Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 491856475 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2019

L’Istituto ‘Giovanni Paolo II’ di Piano Tavola sede dell’ambasciata della fratellanza del parlamento della legalità internazionale
di a-oliva
997 letture

IV Edizione “Premio Giacomo Leopardi”. Sede Regionale di svolgimento il Convitto Nazionale “ Mario Cutelli” Catania. SCADENZA 20 DICEMBRE 2019
di a-oliva
733 letture

Padre Calanna - Imprenditore della carità e dell’inclusione
di a-oliva
615 letture

Progetto Erasmus+ HEAL (Health Education And Learning) per gli alunni della scuola secondaria di primo grado Dante Alighieri Catania 5^LTT.
di a-oliva
604 letture

Il sogno di una scuola così.Martedì 10 dicembre dalle ore 16:30 c/o la biblioteca della SM Dante Alighieri–CT Via Cagliari,59 presentazione del volume di LORENZO BORDONARO “Giù le cattedre–Guida alla sopravvivenza nella scuola di oggi e di domani”
di a-oliva
595 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·A sipario alzato
·Saluti e lettera-riflessione sulla manifestazione per il futuro del pianeta
·Un'annosa 'quaestio', la presunta didattica delle competenze
·Profondo sud: i danni della legge 107 e il meridione sempre più povero
·Lettera al ministro Bussetti, autismo ed elezioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Perché il ministro Bussetti ha fallito il proprio compito istituzionale e deve presentare le dimissioni

Sindacati
Il divario tra Nord e Sud dovrebbe preoccupare. Vorremmo sentire proposte diverse dal Ministro Bussetti, rispetto alla secessione scolastica del Nord, proposte concrete sul modo di ridurre l'abbandono scolastico (non solo durante la campagna elettorale della "sua" Lega), vorremmo una presenza costante al sud da parte del Ministro, per un anno dovrebbe risiedere a Napoli, a Palermo, a Reggio Calabria, a Taranto, non soltanto discutere di regionalizzazione scolastica con i governatori di Lombardia e Veneto.

Insomma, vivere insieme agli insegnanti del Sud, agli studenti al personale non docente che vivono la scuola per 36 ore alla settimana. Entrare nel tessuto scolastico e studiare il problema della difficoltà degli studenti a raggiungere un livello più alto nelle conoscenze e nelle competenze della lingua italiana, delle lingue straniere e della matematica. E' questo l'obiettivo di un ministro dell'Istruzione, stare insieme ai propri "amministrati", nelle zone ad alto rischio delinquenza e mafia, ad alto rischio disoccupazione. Risolvere i problemi e non presentare e avallare proposte per dividere l'istruzione in Italia.

Quando c'è un problema l'unione fa la forza... non la secessione scolastica!

Invece le sue dichiarazioni, alla luce dei risultati Invalsi, sono state (Fonte La Tecnica della Scuola 10-07-2019): "Maggiori controlli sugli insegnanti e sui dirigenti scolastici".

Strano vero? Eppure il ministro Bussetti ha vissuto le varie riforme scolastiche in questi ultimi 30 anni che hanno ridotto sempre più le conoscenze e le competenze dei nostri studenti ma si auto proclama (fonte Orizzonte Scuola 8-07-2019): "Smontata Buona Scuola, merito 10. Dall'abolizione della chiamata diretta alla stabilizzazione dei precari", si ma dei tagli alle ore di lezione, al taglio di 8 miliardi di euro all'Istruzione per colpa della stessa Lega nel 2008 che era al Governo con Berlusconi, Tremonti e Gelmini nessun riferimento.

Ricordo alcuni passaggi politici - istituzionali che di fatto hanno minato gli obiettivi di apprendimento nelle scuole italiane. Il Governo Gentiloni (2017) e ovviamente il Ministro dell'istruzione Fedeli non applicarono le tre sentenze esecutive del Tar del Lazio, che chiedevano l'immediato ripristino delle ore di lezione cancellate delle materie di indirizzo, negli istituti tecnici e professionali ma addirittura emanarono due decreti "politici" per annullarle.
La riforma Gelmini-Tremonti (PDL- Forza Italia - Lega) (tra il 2008 e il 2011) aveva tagliato 8 miliardi di euro alla scuola statale e di fatto aveva prodotto pesanti danni alle attività laboratoriali (il laboratorio di matematica era stato eliminato, gli insegnanti madrelingua erano state cacciati dalle scuole con il pretesto del taglio della spesa pubblica, indebolendo il sistema di apprendimento delle lingue straniere). Furono ridotte del 50% le ore di lezione e di conseguenza migliaia di insegnanti rimasero senza cattedra, vennero dirottati sul sostegno con corsi di riconversione obbligatori.
Sulla Gazzetta Ufficiale furono pubblicati il DPR 31 luglio 2017 n. 134 integrativo del regolamento di riordino degli istituti tecnici (DPR 88/10) e il DPR 31 luglio 2017 n. 133 integrativo del regolamento di riordino degli istituti professionali (DPR 87/10). Questi decreti integrativi chiusero per sempre la possibilità agli studenti italiani di raggiungere le competenze professionali con un monte ore adeguato, confermando di fatto la riduzione drastica delle ore di laboratorio. I decreti n. 133 e 134 fornirono solo le motivazioni, per altro assurde, sulle modalità di definizione dei nuovi quadri orari. In questi regolamenti non c'è mai stata un'indicazione rispetto alle ore illegittimamente ridotte nei percorsi di vecchio ordinamento.
I governi di destra e sinistra pensarono soltanto alla riduzione della spesa pubblica, produssero solo tagli nella didattica sia nelle scuole secondarie di primo grado (medie) e secondarie di secondo grado (superiori). Altra idea fallimentare è stata la riduzione di un anno del percorso scolastico nei licei sperimentali. Confermando la riduzione drastica delle ore di lezione delle materie tecniche e professionali (DPR 133 e 134 del 31/07/2017), il PD con la "Buona Scuola" ha minato definitivamente il futuro degli studenti.

Adesso si scopre l'acqua calda e si colpevolizzano gli insegnanti per il divario tra Nord e Sud.

I dati, presentati dall'Invalsi con un ricco apparato di grafici e tabelle, sono inequivocabili: accanto a qualche lieve miglioramento rispetto all'anno scorso per alcuni gruppi di studenti del Sud si confermano in pieno i dislivelli: in terza media, per esempio, il 35% degli alunni non è in grado di comprendere un testo in italiano, ma in Calabria la percentuale sale al 50%. In inglese la quota di studenti che non arriva al livello prescritto (A2) è del 30% nel Nord Ovest, del 25% nel Nord Est, del 35% nel Centro, del 54% nel Sud e del 61% nel Sud e Isole.

Nelle superiori se gli alunni deboli in italiano sono il 30% in media, in Calabria e Sardegna raggiungono il 45%. In Matematica il quadro peggiora e appare ulteriormente differenziato fra le diverse aree del Paese: la percentuale di alunni che non arriva al livello minimo è del 32% nel Nord Ovest, del 28% nel Nord Est, del 35% nel Centro, del 48% nel Sud e del 56% nel Sud e Isole.

Insomma, la scuola pubblica laica statale italiana ha bisogno di aiuto da parte dello Stato proprio perché l'istruzione da Sud a Nord è un diritto costituzionale e non un servizio personalizzato a "prestazione" come vorrebbero le regioni del Nord.
(Il DDL 1363/2019 Lonardo di Forza Italia "Costo Standard" se dovesse essere approvato, trasformerebbe l'istruzione statale in un servizio, in una prestazione modello Sanità. Il M5S è contrario alla proposta di Legge mentre la Lega non si è espressa).

I nostri studenti del sud non sono capre ignoranti, non devono rimanere analfabeti funzionali utili solo durante le elezioni politiche, per votare personaggi che inneggiano alla secessione del nord.

Un altro errore "sistemico" riguarda gli insegnanti. Dove i numeri indicano un migliore risultato complessivo nella conoscenza e nelle competenze degli studenti del Nord, ricordo che gran parte dei docenti che insegnano al Nord, hanno studiato e si sono laureati al Sud. Molti di loro, dopo tanti anni, hanno richiesto e ricevuto il trasferimento al Sud per accudire i genitori e vivere con i propri cari.

Eppure queste dati non li valuta nessuno. L'insegnante italiano è uno dei migliori al mondo ma viene sempre messo in discussione a volte proprio dal ministro Bussetti. Un ministro che non difende i propri insegnanti ha qualche problema e la strada purtroppo è una sola: dimissioni!

Perché secondo noi dovrebbe presentare le dimissioni:

1) La posizione del Ministro a favore della regionalizzazione dell'istruzione inizialmente nelle regioni di Lombardia e Veneto è risaputa. Secondo noi la regionalizzazione o secessione scolastica dovrebbe rientrare tra i reati ministeriali sottoposti a forme di giustizia politica (art. 96 della Costituzione della Repubblica italiana) soprattutto quando uno o più ministri si sottraggono, nell'esercizio delle proprie funzioni, al giuramento pronunciato all'atto del proprio incarico reso secondo la formula: «Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione.» (Legge 23 agosto 1988, n. 400, articolo 1, in materia di "Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri."). La proposta leghista secondo noi è un attentato all'Unità Nazionale oltre che alla Costituzione italiana.

2) Ricordo le ingerenze prima nella decisione di punire la prof.ssa Dell'Aria di Palermo e poi le promesse elettorali a favore della stessa. Un articolo di Repubblica del 9 giugno 2019 chiarisce forse definitivamente la penosa questione della docente Dell'Aria sanzionata per non aver censurato e controllato i suoi alunni, rei di aver accostato alcuni aspetti delle leggi razziali e del decreto sicurezza. L'articolo palesa come vi sia stato un intervento diretto del Miur e del Ministro Bussetti nella sanzione alla prof.ssa Dell'Aria. Una mail inviata dal Miur all'USR Sicilia ha aperto la procedura ispettiva nei confronti della docente, successivamente il provveditore Anello e l'ispettrice Assenza, con pervicace impegno ed attenzione, hanno avviato una ispezione con un finale già scritto: sanzionare, punire, reprimere. Dopo due settimane di spot elettorali e impegni di facciata del Ministro Bussetti e del vicepresidente del consiglio Salvini, la sanzione non è stata revocata, il provveditore Anello di Palermo ha rivendicato la correttezza del proprio operato, il Ministro Bussetti ha affermato tutto e il contrario di tutto.

3) Il tema è sempre quello del divario Nord-Sud. Il ministro l'8 febbraio 2019, in visita ad alcune scuole di Afragola e Caivano in Campania, dopo che il giornalista gli pose questa domanda: "Cosa arriverà qui al sud per recuperare il gap con le scuole del nord. Più fondi?", rispose: «No. Più sacrificio, più lavoro, più impegno. Vi dovete impegnare forte». Come se avesse una profonda conoscenza dei territori del Sud, proprio quei territori che hanno come unico avamposto dello Stato proprio le scuole pubbliche laiche statali.

4) Sulle scuole Paritarie il ministro ha espresso varie volte, pareri positivi in difesa di queste strutture. Non è sbagliato quando la scuola paritaria italiana "vive" senza oneri per lo Stato (lo stabilisce la Costituzione), invece è un errore quando accade il contrario, in Italia grazie alla Legge 62/2000 lo Stato garantisce ogni anno 575milioni di euro a queste strutture confessionali. Purtroppo il Ministro non ha intenzione di cancellare i contributi statali alle scuole paritarie.

Tutta la società civile, tutte le famiglie che credono nella scuola pubblica laica statale ed affermano un diritto costituzionale, hanno l'obbligo morale e sociale di prendere una posizione netta contro la secessione scolastica voluta da Bussetti e dalla Lega a favore del Nord. L'Unicobas Scuola & Università condanna senza mezzi termini questo modo reazionario di "pensare" e "progettare" la scuola trasformandola in regionale. Chiediamo le dimissioni del Ministro Bussetti, perché la scuola deve rimanere unica ed indivisibile su tutto il territorio italiano.

No alle gabbie salariali, non ai muri, no alle divisioni! No al ritorno al Medioevo!

Paolo Latella
Unicobas Scuola & Università





dello stesso autore




Postato il Domenica, 21 luglio 2019 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi