civili, Moni Ovadia, partendo dal titolo del saggio di Julia Kristeva “Stranieri a se stessi” ha condotto una serrata riflessione sullo “splendore dell’esilio”, sulla forza dirompente e vitale dello straniero. I due interventi seguenti sono stati condotti, uno da parte della Prof.ssa Agnese Amaduri, ricercatore presso DISUM di Letteratura italiana, sull’ultimo romanzo di Leonardo Sciascia, “Il cavaliere e la morte”; l’altro perfettamente in linea con lo spirito di “Libriamoci, da parte dell'ideatrice del ciclo di incontri di lettura “Lectura City”, la dott.ssa Valentina Carmen Chisari, sull’importanza della lettura ad alta voce. Quindi, le letture degli studenti: un fiume di voci diversissime, interessanti, emozionate, emozionanti.

 

Gioacchino Firmanò

Coordinatore insieme a Sabina Ascanio e Marcella Labruna del Dipartimento di Lettere del Liceo “Lombardo Radice” di Catania



Nuovo laboratorio in risposta alla povertà educativa. Istituito nella diocesi di Catania l’Ufficio Dispersione scolastica

postato: 2022-11-18 12:00:00 da Andrea Oliva

In risposta all’emergente povertà educativa e all’elevato numero di ragazzi che non frequentano o abbandonano la scuola, è stato istituito nell’Arcidiocesi di Catania , primo in Italia, l’ufficio diocesano per la dispersione scolastica, e come un cantiere  in costruzione attiva  servizi di ascolto dei bisogni sociali e indirizza verso un cammino di istruzione e di formazione.
Nell’incontro di presentazione l’Arcivescovo Mons Luigi Renna, ha tracciato le motivazioni, le  finalità e i compiti assegnati al nuovo ufficio che, in sinergia con l’Osservatorio Metropolitano per la dispersione scolastica, attivato presso la Prefettura di Catania, con il coinvolgimento del Tribunale dei Minori, della Procura della Corte di Appello, del Provveditorato agli Studi,  dell’Università, delle Forze dell’Ordine, dell’Asl e delle associazioni di volontariato, crea una “rete educativa a sostegno delle famiglie e dei ragazzi a rischio di dispersione”.
Giuseppe Adernò






Maria Raspatelli, docente di Religione Cattolica vince l’Oscar degli insegnanti

postato: 2022-11-16 08:05:00 da Andrea Oliva

Il prestigioso «Global Teacher Award 2022» è stato assegnato all'insegnante di religione che crede nella «didattica del corridoio».
La scuola di Bari sale il podio della didattica conquistando ancora una volta il prestigioso Global Teacher Award, il riconoscimento promosso da Aks education awards, che premia ogni anno i docenti più innovativi e creativi fra quelli di 110 Paesi.
L'anno scorso il Global Teacher Award 2022 è stato assegnato ad  Antonio Curci, insegnante di informatica e quest'anno  è stata designata vincitrice del Global Teacher la moglie Maria Raspatelli, docente di Religione  presso l’Istituto Tecnico Tecnologico “Panetti Pitagora” di Bari.

Giuseppe Adernò


I ragazzi sindaci protagonisti nella lezione sulla Resistenza Etnea “Memoria e gratitudine”

postato: 2022-11-16 08:00:00 da Andrea Oliva

La tradizionale cerimonia della consegna delle Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica è stata celebrata al Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” il 12 novembre, nella ricorrenza dei 19 anniversario della strage di Nassirya.
La manifestazione introdotta dall’Inno di Mameli, eseguito dall’orchestra del Teatro Bellini ha avuto come tema la ricostruzione storica della Resistenza etnea nel 1943 durante l’invasione dei tedeschi, presentata dalla Prof.ssa Di Gregorio dell’Università di Catania  e commentata  da Nicola Musumarra, coordinatore del comitato per il riconoscimento della Resistenza etnea.
Intrecciando “memoria e gratitudine”, sono state consegnate le medaglie al Valor Civile ai Comuni di Belpasso, Nicolosi, Pedara, Tremestieri Etneo, Mascalucia e Valverde perché alcuni cittadini hanno compiuto atti di eroismo e di senso civico coinvolgendo l’intera comunità cittadina. La “Resistenza etnea” è stato il tema della lezione di storia e di cittadinanza attiva presentata all’attenzione dei numerosi studenti della Città , intervenuti alla manifestazione.

Giuseppe Adernò


La scuola fuori… non come prima di Lorenzo Bordonaro e Teresa Garaffo

postato: 2022-11-14 12:00:00 da Andrea Oliva

Prezioso contributo al progetto  La scuola, come la vorrei” per contribuire alla raccolta di idee e proposte da presentare al nuovo Ministro dell’Istruzione e Merito, Giuseppe Valditara, giunge in libreria il volume di Lorenzo Bordonaro e Teresa Garaffo, dal titolo: “La scuola fuori – idee per un’educazione e istruzione non come prima”(Gaeditori),  un prezioso e agevole contributo di proposte operative  che documenta le significative testimonianze di progettualità innovativa che hanno trovato realizzazione concreta negli Istituti “Dante Alighieri” e “Italo Calvino” di Catania;  “Giovanni XXIII” di Acireale insieme  alle sperimentali innovazioni  avviate in diverse scuole d’Italia.
 Gli Autori, che vivono la scuola in maniera attiva e coinvolgente hanno realizzato con entusiasmo e tanta passione diversi progetti innovativi, descrivono l’immagine di una “scuola nuova , non come prima prima”. Una scuola che promuove competenze che si apre al territorio, finestra aperta sul mondo, che amplia gli orizzonti delle conoscenze offrendo agli studenti l’opportunità di visitare i monumenti della città, le biblioteche, le librerie, i musei, il parco, il bosco, l’Orto botanico, il porto, il mare, la montagna, l’Etna.
In un ampliamento di conoscenze gli studenti imparano anche a conoscere ed apprezzare il linguaggio comunicativo del cinema, della musica, della danza, del teatro e dello sport.
Già nel libro del 2019 “Giù le cattedre”, il profbordo ha illustrato un modo diverso di fare scuola, tracciando le linee guida per una “sopravvivenza nella scuola di oggi e di domani” seguendo le coordinate della qualità, dell’efficacia, del significato che ogni gesto e azione educativa deve avere per suscitare motivazione e partecipazione attiva, rendendo lo studente protagonista nell’azione didattica finalizzata alla modifica del modo di pensare, di sentire e di agire.

Giuseppe Adernò


Elezione presidente neo eletto all'Ars, on.le Gaetano Galvagno

postato: 2022-11-13 11:47:24 da Michelangelo Nicotra

“Auguri e un in bocca al lupo, a nome di tutta la Cida Sicilia, al neo presidente dell’ARS (Assemblea Regionale Siciliana), on.le Gaetano Galvagno, deputato di Fratelli d’Italia, giunto alla sua seconda esperienza a Palazzo dei Normanni. Sono certo che l’on.le Galvagno, il più giovane presidente dell’Assemblea di sempre, eletto stamani (10/11/2022) alla guida del più antico Parlamento d’Europa, saprà proseguire nel rapporto di stretta collaborazione e di condivisione con le Federazioni/Associazioni aderenti alla Cida. Personalmente, mi congratulo per l’importante risultato nello svolgimento dell’alto incarico che gli è stato affidato alla seconda votazione con 43 voti sui settanta complessivi. Auspico che si possa lavorare nell’alveo che abbiamo tracciato in questi anni con i suoi predeccesori, caratterizzato dal perseguimento dell’obiettivo della valorizzazione del territorio siciliano e dell’unità d’intenti che è la caratteristica che contraddistingue Cida Sicilia. Nei prossimi giorni – nella qualità di segretario regionale della Confederazione siciliana - incontrerò personalmente il neo presidente Galvagno per iniziare a programmare un lavoro congiunto che ha visto e vedrà le Federazioni/Associazioni siciliane sempre unite nell’interesse della Sicilia e dei siciliani. Avere un presidente giovane, se non il più giovane nella storia di Sala d’Ercole, fa ben sperare per il futuro della nostra terra che dovrà essere costruito sugli investimenti e sulla ripresa economica, affrontando - senza ulteriori indugi - le questioni che riguardano la povertà, i problemi del ceto medio che è la nuova frontiera del disagio, ma anche la valorizzazione dei Dirigenti e delle Alte Professionalità, sia esse pubbliche che private, attive in Cida. Sono sicuro che sotto la sua presidenza, l’Assemblea continuerà ad essere esempio di confronto democratico e di dialogo con le Federazioni/Associazioni professionali, a valenza sindacale aderenti a Cida Sicilia, che rappresentano il punto di contatto diretto fra la Regione e i cittadini siciliani.

Il segretario regionale
Domenico Mazzeo






A Catania la prima scuola tedesca

postato: 2022-11-11 10:00:00 da Andrea Oliva

All’Istituto “John Dewey”, in via Via Valdisavoia, 3 , nella collina verde di Cibali   accanto alla bandiera italiana sventola la bandiera tedesca ed europea. E’ stata, infatti, inaugurata la prima scuola tedesca in Sicilia ed accoglie i figli dei militari  tedeschi della Base Nato di Sigonella.
Un progetto di integrazione interculturale che offre ai piccoli tedeschi l’opportunità di condividere  giochi ed esperienze di apprendimento insieme ai bambini italiani, i quali altresì hanno modo di praticare la lingua tedesca in aggiunta alle ore di apprendimento scolastico.
 Nel corso della manifestazione inaugurale, alla quale sono intervenuti il Direttore della IV Sezione dell’Accademia Federale di Formazione e Addestramento della Bundeswehr, Matthias Bernhardt e  l’Ufficiale più elevato in grado della Base Nato Ags Force  di Sigonella  Hans- Jurgen Knittlmeier,  i bambini tedeschi hanno cantato in lingua italiana ed insieme ai bambini della John Dewey, in lingua tedesca, presentando ai genitori, che hanno partecipato all’evento, un primo segno di attiva integrazione.
Gli interventi delle autorità scolastiche e militari hanno illustrato il progetto didattico che offre ai piccoli l’opportunità di seguire l’iter formativo secondo le indicazioni del Ministero dell’Istruzione della Germania e nello stesso tempo di fare esperienze e acquisire nuove conoscenze nel territorio italiano.

Giuseppe Adernò


Quando l’arte porta lontano: primo premio, premio del presidente della giuria e menzione d’onore per il Convitto Cutelli al Premio Enrico Bonino

postato: 2022-11-10 08:15:00 da Andrea Oliva

Non pochi scrittori e artisti lasciano una traccia di sé: li ricordano i lettori delle loro opere, li rievocano spesso coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarli e condividere con essi momenti, testi o memorie, li rammentano talora i concittadini (a volte si è anche “profeti in patria”). È quest’ultimo il caso del poeta Enrico Bonino, di Albissola Marina, che nel paese natio trascorse la sua vita. Vissuto fra il 1922 ed il 2005, collaborò con molti giornali e riviste letterarie e pubblicò diverse raccolte. Fra i temi preferiti il legame con il luogo d’origine, gli affetti familiari, i valori spirituali sospesi fra il trascendente e gli interrogativi di carattere teologico, l’esperienza politica. Ed è per ricordarlo ed onorarlo che annualmente l’Associazione LiberArti bandisce appunto il Premio Enrico Bonino a cui hanno partecipato con entusiasmo i nostri alunni del Liceo Classico Europeo del Convitto nazionale Mario Cutelli, guidati e preparati dalla prof.ssa Giusy Gattuso nell’ambito del Progetto La scuola come volano artistico-letterario. E i risultati sono stati davvero soddisfacenti: l’alunna Beatrice Notarangelo di IIIE si è aggiudicata il primo premio nella sezione Racconto con il testo La strage del Monte Serio in cui la nostra scrittrice in erba immagina una nonna che racconta al nipote una storia della Resistenza che ebbe per protagonisti i suoi compaesani partigiani, “aprendo” così al giovane “un mondo nuovo”, fatto di persone leali, altruiste e innamorate della libertà; Rita Musumeci di VC ha vinto il Premio del Presidente della Giuria nella sezione Poesia con Perfetta che descrive efficacemente e in maniera dialogica ma diretta i turbamenti e le ossessioni adolescenziali di chi, alla ricerca della propria identità e anche di una fantomatica perfezione, trova in definitiva sé stessa/o ma che si congeda con un dubbio chiedendo al mondo, al lettore, all’altro “E tu… come ti vedi?”; infine, la menzione d’onore a Gloria Brancato dell’ex VE, nella sezione Libera Espressione, per la sua foto dal titolo La mia terra è mare in cui cielo e mare si uniscono nello scorcio di un tramonto in bianco e nero fra le onde inquietanti di una distesa tempestosa. La foto è stata ispirata proprio da una poesia di Enrico Bonino dal titolo La mia terra.
La cerimonia di premiazione si è svolta ad Albissola Marina (Savona) domenica 16 ottobre. Le ragazze vincitrici hanno ricevuto, oltre a delle magnifiche pergamene, una tela, un piatto dipinto in ceramica, un libro e le antologie.
Ancora una volta, tutto questo a riprova del fatto che la poesia, la prosa e l’arte in generale arricchiscono le menti e i cuori dei nostri giovani allievi regalando a loro, a coloro che li guidano e alle loro famiglie delle piccole e grandi soddisfazioni e talvolta aprono strade, creano confluenze, generano incontri che portano lontano.

Prof.ssa Giusy Gattuso


LA SCUOLA COME LA VORREI. Il Ministro Valditara interroga i presidi

postato: 2022-11-09 14:48:36 da Andrea Oliva

Il Ministro Valditara tra i molti messaggi ricevuti ha risposto con sollecitudine alla lettera dell’associazione sindacale “Dirigentiscuola” ed a stretto giro di posta. ha convocato al Ministero per l’8 novembre   i Dirigenti scolastici per ascoltare le criticità e le emergenze della scuola italiana.
Il gesto di attenzione del Ministero è stato molto apprezzato come “indice della volontà di instaurare un rapporto collaborativo al fine di mettere in atto azioni sinergiche nell’interesse del sistema scolastico”.
Sono, infatti, troppi i problemi incancreniti e troppe le difficoltà legate alla gestione delle istituzioni scolastiche. Occorrono interventi radicali da attuare con determinazione e coraggio.
La disponibilità all’ascolto degli operatori sul campo è certamente da apprezzare e si auspica che la scuola possa voltar pagina e, operando una buona “messa a punto”, la ripartenza che si unisce alla “Ripresa e Resilienza” sarà più agevole.
Le dichiarazioni programmatiche del Ministro Valditara sono eloquenti: “Mi batterò perché quella del docente torni ad essere una figura autorevole, caratterizzata dal rispetto della degnità e del decoro”.
 
Giuseppe Adernò


Tommaso Romeo - sesto sindaco dei Ragazzi dell’Istituto S Maria della Mercede

postato: 2022-11-07 08:05:00 da Andrea Oliva

S.AGATA LI BATTIATI   -  L’esito del ballottaggio tra  i due candidati a sindaco della scuola piccola città, presso l’Istituto  S Maria della Mercede  ha reso vincente Tommaso Romeo con 44 preferenze tra i 72 votanti ed è stato eletto come sesto Sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi.
Giulia Previti, della medesima classe V B, ha riportato 28 preferenze e svolgerà il ruolo di “Vicesindaco” e assessore allo spettacolo.
Il festoso abbraccio tra i due concorrenti ha avuto il grande applauso dei coetanei, protagonisti dell’originale esperienza dell’esercizio del voto, sin dai banchi della scuola Primaria.
Al momento della proclamazione degli eletti nell’auditorium dell’Istituto, con la partecipazione del preside Giuseppe Adernò, coordinatore dei Consigli Comunali dei Ragazzi, sono stati assegnati gli incarichi agli “assessori”: Davide Lombardo alla “Cultura, Istruzione e Merito”; Giulia Giunta, alla Salute e allo Sport; Benedetta Gulizia all’Uguaglianza e alle Pari opportunità; Elena Leanza all’Ecologia, Ambiente e “Custodia del creato”; Luca Arcidiacono  all’Innovazione tecnologica  e all’Inclusione con il robot Nao; Nicolò Lo Faro  alla Solidarietà e al Bene comune.
Gaia Benvegna, componente della lista di maggioranza con il motto: “La scuola è futuro e il futuro siamo noi”, avendo riportato il maggior numero di preferenze è stata nominata “presidente del Consiglio” e gli altri consiglieri sono: Matteo Micale, Sebastiano Nicolosi, Marta Magazù e Giada Attanasio.
La Direttrice dell’Istituto, Lina Di Caro, ha formulato gli auguri di buon lavoro al nuovo Consiglio dei ragazzi ed ha ringraziato le docenti per la generosa collaborazione nel coordinare il progetto didattico.
L’esecuzione corale dell’Inno d’Italia ha coronato la settimana elettorale e la lezione di Educazione civica, vissuta attraverso l’esercizio dell’operatività del voto, contribuendo alla formazione dei futuri cittadini, attivi e responsabili.
Nei prossimi giorni presso la Sala consiliare del Comune di S Agata Li Battiati, il Sindaco, Marco Nunzio Rubino, accoglierà il giuramento del neo sindaco, degli assessori e dei consiglieri del sesto CCR.

redazione@aetnanet.org



LA PRIMA SCUOLA TEDESCA A CATANIA

postato: 2022-11-07 08:00:00 da Andrea Oliva

Martedì 8 novembre alle ore 10, presso l’Istituto “John Dewey”, Via Valdisavoia, 3 , dove accanto alla bandiera italiana sventola la bandiera tedesca ed europea,  i bambini della prima scuola  tedesca che  accoglie i figli dei militari della Base Nato di Sigonella, festeggiano l’avvio delle attività didattiche, coordinate dalla direttrice  Susanne Tunn e dalla maestra Daniela Heydt
Alla manifestazione interverrà il Direttore della IV Sezione dell’Accademia Federale di Formazione e Addestramento della Bundeswehr, Matthias Bernhardt; l’Ufficiale più elevato in grado della Base Nato Ags Force  di Sigonella  Hans- Jurgen Knittlmeier; il cappellano militare Claus -Jorg Richter
La cerimonia intercalata da intermezzi musicali e artistici segna l’avvio di una nuova avventura per Tharya, Henry O, Iva, Henry S. Liliana e Zarah che svolgono alcune attività scolastiche e ricreative insieme ai bambini dell’Istituto “John Dewey”, scuola Primaria paritaria ad indirizzo internazionale nella quale i bambini  praticano la lingua inglese per 12 ore anche insieme alla matematica, le scienze, l’arte e la musica  e sin dalla prima classe studiano la lingua  tedesca e spagnola 
Nel canto “Schule ist mehr, mehr, mehr”, eseguito anche dai bambini italiani e tedeschi insieme, si afferma “La scuola è importante per me, mi guida al sapere e mi fa diventare grande”.
Molto soddisfatti i genitori degli alunni per questo nuovo servizio di formazione culturale e sociale nello stile della cooperazione e della condivisione di valori e di civiltà di cultura.” Siamo proprio felici per i nostri bambini. Dove potevamo trovare una scuola così bella?”.  Immersa nel verde degli orti della Fondazione Valdisavoia sulla collina di Cibali con tanti spazi e aule didattiche all’aperto, è una scuola veramente “green”.

redazione@aetnanet.org



Ma il Merito non era di sinistra?

postato: 2022-11-03 12:00:00 da Andrea Oliva

Certe parole come il merito, la solidarietà, l’accoglienza, il rispetto, i valori non hanno colore politico, ma sono patrimonio di tutti e se tendono al miglior bene della società vanno rispettate e condivise da tutti.
Leggiamo su Repubblica un intervento del giuslavorista del PCI, Pietro Ichino che in un articolo intitolato Perché la sinistra deve credere nel merito. cita il Segretario Cgil Landini, il quale afferma che "rischia di essere uno schiaffo in faccia per chi può avere tanti meriti, ma parte da una situazione di diseguaglianza", e conclude affermando che: puntare sul merito sia l’unico modo per garantire una scuola efficace anche per chi viene da famiglie non abbienti".
La scuola, infatti, non potrà mai essere fattore di uguaglianza sociale se non impara a valutare e premiare il merito molto più di quanto non lo faccia oggi ed anche l’intera amministrazione pubblica ha bisogno di questa rivalutazione del merito al proprio interno
Anche Matteo Renzi, leader di Italia Viva ha ribadito che “tutta la nostra Buona Scuola”, la Legge 107 del 2015, si basava sul merito e sugli incentivi alla formazione. Il contrario di merito non è uguaglianza. Il contrario di merito è rendita di posizione”.
Il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, che ha proposto di aggiungere il termine “Merito” al Ministero che coordina la scuola italiana, alla vigilia delle elezioni del 25 settembre, ha scritto insieme al ricercatore e politologo Alessandro Amadori un libro dal titolo: “È l’Italia che vogliamo“, presentato in copertina come "Il manifesto della Lega per governare il Paese"
Nel capitolo dedicato ai “Progetti concreti per un Paese che rinasce” sono tracciati due paragrafi dedicati all’Università, ricerca e innovazione’ e al tema: ‘Scuola e formazione’.
 In essi si legge la chiara progettualità di “ridare autorevolezza ai docenti” attraverso “una vera e riconosciuta carriera”, con funzioni differenziate e adeguatamente retribuite
E’ certamente da tutti condivisibile l’espressione “se si richiede qualità, si deve anche pagarla” e tutto ciò comporta la definizione di nuovi criteri di valutazione dei meriti e degli incentivi corrispondenti.
 
Giuseppe Adernò


CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI all’Istituto S. Maria della Mercede. Ballottaggio per l’elezione del Sindaco dei Ragazzi

postato: 2022-10-30 17:00:00 da Andrea Oliva

S.AGATA LI BATTIATI   - Dopo un’intensa campagna elettorale, è stato rinnovato il Consiglio Comunale dei Ragazzi presso l’Istituto  S Maria della Mercede
Il progetto, già avviato da cinque anni giunge all’elezione del sesto Consiglio Comunale dei Ragazzi nella scuola considerata “piccola città”
Con diligente impegno le maestre delle classi quinte: Marilena Indelicato e Antonella Vecchio hanno coinvolto i bambini in una lezione di Educazione Civica applicata, che consente di imparare i valori della democrazia e della partecipazione attraverso il “saper fare”
 e di programmare attività per una scuola migliore.
 Sono state formate due liste con studenti delle classi quarte e quinte   e nella scelta dei motti: “La scuola è futuro e il futuro siamo noi” e “La scuola condivisa è l’ingresso alla vita” si sintetizza l’impegno a guardare oltre, a pensare al futuro, nello stile della cooperazione e della condivisione.
Alle operazioni di voto hanno partecipato anche i piccoli della classe terza ed emozionati hanno espresso le loro preferenze, dopo aver partecipato agli incontri di presentazione dei programmi dei quattro candidati a sindaco: Giulia Giunta, Giulia Previti, Davide Lombardo e Tommaso Romeo.

redazione@aetnanet.org



La scuola e i giovani al centro. Discorso della Presidente del Consiglio alla Camera

postato: 2022-10-27 18:00:00 da Andrea Oliva

Nel discorso di insediamento alla Camera dei Deputati il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha posto al centro dell’agenda politica la scuola, i giovani, il lavoro.
Serve colmare il grande divario esistente tra formazione e competenze richieste dal mercato del lavoro, con percorsi formativi specifici, certamente, ma ancora prima grazie a una formazione scolastica e universitaria più attente alle dinamiche del mercato del lavoro.
L’istruzione è il più formidabile strumento per aumentare la ricchezza di una nazione, sotto tutti i punti di vista. Il capitale materiale non è nulla senza capitale umano. Per questo la scuola e l’università torneranno centrali nell’azione di governo, perché rappresentano una risorsa strategica fondamentale per l’Italia, per il suo futuro e i suoi giovani”.
Questa centralità proclamata attende ora una concreta attuazione e nel rispetto dei principi della Costituzione la line politica del nuovo Governo tende a valorizzare il merito, venendo incontro “agli studenti dotati di minori risorse”.

Giuseppe Adernò


Ministero con due “M” Istruzione e Merito La scuola verso alti traguardi

postato: 2022-10-23 16:00:00 da Andrea Oliva

“Ministero dell’Istruzione e del Merito“ è la nuova denominazione del Palazzo della Minerva a Viale Trastevere dove un tempo si chiamava “Ministero dell’Educazione Nazionale”, poi “Ministero della Pubblica Istruzione”  e dopo la fusione con l’Università e la Ricerca da anni ha avuto la sigla “MIUR” e da alcuni anni semplicemente  “Ministero dell’Istruzione”.
Con il governo presieduto da Giorgia Meloni, prima donna  scelta come Capo del Governo  Italiano nella 19° legislatura  il Ministero dell’Istruzione, guidato dall’on. Giuseppe Valditara, aggiunge una “M”, non per fedeltà alla Meloni,  o come afferma  qualche mal pensante come richiamo a Mussolini, ma per evidenziare che l’istruzione è orientata alla valorizzazione del merito e  dando concretezza alla cultura della meritocrazia che incentiva e premia  l’impegno, la serietà, la responsabilità ed il lavoro che dà positivi frutti e benefici sociali e culturali.
Il neologismo meritocrazia , coniato dal sociologo britannico Michael Young nel 1958,  con valenza dispregiativa ,  in risposta alla diseguaglianza economica e sociale. mette in evidenza il quoziente intellettivo, l’attitudine al lavoro e descrive il sistema di valori che premia l'eccellenza di un individuo indipendentemente dalla sua provenienza.

Giuseppe Adernò



Conclusa l'edizione siciliana di Fiera DIDACTA Italia 2022

postato: 2022-10-23 12:43:22 da Michelangelo Nicotra

E’ calato il sipario, sabato pomeriggio 22 ottobre,  della prima edizione siciliana di FIERA DIDACTA ITALIA, che ha fatto registrare un boom di presenze nello stand n. 43 dell’Anquap (Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche), meglio nota come la casa del personale amministrativo in servizio nelle scuole pubbliche italiane di ogni ordine e grado. L’Anquap, allocata nel Padiglione C1 di Sicilia Fiera Exhibition Meeting Hub sita a  Misterbianco, in provincia di Catania, ha visto la presenza di numerosi operatori scolastici  arrivati in Fiera non solo dalle varie città e centri della Sicilia, ma anche da altre regioni del Sud Italia.Tra queste ha spiccato una delegazione dell’Anquap Calabria, capitanata dal Dsga in pensione Pina Malara, nella qualità di presidente provinciale di Reggio Calabria che ha saputo rappresentare la categoria degli Ata, avendo cognizione delle competenze specialistiche che giornalmente vengono profuse ai soci. Mete ambite dai vari competitors, in un nuovo mondo globalizzato, dove nell’istruzione  la professionalità organizzativa  va a braccettto  con l’iinnovazione didattico-tecnologica. Dal 20 ottobre, giorno di apertura della Fiera, l’Anquap, attiva nel settore della formazione dal 1998 (Fnada) e dal 2001 nel campo sindacale, ha dimostrato di essere all’altezza nel gestire i servizi più importanti che vengono offerti ai soci e al personale scolastico ricadente nell’area  amministrativa, tecnica e ausiliaria. Vantaggi che spaziano dalla copertura assicurativa per responsabilità civile, patrimoniale, tutela legale e infortuni all’assistenza sindacale qualificata; dalla partecipazione  a tutti i corsi di formazione organizzati da ANQUAP gratuitamente e su tutto il territorio nazional alla presentazione di quesiti tramite l'apposito servizio disponibile sul sito dell'Associazione in area riservata; dall’accesso  libero e gratuito, a tutte le check-list per gestire Gare, Programma Annuale e Conto Consuntivo, Piano delle Attività del Personale ATA, PON FSE e PON FESR, Viaggi di Istruzione, Inventari, ecc... agli  approfondimenti e contributi professionali: Personale, Didattica, Contabilità, Previdenza, Privacy, Fiscale, Amministrazione Digitale, Nuove Tecnologie, ecc…-dall’accesso alle Newsletter con tutte le notizie pubblicate sul sito,  agli scadenzari mensili (Contabilità, Personale, Didattica, ecc…) tramite l'apposito servizio disponibile sul sito associativo www.anquap.it. L’iniziativa culturale,  patrocinata dal presidente nazionale Anquap, Giorgio Germani, è stata promossa dal dirigente nazionale Anquap, Mimmo Mazzeo nella qualità di segretario regionale Cida Sicilia che si è avvalso della collaborazione del presidente regionale Anquap Sicilia, Rosa Di Mauro e del presidente provinciale Anquap di Catania, Agostina Patti.

Anquap Catania


LA SICILIA PREISTORICA. Dinamiche interne e relazioni esterne: presentazione atti del convegno

postato: 2022-10-22 08:05:00 da Andrea Oliva

“The Heritage call”, PCTO  frutto di una convenzione con l’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana  -  Soprintendenza di Catania e il nostro Liceo, ha consentito agli studenti della classe 5 LG di partecipare attivamente e proficuamente  alla segreteria organizzativa del convegno internazionale tenutosi  lo scorso anno presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania e il Museo Archeologico Regionale “Paolo Orsi” di Siracusa.
Il Convegno, che ha visto alternarsi circa 60 relazioni, ha puntato,  ad una analisi aggiornata e complessiva delle attuali conoscenze sulla preistoria siciliana, attraverso l’esame di aspetti generali o con quella di fenomeni puntuali e circoscritti, per cronologia, per tema o per territorio.
I giorni del convegno sono stati una importante occasione di dibattito e scambio di nuove informazioni, tanto più necessari perché giunti al termine di una terribile pandemia che aveva limitato, o meglio azzerato, qualsivoglia occasione di confronto scientifico in presenza. Lunedì  17 ottobre presso l’aula magna “Vincenzo La Rosa” di Palazzo Ingrassia, gli studenti hanno presenziato alla presentazione del volume e  l’impegno dei  nostri  studenti è stato ancora una volta ricordato ed apprezzato dall’organizzazione, dall’Università, dal Museo “Paolo Orsi” e da quanti sono intervenuti.

Download: copertina volume

Il tutor del PCTO
Professoressa Marcella Labruna


FIERA DIDACTA - infrastruttura culturale per la scuola siciliana

postato: 2022-10-22 08:00:00 da Andrea Oliva

Per tre giorni la città di Misterbianco  è stata il centro culturale dell’innovazione tecnologica e didattica ospitando la FIERA DIDACTA che per la prima volta nella VII edizione si sposta da Firenze in Sicilia.
 Un evento eccezionale e significativo,  realizzato  con la collaborazione e il sostegno della Regione Siciliana e del Comune di Misterbianco  ed ha raccolto l’adesione di 75 aziende leader del settore scuola  le quale hanno presentato importanti novità nel settore dell’elettronica (robotica, sistemi di automazione, LIM di nuova generazione computer, tablet, schermi ecc.), case editrici, riviste, libri e materiale didattico per la scuola  dell’infanzia, software didattici e suggerimenti applicativi  per creare ambienti didattici innovativi 4.0, aule immersive, ecosistemi di apprendimento e contenuti digitali ed editoriali di ultima generazione.
La  qualificata presenza istituzionale alla cerimonia inaugurale che si è svolta nella Main Hall di SICILIA FIERA Exhibition Meeting Hub alla presenza del Comitato organizzatore, del Prefetto e dell’Arcivescovo di Catania, del direttore generale dell’Ufficio scolastico Regionale, Giuseppe Pierro e  del sindaco di Misterbianco, Marco Corsaro.
In videocollegamento  il Presidente della Regione, Renato Schifani ha formulato gli auguri per il lieto evento, dichiarando che,  “Didacta raccoglie la sfida dell’innovazione nel mondo dell’istruzione, che parte dalla scuola materna fino alle superiori e all’università, e in quello delle professioni. La specializzazione e la professionalità sono sempre più una meta ambita dai vari competitors, in un nuovo mondo globalizzato didattico, professionale, industriale e telematico. Ecco perché bisogna cogliere questa sfida”.

redazione@aetnanet.org


Fiera Didacta. I ragazzi sindaci alla cerimonia di inaugurazione giovedì 20 ottobre

postato: 2022-10-19 08:05:00 da Andrea Oliva

La delegazione dei Ragazzi Sindaci della provincia di Catania parteciperà alla cerimonia di inaugurazione della prima edizione di “Fiera Didacta Sicilia” che, dopo cinque anni di successo a Firenze, si svolgerà dal 20 al 22 ottobre negli spazi di Sicilia Fiera Exhibition Meeting Hub a Misterbianco  rivitalizzando  i cantieri della ditta Fratelli Costanzo.
  I ragazzi sindaci, con la fascia tricolore, giovedì 20 ottobre, parteciperanno in rappresentanza degli studenti dell’Isola, destinatari indiretti delle proposte educative e formative, delle innovazioni metodologiche didattiche e tecnologiche in vista di una scuola che si rinnova per essere pronta all’evoluzione che la società di oggi richiede, 
Oltre 75 aziende leader del settore scuola presenteranno importanti novità nel settore dell’elettronica (robotica, sistemi di automazione, LIM di nuova generazione ecc.), delle applicazioni, del metaverso, degli ambienti didattici innovativi 4.0, aule immersive, ecosistemi di apprendimento e contenuti digitali ed editoriali di ultima generazione.


redazione@aetnanet.org



FIERA DIDACTA PRIMA EDIZIONE SICILIANA 20-22 ottobre 2022

postato: 2022-10-19 08:00:00 da Andrea Oliva

Il più importante evento fieristico nazionale dedicato al mondo della scuola, dell’università, della formazione e della ricerca scientifica, dopo il successo dell’ultima edizione  di Firenze ( 20 al 22 maggio)  arriva in Sicilia dal 20 al 22 ottobre in collaborazione con la Regione Siciliana. 
All’inaugurazione della Fiera,  giovedì 20 ottobre, interverrà il nuovo direttore Generale dell’USR Sicilia, Giuseppe Pierro ed illustrerà il Piano della scuola digitale, 4.0  con i fondi del PNRR.
La Fiera sarà ospitata a Misterbianco, negli spazi di Sicilia Fiera Exhibition Meeting Hub su un’area di 12.000 metri quadrati ( sede dell’ex Fratelli Costanzo)   dove verranno allestite le sale formative e gli stand delle aziende di tutta la filiera del mondo della scuola.  
Nella bozza di programma ancora in via di definizione sono previsti 16 convegni, 21 seminari e 46 workshop  tra i quali la presentazione del Consiglio Comunale dei Ragazzi, del quale  quest’anno si celebra il trentesimo anno di attività e tra i molti progetti didattici innovativi quelli relativi all’inclusione anche tramite i robot umanoidi.

Giuseppe Adernò


Lombardo Radice: Erasmus + da G.A.M.E. A Feel Green Be Green

postato: 2022-10-18 19:14:13 da Michelangelo Nicotra

Dal 2019 il Liceo “G. Lombardo Radice" di Catania partecipa ad un Partenariato Strategico Internazionale “G.A.M.E. Gamification for a Better Teaching (2019,-1-CZ 01- KA201-06-1221) nel Programma Erasmus + finanziato dall’Unione Europea e coordinato dall’ONG CECA, Garrigue, con altre scuole (Turchia, Spagna, Repubblica Ceca) e altre  ONG, Paydas e Ceipes, Palermo. Oggetto di questa collaborazione e punto focale su cui convergono lo studio e le ricerche dei partner, studenti ed insegnanti, è stato scoprire e mettere in atto Gamification per rendere l’apprendimento, a vari livelli, più gioioso ed efficace. Il Progetto, iniziato con il kick-off meeting a Ostrava Repubblica Ceca (30-31-1-’20), ha subito vari rallentamenti dovuti al Covid 19 e ciò ha impedito alcune JST e mobilità all’estero per qualche nazione, tra cui la nostra.
Meeting online, durante i lockdown, ha veicolato formazione e applicazione di metodologie ‘gamificate’ nelle nostre classi per coinvolgere operativamente studenti nella costruzione e utilizzo di game e mini piattaforme.
La docente Concetta Mazzullo, coordinatrice del progetto, ha preso parte ad un interessantissimo Training Course tenutosi in Spagna a Gijón e gestito dal CPR- Jijón-Oriente coordinato dall’eccellente Formatore Oscar Cabo Gonzales a Novembre ’21.

prof.sse Mazzullo e Piana


ANQUAP dal 20 al 22 ottobre alla Fiera Didacta Sicilia

postato: 2022-10-18 18:56:57 da Michelangelo Nicotra

L’ANQUAP (Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche), meglio nota come la casa del personale amministrativo in servizio nelle scuole pubbliche italiane di ogni ordine e grado, sarà protagonista dal 20 al 22 ottobre alla Fiera Didacta Italia, che si terrà a Misterbianco, in provincia di Catania, negli spazi di Sicilia Fiera Exhibition Meeting Hub. Si tratta del più importante ed unico evento fieristico nazionale, che ritorna in presenza dopo due anni di stop per la pandemia, dedicato al mondo della Scuola, dell’Università, della Formazione e della Ricerca Scientifica. L’Anquap avrà un suo spazio nello Stand numero 43 del Padiglione C1, dove gli operatori del settore scolastico e semplici visitatori saranno accolti da personale specializzato che illustreranno tutti i vantaggi offerti dall’Associazione nazionale a valenza sindacale a favore dei soci e del personale scolastico ricadente nell’area amministrativa, tecnica e ausiliaria.
Questi i servizi più importanti: ....

l’addetto stampa Anquap
Domenico Mazzeo<


Scuola, lunedì 17 ottobre al via “ProGrammatica” dedicata al linguista Serianni

postato: 2022-10-15 15:57:04 da Andrea Oliva

Conoscere la lingua italiana, i suoi usi e le sue molteplici potenzialità per comunicare al meglio e imparare a esprimere se stessi in un italiano contemporaneo senza dimenticare la tradizione letteraria.
Con questo intento prende il via, lunedì 17 ottobre, la decima edizione di ProGrammatica, l’iniziativa di Radio3 - La Lingua Batte in collaborazione con Ministero dell'Istruzione, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Accademia della Crusca, Comunità Radiotelevisiva Italofona e Skuola.net.

La circolare
miur.gov.it


I ragazzi sindaci a fianco della famiglia Regeni nel ricordo di Giulio che vent’anni fa è stato Sindaco dei Ragazzi di Fiumicello

postato: 2022-10-15 14:00:00 da Andrea Oliva

L’Ordine nazionale dei giornalisti ha partecipato con la Federazione nazionale della stampa, al sit-in presso il tribunale di Roma, promosso dalla rete “Giulio siamo noi” in occasione della nuova udienza a carico dei quattro agenti dei servizi egiziani accusati di aver ucciso, nel 2016 al Cairo, Giulio Regeni.
Anche i Ragazzi Sindaci si uniscono idealmente alla manifestazione  a  fianco della famiglia Regeni,  “per chiedere verità e giustizia, per Giulio e per le migliaia di casi Regeni sparsi nel mondo”.
I Ragazzi Sindaci,  aderiscono alla rete “Giulio siamo noi”, ed ogni anno   ricordano con particolare emozione la data del 25 gennaio,  in considerazione del fatto che Giulio Regeni  vent’anni fa, nel triennio 2001-2003 è stato Sindaco dei Ragazzi di Fiumicello, in provincia di Udine, e questa esperienza d’impegno civile l’ha formato a quella serietà e coerenza, che hanno caratterizzato il suo operare, fino alla tragica fine, come si evince dalle indagini della Procura di Roma, ancora senza risposte da parte del Governo egiziano.
Già dal 25 gennaio del 2016, quando si è appresa la notizia della morte di Giulio Regeni, i ragazzi del CCR dell’Istituto “Parini” con la guida delle professoresse Graziella Buscemi, e Loredana Raudino hanno fatto una ricerca su Giulio ed hanno preparato delle riflessioni e messaggi sull’impegno sociale di Giulio, maturato anche grazie all’esperienza  vissuta come  “Sindaco dei Ragazzi”, palestra di democrazia e di partecipazione attiva e responsabile nella costante ricerca del bene comune.
Il suo nome viene ricordato in tutti i convegni dei Consigli dei Ragazzi e nelle celebrazioni del 10 dicembre a ricordo della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo, Giulio viene presentato come modello da imitare.
Il procedimento per il ricorso al Trattato internazionale sulla tortura firmato nel 1984 e a cui ha aderito anche l’Egitto è stato aggiornato al prossimo 13 febbraio  e si auspica che il nuovo  Governo e il Ministro della Giustizia promuovano  “un’adeguata reazione di dignità” come hanno dichiarato i coniugi Regeni.
Giuseppe Adernò






Graduatorie provinciali ad esaurimento (GAE) - Rettifiche

postato: 2022-10-13 16:11:00 da Andrea Oliva

Pubblicazione Dispositivo

Allegati:

Download [Dispositivo] 317 kB


DA SETTANT’ANNI LA LEZIONE DI JOHN DEWEY CONTINUA. Convegno di studi a Scienze Politiche con il coinvolgimento degli alunni delle tre scuole d’Italia che portano il suo nome

postato: 2022-10-13 16:04:50 da Andrea Oliva

11_10_01
Il 20 ottobre,  si ricordano i 163 anni  dalla nascita di John Dewey , nato a Burlington, nello stato del Vermont, il 1859 e   riconosciuto come uno dei più importanti intellettuali statunitensi del suo tempo, eclettico e influente.
Sono trascorsi settant’anni dalla morte del grande filosofo americano e teorico della pedagogia del “saper fare” (Newy York 1 giugno 1952) e la ricorrenza viene celebrata dall’Università di Catania e dalle scuole che ne portano il nome con un convegno sul tema. “Scuola e società, Le radici e la contemporaneità della scuola inclusiva”
Interverranno al convegno coordinato dalla Prof. Paolina Mulè,  i professori: Giuseppe Spadafora, dell’Università di Calabria, presidente della Fondazione Italiana John Dewey;  Maura Striano dell’Università di Napoli, Claudio De Luca e Alessio Fabiano  dell’Università della Basilicata; Alessio Annino e Daniela Gulisano dell’Università di Catania; il preside Giuseppe Adernò  e la dott.ssa Martina Formosa dell’Istituto “John Dewey” di Catania.
John Dewey, nel volume “Il mio credo pedagogico” (1897) propone il modello della scuola-laboratorio realizzato dalla “scuola attiva”, attuato dalla scuola montessoriana, che mette al centro l’alunno  il quale  forma la sua personalità anche attraverso l’occupazione in lavori manuali, con l’aiuto dell’insegnante e interagendo coi compagni.
La rivoluzione pedagogica di Dewey attraverso il “learning by doing”, l’aula laboratorio, l’imparare vedendo fare e dell’imparare facendo ha prodotto un apprendimento efficace, che contribuisce alla modifica del comportamento dello studente nel modo di pensare, sentire e agire.
redazione@aetnanet.org








PREMIO NICHOLAS GREEN 2022 cerimonia di consegna presso l’Istituto “Pizzigoni-Carducci”

postato: 2022-10-08 14:51:01 da Andrea Oliva

Il martedì dopo la prima domenica di ottobre, Giornata regionale della Donazione degli Organi, istituita nel 1995, presso l’Istituto Pizzigoni.Carducci, ha avuto luogo la cerimonia della consegna del Premio Nicholas Green
Il concorso, che si rinnova ogni anno, è stato istituito dalla Regione, sull’onda dell’effetto Nicholas,  per diffondere tra gli studenti la cultura della donazione degli organi e sensibilizzarli ad un gesto di umanità e solidarietà verso coloro che soffrono.
Dopo l’accertata morte celebrale gli organi, destinati a marcire, potranno essere trapiantati e consentire a tanti cittadini ammalati di continuare a vivere.
Il  primo ottobre 1994, ai medici dell’ospedale di Messina che comunicavano la morte cerebrale del piccolo  Nicholas,  vittima innocente di un agguato malavitoso, lungo l’autostrada Salerno Reggio Calabria.  Mister Reginald Green  e la mamma Margareth   hanno detto: “Trapiantate i suoi organi”.
Quel gesto, che ha commosso l’Italia, ha determinato un vero effetto Nicholas, dando un forte sviluppo alla diffusione della cultura della donazione degli organi che la Fondazione Nicholas coordina a livello internazionale, registrando ogni anno una sempre crescente sensibilità al problema.
Gli studenti, partecipando al concorso, con la guida dei docenti sensibili e attenti ai problemi educativi e sociali, hanno avuto modo di realizzare disegni, poesie, racconti e con creatività e vivacità espressiva hanno comunicato il loro sentire e questa positiva esperienza ha tracciato un solco di sensibilità civica e di attenzione verso il prossimo.

redazione@aetnanet.org




Ricercazione “Apprendere col cuore e allenare la mente”. Fidapa di Bronte nella Giornata mondiale dell’Insegnante. Lo psicologo in tutte le scuole accanto agli studenti

postato: 2022-10-07 08:00:00 da Andrea Oliva

La Giornata mondiale degli Insegnanti  2022,  nella ricorrenza del 5 ottobre è stata celebrata a Bronte, presso il Real Collegio Capizzi, con un convegno dedicato al tema: “DSA identificazione ed aiuto specialiastico”
Promosso dalla Fidapa, il convegno è stato introdotto dalla presidente Francesca Reale e, dopo il saluto del dott. Carmelo Indriolo, presidente della “Pinacoteca Sciavarello” del Collegio Capizzi,  gli interventi sono stati coordinati dalla dott.ssa Francesca Paparo.
La ricorrenza del XII anniversario della Legge 170 dell’8 ottobre 2010 con la quale la scuola italiana ha risposto ai bisogni degli studenti con “disturbi specifici di apprendimento” (DSA)  non classificabili come “disabilità”,  ha guidato gli interventi degli illustri relatori che hanno presentato teorie, norme ed ancor più testimonianze concrete di azioni didattiche che hanno aiutato gli studenti a superare le difficoltà  nella lettura, nella scrittura e nelle operazioni di calcolo.
La redazione da parte del Consiglio di classe dl “Piano didattico personalizzato” (PDP)  non è solo un compito burocratico,  indicato dalla Linee Guida che accompagnano la Legge n.170/2010, né tanto meno la compilazione di una scheda sulla quale segnare delle crocette, ma un vero e articolato “piano di lavoro” che prevede  nello svolgimento dell’azione didattica interventi dispensativi e compensativi per rispondere agli effettivi “bisogni educativi” dei singoli alunni, così da registrare i graduali processi di miglioramento, di crescita e di recupero delle difficoltà nella comunicazione scritta, orale e di calcolo.

redazione@aetnanet.org





Comunicare il fatto storico LA NAVE ARCAICA DI GELA Laboratorio di futuro promosso dall’UCSI

postato: 2022-10-05 08:05:00 da Andrea Oliva

05_10_03
Nel progetto “Comunicare il fatto storico” promosso dall’UCSI e coordinato da don Paolo Buttiglieri, consulente regionale UCSI, il terzo incontro è stato dedicato alla Nave di Gela.
Un evento storico di grande importanza che valorizza la città Gela, custode dei resti della nave arcaica greca del VI e V secolo, la più antica al mondo, rinvenuta nel mare di Gela nel 1988 e le operazioni di recupero sono iniziate nel 2003, coordinate dalla prof. Rosalba Panvini, Soprintendente di Caltanissetta.
Un fascino particolare ha destato la location del convegno che ha avuto luogo nell’oscuro capannone, che ospita la mostra dedicata al “Viaggio di Ulisse”  allestita presso la sede del  parco “Bosco Littorio”, in una “camera sensoriale”, dove i visitatori rivivono emozioni e sensazioni di antico e di classicità, quasi un incontro con i sette marinai che,  navigando nel Mediterraneo, sono stati travolti dal maremoto, avvenuto proprio in quegli anni.
La storia si scrive, si narra, ma il fatto storico si comunica, perché ogni evento lascia un segno che aiuta a leggere e comprendere il presente e guardando la realtà con gli occhi del passato si progettare il futuro alla luce dei Valori.
Nella prima parte del seminario formativo, con il riconoscimento dei crediti per i giornalisti iscritti all’OdG, è stato scandagliato il passato glorioso dell’antica colonia greca e sono intervenute sul tema del dott.sse Rosalba Panvini e Daniela Vullo della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta.


redazione@aetnanet.org


28 anni fa la tragedia del piccolo Nicholas. Il ragazzo che salvò migliaia di vite, a Messina primo convegno internazionale “Donarte 2022”

postato: 2022-10-05 08:00:00 da Andrea Oliva

Sono trascorsi 28 anni dal tragico incidente del 29 settembre 1994,  quando lungo l’autostrada Salerno -Reggio Calabria,  il bimbo americano, Nicholas Green, in vacanza in Italia con i genitori, fu colpito da un proiettile.. L’auto sulla quale viaggiava la famiglia Green era diretta in Sicilia ed è stata scambiata con quella di un portavalori e nel corso del tragitto è stata bersaglio di una sparatoria che ha costretto Mister Green a correre verso l’ospedale di Messina, vedendo il suo piccolo colpito nel sonno.
L’evento viene ricordato nelle scuole con il Concorso “Nicholas Green” e quest’anno, coordinato dalla prof. Maria Teresa Mazzeo, ha avuto luogo presso il Rettorato dell’Università di Messina il Primo convegno internazionale “Donarte 2022” e tra gli illustri relatori ha partecipato anche Mister Reginald Green,  papà del piccolo Nicholas, il quale,  rivivendo la tragedia del figlio  ha  ricordato come il  primo ottobre 1994, ai medici dell’ospedale di Messina che comunicavano la morte cerebrale del piccolo  Nicholas, gli affranti genitori  hanno detto: “Trapiantate i suoi organi”.
Il cuore di Nicholas ha pulsato ancora per altri 23 anni restituendo una vita normale ad Andrea Mongiardo, morto a 37 anni, nel 2016 a Roma ; mentre gli altri sei organi sono ancora oggi vivi nei trapiantati di Messina, Siracusa e  Bari  ed una di questi, Maria Pia, dopo il trapianto è diventata mamma ed ha dato al figlio il nome di Nicholas. Un grande applauso è stato riservato a Maria Pia e a Nicholas, presenti al convegno.
Il gesto nobile ed eroico della famiglia Green ha commosso l’Italia e ha determinato un vero effetto Nicholas dando un forte sviluppo alla diffusione della cultura della donazione degli organi che la Fondazione Nicholas coordina a livello internazionale.

 
Giuseppe Adernò


FESTA DEI NONNI - I bambini dell’Istituto John Dewey preparano il tè per i nonni

postato: 2022-10-02 08:00:00 da Andrea Oliva

Nel calendario scolastico dell’Istituto “John Dewey” – scuola Primaria Paritaria ad indirizzo internazionale, con sezione di scuola tedesca, che opera nella sede della Fondazione Valdisavoia, sulla collina di Cibali, la prima ricorrenza da festeggiare è il 2 ottobre, data che, nel ricordo degli Angeli custodi, è dedicata alla Festa dei Nonni, istituita per decreto del Parlamento nel 2005.
Chi meglio dei nonni rappresentano veri e propri angeli custodi non solo per i nipoti, ma anche per i genitori che quando si trovano in difficoltà per il mantenimento dei figli sono pronti a dare il loro aiuto?  
I nonni sono “testimoni del passato, garanzia del presente ed eredi del futuro” e  sono molto importanti nello sviluppo armonico di un bambino.. Sono fonte inesauribile di saggezza e creano nei primi anni dei più piccoli ricordi indelebili che porteranno nella loro memoria per tutta la vita.
 Non c'è niente di più bello che condividere del tempo con i nonni. Il potere di una chiaccherata davanti ad una tazza di tè, con le bustine realizzate dai nostri bambini, rende tutto ancora più speciale ️ Festa dei nonni 2022
Con questo messaggio la Maestra Federica Abate dell’Istituto “John Dewey” –comunica ai Genitori l’attività didattica realizzata in classe in preparazione alla festa dei nonni.
I bambini che vivono una scuola green e adottano l’outdoor education, svolgendo molte attività didattiche all’aperto, nei laboratori di operatività, secondo i principi pedagogici di John Dewey, hanno colorato il cartoncino con una grande tazza, dove all’interno hanno messo le bustine di tè. preparate con arte, maestria e tanto amore.

Giuseppe Adernò






L’urlo dei giovani per il clima e i diritti. In cammino per un’economia di pace, amica della terra

postato: 2022-09-27 15:00:00 da Andrea Oliva

Nel giorno del Global Strike for Climate, lo sciopero globale contro la crisi climatica, numerosi   sono stati i giovani che hanno manifestato per le vie e nelle piazze d’Italia.
 Lo slogan “Guardare il presente con gli occhi del passato e costruire il futuro alla luce dei valori”, risuona forte nell’iniziativa dei giovani che alimentano un sogno, una speranza dettata anche dalla rabbia e dal desiderio di pensare al domani.
La manifestazione Fridays for Future Italia raccoglie la sensibilità di tutti ed in particolare dei giovani che reclamano i loro diritti e chiedono alla politica e ai governanti attenzione, sostegno e rispetto.
 
CRISI CLIMATICA
La crisi climatica non è un evento casuale: il disastro della Marmolada, le alluvioni nelle Marche, la siccità, la crisi energetica conseguente alla guerra Russo-Ucraina con il caro bollette che mette in ginocchio moltissime famiglie, la morte di Giuseppe Lenoci, Lorenzo Parelli, e Giuliano De Seta, durante gli stage "formativi" per mancanza di tutele e sicurezza", sono le conseguenze  di un sistema produttivo ed economico sfruttatore che fa profitto sul pianeta e sulla vita delle persone"

Giuseppe Adernò