Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 472446516 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2019

Bandito il concorso per 2004 posti di Direttori dei Servizi Generali ed Amministrativi (ex segretari) nelle scuole statali. Domande entro il 28 gennaio 2019
di m-nicotra
575 letture

Prorogata la mostra didattica itinerante su Van Gogh
di m-nicotra
563 letture

Lettera a Francesco Merlo
di a-palumbo
557 letture

La cucina Thaillandese si aggiudica il primo premio del contest 'Intercultura a tavola' organizzato dell’alberghiero di Caltagirone
di m-nicotra
531 letture

Il governo colpisce il Centro-Sud e premia chi tassa gli studenti
di m-nicotra
464 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche
·ASA Scuola - Il verbale d’invalidità anche se scaduto è ancora valido: da rifare l’assegnazione provvisoria di scuola dell’infanzia della provincia di Catania
·Docente sanzionato all'Ipssar Cascino di Palermo: TAR condanna dirigente scolastico, nominato commisario ad acta


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Quarant’anni di integrazione. La legge 517, approvata nel 1977 ha guidato il processo di integrazione nella scuola e nella società

Redazione
Il 4 agosto di quarant'anni fa nel 1977 veniva emanata la Legge 517 che ha modificato l'assetto organizzativo della scuola italiano abolendo le classi speciali e inserendo nelle classi comuni gli alunni disabili. La legge 517 del 1977, articolata in 17 articoli, rinnovando il n.7 detta le norme sulla valutazione degli alunni, abolisce gli esami di riparazione e modifica l'ordinamento scolastico. A conclusione della scuola elementare e della scuola media (così si chiamavano allora!) si sostenevano gli esami di licenza elementare e media e c'era anche gli esami di riparazione a settembre che vengono definitivamente abiliti. L'anno scolastico 1977 -78 in fase transitoria ebbe inizio 20 settembre e non più il primo ottobre come un tempo, ma in seguito l'inizio delle lezioni è stato fissato per il 10 settembre, per un complessivo di 215 giorni di lezioni, per poi essere regolarizzato con l'inizio al primo settembre, assicurando 200 gironi di lezioni nel corso dell'anno scolastico.

L'articolo 2 per la scuola elementare e l'art. 7 per la scuola media, disponono che "al fine di agevolare l'attuazione del diritto allo studio e la promozione della piena formazione della personalità degli alunni, i docenti sono impegnati a redigere la programmazione educativa che può comprendere attività scolastiche integrative organizzate per gruppi di alunni della classe oppure di classi diverse anche allo scopo di realizzare interventi individualizzati in relazione alle esigenze dei singoli alunni".
Ed è proprio la programmazione la chiave di volta della scuola che comincia a diventare "di tutti e per ciascuno".
Non più i "programmi ministeriali" calati dall'alto, ma una proposta didattica capace di rispondere ai bisogni della realtà territoriale in cui la scuola opera.

L'alunno disabile viene non soltanto "inserito" nelle classi comuni, come una presenza formale, quasi "imposta", ma viene "integrato" nel gruppo classe e a tale scopo è necessaria la presenza ed il servizio di "insegnanti specializzati nel sostegno."
Allora i docenti di sostegno appartenevano ai "ruoli speciali", poi alla categoria dell'organico di fatto, e solo con la Legge 107/2015 fanno parte integrante dell'organico dell'autonomia e quindi funzionali all'attuazione di quel processo autonomistico della scuola che offre servizi a tutti e a ciascuno.
Il ruolo del docente di sostegno nasce appunto con la Legge 517 ed in seguito viene codificata con la Legge 104 che meglio esplicita funzioni e compiti, dando al processo d'integrazione un'anima ed uno stile nuovo.
Nell'ottica di una sempre efficace integrazione e funzionale "inclusione sociale" sarebbe auspicabile poter garantire la continuità didattica per assicurare agli alunni disabili un graduale e continuativo percorso di crescita armonica e di sviluppo.

Risulta positiva la norma indicata all'art. 7 che definisce: Le classi che accolgono alunni portatori di handicaps sono costituite con un massimo di 20 alunni. In tali classi devono essere assicurati la necessaria integrazione specialistica, il servizio socio-psico-pedagogico e forme particolari di sostegno secondo le rispettive competenze dello Stato e degli enti locali preposti, nei limiti delle relative disponibilità".

Nell'art. 2 della legge 517 si definiscono inoltre i parametri di riferimento dell'integrazione: "Devono inoltre essere assicurati la necessaria integrazione specialistica, il servizio socio-psicopedagogico e forme particolari di sostegno secondo le rispettive, competenze dello Stato e degli enti locali preposti, nei limiti delle relative disponibilità di bilancio e sulla base del programma predisposto dal consiglio scolastico distrettuale".

L'avvio della programmazione didattica, e le indicazioni specifiche per il Collegio dei docenti, per i consigli di classe la scansione di verifica bimestrale, la compilazione della scheda personale dell'alunno, le osservazioni sistematiche, la valutazione trimestrale, da comunicare ai genitori, (art.4) sono tutte norme che, lette a distanza di quarant'anni, fanno riflettere sulla dimensione innovativa della legge 517 e quanto strada ha fatto la scuola italiana nel cammino dell'integrazione.
Con l'art, 7 vengono abolite le classi aggiornamento e le classi differenziali che erano previste nella legge n.1859 del 1962, che istituì la scuola media unica, obbligatoria e gratuita.
Rimangono ancora attive le scuole speciali per gli alunni sordomuti (art.10) e si cominciarono ad aprire le porte delle scuole pubbliche statali anche ai fanciulli sordomuti.

Quello che oggi sembra una novità: aprire le scuole in estate e rendere disponibili i locali scolastici per gli studenti, era già contemplato all'art.12 della Legge 517
"Gli edifici e le attrezzature scolastiche possono essere utilizzati fuori dell'orario del servizio scolastico per attività che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile; il comune o la provincia hanno facoltà di disporre la temporanea concessione, previo assenso dei consigli di circolo o d'istituto, nel rispetto dei criteri stabiliti dal consiglio scolastico provinciale".

La legge 517 pone le basi del dialogo scuola famiglia, infatti, sancisce all'art.9 che "gli insegnanti della classe illustreranno ai genitori dell'alunno o a chi ne fa le veci, i giudizi analitici e la valutazione sul livello globale di maturazione raggiunto dall'alunno, unitamente alle iniziative eventualmente programmate in favore dell'alunno".
Gli incontri scuola famiglia, i colloqui e la presentazione della scheda di valutazione ai genitori è una prassi di quarant'anni e cominciano a perdere valore i "tabelloni con i voti" che mortificano, di fatto, il dialogo educativo e la relazione tra docente-alunno e scuola-famiglia.

Sarebbe auspicabile che tale prassi venga seguita e adottata non solo per le valutazioni intermedie, ma anche per la valutazione finale dopo gli esami di Stato a conclusione del primo e del secondo ciclo d'istruzione, rendendo "educativo" e meno " burocratico" il momento della consegna dei risultati finali a conclusione del percorso formativo.
Lo stile educativo del colloquio, dell'incontro, dell'accoglienza che la Legge 517 ha innovato nella scuola italiana va ben oltre la semplice applicazione di norme e regole e solo comprendendone e condividendone lo spirito si assicura una reale crescita nel cammino verso la qualità dell'istruzione e della formazione integrale dell'uomo-cittadino.

Con soddisfazione da parte del Ministro Fedeli si rende noto che la Scuola Svizzera di Via Appiani di Milano, scuola privata per alunni con cittadinanza svizzera, ha modificato il regolamento delle iscrizioni eliminato l'articolo che escludeva dalla frequenza gli alunni con disabilità.
La scuola che in questi anni indirizzato la sua progettualità all'integrazione dei disabili nel tessuto scolastico, raggiunto questo traguardo raggiunto si proietta verso un cammino di inclusione sociale che aiuta e accompagna la crescita del cittadino anche verso la dimensione europea.

Giuseppe Adernò








Postato il Mercoledì, 02 agosto 2017 ore 09:00:00 CEST di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi