Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 454346787 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2018

Fashion Day all’Istituto De Nicola di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
973 letture

La Cattiva scuola è ritornata buona?
di m-nicotra
739 letture

Attori senza diversità
di m-nicotra
694 letture

Usate la testa!. Una lezione di Educazione Stradale al Polivalente di San Giovanni La Punta
di a-battiato
626 letture

Chi si innamora troppo di sé stesso, non avrà contendenti
di s-indelicato
623 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Progetto “Percorsi di Libertà – Come contrastare la violenza maschile sulle donne” - Presentazione libro
·Graduatorie Ambiti Territoriali Diocesani per l’individuazione del personale soprannumerario a.s.2017/18
·Pubblicate sul sito del MIUR le comunicazioni che riguardano le innovazioni introdotte per la certificazione delle competenze e Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione
·Elezioni degli Organi Collegiali a livello di Istituzione Scolastica – A.S. 2017/2018
·Decolla l’Alternanza Scuola-Lavoro con il protocollo siglato dall’Ambito Territoriale di Catania e la Società Aeroportuale di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Festa per l’Arma dei Carabinieri, a Catania celebrati i 204 anni dalla Fondazione nella caserma 'Vincenzo Giustino' di piazza Giovanni Verga
Rassegna stampa
Celebrazione per i 204 anni della fondazione dell'Arma dei Carabinieri; alla presenza delle Autorità cittadine, il Comandante Provinciale, Colonnello Raffaele Covetti, nella caserma "Vincenzo Giustino" di Piazza Giovanni Verga, ha illustrato i risultati operativi conseguiti dall'Arma etnea. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha ricordato l'anniversario in una nota: "si festeggia il 204.mo anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri. Oltre due secoli di storia, da quando Vittorio Emanuele I istituì a Torino il "Corpo dei carabinieri Reali" per difendere lo Stato e tutelare la sicurezza dei cittadini, non hanno scalfito quel legame indissolubile tra l'Arma e il territorio. Un rapporto sempre più intenso che vede nei militari, soprattutto con la presenza delle locali stazioni, indubbi punti di riferimento, oltre che irrinunciabili presidi di legalità ed espressioni concrete della presenza dello Stato.

Lella Battiato Majorana
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 19 giugno 2018 08:00:00 (217 letture)

(Leggi Tutto... | 13504 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: 'Storia di tutti i giorni', di Agata Sava e Francesco Manna. Un’avventura a quattro mani
Redazione
Leggere un libro è sempre una bella avventura. Sai come inizia, conosci il titolo, chi lo ha scritto, quant’è lungo, ma non sai mai cosa ci trovi dentro, non sai mai quando finisci di leggerlo, e quando finisci non sai come sei, come sei diventato, cosa ti è piaciuto, cosa hai imparato, cosa ti è rimasto dentro. Perché un libro è un mondo sconosciuto, un albero secolare, un mare in tempesta, un vulcano sonnecchiante, una notte d’amanti. Soprattutto se il libro è scritto da un amico, anzi da due amici, a quattro mani. Perché se è difficile scrivere un libro in solitudine, figurarsi scriverlo in due. Poi quando lo leggi ti sembra quasi di sentire il loro tono di voce, di percepire la cadenza, la battuta, il doppio senso; scorgi persino il loro sorriso, la gioia, le pause di tristezza, di malinconia, le righe di speranza, i sogni, i desideri; comprendi perché mettono le virgole, perché ad un tratto si fermano e mettono il punto. Capisci cosa vogliono dire con quell’allusione, perché usano quell’aggettivo, quel verbo, perché usano le virgolette. A tutto questo ho pensato leggendo il nuovo libro di Agata Sava e Francesco Manna, “Storie di tutti i giorni”, pubblicato di recente, per i tipi di Youcanprint Editore. Tra le sue pagine c’è di tutto, l’amore, la passione, lo scherzo, l’ira, la rabbia, la violenza, la fantasia.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 17 giugno 2018 08:00:00 (326 letture)

(Leggi Tutto... | 4430 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica al preside Giuseppe Adernò
Redazione
Il 2 giugno in occasione della Festa dell Repubblica, celebrata a Catania in Piazza Università, il preside Giuseppe Adernò, già Commendatore, ha ricevuto dal Presidente della Repubblica l'alta onorificenza di Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica. Ha consegnato il diploma il Prefetto di Catania S Ecc. dott.ssa Silvana Riccio. Hanno partecipato alla manifestazione i Ragazzi Sindaci, i docenti dell'UCIIM, i Cavalieri dell'ANCRI, i giornalisti dell'UCSI, gli amici del CAD e del Futurlab, associazioni nelle quali opera.
Al nostro Direttore responsabile, la Redazione di Aetnanet formula fervide felicitazioni per il meritato riconoscimento.

redazione@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 05 giugno 2018 08:00:00 (271 letture)

(Leggi Tutto... | 2241 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Il professore, un compagno di viaggio
Redazione
docente non è come un trenoCaro studente, il tuo insegnante consideralo come un compagno di viaggio, un po’ più esperto di te perché ha studiato di più, ha letto di più, ha riflettuto, si è avventurato in certi percorsi, e via via ha imparato tante cose che tu non hai avuto ancora l’occasione di imparare. Detto ciò, caro studente, ricordati anche, però, che il tuo docente non è come un treno che, anche se dormi, ti porta all’arrivo. Se non collabori, se non hai interesse, se non recepisci i suoi suggerimenti, se dormi, appunto, salire sulla carrozza sarà come fare una inutile scarruziata. Tempu persu!

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 24 maggio 2018 07:00:00 (391 letture)

(Leggi Tutto... | 1604 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Codice di abbigliamento a scuola
Redazione
La buona educazione esige che si indossino abbigliamenti adeguati alle circostanze. Se si partecipa ad una cerimonia nuziale occorrono abiti adeguati, se si va al Quirinale, dal Papa, o in visita al Parlamento occorre indossare un abbigliamento idoneo, come pure se si va al mare o in campagna o in palestra si scelgono altri abbigliamenti. La scuola è un'istituzione di servizio pubblico che vede gli studenti protagonisti della loro formazione attraverso lo studio e l'approccio ai saperi della cultura e quindi, anche l'abbigliamento deve essere consono e adeguato al decoro e alle finalità della scuola. Un tempo si indossava il grembiule anche per non sporcarsi di inchiostro, oggi si usano le felpe o le tute, ma non è decoroso andare a scuola come se si andasse alla spiaggia o in discoteca. "Niente minigonne e rossetto per le ragazze, né canottiera o jeans strappati per gli studenti". Così recitano le circolari di alcuni dirigenti scolastici di Moncalieri e di Torino.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 10 maggio 2018 08:00:00 (441 letture)

(Leggi Tutto... | 3230 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: L’insegnamento di un grande Papa
Redazione
Giocare la vita per grandi ideali. Scommettere su cose grandi. Andare oltre. Volere una Chiesa che esca per le strade, a difendersi da tutto ciò che è mondanità, immobilismo, comodità, da ciò che è clericalismo, da tutto quello che è l'essere chiusi in noi stessi. Non "bere la fede" come un 'frullato' perché essa va "bevuta intera". Andare controcorrente. Non pretendere di giudicare gli altri. E ancora, rivolto ai giovani: Non vogliamo giovani smidollati, giovani "del fin qui e non di più, né sì né no". Non vogliamo giovani che si stancano subito e vivono stanchi, con la faccia annoiata. Vogliamo giovani forti. Vogliamo giovani con speranza e con fortezza". Questo, il messaggio di Papa Bergoglio! Queste le parole di un pensiero che nel suo forte candore evangelico, è implacabile, non ha paura di andare controcorrente, e rifiuta schemi di verità precostituiti, e ogni forma di fondamentalismo clericale.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Domenica, 06 maggio 2018 08:00:00 (368 letture)

(Leggi Tutto... | 3349 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Populismo ... per risvegliare e rigenerare valori nuovi
Redazione
Cari intellettuali, politici letterati e filosofi, è inutile che arzigogoliate sul significato del termine "populismo", per dirne tutto il male possibile e immaginabile. Non vorrei che pensaste che tutto ciò che finisce in "ismo" sia da schedare sempre pregiudizialmente come prodotto scaduto e deteriorato. L'"ismo" di cui qui si fa cenno non è letteratura, non è una categoria concettuale! Populismo significa semplicemente questo: il popolo ha sete di giustizia, fame di lavoro e necessità di sicurezza. Finora ha sopportato, ma c’è un limite oltre il quale lecita è la rivolta, come atto maieutico che possa risvegliare e rigenerare valori nuovi per un nuovo ordine, inteso a dare una nuova dignità all’essere sociale.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 25 aprile 2018 11:00:00 (414 letture)

(Leggi Tutto... | 1810 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Giustizia riparativa e capovolta. Incontro formativo dei Giornalisti al carcere di Augusta promosso dall’UCSI
Redazione
"Può un carcere essere un luogo bello? " Ottanta giornalisti hanno partecipato ad un seminario formativo presso la Casa di reclusione di Augusta che ospita 800 detenuti e si presenta pulito, ordinato, con le pareti affrescati da numerosi murales e tutto ciò rende quel luogo di pena più umano e meno pesante. Il direttore Antonio Gelardi ha dato alla comunità carceraria una dimensione umanitaria che si respira e si percepisce e per la prima volta carcerati, giornalisti, cittadini rappresentanti la società civile sono stati accanto nel grande auditorium ed hanno partecipato ad un incontro sul tema "Giustizia e informazione e la giustizia capovolta.
 
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Lunedì, 16 aprile 2018 12:00:00 (591 letture)

(Leggi Tutto... | 5814 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Adernò prof. Giuseppe insignito dalla Presidenza della Repubblica dell’onorificenza di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica
Redazione
Il preside Giuseppe Adernò, direttore di Aetnanet.org, già Commendatore della Repubblica,   è stato insignito dalla Presidenza della Repubblica dell’onorificenza di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica, su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Adernò Prof. Giuseppe
Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
Data del conferimento: 27/12/2017
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 08 aprile 2018 20:00:00 (717 letture)

(Leggi Tutto... | 1672 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Ragazzi Sindaci catanesi a Roma
Redazione
La delegazione dei Ragazzi Sindaci della provincia di Catania, guidata dal coordinatore preside Giuseppe Adernò in visita istituzionale a Roma, ha partecipato nella Sala della Protomoteca, al Campidoglio all'inaugurazione della mostra dell'art. 7 della Costituzione. I piccoli sindaci delle scuole: "San Giovanni Bosco" di Catania, "Mario Pluchinotta" di S. Agata Li Battiati, "Elio Vittorini" di San Pietro Clarenza e Camporotondo, e dell'Istituto "Dante Alighieri" di Francofonte seduti accanto al Sindaco di Roma, Virginia Raggi; al Prefetto di Roma , Paola Basilone e al Sen Franco Marini che ha curato la presentazione della mostra, sono stati ancora una volta protagonisti nel "viaggio della Costituzione" in 12 città d'Italia, avendo già partecipato e nel mese di ottobre all'inaugurazione dell'art. 2 al Castello Ursino di Catania.

redazionw@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 06 aprile 2018 08:00:00 (369 letture)

(Leggi Tutto... | 4483 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Presidi in pensione incontro di Pasqua
Redazione
Si resta sempre "presidi" anche quando si è pensione e si continua ad amare la scuola, anche se non si esercita la funzione dirigenziale. La ricorrenza delle festività pasquali ha consentito un incontro promosso dal preside Giuseppe Adernò, già avviata negli anni precedenti in occasione delle festività pasquali 20 presidi in pensione, si sono incontrati al ristorante "Marè" di Acicastello, condividendo un momento di serena amicizia e scambio di esperienze. Rivedersi dopo tanto tempo, parlare dei figlie e dei nipoti, ricordare gli anni belli della crescita della scuola non è un esercizio di nostalgia, ma un'occasione per pensare all'oggi e continuare a sperare per una società migliore.

G. A.
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 01 aprile 2018 09:30:00 (723 letture)

(Leggi Tutto... | 2542 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Il Consiglio Comunale dei Ragazzi in una tesi di laurea
Redazione
Irene Corsaro, settimo sindaco del Consiglio dei Ragazzi all’Istituto Parini di Catania nell’anno 2006-2007, studentessa nel corso di Laurea in Storia e Scienze politiche e delle Relazioni internazionali ha conseguito la Laurea, presentando una tesi sul tema. “I giovani e la partecipazione politica - Imparare facendo”. Nella relazione introduttiva la prof.ssa Simona Gozzo ha illustrato il percorso svolto dalla candidata, la quale nel diligente lavoro di ricerca sulla partecipazione dei giovani alla vita istituzionale, ha evidenziato il bisogno di alcuni nel mettere in atto una reale “cittadinanza attiva”. Nella seconda parte vengono esaminati gli aspetti pedagogici della partecipazione democratica e l’azione della scuola attraverso l’Educazione Civica, che è nata a Catania in occasione di un convegno dell’UCIIM svolto al Castello Ursino nel febbraio del 1947 e l’anno successivo, 1948, con il decreto a firma di Aldo Moro, ministro dell’Istruzione, è diventata disciplina nella scuola italiana.

redazione@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 01 aprile 2018 09:00:00 (453 letture)

(Leggi Tutto... | 5459 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Il senso del dovere ...
Redazione
Si potrebbe vivere meglio, se dalla circolazione sparissero non pochi predicatori di pubblica moralità, sempre pronti a ricordare agli altri gli adempimenti dei loro doveri, e spesso inclini a sorvolare sulle proprie inadempienze. Non tutti sono così e nessuno nega l'importanza di buoni testimoni e di buoni esempi, ma credo che anche senza sollecitazioni esterne ogni persona, che abbia un minimo di coscienza e senta di avere delle responsabilità nei confronti degli altri, ogni volta in cui si debba prendere una decisione non possa fare a meno di chiedersi quali siano i suoi doveri e come li debba osservare. E allora quali sono i nostri doveri?

Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 14 marzo 2018 08:00:00 (472 letture)

(Leggi Tutto... | 6247 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Quattro ragioni per cui non voterò pd
Redazione
Pubblichiamo parzialmente l'intervento di Massimo Mantellini sul suo blog il 15 febbraio 2018 e un commento di Pietro Ichino.
Non voterò PD per Giulio Regeni. Per le molto ripetute scelte sbagliate del governo e del PD sul caso del giovane ricercatore ucciso al Cairo. ( ex Ragazzo Sindaco ndr) Per l'iniziale lungo silenzio, per la vicinanza pelosa col dittatore egiziano, per le bugie ripetute sempre accolte con troppa diplomatica cautela, per il rinvio dell'ambasciatore, per la ridicola sottolineatura delle responsabilità di Cambridge sulla morte del giovane. Come se in un'amnesia disdicevole Giulio lo avesse ucciso qualcun altro. Non voterò PD per la nomina di Valeria Fedeli, paladina delle parole vuote e della restituzione della scuola all'ingordigia spartitoria e senza meriti dei sindacati. Per il dietro front sulla #buonascuola Una scuola che dovrebbe essere il luogo del cambiamento e che invece viene riconsegnata ai suoi precedenti proprietari, senza premi per i migliori e con grandi complicità verso i peggiori. (bulli e violenti per giunta!)

Giad
Postato da Giuseppe Adernò Lunedì, 19 febbraio 2018 20:00:00 (723 letture)

(Leggi Tutto... | 4197 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Difficile dire cose più vere sulla letteratura e i libri, mi ha commossa e mi ha fatto sentire libera, un miracolo
Opinioni
Lo scrittore Ahmet Altan, un fervente critico del regime Erdo?an e uno dei primi scrittori turchi a denunciare pubblicamente il genocidio degli armeni, fu arrestato con l'accusa di sostenimento di una organizzazione terroristica nel settembre 2016. E' stato condannato in questi giorni all'ergastolo duro, insieme a 5 giornalisti. mrosa

"Un oggetto in movimento non è né là dov'è, né là dove non è." - così recita il famoso paradosso di Zeno. Già quando ero ancora molto giovane ho dedotto che questo paradosso, più che la fisica, riguardasse la letteratura e in particolare la posizione dello scrittore. Sto scrivendo nella cella di una prigione.
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 18 febbraio 2018 07:00:00 (878 letture)

(Leggi Tutto... | 7219 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Ogni errore forma un disegno!
Redazione
Non io disegno. E’ la mia Mano che disegna , che crea. Essa è quella che non sa resistere alla vista di un foglio bianco, che reclama subito una biro una matita un pennello, un gessetto, (non sta tanto a sofisticare sui mezzi da usare), pur di colmare il vuoto che ha di fronte! Scappa via da me, libera, senza freni, la mia mano! e s’inventa subito un volto un paesaggio un percorso una strada una prospettiva. Si anima così quel bianco vuoto foglio, all’improvviso; si riempie di immaginaria vita! E spazi lontani s’aprono, e fughe di linee nervose si incontrano, si intrecciano, e si scontrano, formando monti valli fiumi dirupi e casolari che prima non c’erano: poi, capita!: un guizzo! Una sbavatura di mano fuori controllo? Sì, è un errore! Ma forma un disegno! non previsto! Che meraviglia ! E le linee riprendono fiato, e entusiasmi nuovi! E si rilanciano e si sostengono, fiduciose, insieme, ri-creando spazi più grandi, sotto la guida della Mano che riprende coraggio, impazzita di gioia per i suoi creativi errori, per le sue improvvise e insospettabili scoperte:...

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 14 febbraio 2018 09:00:00 (520 letture)

(Leggi Tutto... | 3668 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Frammenti di riflessione / 1 vincitori e vinti nella società del rancore
Redazione
Con la compassione si lenivano un tempo le molte sofferenze degli uomini. A volte fatta solo di parole. Oggi nemmeno questo. Si accompagnano le sventure dei diseredati, degli sconfitti, dei fuggiaschi e dei disperati con l'odio e con l'ostilità sfrontata e violenta. Per le ferite di moltitudini di donne, uomini e bambini(povertà, guerre, migrazioni di popoli, fame, respingimenti, violenze) non c'è una politica che voglia pensarle ed affrontarle; non ci sono nemmeno arte, letteratura e filosofia che si premurino di sollecitarne la responsabilità. Ma quando il pensiero manca, si affaccia la violenza; ci si chiude pensando che sia la soluzione del problema. Se si rompono le dighe, però, non ci sarà salvezza nemmeno per i pochi che si credono in sicurezza.

Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 07 febbraio 2018 09:00:00 (577 letture)

(Leggi Tutto... | 4818 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: I Ragazzi Sindaci nella processione della cera – Carrozza del Senato
Redazione
Come già da alcuni anni, per iniziativa del preside Giuseppe Adernò, i Consigli Comunali dei Ragazzi  della provincia  partecipano alla solenne processione della cera  Il nutrito gruppo dei consigli comunali dei ragazzi comprende le rappresentanze delle scuole Parini, San Giovanni Bosco e  Brancati di Catania e poi ancora di Paternò, Ist. Mercede di  S.  Agata Li Battiati,   Santa Venerina,   Giarre, Tremestieri,  Trecastagni, San Pietro Clarenza, Licodia Eubea.
Per molti di questi ragazzi sarà la prima esperienza di ufficiale rappresentanza e quindi una cerimonia che segnerà un vivo ed emozionante ricordo.

Il Coordinatore  provinciale
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 04 febbraio 2018 09:00:00 (609 letture)

(Leggi Tutto... | 2294 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Incontro del Presidente della Repubblica con i Ragazzi Sindaci a Catania
Redazione
In occasione della breve visita a Catania del Presidente della Repubblica la delegazione dei Ragazzi Sindaci della Provincia ha incontrato e saluto il Presidente Mattarella. La prima tappa delle visita del Presidente è stato, appunto agli Orti urbani di Librino, dove ad accogliere il Presidente c'era i ragazzi delle scuole di Librino, il gruppo strumentale e e 10 ragazzi dei sette istituti comprensivi, più la delegazione degli studenti del Convitto "Mario Cutelli". La delegazione dei ragazzi sindaci era composta da Miriam Adamo, dell' Istituto San Giovanni Bosco di Catania; Filippo Reitano della scuola Brancati di Catania; Maria Teresa Anastasi dell Istituto "G. Parini" Catania; Riccardo Nicotra dell'Istituto D'Annunzio di Motta S. Anastasia; Michela Foti dell'Istituto di Santa Venerina; Sofia Bongiovanni dell’Istituto “De Amicis” di Tremestieri; Benedetta Fiandaca dell'Istituto Maria della Mercede di S Agata Li Battiati; Sofia Di Grazia della scuola Pluchinotta di S Agata Lo Battiati; Claudio Mirenna del I C.D. di Paternò; Giuseppe Calarco del II C. D. Paternò; Quattrone Flavio del 3 C.D. di Paternò; Paolo Falcone della scuola di Licodia Eubea.

redazione@aetnanet.org
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 21 gennaio 2018 10:00:00 (829 letture)

(Leggi Tutto... | 3929 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: S. Agata – Fede e Folklore
Redazione
Nella splendida Chiesa di S. Agata La Vetere, ha avuto luogo l'incontro culturale promosso dalla Sezione provinciale UCSI di Catania sul tema: "Raccontare la festa di S Agata - Cronaca religiosa e cronaca folkloristica- Fede, tradizione e innovazione ". Relatori: Don Giuseppe Costa , già Direttore LEV - Libreria Editrice Vaticana - Maria Teresa Moscato, Pedagogista Scrittrice - Università di Bologna - Suor Maria Trigila, Giornalista UCSI - Rossella Jannello - Giornalista professionista - Vice Presidente Regionale UCSI. Il lavori sono stati introdotti e moderati dal preside Giuseppe Adernò, Presidente UCSI provinciale di Catania. All'incontro hanno partecipato il presidente dell'Ucsi Sicilia Domenico Interdonato, il presidente dell' ANCRI (Associazione Nazionale dei Cavalieri dell'Ordine al Merito della Repubblica), i docenti dell'UCIIM, i soci dell'ASAEC (Associazione antiestorsione catanese). I ricchi contributi presentati nella tavola rotonda hanno consentito una lettura storica e critica della religiosità popolare e delle sue manifestazioni di pietà e di devozione che connotano i diversi momenti della festa della Santa Martire catanese, terza festa mondiale per afflusso di persone e per il fascino che la correda.

Giad
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 21 gennaio 2018 07:00:00 (694 letture)

(Leggi Tutto... | 6047 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Quando Sant’Antonio Abate scoprì la ruota ... (III Parte)
Redazione
Don Paolo Nicotra, inteso Ràia (1905-1985), misterbianchese, di professione commerciante, nel 1963 aveva 58 anni, abitava nell'antico quartiere di Panzera, ed in paese era considerato uno dei più profondi conoscitori della festa di Sant'Antonio, in quanto figlio di Nicotra Carmelo, fu Paolo, autorevole componente della Commissione Centrale delle feste celebrate negli anni Quaranta. L'invito fatto dal parroco, sac. Giuseppe Scuderi, di "ricostruire" la festa lo aveva sicuramente lusingato ed entusiasmato. Ne aveva parlato a lungo in famiglia, aveva coinvolto moglie e figli, e tutti erano felici di poter dare il loro contributo per la buona riuscita della festa grande in onore del Santo Patrono. Don Paolo conosceva i riti, le cerimonie, le tradizioni, ricordava tutto della festa, sapeva cosa chiedere, a chi chiedere, gli uomini che doveva coinvolgere; insomma, sapeva come "muoversi" per organizzare nel migliore dei modi, dopo ben 14 anni di interruzione, i solenni festeggiamenti in onore di Sant'Antonio Abate.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Sabato, 13 gennaio 2018 07:30:00 (681 letture)

(Leggi Tutto... | 10430 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Armonie per Sant’Agata
Redazione
Nella Chiesa di S, Agata La Vetere, un tempo sede del tribunale del Proconsole Quinziano, dove la Martire ha subito il taglio delle mammelle e ove si conserva il sarcofago di S. Agata, si svolgeranno degli incontri musicali che renderanno protagonisti i giovani musicisti. Gli incontri "Armonie per Sant'Agata", promossi dal Rettore della Chiesa don Ugo Aresco sono coordinati dal preside Giuseppe Adernò e si svolgeranno di lunedì con inizio alle ore 17,00. Aprirà la rassegna lunedì 15 gennaio l'Ensemble Luigi Sturzo di Biancavilla con la partecipazione del Dirigente Sergio Marra. Seguirà il 22 gennaio un gruppo corale di Messina ed il 29 gennaio il gruppo strumentale della scuola di Santa Venerina. Concluderà la rassegna il 12 febbraio il coro interscolastico di voci bianche "Vincenzo Bellini", diretto dalla M° Daniela Gambra.

Coordinatore
Preside Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 13 gennaio 2018 07:00:00 (712 letture)

(Leggi Tutto... | 3343 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: I settant’anni della Carta Costituzionale. Un ricordo di Oscar Luigi Scalfaro
Redazione
Il gesuita Padre Francesco Occhetta, consulente ecclesiastico dell'UCSI-Unione Cattolica Stampa italiana) nella prefazione al volume Le radici della democrazia (2011) ha inserito uno scritto di Oscar Luigi Scalfaro, presidente della Repubblica e Padre Costituente. A distanza di anni, rileggere questo scritto è come rivivere le emozioni e lo spirito democratico che ha animato il testo della Costituzione che ricordiamo nel 70° anniversario della promulgazione
Celebrare la Carta Costituzionale significa rivedere le radici di valori e di cultura democratica che ha animato la nostra Italia e sentirsi ancora una volta orgogliosi di essere Italiani.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 28 dicembre 2017 09:00:00 (931 letture)

(Leggi Tutto... | 8044 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Il presidente Musumeci: spero che in ogni scuola dell’Isola possa essere allestito un presepe
Istituzioni
In risposta alle tante sciocchezze innovative e rivestite di "modernità", di "laicità", di apparente rispetto delle diverse religiosità, che hanno portato a modificare anche il nome del Natale, denominata "festa della luce" il neo presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, inaugurando il presepe artistico al Palazzo d'Orleans, allestito dai maestri di Caltagirone, Salvatore Milazzo e Michele Zavatti eri, ha detto con chiarezza e ferma convinzione: "Spero tanto che in ogni scuola dell'Isola possa essere allestito un presepe. Lo ritengo un utile momento di partecipazione e di creatività, ma anche un modo per raccontare il senso della famiglia in una stagione di grande smarrimento, a prescindere dal doveroso rispetto per ogni credo religioso". Anche l'assessore alla Pubblica istruzione Roberto Lagalla ha dichiarato che "la presenza del presepe nelle scuole serve a valorizzare un simbolo della nostra tradizione che, in un momento sociale così complesso e difficile, può contribuire a rafforzare l'identità culturale della nostra terra". Dalla terra di Sicilia giunge una lezione di vera civiltà e di rispetto della storia e della religiosità che si alimenta anche di tradizione e di folclore.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 19 dicembre 2017 07:00:00 (914 letture)

(Leggi Tutto... | 6800 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Il rampollo stia zitto! Una nota del prof. Maurizio Ternullo
Redazione
A Vittorio Emanuele IV, che non si dà pace perché la salma del nonno V.E.III sarà traslata al santuario di Vicoforte e non al Pantheon che lui ritiene debba essere la sepoltura "naturale" dei re d'Italia, faccio sommessamente osservare che avrebbe da ringraziare la magnanimità degli italiani che ancora mantengono in quel tempio la salma del re cannoniere Umberto I, che decorò di medaglia d'oro "motu proprio" il generale Bava Beccaris, autore dell'eccidio di circa 100 pacifici manifestanti a Milano. Quanto al nonno, si rammenti che fu lui che gettò l'Italia nella Grande Guerra, dopo essersi segretamente impegnato in tal senso con Francia e Inghilterra, ...

prof. Maurizio Ternullo
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 17 dicembre 2017 07:00:00 (788 letture)

(Leggi Tutto... | 2455 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: La terza guerra mondiale potrebbe scoppiare lì, a Gerusalemme
Opinioni
Mi tornano in mente queste parole di Abraham Yehoshua: che il grande scrittore israeliano va ripetendo sempre di più (in questa difficilissima stagione, in cui immani catastrofi sembrano addensarsi all'orizzonte), e che ha pronunciato qualche mese fa, nel corso di un memorabile intervento aTaobuk, il festival dei libri di Taormina. Già, Gerusalemme: uno dei luoghi più sacri al mondo, dove ebrei cristiani e musulmani coabitano da secoli, e dove sono ancora vive altre e non meno antiche radici pagane. Gerusalemme, città e territorio dalla storia millenaria: dove - pur in mezzo a tante guerre, a tanto male - tanti uomini hanno provato, e continuano a farlo, a convivere in pace, a coabitare in armoniosa operosità. E ci ripenso, a quelle terribili, angosciose parole di Yehoshua, dopo aver letto (su "La Stampa") dell'appello lanciato all'Europa dallo stesso Yehoshua, oltre che da David Grossmann e Amos Oz, insieme ad altri 800 israeliani.

Giuseppe Giglio
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 12 dicembre 2017 07:00:00 (873 letture)

(Leggi Tutto... | 2747 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: A Francofonte i Cavalieri della Repubblica e il Consiglio Comunale dei Ragazzi: Insieme per la Legalità
Comunicati
L'Associazione Nazionale dei Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana, (ANCRI) ha promosso un convegno sul tema: "Corruzione, Estorsione, Usura e Mafia". L'incontro, promosso del socio Ancri, Comm. Giuseppe Lo Monaco, ha avuto luogo al Palazzo Gravina Cruyllas, nella Sala del Consiglio comunale di Francofonte, in provincia di Siracusa, con la partecipazione del Sindaco, arch. Salvatore Palermo e di numerosi consiglieri comunali e rappresentanti delle Forze dell'Ordine. Tra i numerosi cittadini intervenuti è stata significativa la presenza del "Consiglio comunale dei Ragazzi" della scuola "Dante Alighieri" con il baby sindaco, gli assessori e consiglieri. Dopo i saluti del Sindaco Palermo, del Presidente della sezione territoriale ANCRI di Catania uff. Francesco Frazzetta, e del comm. Lo Monaco, il piccolo sindaco del CCR, Simona Di Mauro, con la spontaneità del linguaggio ha inquadrato la complessa tematica dell'incontro, indirizzando la trattazione non tanto sugli aspetti negativi del fenomeno che caratterizza la corruzione, l'estorsione e l'usura, bensì sull'azione positiva di legalità e di rispetto delle regole del vivere civile.

redazione@aetnanet.org
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 10 dicembre 2017 07:30:00 (847 letture)

(Leggi Tutto... | 5934 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Un problema cristiano
Redazione
A tanto sta portando il pregiudizio anticomunista e il principio della sacralizzazione del dolore, quel principio di origine barbarica che vuole che non ci possa essere salvezza se non a prezzo della sofferenza, a causa del quale principio è invalsa una cultura che ha negato fino a tempi recenti terapie antidolore alle partorienti e perfino al malato terminale: che malgrado il papa, il papa in persona abbia appena ribadito la condanna (già espressa da Pio XII) dell'accanimento terapeutico, per quei casi dolorosissimi per i quali non è prevedibile alcuna speranza di guarigione, o di riduzione delle sofferenze, ma c'è solo la certezza di una continua, irreversibile perdita di ogni facoltà vitale, si deve ancora leggere di "eutanasia omissiva" su quello che una volta era il giornale dei vescovi italiani, e che ora sembra essere la spelonca degli oltranzisti, dei più papisti del papa. Se Pietro Grasso riuscirà a fare uscire la legge sul fine vita prima che il Parlamento venga sciolto, sarà stata comunque una buona legislatura.

 prof. Maurizio Ternullo
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 06 dicembre 2017 19:00:00 (610 letture)

(Leggi Tutto... | 2572 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Costruiamo la Città. Tredicesima Giornata Sociale, promossa dall’Arcidiocesi
Redazione
Promossa dall'Ufficio diocesano per i problemi sociali e il lavoro, si è svolta a Catania la XIII Giornata Sociale diocesana sul tema: Costruiamo insieme la città-comunità. Un cammino di democrazia partecipata. Sulla scia delle Settimane sociali nazionali l'Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina, ha introdotto i lavori del "laboratorio di formazione all'impegno socio-politico nella città dell'uomo" e Don Piero Sapienza, direttore dell'ufficio diocesano ha ripercorso il cammino avviato il 19 novembre 2005 registrando i positivi successi degli "osservatori socio-politici" nei vicariati della diocesi, spazio di aggregazione del laicato impegnato nell'esercizio della democrazia partecipativa, filo conduttore del percorso realizzato con la cooperazione e la vigile presenza nel contesto sociale. Le Encicliche sociali, afferma don Sapienza, vedono il cristiano depositario d'iniziative coraggiose e d'avanguardia e lo rendono protagonista di una socialità avanzata, superando la tentazione dell'accidia politica.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Lunedì, 20 novembre 2017 06:30:00 (508 letture)

(Leggi Tutto... | 5483 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Io insegnante in classi multietniche, dico no allo Ius soli
Redazione
Questa è una lettera scritta di getto da una docente, peraltro un tempo simpatizzante di Renzi e del PD, che ogni giorno insegna in una scuola del Nord, in classi multietniche e che tocca con mano cosa significa l’integrazione. E’ una testimonianza non certo di un’estremista ma di una docente equilibrata, che capisce e appena può aiuta i suoi studenti stranieri ma che, pur nella sua evidente umanità, non può negare la realtà, difficilissima, dell’integrazione in Italia. E reclama il rispetto dei valori più profondi e pregnanti della cittadinanza.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 19 novembre 2017 09:00:00 (821 letture)

(Leggi Tutto... | 4411 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Dico e mi contraddico / 2
Redazione
In un carcere-(albergo) è morto un tale. Si chiacchera, si vocifera, si pispiglia, si sussurra, si paventa che con codesta morte si è aperto un vuoto! - Ora, non c'è che aspettarsi il suo successore!
- Chi sarà?
- C'è attesa grande
- Che sia morto un eroe della patria?
- E come fu? Aveva appena 87 anni!
-Tanto, ancora, poteva fare di bene a questo nostro paese, no?
Oibò, viviamo forse in Monarchia? è morto un monarca? c'è un trono vacante, e, quindi, un vuoto di potere in atto, ed io non lo so?
No, No! Nulla di tutto ciò! E' morto, per sopraggiunta mala vecchiaia, un tale, che, imputato di delitti atroci, e, per questo condannato a più ergastoli, stava (finalmente) scontando la sua giusta pena, dopo aver bestialmente vissuto in latitanza dorata 24 anni.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Domenica, 19 novembre 2017 08:30:00 (569 letture)

(Leggi Tutto... | 2891 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Fontana Giorgio La Pira – Ognina
Redazione
In occasione dei “Dialoghi sulla Costituzione”, incontro culturale a chiusura della mostra itinerante della Costituzione, esposta al Castello Ursino dal 5 al 19 ottobre, il Sindaco Enzo Bianco, nella “Sala Bellini”, del Palazzo degli Elefanti, alla presenza delle Autorità cittadine, ha ricordato ed elogiato Giorgio La Pira, siciliano, sindaco di Firenze e Padre Costituente , relatore in commissione costituente dell’articolo 2 della Carta costituzionale, che sancisce i diritti della persona umana e i principi e valori della solidarietà politica, economica e sociale. In occasione del 30° anniversario della morte di Giorgio La Pira,  il Consiglio comunale dei ragazzi dell’Istituto Parini, da me coordinato, ha visitato i luoghi di La Pira  a Firenze e a Pozzallo e con i ragazzi si è ritenuto importante che la città di Catania ricordasse un così illustre grande siciliano, Padre costituente.

Giuseppe Adernò
Coordinatore  prov.  dei Consigli Comunali dei Ragazzi
Postato da Giuseppe Adernò Venerdì, 03 novembre 2017 08:00:00 (638 letture)

(Leggi Tutto... | 4523 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: L’Istituto Comprensivo 'Montessori-Mascagni', di Catania, visita la Costituzione
Istituzioni Scolastiche
Gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria dell'Istituto Comprensivo. Statale "M. Montessori - P. Mascagni", di Catania, hanno partecipato al Progetto, "Il viaggio della Costituzione". Progetto nato e promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri al fine di festeggiare il 70° anno dalla nascita della Carta Costituzionale. La città di Catania è stata scelta come seconda tappa del Progetto, a cui è stato associato uno dei principi generali: la "Solidarietà". Gli alunni delle classi quinte, accompagnati dai docenti, con la collaborazione delle famiglie, nel pomeriggio dello scorso 19 Ottobre, si sono recati al Castello Ursino per una "lezione speciale".

Antonella Rossello
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 23 ottobre 2017 07:00:00 (1057 letture)

(Leggi Tutto... | 3005 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Visita alla mostra 'Il viaggio della Costituzione'. Il piccolo Sindaco dell’I.C. San Giovanni Bosco racconta
Redazione
In qualità di sindaco dell'I.C. "San Giovanni Bosco" di Catania, insieme ai miei assessori Vanessa Allegra , Andrea Sciuto , Giusy Maugeri ,Sofia Ferro, Aurora Emanuele , Giulia D'Ignoti e con il Presidente del Consiglio Comunale dei Ragazzi Alessio Tosto, accompagnati dalle insegnanti Grazia Di Stefano e Francesca Di Prima, siamo andati a visitare la mostra "Il viaggio della Costituzione" allestita al Castello Ursino. Appena arrivati, il preside Giuseppe Adernò, coordinatore provinciale dei C.C.R, ci ha accolti calorosamente e subito mi ha chiesto di indossare la fascia "da sindaco". Con quella fascia addosso mi sono sentita davvero importante ed è stato bellissimo poter camminare con disinvoltura, consapevole di ricoprire un ruolo così importante. Il preside Adernò ha quindi illustrato sinteticamente la nascita e la storia della Costituzione Italiana e siamo entrati al Castello Ursino per visitare la mostra.

Miriam Elvira Adamo
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 23 ottobre 2017 06:00:00 (846 letture)

(Leggi Tutto... | 4753 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Ragazzi Sindaci della provincia di Catania alla mostra itinerante 'Il viaggio della Costituzione'
Redazione
La delegazione dei Ragazzi Sindaci della provincia di Catania, guidata dal coordinatore preside Giuseppe Adernò ha visitato presso la Sala d'Armi del Castello Ursino la mostra itinerante "Il viaggio della Costituzione". I consigli comunali delle scuole "Brancati" e "San Giovanni Bosco" di Catania, della scuola media "Pluchinotta " di S. Agata Li Battiati degli Istituti comprensivi "Macherione" di Giarre, "Gabelli" di Misterbianco, di Trecastagni, Santa Venerina, Licodia Eubea e Mazzarrone, accompagnati dai docenti, hanno avuto l'opportunità di vedere il testo originale della Costituzione e con particolare emozione ed entusiasmo, utilizzando quattro touch screen hanno avuto modo di firmare il testo della Costituzione e riceverne una copia nel telefonino con la propria firma accanto a quella del primo Presidente Enrico De Nicola.

Il Coordinatore provinciale
Giuseppe Adernò
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 20 ottobre 2017 06:30:00 (663 letture)

(Leggi Tutto... | 3216 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Restituite nella rotonda di Ognina la vela con la scritta di dedica a Giorgio La Pira
Comunicati
Egregio Signor Sindaco
Gentili Assessori
Il 5 novembre del 2008, in occasione del 31° anniversario della morte di Giorgio La Pira, siciliano, Sindaco di Firenze, è stata inaugurata ad Ognina la Fontana e la rotonda dedicata al Padre Costituente, Ambasciatore di pace e, come documentano le foto, era stata realizzata, per iniziativa del Consiglio dei Ragazzi dell'Istituto Parini  una targa a forma di vela con la scritta: A Giorgio La Pira, ambasciatore di Pace. Ora questa "vela" è scomparsa.
Il prossimo 5 novembre ricorre il 40°anniersario della morte di Giorgio La Pira (Firenze, 5 novembre 1977) e a nome dei Ragazzi Sindaci che vedono in Giorgio La Pira un modello di sindaco impegnato ...

Il Coordinatore provinciale dei Consigli Comunali dei Ragazzi
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 19 ottobre 2017 07:00:00 (633 letture)

(Leggi Tutto... | 2538 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: I ragazzi sindaci visitano la costituzione
Comunicati
Giovedì 19 ottobre alle ore 10 la delegazione dei Ragazzi Sindaci della provincia di Catania, guidata dal coordinatore preside Giuseppe Adernò visiterà presso la Sala d'Armi del Castello Ursino la mostra itinerante "Il viaggio della Costituzione", approfondendo il tema della Solidarietà che costituisce uno dei valori portanti del progetto della "scuola- piccola città" che, attraverso l'imparare facendo rende attiva l'educazione civica, disciplina scolastica, nata appunto al Castello Ursino nel corso del convegno UCIIM del febbraio 1957.

Il Coordinatore provinciale
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 10 ottobre 2017 07:30:00 (537 letture)

(Leggi Tutto... | 1722 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: 5 ottobre 2013 alle ore 15:00. Dedicata ai morti di Lampedusa
Redazione
Tutto ha inghiottito il mare
Nel buio crocifisso della notte
Si sono infranti i sogni
Ora vi piovono fredde corolle
Sopra l’azzurro e si cullano al sole
A ricordo di chi sognando d’essere
Un giorno un uomo libero per vivere
La libertà ha dovuto morire

Nuccio palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Venerdì, 06 ottobre 2017 19:00:00 (535 letture)

(Leggi Tutto... | 934 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Sicilia senza donazione. In tutta Italia, tranne in Sicilia si celebra la Giornata della Donazione
Redazione
C'era una volta in Sicilia la Giornata della donazione che si celebrava la prima domenica di ottobre, in coincidenza anche con il Premio regionale Nicholas Green e la giornata nazionale del dono del 4 ottobre. Nelle altre Regioni tal evento è celebrato ogni anno e sollecita tra i giovani una significativa sensibilizzazione, grazie anche al contributo dell'Aido e delle altre associazioni, verso la cultura del dono e della donazione degli organi, dei tessuti, del sangue.
Nel ricordo del piccolo americano Nicholas Green, vittima di un agguato nell'autostrada Salerno Reggio Calabria, i cui genitori hanno donato gli organi che hanno dato vita a sette cittadini italiani, fu istituito con l'Art.2 della L.R. 1/3/1995, n.15, il Premio regionale Nicholas Green e, sulla scia dell'effetto Nicholas, ha contributo a formare tra i giovani la cultura della donazione.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 03 ottobre 2017 07:30:00 (593 letture)

(Leggi Tutto... | 4461 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Candidati Governatori in Sicilia: mettete la scuola in cima ai programmi
Opinioni
Come uscire dalle macerie dal saccheggio delle risorse e dal deserto che ci lascia Crocetta in Sicilia? Forse incominciando dalla scuola e dalla formazione: dalle 800 scuole pubbliche massacrate e violentate da 5 anni di incuria abbandono e colpevole incompetenza della cricca di Crocetta. Per cambiare veramente le cose in Sicilia deve partire dall’istruzione. In essa deve profondere prioritariamente tutto il suo impegno e dedicarvi le risorse necessarie. I veri, i seri governanti devono avere come pensiero e cura dominante l’istruzione e la scuola, perché solo le future generazioni possono cambiare in meglio quest’isola e poiché la sede naturale di crescita delle nuove generazioni è la scuola; essa per questo merita il massimo riguardo. Bisogna cominciare dagli edifici e dai plessi e dalle strutture. Secondo il rapporto Ecosistema Scuola 2016, realizzato dal Legambiente, delle scuole peggiori d’Italia, visto che una scuola su tre “necessita di interventi di manutenzione urgente”.

preside Salvatore Indelicato
Amministratore gruppo Facebook “Dirigenti Scolastici Professionals”
Presidente del Consorzio di scuola Aetnanet
Postato da Salvatore Indelicato Mercoledì, 20 settembre 2017 12:36:26 (1397 letture)

(Leggi Tutto... | 8964 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: 18 settembre inaugurazione anno scolastico a Taranto
Redazione
Dal 2015, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di avviare una nuova e importante tradizione portando la cerimonia nazionale di inaugurazione dell'anno scolastico direttamente sui territori. E' questo un segnale molto significativo di impegno e di vicinanza da parte delle Istituzioni al mondo della scuola. Dopo Napoli e Sondrio, ecco ancora una scuola del Sud, la scuola Pirandello di Taranto, simbolo di resistenza all'illegalità ed espressione di un territorio ferito nella sua integrità e bellezza, ospiterà il 18 settembre la cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico 2017-2018. Il presidente della Repubblica visiterà, gli istituti Pirandello e Falcone nel Quartiere Paolo VI del capoluogo pugliese: due scuole collocate in una zona dove le difficoltà del territorio sono tante e sono state oggetto di raid vandalici. La manifestazione nazionale ha acceso i riflettori sulle scuole di periferia, impegnando l'Amministrazione ad interventi straordinari.

redazione@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 09 settembre 2017 07:00:00 (763 letture)

(Leggi Tutto... | 3639 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Quest’anno non faccio niente!
Redazione
Quest'anno non faccio niente! E' questa un'espressione ricorrente che circola tra i corridoi delle scuole, nella sala dei professori, come manifestazione del disagio che si respira a scuola e le difficoltà che singolarmente ogni docente percepisce dentro e manifesta anche attraverso il linguaggio non verbale. Nei giornali di scuola e nei messaggi augurali per il nuovo anno si legge che è necessario caricare la propria professionalità di una forte dose di entusiasmo, dote che i docenti hanno dentro e trasmettono ai propri alunni. Venire a scuola contenti, star bene a scuola, con i colleghi, con i ragazzi, con genitori, costituiscono i presupposti indispensabili per assicurare maggiore efficacia all'azione didattica, che tende al miglior bene di ciascun alunno. L'entusiasmo, definito come "quell'incontenibile spinta ad agire ed operare dando tutto se stessi" comporta e sollecita una convinta e costruttiva partecipazione totale, gioiosa e appassionata.
L'entusiasmo, fra l'altro, non s'insegna, si testimonia, si trasmette, si comunica, occorre averlo dentro per poterlo donare agli altri; solo allora diventa veicolo e momento di relazione educativa.

lettera firmata
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 06 settembre 2017 18:00:00 (913 letture)

(Leggi Tutto... | 6540 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Appello della scuola siciliana ai candidati a governatore
Opinioni
Il 5 novembre sarà il giorno della liberazione della scuola siciliana dalla calamità “ Crocetta” che si è abbattuta inesorabile per 5 anni, provocando la desertificazione e la distruzione della scuola e della formazione pubblica in Sicilia. Il D Day sarà l’inizio difficile per ripristinare un minimo di agibilità e un minimo di speranza per risollevare le sorti della scuola pubblica e della formazione professionale massacrati senza pudore e senza alcuna pietà da un Crocetta incapace, arrogante, disgustoso privo del senso delle istituzioni e rozzo occupante delle poltrone di sottogoverno. Diamo atto al suo stesso partito il PD di Faraone e Renzi che in Sicilia lo ha emarginato con una damnatio memoriae implacabile stoppando la sua ricandidatura che Crocetta vuole riproporre senza vergogna, con la faccia di bronzo e in pieno delirio psichiatrico.
 
Salvatore Indelicato
s.indelicato@libero.it
Postato da Salvatore Indelicato Sabato, 02 settembre 2017 17:08:24 (914 letture)

(Leggi Tutto... | 5104 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Scuola senza età. Docenti nonnini e insegnanti ragazzini
Redazione
E' proprio vero che la scuola è senza età e nel mondo della scuola si registrano le più strane situazioni. In questi giorni abbiamo letto alcune notizie contrastanti e diverse soluzioni sono state adottate. Una professoressa dopo 40 anni supplenza d'insegnamento della lingua francese nelle scuole medie, convocata a 65 anni per l'immissione in ruolo al Provveditorato di Salerno rifiuta l'incarico e preferisce andare in pensione da "supplente". Un'insegnante palermitana di 69 anni, Bernarda Di Miceli, la quale compirà settant'anni l'anno prossimo nel giorno di San Valentino, e, dopo tanta attesa ha potuto finalmente firmare il contratto a tempo indeterminato di docente di scuola primaria all'Istituto Pio La Torre di Palermo. Secondo legge, la pensione scatta a 66 anni e 7 mesi, ma è possibile chiedere il trattenimento in servizio se non è stata raggiunta la soglia contributiva dei 20 anni per accedere alle pensione di vecchiaia. In questo caso è possibile restare in servizio fino a 70 anni e 7 mesi se questo contribuisce a far raggiungere il requisito contributivo.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 08 agosto 2017 08:30:00 (793 letture)

(Leggi Tutto... | 5088 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: I tremestieresi della classe 1957 si incontrano in piazza
Redazione
I tremestieresi della classe 1957 si sono ritrovati domenica 2 luglio sul sagrato della chiesa madre con familiari e amici per festeggiare in un clima di allegria con tutta la comunità cittadina i loro 60 anni. Una bella festa, ricca di musica e colori, ma anche impregnata di forti significati umani e sociali. Una festa dell’amicizia, come ricordato dal parroco Sac. Salvatore Scuderi durante la messa di ringraziamento e di benedizione per tutti i doni e le grazie ricevute in questi anni. Ma anche una festa a forte valenza sociale - come sottolineato dal Sindaco Santi Randi nel suo intervento augurale - quale esempio di attaccamento al territorio e alle sue tradizione oltre che testimonianza di impegno personale e sociale per un futuro di sviluppo di Tremestieri Etneo all’insegna dei valori della solidarietà.

redazione@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 04 agosto 2017 07:30:00 (1150 letture)

(Leggi Tutto... | 3181 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Addio piccolo Charlie, ambasciatore della vita
Redazione
La notizia della morte del piccolo Charlie, ancor prima di compiere il primo compleanno, lascia un grande vuoto e molti interrogativi per le implicazioni morali, giuridiche e politiche che ha suscitato. La vicenda che ha assunto dimensioni internazionali ed ha coinvolto il Vaticano e gli Stati Uniti ha lasciato nell'opinione pubblica tante perplessità. Mentre tanti di noi abbiamo portato avanti una battaglia per la vita, sollecitando le strutture sanitarie di intervenire per venire incontro alle esigenze speciali del piccolo, affetto da una malattia genetica rara, una forma di sindrome di depressione del Dna mitocondriale, una patologia estremamente rara che colpisce le cellule causando un progressivo indebolimento dei muscoli e degli organi vitali, con conseguenti danni cerebrali per i quali al momento non esistono ancora delle cure.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 29 luglio 2017 09:00:00 (745 letture)

(Leggi Tutto... | 5337 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: I cavalieri della Repubblica incontrano il Prefetto
Comunicati
E' stata ricevuta dal Prefetto Silvana Riccio la delegazione dell'ANCRI (Associazione Nazionale Cavalieri al merito della Repubblica Italiana), sezione territoriale di Catania, guidata dal presidente Dott. Francesco Frazzetta e dal Vice delegato regionale Cav. Giovanni Rezoagli. All'incontro hanno partecipato il Vice presidente Comm. Giuseppe Adernò, i componenti del Consiglio: il Commissario Alfredo Lieto, il dott. Salvo Caruso, l'avv. Salvo Vicari, il cav. Rosario Pennisi di Acireale ed il Cav. Giacomo Vaccaro di Caltagirone. Il Prefetto ha ben accolto le iniziative del sodalizio che tra i suoi programmi elenca numerose iniziative di solidarietà e di servizio sociale alla Comunità cittadina, mettendo in atto i valori morali ed etici che hanno determinato la nomina di "Cavalieri al merito della Repubblica". Essere Cavaliere, infatti, non può, e non deve, ridursi al semplice ottenimento di un "diploma" da attaccare a una parete o all'esibizione di una "rosetta" sul bavero della giacca; "essere Cavaliere" significa continuare a essere degni del privilegio ricevuto ...

redazione@aetnanet.org
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 27 luglio 2017 07:30:00 (787 letture)

(Leggi Tutto... | 4487 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: La Rinuncia di Fabrizio Grasso
Redazione
Con un volumetto prezioso, agile e ricco di suggestioni e di riporti giornalistici, Fabrizio Grasso commenta l'evento del secolo, che ha stravolto la storia millenaria della Chiesa, a seguito della "Rinuncia" al Papato con le dimissioni di Papa Benedetto XVI , il quale dall'11 febbraio 2013 è divenuto "Papa emerito". Il pamphlet "La Rinuncia. Dio è stato sconfitto?" edito da Algra editore nella collana "Interim" ha una prefazione del giovane avvocato rotale Fabio Adernò, amico e compagno di Liceo di Fabrizio Grasso, il quale nei tre capitoli analizza prima l'evento delle dimissioni, presentando una cronaca ragionata degli ultimi giorni del pontificato di Benedetto XVI ; quindi approfondisce il dibattito sulla presenza contemporanea di due Papi, con l'inedita situazione nella Chiesa universale.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 23 luglio 2017 07:00:00 (1073 letture)

(Leggi Tutto... | 4010 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Denuncia per l’atto vandalico contro la statua di Giovanni Falcone
Redazione
Il Coordinamento dei Consigli Comunali dei Ragazzi della Provincia di Catania denuncia il grave crimine commesso contro la memoria del giudice Giovanni Falcone a pochi giorni dall'anniversario della strage di via d'Amelio avvenuta il 19 luglio 1992. E' stata vigliaccamente distrutta la statua di Giovanni Falcone che si trova davanti alla scuola Falcone-Borsellino nel quartiere Zen di Palermo. Alla statua è stata staccata la testa e un pezzo del busto usati poi come ariete per sfondare una vetrata di ingresso della scuola. In questo momento siamo vicini alla Fondazione e ai familiari del Giudice e a tutte le famiglie, vittime della mafia colpite dalla violenza di questo gesto ingiustificabile e compiuto in un scuola ...

Il Preside coordinatore
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 13 luglio 2017 08:15:00 (899 letture)

(Leggi Tutto... | 2277 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Charlie tra la vita e la morte
Redazione
Con una decisione del 27 giugno 2017, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha dato torto ad una coppia britannica che si batte perché il proprio figlio di 10 mesi, affetto da rara patologìa genetica degenerativa che non lascia, umanamente, scampo, non venga "scollegato" dalle apparecchiature che lo tengono in vita e possa beneficiare di un trattamento sperimentale di "ultima possibilità" negli Stati Uniti o all'ospedale Santo Bambino di Roma. La Corte di Strasburgo ha giudicato, a maggioranza, che le giurisdizioni britanniche potessero legittimamente ritenere, visti i rapporti di esperti in medicina, che non sarebbe nell'interesse del bambino continuare a vivere con la respirazione artificiale, né ricevere un nuovo trattamento sperimentale. Secondo i giudici britannici, tali cure non gli procurerebbero alcun beneficio e il bambino soffrirebbe considerevolmente.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 11 luglio 2017 08:54:05 (952 letture)

(Leggi Tutto... | 5760 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Anche la scuola è composta da uomini e donne, mezzi uomini e mezze donne, ominicchi e femminicchie, pigliainculo e quaquaraquà
Opinioni
Anche la scuola è composta da uomini e donne, mezzi uomini e mezze donne, ominicchi e femminicchie, pigliainculo e quaquaraquà. Permettetemi alcune considerazioni di fine anno scolastico... Leonardo Sciascia aveva proprio ragione, la nostra cara e bella Italia è "composta dagli uomini, dai mezzi uomini, dagli ominicchi, dai (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà (vale ovviamente anche per le donne). Queste persone sono presenti anche nella scuola italiana. Anche gli intellettuali non sono immuni dal "virus" dei quaquaraquà. A scuola l'invidia, l'opportunismo, l'insoddisfazione, la poca gratificazione degli insegnanti da parte di chi invece dovrebbe premiarne la professionalità, lo stipendio vergognosamente basso, la poca considerazione riconosciuta dai politici e dalla società, il servilismo, la codardia, la falsità, la vigliaccheria trasformano spesso queste persone in simboli negativi, in soggetti da denigrare. Il rispetto per gli insegnanti è quasi scomparso.

prof. Paolo Latella
docente di ruolo c/o l'ITE A. Bassi di Lodi
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 11 luglio 2017 08:00:00 (1105 letture)

(Leggi Tutto... | 4499 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Ricordo del preside Capodanno
Redazione
"I giusti brilleranno come stelle".
"Non ti chiediamo perché ce l'hai tolto, ti ringraziamo perché ce l'hai donato". Con questi sentimenti di gratitudine e riconoscenza siamo qui vicini alla famiglia per rinnovare il nostro "grazie" per i tanti doni ricevuti, insegnamenti, ammonizioni, consigli, opportunità di crescita nella professione che grazie al suo impegno creativo, alla sua testimonianza, al suo carisma,abbiamo avuto la fortuna di realizzare. Il preside Capodanno ha saputo offrire una vera testimonianza cristiana mediante l'insegnamento prima e la guida dell'innovativa scuola media "Leonardo Grassi" , fucina e palestra di sperimentazioni didattiche dalla scuola a tempo prolungato alla scuola dell'inserimento degli handicappati, dell'integrazione dei disabili dell'inclusione nel tessuto sociale di quanti bussavano alla porta della scuola ed erano "bisognosi di particolari attenzioni". E' questa la più bella e pedagogica definizione che un educatore attento, capace di saper "guardare tutti ed osservare ciascuno" ci lascia come preziosa eredità.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Mercoledì, 05 luglio 2017 08:30:00 (949 letture)

(Leggi Tutto... | 6064 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Per una comunicazione efficace. Vademecum pedagogico di relazione educativa
Redazione
In modo semplice, fresco, accessibile a tutti, viene consegnato ai Docenti e agli Educatori un prezioso strumento, quasi un vademecum per una comunicazione efficace. Nel volume "La comunicazione vincente-itinerari per una cultura dell'incontro" pubblicato dall'editrice "PassionEducativa", Suor Rosetta Calì, Figlia di Maria Ausiliatrice, trasmette tanta saggezza pedagogica, sulle orme di Don Bosco, "comunicatore avvincente, geniale e polivalente". Maestro dell'amorevolezza e dell'ascolto, precursore della comunicazione globale e già nell'Ottocento pioniere dei mezzi di comunicazione con la partecipazione all'EXPO della Scienza e della Tecnica a Torino nel 1884. L'Autrice continua il percorso avviato nei precedenti volumi: "La relazione educativa nell'era digitale" (2012); "Palla al centro. Il valore pedagogico dello sport" (2013) ;"Educatore di rete. Identità e metodo", 2014; "Profili digitali under 30 Un approccio educativo (2015) e prosegue tracciando le linee guida di una comunicazione "efficace" anche utilizzando i nuovi codici e i nuovi alfabeti.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Martedì, 27 giugno 2017 07:30:00 (883 letture)

(Leggi Tutto... | 6135 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Conflitto sociale e redistribuzione
Redazione
Quello che è successo in Francia, puo’ succedere altrove e in parte è successo in Italia nel 2013 col Movimento 5Stelle. I partiti sradicati dalle classi sociali di riferimento, chiusi nella logica che impone loro la presenza nelle istituzioni, e sempre più restii a ripensare il senso e le prospettive della propria esistenza, sono diventati gusci vuoti, che al primo serio momento di difficoltà volano in aria senza rimpianti. Avere scisso il politico dal sociale, salvo qualche richiamo rituale al proprio lessico del passato, ha determinato più che una duplice funzionale autonomia delle due sfere il conflitto tra società e istituzioni; tra bisogni sociali e attività politica. Non è un caso che all’inasprimento del malcontento sociale corrisponda il decremento costante della partecipazione popolare alle elezioni, anche in presenza di nuove offerte politiche.

Raimondo Giunta
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 22 giugno 2017 06:30:00 (822 letture)

(Leggi Tutto... | 3879 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Unicuique suum tribuere
Redazione
Ora dico una cosa che a dirla si fa peccato di "politically uncorrect": dico cioè che la pena che il giudice infligge a chi ha violato la legge penale non è per sua natura uno strumento di rieducazione. Lo dice l'art. 27 della Costituzione al 2^o capoverso: "Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato". Queste parole, spesso invocate a sproposito, chiamano "pena" la pena. Stabiliscono cioè per prima cosa che il giudice non manda il condannato a rieducarsi, ma a scontare una pena. E la pena ha, nel linguaggio dei giuristi, un "contenuto afflittivo". Per quale motivo la società infligge una sofferenza al reo? Lo fa in base a un principio di giustizia retributiva: "Unicuique suum tribuere". A chi opera bene, si danno riconoscimenti, titoli onorifici, menzioni d'onore etc. A chi opera male, si danno pene.

 prof. Maurizio Ternullo
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 17 giugno 2017 09:00:00 (798 letture)

(Leggi Tutto... | 3955 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Luce sulle periferie. Il Papa a Bozzolo e a Barbiana
Redazione
Martedì 20 giugno 2017 papa Francesco si recherà in pellegrinaggio a Bozzolo (provincia di Mantova e diocesi di Cremona) e a Barbiana (provincia e diocesi di Firenze), per pregare sulle tombe di don Primo Mazzolari e di don Lorenzo Milani. La parabola di vita di don Lorenzo Milani è bella è complessa, affascinante e piena di profezia. In questi giorni molto si è parlato di lui; la sua figura e la sua opera è stata rivalutata da Papa Francesco e la sua visita il 20 giugno prevede un omaggio a Don Primo Mazzolari, a Bozzolo, e quindi a Barbiana , accende un faro di luce sulle periferie e si aprono nuovi orizzonti sulle nuove dimensioni sociali e pastorali della Chiesa di oggi. Questo duplice gesto, manifesta l'intento di Papa Francesco di richiamare l'attenzione sull'identità e la missione del prete e sul legame di questi con la gente affidatagli nel ministero parrocchiale".

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Sabato, 17 giugno 2017 08:30:00 (773 letture)

(Leggi Tutto... | 7216 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Prof. Carmelo Mirisola Cavaliere della Repubblica
Redazione
Giorno 2 giugno, Festa della Repubblica, in Piazza Università a Catania, il Prof. Carmelo Mirisola, docente di Religione presso il Liceo Classico M. Cutelli, ha ricevuto l'onorificenza di Cavaliere della Repubblica per decreto del Presidente della Repubblica. Il prof. Mirisola è ben conosciuto per l'impegno profuso nel suo lavoro d'insegnante di Religione  e coordinatore dei Docenti di Religione, per l'alta qualità del suo lavoro, apprezzato da dirigenti, colleghi e studenti. Ben noto è anche il suo impegno nel sociale che porta avanti con costanza e dedizione esemplari ed è  molto apprezzato per la sua attività di sindacalista che in due anni lo ha portato ad essere responsabile del Dipartimento IRC di Catania, grazie alla lungimiranza dei Segretari Provinciali Generali CISL Scuola Pippo Denaro prima e Ferdinando Pagliarisi poi,

prof. Sergio Manuli
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 09 giugno 2017 07:00:00 (771 letture)

(Leggi Tutto... | 3076 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Dico e mi contraddico
Redazione
La legge è uguale per tutti. Giusto! Ma non tutti i delinquenti sono uguali. E le pene vanno commisurate alle colpe. Come le garanzie.
Ci sono diverse categorie e diverse modalità tattico-strategiche di delinquere . Ci sono ricchi colletti bianchi che delinquono, speculando con intelligente furtività sulle sostanze e i beni altrui, evadono le tasse, e rubano odiosamente per la narcisistica vanità della ostentazione del superfluo; così, pure, politici immorali, che commettono reati addirittura solo per smodata sete di potere. E così, via dicendo: ci sono i delinquenti furbetti del quartierino, affetti da becero gallismo e smanie di precoce illecito arricchimento e di appariscente lusso; i millantatori malati di "grandeur"; i traffichini di varie specialità di malaffare, gli scassa-pagliai, i ladruncoli occasionali, uomini sventurati, quest'ultimi, e disgraziati, costretti spesso a delinquere, perché sopraffatti dal bisogno. Sono tutti da condannare, è ovvio.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 08 giugno 2017 07:00:00 (893 letture)

(Leggi Tutto... | 4267 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Delegazione Ragazzi Sindaci alla sfilata del 2 giugno
Redazione
Una rappresentanza dei Ragazzi Sindaci e dei Consigli Comunali dei Ragazzi della provincia di Catania, invitata del Presidente della Repubblica sarà presente il 2 giugno alla solenne sfilata presso i Fori Imperiali. Guidati dal preside Giuseppe Adernò, fondatore e delegato dei CCR , i ragazzi sindaci di  Valverde, Alice Licciardello; di Licodia Eubea, Paolo Falcone; di Gravina, Davide Caceci; di Mazzarrone, Raffaele Arestia; di Grammichele Nicolò Piccolo con i consiglieri e assessori  parteciperanno alla solenne manifestazione nazionale   nel palco d’onore vicino al Presidente della Repubblica e alle altre Autorità.  Nel pomeriggio visiteranno  i giardini del Quirinale e il giorno dopo la Basilica di San Pietro e Castel Sant’Angelo.

Coordinatore provinciale
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Venerdì, 02 giugno 2017 06:00:00 (831 letture)

(Leggi Tutto... | 2256 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Via longa verbis est, brevis exemplis
Redazione
Noto, con amarezza, che paradossalmente, ai dì nostri, a recitare dal pulpito, o dal palco di occasione, in compunzione di manierata circostanza, la predica del buon governo a difesa del lavoro, e dei lavoratori, e in nome della giustizia e della equità, e della pace, sono perlopiù ricchi chiomosi trampisti incalliti guerrafondai, miliardari sfondati, spudorati evasori, vitaliziati politici sfacciati e corrotti, nonché, per obbligo di catechesi, i fastosi apparati cardinalizi della immortale ecumenica chiesa di Roma. Paradossalmente, dico, perché sono prediche vistosamente dissonanti, incongruenti difese ipocrite, fatte con evidente cattiva coscienza ...

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Domenica, 28 maggio 2017 08:30:00 (860 letture)

(Leggi Tutto... | 1947 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: #PalermoChiamaItalia
Ministero Istruzione e Università
Il 23 maggio 70.000 studentesse e studenti insieme contro le mafie per il XXV anniversario delle stragi di Capaci e via d'Amelio Tornano la Nave e le Piazze della Legalità

Un unico coro, un'unica voce per dire "no" a tutte le mafie e alla criminalità organizzata. Il 23 maggio prossimo 70.000 studentesse e studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l'iniziativa  organizzata dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D'Amelio in cui hanno perso la vita, venticinque anni fa, i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina.
Dal 2002 la Fondazione Falcone...

Miur
Postato da Antonia Vetro Domenica, 21 maggio 2017 09:00:00 (1256 letture)

(Leggi Tutto... | 12826 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Festa della Mamma
Redazione
Nel mese di maggio, mese dei fiori, e per tradizione popolare consacrato alla Madonna, si celebra la "Festa della Mamma".
Momento delicato di ricordi e di attenzione, occasione per rinnovare alle Mamme il "grazie" per il dono della vita e per l'amore, la dedizione e lo spirito di servizio e di sacrificio che caratterizza tutte le mamme nei confronti dei figli. "Ogni persona deve la vita a una madre, e quasi sempre deve a lei molto della propria esistenza successiva, della formazione umana e spirituale" ha affermato Papa Francesco nel corso della prima udienza del 2015. Fare la mamma comporta sempre "problemi" e "lavoro", ha sottolineato il Santo Padre, e nel ricordo esistenziale di ciascuno c'è sempre la vigile presenza della madre che accompagna, guida e sostiene.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Giovedì, 11 maggio 2017 07:30:00 (890 letture)

(Leggi Tutto... | 7912 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Scuole per la pace. Il Papa ai ragazzi: rassegnazione è una parola proibita
Rassegna stampa
Il Pontefice risponde alle domande degli studenti provenienti da tutta Italia che hanno partecipato al Meeting delle scuole per la pace. E cita Mina. Come fermare la violenza che invade la nostra società, i mezzi di comunicazione, internet? Ma è vero che la non violenza può fermare la violenza? Cosa sta succedendo a questo mondo? Sono numerose, e profonde, le domande che alcuni ragazzi rivolgono al Santo Padre in Aula Paolo VI, in rappresentanza di 7mila studenti provenienti da ogni parte d’Italia, impegnati nel Coordinamento degli Enti locali per a pace. «C'è una cultura della distruzione», risponde il Papa, c'è un dio della distruzione che vuole che gli uomini siano in guerra. La stessa cultura che chiama una bomba "la madre di tutte le bombe". Mi sono vergognato, spiega Francesco, ...

Avvenire.it
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 07 maggio 2017 07:30:00 (978 letture)

(Leggi Tutto... | 5806 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Coraggio sempre!
Redazione
Coraggio! Lo ripetevano i viandanti nel deserto, impastati di sabbia e di paura, in cerca di una via e d'un'àncora di salvezza.
Coraggio! Lo gridavano i carcerati, nelle notti oscure, trafitti e incatenati nelle segrete, solamente per aver osato una parola, un'idea, un sogno.
Coraggio! Lo ripetevano anche i banditi, puniti per ingiustizie ataviche, "genetiche", per un tozzo di pane, rubato alla rinfusa per sfamare un figlio e una donna, lasciati ad aspettare nell'ombra cupa della fame.
Coraggio! Lo ripetevano con la voce tremula gli häftlinge, nelle fredde e lunghe notti d'Auschwitz, che lottavano "per un pezzo di pane", "per un si o per un no", "come rane d'inverno", con la dignità di saper aspettare.
Coraggio! Lo ripeteva chi combatteva sulle barricate, chi veniva deriso e scannato per un'idea, per "cambiare il mondo", "per un domani migliore".

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 07 maggio 2017 07:00:00 (1375 letture)

(Leggi Tutto... | 3355 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Populismo
Redazione
Cari intellettuali, politici letterati e filosofi, è inutile che arzigogoliate sul significato del termine "populismo", per dirne tutto il male possibile e immaginabile. Non vorrei che pensaste che tutto ciò che finisce in "ismo" sia da schedare sempre pregiudizialmente come prodotto scaduto e deteriorato. L'"ismo" di cui qui si fa cenno non è letteratura, non è una categoria concettuale! Populismo significa semplicemente questo: il popolo ha sete di giustizia, fame di lavoro e necessità di sicurezza. Finora ha sopportato, ma c'è un limite oltre il quale lecita è la rivolta, come atto maieutico che possa risvegliare e rigenerare valori nuovi per un nuovo ordine, inteso a dare una nuova dignità all'essere sociale.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Martedì, 25 aprile 2017 07:00:00 (936 letture)

(Leggi Tutto... | 1798 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Una noterella. Dico, e mi contraddico
Redazione
Ama il prossimo tuo come te stesso. Così il vangelo. Il comando è sublime. Ma:
Non mi pare molto convincente, né chiaro, codesto comandamento. Mettiamo che uno si ami, ami, cioè, se stesso, ma, ahinoi!, lo fa ma-la-men-te, in un modo sbagliato, ovverosia , si ama, sì, ama se stesso, ma egoisticamente; e di conseguenza, fa cose che sono propriamente giuste, buone , sacrosante, ma solo per lui, perché tornano comode a lui, al suo personale tornaconto. Ebbene, possiamo, di uno che coltiva un così discutibile, moralmente, amore di sé, fidarci tanto, da farlo specchiare - il suo amore - esemplarmente davanti al nostro prossimo? Io diffiderei financo della prossimità fisica di un uomo di tal fatta! Eh, già! Non credo che costui conosca che cosa significhi essere veramente amante del proprio prossimo, come da vangelo!

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Martedì, 11 aprile 2017 07:00:00 (1108 letture)

(Leggi Tutto... | 2074 bytes aggiuntivi | Voto: 5)

Costume e società: Una giornata di festa per il Lions Day a Catania
Redazione
Nella cornice degli edifici settecenteschi di Via Etnea, a Catania, le amiche e gli amici Lions insieme ai giovani Leo hanno percorso il tragitto tra P.zza Stesicoro e P.zza Università per festeggiare la Giornata Nazionale del Lionismo. Durante il Lions Day, svoltosi il 25 marzo 2017 nella città di Catania, il lionismo italiano ha presentato alla cittadinanza le iniziative di solidarietà umanitarie che contraddistinguono lo spirito dell'associazionismo. L'atmosfera gioiosa e l'aria tiepida primaverile hanno accompagnato la passeggiata con la piacevole consapevolezza di tutti che le profonde relazioni di amicizia e stima sono il vero motore che anima l'attività di servizio e di partecipazione all'impegno sociale nella comunità nazionale e internazionale.

F.C. Addetto Stampa Distretto Lions
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 07 aprile 2017 07:00:00 (1050 letture)

(Leggi Tutto... | 6443 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: La ricetta di Dante per una società più efficiente
Redazione
Le disfunzioni del sistema-società, le sue discrasie, dipendono molto spesso da una nostra errata valutazione della realtà delle cose; dal fatto che noi prendiamo decisioni e provvedimenti non ponderati abbastanza, magari per ragioni di convenienza e di interesse, per ottenere vantaggi di parte. E capita così che scegliamo per il posto giusto le persone sbagliate, dimenticando che:
Sempre natura, se fortuna trova
discorde a sé, com'ogne altra semente
fuor di sua region, fa mala prova.( Paradiso C.VIII)

In ordine all'idea di un progetto di società più efficiente e funzionale, Dante ha, a tutt'oggi, da darci suggerimenti - a mio avviso - degni di grande considerazione, come quelli che ci richiamano ad essere vigilanti, ...

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 22 marzo 2017 08:30:00 (887 letture)

(Leggi Tutto... | 3131 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Modelli per i giovani. Ma quali? Guardiamoci attorno
Redazione
Guardiamoci attorno (quanti adolescenti allo sballo che si prostituiscono per gioco o per imitazione, quanto sesso e droga da certa cinematografia, quanta mercificazione del bel corpo, quanta pornografia subliminale da certa pubblicità televisiva e non, quanti, cattivi maestri di amori e divorzi da copertina, amori ingannevoli, capricci dei sensi che finiscono spesso nel sangue, in atti di violenza inconsulta ecc,). Guardiamoci attorno.
E' anacronistico atteggiamento padreternale dire che oggi a molti giovani mancano dei modelli positivi di riferimento? Non credo!
Sentite cosa scriveva P. P. Pasolini nel suo incompiuto romanzo Petrolio, datato 1975: ...

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Martedì, 21 marzo 2017 08:00:00 (945 letture)

(Leggi Tutto... | 2817 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Costume e società: Riflessioni 'corsare' sull'8 marzo
Opinioni
Giusto per la cronaca, la rivoluzione russa ebbe inizio l’8 marzo del 1917 con una mobilitazione femminile di massa. In Russia, arretrata anche dal punto di vista del calendario, la "Giornata Internazionale della donna" coincideva con il 23 febbraio. Le tessitrici di Torshilovo e le dipendenti del deposito dei tram dell’isola Vassilievsky sfilarono sulla Prospettiva Nevsky per manifestare contro la guerra, la miseria e la fame del popolo russo. Nel giro di pochi mesi la situazione sociale precipitò drammaticamente e, nell'Ottobre dello stesso anno, le crescenti e quotidiane proteste di piazza che mobilitarono le masse del proletariato russo, furono il fattore determinante che portò al rovesciamento del regime zarista ed all'instaurazione dei Soviet. Il partito bolscevico di Lenin seppe approfittare di questo ribaltamento della situazione politica in Russia. Tale premessa mi serve ad introdurre un ragionamento sul significato dell'8 marzo.

Lucio Garofalo
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 14 marzo 2017 08:30:00 (1047 letture)

(Leggi Tutto... | 4607 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Più letto di Oggi
La scuola che non c’è
di g-aderno
107 letture




Social AetnaNet
Cerca


Community
Community
Diventa utente attivo della community di Aetnanet!
Inviaci articoli, esperienze, testimonianze sul mondo della scuola.

scrivi a: redazione@aetnanet.org


Pubblicità
pubblicità su Aetnanet.org


Seguici
telegram facebook
google plus facebook
mobile twitter
youtube rss


Bandi PON

Selezione Associazioni/Enti per moduli 'Navigare necesse' e 'Vivere la montagna' PON 10.1.1A-FSEPON-SI-2017-405
di m-nicotra

Selezione 2 esperti esterni - moduli 'Io e la scherma' e 'Scuola Bottega'- Pon Inclusione Progetto PON 10.1.1A-FSEPON-SI-2017-87
di m-nicotra

selezione esterna per incarico di esperto madre lingua inglese e francese Progetto “Stare bene a scuola” - Codice: 10.1.1A- FSEPON-SI-2017-322
di m-nicotra

Bando selezione esperti FSE/PON
di s-tricomi

Progetto PON Azione 10.2 Obiettivo 10.2.2 Codice Progetto 10.2.2A-FSE PON-SI 2017-387; selezione 3 Esperti
di a-oliva

Selezione Attori del territorio e Selezione ad evidenza pubblica - esperti esterni all'I.S.'Majorana-Arcoleo' Caltagirone
di m-nicotra

Avviso collaborazione plurima Esperti - I.S. 'Majorana Arcoleo' - Caltagirone
di m-nicotra

E' tempo di crescere insieme. Inclusione sociale e lotta al disagio all'I.S. 'E. Vittorini' di Lentini
di m-nicotra

NUOVO Disciplinare di gara per l’attivazione di un laboratorio tecnico musicale e l’acquisto di strumenti musicali e arredi
di a-oliva

Reclutamento di n° 1 Docente esperto madrelingua spagnola a cui affidare: n. 1 corso di 40 ore (B2) rivolto a un numero di circa 15 alunni
di a-oliva

Indice Progetti PON


Top Five Settimana
i 5 articoli più letti della settimana

La Cattiva scuola è ritornata buona?
di m-nicotra
739 letture

'Storia di tutti i giorni', di Agata Sava e Francesco Manna. Un’avventura a quattro mani
di a-battiato
326 letture

Sapere i Sapori 2017/2018 all'Istituto Alberghiero 'A. Farnese' di Montalto di Castro
di m-nicotra
283 letture

L’IIS “Cucuzza Euclide” di Caltagirone celebra il 40° anniversario della legge Basaglia
di m-nicotra
252 letture

Festa per l’Arma dei Carabinieri, a Catania celebrati i 204 anni dalla Fondazione nella caserma 'Vincenzo Giustino' di piazza Giovanni Verga
di m-nicotra
217 letture


Top Video
Video
Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
379 letture

Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
2176 letture

26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
3000 letture

Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
2866 letture

Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni
4736 letture

La 5A Informatica di Belpasso discute di Rivoluzione industriale 4.0
6019 letture

L'unione fa la scuola - Palermo 24 ottobre 2015
4115 letture

NO DDL Scuola Renzi - Flash mob 09 maggio 15
10419 letture

Sciopero scuola 5 maggio 2015 Catania - No DDL Riforma Scuola
10945 letture

Renzi: 3 miliardi per la scuola e centomila insegnanti in più
10676 letture



Articoli Precedenti
Seleziona il mese da vedere:

  Giugno, 2018
  Maggio, 2018
  Aprile, 2018
  Marzo, 2018
  Febbraio, 2018
  Gennaio, 2018

[ Mostra tutti gli articoli ]


Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti



Utenti registrati:
Ultimo: gmirabella
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 11170

Persone Online:
Visitatori: 205
Iscritti: 0
Totale: 205

Traffico Generato
Anonimi: 205 (100%)
Registrati: 0 (0%)
Numero massimo di utenti online:205
Membri:0
Ospiti:205
Ultimi 5 Registrati
gmirabella
    Jan 28, 2017.
raffagre
    Jan 28, 2017.
gvaccaro
    Jan 28, 2014.
mrdinoto
    Jul 09, 2013.
sostegno
    Jul 09, 2013.

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2002

Pagine visitate
· Visitate oggi 38,818
· Visitate ieri 74,189

Media pagine visitate
· Oraria 3,128
· Giornaliera 75,062
· Mensile 2,283,150
· Annuale 27,397,796

Orario Server
· Ora

12:13:01

· Data

21 Jun 2018

· Zona

+0200

© Weblord.it


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.61 Secondi