Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 500717710 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2020

Consiglio generale CISL Scuola - 11 maggio 2020 - Documento conclusivo
di a-oliva
3330 letture

Convitto Cutelli, dalla fase dell’emergenza alla riapertura
di a-oliva
1519 letture

Concorso per i precari e Corso-concorso per Dirigenti scolastici: questi i nodi del DL 22
di m-nicotra
1501 letture

Attenzione ai disabili. Lettera e raccomandazioni della Ministra Azzolina
di a-oliva
1458 letture

A settembre classe divisa ma unita. Proposta di didattica intensiva e modulare
di a-oliva
1345 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Andrea Oliva
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Maggio dei libri web per il liceo G. Lombardo Radice di Catania A spasso con lo stupor mundi
·Lettera al Presidente del Consiglio da parte dei RAGAZZI SINDACI. Gradito cortese riscontro
·Il Convitto Cutelli partecipa a Webtrotter, il giro del mondo in 80 minuti … in bocca al web ai nostri alunni del Liceo Europeo!
·l tempo della riscoperta. Un video dei ragazzi dell’IISS Ven. Capizzi, di Bronte, al tempo della quarantena
·Convitto Cutelli, dalla fase dell’emergenza alla riapertura


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


AetnaNet: Redazione

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

Vi racconto ...: A SCUOLA SI ENTRA PER CONCORSO.
Redazione
Questa massima ha guidato come stella polare il cammino storico della scuola italiana. Un anziano preside, ora si chiamano “dirigenti”, affermava con saggezza: “A scuola si entra dal portone principale, passando dal concorso” e non dalle finestre o dalle porte laterali che negli anni le organizzazioni sindacali hanno aperto adottando leggi e leggine, interpretando articoli e commi, allargando graduatorie “ad esaurimento”, consentendo l’accesso alla “cattedra”, che non è un comune e semplice “posto di lavoro”, anche a docenti non adeguatamente preparati alla non facile funzione educativa.
Il mancato apporto dell’aggiornamento “obbligatorio” ha reso ancor più distante il divario tra docenti eccellenti, preparati culturalmente e didatticamente e docenti che fanno solo presenza se non, a volte, anche notevoli danni.
Leggendo le recenti dichiarazioni della Ministra Azzolina: “Così si garantisce il merito”; “Il concorso come percorso di reclutamento per i docenti. È stata anche accolta la richiesta di modificare la modalità della prova, eliminando i quiz a crocette previsti nel decreto sulla scuola votato a dicembre in Parlamento. Saranno sostituiti da uno scritto, in modo da garantire una selezione ancora più meritocratica” si comprende che si vuole salvare la forma e si auspica che si salvi anche la sostanza.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 27 maggio 2020 08:21:26 (490 letture)

(Leggi Tutto... | 7040 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Come le stelle sono i ragazzi, per sostanzia, essenzia, delizia
Redazione
“Chi non ha sognato mai il grande amore, e chi non l’ha trovato mai e sogna ancora!”. Si può afferrare una stella!? Così cantava la nostra generazione, negli anni ‘80, insieme a Bennato, su spiagge assolate, lungo i mari del sud, e sotto cieli d’agosto, carichi di sogni e d’avventure. Dicono che nelle stelle sia segnato il destino d’ogni uomo, sin dalla più tenera età. Come le stelle sono i ragazzi. Tutti uguali ma tutti diversi, semplici ma misteriosi, vicini ma lontanissimi, sembra di toccarli ma sono irraggiungibili. E come le stelle i ragazzi sono altro, sono altrove, sono più lontani del mattino, più veloci della luce. Come ogni stella ha la sua luce, il suo colore, il suo calore, la sua storia, la sua traiettoria, la sua galassia, e tutte insieme fanno il firmamento, l’intero universo, così i ragazzi, unici e irripetibili, per “sostanzia, essenzia e delizia”.

Angelo Battiato e Anna Maria Gazzana
Postato da Angelo Battiato Domenica, 24 maggio 2020 21:17:22 (790 letture)

(Leggi Tutto... | 4959 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 5)

Scuola pubblica e o privata: SCUOLA PARITARIA VERSO UN RILANCIO. Appello bipartisan al Senato.
Redazione
Lo slogan # Noi siamo invisibili per questo governo, che ha suscitato dal Nord al Sud una significativa mobilitazione di studenti, docenti, associazioni, organizzazioni sindacali e di categoria, messaggi video, pagine social, stampa e TV in difesa della scuola paritaria e della libertà di scelta educativa, sembra aver prodotto non solo un topolino, com’è apparso nel decreto “Rilancio Italia” con l’assegnazione di uno “stanziamento di emergenza” che destina 200euro per allievo di scuola primaria e secondaria nella fascia dell’obbligo, ma è stato un segnale forte di presenza efficace ed ecco che in Senato è stato siglato un “accordo tra le forze politiche” per dare adeguata e sollecita risposta all’emergenza del rischio chiusura delle scuole paritarie.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Domenica, 24 maggio 2020 08:00:00 (877 letture)

(Leggi Tutto... | 7062 bytes aggiuntivi | Scuola pubblica e o privata | Voto: 0)

Voce alla Scuola: 23 maggio 2020 giornata della legalità.
Redazione
Rispondendo all’invito a celebrare la  GIORNATA DELLA LEGALITÀ in maniera virtuale i  Ragazzi Sindaci con la fascia tricolore  nelle rispettive sedi  e Comuni hanno promosso degli eventi, messaggi, video, cantando  l’INNO DELLA LEGALITÀ composto dal M° Alberto Tomarchio del Teatro Massimo Bellini di Catania  in collaborazione con il  Coro Interscolastico “Vincenzo Bellini” di Catania, diretto dal M° Daniela Giambra.
I Ragazzi del CCR di Zevio (Verona) in preparazione  del GEMELLAGGIO  con la delegazione del CCR di Sicilia che si sarebbe dovuto compiere il 15 -18 marzo - incontro che non   si è potuto realizzare per la diffusione della pandemia Covid-19 - hanno predisposto un originale  lavoro di ENIGMISTICA DELLA LEGALITÀ che  in 11 pagine intreccia esercizi di cruciverba, acrostici, parole giuste al posto giusto, crucipuzzle sui personaggi, eventi, date, collegate alla strage di Capaci e ai diversi aspetti della legalità.
Non potendo partecipare al solenne corteo del 23 maggio a Palermo,  in maniera virtuale il 23 maggio alle ore 17,58, saranno spiritualmente presenti  e vicini alla cerimonia di omaggio e ricordo delle Vittime della mafia,  presso l’albero Falcone.
redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Sabato, 23 maggio 2020 08:00:00 (455 letture)

(Leggi Tutto... | 6504 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Esame di Stato: VERSO GLI ESAMI: colloquio pluridisciplinare e un “grazie” alla scuola
Redazione
Le recenti disposizioni che regolamentano lo svolgimento degli esami sono state illustrate dalla Dott.ssa Lucrezia Stellacci, componente del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione e Consigliera del Ministro Lucia Azzolina.
La videoconferenza promossa dall’UCIIM di domenica pomeriggio, ha superato i mille collegamenti da tutte le regioni d’Italia, nelle quali l’UCIIM offre un qualificato servizio per la formazione del Personale docente e per una sempre efficiente qualità del servizio scolastico.
Pensando alla prova orale degli esami vengono in mente le regole che hanno sempre caratterizzato il “colloquio pluridisciplinare” che contrassegna la conclusione del percorso formativo del primo e del secondo ciclo scolastico.
Le contingenze della pandemia per il Covid-19, hanno ristretto il tempo scuola ed hanno modificato l’organizzazione della didattica, avviando una sperimentazione “a distanza” con positivi successi, anche se le problematiche e le difficoltà attuative in alcune realtà sono state alquanto evidenti.
Adesso, “guardando avanti” e pensando al come far concludere agli studenti il primo o il secondo ciclo di studi si formulano alcune considerazioni perché la prova finale degli esami non sia soltanto un adempimento burocratico, ma conservi la valenza di un atto educativo.


Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 21 maggio 2020 12:22:51 (537 letture)

(Leggi Tutto... | 14536 bytes aggiuntivi | Esame di Stato | Voto: 0)

Didattica a distanza: 'Dopo la pioggia uscirà il sole'. Appunti d’una ragazza per superare la quarantena
Redazione
In questi giorni di emergenza sociale e sanitaria, più volte mi sono trovata immersa nei miei pensieri a riflettere su ciò che sta accadendo e le domande che mi sono posta sono state: perché? Perché tutto ciò? Perché è arrivato questo virus? Chi lo ha portato? Beh, non è semplice rispondere a queste domande, ma in questa mia quotidianità così sconvolta ho cercato di trovare una sorta di soluzione ai miei quesiti. Ho letto che in questo periodo il nostro ecosistema sta “risentendo” positivamente di tutto ciò, come se la terra stesse tornando a respirare, stesse prendendo una boccata d’aria ed esorcizzando tutto ciò che noi esseri umani le abbiamo fatto patire. Non credo che queste siano coincidenze, anzi, credo proprio che la nostra terra stia scuotendo le nostre coscienze e stia facendo risvegliare in noi il vero senso della vita.

Martina Longo
Classe IV F, Liceo Scientifico Statale “Principe Umberto”, Catania
Postato da Angelo Battiato Martedì, 19 maggio 2020 06:00:00 (966 letture)

(Leggi Tutto... | 4534 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 0)

Vi racconto ...: I cento anni di Giovanni Paolo II
Redazione
Il 18 maggio  del 1920 nasceva a Wadowice in Polonia Karol  Wojtyla, che il 16 ottobre 1978, diventerà il 264° Papa con il nome di Giovanni Paolo II, primo papa non italiano dopo quattro secoli, ora Santo.
La ricorrenza suscita sentimenti di nostalgia nel ricordare i 27 anni di un pontificato che ha tracciato un solco profondo nella storia della Chiesa e dell’umanità.
Le conquiste sociali, culturali, politiche, realizzate, sono frutto di un carisma che coniuga estro poetico, artistico, sportivo e profondo spirito di preghiera, hanno reso Papa Wojtyla un “papa grande”, vero “Papa Magno”, acclamato dal popolo “Santo subito” mentre un misterioso vento sfogliava e chiudeva il vangelo deposto sulla sua bara in piazza San Pietro nell’aprile del 2005 durante l’ultimo planetario saluto.
Il suo primo paterno invito: “ Aprite, spalancate le porte a Cristo” ha tracciato un percorso non facile, innovativo, spesso contrastato, ma il suo progetto di umanesimo cristiano è stato sempre chiaro e lineare.


Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 18 maggio 2020 15:27:51 (409 letture)

(Leggi Tutto... | 10144 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Natura e Co-Scienza: Non amare è morire
Redazione
“Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario”.
George Orwell

“Il capolavoro dell’ingiustizia è di sembrare giusto senza esserlo”.
Platone


L’Amore è la forza propulsiva fondamentale che muove ogni cosa, ogni essere, il Sole e le altre stelle, e non è facile penetrarne il mistero.
Beninteso tale forza non corrisponde a ciò che noi intendiamo nel senso comune, ossia all’attrazione o al legame verso un’altra persona, perché si tratta di tutt’altro, ovvero è una pulsione straordinaria che spesso si sente nel cuore e che sospinge ogni cosa e ogni essere vivente dal finito verso l’Infinità. Quando raramente si manifesta alla nostra vista l’Amore ci appare come una Luce, che però è differente da quella elettromagnetica. È una Luce mirabile e straordinaria, granulosa, spesso colorata, il cui irraggiamento non offende affatto la vista di chi la guarda, che in alcuni casi appare simile ad una nebbia diafana che tende a stratificarsi in basso.
La prova dell’esistenza di questa Luce è nelle recenti scoperte della Fisica quantistica e nell’iconografia religiosa, dove i Santi e i Maestri sono raffigurati attorniati da un’Aura luminosa.

Marcello Castroreale
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 18 maggio 2020 06:00:00 (966 letture)

(Leggi Tutto... | 23041 bytes aggiuntivi | Natura e Co-Scienza | Voto: 0)

Scuola pubblica e o privata: # Noi siamo invisibili per questo governo. Grido di allarme delle 12.000 scuole paritarie. Il 19 e 20 maggio manifestazione: rumore educativo e costruttivo
Redazione
E’ questo lo slogan che il 19 e 20 maggio le dodicimila scuole paritarie esporranno per far sentire al Governo la loro voce.
Il decreto “Rilancio” non ha tenuto conto della scuola pubblica paritaria che è la prima impresa del Paese democratico e con 900.000 studenti, 180.000 tra docenti e operatori scolastici, 12.000 sedi scolastiche, distribuite su tutto il territorio nazionale costituisce il reale volano dello sviluppo sociale ed economico.  Quale presidio di libertà di scelta educativa, sancito dalla Costituzione, regolamentato da 20 vent’anni dalla Legge 62/2000, la scuola pubblica paritaria per la maggior parte d’ispirazione cattolica, è un centro di educazione e di formazione integrale secondo un chiaro progetto educativo che mette al centro la Persona, l’uomo, il cittadino.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Domenica, 17 maggio 2020 08:05:00 (762 letture)

(Leggi Tutto... | 8019 bytes aggiuntivi | Scuola pubblica e o privata | Voto: 0)

Didattica a distanza: Ai giovani e al futuro che verrà. (suonata a quattro mani)
Redazione
La poesia esprime ciò che non viene bene a dire con le semplici parole! La poesia è aprire il rubinetto e far parlare il cuore, è istinto naturale, è sorgiva d’acqua chiara, è zampillo che seduce, e che conduce assai lontano, tra sentieri di montagna, tra tormenti e turbamenti, illusioni e confusioni, e poi s’innalza in volo per giungere in luoghi mai toccati. E in questo tempo d’inquietudine e di gratitudine la poesia è l’unico modo per dire cose umane, l’unica via che porta dritta al cuore, l’unica di cui non ci possiamo vergognare. Giammai!

Angelo Battiato


Caro Angelo, diceva il grande Russel: “la cultura è tutto ciò che rimane dopo aver dimenticato tutto”. Bocciare!? Rimandare!? Sei politico!? Il nostro “lavoro” è ben altro! Il nostro prodotto non è mai finito, noi non lavoriamo in fabbrica, non produciamo cuscinetti in serie o teste di chiodi. Noi siamo educatori! Ed educhiamo i giovani a crescere, e l’educazione è permanente, dura tutta la vita; bocciare è come uccidere la vita, un vero delitto. Bocciare significa precludere, che cosa? La crescita umana e culturale non avviene in tutti allo stesso modo e negli stessi tempi; ognuno vuole il suo. E poi, non tutti hanno gli stessi talenti e identiche vocazioni. Bocciare vuol dire scartare, e questo non fa parte del nostro ruolo e della nostra funzione. Quello che ho scritto l’ho praticato per 41 anni di insegnamento. Dicevo ai miei alunni: io sono uno che educa diseducando. E così nasceva la discussione! E’ questa la scuola: fare sbocciare la discussione che si alimenta con la coscienza e la scienza nostra - se ne abbiamo.
Altrimenti siamo solo “istruttori” di scuola guida!

Nuccio Palumbo
Postato da Angelo Battiato Domenica, 17 maggio 2020 07:00:00 (1275 letture)

(Leggi Tutto... | 5478 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 0)

Scuola pubblica e o privata: Scuole paritarie 'invisibili' Solo 152 euro per i bambini dell’infanzia. A settembre 300.000 studenti in più nelle scuole statali
Redazione

«Lo Stato c’è, aiuteremo tutti. Non lasceremo indietro nessuno. » ha dichiarato il presidente del Consiglio, Giuseppe  Conte; «Nel rispetto della libertà di scelta educativa delle famiglie, saranno supportate in modo concreto tutte le scuole del sistema nazionale d’istruzione», ha dichiarato Lucia Azzolina, Ministro dell’Istruzione. Belle parole! Ma nelle 439 pagine del dispositivo, composto da 258 articoli, le scuole paritarie sono citate solo per il finanziamento di 80 milioni di euro che serviranno a coprire il mancato versamento delle rette da parte delle famiglie, per questi mesi di sospensione della didattica in presenza. Il contributo sarà ripartito alle 8.957 scuole materne sulla base del numero di bambini iscritti per ogni bambino la somma assegnata sarà di 152.00 euro.
Grande dono della maggioranza giallo rossa che promette miliardi ed “ha a cuore l’istruzione dei suoi figli!”

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Venerdì, 15 maggio 2020 09:14:24 (777 letture)

(Leggi Tutto... | 8507 bytes aggiuntivi | Scuola pubblica e o privata | Voto: 0)

Didattica a distanza: La scuola continua! per una didattica a distanza efficace
Redazione
Un'interessante tavola rotonda virtuale sul tema "La scuola continua! Come costruire una didattica a distanza efficace oggi e per il futuro dell'educazione" è stata promossa da Cisco Italia il 13 maggio 2020. Utilizzando le tecnologie online Cisco Webex - che consentono di ricreare classi virtuali e ambienti di apprendimento, si sono confrontate le esperienze dell'Istituto paritario Cristo Re di Roma e l'Istituto Maiorana di Milazzo, coinvolgendo nel dibattito a distanza i giornalisti di diverse testate. La tavola rotonda, coordinata da Marianna Ferrigno, è stata introdotta dall'intervento di Angelo Finga di Cisco Webex, il quale ha presentato le specificità della piattaforma, che, come si legge in un grafico, ha consentito l'attivazione di 1.500 meetings la prima settimana di sospensione delle lezioni e dopo la fase di formazione dei docenti dal 15 marzo in poi, sono aumentati gli interventi on line che hanno raggiunto il numero di 185.308.

Giuseppe Adernò
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 14 maggio 2020 09:00:00 (544 letture)

(Leggi Tutto... | 5957 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 0)

Vi racconto ...: Il Covid-19 uccide la carità
Redazione
Nel tragico caos sociale e culturale che la pandemia ha prodotto, si registra anche il blocco della carità.
Si constata che le norme prescrittive di prevenzione del contagio che hanno segregato in casa le famiglie, che hanno chiuso le scuole e le chiese, che hanno ingessato per due mesi la società, il commercio, il lavoro, con profonda amarezza, hanno soffocato anche la carità.
 La benemerita istituzione della Casa della Carità, fondata da Suor Anna Cantalupo nel 1923, è stata costretta a sospendere la raccolta dei vestiti da destinare ai poveri, nel rispetto di tutte le norme igieniche e di prevenzione della diffusione del virus. Anche se adesso si provvederà alla sanificazione degli ambienti, non sarà possibile riattivare il servizio , per cui le numerose borse che vengono depositate dietro il portone di Via San Pietro, restano fuori e poi portate via dagli operatori ecologici come “raccolta indifferenziata” mentre “i poveri restano sempre più poveri” e s’incrementa lo spreco del consumismo.
Oggi, la paura del contagio e la rigidità delle norme hanno, di fatto, venir meno una risorsa di carità per i numerosi poveri che crescono sempre più nel numero e nella diversità di classi sociali.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 14 maggio 2020 08:05:00 (522 letture)

(Leggi Tutto... | 6390 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: I Catari, l’eresia medievale dei 'buoni cristiani'
Redazione
“Loro non imbrogliano, non opprimono e non fanno male a nessuno, credono nella reincarnazione, e in un dio buono e in un dio cattivo”. Loro, i “buoni uomini” e “buoni cristiani” vestiti di nero, che si aggiravano tra i paesi e le campagne di mezza Europa. Loro, i catari. Il più diffuso, originale e organizzato movimento eretico del Medioevo, sorto ai margini dell’ortodossia cattolica, che riuscì a contrastare lo strapotere della Chiesa di Roma e a destabilizzare, per oltre tre secoli, l’intero assetto sociale e religioso dell’Europa. Temuto e combattuto con spietata energia dalla chiesa cattolica, per la sua capacità di espandersi e di influenzare vasti strati della società dell’epoca, il movimento cataro venne infine annientato e cancellato dalla faccia della terra con una imponente e feroce crociata, organizzata dal papa Innocenzo III. Come per tutti i vinti della storia, le informazioni sul movimento ci sono pervenute dai suoi nemici, che, molto probabilmente, e come sempre succede, hanno “ritoccato” e deformato a loro piacimento la memoria e la storia della dottrina e dell’organizzazione religiosa catara.

Ma chi furono i catari? In che cosa credevano? Perché furono considerati eretici e perseguitati duramente dalla chiesa ufficiale di Roma? E in cosa consisteva la loro dottrina? In cosa credevano? E perché i catari si diffusero così rapidamente in ampi strati della popolazione di molte regioni europee, e soltanto dopo un intervento armato, con una vera e propria crociata (la prima contro una popolazione cristiana), si riuscì ad “estirparli” definitivamente dalla storia? Per molti secoli il loro movimento è stato occultato e immerso nell’oblio del tempo, perché?

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Martedì, 12 maggio 2020 09:00:00 (857 letture)

(Leggi Tutto... | 13650 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Accordo Cei-Governo per le Sante Messe dal 18 maggio. Leggendo il Protocollo sanitario
Redazione

Dopo il rintocco di campane  tra Palazzo Chigi, (le Messe sono sospese, autorizzati  solo i funerali con 15 persone ); l’attacco della CEI  (violazione della libertà di culto) e la campanella di Santa Marta:   "Obbediamo alle regole per non far tornare la pandemia", al termine di una lunga trattativa durata settimane, ecco finalmente firmato  a Palazzo Chigi, il protocollo che permetterà la ripresa delle celebrazioni  religiose con la partecipazione del popolo. Il documento è stato firmato dal presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.
"Il Protocollo, frutto di una profonda collaborazione e sinergia fra il Governo, il Comitato Tecnico-Scientifico e la Cei, dove ciascuno ha fatto la sua parte con responsabilità": come ha dichiarato il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, ribadendo "l'impegno della Chiesa a contribuire al superamento della crisi in atto", indica alcune misure da ottemperare con cura, concernenti l'accesso ai luoghi di culto in occasione di celebrazioni liturgiche, e alcuni suggerimenti generali.


Fioretto

Postato da Andrea Oliva Venerdì, 08 maggio 2020 14:49:30 (696 letture)

(Leggi Tutto... | 10747 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Didattica a distanza: Didattica a distanza per i disabili. Esperienza del GLI dell’Istituto Calvino di Catania
Redazione
A seguito del commento alla lettera della Ministra Azzolina la coordinatrice del Gruppo Inclusione dell’Istituto “Italo Calvino” di Catania ha trasmesso la relazione del lavoro svolto durante la quarantena per il Covid-19
 
Nel contesto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, con le attività didattiche sospese, l’insegnamento, per il periodo Marzo-Maggio, è proseguito con la didattica a distanza, che ha reso necessario la rimodulazione di quanto progettato all’inizio dell’anno scolastico.
Con la consapevolezza dell’importanza del ruolo educativo dei docenti, per le alunne e gli alunni, ognuno di noi si è trovato a dover sperimentare la capacità di saper stare virtualmente vicini ai propri alunni e alle loro famiglie. Già all’indomani della sospensione delle lezioni in presenza, ed in attesa di precise indicazioni del MIUR, l’Istituto “Calvino” si è attivato per utilizzare strategie didattiche che potessero affiancare quelle già in uso, in linea con il nuovo approccio a distanza e del nuovo ambiente di apprendimento.
 
Prof. Gabriella Caponnetto
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 06 maggio 2020 08:00:00 (802 letture)

(Leggi Tutto... | 6554 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 0)

Voce alla Scuola: A settembre classe divisa ma unita. Proposta di didattica intensiva e modulare
Redazione
“Scrivere dritto su righe storte” non è solo uno slogan, né una formula  magica, ma è una regola dettata dal bisogno del docente educatore, il quale intende ricercare il miglior bene per i suoi studenti, impegnandosi ad accompagnarli nel processo di crescita e di formazione.
In vista dell’avvio dell’anno scolastico, dopo la chiusura per il Covid-19, la Ministra Azzolina rispondendo ad un’intervista ha avanzato la proposta di dividere la classe in due gruppi e alternare didattica frontale e a distanza, per garantire il distanziamento fisico e prevenire occasioni di contagio.
 Era questa una delle indicazioni formulate e pubblicate alcuni giorni fa in questo sito nell’articolo: “Sognando una scuola secondaria rinnovata Proposta di didattica flessibile, modulare e intensiva (almeno) per le prime classi”.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 05 maggio 2020 08:00:00 (1345 letture)

(Leggi Tutto... | 12309 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Restiamo uniti, ora più che mai! e umani. Pensieri di-versi per di-vertimento al tempo del coronavirus
Redazione
E così, addio calorose strette di mano, abbracci e baci sorgenti da calore umano, gesti ineguagliabili, noti solo a chi ha veramente amato; ingorghi di macchine ruggenti per le strade, e vocio di gente sorridente ai mercati nei banconi tra le merci frugante, come branchi di pecore pascenti; addio! Quanto è triste il passo di allontanarsi, specie per chi è cresciuto tra voi, care abitudini; addio! Palestre e bar, cinema e teatri, e pizzerie, e balli e passeggiate in dolce e cara compagnia a mare o in montagna; addio ! Quello che dava a noi tanta giocondità non c'è più, sollazzo e riso sono scomparsi; addio! Orfani ancor gran tempo resteremo; ci preme ansia e paura e un animo turbato che teme, e si prefigura un soggiorno, su questo pianeta chiamato Terra, non tranquillo e pieno di incognite.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Domenica, 03 maggio 2020 10:00:00 (1011 letture)

(Leggi Tutto... | 2480 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Didattica: ‘Fatti non foste a viver come bruti. Ma per seguir vertute e canoscenza”’ - Il viaggio di Dante pellegrino, speculare a quello di Ulisse esploratore
Redazione
Come Ulisse è Dante, si somigliano per certi versi; ambedue sono sempre in movimento , sempre in viaggio. Ma il mondo di Ulisse non è l’Universo ordinato dell’uomo medievale ; il viaggio dell’eroe pagano non è - né potrebbe esserlo - in consonanza con quello del cristiano Dante. Il Fiorentino è un pellegrino in cammino verso la visione di Dio, la sua fiamma di conoscenza è volta alla ricerca della Verità; e in essa si appaga e si redime. Il pagano Ulisse, è un esploratore, il suo viaggio è , in tal senso, “speculare” a quello di Dante; l’eroe greco svolge il suo percorso senza staccarsi dalla realtà terrena; spinto da uno sfrenato desiderio di conoscenza e da una forte sete di gloria , non riconosce limiti alla intelligenza umana.

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Domenica, 03 maggio 2020 09:00:00 (896 letture)

(Leggi Tutto... | 2926 bytes aggiuntivi | Didattica | Voto: 0)

Sostegno: Attenzione ai disabili. Lettera e raccomandazioni della Ministra Azzolina
Redazione
Ai Dirigenti scolastici a tutti i docenti della Scuola italiana a tutto il personale scolastico agli studenti e alle studentesse e alle famiglie, il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, a conclusione della prima fase della pandemia, ha inviato una lettera di ringraziamento per l’impegno profuso nel rendere attiva e dinamica la scuola, anche se chiusa per evitare la diffusione del contagio del Covid-19
Nella lettera viene richiamata la dimensione comunitaria della scuola ed il ruolo professionale dei docenti “garanti del diritto allo studio” e, facendo riferimento alla personale esperienza d’insegnante di sostegno, il Ministro ha rivolto una particolare attenzione al tema della didattica a distanza per gli alunni con disabilità.


Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Sabato, 02 maggio 2020 08:00:00 (1458 letture)

(Leggi Tutto... | 18173 bytes aggiuntivi | Sostegno | Voto: 0)

Vi racconto ...: Ponte Morandi: lezione di speranza e metafora d’innovazione anche per la scuola
Redazione

Le emozionanti immagini del Ponte Morandi di Genova, ricostruito in meno di due anni dopo il tragico crollo (14 agosto 2018), diventano una positiva lezione di speranza e di ripresa della bella Italia, un traguardo simbolico ed un costante monito per una sempre diligente manutenzione degli edifici e delle strutture del servizio pubblico.
L’opera, progettata dall’Architetto e Senatore Renzo Piano, lunga 1.067 metri, con 17.500 tonnellate di acciaio, è stata portata a compimento con l’elevazione e il varo della diciannovesima campata in ancor meno di 20 mesi e a luglio sarà resa percorribile.
L’intreccio tra il ferro e il vento, il senso del silenzio e della memoria delle 43 vittime del tragico crollo, la linearità della “prua della nave”, che la notte diventa sorgente luminosa, sono tutte suggestioni che Renzo Piano ha trasmesso nella sua intervista, spiegando il significato dell’opera.   Costruire ponti è meglio che costruire muri, si mette in atto un’azione di dialogo, d’incontro, di collegamento”, di cui oggi abbiamo tanto bisogno.


Giuseppe  Adernò

Postato da Andrea Oliva Giovedì, 30 aprile 2020 13:00:00 (796 letture)

(Leggi Tutto... | 10368 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: 25 aprile a Bronte.
Redazione
L’Amministrazione comunale di Bronte con il Sindaco Graziano Calanna e l’assessore all’Istruzione  Ketty Liuzzo hanno deposto la corona d’alloro al monumento dei Caduti in piazza Spedalieri.

Il sindaco dei ragazzi di Bronte, Noemi Costanzo della classe VD del CD “Mazzini”, ha letto e poi deposto la poesia “La madre del partigiano” di Gianni Rodari.

redazione@aetnanet.org

Postato da Andrea Oliva Lunedì, 27 aprile 2020 15:21:25 (1403 letture)

(Leggi Tutto... | 3100 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: SOGNANDO UNA SCUOLA SECONDARIA RINNOVATA. Proposta di didattica flessibile, modulare e intensiva (almeno) per le prime classi
Redazione

In vista del nuovo anno scolastico si pensa e si sogna una scuola nuova o rinnovata.
Si parla di un ritorno a scuola con doppi turni, con misure sul distanziamento, con la ricreazione e la mensa a piccoli gruppi, e con metodi d’insegnamento che prevedono metà classe presente e metà on line. La DaD (didattica a distanza) nuova sigla introdotta nel lessico scolastico non si fa utilizzando il modello d’insegnamento in presenza: appello, interrogazioni, compiti e ore di video lezioni.
L’intervento educativo e didattico a distanza dovrebbe incontrare il vissuto degli studenti e aiutarli a sviluppare pensieri e idee, non solo continuare il programma interrotto per la chiusura forzata della scuola. 

A settembre ci sarà la necessità di riprendere i temi portanti delle varie discipline, verificare l’acquisizione delle competenze relative ai contenuti dell’anno trascorso da sommare a quelle dell’anno scolastico 2020-2021 che prende avvio con non poche difficoltà organizzative, igieniche, di organico del personale e possibilità di sviluppo.



Giuseppe  Adernò

Postato da Andrea Oliva Lunedì, 27 aprile 2020 14:56:48 (969 letture)

(Leggi Tutto... | 22457 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 5)

Voce alla Scuola: SOGNANDO UNA SCUOLA RINNOVATA. Proposta di nuovo regolamento per alunni e docenti
Redazione
Dopo il Covid-19 nulla tornerà come prima, come quasi tutti ritengono, ed anche la scuola italiana sarà diversa.
Tante sono ancora le domande sul tappeto, ma al momento senza risposta.
Se la comunità scolastica è costituita da persone che pensano e cercano il miglior bene per gli studenti ecco alcuni suggerimenti che tendono a “riscrivere la storia”, a “scrivere diritto su righe storte”, a cogliere dal negativo del blocco della pandemia un’opportunità di rinascita e di rinnovamento.
Come diceva il filosofo tedesco George Christophe Lichtenberg “Io non so se le cose andranno meglio, quando andranno diversamente, ma una cosa è certa: andranno diversamente”.
Saranno pronti gli operatori scolastici a rendere la scuola diversa, nuova, efficiente?
Nei prossimi quattro mesi estivi che ci separano dall’inizio del nuovo anno scolastico2020-2021 e dalla ripresa delle attività didattiche, occorre preparare e predisporre il necessario per l’avvio.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Lunedì, 27 aprile 2020 08:00:00 (1265 letture)

(Leggi Tutto... | 5744 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: In ricordo dei caduti il 25 aprile
Redazione

Domani in molti comuni del Piemonte verrá letta dai Sindaci e alla stessa ora, una poesia scritta durante la guerra da un prigioniero.
Il Sindaco di Maletto, Giuseppe De Luca  con il Sindaco  dei Ragazzi  alle ore 12,00 leggeranno una poesia di G. Rodari
Invitiamo i Sindaci e i Ragazzi Sindaci della Sicilia a leggere la stessa poesia.

LA MADRE DEL PARTIGIANO
G. Rodari

Sulla neve bianca bianca
c’è una macchia color vermiglio;
è il sangue, il sangue di mio figlio,
morto per la libertà.
Quando il sole la neve scioglie
un fiore rosso vedi spuntare:
o tu che passi, non lo strappare,
è il fiore della libertà.
Quando scesero i partigiani
a liberare le nostre case,
sui monti azzurri mio figlio rimase
a far la guardia alla libertà.

Sarà gradito ricevere notizia in quanti comuni questa iniziativa viene realizzata

Inviare e mail  ccr.consiglio.ragazzi@gmail.com

redazione@aetnanet.org

Postato da Andrea Oliva Sabato, 25 aprile 2020 09:00:00 (790 letture)

(Leggi Tutto... | 5870 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: I figli della pandemia. Il Movimento per la Vita in Sicilia
Redazione

In un servizio televisivo sul coronavirus è stata rivolta particolare attenzione ai 600 bambini di Bergamo nati in questi due mesi di pandemia, con tutti i blocchi e vincoli che hanno limitato e vietato la presenza dei padri al parto o la visita e l’abbraccio dei nonni 25 di questi bambini sono nati da mamme che risultavano positive al Covid-19, come la famiglia del paziente 1 di Codogno.
Anche in Sicilia sono nati in questi mesi diversi bambini e le norme di prevenzione e di distanziamento hanno reso impossibile ai nonni e agli zii di vedere e abbracciare i nipotini.
Dinanzi al mistero della vita che nasce, si rinnova il segno evidente che “Dio non si è stancato degli uomini”.
Come ha dichiarato il giurista Sabino Cassese, il valore universamente alto dell’esistenza umana non può essere subordinato all’economia, né veicolato a “targhe alterne”.
Per coerenza il Governo e l’Organizzazione Mondiale della Sanità, impegnati nella tutela della salute come bene primario dei cittadini, dovrebbero condannare l’aborto e l’eutanasia, segno che “l’uomo si è stancato di Dio“ e lo vuole mettere da parte, anzi, prendere il suo posto e sentirsi onnipotente.


Giuseppe  Adernò

Postato da Andrea Oliva Sabato, 25 aprile 2020 08:00:00 (763 letture)

(Leggi Tutto... | 6265 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: GIORNATA NAZIONALE della GRATITUDINE. Proposta del Parlamento della legalità.
Redazione
Per non dimenticare i "santi della Porta accanto ", i medici gli infermieri, i sacerdoti che si sono dedicati all’assistenza degli ammalati di COVID-19, che hanno abbracciato la sofferenza  e il  dolore struggente causato dal  virus micidiale, il Parlamento della Legalita' Internazionale - movimento interconfessionale e interreligioso, oltre che apartitico-  ha chiesto a Sua Santità Papa Francesco e al Presidente della Repubblica. Sergio Mattarella di voler istituire a partire dal prossimo anno la "GIORNATA DELLA GRATITUDINE ".
Come ha scritto il Presidente , Nicolò Mannino, “Non possiamo solo commuoverci e dare sfogo a commenti di commiserazione, il dolore non si commenta, si vive e si incide nel cuore di chi "non deve dimenticare "
Il Coordinamento dei  Ragazzi Sindaci e dei Consigli Comunali dei Ragazzi,  che ha già promosso l’Ambasciata del Dono, insieme ad altre  Ambasciate, Associazioni e Movimenti si uniscono all’istanza del Parlamento della legalità, dando voce e impulso a questa iniziativa che non ha nessun colore di appartenenza, se non i battiti di un cuore di chi sa dire semplicemente "Grazie "-
E’ importante non dimenticare.  Fermarsi un giorno e condividere il valore della  Gratitudine verso coloro che hanno fatto con amore speciale il proprio dovere, in un  momento storico difficile e delicato ed alcuni ci hanno anche rimesso la vita , è proprio un dovere che interpella tutti.
La “Giornata nazionale della gratitudine per il COVID-19” il prossimo anno sarà un appuntamento da vivere con intensità e attivando una condivisa sensibilizzazione.

Giuseppe Adernò 
Postato da Andrea Oliva Venerdì, 24 aprile 2020 08:00:00 (831 letture)

(Leggi Tutto... | 5360 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Scuola pubblica e o privata: Non è più tempo di silenzio. Le Scuole paritarie al collasso.
Redazione

Senza un intervento serio dello Stato, il 30% delle scuole pubbliche paritarie sarà destinato a chiudere entro settembre“. Si continua a erogare un servizio pubblico e non ci sono più soldi per pagare i dipendenti; si pagano tutte le utenze ma non arrivano rette sufficienti per far fronte alle spese di gestione. Siamo oltre il limite, non ci sono le condizioni per arrivare fino a giugno 2020, se non indebitandoci ulteriormente”.
Questa dichiarazione della  Conferenza dei religiosi e delle religiose in Italia  CISM e USMI  è stata accolta  dalla  CEI - Conferenza episcopale italiana  che ha dichiarato:
Allo Stato non si chiedono privilegi né elemosina, ma di riconoscere il servizio pubblico che queste realtà assicurano. Intervenire oggi – con un fondo straordinario destinato alle realtà paritarie o con forme di sostegno, quali la detraibilità delle rette, alle famiglie – è l’ultima campanella. Se questa suonasse senza esito, diverrà un puro esercizio accademico fermarsi a discutere circa il patrimonio assicurato al Paese da un sistema scolastico integrato”.

Giuseppe Adernò



Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 22 aprile 2020 18:28:56 (742 letture)

(Leggi Tutto... | 9798 bytes aggiuntivi | Scuola pubblica e o privata | Voto: 0)

Vi racconto ...: IL MOVIMENTO PER LA VITA IN SICILIA.
Redazione
Umberto Ienzi

In Sicilia la legge Quadro sul Volontariato, n. 266/91 è stata recepita dalla legge Regionale n. 22 del 7 Giugno 1994, con la quale il Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato in Sicilia ha istituito i tre Centri di Servizio per il Volontariato previsti nella regione: Palermo (CESVOP), Catania (CSVE) e Messina (CESV).
Il CENTRO DI SERVIZI PER IL VOLONTARIATO ETNEO, Associazione di volontariato, fondata sul principio della cittadinanza attiva e responsabile, attenta alla partecipazione e aperta alla cultura della solidarietà, ha nel collegio dei Saggi in Catanese Umberto Ienzi, che, in modo solidale e vocazionale è stato molto vicino a Carlo Casini, quale Cofondatore e responsabile per tutta la Sicilia, essendo anche componente della “Federazione Europea per la Vita” e della Commissione “Uno di Noi”.
Il Centro opera nelle province di Catania, Enna, Ragusa e Siracusa offrendo servizi di Formazione, Consulenza, Assistenza alla progettazione e svolgendo attività di ricerca, documentazione, promozione e informazione, a favore delle oltre mille Organizzazioni di Volontariato presenti nella Sicilia Orientale.
Attualmente sono 50 i Movimenti e i Centri di Aiuto alla Vita della Federazione Sicilia e tanti i Volontari che ve ne fanno parte.
L’on. Alessandro Pagano ha lodato Ienzi, allora, Presidente della Federazione Movimenti per la Vita della Regione Sicilia, per il prezioso intervento al Seminario “Vittoria Quarenghi”, nel quale ha ulteriormente esternato i principi, colmi di sapienza, con i quali sono stati palesemente espressi le attenzioni prioritarie verso il più grande dei Valori, quale la Difesa della Vita, fin dal suo concepimento.


Giuseppe Adernò



Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 22 aprile 2020 17:44:50 (1201 letture)

(Leggi Tutto... | 7242 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: CARLO CASINI. Un uomo per la vita
Redazione
Carlo Casini

In una società che mette al centro del sistema politico ed economico il primato della salute non si può trascurare il valore della vita che nasce.
In questi giorni di Coronavirus le notizie delle nuove nascite sono state salutate come segno di speranza e di ripresa. “E’ segno che Dio non si è stancato degli uomini”.
Appare altresì doveroso ricordare il magistrato fiorentino Carlo Casini, deputato e parlamentare europeo, promotore e accanito sostenitore della tutela sociale della maternità, mediante la modifica della Legge 194, intesa come legge sull’aborto.

Nel trigesimo della scomparsa di Carlo Casini, deceduto il 23 marzo, mentre imperversava il picco della pandemia a causa del Covid 19 e le bare dei bergamaschi venivano trasportate dai camion dell’esercito, si ricorda il magistrato e politico democristiano, che ha dedicato tutto il suo impegno politico e sociale alla difesa dei diritti del bambino sin dal concepimento. La sua azione culturale e politica, anche  se sconfitta dall’esito negativo dei referendum, ha tracciato un solco, che rimane indelebile.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 22 aprile 2020 17:26:45 (782 letture)

(Leggi Tutto... | 7064 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Scuola pubblica e o privata: PROVE TECNICHE DI APERTURA DELLA SCUOLA con gli alunni di terza media e gli studenti della maturità. Proposte al Ministro Azzolina e al Presidente Conte.
Redazione

Ascoltando il dibattito a Montecitorio e sentendo le diverse opinioni dei nostri Parlamentari, rappresentanti del popolo italiano, si rimane perplessi e incerti sul futuro della nostra bella Italia.
In più interventi è stata citata la scuola, i bambini, il danno psicologico, le difficoltà delle famiglie, quando a maggio i genitori potranno riprendere il lavoro, e per di più senza poterli affidare ai nonni.
E’ stato detto che in Francia la scuola riprenderà a maggio. In Italia no!
Si chiede alla Signora Ministro: sono forse più bravi i Francesi, meno contagiati, più attrezzati, più incoscienti?
Negli interventi dei Parlamentari è risuonata più volte la parola “rinascita”.
La riapertura delle scuole è un segno di effettiva rinascita del Paese, dopo questa triste primavera segnata dalla crisi sociale, economica e culturale, a causa  del Coronavirus.


Giuseppe Adernò

 
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 22 aprile 2020 17:06:52 (974 letture)

(Leggi Tutto... | 8873 bytes aggiuntivi | Scuola pubblica e o privata | Voto: 0)

Vi racconto ...: Didattica a distanza. Esperienza di una neo Dirigente siciliana in Piemonte.
Redazione

La scuola sta affrontando un momento di emergenza senza pari. All’improvviso si è trovata a combattere una guerra contro un nemico invisibile, un virus, che subdolamente si è insinuato nelle vite di tutti noi, strappandoci la cosa più preziosa che abbiamo: la normalità.
Chiusi dentro le nostre case, lontani da tutto e da tutti, ne abbiamo riscoperto la bellezza e il valore: il suono della campanella, le corse dei ritardatari nei corridoi, le aule e i laboratori illuminati dalla vitalità dei ragazzi, i cortili affollati e gioiosi durante la ricreazione, le palestre rumorose, sono le cose che più ci mancano.
Oggi più che mai comprendiamo che l’essenza della scuola è l’incontro, la relazione, la condivisione e la comunicazione. A scuola si impara insieme agli altri, o meglio si impara perché si sta con gli altri:
l’apprendimento è sempre un processo sociale, costruttivo e contestualizzato. Lo studente, infatti, costruisce le proprie conoscenze e sviluppa le proprie competenze solo elaborando e integrando prospettive diverse, informazioni ed esperienze molteplici, ricavate dal confronto e dalla collaborazione con gli altri.

Sabrina Zinna

Dirigente Scuola secondaria di I° grado “Angelo Brofferio” Asti
Postato da Andrea Oliva Martedì, 21 aprile 2020 10:30:00 (1688 letture)

(Leggi Tutto... | 12192 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Germanico, il mancato imperatore romano
Redazione
Tra le pieghe del tempo incontriamo un grande personaggio vissuto tra la fine del I sec. a.C. e gli inizi del I sec. d.C., un valoroso condottiero, un patrizio romano appartenente alla dinastia Giulio-Claudia, tra le più antiche e nobili gens dell’antica Roma: Nerone Claudio Druso Germanico Giulio Cesare. Lo storico Tacito, molti anni dopo, dirà di lui, “Il giovane possedeva un carattere mite, una straordinaria affabilità, tutt’altra cosa dall’aspetto e dal parlare di Tiberio, superbo e impenetrabile”, ma Tiberio (suo zio paterno) diventò imperatore (14-37 d.C.), mentre lui morì a soli 34 anni, in circostanze non chiare. Germanico Giulio Cesare, mancato imperatore, avrebbe potuto dare un nuovo volto all’impero romano e cambiare il corso della storia. Germanico è stato anche un fine studioso e traduttore del poeta greco Arato di Soli, vissuto tra il IV e il III sec a: C., di lui ci rimangono 725 esametri, scritti in prosa e in versi, di una libera versione in latino del I libro del poema greco sull’astronomia, “Phainomena” (I fenomeni), e cinque frammenti di una versione del poema “Diosemeia” (I segni del tempo). Nato il 24 maggio del 15 a.C., con il nome di Nerone Claudio Druso, e morto ad Antiochia di Siria il 10 ottobre del 19 d.C., Germanico è stato tra i maggiori e più importanti politici e generali del suo tempo, amato dal popolo e dai suoi soldati, adottato come figlio dall’imperatore Augusto, avrebbe potuto assurgere alla carica imperiale se non fosse stato “fermato” da un male oscuro all’apice del suo successo politico e militare mentre si trovava nelle province orientali dell’impero, dove ricopriva la carica di Proconsole.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 19 aprile 2020 12:00:00 (1267 letture)

(Leggi Tutto... | 21049 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Il Consiglio dei Ragazzi di Vittoria promuove una rete di SOLIDARIETA’ per il Coronavirus
Redazione

Le Scuole, Istituzioni e Associazioni, in Rete per il percorso di Formazione  “Questioni di Genere – La Scuola non Tratta”,
Su proposta dell’I.C. San Biagio, di Vittoria, il Consiglio Comunale dei Ragazzi, impegnato nella “ricerca del bene comune”, ha avviato la costituzione di una rete di solidarietà che ha coinvolto le altre istituzioni scolastiche del territorio, enti e associazioni per rispondere alle emergenze che la pandemia del Coronavirus ha determinato nella comunità cittadina.

La rete di scuole e associazioni impegnata nel percorso di Formazione sui temi della pedagogia della differenza, con il titolo “Questioni di Genere – La Scuola non Tratta” si è aperta al territorio, rendendo viva e attiva la presenza delle istituzioni, mediante l’iniziativa di raccolta fondi da destinare all’Ospedale “Guzzardi” di Vittoria per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

La prima risposta generosa è pervenuta da uno studio di commercialiste e finora la somma raccolta ha raggiunto la quota di 2.500 euro e durerà fino al 20 aprile.

Insieme alle istituzioni scolastiche: “San Biagio”. “Mazzini”, ”Rodari”, “Fermi”, “Portella della Ginestra”, “Siascia”Marconi”, “Sacro Cuore”; la Fondazione “Turrisi Colonna; le associazioni “Donne del Sud”, “Filo di seta”; i clubs service, Fidapa   Soroptimist e Inner Wheel, insieme hanno costituito una rete di solidarietà che rende concreta la speranza che il virus si può vincere e ciascuno apporta il personale contributo, rendendosi presente e utile con il proprio piccolo dono.

Significativa l’espressione del manifesto. “Se si sogna da soli, è solo un sogno, se si sogna insieme, è realtà che comincia”.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Sabato, 18 aprile 2020 11:05:17 (869 letture)

(Leggi Tutto... | 7356 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Stefano Suraniti nuovo direttore dell'Ufficio scolastico regionale
Redazione
Dopo un anno di vuoto, il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha nominato il Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale di Sicilia, trasferendo a Palermo il dott. Stefano Suraniti, ex provveditore di Torino.  Originario di Troina, Classe 1979, è il più giovane direttore regionale. Ha conseguito la Laurea  in Economia e commercio all’Università di Catania e dal 2004 al 2010 è stato funzionario presso l’Agenzia delle entrate del capoluogo etneo. Nel 2010 ha vinto il corso-concorso per dirigenti della Pubblica amministrazione, occupando il ruolo di Dirigente dell'UST du Torino. La nomina era già stata annunciata del Ministro Lorenzo Fioramonti per la soluzione del caso della professoressa Rosa Maria Dell’Aria, la docente dell’istituto tecnico industriale Vittorio Emanuele III di Palermo, sospesa per due settimane nel maggio scorso perché i suoi alunni accostarono le leggi razziali al decreto sicurezza di Salvini.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Venerdì, 17 aprile 2020 07:00:00 (1157 letture)

(Leggi Tutto... | 3238 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Auguri originali per una Pasqua speciale ALLA RICERCA DELL’ESSENZIALE
Redazione

Nell’isolamento e distanziamento fisico tra le persone, utilizzando i nuovi strumenti tecnologici per le comunicazioni, sono pervenuti diversi e originali messaggi di auguri, immagini, disegni, video, canti, cerimonie in streaming, evidenziando l’eccezionalità e “unicità” di questa Pasqua sotto il segno del Coronavirus.
Una Pasqua nella quale accanto alla “S” della sofferenza s’intrecciano la “S” della Solidarietà e della Speranza, celebrata da Papa Francesco come un “diritto”.
Le tre “S” s’intrecciano e tracciano il percorso della nuova era che il Covid 19 ha segnato una linea di discontinuità nella storia.
Nel d.C. (che non è il “dopo Cristo”, ma l’attuale e contemporaneo “dopo il Coronavirus”) le cose andranno diversamente, cambiano gli stili e le relazione tra le persone, si mantengono le distanze che non sono “sociali”, bensì di distanziamento fisico tra le persone.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Martedì, 14 aprile 2020 13:19:42 (1093 letture)

(Leggi Tutto... | 11212 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 5)

Vi racconto ...: Incontro con Gesù a Gerusalemme
Redazione
La via principale della città era piena zeppa di gente, una moltitudine di persone, come non si vedeva da molto tempo, come capita di vederla solo nelle grandi occasioni, in alcune ricorrenze importanti. Gente ovunque, lungo la via, davanti le case, affacciati alle finestre, sui muri, sotto gli alberi, tutti allegri, festanti, gioiosi. Chi salutava, chi batteva le mani, chi sollevava rami d’ulivo o di palme, chi s’agitava con vigore per farsi notare, chi chiamava, chi urlava un nome ad alta voce, chi invocava qualcuno. Tra la folla c’era chi spingeva, chi strattonava per farsi largo, chi chiedeva aiuto, i bambini, aggrappati alle vesti delle loro madri, piangevano impauriti, altri rimasti soli si disperdevano nella confusione , madri che cercavano i figli, anziani che soffrivano e s’agitavano per la ressa, tutti si muoveva a fatica, molti tra spintoni e grida cadevano a terra. Per non parlare degli animali, cavalli, muli, asini, cani, anatre, infuriati, imbizzarriti sollevavano polvere a non finire, da non far capire e vedere nulla. Insomma, la città era in festa, dappertutto grida di gioia, di esultanza, di giubilo.
Io, in un primo momento, non compresi il motivo di così tanta baldoria, non riuscivo a capire cosa stesse succedendo, m’avvicinai alla marea di gente, con prudenza per non rimanere travolto, e chiesi spiegazione, la risposta, stranamente, fu istantanea, precisa: “Stamani in città è venuto Gesù, il Nazareno, il Rabbi, dicono che in Galilea ha fatto tanti miracoli, ha resuscitato persino un uomo morto. Se rimani qua, lo vedi passare pure tu”.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Sabato, 11 aprile 2020 09:00:00 (848 letture)

(Leggi Tutto... | 8202 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Una Pasqua che rimarrà nella storia
Redazione
La Pasqua del 2020 è destinata ad entrare nella storia, per la sua eccezionalità. Stiamo vivendo uno di quei periodi che gli storici chiamano di “discontinuità” una Pasqua-passaggio verso un nuovo paradigma. La pandemia da COVID-19 sta mettendo a dura prova la nostra civiltà. La paura di contagio ha interrotto e modificato le relazioni sociali, ha chiuso persino le chiese, ha sospeso le messe e i riti della “settimana santa” che vengono trasmessi solo in streaming. La comunione si fa solo “spiritualmente”, la preghiera invece di essere comunitaria diventa personale e innovativa “liturgia domestica”.
Il Giovedì santo inizia il solenne triduo pasquale con la Messa “In coena Domini” ricordando l’ultima cena di Gesù con i dodici Apostoli ai quali ha lavato i piedi. Nella tradizione cristiana il giovedì santo era il giorno detto “dei sepolcri”, termine improprio per ricordare l’abbellimento dell’altare della “reposizione” dove veniva conservata l’Eucarestia e venerata nel corso della notte, ricordando e rivivendo la preghiera di Gesù nell’orto del Getsemani e quindi accompagnare con il pensiero il processo di Gesù davanti al Sinedrio, la flagellazione e la condanna a morte.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Sabato, 11 aprile 2020 08:00:00 (1035 letture)

(Leggi Tutto... | 7934 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Dico e mi contraddico: Un insegnante all’antica
Redazione
Sono convinto che il luogo naturale migliore di fare lezione per un docente sia quello di poter guardare negli occhi i propri studenti sui banchi seduti dentro un'aula. Sono all'antica. Confiteor! Non riesco ad accettare l'idea di un'educazione scolastica digitale, di un insegnante che faccia lezione comunicando e interagendo virtualmente, presente-assente dall'altra parte della barricataschermata; sarà un insegnante dimezzato, privato di poter "sentire ", il calore e il respiro, le emozioni e le attese di chi lo sta ad ascoltare; privato di poter capire se chi gli sta attorno dalla parte opposta, sia interessato o disinteressato; privato "sensibilmente " di poter redarguire chi si distragga!
Sì, sono un insegnante all'antica, mi piace il contatto fisico, sentire le emozioni vere reali, toccare con mano il sudore della fatica, e vedere per capire con i miei occhi "sensibilmente" se un pianto è di gioia vera o di stizza, o anche di rabbia dissimulata; se debbo.elogiare o redarguire, valutare o rimandare, al momento, al suo posto il mio studente (perché impreparato), o correggerlo (perché sproloquia).

Nuccio Palumbo
Postato da Nuccio Palumbo Giovedì, 09 aprile 2020 19:00:00 (760 letture)

(Leggi Tutto... | 2606 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Natura e Co-Scienza: La Cannella
Redazione
Così tutto il mio amore, la mia vita, e le mie forze abbiano in te solo il
principio, in te solo la fine.  Dissipa le ombre dell’Anima
coi raggi splendenti così che la tua Luce sia la mia, e la mia Luce sia la tua
Athanasius Kircher

La cannella di Ceylon, Cinnamonum verum J. Presl., sin. Cinnamonum zeylanicum Blume, è un albero sempreverde della famiglia delle Lauraceae, che è la stessa famiglia a cui appartiene il noto albero mediterraneo dell’Alloro. Molto simile alla cannella, da cui se ne differenzia per la maggiore altezza e le foglie un po’ diverse, è la cassia o Cinnamonum cassia (L.) Presl. – Lauraceae, da cui si ottiene una analoga corteccia aromatica, che però è meno pregiata e molto più ricca di cumarina, dagli effetti non sempre positivi sull’organismo. Pianta dalla storia millenaria, originaria dello Sri Lanka e dell’Asia, dove cresce nelle foreste pluviali tra i 300 e i 1000 m di altitudine. Albero conosciuto nel Mediterraneo sin dai tempi più remoti. Introdotta in coltivazione nel Madagascar, Malaysia e  Antille.
Coltivata pure nello Sri Lanka, India, Brasile, Egitto e Cina. Della pianta si usa per lo più la corteccia prelevata da rami con un diametro di 2-2,5 cm. La corteccia essiccata è stata usata in vari modi sin dai tempi più remoti e persino dagli Egiziani nella pratica dell’imbalsamazione dei cadaveri. L’aroma della corteccia essiccata della cannella è aromatico, secco e pungente che ricorda quello dei chiodi o bottoni di garofano. Le foglie sono aromatiche e sono usate per farne degli infusi.

Marcello Castroreale
Postato da Michelangelo Nicotra Lunedì, 06 aprile 2020 08:00:00 (1347 letture)

(Leggi Tutto... | 9207 bytes aggiuntivi | Natura e Co-Scienza | Voto: 0)

Voce alla Scuola: La scuola, come le più belle cose, 'vive solo un giorno come le rose'
Redazione
A quanto pare, a sentire le parole del ministro Azzolina, la scuola per quest’anno è terminata. Quindi, possiamo dire addio all’anno scolastico 2019/2020. Possiamo salutare lungamente un anno iniziato e trascorso, almeno per me, in maniera unica e irripetibile. Addio per sempre! Come le più belle cose, è durato “solo un giorno come le rose”. E la scuola è la più bella rosa del giardino della nostra vita, della vita dei ragazzi, e della vita della Nazione. Adesso lo capiamo, solo adesso ce ne accorgiamo, quando non c’è più. Quando la campanella s’è fermata.
Adesso, che al mattino, anziché prendere in fretta il caffè e il tablet e fuggire in macchina per arrivare puntuali in classe, restiamo tutta la notte svegli (o quasi tutta) a ricordare il passato e a pensare al futuro e alla video lezione con i ragazzi che hanno la fortuna di potersi collegare da casa. E dire che è stato un anno bellissimo!
Forse il migliore della mia carriera scolastica (al meglio non c’è mai fine), passato tra ore di lezione e di riflessione, diciamo così, sotto gli alberi ciondolanti del Polivalente di San Giovanni La Punta. E con il “compimento” di quel nostro antico “impegno” (quasi fosse destino), frutto anche della più grande ingiustizia della scuola catanese, di “passare l’ultimo anno insieme”.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 05 aprile 2020 12:00:00 (1082 letture)

(Leggi Tutto... | 4082 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Lettera aperta ai docenti da una madre anestesista rianimatore in emergenza coronavirus
Redazione
Innanzitutto porgo i miei saluti a tutto il personale docente e ringrazio per il lavoro che sta svolgendo e per l’impegno profuso.
Io sono un anestesista rianimatore e lavoro in Terapia Intensiva con pazienti Coronavirus gravissimi. Tutto il personale sanitario è impegnato a tempo pieno in questa terribile emergenza. E’ una battaglia quotidiana e durissima che richiede uno spiegamento immenso di mezzi e risorse sia umane che materiali e che mette a dura prova sia il fisico che la mente. Alcuni di noi sono già o saranno contagiati. Alcuni di noi non vedranno la fine dell’epidemia. Ma questo è il nostro lavoro e lo facciamo con anima e corpo.

Ma sono anche una madre.

La mia unica figlia è una vostra studentessa.

Questa lettera aperta vuole essere un invito a continuare ad esserci, nonché una richiesta di aiuto se non un lascito morale.

Il personale docente ha un ruolo educativo fondamentale
, non solo in termini di pura didattica, ma anche e soprattutto nel senso più ampio di riferimento, guida e formazione di individui adulti. 
Ora più che mai la vostra presenza è fondamentale
.

dott.ssa Elena Borsotti
Postato da Andrea Oliva Sabato, 04 aprile 2020 10:43:09 (1735 letture)

(Leggi Tutto... | 10660 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: 5 marzo 2020. Primo giorno a casa
Redazione
5 marzo 2020. Primo giorno a casa.
Così improvvisamente un’ordinanza chiude le scuole e ci ritroviamo come mai era accaduto prima a fare i conti con una nuova realtà. Tutti penseranno: che bello non c’è più la scuola! No, non è così, la scuola c’è … on line. Ci dobbiamo attivare, che possiamo fare, cosa sarà più easy o più smart? Questo sto pensando … e intanto il telefono squilla, WhatsApps bippa, il vicino ti suona alla porta, il gatto miagola… E’ già un inferno! Lasciatemi riflettere!

Che possiamo fare? Ripenso alle parole di una collega: “ah se viene il finimondo cosa te ne farai di tutta questa tecnologia?”.

Il finimondo è arrivato e sarà proprio grazie a questa tecnologia che ci potremmo permettere di poter continuare a stare in contatto! Vivere, vivere virtuale, ma vivere … “onlife”.

Ma da cosa iniziamo? Non cose difficili, ma cose facili che tutti sanno già fare e conoscono… Ci sono, iniziamo dal registro… scrivo una scaletta la mando alla preside e poi lunedì ne parliamo con i colleghi. Ma lunedì si potrà uscire?

Boh! Intanto lavoriamo. Ma che ora è?

Caspita come passa velocemente il tempo è già sera!

Una bella lettura e a dormire; come si chiamava quel libro… Ah eccolo “Tutti assenti!” Andiamo bene!

Buonanotte

Lorenzo Bordonaro

Postato da Andrea Oliva Venerdì, 03 aprile 2020 08:00:00 (1569 letture)

(Leggi Tutto... | 7442 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Figli....
Redazione

Figli .....

Hai chiamato Madre?
Non ti abbiamo sentito.
Hai tossito Madre?

Passerà 
Come sono passate altre crisi.
Siamo impegnati Madre.
No,Madre
Non ci possiamo fermare.

Hai tremato Madre!
Perché?
Ci metti paura!

Maria Antonietta Baiamonte

Postato da Andrea Oliva Giovedì, 02 aprile 2020 08:15:00 (1615 letture)

(Leggi Tutto... | 4447 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Giurami che mi svegli… “Voglio vivere”
Redazione

«Occhi gonfi di lacrime, tanti privi di speranza, altri lucidi mentre si punta il cielo: sono attimi di vita, una cronaca che si può leggere sotto gli occhi di una quotidianità che sembrava monotona finché il bollettino delle ore 18.00 non inchioda a una verità che smaschera ogni recita.
Da Cremona un papà appena quarantenne, sistemato su un freddo lettino di un ospedale tiene la mano di un infermiere come a volere afferrare un brandello di speranza “Giurami che mi svegli” – sussurra – mentre va per essere intubato.
Poche parole che dicono tutto: non chiede cose inutili, titoli che non servono, solo una promessa “Svegliami”.

Questa parola ricca e carica di vita vorrei posarla timidamente nel cuore di chi sta leggendo queste poche parole buttate qui per scuotere le coscienze di chi sino a ieri puntava il dito verso gli altri, amava rincorrere il superfluo pur di essere migliore di tutti, che usava pensieri e parole per denigrare e provare a distruggere tutto e tutti.

Nicolò Mannino
(Presidente Parlamento della Legalità Internazionale)

Postato da Andrea Oliva Giovedì, 02 aprile 2020 08:10:00 (1564 letture)

(Leggi Tutto... | 7482 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Covid e le piccole cose di casa. Come ho trascorso il mio tempo scuola a distanza, famiglia, relazioni al tempo del coronavirus
Redazione

COVID 19 sembra il nome di una navicella spaziale che sta per lasciare la terra per lanciarsi verso l’esplorazione dell’universo.
Non è così, COVID19 più comunemente conosciuto come CORONAVIRUS è un diavoletto cattivo e dispettoso (così l’ha definito un piccolo allievo) che colpisce le persone più fragili e indifese: i nonni.
In realtà COVID19 è un virus molto pericoloso che sembri essere arrivato dalla Cina, è molto contagioso, non è curabile ed ha invaso l’Italia del Nord ed in particolare la Lombardia.
Tutto comincia la sera del 4 Marzo, quando i Dirigenti Scolastici di tutt’Italia comunicano su Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, la sospensione delle attività didattiche a partire dal 5 marzo col preciso scopo di contrastare il diffondersi del virus COVID19. Allora mi viene da pensare che la cosa sia grave.


Ins. Santa Rapisarda

Istituto Comprensivo “G. MARCONI “ - PATERNO’

Postato da Andrea Oliva Giovedì, 02 aprile 2020 08:05:00 (1117 letture)

(Leggi Tutto... | 10280 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: progetto #io resto a casa e penso alla scuola
Redazione
La sera del 4 marzo ci è stato comunicato che dall’indomani mattina l’azione didattica sarebbe stata momentaneamente sospesa. C’era anche una data, ma tutti sapevamo che in realtà, visto come stavano andando le cose, la scadenza non sarebbe stata certo rispettata visto che ogni ora che passava ci si rendeva conto che ormai il problema Coronavirus era dilagato e come, una pioggia dal cielo, aveva, a poco a poco, toccato tutti i paesi del mondo fino a diventare una “Pandemia”.
“Pandemia”, una parola terribile, chissà quante volte è stata usata o abusata dagli uomini e non certo per un problema così grave! Purtroppo quando la vita scorre nelle abitudini e nella monotonia si cerca sempre il sensazionalismo. Poi arrivano quelle giornate che neppure il migliore scrittore ”fantasy” avrebbe potuto immaginare!

Mariella Di Mauro


Postato da Andrea Oliva Giovedì, 02 aprile 2020 08:00:00 (1543 letture)

(Leggi Tutto... | 5376 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: Prima e Dopo il Coronavirus. Si entra nella storia
Redazione
Il momento storico che stiamo vivendo segna la Storia: è significativo osservare e leggere in alto a destra dello schermo televisivo, durante la trasmissione di alcuni programmi che la Rai trasmette, l’espressione “Programma registrato prima del DPCM per il Covid 19”. Si comprende che, siamo giunti ad una fase di passaggio epocale e come nelle date della storia si trova la sigla: a.C. e d.C. che corrisponde al Prima e al Dopo la nascita  di  Gesù Cristo, anche  se nelle scuole britanniche queste espressioni vengono evitate non offendere gli studenti di altre religioni  e sostituite con altri indicatori :“era comune” e “prima dell’era comune”,  a seguito di questo evento e epidemico credo che saremo costretti a scrivere “Prima e Dopo il Coronavirus

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 31 marzo 2020 08:10:00 (1386 letture)

(Leggi Tutto... | 3374 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 1)

Vi racconto ...: La preghiera del Papa per il coronavirus. Giornata indimenticabile: La carezza del Papa, la carezza di Dio.
Redazione
La giornata del venerdì  27 marzo passa alla storia per l’elevato numero di decessi (969) con o per il coronavirus e per la suggestiva e commovente preghiera del Papa, in un clima di assordante silenzio, interrotto dalla pioggia e sotto lo sguardo del miracoloso Crocifisso della Chiesa di San Marcello, che nell’agosto del 1522 ha percorso le vie di Roma colpita dalla peste.
In una Piazza San Pietro deserta, Papa Francesco, solo in mezzo al colonnato del Bernini ha riunito in preghiera il mondo impaurito, smarrito davanti alla prima pandemia nel tempo della globalizzazione. La pioggia che ha bagnato il Crocifisso miracoloso ha simboleggiato il pianto composto e sgomento del mondo che cerca di ascoltare e capire cosa, come, perché. “Da settimane sembra che sia scesa la sera. Fitte tenebre si sono addensate nelle nostre piazze, strade e città. Si sono impadronite delle nostre vite e le hanno riempite di un silenzio assordante. Si sente nell'aria, si avverte nei gesti, lo dicono gli sguardi. Ci siamo trovati impauriti e smarriti” Con queste parole Papa Francesco nella meditazione ha commentato il Vangelo che racconta la tempesta sedata, la paura degli apostoli, mentre Gesù dormiva e l’interrogativo “Perché avete paura?” corrisponde alla tempesta di dolore e di morte che il COVD 19 ha seminato nel mondo intero, mettendo a nudo le nostre fragilità, “lasciando scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità”.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 31 marzo 2020 08:05:00 (1134 letture)

(Leggi Tutto... | 7378 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Didattica a distanza: DIDATTICA A DISTANZA - stella cometa del Coronavirus. Giornata tipo durante la DIDATTICA a distanza Scuola di Zevio (Verona)
Redazione
La Ministra Lucia Azzolina nel suo discorso al Senato e nella lettera inviata a tutto il Personale della scuola ha espresso parole di ammirazione e di lode per i tanti docenti che con viva sensibilità pedagogica si sono adoperati a mantenere una dinamica relazione educativa con gli alunni tramite la didattica a distanza.
Ha evidenziato le difficoltà tecniche e logistiche e come la scuola non era pronta a tale improvvisa emergenza. Tanti studenti che, citando di Don Milani la Ministra ha scritto “attendono di essere fatti uguali”, in effetti, sono privi dei necessari strumenti e a tale scopo sono state stanziate significative risorse, con la speranza che arrivino in tempo a colmare questo vuoto.

La formazione digitale per i docenti che nella Legge 107 /2015 risultava obbligatoria, è rimasta solo una “buona intenzione”. Oggi se ne registra la mancanza.
Ci sono poi le difficoltà delle linee telefoniche e le bande larghe che non sono attive in tutto il territorio nazionale.
Ecco una pagina di diario che una diligente docente di Lettere della provincia di Verona, accogliendo il nostro invito
# IORESTOACASA E PENSO ALLA SCUOLA a scrivere e raccontare questo non facile momento storico, ha fatto pervenire ad Aetnanet.

Si sollecitano altri docenti a raccontarsi e… raccontarci.

Postato da Andrea Oliva Lunedì, 30 marzo 2020 08:15:00 (1362 letture)

(Leggi Tutto... | 15625 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 0)

Didattica a distanza: Zoom e Privacy: Da ieri, 26 marzo, le impostazioni di condivisione all'interno del tuo account….. e prima del 26 marzo?
Redazione
A tutti i possessori di un account Zoom Video Communications (piattaforma di videoconferenza) è pervenuta la seguente mail. Chi lo dice a quei docenti che hanno tanto decantato il servizio di videoconferenza facendolo utilizzare a milioni di studenti e bambini; per caso l'azienda vi ha rilasciato l'informativa privacy, ed è stata attentamente letta!!!
Qualsiasi account su Zoom, anche quelli gratuiti, permette di registrare i meeting e di salvarne una copia in locale. Vi risulta essere presente alcuna notifica (un pallino rosso che lampeggia, per esempio) a segnalare che chi sta ospitando la sessione (insegnante) stia registrando la riunione. La registrazione include il video, l'audio e anche la trascrizione testuale della chat.

Inoltre sul sito ufficiale di Zoom, la funzione di monitoraggio dell'attenzione dei partecipanti, è pensata per sapere se l'utente (uno studente, magari) ha la finestra della riunione in primo piano oppure no. In caso negativo, un'icona a forma di orologio apparirà di fianco al nome della persona che non ha avuto Zoom in primo piano per più di 30 secondi.

Attenti ai dispositivi gratuiti spesso nascondono trappole.

m.nicotra@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 28 marzo 2020 08:00:00 (1631 letture)

(Leggi Tutto... | 5449 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 0)

Vi racconto ...: Le domeniche in tempo di Coronavirus.
Redazione
E’ questa la terza domenica che costringe tutti a stare in casa, nel rispetto delle norme emanate dal Governo per limitare al massimo la diffusione del contagio, mediante il distanziamento sociale e le regole d’igiene e di pulizia per la persona e l’ambiente. Oggi, IV domenica di Quaresima, per la liturgia è la: “Dominica Laetare” per le espressioni dell’antifona d’ingresso: Rallegrati, Gerusalemme, e voi tutti che l’amate, riunitevi. Esultate e gioite, voi che eravate nella tristezza: saziatevi dell’abbondanza della vostra consolazione. E’ un invito alla gioia, un’apertura  alla speranza, una pausa nel cammino quaresimale verso la Pasqua e gli stessi  paramenti liturgici sono di colore rosa, quasi per stemperare il colore viola della penitenza. In questa Quaresima in quarantena tutto ciò non è possibile. Non si riesce a formulare espressioni di gioia, di esultanza. Quel “Rallegrati, Gerusalemme, e voi tutti che l’amate, riunitevi” è un’esortazione  veramente difficile da  realizzare, essendo costretti a stare in casa, spesso nella solitudine e distaccati dagli altri.


Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 25 marzo 2020 12:00:00 (1541 letture)

(Leggi Tutto... | 10375 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: LETTERA AGLI INSEGNANTI E DIRIGENTI. Una proposta durante il coronavirus: scrivere pensieri, riflessioni e quasi un diario che passi alla storia.
Redazione
Carissimi

In questo difficile momento di emergenza a causa della pandemia che ha colpito il mondo intero, sentiamo la solitudine e la tristezza, anche per le molteplici privazioni imposte dalle norme governative emanate per tamponare la diffusione del contagio.
Questa è la terza domenica che si trascorre in casa, senza contatti diretti con il mondo esterno e chi è abituato ad una vita di movimento, attività, d’impegni scolastici, sociali e culturali soffre tra le quattro mura di casa. Il celeberrimo conduttore dei programmi scientifici Piero Angela, in un’intervista sulla pandemia ha dato questo suggerimento: approfittare di questo periodo per scrivere la storia della propria vita, di creare questo documento prezioso che poi resterà per sempre come dono per tutta la famiglia. Io sarei felice di avere oggi un diario o un racconto dei miei nonni o bisnonni: le radici sono sempre importanti”.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 25 marzo 2020 11:55:00 (1294 letture)

(Leggi Tutto... | 7948 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Tornerà la scuola a primavera con le rondini e le viole
Redazione
“Salve prof., volevo dirle che è un incubo stare qua, stare a casa e fare queste cose su Internet. Lo trovo ridicolo!”. La voce della verità! La voce del mio alunno, che l’altro giorno m’ha mandato questo messaggio “struggente, poetico e commovente”. Non riesco a trovare altri aggettivi per descrivere questa voce innocente, carica di malinconia e di nostalgia, di voglia di normalità e di giustizia. La poesia dell’età. Che vale più di mille circolari e comunicati di DAD (Didattica a Distanza), (ma poi  quanto siamo bravi a creare sigle e acronimi!), più di tante conversazioni in chat tra colleghi alle prese con nuove piattaforme e canali digitali. Si, la voce di Fulvio (nome di fantasia) risuonerà per molto tempo tra le scartoffie e il tablet di casa mia, e si spanderà tra le aule deserte del padiglione H e i nostri cuori di docenti, che battono all’unisono pieni di speranza e d’apprensione per i nostri alunni. E dove sono adesso i tuoi supereroi!? Dove sono Bat-Man, Super-Man, Spider-Man, Mazinga, Iron-Man, Capitan America, Wonder Woman, Thor!? Dove siete cari eroi della nostra migliore adolescenza!?

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 22 marzo 2020 08:00:00 (1682 letture)

(Leggi Tutto... | 4126 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Costume e società: L’Arcivescovo di Catania in preghiera nella cappella di Sant’Agata per la fine della pandemia.
Redazione

Una preghiera a Sant’Agata nella cappella che conserva le sacre reliquie in Cattedrale è stato il segno di devozione che l’Arcivescovo Salvatore Gristina ha compiuto sabato 21 marzo.
Solo, senza la partecipazione di fedeli, secondo le disposizioni governative, l’Arcivescovo ha pregato a nome di tutti i catanesi devoti della concittadina Martire  Agata.

O amata nostra Sant’Agata, tu che hai sperimentato l’assistenza del Signore durante le sofferenze del martirio, ottienici abbondanza di fede e di speranza. T’invochiamo per le nostre famiglie, le persone anziane, i bambini e i giovani della nostra Città e del territorio che tante volte hanno sperimentato il tuo potente patrocinio. Aiutaci a stare vicini, anche con i mezzi di comunicazione, a tutti e particolarmente alle persone che soffrono per la solitudine o che si sentono abbandonate.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Sabato, 21 marzo 2020 10:40:36 (1285 letture)

(Leggi Tutto... | 8885 bytes aggiuntivi | Costume e società | Voto: 0)

Vi racconto ...: Aspettiamo Primavera - Un self, un messaggio di speranza per allontanare la paura
Redazione

La primavera è arrivata, e con un giorno di anticipo, essendo un anno bisestile. Restando  a casa non si percepisce, ma è arrivata veramente.
Come diceva Giorgio La Pira “I giovani sono come le rondini, annunciano la primavera”.
Ora la primavera è alle porte ed il calendario non è soggetto alle norme restrittive del DPCM .

Il Presidente del Parlamento della legalità internazionale, Nicolò Mannino, ha lanciato un invito rivolto a tutti i cittadini, in modo particolare ai giovani, agli studenti:  realizzare un self, un appello al positivo, un messaggio che sa' di bellezza e di fresco profumo di speranza e piazzarlo sui social per allontanare i segni della paura  e dell’angoscia.
Si estende l’invito ai Ragazzi Sindaci e dei Consigli comunali dei ragazzi per essere sempre promotori di messaggi positivi nell’ottica della ricerca del bene comune.

Venerdi 20 marzo “aspettando primavera“ con ciò che di bello, di vero, di positivo abbiamo nel nostro cuore.  condividiamo-proviamoci.
In queste ore tanti giovani dalla Lombardia alla Sicilia stanno facendo sentire il loro appello e chiedono "vita".
La primavera, rompe il silenzio, spezza le catene della paura ed è un messaggio di vita : è l'amore che vince su ogni morte.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Giovedì, 19 marzo 2020 09:45:23 (1197 letture)

(Leggi Tutto... | 5766 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Invocare Sant’agata
Redazione
Il gesto simbolico del Papa che ha lasciato il Vaticano in forma privata e si è recato in visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, Salus populi Romani e poi alla chiesa di San Marcello al Corso, dove si venera il Crocifisso miracoloso che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città perché finisse la ‘Grande Peste’ è modello da riproporre in tutte le diocesi. La devozione a Sant’Agata per i Catanesi fa parte del DNA e la benedizione con il Sacro Velo rafforza la fede, la fiducia in Dio, aiuta a vincere la paura e l’egoismo che in questo momento rende tutti sospettosi e insicuri degli altri.La miracolosa Vergine e Martire che ha salvato e protetto la sua città dalla lava, continuerà a proteggerla e difenderla dal coronavirus. Come avvengono tanti flash mob, nei quali pur restando a casa, si comunica, e si mostra una presenza e una condivisione, affacciati ai balconi, perché non consentire il passaggio della Reliquia e offrire un’occasione di preghiera per tanti che trascorrono le giornate nel vuoto, assorbiti dall’insoddisfazione e dall’incertezza?

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Mercoledì, 18 marzo 2020 14:00:00 (1361 letture)

(Leggi Tutto... | 5097 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Giordano Bruno, la tempesta del dubbio e gli infiniti mondi. Un’intervista possibile
Redazione
“I miei occhi sono puntati dritti al Vaticano! Guarderò in faccia per sempre quegli uomini vestiti di nero! E i papi devono stare attenti a parlare di “male e di genocidio”, perché il primo genocidio della storia lo ha commesso la chiesa di Roma. Il male non si misura con la matematica! Ditemi voi, chi fa più male, chi uccide un milione di persone, chi ne uccide sei milioni, o chi ne uccide uno solo!? E’ più ladro chi ruba cento denari o chi ruba un semplice baiocco!? E lo dico io che sono stato massacrato da Santa Romana Chiesa. E mai lo dimenticherò!”.
E’ un fiume in piena Giordano Bruno, reduce dall’ultimo “duro” interrogatorio dai giudici della Santa Inquisizione romana. Lo incontro, quasi di nascosto, nella penombra della sua cella, è molto provato, stanco, parla con un fil di voce, l’ultimo “colloquio” con i suoi accusatori lo ha sfiancato, ma conserva ancora tanta serenità, tanta forza d’animo e desiderio di lottare e di dimostrare la sua totale innocenza. E’ veramente un grande uomo, come pochi, al giorno d’oggi…

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Sabato, 14 marzo 2020 10:00:00 (1329 letture)

(Leggi Tutto... | 11263 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Il Virus, la Politica, la Scuola: una riflessione dall’'interno'
Redazione
Sino ad un paio di mesi or sono, per noi Europei le “epidemie” erano poco più che un’immagine astratta, relegata a specifiche emergenze sanitarie dei Paesi in via di sviluppo, oppure,  ̶  nella migliore delle ipotesi ̶ evocava reminiscenze letterarie: la “Peste” manzoniana, quella del Decameron, l’epidemia che afflisse i Romani in Età repubblicana, narrata da Tito Livio, o quella di Età antonina nella cronaca di Dione Cassio; ed ancora, la peste che imperversò in Grecia durante la Guerra del Peloponneso e rievocata nelle pagine di Tucidide e nei versi di Lucrezio; sino ad altre e metaforiche descrizioni di terribili morbi nei racconti di Edgar Allan Poe o ne La Peste di Albert Camus, ove la malattia morale del nazifascismo assume le spettrali sembianze dell’affezione fisica degli abitanti di Orano; per concludere con la peste del romanzo Il re di Girgenti del Nostro amatissimo Andrea Camilleri. Sappiamo come la fantasia fervida degli artisti di frequente viene superata dalla realtà. Nel torno di due mesi appena ci vediamo coinvolti in prima persona in una emergenza di cui non è pronosticabile lo sviluppo e, tanto meno, la conclusione.

prof.ssa Maria Làudani
IIS - Liceo Classico “Mario Rapisardi” Paternò
Postato da Michelangelo Nicotra Venerdì, 06 marzo 2020 16:00:00 (2202 letture)

(Leggi Tutto... | 9271 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: La scuola ai tempi del coronavirus
Redazione
Mi accorgo che ci sei, proprio quando non ci sei ed allora ti vorrei”, recitava una canzone d’alcuni anni fa. “Tannu si chianci l’amicu, quannu si perdi e non si trova cchiù!”. Ed è proprio vero! Ci accorgiamo d’una persona, di una “presenza”, di “qualcuno”, ci rendiamo conto di volerla, di desiderarla, di amarla, proprio quando ci manca, quando ci viene tolta, quando ci viene portata via, a volte improvvisamente, per una causa sconosciuta e fastidiosa, per un motivo oscuro e spiacevole. O peggio ancora, per paura. Come in questi giorni che ci hanno “sottratto” (si fa per dire) la scuola e il lavoro, con un semplice, e sofferto, colpo di penna. E così all’improvviso si rompe quel sublime giogo della normalità, ad un tratto, quel terreno tanto caro e tanto faticoso della quotidianità, scivola via e sprofonda sotto i nostri piedi, che ignari cercano ancora “quel porto sicuro”, quel sottile equilibrio tra il “dare e avere”, quel tran tran che si chiama “vita”.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Giovedì, 05 marzo 2020 09:00:00 (1446 letture)

(Leggi Tutto... | 4058 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

PNSD: Aetnanet.org offre consulenza gratuita per attivare soluzioni di didattica a distanza
Redazione

Per supportare le scuole che vogliono attivare soluzioni di didattica a distanza nel periodo di chiusura legato all'emergenza coronavirus, AetnaNet.org fornirà alle scuole, consulenza gratuita per attivare piattaforme di e-learning (Moodle, Google Suite for Education, Office 365 Education A1) e piattaforme di webinar, Cisco Webex.

Contattateci su m.nicotra@aetnanet.org

Piattaforme: Edmodo, Easyclass, BSmart, WeSchool, HubScuola, Google Classroom, Continualascuola

Videoconferenza: Google Meet, Framatalk

Risorse: RAI per la didattica, Treccani Scuola, Indire/Avanguardie educative, Risorsedidattiche.net
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 04 marzo 2020 08:00:00 (2759 letture)

(Leggi Tutto... | 3968 bytes aggiuntivi | PNSD | Voto: 0)

Aggiornamento: Dove va la scuola italiana? Ernesto Galli della Loggia a Catania
Redazione
Se ne discuterà venerdì 6 marzo all'Istituto "Francesco Ventorino" di Catania con il prof. Ernesto Galli della Loggia, autore de "L'aula vuota". L'incontro, organizzato dalla Fondazione Francesco Ventorino e dal Centro Culturale di Catania, sarà introdotto dai dirigenti Michela D'Oro e Alfio Pennisi, e intende mettere in luce le criticità e le prospettive della scuola in Italia, nel confronto con la ricca, argomentata, ma anche appassionata e sofferta, ricostruzione delle sue vicende. Le innovazioni, i cambiamenti, le leggi della "Buona scuola" vengono rilette alla luce della tradizione del passato, di una scuola con la "C" della cultura, della comunità educativa , convergenza, cooperazione, collegialità, contenuti e competenze.

Giuseppe Adernò
Postato da Michelangelo Nicotra Giovedì, 27 febbraio 2020 08:00:00 (1260 letture)

(Leggi Tutto... | 2877 bytes aggiuntivi | Aggiornamento | Voto: 0)

Costume e società: Dopo Sant’Agata - Culto e devozione. Le Candelore abbiano un rettore spirituale
Redazione
Nel comune linguaggio dei catanesi l’anno solare ha centro la festa di Sant’Agata per cui è comune l’espressione “Prima di Sant’Agata” e “Dopo Sant’Agata”. Nell’incontro, che ha avuto luogo presso la Sala Consiliare di Palazzo degli Elefanti sul tema “Dopo Sant’Agata: culto e devozione”, è stato condiviso il concetto che per i catanesi Sant’Agata non ha un tempo “prima e dopo”, ma è sempre viva e presente, perché segno e vita della devozione e del culto di un popolo che nella giovane Martire si ritrova e converge. Anche il poeta Micio Tempio, noto per il suo linguaggio, parlava sempre con rispetto di Sant’Agata, ed ha usato la metafora della “calamita”, perché S. Agata attira e unisce.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 24 febbraio 2020 10:05:03 (1616 letture)

(Leggi Tutto... | 4575 bytes aggiuntivi | Costume e società | Voto: 0)

Aggiornamento: Scuola di Formazione Politica per il bene comune. Al via sabato a Catania la seconda edizione organizzata da Fondazione Sussidiarietà e Futurlab.
Redazione
Al via sabato a Catania la seconda edizione della “Scuola di Formazione Politica per il bene comune” organizzata da Fondazione Sussidiarietà e Futurlab. Da febbraio a giugno sei incontri con grandi esperti provenienti da diversi ambiti, per discutere, in maniera critica e apartitica su temi come il futuro dell’Europa, la digitalizzazione del Paese, il bene comune, una nuova Pubblica amministrazione, i nuovi scenari geopolitici, modelli economici e finanza globale, il sistema degli Enti locali.
Sono invitati anche gli studenti e sarebbe auspicabile che gli studenti delle ultime classi possano fruire di tale preziosa occasione di incontri con esperti e studiosi e aprire gli occhi alla realta sociale  in maniera responsabile e consapevole. Si terrà sabato 22 febbraio alle 9.30 presso il Camplus Catania la  lezione inaugurale  della Scuola di Formazione Politica per il Bene Comune, giunta alla sua seconda edizione e promossa nel capoluogo etneo dalla Fondazione per la Sussidiarietà e dall’Associazione FuturLab – Costruiamo il Futuro.
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 20 febbraio 2020 10:16:17 (1781 letture)

(Leggi Tutto... | 10262 bytes aggiuntivi | Aggiornamento | Voto: 0)

Aggiornamento: Giornata di studio 'Dentro il Processo Penale Minorile: la Persona e la Comunità, l'Educazione e la Responsabilità'
Redazione
La S.V. è invitata alla Giornata di studio "Dentro il Processo Penale Minorile: la Persona e la Comunità, l'Educazione e la Responsabilità", che si terrà venerdì *21 febbraio 2020* dalle ore 8.30 alle ore 17.00 presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali di via Gravina 12 a Catania, organizzato dalla Sezione di Catania dell'Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e la Famiglia e dalla Struttura Territoriale di Formazione Decentrata del Distretto di Catania della Scuola Superiore della Magistratura, con ingresso libero. Sono previsti 3 crediti formativi per gli avvocati e sono stati richiesti crediti per gli assistenti sociali (Regione Sicilia: Id 37848).

Qualora non si fosse già iscritto/a è necessario iscriversi compilando il modulo, attraverso il seguente Link: https://forms.gle/hxT1XyE6ypbR95KeA

I magistrati, i magistrati onorari, i Mot e i tirocinanti di tribunale potranno iscriversi tramite il portale: www.scuolamagistratura.it - (sezione decentrata).

aimmf.catania@gmail.com
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 16 febbraio 2020 08:00:00 (1316 letture)

(Leggi Tutto... | 3478 bytes aggiuntivi | Aggiornamento | Voto: 0)

Cultura e spettacolo: 'Agata, Vergine e Martire'. Dramma sacro di Pino Pesce al teatro Sangiorgi, di Catania
Redazione
E’ stato come ritornare indietro nel tempo, quando era difficile essere cristiani, quando chi abbracciava la nuova fede venuta dall’oriente “appendeva la propria vita sulla punta di un bastone”, quando anche una giovane ragazza siciliana di buona famiglia, che si consacrava a Gesù metteva a repentaglio la sua esistenza, e quando la fede era veramente vissuta come “sale della terra”, “luce del mondo” per illuminare le genti con l’amore e la carità. Quest’atmosfera di speranza e di persecuzione, di luce e di buio, di lotta tra il bene e il male, in un ambiente semplice, normale, quasi casalingo, l’abbiamo vissuta intensamente, lunedì 3 febbraio, al teatro Sangiorgi di Catania, con lo spettacolo teatrale, “Agata, Vergine e Martire”, di Pino Pesce, patrocinato dal “Comitato dei festeggiamenti per Sant’Agata”, nell’ambito delle celebrazioni per la Santa Patrona di Catania. Siamo nel III d.C. e infuriano le persecuzioni contro i cristiani, per ordine dell’Imperatore Decio, e a Catania il proconsole Quinziano segue alla lettera i dettami imperiali, perseguitando, imprigionando e uccidendo chiunque si fosse “macchiato” dal fuoco della nuova e incomprensibile religione cristiana.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Mercoledì, 12 febbraio 2020 18:00:00 (1567 letture)

(Leggi Tutto... | 5706 bytes aggiuntivi | Cultura e spettacolo | Voto: 0)

Didattica: Tre discorsi sull’ebraismo - Gershom Scholem
Redazione
Questo esile testo è il mio primo approccio con Scholem;  ne sono rimasto stupito per la profondità e l’originalità delle riflessioni.Credo che debba essere una lettura necessaria per chi vuole comprendere che cosa sia oggi l’ebraismo ,come religione,come cultura e quali siano le questioni vive che l’attraversano. Popolo ebraico e religione ebraica sono sempre la stessa cosa? Che significato puo’ avere l’ebraismo senza la religione ebraica? L’ebraismo ora che ha trovato la sua terra originaria è sempre lo stesso? Quali sono i tratti distintivi di questa religione? Dei ragionamenti  di Scholem porterò in sintesi molto succinta quelli che di più sono riuscito a connettere con le mie esperienze e conoscenze;quello che dirò non è quindi una presentazione fedele di tutto quello che vi è scritto. Al centro delle riflessioni del pensatore ebraico si impongono le questioni che riguardano  la sua religione, che ha come fondamenta la rivelazione sinaitica e la tradizione ininterrotta di interpretazioni  che hanno cercato di attualizzarla, di renderla disponibile nel tempo e nelle situazioni.

Raimondo Giunta
Postato da Nuccio Palumbo Mercoledì, 12 febbraio 2020 08:00:00 (1426 letture)

(Leggi Tutto... | 6412 bytes aggiuntivi | Didattica | Voto: 0)

Concorsi: L’importanza della Privacy nell’ambito del Genoma approvato al Concorso nazionale Giornata di formazione a Montecitorio - Liceo Scientifico dell'ISS Francesco Redi di Paternò
Redazione
"Facta non verba! finis coronat opus"
La passione per la ricerca scientifica e per l'approfondimento giuridico diventano esperienza da vivere. La classe V A del Liceo Scientifico "Russo Giusti" di Belpasso, sede coordinata dell’I.I.S.S. “Francesco Redi” è stata selezionata come vincitrice al concorso nazionale che ogni anno viene bandito dal Miur in collaborazione con la Camera dei Deputati. Gli alunni, guidati dalla docente di storia e filosofia prof.ssa Maria Gabriella Virgillito, si sono cimentati nell'elaborazione di un complesso dossier di documentazione sul genoma umano e sulle implicazioni etico-giuridiche del trattamento e diffusione dei dati genetici. Nelle giornate del 19 e 20 Maggio prossimi, la classe sarà ricevuta a Montecitorio per presentare e discutere il proprio lavoro dinanzi alla Camera dei Deputati debitamente convocata per l' occasione.... Summa con laude!

redazione@aetnanet.org
Postato da Michelangelo Nicotra Martedì, 11 febbraio 2020 09:00:00 (1480 letture)

(Leggi Tutto... | 2342 bytes aggiuntivi | Concorsi | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Il male non è mai banale. Appunti per la comprensione del 'male assoluto'
Redazione
Pubblicato nel 1963, il famoso saggio “La banalità del male (Eichmann a Gerusalemme)”, di Hannah Arendt, è il resoconto del processo a cui fu sottoposto, a Gerusalemme, l’ufficiale delle SS Adolf Eichmann ad opera delle autorità israeliane, dal 1960 al 1962, e che si concluse con la condanna a morte mediante impiccagione, la cui sentenza venne eseguita la notte tra il 31 maggio e il 1 giugno 1962.
Da allora il termine “banalità del male” è diventato un “giudizio” condiviso universalmente, accettato da tutti per comprendere e spiegare il “male assoluto”. L’autrice, dopo aver seguito le 120 sedute del processo, arrivò alla deduzione che il “male assoluto” commesso dai nazisti non fosse dovuto ad una innata indole malvagia, connaturata nell’uomo, quanto invece frutto della inconsapevolezza, del senso di impersonalità, della frammentarietà delle azioni, dell’incapacità di comprendere pienamente e fino in fondo il significato dei singoli fatti commessi da una moltitudine indefinita e non correlata di persone.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 09 febbraio 2020 07:00:00 (1411 letture)

(Leggi Tutto... | 9588 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: 'Agata, Vergine e Martire' di Pino Pesce al Teatro Sangiorgi di Catania. Una sacra rappresentazione multimediale fra medievalità e contemporaneità
Redazione
L’attesa sacra rappresentazione “Agata, Vergine e Martire” di Pino Pesce, andrà in scena il 3 febbraio alle ore 17:30, al Teatro “Sangiorgi” di Catania. L’autore, già docente di Italiano e Storia,  della pièce è anche régisseur.  Negli ultimi anni, Pesce si è accostato al Teatro con successo scrivendo, rielaborando e dirigendo importanti testi: da “L’uomo dal fiore in bocca” di Pirandello a “Rosa Balistreri/A memoria di una Voce”. In questo suo ultimo lavoro, l’autore ha messo “in campo 100 eccellenze”. La produzione è del “Comitato dei festeggiamenti a Sant’Agata”, presidente il dott. Riccardo Tomasello. Ogni cittadino catanese, devoto di Sant’Agata, sente forte la responsabilità verso la Città e la Patrona per cui prova emozione nel confrontarsi con la verità di cui si sente possessore, quando si parla della vicenda della Santa Patrona, divenuta parte e simbolo dell’immaginario collettivo, della spiritualità della coscienza e dell’anima. I temi della rappresentazione religiosa di Pesce si riversano in scena per rappresentare la complessità del dramma cosmico in un periodo storico che attraversa la crisi dell’io. Studio, ricerca e sperimentazione sono il fil rouge dello spettacolo; un atto unico che racconta il dramma del martirio, fra storia e voce popolare, mettendo in luce la vita straordinaria di Agata, giovinetta nata e vissuta alle pendici dell’Etna nel III secolo dopo Cristo. Della protagonista vengono focalizzati i momenti più importanti della sua vita (dall’infanzia al martirio) attraverso le immagini-video, le luci, i costumi e le musiche che toccano il culmine negli interventi musical-canori del Coro Lirico Siciliano.

Lella Battiato Majorana
Postato da Michelangelo Nicotra Mercoledì, 05 febbraio 2020 05:00:00 (1699 letture)

(Leggi Tutto... | 7827 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Più letto di Oggi
Approvato al Senato il decreto scuola. Azzolina: “Testo migliorato. Bene lavoro maggioranza: ha guardato alla qualità del sistema d’Istruzione”
di a-oliva
193 letture




Social AetnaNet
Cerca


Community
Community
Diventa utente attivo della community di Aetnanet!
Inviaci articoli, esperienze, testimonianze sul mondo della scuola.

scrivi a: redazione@aetnanet.org


Pubblicità
pubblicità su Aetnanet.org


Seguici
telegram facebook
google plus facebook
mobile twitter
youtube rss


Bandi PON

Reiterazione avviso ad evidenza pubblica per la selezione di esperti esterni “madre lingua” francese - PON/FSE: avviso pubblico n. 4396 del 09/03/2018 - FSE - Competenze di base - 2a edizione
di m-nicotra

Bando di selezione n. 3 Esperti esterni madrelingua inglese e n. 3 Esperti esterni madrelingua francese - Scuola Media Castiglione di Bronte
di m-nicotra

I ragazzi del Liceo Cutelli al Processo Simulato del Lavoro a.a. 2019/2020
di m-nicotra

Da Roma all’Europa: tappe del progetto di Cittadinanza Europea per gli studenti del Liceo Classico Europeo del Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
di a-oliva

Bando selezione esperti FSE/PON - Liceo Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra

Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
di a-oliva

Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
di m-nicotra

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra

Bando selezione esperti madrelingua FSE/PON - ICS San Domenico Savio - San Gregorio di Catania
di s-tricomi

Concluso il Pon 10.2.5A-FSEPON-SI-2018-164 con i due moduli 'Maletto, tra arte e natura' e 'Panchine letterarie a Maletto all'IC Galilei di Maletto
di m-nicotra

Indice Progetti PON


Top Five Settimana
i 5 articoli più letti della settimana

Concorso per i precari e Corso-concorso per Dirigenti scolastici: questi i nodi del DL 22
di m-nicotra
1501 letture

SCUOLA PARITARIA VERSO UN RILANCIO. Appello bipartisan al Senato.
di a-oliva
877 letture

Come le stelle sono i ragazzi, per sostanzia, essenzia, delizia
di a-battiato
790 letture

CISL SCUOLA CATANIA - Consulenza in pillole - Oggi parliamo di: RSU
di a-oliva
757 letture

Maggio dei libri web per il liceo G. Lombardo Radice di Catania A spasso con lo stupor mundi
di a-oliva
725 letture


Top Video
Video
25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
864 letture

Caro virus, non sei simpatico e gentile
1355 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
1586 letture

Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca
1680 letture

Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
9974 letture

Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
10643 letture

26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
11782 letture

Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
11008 letture

Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni
13792 letture

La 5A Informatica di Belpasso discute di Rivoluzione industriale 4.0
16081 letture



Articoli Precedenti
Seleziona il mese da vedere:

  Maggio, 2020
  Aprile, 2020
  Marzo, 2020
  Febbraio, 2020
  Gennaio, 2020

[ Mostra tutti gli articoli ]


Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti



Utenti registrati:
Ultimo: gmirabella
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 11170

Persone Online:
Visitatori: 201
Iscritti: 0
Totale: 201

Traffico Generato
Anonimi: 201 (100%)
Registrati: 0 (0%)
Numero massimo di utenti online:201
Membri:0
Ospiti:201
Ultimi 5 Registrati
gmirabella
    Jan 28, 2017.
raffagre
    Jan 28, 2017.
gvaccaro
    Jan 28, 2014.
mrdinoto
    Jul 09, 2013.
sostegno
    Jul 09, 2013.

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2002

Pagine visitate
· Visitate oggi 45,700
· Visitate ieri 55,890

Media pagine visitate
· Oraria 3,090
· Giornaliera 74,152
· Mensile 2,255,485
· Annuale 27,065,822

Orario Server
· Ora

21:48:04

· Data

30 May 2020

· Zona

+0200

© Weblord.it


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.60 Secondi