Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 482124223 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1725 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1300 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
847 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
823 letture

Un anno come un altro
di a-palumbo
751 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·ANCODIS: riconoscere l’Area dei Quadri nel sistema scolastico italiano
·Invito gratuito scuola estiva Udir - Il mio primo mese da dirigente
·Le scuole di Bari a difesa della libertà di insegnamento (nonostante il Ministro)
·Comunicato stampa della Confederazione Cida Sicilia, relativo alla solidarietà espressa dal segretario regionale Cida Sicilia alla prof.ssa Rosa Maria Dell'Aria di Palermo
·Pensioni, nessuna decurtazione, solo l’applicazione di un criterio nascosto della legge Dini


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Autonomia scolastica e regionalismo differenziato

Redazione
L' autonomia scolastica, che ha già 20 anni di vita, deve fare i conti con gli enti locali e per sventura di tanti anche con le Regioni che vogliono la gestione del servizio scolastico dopo essersi assicurato quello dell'istruzione e formazione professionale. Purtroppo un'autonomia che prescindesse da questo rapporto, diventerebbe la soluzione di un mero problema di gestione amministrativa di una unità scolastica. Non avrebbe alcun respiro culturale e politico. E' anche vero, però, che non è accettabile da molti punti di vista che la scuola diventi una semplice emanazione degli enti locali, perchè ai difetti del localismo dell'istituto si aggiungerebbero quelli nefasti e provati del localismo politico (lentezza, clientelismo, distorsione delle risorse, invadenza etc).

La formazione e l'istruzione delle nuove generazioni sono la ragione d'essere del sistema scolastico quale che sia la sua struttura organizzativa; una ragione che va attentamente ripensata alla luce dell'autonomia e delle possibili modificazioni costituzionali, perchè potrebbero svanire le certezze e le garanzie che precedentemente l'assicuravano. L'istruzione e la formazione delle nuove generazioni dovrebbero essere considerate un bene di prima e indiscutibile grandezza, intangibile come l'integrità nazionale. Devono essere garantite e realizzate nel modo che le rende accessibili a tutti, di qualità, spendibili, unificanti e senza negare spazio alle culture locali. Bisognerebbe avere, per questo scopo, un repertorio definito, qualificato e imprescindibile di finalità formative e di standard di risultato validi in ogni angolo della nazione per ogni grado e ordine distruzione.

L'autonomia scolastica con la legge delega n.107/2015è stata ampiamente rimaneggiata, accentuando i poteri del dirigente scolastico e straziandone i caratteri che sempre ha avuto di comunità educativa. Con le nuove disposizioni, seppure ammaccate da qualche modifica, brillano i poteri di ogni genere assegnati al dirigente, di volta in volta evocato ora come sindaco dell'istituto, ora come sceriffo e qualche volta anche come leader educativo, nonostante siano stati accentuati i tratti amministrativi e gestionali del suo ruolo. Emerge volutamente la precarizzazione del personale. Si è avuta una torsione autoritaria dell'autonomia, di cui lo stesso dirigente potrebbe essere vittima, orchestrata per minacciare l'indipendenza intellettuale e professionale dei docenti. Dalla scuola comunità educativa, ancora possibile in regime di autonomia, si è voluto passare alla scuola dell'intimidazione, del ricatto e forse del silenzio; dalla scuola dei pari e del dialogo si è passati alla scuola della lotta di tutti contro tutti, senza alcuna plausibile logica e motivazione.

Gli studi più seri e documentati sul regime dell'autonomia scolastica, fin dagli anni '90, hanno concordemente dimostrato come per essere efficace non debba essere legata all'accrescimento del potere dei dirigenti scolastici, ma al coinvolgimento e alla corresponsabilizzazione dei docenti nella elaborazione e nella gestione del curriculum. L'autonomia dappertutto è stata pensata per dare diritto di parola, consentire la partecipazione a tutte le scelte; per valorizzare tutte le professionalità esistenti in ogni singolo istituto. Questi studi dicono che l'autonomia scolastica funziona efficacemente e dà buoni frutti solo se c'è cooperazione, dialogo tra le componenti professionali e se ad esse viene garantita, come vogliono la ragione e il buon senso, la stabilità. E nella cooperazione i rapporti si caratterizzano per l'aiuto e il sostegno reciproco, non per la competitività. Nella scuola dove il dirigente puo' modificare il piano dell'offerta sindacale, senza tanti ostacoli seri, sono manomesse le condizioni che ne fanno un'istituzione pubblica e si rende incerto il significato pubblico che deve avere un curriculum.

Senza un reale potere sul proprio lavoro,senza autonomia intellettuale non c'è professionalità e senza professionalità dei docenti non c'è autonomia. La scuola mandata in pensione era la scuola istituzione, fondata sull'alleanza Stato/insegnanti. Il primo impegnato a rispettare la libertà di insegnamento, gli altri tenuti alla fedeltà e al rispetto delle finalità della pubblica istruzione. La scuola di domani potrà essere uno dei servizi sociali erogati e in capo alle responsabilità delle regioni, alimentato dal rapporto dirigente /enti locali, forte spesso della loro comune avversione ai docenti. Ma amati o no, senza di loro in nessuna parte del mondo si può fare istruzione e formazione.

Con l'autonomia scolastica è iniziato un processo che ha portato a sottovalutare tutto quanto sa di formativo, di culturale, di pedagogico per sopravvalutare tutto quanto è organizzativo, gestionale, contabile, economico.Ma i cambiamenti a scuola, quelli veri e duraturi, li fanno la didattica e la pedagogia; non li fanno l'organizzazione e tanto meno la precarizzazione del personale.

L'autonomia che serve, non quella rifatta e strafatta, è quella che fa di ogni singolo istituto un sistema che apprende e che è capace di integrare le somiglianze e le differenze; inidoneo, quindi, a produrre scarti ed espulsioni. Capace di mettere in sinergia le competenze professionali per cambiare modello di pensare e per giungere ad una visione comune all'interno della scuola. Visione comune, non uniformità. La scuola apprende quando ogni attore ha lo spazio-potere per sentirsi responsabile di ogni scelta che viene fatta, a partire da quelle relative al proprio sapere professionale.

L'aziendalizzazione della scuola è stata la risposta ai problemi emersi in un ventennio di autonomia; scelta che denota uno scarso amore per la democrazia e che finisce per confliggere con la democrazia, quella degli organi collegiali, del collegio dei docenti, e con la centralità della funzione docente.

Raimondo Giunta








Postato il Venerdì, 22 marzo 2019 ore 09:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi