Benvenuto su Aetnanet.org

version 0.2 for Mobile




AetnaNet ha attivato il proprio canale su Telegram (è un'app di messaggistica focalizzata sulla velocità e sulla sicurezza che può essere installata su smartphone, ma anche sul personal computer https://telegram.org/).
Una volta installata l'app, basta cliccare su questo link https://telegram.me/aetnanet e dopo cliccare su Unisciti.
Si accettano proposte per attivare nostri canali monotematici, tipo Riforma, Esami di stato, Graduatorie, Mobilità, Precariato; indirizzare le richieste a telegram@aetnanet.org

Aetnanet.org offre consulenza gratuita per attivare soluzioni di didattica a distanza

postato: 2020-03-04 08:00:00 da Michelangelo Nicotra


Per supportare le scuole che vogliono attivare soluzioni di didattica a distanza nel periodo di chiusura legato all'emergenza coronavirus, AetnaNet.org fornirà alle scuole, consulenza gratuita per attivare piattaforme di e-learning (Moodle, Google Suite for Education, Office 365 Education A1) e piattaforme di webinar, Cisco Webex.

Contattateci su m.nicotra@aetnanet.org

Piattaforme: Edmodo, Easyclass, BSmart, WeSchool, HubScuola, Google Classroom, Continualascuola

Videoconferenza: Google Meet, Zoom, Framatalk

Risorse: RAI per la didattica, Treccani Scuola, Indire/Avanguardie educative, Risorsedidattiche.net


Scuola, Ministero: su mobilità ci sarà supporto per il personale con help desk e guida alla compilazione della domanda.

postato: 2020-03-27 11:17:05 da Andrea Oliva

Con riferimento alla mobilità 2020/2021 del personale della scuola (docenti, personale educativo e Ata) il Ministero dell’Istruzione fa sapere che ci sarà il massimo impegno per supportare i dipendenti coinvolti. Si lavora, infatti, a sistemi di aiuto per la compilazione delle domande. Si va dall’attivazione di help desk su base regionale, a una guida con le istruzioni dettagliate, per aiutare chi dovesse incontrare difficoltà.

Si ricorda che è già previsto, da anni, che la domanda sia compilata online, in versione digitale. Si tratta di una mobilità ordinaria, di una procedura che si verifica tutti gli anni, nel rispetto e sulla base del Contratto collettivo nazionale integrativo firmato dal Ministero con le organizzazioni sindacali. L’ultimo è stato siglato il 6 marzo del 2019, un anno fa. Sono procedure note. L’ordinanza ministeriale di ieri non fa che declinarne termini e modalità.

miur.gov.it



Scuola, Azzolina firma decreto: al via distribuzione 85 milioni per la didattica a distanza.

postato: 2020-03-27 08:05:00 da Andrea Oliva

La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha firmato il decreto ministeriale per distribuire alle scuole, in attuazione del decreto legge del governo ‘Cura Italia’, 85 milioni per il potenziamento della didattica a distanza.

Di questi, 10 milioni potranno essere utilizzati dalle istituzioni scolastiche per favorire l’utilizzo di piattaforme e-learning e per dotarsi immediatamente di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o per potenziare quelli già in loro possesso. Ponendo attenzione anche ai criteri di accessibilità per le ragazze e i ragazzi con disabilità. Altri 70 milioni saranno utilizzabili per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso gratuito, dispositivi digitali per la fruizione della didattica a distanza. I restanti 5 milioni serviranno a formare il personale scolastico.

miur.gov.it



Mobilità personale docente, educativo, ATA e insegnanti di religione cattolica a.s. 2020/2021

postato: 2020-03-27 08:00:00 da Andrea Oliva

Pubblicazione nota M.I. n. 6904 del 24/03/2020 - O.M. n. 182 del 23/03/2020 riguardante il personale docente e ATA - O.M. n. 183 del 23/03/2020 riguardante gli insegnanti di religione cattolica.

Allegati:
Download: (nota Ministeriale)
Download: (O.M. 182)
Download: (O.M. 183)


ct.usr.sicilia.gov.it


Sospesa Didamatica 2020

postato: 2020-03-25 12:05:00 da Andrea Oliva

A causa dell’emergenza sanitaria nazionale in corso, Didamatica 2020, programmata per il 6-7-8 maggio a Trieste presso l’Università degli Studi di Trieste, è sospesa.
Data la natura di questo convegno, che privilegia l’incontro e la relazione personale, abbiamo escluso l’ipotesi di proporlo online: continuiamo a pensarlo e viverlo come un appuntamento in presenza. Un momento che negli anni ci ha dato occasione di conoscerci, presentarci e discutere di didattica, di lavoro, di nuove metodologie e di innovazione, ma soprattutto di scuola, che è il luogo principe di trasmissione di conoscenza e sapere.
Data l’attuale situazione, non siamo in grado di dare oggi indicazioni per le nuove date, ma comunicheremo aggiornamenti appena ci sarà possibile. I lavori scientifici prodotti, che state realizzando o che avete già sottomesso, non andranno persi: la Call 4 Paper infatti resta aperta, in attesa di definire le nuove date. Continuate a seguirci sul sito e sui nostri canali social, per essere sempre aggiornati.
#andratuttobene
Il Presidente
Giovanni Adorni

https://www.aicanet.it/didamatica2020


Le domeniche in tempo di Coronavirus.

postato: 2020-03-25 12:00:00 da Andrea Oliva

E’ questa la terza domenica che costringe tutti a stare in casa, nel rispetto delle norme emanate dal Governo per limitare al massimo la diffusione del contagio, mediante il distanziamento sociale e le regole d’igiene e di pulizia per la persona e l’ambiente. Oggi, IV domenica di Quaresima, per la liturgia è la: “Dominica Laetare” per le espressioni dell’antifona d’ingresso: Rallegrati, Gerusalemme, e voi tutti che l’amate, riunitevi. Esultate e gioite, voi che eravate nella tristezza: saziatevi dell’abbondanza della vostra consolazione. E’ un invito alla gioia, un’apertura  alla speranza, una pausa nel cammino quaresimale verso la Pasqua e gli stessi  paramenti liturgici sono di colore rosa, quasi per stemperare il colore viola della penitenza. In questa Quaresima in quarantena tutto ciò non è possibile. Non si riesce a formulare espressioni di gioia, di esultanza. Quel “Rallegrati, Gerusalemme, e voi tutti che l’amate, riunitevi” è un’esortazione  veramente difficile da  realizzare, essendo costretti a stare in casa, spesso nella solitudine e distaccati dagli altri.


Giuseppe Adernò


LETTERA AGLI INSEGNANTI E DIRIGENTI. Una proposta durante il coronavirus: scrivere pensieri, riflessioni e quasi un diario che passi alla storia.

postato: 2020-03-25 11:55:00 da Andrea Oliva

Carissimi

In questo difficile momento di emergenza a causa della pandemia che ha colpito il mondo intero, sentiamo la solitudine e la tristezza, anche per le molteplici privazioni imposte dalle norme governative emanate per tamponare la diffusione del contagio.
Questa è la terza domenica che si trascorre in casa, senza contatti diretti con il mondo esterno e chi è abituato ad una vita di movimento, attività, d’impegni scolastici, sociali e culturali soffre tra le quattro mura di casa. Il celeberrimo conduttore dei programmi scientifici Piero Angela, in un’intervista sulla pandemia ha dato questo suggerimento: approfittare di questo periodo per scrivere la storia della propria vita, di creare questo documento prezioso che poi resterà per sempre come dono per tutta la famiglia. Io sarei felice di avere oggi un diario o un racconto dei miei nonni o bisnonni: le radici sono sempre importanti”.

Giuseppe Adernò


Tornerà la scuola a primavera con le rondini e le viole

postato: 2020-03-22 08:00:00 da Angelo Battiato

“Salve prof., volevo dirle che è un incubo stare qua, stare a casa e fare queste cose su Internet. Lo trovo ridicolo!”. La voce della verità! La voce del mio alunno, che l’altro giorno m’ha mandato questo messaggio “struggente, poetico e commovente”. Non riesco a trovare altri aggettivi per descrivere questa voce innocente, carica di malinconia e di nostalgia, di voglia di normalità e di giustizia. La poesia dell’età. Che vale più di mille circolari e comunicati di DAD (Didattica a Distanza), (ma poi  quanto siamo bravi a creare sigle e acronimi!), più di tante conversazioni in chat tra colleghi alle prese con nuove piattaforme e canali digitali. Si, la voce di Fulvio (nome di fantasia) risuonerà per molto tempo tra le scartoffie e il tablet di casa mia, e si spanderà tra le aule deserte del padiglione H e i nostri cuori di docenti, che battono all’unisono pieni di speranza e d’apprensione per i nostri alunni. E dove sono adesso i tuoi supereroi!? Dove sono Bat-Man, Super-Man, Spider-Man, Mazinga, Iron-Man, Capitan America, Wonder Woman, Thor!? Dove siete cari eroi della nostra migliore adolescenza!?

Angelo Battiato


L’Arcivescovo di Catania in preghiera nella cappella di Sant’Agata per la fine della pandemia.

postato: 2020-03-21 10:40:36 da Andrea Oliva

Una preghiera a Sant’Agata nella cappella che conserva le sacre reliquie in Cattedrale è stato il segno di devozione che l’Arcivescovo Salvatore Gristina ha compiuto sabato 21 marzo.
Solo, senza la partecipazione di fedeli, secondo le disposizioni governative, l’Arcivescovo ha pregato a nome di tutti i catanesi devoti della concittadina Martire  Agata.

O amata nostra Sant’Agata, tu che hai sperimentato l’assistenza del Signore durante le sofferenze del martirio, ottienici abbondanza di fede e di speranza. T’invochiamo per le nostre famiglie, le persone anziane, i bambini e i giovani della nostra Città e del territorio che tante volte hanno sperimentato il tuo potente patrocinio. Aiutaci a stare vicini, anche con i mezzi di comunicazione, a tutti e particolarmente alle persone che soffrono per la solitudine o che si sentono abbandonate.

Giuseppe Adernò



Teleavviciniamoci. L’esperienza di didattica a distanza dell’Istituto comprensivo 'San Giovanni Bosco'

postato: 2020-03-20 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

Nella consapevolezza che la scuola è un “ambiente di apprendimento” creativo e altamente educativo, in cui lo “spazio” fisico deve avere delle connotazioni umane, esperenziali e relazionali, al fine di mantenere un legame di valore con gli studenti, in questi giorni di difficoltà che tutta l’Istituzione Scuola nazionale sta vivendo, l’Istituto comprensivo “San Giovanni Bosco” di Catania ha sin da subito messo in atto modalità concrete per tenere vivo il rapporto con i propri alunni e alimentare quello “spazio educativo” che non è più fatto di routine scolastica, presenza attiva, coinvolgimento personale e diretto. Lavorando sempre in stretta collaborazione tra loro, i docenti, rispondendo all’immediato stimolo proposto dal Dirigente Scolastico prof.ssa Valeria Pappalardo, dall’animatore digitale e dal team dell’innovazione digitale, si sono adoperati per attivare modalità di “didattica a distanza”, utile a colmare il “tempo vuoto” della didattica, mettendo on line un sito di Istituto “DIDANZAhttps://sites.google.com/sgboscoct.edu.it/didanza/home-page avente l’obiettivo di non lasciare soli gli alunni, di essere presenza concreta e attiva nella costruzione dei loro saperi e delle loro conoscenze.

Patrizia Zappalà


Aspettiamo Primavera - Un self, un messaggio di speranza per allontanare la paura

postato: 2020-03-19 09:45:23 da Andrea Oliva

La primavera è arrivata, e con un giorno di anticipo, essendo un anno bisestile. Restando  a casa non si percepisce, ma è arrivata veramente.
Come diceva Giorgio La Pira “I giovani sono come le rondini, annunciano la primavera”.
Ora la primavera è alle porte ed il calendario non è soggetto alle norme restrittive del DPCM .

Il Presidente del Parlamento della legalità internazionale, Nicolò Mannino, ha lanciato un invito rivolto a tutti i cittadini, in modo particolare ai giovani, agli studenti:  realizzare un self, un appello al positivo, un messaggio che sa' di bellezza e di fresco profumo di speranza e piazzarlo sui social per allontanare i segni della paura  e dell’angoscia.
Si estende l’invito ai Ragazzi Sindaci e dei Consigli comunali dei ragazzi per essere sempre promotori di messaggi positivi nell’ottica della ricerca del bene comune.

Venerdi 20 marzo “aspettando primavera“ con ciò che di bello, di vero, di positivo abbiamo nel nostro cuore.  condividiamo-proviamoci.
In queste ore tanti giovani dalla Lombardia alla Sicilia stanno facendo sentire il loro appello e chiedono "vita".
La primavera, rompe il silenzio, spezza le catene della paura ed è un messaggio di vita : è l'amore che vince su ogni morte.

Giuseppe Adernò



Invocare Sant’agata

postato: 2020-03-18 14:00:00 da Giuseppe Adernò

Il gesto simbolico del Papa che ha lasciato il Vaticano in forma privata e si è recato in visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, Salus populi Romani e poi alla chiesa di San Marcello al Corso, dove si venera il Crocifisso miracoloso che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città perché finisse la ‘Grande Peste’ è modello da riproporre in tutte le diocesi. La devozione a Sant’Agata per i Catanesi fa parte del DNA e la benedizione con il Sacro Velo rafforza la fede, la fiducia in Dio, aiuta a vincere la paura e l’egoismo che in questo momento rende tutti sospettosi e insicuri degli altri.La miracolosa Vergine e Martire che ha salvato e protetto la sua città dalla lava, continuerà a proteggerla e difenderla dal coronavirus. Come avvengono tanti flash mob, nei quali pur restando a casa, si comunica, e si mostra una presenza e una condivisione, affacciati ai balconi, perché non consentire il passaggio della Reliquia e offrire un’occasione di preghiera per tanti che trascorrono le giornate nel vuoto, assorbiti dall’insoddisfazione e dall’incertezza?

Giuseppe Adernò


Emergenza sanitaria da nuovo Coronavirus. Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza

postato: 2020-03-18 10:00:00 da Michelangelo Nicotra

È disponibile, sul sito del Ministero dell’Istruzione, la nota inviata alle scuole con le prime indicazioni operative per le attività di didattica a distanza.
Cosa si intende per didattica a distanza, la questione della privacy, la progettazione delle attività, l’attenzione agli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, la valutazione delle attività didattiche a distanza: questi i temi trattati dalla nota su cui il Ministero sta lavorando da giorni per offrire chiarimenti e supporto alle istituzioni scolastiche.
*****************************

Carissimi,
l’emergenza sanitaria che l’Italia sta attraversando ha reso necessari, nell’arco di pochi giorni, provvedimenti che richiedono al Dirigente scolastico, nell’ambito del più ampio esercizio delle sue prerogative, di “attivare per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità”. Non si tratta, voglio sottolinearlo, di un adempimento formale, perché nulla di meramente formale può essere richiesto in un frangente come questo. Occorre ritornare, al di fuori della logica dell’adempimento e della quantificazione, alle coordinate essenziali dell’azione del sistema scolastico.


“Professoresse ci mancate” “Non ho mai parlato così tanto col mio prof”. In tempo di coronavirus scuola della relazione.

postato: 2020-03-18 09:42:18 da Andrea Oliva

La scuola nei giorni del coronavirus è una chiusa, ma è “scuola diversa” che, oltre a riscoprirsi “Comunità educante”, proprio perché limitata nelle attività didattiche, appare sempre più viva e dinamica, importante e indispensabile per la formazione degli studenti. La scuola, infatti, non è l’edificio o l’aula, ma sono le persone che ne fanno parte ed insieme collaborano perché  l’alunno cresca, diventi uomo, apra i suoi occhi al vero e scopra la dimensione dei valori “. Il ben noto professore e scrittore Alessandro D’Avenia ha ribadito ancora che “la scuola è il luogo delle relazioni tra le persone, insegnanti e studenti, e queste proseguono, seppure mediate dai dispositivi elettronici”. Le lezioni non hanno la scansione oraria al suono della campanella, ma sono attive e dinamiche, sollecitando un contatto diretto ed uno scambio di pensieri, idee e progetti. Registrare tra gli studenti la “nostalgia della scuola” è un segno di alta qualità e consente di apprezzare e riconoscere alla scuola la significativa valenza sociale di crescita e di sviluppo armonico e integrale della persona umana, dello studente che si prepara ad essere cittadino ed ha bisogno di una guida.

Giuseppe Adernò


Uno sforzo corale per non far fermare la scuola. Nota unitaria di CISL Scuola, FLC CGIL, UIL Scuola RUA, SNALS CONFSAL, GILDA Unams.

postato: 2020-03-17 10:25:29 da Andrea Oliva

Il periodo che stiamo attraversando è uno dei più difficili e drammatici della storia repubblicana ed è per questo che dobbiamo stare vicini alle nostre allieve e ai nostri allievi. L’emergenza in atto va superata e, per farlo, occorrono unità e condivisione da parte di tutte le componenti della comunità scolastica, agendo nell’ambito dei contratti e delle norme vigenti, sia pure in una situazione del tutto straordinaria. Per questo, considerato il prolungarsi della situazione di emergenza senza che siano, ad oggi, prevedibili i tempi della sua durata, va posto in essere ogni sforzo per garantire, nelle forme possibili, le attività didattiche ai nostri allievi. La didattica a distanza, che in condizioni ordinarie non può essere sostitutiva di quella in presenza, non ha consolidati riferimenti normativi, né precedenti, salvo che per alcune casistiche, come quella attivata per l’istruzione domiciliare, che prevede necessarie garanzie a tutela dei docenti e dello studente.

Flc  CGIL Francesco Sinopoli - CISL Scuola Maddalena Gissi
UIL Scuola Rua Giuseppe Turi - SNALS  Confsal Elvira Serafini
GILDA Unams Rino Di Meglio




Originale messaggio del Sindaco dei ragazzi di S Agata Li Battiati.

postato: 2020-03-16 10:22:00 da Andrea Oliva

robot "Nella difficoltà sta emergendo il meglio dell’intera comunità scolastica, l’unità, la responsabilità collettiva e la fiducia nel fatto che insieme ce la faremo. Nei prossimi giorni con MIUR Social ve lo racconteremo. Abbiamo deciso di condividere con voi le migliori esperienze di didattica a distanza, le storie delle scuole, degli insegnanti e degli studenti che stanno proseguendo gli studi in una situazione senza precedenti. La dimostrazione di quel senso di appartenenza che ci sta unendo.
Vi chiedo di continuare a scriverci, a raccontarci le vostre esperienze di didattica a distanza pubblicandole sui vostri social con l’hashtag #LaScuolaNonSiFerma. Intanto oggi ringrazio Nicola della V primaria del Circolo Didattico Sant’Agata Li Battiati di Catania per il bellissimo video che mi ha fatto pervenire."  VIDEO


Con questo messaggio il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina
ha aperto un sito nel quale ospita le originali iniziative realizzate nelle scuole ed ha iniziato con il video messaggio che Nicolò Villani, il sindaco dei ragazzi del Circolo didattico di Sant’Agata Li Battiati, con le guida della docente referente Rossella Pedalino, ha inviato ai suoi compagni per rassicurarli che tutto andrà bene. Ha raccomandato di stare a casa, studiare, giocane e leggere. Tutti insieme ce la faremo: #ioresto a casa.

Soddisfatta la dirigente dell’Istituto, Patrizia Pittalà, la quale ha molto apprezzato l’impegno e la professionalità di tutti i suoi docenti nell’essere vicini e presenti ai ragazzi in questa difficile contingenza di sospensione delle attività didattiche.
Un particolare plauso ai genitori che seguono i figli con attenzione e rendono queste giornate utili per la crescita culturale anche attraverso forme alternative alle tradizionali lezioni.
Mentre tanti ragazzi disegnano arcobaleni di speranza e li espongono dai balconi, presso l’Istituto paritario “S. Maria della Mercede- Padre Giuliano” le lezioni delle maestre vengono veicolate dal robot Nao che aiuta i ragazzi a studiare
, ed in questo video spiega la prevenzione da virus. VIDEO

Giuseppe Adernò





Emergenza coronavirus: la stanza dell’ascolto

postato: 2020-03-15 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

La nostra vita è cambiata: improvvisamente le abitudini, i ritmi, gli spazi usuali sono stati stravolti a causa di un’emergenza sanitaria che mai avremmo immaginato ed adattarsi a tutto ciò non è facile, soprattutto per chi ancora non ha gli strumenti, forniti anche dalla maturità e dall’esperienza, che consentano di affrontare un nuovo e imprevisto modo di vivere e i timori che ne derivano. Per questo motivo, grazie all’iniziativa della Dirigente Scolastica, prof.ssa Elisa Colella, si è deciso di creare una dimensione di ascolto a distanza per le studentesse e gli studenti del Liceo Cutelli, che sentissero la necessità di fare domande e ricevere risposte da parte di specialisti esperti: da lunedì 16 marzo p.v. sarà attiva la classroom “Sportello d’ascolto a distanza”, ambiente virtuale in cui gli alunni interessati potranno incontrare gli psicoterapeuti Giancarlo Costanza, Egle Giardina, Tilde Motta, Agatella Vecchio.

La Dirigente Scolastica
Elisa Colella


Giordano Bruno, la tempesta del dubbio e gli infiniti mondi. Un’intervista possibile

postato: 2020-03-14 10:00:00 da Angelo Battiato

“I miei occhi sono puntati dritti al Vaticano! Guarderò in faccia per sempre quegli uomini vestiti di nero! E i papi devono stare attenti a parlare di “male e di genocidio”, perché il primo genocidio della storia lo ha commesso la chiesa di Roma. Il male non si misura con la matematica! Ditemi voi, chi fa più male, chi uccide un milione di persone, chi ne uccide sei milioni, o chi ne uccide uno solo!? E’ più ladro chi ruba cento denari o chi ruba un semplice baiocco!? E lo dico io che sono stato massacrato da Santa Romana Chiesa. E mai lo dimenticherò!”.
E’ un fiume in piena Giordano Bruno, reduce dall’ultimo “duro” interrogatorio dai giudici della Santa Inquisizione romana. Lo incontro, quasi di nascosto, nella penombra della sua cella, è molto provato, stanco, parla con un fil di voce, l’ultimo “colloquio” con i suoi accusatori lo ha sfiancato, ma conserva ancora tanta serenità, tanta forza d’animo e desiderio di lottare e di dimostrare la sua totale innocenza. E’ veramente un grande uomo, come pochi, al giorno d’oggi…

Angelo Battiato


La didattica a distanza dall’emergenza un’opportunità.

postato: 2020-03-13 08:00:00 da Andrea Oliva

Sono giorni particolari quelli che stiamo vivendo e non solo per l’eccezionalità del problema, ma perché per la prima volta ci stiamo tutti interrogando sulla valenza dei sistemi di riferimento e sulla priorità di valori sociali rispetto a quelli economici. Ma una volta appurato che è meglio per tutti STARE A CASA cosa si può e di deve fare per mantenere quella rete di relazioni che ci fa sentire vivi e fiduciosi nel fatto che da questa situazione se ne può venire fuori fortificati e con una prospettiva diversa rispetto al futuro?
Nel settore di cui mi occupo la scuola, sono infatti docente di lettere nella scuola media e insegno a Catania presso la scuola secondaria di primo grado Dante Alighieri, le indicazioni ministeriali sono state da subito orientate verso l’applicazione della didattica a distanza. Fiduciosi del fatto che da anni grazie all’introduzione del PNSD, molte scuole hanno già una base, sia strumentale che di risorse umane, da cui poter partire si è attivato in maniera massiva questo canale in considerazione soprattutto del fatto che gli interlocutori, i ragazzi, gli alunni sono già nutriti di tecnologia e non hanno certo difficoltà a connettersi con quanto gli viene loro proposto.

prof. Lorenzo Bordonaro


Una lettera per pensare e imparare ad amare

postato: 2020-03-12 12:40:16 da Andrea Oliva

In risposta alla Lettera aperta “Adesso Amati” che il prof. di Religione, Nicolò Mannino, presidente del Parlamento della Legalità Internazionale, che ha sede a Monreale (Palermo), ha indirizzato agli adolescenti e ai giovani per aiutarli a pensare, Alcuni Ragazzi Sindaci, dei Consigli Comunali e delle Ambasciate della legalità hanno cominciato a rispondere inviando socializzando i loro pensieri. 
Ecco cosa scrive Maddalena Ambrosi, Sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi di Zevio.
Alunna della Classe 3°A nella Scuola media Altichiero da Zevio (Verona)
“ Dopo aver letto questa lettera, nella mia mente, ho pensato e ripensato alla parola “amare”. 
Mi ha fatto comprendere che l'amore verso gli altri parte dall'amare se stessi accettandosi e volendosi bene per ciò che si è.

I rapporti umani vanno oltre a un messaggio su WhatsApp o a una foto su Instagram e, anche se ho quattordici anni e sto vivendo nel periodo della rivoluzione tecnologica, mi rendo bene conto che l'amore sta in un bacio, in un abbraccio e in parole che vengono dal cuore.
Amarsi vuol dire volersi bene e volersi bene ti aiuta a voler bene agli altri!
Cercherò di amarmi come i miei genitori amano me ed è proprio grazie a questo che imparerò a mettere le mie qualità a disposizione del prossimo!
Grazie infinite per questa lettera


Giuseppe Adernò

 



Scuola a distanza: La Rai insegna al tempo del Coronavirus.

postato: 2020-03-09 14:02:00 da Andrea Oliva

Essendo sospese le attività didattiche i ragazzi non possono restare nell’ozio o nel vago “dolce far nulla”. E’ necessario che la loro intelligenza venga stimolata da nuove conoscenze e guidata verso significativi apprendimenti. Alle lodevoli iniziative di lezioni on line messe in atto da dinamici e attivi docenti che sentono forte il bisogno di aiutare i propri alunni nel processo di crescita e di formazione si aggiunge anche un valido supporto didattico promosso dalla Rai.  Sul sito di Rai Scuola (www.raiscuola.rai.it) e sul Portale Rai Cultura, è presente la suddivisione per materie ed argomenti: Letteratura, Arte, Scienza, Matematica, Mondo digitale, Costituzione Italiana, Economia, Musica, Lingua e letteratura inglese. Dal 9 marzo sui canali (146 Dt, 133 di Tivusat e 806 di Sky Italia, all’interno della nuova sezione Scuola2020 (www.raicultura.it/speciali/scuola2020) e su Rai Scuola Sono state programmate dieci puntate di “Scuola@casa” rivolte agli insegnanti, ai genitori e agli studenti.

Giuseppe Adernò


#Lascuolanonsiferma Il Liceo Classico Mario Cutelli affronta l’emergenza. Le nostre scelte

postato: 2020-03-08 07:00:00 da Michelangelo Nicotra

La decisione del Governo di disporre, fino al prossimo 15 marzo, la sospensione di tutte le attività didattiche della Scuola e delle Università ci ha indotto ad intraprendere tutte le misure necessarie ad assicurare la continuità della funzione educativa della nostra istituzione, che da sempre garantisce innanzitutto la presenza costante di un punto di riferimento per una comunità ampia e coesa. L'Istituto Cutelli, facendo proprie le indicazioni del MIUR, ha prontamente avviato lo smart working e attivato per tutte le 46 classi percorsi di didattica a distanza. Sappiamo che la scuola risponde all’esigenza fondamentale della relazione, del confronto e della comunicazione in presenza, ma questa crisi ha richiesto una riflessione approfondita su problematiche diversamente complesse. In particolare, il docente è chiamato a coinvolgere gli studenti in modo altro dalla lezione frontale, usando strumenti tecnologici, piattaforme digitali, a cui non tutti sono avvezzi.

#Lascuolanonsiferma. Manifesto della scuola che non si ferma


La CISL Scuola Catania incontra l’Arcivescovo di Catania Mons. Gristina.

postato: 2020-03-07 14:10:05 da Andrea Oliva

Venerdì, 6 marzo 2020, un gruppo di coordinatori IRC della CISL di Catania, accompagnati dal Segretario generale CISL scuola Prof. Ferdinando Pagliarisi, è stato ricevuto dall’Arcivescovo di Catania Mons. Gristina.
Il Segretario ha esordito nel ricordare come questa O. S. si fonda sui principi etici e morali del Cristianesimo, traendo da questo la sua ispirazione per la propria azione. Ha continuato ribadendo che proprio per questo si auspica una maggiore e sempre più proficua collaborazione con la Chiesa per perseguire sempre più il bene del personale della scuola. Infine ha presentato la nuova figura, per la Sicilia, del Responsabile regionale CISL dei docenti di Religione Cattolica, individuato nella persona del Prof. Carmelo Mirisola che da sempre si è occupato delle problematiche di questa categoria di docenti.

redazione@aetnanet.org




Educazione e Social nel periodo del Coronavirus. Nostalgia di scuola.

postato: 2020-03-07 13:16:53 da Andrea Oliva

In queste settimane, il coronavirus sta spaventando un po’ tutti, anche se razionalmente possiamo comprendere che, ad oggi, la situazione è sotto controllo.
La chiusura delle scuole, la limitazione d’incontri e convegni, le dettagliate e rigorose indicazioni emanate dal Governo e dalla Protezione civile, stanno creando un clima di forte tensione emotiva dettata dalla paura, da una psicosi d’incertezza e di mutamento delle tradizionali forme di relazione sociale e civile.
Il saluto, la stretta di mano e l’abbraccio e poi ancora le poltroncine distanziate, le condoglianze ai funerali, l’acqua benedetta in chiesa, la comunione nella mano, le messe in TV, ed infine le lezioni a distanza sono tutti segni d’innovazione, volti a mutare lo stile di relazione tra le persone.
Questo momento di emergenza, che sollecita unità e convergenza da parte di tutte le forze politiche e di tutti i cittadini con un forte senso di responsabilità, come ha sollecitato il Presidente della Repubblica, impegna gli educatori ed i genitori a compiere specifiche azioni e finalizzati interventi.


Giuseppe Adernò



Il Virus, la Politica, la Scuola: una riflessione dall’'interno'

postato: 2020-03-06 16:00:00 da Michelangelo Nicotra

Sino ad un paio di mesi or sono, per noi Europei le “epidemie” erano poco più che un’immagine astratta, relegata a specifiche emergenze sanitarie dei Paesi in via di sviluppo, oppure,  ̶  nella migliore delle ipotesi ̶ evocava reminiscenze letterarie: la “Peste” manzoniana, quella del Decameron, l’epidemia che afflisse i Romani in Età repubblicana, narrata da Tito Livio, o quella di Età antonina nella cronaca di Dione Cassio; ed ancora, la peste che imperversò in Grecia durante la Guerra del Peloponneso e rievocata nelle pagine di Tucidide e nei versi di Lucrezio; sino ad altre e metaforiche descrizioni di terribili morbi nei racconti di Edgar Allan Poe o ne La Peste di Albert Camus, ove la malattia morale del nazifascismo assume le spettrali sembianze dell’affezione fisica degli abitanti di Orano; per concludere con la peste del romanzo Il re di Girgenti del Nostro amatissimo Andrea Camilleri. Sappiamo come la fantasia fervida degli artisti di frequente viene superata dalla realtà. Nel torno di due mesi appena ci vediamo coinvolti in prima persona in una emergenza di cui non è pronosticabile lo sviluppo e, tanto meno, la conclusione.

prof.ssa Maria Làudani
IIS - Liceo Classico “Mario Rapisardi” Paternò


La scuola ai tempi del coronavirus

postato: 2020-03-05 09:00:00 da Angelo Battiato

Mi accorgo che ci sei, proprio quando non ci sei ed allora ti vorrei”, recitava una canzone d’alcuni anni fa. “Tannu si chianci l’amicu, quannu si perdi e non si trova cchiù!”. Ed è proprio vero! Ci accorgiamo d’una persona, di una “presenza”, di “qualcuno”, ci rendiamo conto di volerla, di desiderarla, di amarla, proprio quando ci manca, quando ci viene tolta, quando ci viene portata via, a volte improvvisamente, per una causa sconosciuta e fastidiosa, per un motivo oscuro e spiacevole. O peggio ancora, per paura. Come in questi giorni che ci hanno “sottratto” (si fa per dire) la scuola e il lavoro, con un semplice, e sofferto, colpo di penna. E così all’improvviso si rompe quel sublime giogo della normalità, ad un tratto, quel terreno tanto caro e tanto faticoso della quotidianità, scivola via e sprofonda sotto i nostri piedi, che ignari cercano ancora “quel porto sicuro”, quel sottile equilibrio tra il “dare e avere”, quel tran tran che si chiama “vita”.

Angelo Battiato


La conferma del governo: chiuse scuole e università

postato: 2020-03-04 18:00:00 da Michelangelo Nicotra

Il governo chiuderà scuole e università fino al 15 marzo. È una delle misure per far fronte all’emergenza coronavirus, discussa dall’esecutivo in una riunione in tarda mattinata a Palazzo Chigi e confermata in una conferenza stampa dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che in precedenza aveva frenato su questa possibilità. In giornata è atteso un nuovo decreto che fornirà ulteriori misure per il contenimento sanitario. L’ultimo aggiornamento del capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, porta a oltre 3mila il numero delle persone contagiate in Italia (3089). Di queste, “2706 sono i contagiati attivi in Italia, di cui 1344 ricoverati e 295 in terapia intensiva“. Le vittime dell’epidemia sono 107 (il 3,47%, in lieve aumento rispetto al 3,15% di ieri), mentre è salito sia in termini assoluti che percentuali il numero dei guariti: sono 276 (l’8,94%).

ilfattoquotidiano.it


Aetnanet.org offre consulenza gratuita per attivare soluzioni di didattica a distanza

postato: 2020-03-04 08:00:00 da Michelangelo Nicotra


Per supportare le scuole che vogliono attivare soluzioni di didattica a distanza nel periodo di chiusura legato all'emergenza coronavirus, AetnaNet.org fornirà alle scuole, consulenza gratuita per attivare piattaforme di e-learning (Moodle, Google Suite for Education, Office 365 Education A1) e piattaforme di webinar, Cisco Webex.

Contattateci su m.nicotra@aetnanet.org

Piattaforme: Edmodo, Easyclass, BSmart, WeSchool, HubScuola, Google Classroom, Continualascuola

Videoconferenza: Google Meet, Zoom, Framatalk

Risorse: RAI per la didattica, Treccani Scuola, Indire/Avanguardie educative, Risorsedidattiche.net


La sindrome dello spettro autistico: dialogo inter-istituzionale

postato: 2020-03-04 07:34:04 da Michelangelo Nicotra

Giovedì 12 marzo, nell'ambito delle BESt initiatives promosse dal Liceo Classico Mario Cutelli di Catania, avrà luogo presso l'Aula Magna di via Firenze 202, il Convegno dal titolo: La sindrome dello spettro autistico: dialogo inter-istituzionale, seguito nel pomeriggio e nell'intera giornata di venerdì 13 dal workshop tenuto dal prof. Lucio Moderato, dell'Università Cattolica di Milano, psicologo e psicoterapeuta, Direttore dei servizi per l'Autismo-Fondazione Sacra Famiglia. Il tema scelto, con particolare attenzione al termine "dialogo inter-istituzionale" ha permesso di raccogliere quanto di meglio il territorio può offrire.
download locandina
Elisa Colella
Dirigente Scolastica


LETTERA ai ragazzi Sindaci e del CCR, agli adolescenti, ai giovani

postato: 2020-03-03 09:37:19 da Andrea Oliva

Nicolò Mannino

Dove la cronaca di violenza non risparmia nessuno, la psicosi da coronavirus riempie la rete e i social, ecco un messaggio di speranza e di ottimismo indirizzato a quanti rifiutano la sub cultura dell'odio e della violenza e si mettono in gioco per dare colore alla propria quotidianità. 
Allego la lettera aperta che il prof. di religione, Nicolò Mannino, presidente del Parlamento della Legalità internazionale ha indirizzato principalmente agli adolescenti, ai giovani per aiutarli a pensare.
Riflettere sul messaggio che contiene aiuta a crescere e a diventare grandi.   
Buon cammino verso la Pasqua con in mano l'aquilone dei sogni.
I giovani, come diceva Giorgio Lapira "sono come le rondini, annunciano la primavera".

download: Lettera Nicolò Mannino

Giuseppe Adernò 



Il 'virus' della paura

postato: 2020-03-02 19:00:00 da Michelangelo Nicotra

La paura è, com'è noto, una pulsione ancestrale del genere umano, è un impulso ferino ed irrazionale, preesistente ad ogni stadio della civiltà e a qualsiasi forma di cultura e di raziocinio, è un elemento insito nella stato di natura animale ed è riconducibile all'istinto più antico e primordiale di auto-conservazione della specie. La paura discende da un sentimento più che naturale, ossia il terrore inconscio ed incontrollabile della morte. Perciò, la paura è una pena che si sconta e si vince vivendo. Sin dai suoi lontani primordi, l'umanità ha imparato (per una necessità insopprimibile, e non per volontà) a convivere con lo sgomento destato dalla furia naturale e dalle sue terribili manifestazioni più frequenti: tuoni e fulmini, terremoti, eruzioni vulcaniche ed altri cataclismi. Nel corso dei millenni della preistoria, l'uomo ha provato ad esorcizzare la paura, cercando di interpretare i vari fenomeni fisici come eventi soprannaturali di origine divina. In tal modo sono sorte le antiche religioni mitologiche che affondano le loro radici nei timori più ancestrali e remoti dell'umanità.

Lucio Garofalo


Coronavirus: effetti collarerali sulle scuole

postato: 2020-03-02 16:00:00 da Michelangelo Nicotra

Ci voleva il Coronavirus per rilanciare la formazione a distanza e l'e-learning. Dispiace dover notare che, anche questa volta, le dichiarazioni del Ministro Azzolina siano all'insegna della superficialità, per giunta venata da un certo trionfalismo. Abbiamo le scuole chiuse? Niente paura, attiveremo modalità alternative di erogazione delle lezioni. Afferma Azzolina: «Abbiamo già istituito una task force per garantire la didattica a distanza. Il materiale è disponibile, e stiamo preparando una piattaforma dove caricare i contenuti» e poi: «Il Nord Italia è ben attrezzato per rispondere a queste esigenze, ci sono molte scuole che la fanno già. C’è una scuola produttiva, e dove ci sono delle difficoltà arriveremo, la nostra task force andrà a fare formazione ai docenti per iniziare immediatamente con la didattica a distanza» E quando pensa di agire la task force, visto che, probabilmente, tra un paio di settimane l'emergenza sanitaria sarà finita? Insomma, in questo momento caratterizzato dal trionfo delle parole in libertà, anche la ministra Azzolina non vuole essere da meno. Qualunque sia la valutazione che si voglia dare dell'e-learning e della Formazione a Distanza (che, sotto forma di acronimo (FAD), ha già dato parecchio fastidio in tempo di pace, per esempio nei corsi di studio serali) una cosa è certa: anche la forma più scontata e corriva di formazione a distanza non si improvvisa.

Giovanna Lo Presti
CUB Scuola Università Ricerca


Delirio da coronavirus 'Non abbiate paura'

postato: 2020-03-02 13:15:08 da Andrea Oliva

La psicosi del virus ha infettato la società in tutti gli aspetti e nelle sue molteplici dimensioni. Insieme ai pochi ammalati contagiati si registra il crollo dell’economia, del commercio, del turismo, della serenità familiare, della vita ordinaria e normale, delle attività e dei progetti scolastici e persino la dimensione religiosa è stata intaccata da un terribile virus che non si era mai verificato nella storia. In questi giorni abbiamo assistito alla chiusura delle chiese, luogo di preghiera e di speranza, che non dovrebbero essere equiparati ad un cinema o ad un teatro.
Non celebrare la Messa, che rinnova il sacrificio della Croce e realizza un ponte tra l’uomo e Dio, significa aver perso la fiducia nel divino e nel soprannaturale. Valorizzare il “digiuno eucaristico” è come indorare una pillola amara, che resta tale.

Giuseppe Adernò



Il coro interscolastico di voci bianche alla Carmen di Bizet

postato: 2020-03-01 10:04:40 da Michelangelo Nicotra

I ragazzi del Coro interscolastico di voci bianche hanno vissuto da protagonisti il fascino della prima della Carmen che ha inaugurato la stagione lirica del Teatro Massimo "V. Bellini" di Catania. Vivaci, dinamici, spontanei nei movimenti hanno preso parte alla festa nella piazza di Siviglia, marciando come piccoli soldatini al primo atto e alla festa della corrida con il torero Escamillo al quarto atto. Diretti magistralmente dalla M° Daniela Giambra hanno cantato in lingua francese il testo dell'Opera che trasmette valori e messaggi sempre attuali e rispondenti ai bisogni della società di oggi: l'amor materno, le conquiste d'amore, la ricerca di gloria, la violenza, il femminicidio. Il coro di voci bianche  che porta il nome del "Cigno catenese", si è costituito nel 2010 presso la scuola "Parini" diretta dal preside Giuseppe Adernò, il quale, accogliendo la disponibilità della M° Daniela Giambra, corista del Bellini,  ha sostenuto la formazione del coro e nel corso degli anni è cresciuto sempre più e non solo per il  numero di coristi, ma ancor più  in qualità e professionalità canore che i Maestri Daniela Giambra e Alessandro Vargetto, coristi del Bellini.

redazione@aetnanet.org


Il ponte dell’amicizia dal Veneto alla Sicilia. Gemellaggio tra gl’Istituti Comprensivi T. Vecellio di Sarcedo (VI) e Card. G. B. Dusmet di Nicolosi (CT)

postato: 2020-02-29 07:00:00 da Michelangelo Nicotra

Momenti ricchi cultura all'I.C. Statale "Cardinale G.B. Dusmet"di Nicolosi, dal 20 al 24 febbraio, dove si è celebrato il gemellaggio, "Il Ponte dell'Amicizia", con l'Istituto Comprensivo "T. Vecellio" di Sarcedo (VI). Presso la sede di Via Monti Rossi la Scuderia Salvatore Bonanno di Nicolosi ha curato fin nei minimi dettagli un'intensa carrellata di colori e folklore che ha visto come protagonisti i "Carretti Siciliani"e i cavalli bardati accompagnati da un Gruppo Musicale folkloristico, in una mostra allestita per l'evento ed illustrata dall'attore Nino Bonanno. Proprio i colori caratteristici hanno dato il benvenuto alla Dirigente Irene Bracone, all'Assessore di Sarcedo Maria Teresa Campese, ai ragazzi e ai loro docenti - Giuseppe Puglisi (promotore del progetto didattico), Cristiana Vinco, Lorena Salbego, Alessandra Fabris, Alberto Montagna - subito seguiti dai saluti del Sindaco di Nicolosi Angelo Pulvirenti, dal Sindaco CCR Ninì Platania, dal Dirigente Scolastico Salvatore Musumeci e dall'Assessore Letizia Bonanno, che ha donato agli ospiti una monografia, curata dal preside, "Conoscere Nicolosi, Porta dell'Etna", ....

Maria Luisa Chiarenza


Un Melograno al Marconi per ricordare il coraggio di Graziella

postato: 2020-02-28 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

Ricordare. La memoria ha un grande compito e noi dobbiamo aiutarla a portarlo a termine. Si può ricordare in tanti modi. Si può ricordare per abitudine, per amore, per odio e si può ricordare per crescere, per fare tesoro dell'esperienza passata e scegliere, di conseguenza, come organizzare il proprio futuro. Ed è principalmente per quest'ultimo motivo che la scuola IIS Marconi Mangano, diretto dal preside Egidio Pagano, sceglie ogni anno di dedicare parte delle attività formative per gli studenti a temi del passato che però hanno un valore nel presente ed un rapporto stretto e diretto con il mondo di oggi. Per questo motivo gli studenti della 4F guidati dalla professoressa Giovanna Nastasi hanno aderito al progetto, giunto ormai alla sua quinta edizione, Un Giardino delle Giuste e dei Giusti, voluto dalla Fnism-Catania con Toponomastica femminile. E non è un caso che la scelta di dedicare la piantumazione di un albero nel giardino della scuola sia caduta sul nome della partigiana catanese, Graziella Giuffrida.

Lucia Andreano
docente referente comunicazione


Ragazzi Sindaci di Enna in Prefettura incontrano Don Luigi Ciotti

postato: 2020-02-28 07:00:00 da Andrea Oliva

Alunni, docenti, dirigenti, autorità civili e militari provenienti da tutta la provincia di Enna, accolti dalla sorridente padrona di casa, il 21 febbraio riempiono rapidamente la sontuosa sala della Prefettura di Enna. Tra tutti spiccano le fasce tricolore dei Ragazzi sindaci dei Consigli Comunali delle scuole della provincia di Enna. Il Consiglio Comunale dei Ragazzi è un ambizioso progetto, avviato nel 1993, coordinato a livello regionale dal lungimirante Preside Giuseppe Adernò, con la finalità di promuovere la partecipazione attiva e democratica degli studenti alla scuola "piccola città", palestra di formazione per una "politica che ricerca il bene comune". Saluti e immancabili foto animano l'attesa...poi arriva Don Luigi Ciotti, grandissimo nella sua umiltà. Nel silenzio improvviso risuonano le sue parole. Il suo emozionante racconto parte dagli anni '60, dalla fondazione del Gruppo Abele, per l'inclusione e la giustizia sociale per i tossicodipendenti e le loro famiglie, fino ad arrivare agli anni '90: l'impegno contro il potere mafioso, il mensile "Narcomafie" e nel 1995 Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafia. In una narrazione dimessa, appassionata e appassionante.

Cinzia Giuffrida (dirigente)
Lorena Di Marco (referente CCR)
dell'IC "E. Fermi" di Catenanuova e Centuripe


Dove va la scuola italiana? Ernesto Galli della Loggia a Catania

postato: 2020-02-27 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

Se ne discuterà venerdì 6 marzo all'Istituto "Francesco Ventorino" di Catania con il prof. Ernesto Galli della Loggia, autore de "L'aula vuota". L'incontro, organizzato dalla Fondazione Francesco Ventorino e dal Centro Culturale di Catania, sarà introdotto dai dirigenti Michela D'Oro e Alfio Pennisi, e intende mettere in luce le criticità e le prospettive della scuola in Italia, nel confronto con la ricca, argomentata, ma anche appassionata e sofferta, ricostruzione delle sue vicende. Le innovazioni, i cambiamenti, le leggi della "Buona scuola" vengono rilette alla luce della tradizione del passato, di una scuola con la "C" della cultura, della comunità educativa , convergenza, cooperazione, collegialità, contenuti e competenze.

Giuseppe Adernò


Arte e Ambiente. Convegno organizzato dal Liceo Artistico Emilio Greco, al Polivalente di San Giovanni La Punta

postato: 2020-02-26 09:00:00 da Angelo Battiato

Il Liceo Artistico Statale “Emilio Greco”, della sede distaccata del Polivalente di San Giovanni La Punta, oltre a coltivare il sacro fuoco dell’arte… ha il pollice verde! E’ stato organizzato, nei giorni scorsi, nell’Auditorium del Polivalente di San Giovanni La Punta, un interessante seminario dal tema, “Arte e Ambiente. Sosteniamo il mondo come la nostra più bella opera d’arte”. Il convegno, organizzato dalla prof.ssa Silvia Cacciatore (docente di Arti Audiovisive e Multimediali), e rivolto agli alunni delle quinte classi delle sedi di Catania e San Giovanni La Punta, ha approfondito le tematiche di cultura ecologica, di ecosostenibilità ambientale, di prevenzione e di contrasto all’inquinamento, e di azioni e di buone pratiche per un ambiente sano, a partire dalla scuola. La mattinata è iniziata con la relazione della prof.ssa Marilisa Spironello (docente di Laboratorio di Design del liceo “E. Greco”) su “architettura e design”, presentando l’esperienza di un interessante progetto di Alternanza scuola-lavoro svolto con i ragazzi della sua classe sull’elaborazione, la progettazione e la realizzazione di oggetti d’arredo con materiale ecologico riciclato, utilizzabili ed esportabili nella filiera della produzione artigianale. Successivamente è intervenuta la prof.ssa Giuseppina Radice (docente dell’Accademia BB. AA., di Catania), che ha trattato alcuni interessanti aspetti legati al processo motivazionale e formativo dei giovani, degli insegnanti e di chi studia arte.

prof. Angelo Battiato
Referente Ufficio Stampa del Liceo Artistico “Emilio Greco”, Catania


Job orientation and work experience in Europe

postato: 2020-02-26 08:00:00 da Sergio Garofalo

La più recente esperienza degli studenti dell'IISS Majorana di Scordia coinvolti nel progetto Erasmus+ "Job orientation and work experience in Europe", si è conclusa a Lohmar, una tranquilla cittadina tedesca della Renania a metà strada tra Colonia e Bonn, il 14 Febbraio. Il progetto, diretto dalla Dirigente Prof.ssa Ornella Sipala e coordinato dal prof. Salvatore Di Stefano, ha coinvolto come accompagnatori la prof.ssa Tiziana Arena e il prof. Massimo Millesoli e 8 studenti selezionati tra le classi III e IV del Liceo Scientifico, Linguistico e delle Scienze Umane. Questa potrebbe essere, dopo il blocco delle attività di mobilità in Italia e all'estero dovute al coronavirus, probabilmente una delle ultime esperienze di mobilità connesse ai progetti Erasmus+, in quanto nessuna delegazione di studenti e insegnanti potrà partecipare, nell'immediato, ai prossimi incontri internazionali previsti (Finlandia 8 marzo 2020 e Polonia 29 marzo 2020). Il progetto, diretto dalla Dirigente Prof.ssa Ornella Sipala e coordinato dal prof. Salvatore Di Stefano, ha coinvolto come accompagnatori la prof.ssa Tiziana Arena e il prof. Massimo Millesoli e 8 studenti selezionati tra le classi III e IV del Liceo Scientifico, Linguistico e delle Scienze Umane: Catena Matteo; Cultraro Vasta Alyson Maria; Guzzardi Ulderico; Manuele Claudia; Pillirone Giorgia Maria; Privitera Giuseppe; Umana Paolo; Pirrello Santi.
Cinque giorni durante i quali gli studenti, in perfetto stile Erasmus, si sono sintonizzati sul modello scolastico tedesco, condividendo l’esperienza fatta insieme agli studenti tedeschi della Gesamtschule di Lohmar con altri studenti provenienti da Malta e dal Portogallo. Per rendere ancora più caratterizzante l’esperienza, i nostri studenti sono stati ospitati dalle famiglie degli studenti tedeschi (host) con i quali hanno condiviso i ritmi di vita “da studente”, sveglia, colazione, lavori in classe, tempo libero e modalità per raggiungere la scuola: bici, autobus, treno etc…

prof. Sergio Garofalo


L’Istituto Comprensivo 'Italo Calvino', di Catania, celebra il Carnevale Medievale

postato: 2020-02-25 08:00:00 da Angelo Battiato

M’è sembrato d’essere nel Medioevo, l’altra mattina, nel “Salone delle Feste” dell’Istituto Comprensivo Statale “Italo Calvino”, di Catania, e di rivivere le atmosfere, i profumi, i colori, le tradizioni di quell’antica e affascinante età di mezzo. E non mancava proprio nulla, c’erano i giovani alunni con i costumi d’epoca, vestiti da guerrieri, monaci, dottori della peste, stregoni, fattucchieri, bottegai, maniscalchi, e dame, principesse, popolane, con le loro fantastiche insegnanti in eleganti abiti medievali, con mantelli, parrucche, copricapo, diademi “da far invidia a principi e regnanti”; e poi ancora c’erano le botteghe piene zeppe di arnesi da lavoro, zappe, rastrelli, martelli, e poi scudi, spade, lanterne, candelieri; e infine c’era il cibo, “ogni ben di dio”, dolci, ciambelle, torte, zuppe di ceci, pane, focacce, farina, mandorle, fichi secchi, vino.

Angelo Battiato


Dopo Sant’Agata - Culto e devozione. Le Candelore abbiano un rettore spirituale

postato: 2020-02-24 10:05:03 da Andrea Oliva

Nel comune linguaggio dei catanesi l’anno solare ha centro la festa di Sant’Agata per cui è comune l’espressione “Prima di Sant’Agata” e “Dopo Sant’Agata”. Nell’incontro, che ha avuto luogo presso la Sala Consiliare di Palazzo degli Elefanti sul tema “Dopo Sant’Agata: culto e devozione”, è stato condiviso il concetto che per i catanesi Sant’Agata non ha un tempo “prima e dopo”, ma è sempre viva e presente, perché segno e vita della devozione e del culto di un popolo che nella giovane Martire si ritrova e converge. Anche il poeta Micio Tempio, noto per il suo linguaggio, parlava sempre con rispetto di Sant’Agata, ed ha usato la metafora della “calamita”, perché S. Agata attira e unisce.

redazione@aetnanet.org


Fine quadrimestre 'Bollente' per gli studenti del Fermi-Eredia, nove gli appuntamenti extrascolastici

postato: 2020-02-21 16:00:00 da Michelangelo Nicotra

Sono state nove le iniziative esterne sviluppate dall'Istituto "Fermi- Eredia" di Catania, programmate per il periodo a cavallo dei due quadrimestri. Si è cominciato venerdì 10 gennaio con Leonardo Ofria, fondatore e direttore creativo della Avenir Video & Photography, esperto in fotografia turistica. Leonardo, oltre a presentare la professione turistica, ha mostrato un video realizzato dallo stesso e da Marco Nicotra sulla Magna via Francigena “Da Palermo ad Agrigento”. Durante l'incontro è stato presentato il progetto scolastico di “Fotografi di classe”: la città turistica che vorrei – Laboratorio di Geografia turistica. Si è proseguito lunedì 13 gennaio con la conferenza del Prof. Sandro Privitera, guida turistica e geologo, che ha parlato agli studenti dell'istituto agrario del “Patrimonio immateriale UNESCO: l'arte dei muretti a secco”.

Il docente referente
prof. Massimo Riccardo Costanzo


Gli studenti del Galilei vincono il One Day Agorà Science Contest

postato: 2020-02-21 15:00:00 da Michelangelo Nicotra

Tra sabato 8 e domenica 9 febbraio quattro studenti del liceo scientifico Galileo Galilei di Catania, Marianna Aiello, Francesco Conte, Simone Cutrona e Marika Stiro, accompagnati dalla professoressa Angela Tosto, hanno partecipato alla prima edizione del One Day Agorà Science Contest (ODASC). Questa gara, unica nel panorama delle competizioni scolastiche in Italia, una vera e propria maratona scientifica di 24 ore, è stata organizzata dall’associazione “Agorà scienze Biomediche” nel palazzetto Giovanni Falcone a San Severo (FG). Gli organizzatori hanno invitato team di studenti provenienti da 40 licei scientifici di tutta Italia per sfidarsi nella risoluzione di problematiche suddivise nei 5 ambiti di lavoro: Astronomia, Biologia, Chimica, Fisica e Informatica.

Gabriella Chisari


Scuola di Formazione Politica per il bene comune. Al via sabato a Catania la seconda edizione organizzata da Fondazione Sussidiarietà e Futurlab.

postato: 2020-02-20 10:16:17 da Andrea Oliva

Al via sabato a Catania la seconda edizione della “Scuola di Formazione Politica per il bene comune” organizzata da Fondazione Sussidiarietà e Futurlab. Da febbraio a giugno sei incontri con grandi esperti provenienti da diversi ambiti, per discutere, in maniera critica e apartitica su temi come il futuro dell’Europa, la digitalizzazione del Paese, il bene comune, una nuova Pubblica amministrazione, i nuovi scenari geopolitici, modelli economici e finanza globale, il sistema degli Enti locali.
Sono invitati anche gli studenti e sarebbe auspicabile che gli studenti delle ultime classi possano fruire di tale preziosa occasione di incontri con esperti e studiosi e aprire gli occhi alla realta sociale  in maniera responsabile e consapevole. Si terrà sabato 22 febbraio alle 9.30 presso il Camplus Catania la  lezione inaugurale  della Scuola di Formazione Politica per il Bene Comune, giunta alla sua seconda edizione e promossa nel capoluogo etneo dalla Fondazione per la Sussidiarietà e dall’Associazione FuturLab – Costruiamo il Futuro.


Reiterazione avviso ad evidenza pubblica per la selezione di esperti esterni “madre lingua” francese - PON/FSE: avviso pubblico n. 4396 del 09/03/2018 - FSE - Competenze di base - 2a edizione

postato: 2020-02-19 15:00:00 da Michelangelo Nicotra

La scuola secondaria di primo grado statale "L. Castiglione" di Bronte, reitera l'avviso ad evidenza pubblica per la selezione di esperti esterni “madre linguaFrancese - PON/FSE: avviso pubblico n. 4396 del 09/03/2018 - FSE - Competenze di base - 2a edizione. Le istanze dovranno pervenire per mail all’indirizzo di posta elettronica ctmm119008@istruzione.it o brevi manu, ed indirizzate al Dirigente Scolastico della S.S.P.G. "L. Castiglione" – Piazza Avv. Castiglione, 2 – 95034 Bronte (CT), secondo il modello allegato e corredate del curriculum vitae, entro e non oltre le ore 14,00 del 03/03/2020.
Download Bando selezione Esperti Castiglione
Il Dirigente Scolastico
prof.ssa Maria Magaraci


Il Liceo Artistico “Emilio Greco”, del Polivalente, di San Giovanni La Punta, in stato di agitazione

postato: 2020-02-18 19:00:00 da Michelangelo Nicotra

I ragazzi del Liceo Artistico Statale "Emilio Greco", della sede del Polivalente di San Giovanni La Punta, ancora una volta, "incrociano le braccia" e iniziano una sacrosanta protesta per una giusta causa: la mancanza di idonei spazi per fare scuola in maniera regolare. I ragazzi chiedono di avere diritto ad una scuola adatta alle loro esigenze, avere più aule, più spazi dove poter studiare e svolgere le varie attività didattiche. In poche parole, avere diritto allo studio, non più in maniera formale, ma finalmente, sostanziale! Ma stavolta i ragazzi non hanno proprio intenzione di mollare e, armati di striscioni, slogan, pennelli e tanta buona volontà e pazienza, hanno mosso un corteo all'interno del Polivalente e domattina sono intenzionati a portare la protesta sotto i balconi della Prefettura di Catania, in attesa di essere ricevuti e di poter esporre le loro ragioni. Anche perché non è solo una questione di spazio, di decoro, di sicurezza, ma di tutelare il diritto allo studio per gli oltre 400 ragazzi che frequentano la palazzina H dell'Emilio Greco.

Angelo Battiato


L'IISS Majorana di Scordia in visita al parlamento Europeo

postato: 2020-02-17 07:00:00 da Sergio Garofalo

Si è appena concluso lo scambio culturale con il Charlemagne College di Landgraaf in Olanda, tenutosi dal 2 al 7 Febbraio 2020. Diciannove studenti dell'IISS Majorana di Scordia, accompagnati dai professori Gianrico Vasquez e Letizia Racito hanno trascorso una settimana nel Limburgo, la più meridionale delle 12 province  dei Paesi Bassi, che confina con Germania e Belgio e che ha come capoluogo Maastricht, città assai vivace ed energica, conosciuta a causa della famosa firma del trattato sull'Unione europea (TUE) del 7 febbraio 1992, responsabile dell'attuale assetto economico di ciascuno degli stati membri.

prof. Sergio Garofalo


Vi spiego perché essere contrari alla legge di parità non è un’ideologia sessantottina ma una garanzia dell'art. 33 della Costituzione!

postato: 2020-02-16 09:00:00 da Michelangelo Nicotra

La parità scolastica è certamente un argomento che il ministro dovrà affrontare anche se non l'ha inserito nelle linee di indirizzo. La parità scolastica in Italia è una partita aperta, una falla del sistema Stato che è di difficile soluzione. L'influenza del Vaticano sul sistema scolastico italiano è reale, non è soltanto per la vicinanza, il Miur dista solo 5,9 Km dalla Città del Vaticano ma soprattutto per le leggi, gli accordi e convenzioni che regolano i rapporti tra i due stati. In Italia esiste il principio costituzionale della libertà di educazione e trova la propria realizzazione attraverso le scuole statali, le scuole riconosciute paritarie e le scuole non paritarie ai sensi della Legge 10 marzo 2000, n. 62, nonché le scuole straniere, comunitarie e non comunitarie, operanti sul territorio nazionale di cui al DPR 18/04/1994, n. 389. Le scuole non statali sono costituite da scuole paritarie private e degli enti locali e le scuole non paritarie. Il riconoscimento della parità scolastica inserisce la scuola paritaria nel sistema nazionale di istruzione e garantisce l'equiparazione dei diritti e dei doveri degli studenti, le medesime modalità di svolgimento degli esami di Stato, l'assolvimento dell'obbligo di istruzione, l'abilitazione a rilasciare titoli di studio aventi valore legale e, più in generale, impegna le scuole paritarie a contribuire alla realizzazione della finalità di istruzione ed educazione che la Costituzione assegna alla scuola.
Le scuole paritarie svolgono un servizio pubblico e devono accogliere chiunque, accettandone il progetto educativo, richieda di iscriversi; compresi gli alunni e studenti con handicap.
Le scuole non paritarie sono iscritte in elenchi regionali aggiornati ogni anno. Esse non possono rilasciare titoli di studio aventi valore legale né attestati intermedi o finali con valore di certificazione legale; la regolare frequenza della scuola non paritaria da parte degli alunni costituisce assolvimento dell'obbligo di istruzione.
Esiste però un'incongruenza giuridica tra l'art. 33 della Costituzione e la Legge 62/2000.

prof. Paolo Latella
Membro dell'Esecutivo nazionale
Segretario Unicobas Scuola & Università della Lombardia


Giornata di studio 'Dentro il Processo Penale Minorile: la Persona e la Comunità, l'Educazione e la Responsabilità'

postato: 2020-02-16 08:00:00 da Michelangelo Nicotra

La S.V. è invitata alla Giornata di studio "Dentro il Processo Penale Minorile: la Persona e la Comunità, l'Educazione e la Responsabilità", che si terrà venerdì *21 febbraio 2020* dalle ore 8.30 alle ore 17.00 presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali di via Gravina 12 a Catania, organizzato dalla Sezione di Catania dell'Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e la Famiglia e dalla Struttura Territoriale di Formazione Decentrata del Distretto di Catania della Scuola Superiore della Magistratura, con ingresso libero. Sono previsti 3 crediti formativi per gli avvocati e sono stati richiesti crediti per gli assistenti sociali (Regione Sicilia: Id 37848).

Qualora non si fosse già iscritto/a è necessario iscriversi compilando il modulo, attraverso il seguente Link: https://forms.gle/hxT1XyE6ypbR95KeA

I magistrati, i magistrati onorari, i Mot e i tirocinanti di tribunale potranno iscriversi tramite il portale: www.scuolamagistratura.it - (sezione decentrata).

aimmf.catania@gmail.com


ANCoDiS: tre domande alla Ministra Lucia Azzolina

postato: 2020-02-16 07:00:00 da Michelangelo Nicotra

A partire dalla piena attuazione dell’art. 34 della Costituzione, la Ministra Lucia Azzolina ha reso pubblico l’atto di indirizzo per l’anno 2020 nel quale si evidenziano le finalità ed i principi generali, le priorità politiche e l’attività di programmazione del suo dicastero. Dalla lettura del testo scaturiscono le 13 priorità politiche che declinano la visione del sistema scolastico italiano per i prossimi anni. Da una attenta lettura delle priorità, Ancodis vuole porre l’attenzione alla “Valorizzazione e sviluppo professionale del personale scolastico” (punto n. 5) poiché ritiene che se al centro del sistema scolastico italiano c’è il diritto allo studio per tutti gli alunni, il garante di questo diritto è rappresentato dai docenti che ne attuano – nella libertà di insegnamento – l’azione educativa e formativa. E tra i docenti, la componente riconosciuta nella nomenclatura giuridica quale Collaboratori dei DS o Figure di sistema nell’apprezzare quanto scrive la Ministra - in particolare, dove afferma che “occorre promuovere, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, il valore sociale di tutte le professionalità della Scuola per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio………” - fa rilevare altresì che non si presta alcuna attenzione alla realtà scolastica che si concretizza nel funzionamento, nella organizzazione e nella programmazione.

prof. Rosolino Cicero
Presidente ANCODIS Palermo