Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 397340464 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2017

Graduatorie di circolo e istituto di III fascia del personale Ata, disponibili i moduli per le domande
di a-vetro
1503 letture

Presidi indignati manifesteranno spontaneamente a Roma il 21 ottobre 2017
di s-indelicato
953 letture

Profilo di Collaboratore Scolastico - A.S. 2017/2018 - Ulteriore convocazione per incarichi a T.D. e disponibilità
di a-vetro
835 letture

Il 10 novembre sciopero generale della scuola contro la politica scolastica del governo e lo strapotere dei presidi
di m-nicotra
820 letture

Personale docente Scuola Secondaria di I e II grado. A.S. 2017/2018
di a-vetro
814 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Candidati Governatori in Sicilia: mettete la scuola in cima ai programmi
·Quale insegnamento può dare una scuola che promuove tutti?
·Appello della scuola siciliana ai candidati a governatore
·Quando il dirigente scolastico abdica al suo ruolo. Lettera aperta a un preside refrattario
·Ricordo di Pietro Di Mauro


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE

I video della scuola
Penso che l’intervento di Biondi sia più che altro banale e antiquatissimo, oltre che di spessore minimo. Tralascio peraltro il suo uso della lingua, tanto più che, Biondi a parte, vorrei invece provare a commentare questa questione cruciale che mi sta molto a cuore: la didattica delle discipline. Per quanto mi riguarda, si fa sempre lo stesso errore, e cioè quello di contrapporre la tradizione all’innovazione che la dovrebbe sostituire; e altresì, l’innovazione alla tradizione che dovrebbe essere preservata. Non capisco l’antinomia, che peraltro nessun docente serio contempla davvero, nel suo approccio didattico. Fino a quando ragioneremo in questi termini, non arriveremo da nessuna parte. Mi spiego: quando un docente ‘trasmette’ per esempio il suo sapere in una lezione frontale, generalmente trasmette un sistema di informazioni ben (si spera!) strutturate, organizzate in anni e anni di studi. Un sistema a cui si arriva per molti gradi e che l’allievo non può raggiungere da sé, in quanto non ne ha gli strumenti. Il docente cioè, non gli mostra il processo della ricerca, ma gli ‘trasmette’ i risultati già organizzati, gliene offre cioè una preziosissima ‘sintesi’.

La lezione frontale dell’adulto è per uno studente giovane una grande occasione di risparmio di tempo di energie, ma soprattutto di osservazione di cosa significa un sistema strutturato di informazioni. Chiarirei inoltre una questione fondamentale: un docente di scuola minimamente capace evita sempre una lezione esclusivamente frontale, e favorisce semmai la partecipazione degli allievi che è assicurata dalle loro domande o interventi. Questo genere di lezione, questo approccio didattico, non potrà mai (e non dovrà soprattutto), prescindere dalla figura del docente. Il docente, l’adulto che possiede e generosamente mette a disposizione dei giovani un sapere strutturato, è insostituibile, prezioso, dovrebbe essere una ‘specie protetta’ (in questo senso, risulta condivisibile il riferimento all’ ‘empatia’ che fa Biondi nella sua intervista, quando parla della lezione scaricata sul Cloud).

Procediamo: uno studente di oggi rispetto ad uno del passato non si accontenta (e non deve farlo) di un sapere già espresso in forme organizzate. Nel nostro tempo, in cui grande importanza hanno le competenze affiancate alle conoscenze (ed è giusto, a mio modo di vedere), un allievo ha bisogno di una guida per fare personale e diretta esperienza anche di come si raggiunge un ‘sapere strutturato’. Questo obbliga il docente ad affiancare alle lezioni ‘frontali’, delle lezioni ‘laboratoriali’. Esse trasmettono un minor numero di conoscenze: chi ha tenuto almeno una lezione-laboratorio nella vita sa perfettamente quanto tempo in più richiedono le lezioni-laboratorio, rispetto a quelle frontali. Le lezioni-laboratorio inoltre trasmettono le conoscenze in modo meno sistematico, e però sono imprescindibili per ‘trasmettere’ all’allievo anche delle competenze: l’allievo impara nei laboratori come si fa a sistematizzare le conoscenze. Ovviamente la mia è una schematizzazione: si apprendono conoscenze e competenze sia nel caso della lezione frontale, che in quella della lezione laboratoriale. Diciamo che il primo tipo è imperniato più sulle ‘conoscenze’ e il secondo, sulle ‘competenze’, i ‘metodi’ per raggiungerle.
 
Ma veniamo alla didattica ‘tecnologizzata’. Qui c’è davvero pochissimo da dire. Le tecnologie sono necessarie e utilissime come qualunque docente sa perfettamente. Il problema è come sempre quello della ‘sostituzione’ del nuovo rispetto al ‘vecchio’, o della ‘resistenza’ del ‘vecchio’, che deve esser preservato sul nuovo (la scrittura a mano vs la videoscrittura, e viceversa; la ricerca in biblioteca vs quella su google e viceversa, etc.) Nulla di più banale. Per quanto mi riguarda, un docente oggi deve soprattutto imparare la flessibilità didattica. Ci sono autori, lezioni, teoremi, leggi, principi, teorie, opere, fenomeni che vanno sintetizzati con una lezione frontale utile a una sistematizzazione; ce ne sono altri che vanno estrapolati da tutto e cui va dedicato un laboratorio specialistico ed esclusivo, certosino; altri che possono essere trattati con modalità di didattica breve; altri che necessitano di software specializzati; altri che possono essere utilizzati per scopi trasversali e che dunque richiedono altre strategie didattiche.

Nessuna disciplina dovrebbe essere affrontata con un unico approccio didattico. La ‘destrutturazione delle aule’ di cui parla Biondi non mi pare né grave né opportuna. Mi sembra più che altro una cosa di una ovvietà spaventosa. Tutti noi montiamo o smontiamo la classe a seconda delle esigenze didattiche, mi sembra ovvio. Infatti, secondo me io ho detto solo ovvietà. Sono cose che i docenti fanno già. Semmai, sono a favore di una revisione dei programmi, tanto più che il monte ore è vergognosamente risicato rispetto alle loro proporzioni. Ma già lo so che il rischio della didattica fai-da-te in cui un docente possa decidere di saltare a piè pari Petrarca o la termodinamica, è alle porte.

La maestra Margherita








Postato il Mercoledì, 08 febbraio 2017 ore 08:30:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 5


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.37 Secondi