Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 515810720 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2021

Lu Trenu
di a-battiato
1744 letture

# Ragazzi Sindaci di Sicilia uniti salutano il 2020
di a-oliva
1632 letture

Valutazione scuola primaria senza voti, ma…
di a-oliva
1529 letture

Elogio del tempo, ovvero, al nuovo anno che verrà
di a-battiato
1487 letture

Come sarà la festa di S. Agata?
di a-oliva
1406 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Progetti Nazionali: procedura per la selezione – Esito
·Avviso per pubblicazione provincia-sedi candidati Classe A060
·Concorso DSGA D.D.G. n. 2015 del 28/12/2018 – Reclutamento con contratto a tempo indeterminato dei vincitori di concorso per il profilo di DSGA: assegnazione sedi n. 86 vincitori - immissioni in ruolo a.s. 2020/21
·Comunicato Stampa del Ministero: del tutto possibile uso paritarie per spazi aggiuntivi
·Indicazioni operative per la gestione dei casi e focolai di SARS-CoV-2


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


AetnaNet: Redazione

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

Voce alla Scuola: PARLAMENTO DELLA LEGALITA' MULTIETNICO ALL'ISTITUTO “F.FERRARA” DI PALERMO
Redazione
Gli studenti e le studentesse dell'Istituto Superiore "Francesco Ferrara " di Palermo, con la guida del professore di religione Nicolò Mannino, hanno attivato il Parlamento della Legalità internazionale e Multietnico.
L’Istituto accoglie, infatti, studenti di diverse nazionalità che, di là dal colore della pelle e dell’essere musulmani, buddisti, protestanti, frequentano con interesse e attivo coinvolgimento le lezioni di Religione cattolica e sentono forte il senso della “fratellanza universale”, si aiutano a vicenda e si sentono tutti parte attiva della Comunità scolastica.
 Anche in tempo di pandemia Il virus non è riuscito a spegnere il loro entusiasmo e “a distanza”, con collegamenti on line hanno mantenuto vivo il gruppo studentesco, hanno eletto il presidente e i collaboratori, continuando nel desiderio di crescere insieme, incontrando e condividendo le problematiche sociali e le diversità culturali dei coetanei.
Sono giovani studenti che professano tanti "credo " e arrivano da diverse parti del mondo, ciò non impedisce loro di condividere un cammino culturale ricco di riflessioni a favore di quei valori che volano alto: la dignità della persona umana, la libertà, il rispetto, la legalità, l’onore.

 Giuseppe Adernò
 
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 20 gennaio 2021 17:00:00 (162 letture)

(Leggi Tutto... | 8658 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Covid - SCUOLE PULITE - GRAZIE ai COLLABORATORI
Redazione
Osservando le scuole oggi, in tempo di Covid, forse l’unico elemento positivo è vedere le scuole pulite, o meglio più pulite di prima, disinfettate, igienizzate, in azione protettiva dai contagi del virus Covid-19.
 Grande merito si deve attribuire ai collaboratori scolastici, componenti attivi della Comunità scolastica, dei quali si parla poco, ma sono essenziali e preziosi per il regolare e buon funzionamento della scuola.
L’incremento del numero dei Collaboratori sollecitato dall’emergenza pandemica ha apportato nella scuola forze nuove e giovani desiderosi di lavorare e fare ben il proprio dovere, sentendosi parte attiva della Comunità scolastica, quasi veri “azionisti” nell’impresa cooperativa della scuola, che cresce in relazione alla sempre migliore qualità ed efficienza dei servizi.
L’assunzione nei ruoli di nuovi collaboratori provenienti dalle aziende che avevano prima i contratti di pulizia delle scuole ha facilitato il compito di un più attento servizio di pulizia reso urgente delle norme di prevenzione del Covid-19. La loro presenza e la loro qualificazione professionale ha positivamente contagiato il personale in servizio e i nuovi assunti a seguito dell’ampliamento dell’organico dei Collaboratori e si auspica che non resti collegato alla crisi pandemica, ma che il personale assunto resti in servizio nella scuola anche dopo la fase emergenziale della crisi sanitaria.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 18 gennaio 2021 15:00:00 (303 letture)

(Leggi Tutto... | 8414 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Scuola primaria e classi prime medie in presenza
Redazione
Le nuove restrizioni a causa della diffusione del virus per la Sicilia, dichiarata fino al 31 gennaio in “zona Rossa”, hanno riservato un segno di attenzione verso il servizio scolastico, consentendo ai bambini della scuola primaria e della prima classe delle medie di frequentare in presenza.
L’Ancodis, - Associazione che sostiene il riconoscimento giuridico e contrattuale dei Collaboratori dei DS e delle Figure di sistema che lavorano nelle autonome Istituzioni scolastiche -. ritiene incomprensibile chiede la revisione dell’articolo 5 dell’Ordinanza Regionale n. 10 del 16/1/2021 ritenendola rispettosa del DPCM, ma non coerente con la precedente ordinanza di didattica a distanza per tutti gli alunni del primo ciclo fino al 31 gennaio, perché si determina un significativo spostamento di genitori che accompagnano i figli a scuola e risulta complessa l’organizzazione degli orari scolastici.
Nel dare priorità ai bisogni degli alunni, la risposta di buon senso mette in luce le difficoltà oggettive della didattica a distanza per i bambini piccoli per i quali è indispensabile la presenza e la guida dei genitori e la necessità di non spezzare il legame di continuità che a fatica è stato creato con gli alunni in classe.

Giuseppe Adernò
 
Ecco il COMUNICATO STAMPA A.N.Co.Di.S.
Postato da Andrea Oliva Domenica, 17 gennaio 2021 15:00:00 (524 letture)

(Leggi Tutto... | 15195 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: OPEN DAY: “Classe II A in esubero”
Redazione
“Visitando la scuola, in occasione dell’Open day, mi ha colpito la scritta sulle porte delle aule: classe IA, classe IIA, classe IIA in esubero, classe IIIA.
Mi sentivo fortunato poter visitare i locali della scuola media che mio figlio frequenterà il prossimo anno, mentre in altre scuole l’Open day si fa on line e dopo qualche minuto il collegamento s’interrompe per dare spazio ad altri.
L’iscrizione si fa on line e quindi non c’è alcun contatto neanche con la Segreteria.
 A mio parere il termine II A in esubero sa di eccedente, di superfluo, di discriminante, e per usare un termine moderno e sociale “di scarto”.
Mi è stato spiegato che in quell’aula ci sono i ragazzi della seconda A che è stata sdoppiata nel rispetto delle norme Covid, considerato il numero degli studenti e gli spazi dell’aula.
Il termine appare poco felice e la scuola, che vuole essere “inclusiva”, non può utilizzare un’espressione che ha tutte le caratteristiche della discriminazione.
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Domenica, 17 gennaio 2021 08:00:00 (588 letture)

(Leggi Tutto... | 8336 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: “Padre” e “Madre” parole cancellate. '' Sulla carta d'identità degli under 14 torna ''genitore 1'' e ''genitore 2''
Redazione
Nonostante la crisi  di governo, la pandemia, la mancanza di lavoro, la crisi  economica e sanitaria, le scuole chiuse e la didattica a distanza, nonostante l’aumento del numero delle famiglie in difficoltà, la Ministra degli Interni Luciana Lamorgese pone come priorità quella di: cancellare nella Carta d’identità, nei documenti e moduli scolastici degli under 14 la dicitura di “padre” e “madre” per ri-sostituirli con “genitore 1” e “genitore 2”.
In un momento difficilissimo per il Paese, il Ministro degli interni, ha ri-presentato un progetto ideologico atto a cancellare il concetto di maternità e paternità per sostituirlo con una sequenza numerica.
Questo intervento viene considerato come un ennesimo attacco alla famiglia e il tentativo con cui si vorrebbe negare il diritto di ogni bambino ad avere un padre ed una madre!
Giustificando questo intervento con l’espressione “ce lo chiede l'Europa!” la Ministra Lamorgese, dimostra di voler seguire l'ideologia gender e la volontà di negare la differenza tra uomo e donna, distruggendo il modello di famiglia naturale tutelato dalla Costituzione.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Sabato, 16 gennaio 2021 08:00:00 (324 letture)

(Leggi Tutto... | 6946 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Scientifiche: “Liquido / solido” webinar sulla lettura ai tempi dell’infosfera
Redazione

Nell’ambito delle attività del Polo di biblioteche scolastiche che ha come capofila la Scuola Secondaria di primo grado Dante Alighieri di Catania diretta dalla DS Rita Donatella Alloro, si è svolto il 13 Gennaio 2021, dalle ore 16.00 presso una sala riunioni virtuale della Gsuite della scuola, un webinar per docenti sulla lettura e sui libri ai tempi dell’infosfera, cioè della nostra società così fortemente connaturata da relazioni e connessioni virtuali e tecnologiche che sembrano aver trasportato la narrazione su altre dimensioni meno solide (cartacee) e più liquide (digitali).
Ma come hanno illustrato sapientemente le due relatrici Francesca Mignemi e Anna Di Paola, appassionate professioniste del settore, già libraie ed ora studiose di libri e letteratura, le cose non stanno proprio così. In un intrigante percorso che ha tenuto attaccati al video docenti di tutte le aree di insegnamento (anche se con una certa prevalenza di Lettere), hanno dimostrato che partendo da queste attuali realtà virtuali che sembrano monopolizzare le attenzioni e gli interessi di un pubblico eterogeneo e variegato si possono “ricondurre a casa” i lettori giocando sull’impianto narrativo che soggiace ad ogni forma di espressione e su parole chiave che sono appunto “le chiavi” per mettere in relazione mondi che apparentemente sembrano inconciliabili e lontani anni luce.
Così hanno reso evidente come, evitando anacronistiche crociate, attraverso la sperimentazione e la pratica di transmedialità e crossmedialità, ascoltando e studiando si possono ritrovare quegli elementi emotivi, empatici che fanno scattare la complicità tra io lettore e libro.
Sì, proprio il libro perché “solido” o “liquido” comunque leggere libri ci rende unici, liberi, appagati e affrancati specialmente in questi tempi tristi. L’istinto narrativo che dunque esiste in ogni essere umano merita di essere curato e sostenuto.
Una vasta e aggiornata bibliografia è stata fornita ai docenti con specifiche indicazioni per una fruizione integrata in contesti scolastici applicabile sia in presenza che a distanza come per adesso accade. Un grazie accorato da parte di tutti i docenti intervenuti alle due esperte relatrici.

Prof. Lorenzo Bordonaro


Postato da Andrea Oliva Giovedì, 14 gennaio 2021 11:42:29 (718 letture)

(Leggi Tutto... | 7258 bytes aggiuntivi | Scientifiche | Voto: 0)

Cultura e spettacolo: AUTONOMIA E QUALITA’. CONVEGNO MARATONA PROMOSSO DA AICQ (Associazione Italiana Cultura e Qualità)
Redazione
La XII edizione del Convegno Nazionale del Settore Education di AICQ sul tema “Autonomia del Servizio Scolastico e Qualità Sostenibile - Potenzialità dell’Autonomia Scolastica in era Covid” ha avuto luogo il 12 gennaio dalle ore 14, alle ore 20,30
Oltre duecento partecipanti hanno seguito l’intensa carrellata d’interventi l’autonomia scolastica è stata esaminata e riletta alla luce della pandemia che ha messo a fuoco una cultura di scuola non ancora adeguata ai principi della qualità.
Dopo i sei interventi dei saluti istituzionali da parte dell’Assessore Regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla; del Direttore dell’USR, Stefano Suraniti; dei presidenti dell’Associazione Cultura e Qualità: Giovanni Mattana (nazionale), Pietro Vitiello (regionale); Catterina Pasqualin (AICQ Education), coordinati dal referente AICQ Sicilia, Carmelo Diana, sono intervenuti 10 relatori, moderati dal Prof. Salvatore La Rosa, direttore della rivista “Le nuove frontiere della scuola” e presidente regionale AIDU.
La lectio magistralis del prof.  avv. Alessandro Pajno ha percorso il cammino storico dell’autonomia scolastica che scaturisce dagli artt, 32 e 34 della Costituzione, avviata con la Legge 537 del 1993 e definita con l’art. 21 della Legge 59 del 1997 e dal successivo Regolamento del DPR 275 del 1999

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 14 gennaio 2021 11:39:23 (262 letture)

(Leggi Tutto... | 11891 bytes aggiuntivi | Cultura e spettacolo | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Pandemia educativa 34 mila gli assenti da scuola. Con questo titolo il quotidiano “Avvenire” ha presentato il rapporto di Save the Children, descrivendo lo stato di stanchezza, sfiducia, paura del futuro tra gli adolescenti.
Redazione
Dopo la pausa delle vacanze natalizie tradizionalmente si rientrava a regime nel ritmo dello studio, delle interrogazioni di fine quadrimestre e poi…. Le schede di valutazione.
La ripresa quest’anno è stata rallentata e diversificata nel territorio nazionale e questo stato di confusione ha fortemente inciso sullo stato d’animo degli studenti, i quali hanno attivato anche manifestazioni di “sciopero bianco” chiedendo le lezioni in presenza.
“Vedere gli studenti in piazza a chiedere: garanzia del diritto all’istruzione; autonomia ai presidi e alle scuole mi pare il riscatto della Libertà educativa”, ha scritto Suor Anna Monia Alfieri.
 Oltre alla pandemia sanitaria, l’Italia deve affrontare la pandemia educativa, che pone una pesante ipoteca sul successo di una generazione e sullo sviluppo del Paese. Due anni senza scuola regolare, fa registrare un rallentamento nello sviluppo culturale di cinque anni e, purtroppo il tempo perduto non si potrà recuperare, nonostante tutto l’impegno e le innovazioni didattiche e tecnologiche.  Il 46%, degli studenti intervistati parla di un "anno sprecato" e la costrizione di vivere incontri solo virtuali ha fatto riscoprire a molti il valore della relazione "dal vivo".

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 12 gennaio 2021 16:05:00 (346 letture)

(Leggi Tutto... | 10175 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: SCIOPERO BIANCO ALLA PARINI “ I nostri figli non seguiranno alcuna lezione a distanza; svolgeranno i compiti assegnati dalle maestre, ma non si collegheranno da remoto”
Redazione
12_01_01

LETTERA APERTA DEI GENITORI DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE 2a A DELL’ Istituto  “G. PARINI” CATANIA : niente didattica a distanza.


Alla dirigente scolastica
Noi genitori degli alunni della classe 2° A, preso atto dalla decisione di istituire la didattica a distanza per la settimana intercorrente tra i giorni 11/ 1 e 15/1 pp.vv. e dopo esserci riuniti, abbiamo deciso di rivogerLe il nostro pensiero comune.-
I recenti provvedimenti adottati dai nostri amministratori locali penalizzano oltremodo i nostri figli costretti - nuovamente – a restare chiusi in casa.-
Ci permetta di dire, senza timore di essere smentiti, che le motivazioni frettolosamente sbandierate a giustificazione dell’improvvisa chiusura della scuola primaria appaiono ai più pretestuose e del tutto contrarie allo spirito di protezione delle nuove generazioni, ancora una volta calpestate.
E’ opportuno premettere che nessuno, tra noi, sottovaluta l’attuale situazione emergenziale e siamo ben consapevoli della pressione che subiscono le strutture ospedaliere chiamate a fronteggiare il copioso aumento dei ricoveri.
Tuttavia, non è in alcun modo condivisibile la scelta di posticipare il rientro a scuola individuando tra i giovani alunni la categoria sulla quale far ricadere il peso di condotte di una minoranza ristretta di incoscienti e che per i loro comportamenti si decida di recludere i nostri figli a casa, negando loro il diritto alla formazione.
Sembrerebbe mancare qualsivoglia criterio in ciò che viene deciso per le scuole.

A nome dei genitori :  Avv. Todaro
Postato da Andrea Oliva Martedì, 12 gennaio 2021 16:00:00 (615 letture)

(Leggi Tutto... | 12379 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 5)

News: APPELLO PER LA RIAPERTURA DELLE SCUOLE
Redazione
Da marzo 2020 da quando è stata dichiarata la cosiddetta pandemia gli studenti italiani, più di ogni altro loro coetaneo europeo, praticamente salvo pochi giorni di ordinarie lezioni, non hanno più frequentato in presenza le lezioni; la sola alternativa della didattica a distanza, nonostante il più che ordinario impegno profuso dagli insegnanti, non rappresenta che una brutta copia di ciò che dovrebbe essere un serio corso di studi.
 La scuola italiana già abbandonata sia nelle strutture sia nei programmi che privilegiano un presente sganciato da una indispensabile conoscenza del passato e proiettato acriticamente verso un futuro incerto, sta subendo il colpo mortale non per il virus ma per la cattiva gestione di questa emergenza.
Diffondendo paura con la complicità dei mezzi di informazione, il governo peggiore del mondo, che ha realizzato il record mondiale di morti e la peggiore decrescita del pil, ha introdotto una serie di norme e divieti in alcuni casi assurdi se non ridicoli come per esempio i banchi a rotelle, inoltre molti presidi dal canto loro non hanno fatto altro che essere “più realisti del re” aggiungendo altre restrizioni piuttosto che cercare soluzioni alternative che esistono.

redazione@aetnanet.org

Postato da Andrea Oliva Lunedì, 11 gennaio 2021 08:00:00 (488 letture)

(Leggi Tutto... | 6964 bytes aggiuntivi | News | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Valutazione scuola primaria senza voti, ma…
Redazione
La normativa ha individuato, per la scuola primaria, un impianto valutativo che supera il voto numerico su base decimale nella valutazione periodica e finale e consente di rappresentare, in trasparenza, gli articolati processi cognitivi e meta-cognitivi, emotivi e sociali attraverso i quali si evidenziano i risultati degli apprendimenti.
La motivazione principale di tale innovazione trova le sue radici nel cuore dell’azione didattica che è orientata non solo all’acquisizione di nozioni, ma ancor più allo sviluppo di apprendimenti e quindi di specifiche competenze, espressione della modificazione dei comportamenti, del modo di pensare, di sentire e di agire dello studente.
 Le competenze non sono elementi misurabili con il metro del voto, né utilizzando la scala numerica decimale, né tanto meno sono codificabili con termini descrittivi preconfezionati dei “livelli di apprendimento”.
Unica formula della valutazione delle competenze è di tipo descrittivo, che prevede una dettagliata elencazione dei traguardi conseguiti in stretta connessione con il percorso didattico realizzato. Tale descrizione va espressa sotto forma di parole che fotografano nel dettaglio gli effettivi obiettivi raggiunti e le competenze acquisite.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Domenica, 10 gennaio 2021 10:00:00 (1529 letture)

(Leggi Tutto... | 10289 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: UNA MAESTRA INDIGNATA. La scuola è un ambiente educativo e di apprendimento. I nostri alunni nutriti con amore, condivisione, collaborazione, curiosità, affettività in una didattica che coniuga cervello ed emozioni
Redazione
10_01_01
Considero una vergogna nazionale chiudere nuovamente i giovani a casa, rinfacciando a tutti la festa organizzata da una superficiale di qua o un deficiente di là.
 È vero da Nord a Sud un gruppetto d’incoscienti c’è stato, anche percentualmente era prevedibile, ma da qui a recludere tutti in casa, negando il diritto alla formazione, lo trovo un abuso. La cosa più grave è che sono stati proprio i giovani di Catania e provincia a organizzare una petizione affinché non si tornasse in presenza… “per la tutela della salute propria e dei propri cari.”
 L’80% di essi ritiene non sia sicuro ritornare a scuola… piuttosto che scendere in piazza per pretendere mezzi di trasporto dedicati, tamponi settimanali o quindicinali, garanzia di tracciamento. È evidente lo stato di ottundimento: in solo 8 mesi d’isolamento, i giovani si sono abituati e quasi rassegnati alle norme dei DPCM.
Analizziamo insieme il termine rassegnarsi: disposizione ad accogliere senza reagire fatti che appaiono inevitabili: soffrire con santa, eroica rassegnazione], ma non con rassegnamento e sottomissione. longanimità, pazienza, che molti oggi confondono con il più nobile sostantivo resilienza che implica, invece, la non alienazione della propria identità.
 
Ins. Paola Liuzzo
Postato da Andrea Oliva Domenica, 10 gennaio 2021 09:45:00 (745 letture)

(Leggi Tutto... | 11471 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Voce alla Scuola: CAOS SCUOLA. LO SCOTTO PIÙ DEVASTANTE PER I RAGAZZI, LE FAMIGLIE ED IL PAESE. Quale futuro per gli studenti Covid-19?
Redazione
08_01_04
"I genitori italiani sono gravemente preoccupati per le scelte politiche sulla scuola che il Governo sta attuando in risposta alla crisi pandemica", queste parole di Carlo Stacchiola, Presidente di Articolo 26, Associazione nazionale membro del FoNAGS, il Forum Nazionale dei Genitori nella Scuola presso il MIUR, trovano consenso diffuso tra genitori, docenti, e studenti.
 L’incertezza della data di ripresa delle lezioni al termine delle vacanze natalizie, la variegata modulazione di orari e di tipologia didattica “ distanza” o “in presenza” sono il segno della pesante confusione che caratterizza ancora una vola il nuovo anno appena iniziato.
Spettacolo indecoroso, sulla pelle degli alunni, delle famiglie, dei dirigenti e docenti, dell’intera società, che, temiamo, sarà destinato a proseguire”, afferma l’ex ispettore, Roberto Leoni, presidente della Fondazione “Sorella Natura”.
 I ragazzi, le nuove generazioni stanno pagando il prezzo più elevato in termini di disagio psicologico, rischio d’insuccesso e abbandono scolastico.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Venerdì, 08 gennaio 2021 21:50:48 (387 letture)

(Leggi Tutto... | 8705 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Festa del Tricolore. Lezione di Educazione Civica con 55 ragazzi sindaci
Redazione
Il 7 gennaio, primo girono di scuola dopo le vacanze natalizie, si celebra il 224° anniversario della Giornata nazionale della Bandiera, il simbolo della Patria, di onore di unità nazionale.
Era il 1797 quando da Reggio nell’Emilia ha avuto inizio il percorso durante il quale il Tricolore si è radicato lungo tutta l’Italia come simbolo dello Stato unitario e poi della Repubblica, affermando i valori di libertà e democrazia che hanno ispirato tante generazioni d’italiani».
Durante il lockdown abbiamo provato una grande emozione nel vedere tanti tricolori esposti alle finestre, sulle terrazze e sulle case lungo tutta la Penisola. Lo scorso 2 giugno la pattuglia acrobatica nazionale delle “Frecce tricolore” hanno “visitato” diverse città capoluoghi di regioni e la ricorrenza del 7 gennaio ha impegnato 55 ragazzi sindaci e consiglieri del CCR di: Catania, Motta S. Anastasia, Piano Tavola, Camporotondo, San Pietro Clarenza, Tremestieri, S Agata Li Battiati, Caltagirone e poi ancora il CCR di Zevio e Palù in provincia di Verona.
In video conferenza hanno seguito con vivo interesse la lezione di Educazione Civica sulla storia del Tricolore tenuta dal coordinatore dei CCR, preside Giuseppe Adernò, nominato dall’UCIIM ambasciatore dell’Educazione Civica.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Venerdì, 08 gennaio 2021 21:35:37 (338 letture)

(Leggi Tutto... | 9284 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Come sarà la festa di S. Agata?
Redazione
Molti se lo chiedono, e non si hanno informazioni.
Gli altri anni già prima di Natale il programma era pronto e le attività di preparazione impegnavano le giornate del mese di gennaio, in preparazione al grande evento della festa solenne
Nella vicina Acireale il comunicato stampa relativo alla solenne festa di San Sebastiano recita:
“La festa di quest'anno si svolgerà totalmente all'interno della Basilica, ma non per questo sarà meno intensa - - Ci sarà la possibilità di partecipare alle celebrazioni Eucaristiche, anche se si dovrà prenotare la partecipazione, pregare un istante dinanzi alla venerata immagine di San Sebastiano e accostarci al sacramento della Penitenza. Saremo tutti chiamati però a seguire con attenzione scrupolosa le regole e le normative per il contenimento dell'epidemia da Covid-19, per cui vi raccomandiamo di prendere visione delle prescrizioni riportate nel programma dei festeggiamenti e di attuarle con senso di responsabilità e di rispetto verso se stessi e verso gli altri”. 
Anche per Catania si potrebbe utilizzare la medesima modalità, esponendo il Busto reliquario  dal 3 al 7 gennaio  e consentire ai fedeli di esprimere con  la preghiera personale la devozione alla Santa Patrona.
L’incontro con Sant’Agata non può mancare per i catanesi e tale opportunità  prettamente religiosa non potrà essere negata ai fedeli, pur rispettando le norme di prevenzione dei contagi.
Incontrando  un amico, mi ha detto che ha sognato il Comm. Luigi Maina che si preparava alla festa di S Agata che per lui era la vita  ed entrando in Cattedrale sembrava di rivederlo nella sua sedia  in devota preghiera.
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 07 gennaio 2021 08:00:00 (1406 letture)

(Leggi Tutto... | 5988 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: ''PER NON DIMENTICARE GIUSEPPE DI MATTEO ''. Un’ora di lezione di Educazione Civica per ricordare, riflettere e capire.
Redazione
Sono trascorsi 25 anni della tragica morte del piccolo Giuseppe Di Matteo, sciolto nell’acido dai suoi carnefici, dopo 779 giorni di prigionia.
L’omicidio spietato è stato compiuto per punire il padre del piccolo Giuseppe, che era diventato collaboratore di giustizia.
Il Parlamento internazionale della legalità di Palermo e il suo presidente Nicolò Mannino hanno da sempre sensibilizzato gli studenti nel ricordo della tragedia, recandosi al "Giardino della Memoria " per posare un fiore su quel pozzo e sulla brandina arrugginita del casolare abbandonato dove il piccolo è stato tenuto prigioniero, è stato posto un angelo di porcellana, donati dagli studenti del Liceo di Bronte che raffigura un bambino con un giglio in mano.
La manifestazione: “Un fiore per Giuseppe”, avrà luogo lunedì 11 gennaio alle ore 10,30 e darà conforto alla mamma del piccolo, Franca Castellese, e a tutti i genitori delle vittime innocenti dalla criminalità mafiosa.
Quest’anno è stata proposta una significativa iniziativa che coinvolge tutte le scuole nel dedicare un’ora di lezione alla memoria del piccolo Giuseppe.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 07 gennaio 2021 07:55:00 (404 letture)

(Leggi Tutto... | 9577 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Costume e società: 54° Giornata mondiale della pace - 1° gennaio 2021. La cultura della cura come percorso di pace. Un nuovo CPS per il cammino del 2021
Redazione
Il messaggio di Papa Francesco in occasione della 54° giornata mondiale della pace risuona come monito per tutti i popoli, per il Governanti, e per il semplice cittadino, che come persona contribuisce alla costruzione della comunità civile.
Il 2020 è stato segnato dalla grande crisi sanitaria della pandemia Covid-19, che ha prodotto una pesante crisi economica, lavorativa e provocando pesanti sofferenze e disagi.
Guardando al futuro e iniziando il nuovo anno l’esortazione del “prendersi cura” del fratello che soffre, del bimbo che cresce, dello studente e del giovane che ha bisogno di una guida, e poi ancora il sentirsi “custodi del creato”, di un dono prezioso che Dio ha affidato all’uomo per renderlo fruttuoso e non per danneggiarlo o usarlo in maniera inopportuna.
Il “prendersi cura” è un gesto di maternità, di tenerezza che nell’iconografia del Natale appare evidente e Papa Francesco l’ha evidenziato facendo notare come Maria tiene in braccio il suo bambino prendendolo dalla culla.

 Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Domenica, 03 gennaio 2021 15:00:00 (487 letture)

(Leggi Tutto... | 9166 bytes aggiuntivi | Costume e società | Voto: 0)

Voce alla Scuola: ANCoDiS: il 50% degli studenti del secondo ciclo resterà “fuori le mura”. Siamo di fronte all’ennesima prova per la scuola italiana.
Redazione
La Nota MPI 2241 del 28 dicembre 2020 avente come oggetto: “Ordinanza del Ministro della salute 24 dicembre 2020” firmata dal Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione, dottor Marco Bruschi, fa riferimento all’Ordinanza del Ministero della Salute che dispone il rientro in classe in presenza dal prossimo 7 gennaio (8 gennaio in Sicilia) per il 50 per cento degli studenti del secondo ciclo di studi.
Tante le problematiche che le scuole per l’ennesima volta si trovano ad affrontare: attività didattica in presenza; attività di didattica a distanza; entrate ed uscite differenziate; rimodulazione dell’orario scolastico per alunni e docenti; rimodulazione dei servizi del personale ATA; applicazione di misure prudenziali e precauzionali sempre più attente e quant’altro.
Bisognerà creare le condizioni per un ritorno alla didattica in presenza che riprenda le esperienze realizzate in DaD in modo che si possa garantire in tutto e per tutti il diritto allo studio.
E’ possibile iscriversi al meeting attraverso il seguente link: https://forms.gle/1R2pyuiG8P9dh6MU6
Si allega la locandina
Per ANCoDiS
Prof.ssa Connie Fascella*
*componente del Direttivo ANCoDiS
Postato da Andrea Oliva Sabato, 02 gennaio 2021 15:11:22 (424 letture)

(Leggi Tutto... | 8016 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: # Ragazzi Sindaci di Sicilia uniti salutano il 2020
Redazione
Per salutare il 2020, un anno da dimenticare, pieno di preoccupazioni, smarrimenti e tristezza, un anno che ci ha messo tutti sullo stesso piano e che ha fatto scendere piogge di lacrime, non potevamo fare altro che recitare la preghiera che Papa Francesco ha scritto per il bene dell’umanità, in questo momento afflitta dalla Pandemia.
È questa l’iniziativa promossa dal Comune di Maletto, rivolta a tutti i #Sindaci e ai Baby Sindaci della Sicilia, uniti insieme nella preghiera per le proprie comunità, la sera del 31 dicembre alle ore 18:00.
Un modo per essere uniti, seppur distanti, con un pensiero rivolto a coloro che hanno perso una persona cara o che lottano in prima persona per fronteggiare l'emergenza sanitaria come gli operatori sanitari, le forze dell'ordine e tutti i lavoratori dei servizi essenziali, e con la speranza che tutte le famiglie del mondo possano superare questo brutto momento guardando al futuro con coraggio e ottimismo.
 Delle nove provincie siciliane oltre 100 Comuni hanno aderito all’iniziativa, coinvolgendo Sindaci e Assessori dalle sale dei Consigli Comunali e, dalle loro case, in video collegamento il baby Sindaco, il vice sindaco, e il presidente del Consiglio Comunale dei Ragazzi. I social hanno diffuso la notizia condivisa con tanti “mi piace”.
Della provincia di CATANIA hanno aderito i comuni di: Maletto, Bronte, Maniace, Randazzo, Linguaglossa, Biancavilla, Paternò, Ragalna, Belpasso, San Pietro Clarenza, Camporotondo, Tremestieri, Trecastagni, Sant'Agata Li Battiati, Nicolosi, Fiumefreddo, Mascali, Giarre, Mazzarrone, San Michele di Ganzeria, Caltagirone, Grammichele, Zafferana, Gravina di Catania, Caltagirone, Pedara, Licodia Eubea, Motta Sant'Anastasia.
 
redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Sabato, 02 gennaio 2021 15:00:00 (1632 letture)

(Leggi Tutto... | 10130 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Costume e società: Lu Trenu
Redazione
È l'eterna lotta tra il passato e il futuro. Tra ieri e domani. Tra il prima e il dopo. La memoria di ciò che era, e la speranza di ciò che sarà. Il ricordo, la nostalgia, la rimembranza, anche dolorosa, faticosa, difficile da decifrare del passato; e il desiderio, la speranza, la fiducia, il coraggio del futuro, del nuovo giorno, del nuovo anno. Il vecchio e il nuovo anno che si incontrano, ogni anno, proprio a mezzanotte. Si danno appuntamento il 31 dicembre. Per dirsi addio, con tenerezza, con indulgenza. Il vecchio anno muore e il nuovo anno nasce. Che coincidenza! Che destino! E nel mezzo scorre la vita, sempre nuova e sempre uguale. Si, la vita degli umani.
Che meraviglia! Buona vita a tutti!

Angelo Battiato
Lu trenu

Nta la stazioni di lu nostru munnu,
la notti tra dicembri e jnnaru,
s'ancontrunu, ma sulu ppi ‘n secunnu,
du treni, unu scuru, l'autru chiaru.

Unu si nni va lentu, pari stancu,
nun avi luci, è tuttu impolveratu.
L'autru arriva in fretta, è beddu, iancu,
di fili argentu e oru è cummigghiatu.

Supra a banchina c'è tanta cunfusioni,
carusi, picciriddi, genti ranni,
arrivunu di tutti li nazioni,
ccu tamburi, stindardi, interi banni.

“Evviva, finalmente, benvenutu!"
ci gridunu tra applausi e mortaretti.
Veni, ca tantu l'autru si nna gghiutu,
ccu li so tanti peni e i so dispetti.
Postato da Angelo Battiato Venerdì, 01 gennaio 2021 12:00:00 (1744 letture)

(Leggi Tutto... | 5145 bytes aggiuntivi | Costume e società | Voto: 5)

Costume e società: Elogio del tempo, ovvero, al nuovo anno che verrà
Redazione
Il tempo è una ruota perfetta, diretta, navigata. Costruita da mani esperte e giudiziose. Generata in un luogo lontanissimo, che nessuno ha mai veduto. Non ha un inizio e una fine. Non ha amici, né nemici. Non conosce padrone, non accetta consigli, non chiede aiuto, non prende ordini. Tira dritto per la sua strada, senza guardare in faccia a nessuno. Senza lesinare nulla, senza risparmiare un sol centesimo, senza centellinare un millimetro. Conosce tutti i segreti, tutti i misteri, tutti i nascondigli. Misura il vettore, la direzione e l’intensità. Sa dove va e cosa vuole. Sa cosa lascia e a cosa mira. Prende tutto ciò che vuole, lascia tutto ciò che non serve. C’è nel primo vagito e c’è nell’ultimo respiro. Ha visto il Big Bang e vedrà la fine di tutto. Ha osservato tutte le notti e tutti i giorni del mondo. Ha scrutato le stagioni e i dolori dell’uomo. Carpisce l’ineffabile, l’indicibile, l’incommensurabile. E’ l’Alfa e l’Omega. L’inizio e la fine. Il principio e la meta. La partenza e il traguardo. E’ infinito. E’ tutto.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Venerdì, 01 gennaio 2021 06:00:00 (1487 letture)

(Leggi Tutto... | 3531 bytes aggiuntivi | Costume e società | Voto: 0)

Vi racconto ...: Il vocabolario del 2020 - Parole nuove sulla scia del Covid
Redazione
Sfogliando le pagine del vocabolario, che raccoglie le parole vecchie e nuove, ritroviamo come il 2020 l’ha arricchito di termini finora poco comuni, di sigle e d’innovazioni sociali e culturali che rimangono nella memoria.
Coma ha riportato Tuttoscuola nell’ABC ritroviamo la ministra Azzolina, i Banchi, e il Coronavirus.
L’intero anno 2020 è stato segnato dalla pandemia Covid-19, esplosa prima in Cina e diffusa in Italia nel primo focolaio di Vo’ Euganeo, e quindi in tutti i continenti ed ha comportato profonde innovazioni sociali di comportamento per il distanziamento fisico (che alcuni chiamano ancora sociale) e quindi la necessità dei banchi monoposto, banchi a rotelle, Didattica a distanza con le sigle DAD, DID, DDI, i Docenti “fragili” e i supplenti “Docenti Covid”.
 Il termine “da remoto” è entrato nel linguaggio della scuola, delle pubbliche amministrazioni, delle aziende, dove si lavora in Smart working.
Per la valutazione di fine anno sono stati attivati i PIA (piano d’integrazione degli apprendimenti) e per gli studenti con “debiti formativi” il consiglio di classe ha predisposto il PAI (piano degli apprendimenti individualizzati.
Anche gli esami sono stati svolti “a distanza”, come pure le lezioni universitarie e gli esami dei concorsi, compresa una speciale seconda prova scritta per il TFA sostegno, divenuta “prova pratica ma a distanza”.
E’ stata la stagione della "scuola diffusa", che si è svolta non nelle 45 mila sedi scolastiche ma nei 5 o 6 milioni di case dove vivono gli studenti, recuperando in parte le ore di lezione perse in presenza.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 30 dicembre 2020 15:00:00 (380 letture)

(Leggi Tutto... | 11370 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: ConvittOrienta 9-13-23 gennaio 2021. Prenota il tuo webinar al Convitto Cutelli per la Scuola Primaria, Secondaria di Primo Grado, Liceo Classico Europeo sul sito istituzionale http://convittocutellict.gov.it/
Redazione

Quest’anno l’orientamento sarà tutto in modalità on line, dal momento che le piattaforme didattiche hanno temporaneamente sostituito la fisicità di alunni, docenti e famiglie.
Il Convitto Cutelli organizza dei virtual open days in sostituzione degli open days in presenza. E se quest’anno non sarà possibile, com’era nostra consuetudine, permettere agli alunni delle scuole medie del territorio della Sicilia Orientale di trascorrere una giornata da semiconvittori, vivendo sulla pelle emozioni ed esperienze, per poter poi scegliere in serenità il proprio percorso di studi al Liceo Classico Europeo, cercheremo di accogliere virtualmente al Convitto Cutelli tutti coloro che lo vorranno.
Il nostro canale youtube Convitto Nazionale M. Cutelli Catania mostrerà gli interni del nostro splendido palazzo monumentale e il suo moderno adattamento alle aule scolastiche, oltre alle attività e peculiarità delle nostre scuole, attraverso i video dei nostri alunni.
Prenotando sul sito istituzionale http://convittocutellict.gov.it/ il webinar on line sarà possibile conoscere il Convitto nei suoi tre ordini di scuola, Primaria, Secondaria di Primo Grado e Liceo Classico Europeo, anche interagendo formulando domande sugli aspetti di maggior interesse. Accedendo ai link sarà possibile ricevere l'invito (link sulla e-mail indicata nel modulo di prenotazione) al webinar prescelto dal calendario. Vi aspettiamo numerosi.

Sito istituzionale: http://convittocutellict.gov.it/   -  Canale youtube: Convitto Nazionale M. Cutelli Catania

Calendario webinar:
http://convittocutellict.gov.it/media/attachments/2020/11/20/calendario-webinar-orientamento.pdf
Modulo adesione webinar Primaria https://forms.gle/ZPMBXhcDJ9FNvb9Y6
Modulo adesione webinar Secondaria Primo Grado https://forms.gle/mB1eLonwpmGehfiA7
Modulo adesione webinar Liceo Classico Europeo https://forms.gle/9LJ6U4vsPef5GTpV6

Stay tuned 😜
Team Orientamento Convitto Cutelli

Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 30 dicembre 2020 08:00:00 (545 letture)

(Leggi Tutto... | 8612 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Primo anno della Ministra Lucia Azzolina
Redazione
Lo scorso anno, proprio in questi giorni all’indomani dell’approvazione della Legge di Bilancio, il Ministro dell’Istruzione e dell’Università (MIUR), Lorenzo Fioramonti, in linea di coerenza con i suoi principi e con la dichiarazione “Se non ci sono almeno tre miliardi per la scuola, mi dimetto” consegnava al premier Giuseppe Conte, la lettera di dimissioni.
Il presidente del Consiglio, salomonicamente decise di scorporare il Ministero: Lucia Azzolina, allora sottosegretario all’Istruzione, fu promossa a capo del Ministero della Scuola, (MI) mentre Gaetano Manfredi fu nominato Ministro dell’Università, della Ricerca Scientifica e Tecnologica. (MURST)
Non poteva mai aspettarsi, però, Lucia Azzolina, che il suo dicastero sarebbe finito al centro della più grave emergenza dal secondo dopoguerra: il Covid-19 ha sconvolto la scuola e ancora oggi si fa i conti con la pandemia.
E’ trascorso un anno e sembra quasi un secolo per tutti gli avvenimenti che hanno caratterizzato l’anno 2020, che ha prodotto profonde trasformazioni di relazioni e di comportamenti civili che rendono “diversa” la vita sociale, politica e culturale.
 “Ai posteri l’ardua sentenza”.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 28 dicembre 2020 08:00:00 (1412 letture)

(Leggi Tutto... | 4548 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Progetti: Viene Natale. Tra i grandi cantanti siciliani il coro di voci bianche “V.Bellini” di Catania
Redazione
Il progetto solidale Sicilia per l’Italia con la canzone “Viene Natale - Se stiamo lontani staremo vicini” ha  raccolto in un CD le voci più significative nel panorama musicale nazionale.
All’iniziativa promossa dalla Regione Siciliana e dalla Fondazione Istituto Sam Raffaele Giglio, di Cefalù hanno aderito: Carmen Consoli, Suor Cristina, Silvia Salemi, Deborah Iurato, Giovanni Caccamo, Loredana Errore, Giuseppe Anastasi, Mario Venuti, Roy Paci, Vincenzo Spampinato, i Kaballà, Vincenzina Grillo e Lello Amalfino e poi ancora i mattatori televisivi Rosario Fiorello, e Nino Frassica che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa “corale”.
Nell’albero di Natale realizzato con lo foto dei cantanti al centro c’è il Coro di Voci Bianche “Vincenzo Bellini” di Catania, diretto dai maestri Daniela Giambra e Alessandro Vargetto e aggrega studenti di diverse scuole della città di Catania.
La gioia dei piccoli cantori, coinvolti nel progetto di solidarietà, coordinato da Alessandra La Ferlita è stata condivisa dai genitori degli studenti ed hanno dedicato attenzione e professionalità nel registrare il canto presso il Teatro “Vincenzo Bellini” di Catania, nel rispetto delle norme di prevenzione Covid-19, con la partecipazione del presidente del coro, Giuseppe Adernò
L’obiettivo del progetto è quello di raccogliere fondi a sostegno delle famiglie degli operatori sanitari che hanno sacrificato la propria vita in prima linea negli ospedali italiani, e per le donazioni libere la Fondazione Giglio ha attivato un conto dedicato
(IBAN: IT78Y0521643260000000091315) e una raccolta su Gofundme. (http://gf.me/u/zdgknt).
Un appello alla solidarietà in questo Natale “speciale”, giunga a tutti per “sentirsi vicini anche se lontani” attraverso il linguaggio universale della musica, che in questo particolare momento dà voce al disagio e cura l’anima con un corale: “We are the world” alla siciliana.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Martedì, 22 dicembre 2020 18:39:13 (481 letture)

(Leggi Tutto... | 8987 bytes aggiuntivi | Progetti | Voto: 0)

Costume e società: La redazione di AETNANET si congratula con il preside Giuseppe Adernò per avere ricevuto dall’UCIIM il prestigioso riconoscimento come “AMBASCIATORE DELL’ EDUCAZIONE CIVICA”
Redazione
In occasione dell’incontro  “Riflessioni sul  Natale 2020” promosso dalla Sezione UCIIM  (Unione Cattolica Docenti Educatori e Formatori) di Catania  e realizzato  in video conferenza, la presidente Maria Antonietta Baiamonte ha  consegnati i diplomi di “Ambasciatore dell’Educazione civica
- al  prof. Luciano Corradini, già Sottosegretario dell’Istruzione  e presidente emerito dell’UCIIM, promotore del “Progetto giovani”  e tenace difensore dei valori della cittadinanza attiva e responsabile  ha tracciato il percorso storico dell’Educazione civica  che completa il progetto educativo di formazione integrale dell’uomo, persona e cittadino;
- alla prof. Lucrezia Stellacci, presidente regionale  UCIIM di Puglia e coordinatore del Comitato Tecnico scientifico nazionale dell’Educazione Civica presso il Ministero dell’Istruzione, ha illustrato le Linee guida che accompagnano l’attuazione della Legge 92/2019 che introduce l’Educazione Civica nel curricolo didattico della scuola italiana;
- al  preside Giuseppe Adernò, presidente emerito della Sezione UCIIM di Catania, promotore del progetto “Ragazzi 2000” già dal 1993 ha  reso concreta e pratica  l’Educazione Civica attraverso l’attivazione del “Consiglio Comunale dei Ragazzi”, spazio di democrazia e di partecipazione nella scuola, considerata come una “piccola città”.
Nel ringraziare per il prestigioso riconoscimento il preside Adernò, che si è sempre speso per i ragazzi, organizzando iniziative, progetti, visite didattiche e istituzionali che hanno sviluppato tra i giovani il senso civico e l’amore per la politica, intesa come “ricerca del bene comune, ha comunicato che oltre il libro “ La scuola piccola città- Guida alle elezioni del Sindaco e del Consiglio comunale dei ragazzi” è in cantiere una raccolta di testi scritti dai ragazzi sull’esperienza della pandemia Covid-19 dal titolo :“ Scrivere dritto su righe storte”.
E’ la voce dei ragazzi che descrivono i loro sentimenti durante il lockdown e raccontano i loro sogni per il post Covid e per il loro futuro.
 
redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Martedì, 22 dicembre 2020 08:00:00 (641 letture)

(Leggi Tutto... | 8874 bytes aggiuntivi | Costume e società | Voto: 0)

Vi racconto ...: AMBASCIATORI DELL’ EDUCAZIONE CIVICA. Prestigioso riconoscimento dell’UCIIM
Redazione
In occasione dell’incontro “Riflessioni sul Natale 2020” promosso dalla Sezione UCIIM (Unione Cattolica Docenti Educatori e Formatori) di Catania e realizzato in video conferenza, sono intervenute per gli auguri ai Soci nello spirito di fedeltà ai valori dell’UCIIM la presidente nazionale, Rosalba Candela e regionale Chiara di Prima.
 La prof. Maria Antonietta Baiamonte ha introdotto l’incontro, commentando la particolarità di questo Natale e lo status della scuola in questo particolare momento storico segnato dalla pandemia Covid-19.
Come ricorda Plinio Corrêa de Oliveira: “Se è vero che, in ogni epoca, il Santo Natale apre una schiarita di allegria e di pace nel duro affanno della vita quotidiana, ai giorni nostri la tregua natalizia assume un significato eccezionale perché equivale a un grande e universale sursum corda, proclamato a un’umanità tumultuata e sofferente, che s’inabissa acceleratamente nel caos della più completa dissoluzione morale e sociale”.
La centralità dell’azione educativa della scuola è orientata a una concreta applicazione dell’Educazione civica, che appunto come disciplina trasversale, coinvolge il processo formativo degli studenti come singoli e come gruppo.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 21 dicembre 2020 08:05:00 (1687 letture)

(Leggi Tutto... | 8887 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: S. AGATA LI BATTIATI – Si insedia il Consiglio Comunale dei ragazzi dell’Istituto S Maria dalla Mercede
Redazione
“Giuro di essere fedele alla Repubblica … mi impegno a collaborare per il bene della scuola, piccola città”
Con queste parole Martina Vaiana, con solennità e grande emozione ha pronunziato la formula del giuramento come quarto sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi dell’Istituto S Maria della Mercede e, quindi ha ricevuto dal Sindaco Nunzio Rubino la fascia tricolore.
Nella sala del Consiglio comunale di S Agata Li Battiati alla presenza del Sindaco Nunzio Rubino, dei dirigenti scolastici Lina Di Caro, dell’istituto Mercede; Linda Piccione della scuola Pluchinotta; del preside Giuseppe Adernò, e di Miriam Puliatti, Sindaco dei ragazzi della scuola Pluchinotta, si è svolta la cerimonia che ha visto in sequenza la recita della formula da parte dei componenti della giunta e gli assessori hanno presentato i loro programmi: Martina Argurio, vice sindaco e assessore alla solidarietà; Matteo Messina, assessore alla cultura; Valerio Giuffrida, assessore al bilancio e all’economia; Gaia Alberati, assessore allo sport; Luigi D’Arrigo, assessore all’ambiente; Lorenzo Duscio, assessore all’igiene.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 21 dicembre 2020 08:00:00 (732 letture)

(Leggi Tutto... | 7556 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Voce alla Scuola: Per una scuola giusta
Redazione
1) Parlare di giustizia
La disuguaglianza a scuola è un problema serio,ma è scomparso da tanto tempo dal dibattito pubblico, come se fosse stato risolto o semplicemente perché non ha avuto più alcuna rilevanza nelle preoccupazioni delle formazioni politiche che hanno costituito i governi nell’ultimo ventennio. La giustizia a scuola, anche se disattesa,è un problema politico di prima grandezza, preminente sui problemi dell’organizzazione, dell’efficienza, dell’autonomia, della qualità e delle dotazioni tecnologiche ai quali si è voluto ridurre la questione scolastica e ai quali ci si è interessati in modo esclusivo.A quanti non si interessano di sapere se a scuola c’è giustizia, si deve ricordare che ancora oggi non tutti i gradi di istruzione sono accessibili alla generalità dei giovani e che rimane alta la percentuale delle persone, che escono dal sistema scolastico e formativo prive delle necessarie competenze per esercitare i diritti di cittadinanza. Quasi sessanta anni dopo la riforma della media unificata (‘62) e dopo decenni di scolarizzazione di massa non si riesce di fatto a parificare l’istruzione tecnica e professionale con quella liceale e a disarticolare la confluenza, socialmente condizionata, degli alunni verso i vari indirizzi di istruzione secondaria superiore. Non solo. Più gravi sono diventate le conseguenze sociali dell’insuccesso scolastico. L’attuale organizzazione del lavoro non è in grado di offrire opportunità ai drop-outs del sistema scolastico e di assorbirli come avveniva non molto tempo fa. Proprio per questo è sempre meno tollerabile la disparità nella qualità dell’insegnamento dato e ricevuto. L’attenzione verso la giustizia nella scuola esprime una preoccupazione realistica per quelle disuguaglianze che possono diventare intollerabili e incompatibili con la coesione sociale. Una scuola giusta rimane sempre la più importante giustificazione della sua esistenza ed è la via d’uscita dalla sua crisi. Rappresenta la sfida per il suo futuro. La scuola pubblica deve formare cittadini uguali, con uguali chances di partecipare alla vita pubblica, economica e sociale. Al centro del problema della giustizia a scuola si pone il bene, primario e necessario nel terzo millennio, della conoscenza e del sapere. Il problema è quello della distribuzione e dell’accesso al sapere e alla conoscenza. Bisogna chiedersi allora se il patrimonio collettivo di esperienze e conoscenze consegnatoci dalle generazioni precedenti sia al servizio di tutti o di pochi privilegiati e se la conoscenza come bene pubblico per definizione non debba essere posseduto da tutti.Se la conoscenza è e deve essere per pochi, infatti, non si capisce perché si debba mantenere un sistema pubblico di istruzione.

Raimondo Giunta
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 20 dicembre 2020 09:00:00 (1750 letture)

(Leggi Tutto... | 27660 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Progetti PON: Progetto PON 'Comunicare per crescere'. Ovvero, insegnando s’impara, al Circolo Didattico Teresa di Calcutta, Tremestieri Etneo
Redazione
In tempo di Covid bisogna alzare lo sguardo verso il cielo, oltre le stelle. Per allontanare il male e per dimenticare il dolore del mondo. Ed è proprio quello che hanno fatto al Circolo Didattico “Teresa di Calcutta”, di Tremestieri Etneo, dove numerosi bambini delle seconde e delle terze del plesso di via Guglielmino, e la 2^ A e la 4^ B del plesso di via delle Scuole, coordinati dalle insegnanti Anna Maria Gazzana, Rosella Scalisi e Anna Arcidiacono, e incoraggiati dalla Dirigente Scolastica, la prof.ssa Benedetta Liotta, nell’ambito del progetto PON “Conoscere e comunicare per crescere. Innov@ti II Edizione. A che servono le STEM?”, hanno realizzato un avvincente percorso didattico dal titolo, “Fantastico viaggio tra le stelle”. Il progetto, adattato all’età dei piccoli destinatari, appartenenti a classi diverse, è stato fin da subito accattivante e giocoso, proprio per agevolare la conoscenza reciproca, stimolare la curiosità e la riflessione su argomenti come spazio, sole, stelle e cielo. Inoltre, sono state adottate delle metodologie innovative e coinvolgenti per conoscere le competenze di base dei bambini ed adeguare gli interventi educativi.
La metodologia didattica utilizzata è stata quella del brainstorming, outdoor training, cooperative e collaborative learning e toturing. Le attività, accolte con molto entusiasmo da parte dei bambini, hanno facilitato la comprensione dell’acronimo STEM, soprattutto nelle attività di Tinkering, caratterizzate da abilità creativa, espressione e pensiero.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Domenica, 20 dicembre 2020 07:00:00 (662 letture)

(Leggi Tutto... | 5946 bytes aggiuntivi | Progetti PON | Voto: 1)

Voce alla Scuola: Curriculo di sicurezza. Premiata la scuola Verga di Siracusa
Redazione
Il progetto pilota “La sicurezza a partire dai banchi di scuola: 10 Scuole, 10 Ordini, 10 Città”, elaborato dal Gruppo di lavoro Sicurezza del CNI e avente come obiettivo primario la diffusione della cultura della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, ha coinvolto e premiato anche una scuola siciliana: il IV Istituto Comprensivo Giovanni Verga di Siracusa, ad indirizzo musicale.
Il 14 maggio 2019 è stato sottoscritto un importante protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI), il Ministero dell’Istruzione (MIUR) ed il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri per sviluppare un programma di promozione e di educazione alla sicurezza partendo dai banchi di scuola, a cominciare dalla scuola media inferiore. Il progetto è stato avviato nel mese di settembre 2019 e si è concluso nell’ottobre 2020, nonostante le difficoltà e i condizionamenti dovuti alla pandemia Covid-19.
Mercoledì 16 dicembre nel corso di un webinar  si è svolta online la Cerimonia di Premiazione dei progetti che il comitato paritetico del progetto con rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e del  Consiglio Nazionale degli Ingegneri  ha selezionato Sono stati premiati i tre migliori safety project e sono state assegnate due menzioni speciali.

 Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Sabato, 19 dicembre 2020 09:53:56 (438 letture)

(Leggi Tutto... | 11618 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Regalo di Natale. Un container di banchi e materiale didattico verso il Senegal
Redazione
I vecchi banchi scolastici biposto sono stati sostituiti da quelli monoposto arrivati in tutte le scuole a seguito dell’emergenza Covid-19.
Che cosa fare dei banchi non utilizzati che sono ancora in buone condizioni?
Ce lo siamo chiesti in tanti, vedendoli ammassati nei corridoi e nei cortili ,ed abbiamo esteso l’invito a donarli alle associazioni, oratori, parrocchie.
L’invito è stato accolto dal Liceo “Lombardo Radice” a favore di un istituto di Acireale ed il Liceo “Turrisi Colonna” di Catania, ha destinato i banchi, (come da foto) all’Associazione Cappuccini Onlus”, alla Parrocchia S. Croce del Villaggio S. Agata e alla Parrocchia S. Maria di Valverde.
L’invito rivolto ai Salesiani è stato ben accolto dall’Associazione Don Bosco 2000 che ha attivato già dal 2016 un progetto di cooperazione allo sviluppo “migrazione circolare” in Senegal.
Il progetto è articolato in due focus:
1. Beteyà BIO: Attività generatrici di reddito in campo agricolo e avicolo per l'autosufficienza alimentare dei villaggi più poveri
2. Beteyà EDU: attività educative e animazione territoriale a favore di bambini e ragazzi dei villaggi, accompagnamento all'inserimento scolastico con donazione Kit didattici e materiali di studio.

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 16 dicembre 2020 15:00:00 (418 letture)

(Leggi Tutto... | 8887 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 5)

Vi racconto ...: La politica va a scuola. Futurlab a servizio dei giovani
Redazione
Il futuro è dei giovani, ma serve una giusta formazione per vincere le sfide della complessità, dell’emergenza, della crisi che caratterizza questo particolare momento storico segnato dalla pandemia Covid-19.
La politica per definizione è ”la ricerca del bene comune” e i ragazzi lo sanno, i politici meno, si rivelano “impreparati e distratti”.
Per questo è nata la “Scuola di formazione politica per il bene comune”, apartitica, promossa dalla Fondazione per la Sussidiarietà in collaborazione con l’Associazione nazionale “Futurlab” che ha avuto origine a Catania.
Su tema: “Democrazia, sovranità popolare e decisione politica” in videoconferenza sono intervenuti, diversi relatori e, dopo il saluto istituzionale dell’assessore comunale Michele Cristaldi , ha preso la parola, il dirigente generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Francesco Tuffarelli, docente di Diritto all’Università Roma 3, il quale, su sollecitazione del giornalista moderatore, Giuseppe Di Fazio, ha spiegato agli studenti di quinto anno del Liceo “Cutelli” e del Liceo “Turrisi Colonna” e ai soci partecipanti di Futurlab l’interpretazione del termine “democrazia”, intesa non come “potere del popolo”, bensì spazio di condivisione che “dà la parola al popolo”, realtà multiforme di persone orientate alla civile convivenza.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 15 dicembre 2020 08:00:00 (520 letture)

(Leggi Tutto... | 12314 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

News: “La Rendicontazione sociale delle scuole”. Premiato il Ministero dell’Istruzione
Redazione
Come si apprende da un comunicato del Ministero dell’Istruzione, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della Giornata nazionale dell’innovazione, ha premiato il Ministero dell’Istruzione per il progetto “La Rendicontazione sociale delle scuole”
Il Premio Nazionale per l’Innovazione “Premio dei Premi” è stato istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri presso la Fondazione COTEC, costituita il 24 aprile 2001, con l’obiettivo di rafforzare la competitività tecnologica dell’economia italiana, coinvolgendo i rappresentanti delle istituzioni pubbliche, le imprese e il mondo accademico e viene conferito annualmente alle pubbliche amministrazioni, imprese industriali e di servizi, banche, studi di design e start up accademiche che abbiano realizzato significative innovazioni.
Nell’XI edizione è stato ritenuto degno di premio il progetto della Rendicontazione sociale delle scuole, promosso dal Ministero dell’Istruzione attraverso la semplificazione e la dematerializzazione, che ha reso l’amministrazione sempre più efficiente, trasparente, sensibile alle esigenze dei cittadini.

 Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 14 dicembre 2020 09:00:43 (1234 letture)

(Leggi Tutto... | 10579 bytes aggiuntivi | News | Voto: 0)

Didattica a distanza: La didattica ... una mission!
Redazione
Italia sì, Italia no, Italia gnamme, se famo 2 spaghi ... LA TERRA DEI CACHI, così cantava Elio e le storie tese nel 1996. Oggi mi verrebbe da dire e scuola sì, e scuola no, e DAD si, e DAD no ... la strage impunita! Le scuole aperte in questo periodo di pandemia ... che vergogna! Il governo non ci tutela! Quei poveri bambini "costretti" quotidianamente a dover affrontare questo titano che incombe come un macigno sulla testa di ciascuno di loro. Potevano lasciarli a casa, al sicuro, al calduccio senza doverli sottoporre allo strazio di dover indossare quelle maledette e/o benedette mascherine per oltre 5 ore. E invece no, si sono ostinati all’apertura della scuola.
Di contro però c’è chi sostiene, invece, che sì la scuola DEVE ESSERE IN PRESENZA, perché la DaD no, quella non è certo scuola!
La DAD, questa tanto contestata didattica a distanza, nulla di serio, di costruttivo, di educativo, nulla che possa lontanamente avvicinarsi a ciò che la Didattica per accezione dovrebbe essere - solo un surrogato!!!
Eh già ... sicuramente la scuola ha un significato molto più ampio, concordo anch’io. La scuola non è solo cultura, la scuola è socializzazione, è contatto fisico, umano, la scuola è crescita, la scuola è CONFRONTO tra pari e non, la scuola è rigore, regole, ma è anche risate, divertimento, condivisione, interazione, EMPATIA! Chi di noi avrebbe voluto rinunciare “in toto” a quel periodo magico che la scuola ha rappresentato nella vita di ciascun adolescente.
Però, per fortuna, a noi ragazzi degli anni’70 non ci è mai stato negato il diritto di poter andare a scuola. E se anche così fosse stato cosa avremmo potuto fare per ovviare ad una simile privazione?

Simona Privitera
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 13 dicembre 2020 12:00:00 (1680 letture)

(Leggi Tutto... | 7682 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 1)

Voce alla Scuola: Il Convitto Cutelli vince al Concorso “Con lo sguardo del cuore” ed. 2020. I silenzi del lockdown che “urlano” sui fogli digitali… In occasione della “Giornata internazionale del disabile 2020
Redazione

”Il Centro Italiano Femminile, il Centro Amico Onlus e il C.I.F., Casa dell’Amicizia hanno indetto l’ottava edizione del concorso "Con lo sguardo del cuore", a cui hanno partecipato sei nostri alunni del Liceo Classico Europeo nelle due aree letteraria e grafico visiva. Ci sono sembrate interessanti, infatti, sia il tema proposto per la sezione scuole ovvero “Il lockdown: una parentesi di silenzi che urlano”, sia la possibilità di promuovere un mondo post Covid-19 inclusivo della disabilità, accessibile e sostenibile per combattere ogni forma di discriminazione. E, difatti, abbiamo sentito i ragazzi molto coinvolti da entrambe le riflessioni e il risultato non ha tardato ad arrivare poiché, a parte la cospicua partecipazione, due allieve hanno ottenuto il primo premio in entrambe le sezioni: Anna Allibrio di ID per aver realizzato un magnifico disegno digitale dal titolo “Immersa per tutti” e Lisa Behm per il racconto “Il silenzio di Lucy” in cui narra le vicende della protagonista durante il periodo del primo lockdown e di come, con coraggio e determinazione, non si è abbattuta nel dover continuare ad affrontare “i silenzi, i lunghi e interminabili silenzi: per le strade, nelle piazze, nei vicoli…”, interrotti solo “dai canti e dalle ballate sui balconi: voci sparse di un popolo con il desiderio di condividere, di incontrarsi, in qualche modo”. Per lei è stato “come se il mondo intero si fosse ritirato da qualche parte”. E, nelle motivazioni, vengono sottolineate appunto “la puntualità cronachistica, le nitide e piacevoli riflessioni, la speranza di riavere la libertà quotidiana” per il racconto così come “l’immagine surreale che già nel titolo evidenzia la precarietà di una situazione che rendono la protagonista prigioniera in una capsula di vetro con gli occhi vuoti e la mano tesa in cerca di aiuto” per il disegno. Nel corso della cerimonia di premiazione, tenutasi on line a causa dell’emergenza Covid-19 giovedì 10 dicembre, le giovani studentesse hanno ricevuto in premio due targhe-ricordo e due buoni libri. La prof.ssa Giusy Gattuso, referente per i concorsi artistico-letterari del Convitto, le ha seguite ed accompagnate nelle varie fasi della partecipazione come per tutti i concorsi proposti, al fine di educare gli studenti del gruppo Aspiranti autori alla “buona” competizione, intesa come valore positivo, per far emergere i loro talenti e le loro peculiarità ed indirizzarli a riflettere sui temi proposti per poi “mettersi alla prova” sperimentando la scrittura e la produzione artistica personale.

Prof.ssa Giusy Gattuso

Postato da Andrea Oliva Sabato, 12 dicembre 2020 08:05:00 (922 letture)

(Leggi Tutto... | 6902 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Voce alla Scuola: I RAGAZZI SINDACI PARTE CIVILE AL PROCESSO REGENI
Redazione
Nel giorno  che ricorda il 72 ° anniversario  della Dichiarazione universale dei Diritti umani,  appresa la notizia delle chiusura delle indagini per il rapimento, le torture e l’omicidio di Giulio Regeni , i Ragazzi Sindaci  hanno scritto una lettera al Presidente della Camera dei Deputati , Roberto Fico,  dichiarando di volersi costituire parte civile” nel processo a sostegno della verità e della giustizia, sul caso Giulio Regeni  denunciando gli errori commessi  a causa del non corretto svolgimento delle indagini e delle falsità che dal 2016 hanno costellato la complessa vicenda, che nel tempo ha assunto carattere diplomatico e  internazionale.
Nella lettera hanno presentato la motivazione della proposta in considerazione del fatto che Giulio Regeni nel triennio 2001-2003 è stato Sindaco dei Ragazzi di Fiumicello, in provincia di Udine, e questa esperienza d’impegno civile l’ha formato a quella serietà e coerenza, che hanno caratterizzato il suo operare, fino alla tragica fine, come si evince dalle indagini della Procura di Roma.
Il racconto dei testimoni e le atroci torture subite dal giovane ricercatore suscitano sentimenti di rabbia e attivano il grande desiderio di giustizia e di verità.
Già dal 25 gennaio del 2016 quando si è appresa la notizia della morte di Giulio Regeni i ragazzi del CCR dell’Istituto “Parini” con la guida delle professoresse Graziella Buscemi, e Loredana Raudino hanno fatto una ricerca su Giulio ed hanno preparato delle riflessioni e messaggi sull’impegno sociale di Giulio, maturato anche grazie all’esperienza di “Sindaco dei Ragazzi”.
Hanno scritto di lui: Ludovica Lentano, Giusy Seminara, Maria Zorzanello e Salvo Di Bartolo. Il Dossier è stato presentato al Presidente della Repubblica e ai Presidenti della Camera: Laura Boldrini e Roberto Fico.
Nella lettera, i Ragazzi Sindaci, che hanno nel ricordo di Giulio una testimonianza di ricerca del bene, una lezione da imitare ed un modello d’impegno civile da seguire, rinvolgono un messaggio di solidarietà e di vicinanza ai cari Genitori, che stanno affrontando con ammirevole coraggio e forza il difficile cammino verso la verità.  

Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Sabato, 12 dicembre 2020 08:00:00 (446 letture)

(Leggi Tutto... | 8968 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Diritti umani: giovedì 10 dicembre. Gli studenti “alfieri dei diritti”
Redazione
In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani che ricorre il 10 dicembre, la scuola torna ad essere il punto di partenza per difendere i diritti umani.
A 72 anni dalla storica data, quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ha approvato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (UDHR), il 10 dicembre 1948, si registra come ancora oggi molti Paesi vivono grandi violazioni dei diritti umani e la pandemia da Covid-19 ha ulteriormente peggiorato la situazione.
E’ utile e importante rileggere anche in DAD il documento fondamentale che proclama i trenta diritti inalienabili che appartengono a tutti gli esseri umani, “senza distinzione di razza, colore, religione, sesso, lingua, opinione politica”. Disponibile in più di 500 lingue, è il documento più tradotto al mondo.
L’idea dei Diritti Umani risale a tempi antichi, ma il concetto moderno emerse soltanto dopo la seconda Guerra Mondiale che ha ridotto le città in cumuli di macerie ed anche gli uomini si erano ridotti a macerie umane e con il genocidio degli ebrei era stata idolatrata la Morte e disprezzata la Vita. Bisognava riaffermare i valori dell’Umanità tradita e offesa.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 10 dicembre 2020 15:05:00 (472 letture)

(Leggi Tutto... | 13069 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Vi racconto ...: La carriera di un avvocato che diventa onorevole, ministro e presidente. Enzo Randazzo racconta
Redazione
Il presidente Liccasarda è il politico nato nell'Italia degli anni Settanta, nelle lotte di bottega tra potentini locali e governanti illuminati.
Così lo racconta il preside Enzo Randazzo, scrittore versatile e sperimentalista, alla costante ricerca di un moderno senso di libertà intellettuale ed esistenziale.
Nella sfilata di maschere di cartapesta della politica italiana, l’Autore con un linguaggio fluido e incisivo ha voluto inserire l’avventura romanzata di un personaggio siciliano che si fa largo tra appalti, raccomandazioni e spintarelle per approdare, ammaccato, ma indenne al Parlamento ed occupare uno di quegli scranni dove sono passati eccellenti uomini politici dell'Italia contemporanea.
L’avvocato Roberto Liccasarda comunica ai suoi collaboratori di aver ricevuto una telefonata dalla Segreteria Regionale del Partito che intende candidarlo per le elezioni nazionali.
Ad una candidatura che all’inizio appariva riempitiva, senza alcuna possibilità di riuscita, segue un coinvolgimento generale dei giovani, degli amici, del parroco e all’insegna del rinnovamento, e mossi dal desiderio di elaborare nuovi progetti imbocca la via della carriera politica che apporta benefici e vantaggi a quanti collaborano fedelmente.
 Convinti che “senza crescente pane non se ne può impastare” Roberto da vero leader avvia la campagna elettorale e con trecento lire si comprano dodici olive essiccate e sette sardine salate, lavate, diliscate e immerse in olio, limone e senape, quindi divise con equità e precisione, “una per ciascuno a voialtri e due per me, che ho bisogno di più energia”, da qui il titolo di Onorevole Liccasarda (che nel romanzo diventerà Sottosegretario agli Interni, al Lavoro, Ministro del Turismo e spettacolo, Ministro dell’Interno e quindi designato come Presidente per formare un nuovo Governo) La data di partenza è il ventuno aprile del 1971.
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 10 dicembre 2020 15:00:00 (530 letture)

(Leggi Tutto... | 15166 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Scuola in movimento e banchi colorati
Redazione
“Se sapeste che iattura sono i banchi a rotelle, specie in una scuola media inferiore. I ragazzi li hanno accolti con entusiasmo euforico. Al vederli hanno realizzato subito che è finita la scuola ed è iniziata la giostra. Loro ci hanno messo pochi secondi, a renderli funzionali allo scopo.
La Ministra ancora non si rende conto e si vanta di questa prodezza.
A nulla sono servite le proteste degli insegnanti avviliti ed esasperati.”.
E’ questo un messaggio captato su WhatsApp in una chat di professionisti impegnati sul sociale e sulle problematiche della famiglia.
La professoressa Angela continua il messaggio allegando la lettera inviata alla Dirigente della scuola media di Gagliano, in provincia di Enna.
Gentile dirigente, preside -----,
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 08 dicembre 2020 08:00:00 (2094 letture)

(Leggi Tutto... | 12788 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Scuola pubblica e o privata: Per il futuro delle scuole paritarie, Web pressing con la partecipazione dei parlamentari
Redazione
La fotografia della scuola paritaria in Italia, riconosciuta per legge, ma ostacolata, di fatto, nell’offrire un servizio “pubblico”, facendo parte del sistema scolastico nazionale, è stata presentata il 4 dicembre in un Web pressing al quale hanno aderito 74 associazioni di docenti e genitori di scuole paritarie.
143 istituti scolastici paritari hanno chiuso. Quasi 28.000 studenti hanno perso la loro scuola. Per i disabili scegliere una scuola “paritaria” comporta costi inarrivabili.
La partecipazione e gli interventi dei politici hanno dato all’incontro una valenza di alta responsabilità e viva sensibilizzazione alla “cultura della parità” che stenta a decollare.
L’incontro in line, introdotto da Domenico Menarello, è stato moderato dal giornalista Giancarlo Loquenzi.
Sono intervenuti gli onorevoli: Maria Elena Boschi (Italia Viva), Piero Fassino (PD), Paola Frassinetti di Fratelli d'Italia con i saluti di Giorgia Meloni; Giancarlo Giorgetti (Lega); Stefano Fassina (LEU); Valentina Aprea, che ha portato i saluti di Maria Stella Gelmini di Forza Italia; Stefano Lepri (PD); Maurizio Lupi (Misto); Gianluca Rospi (Misto- ex 5 Stelle).

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 07 dicembre 2020 08:05:00 (481 letture)

(Leggi Tutto... | 8147 bytes aggiuntivi | Scuola pubblica e o privata | Voto: 1)

Voce alla Scuola: S.AGATA LI BATTIATI ISTITUTO MERCEDE Martina Vaiana quarto sindaco dei Ragazzi dell’Istituto “S. Maria della Mercede” di S. Agata Li Battiati
Redazione
Martina Vaiana, alunna della classe quinta B, dell’Istituto “S. Maria della Mercede” di S. Agata Li Battiati è stata eletta quarto sindaco della scuola – piccola città, nella quale è stato attivato il Consiglio comunale dei Ragazzi.
Il progetto, proposto dal preside Giuseppe Adernò, coordinatore dei CCR. da alcuni anni fa parte  integrante del Piano dell’Offerta Formativa dell’Istituto. Ben accolto dal Collegio dei Docenti, ha entusiasmato anche i Genitori, lieti della significativa opportunità offerta ai ragazzi di fare l’esperienza del voto e di praticare la democrazia e la partecipazione attiva alla cosa pubblica.
Con diligente impegno la maestra Melina Basile e le colleghe hanno coinvolto i bambini delle classi terze e mentre tra gli alunni delle classi quarte e quinte, sono stati scelti nelle elezioni primarie i quattro candidati a sindaco: Martina Argurio, Valerio Giuffrida, Matteo Messina e Marina Vaiana e i dieci candidati a consiglieri.
Sono state composte due liste con i motti, una: “Un mondo migliore si può: Progettare e costruire insieme”, “ Una scuola fatti di noi”.
Molto coinvolgenti sono stati i programmi elettorali presentati ed esposti nei cartelloni a scuola e in classe nel rispetto delle norme Covid-19.
Tra le attività proposte sono ricorrenti: organizzare cineforum, gare sportive, la “fiera delle Scienze”, attività di giardinaggio, raccolta differenziata, un giornalino scolastico, laboratori di lingua e d’informatica, anche con l’ausilio del robot; lo scambio dei libri da leggere; aumentare di cinque minuti la ricreazione.
Anche i piccoli di terza elementare per la prima volta hanno espresso nella “cabina elettorale” il loro voto, segnando la X sulla scheda per l’elezione del Sindaco e dei Consiglieri.       

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 07 dicembre 2020 08:00:00 (593 letture)

(Leggi Tutto... | 9473 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Vi racconto ...: Premiato con l'Ambrogino d'Oro il sogno di Suor Anna Monia Alfieri
Redazione
Sogno una scuola che dia ai ragazzi il coraggio della conoscenza” con queste espressioni Suor Anna Monia Alfieri, pugliese di nascita, milanese di adozione, legale rappresentante delle scuole Marcelline in Italia e membro della Consulta di Pastorale scolastica e del Consiglio Nazionale Scuola della CEI, ha condotto una decennale battaglia in favore delle scuole paritarie.
Il Comune di Milano il 7 dicembre le assegnerà il prestigioso riconoscimento civico dell’Ambrogino d’oro,
Premiando il suo impegno, la costanza, la tenacia nel sostenere i valori della scuola che lei considera un “ascensore sociale”, capace colmare i vuoti e le diversità dei livelli di partenza degli studenti.
Sogna “una scuola ti dà il coraggio di conoscere, come diceva Kant (“sapere aude”), e la conoscenza rende liberi da ogni costrizione, ideologica, politica, sociale e dagli stessi lacci del nostro pensiero limitato”.
Suor Anna Monia si batte contro i pregiudizi delle ideologie partitiche che considerano le paritarie “private” e scuole dei ricchi, mentre invece fanno parte del sistema scolastico nazionale e svolgono un servizio pubblico.
«Forse non tutti ricordano che le scuole cattoliche sono sorte nel Sud Italia per salvare i ragazzi dalla dispersione scolastica e, più avanti, per sottrarre i picciotti alla mafia», fa presente la religiosa ed aggiunge: «Ci sono sì, le grandi scuole dalle rette inarrivabili, che sono appannaggio dei ricchi, ma quelle non hanno bisogno di essere salvate, perché ci sarà sempre chi potrà permettersele. Quelle che rischiano di chiudere, più che mai ora, in epoca di Covid, sono le scuole paritarie delle periferie e del Sud Italia, quelle dalle rette che non superano i 4000 euro annui. Quelle che permettono anche alle famiglie modeste una libera scelta».
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 07 dicembre 2020 00:31:13 (612 letture)

(Leggi Tutto... | 9334 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Riforma: Se e come è possibile la valutazione formativa nelle superiori
Redazione
A)La valutazione come aiuto
La valutazione che per legge diventa formativa nella scuola primaria è ancora un’illustre sconosciuta nella secondaria di secondo grado ,dove sarebbe una vera rivoluzione,un cambiamento di paradigma se cominciasse ad essere praticata con coerenza e continuità. E’ in riferimento  a questa prevalente situazione che si intende parlarne.
La valutazione formativa non ha come oggetto diretto il profitto scolastico,ma la relazione pedagogica del processo formativo,che viene valutata per poterla migliorare in modo che l’alunno sia aiutato a identificare,a superare le sue difficoltà e a progredire.”La valutazione formativa mira a consentire all’alunno di sapere perchè è riuscito in un caso e non in un altro.(.....) L’obiettivo di questo tipo di valutazione è in effetti di confrontare l’alunno con se stesso e di aiutarlo a compensare le difficoltà identificate da lui e per lui”(De Peretti). E’ la volontà di favorire e sostenere gli apprendimenti degli alunni a caratterizzare la valutazione formativa.Lo scopo della valutazione formativa è quello di aiutare ciascuno alunno ad apprendere e non quello di rendere conto agli altri del suo rendimento.

La valutazione formativa è essenzialmente un’operazione di natura pedagogica; le funzioni annesse sono, secondo Ch. Hadji, quelle di:
Rassicurazione (sostenere la fiducia in sè dell’alunno);
Assistenza(fornire dei riferimenti, dare dei punti d’appoggio per progredire);
Feed-back(dare al più presto possibile un’informazione utile sulle tappe raggiunte e sulle difficoltà incontrate);
Dialogo (nutrire un vero dialogo insegnante-alunno,fondandolo su dati precisi).

Raimondo Giunta
Postato da Michelangelo Nicotra Sabato, 05 dicembre 2020 12:30:00 (527 letture)

(Leggi Tutto... | 14618 bytes aggiuntivi | Riforma | Voto: 0)

TFA e PAS: TFA per il sostegno. Prova pratica a distanza
Redazione
Il protrarsi dello stato emergenziale da COVID-19, e i decreti emergenziali adottati con il DPCM del 3 novembre hanno interrotto le procedure di esame per l’accesso al Corso di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità (V Cilo - a.A. 2019/2020 che prevedevano la prova selettiva, la prova scritta e la prova orale.
Il Decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca n. 858 del 18/11/2020 ha autorizzato a garantire lo svolgimento della prova orale per l’ammissione al V ciclo (a.a. 2019/2020) anche con modalità a distanza.
I candidati della scuola secondaria di I e II grado, che hanno superato la prova selettiva, nelle università di Enna, Messina, Reggio Calabria, Foggia, Salerno, Napoli, Roma e Firenze, non hanno potuto espletare la prova scritta, come indicato nel bando ministeriale.
La Nota n. 33310 del 27/11/2020 della Direzione generale per la formazione universitaria, l'inclusione e il diritto allo studio del Ministero dell’Università e della Ricerca ha invitato gli Atenei ad organizzare la prova pratica in modalità a distanza, avendo l’accortezza di uniformare la procedura tra le varie sedi per evitare trattamenti differenziati tra i candidati.
Le singole Università hanno proceduto ad emanare le indicazioni operative che ricalcano le indicazioni ministeriali.
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Sabato, 05 dicembre 2020 08:00:00 (529 letture)

(Leggi Tutto... | 11675 bytes aggiuntivi | TFA e PAS | Voto: 0)

Vi racconto ...: 50 anni di divorzio. Fu vera conquista di civiltà?
Redazione
Sono trascorsi cinquant’anni dal 1° dicembre 1970 quando con la Legge n.898 “Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio”, entrata in vigore il 18 dicembre 1970, è stato introdotto in Italia il divorzio, salutato come conquista di civiltà e segno di progresso della società italiana.
Agli inizi dell’Ottocento con il Codice Napoleonico era consentito di sciogliere i matrimoni civili, ma la legge era molto complicata da applicare. Nel 1902 il Governo Zanardelli elaborò una proposta di riforma che però non fu mai approvata. Il deputato socialista Loris Fortuna nell’ottobre 1965 presentò una prima proposta di legge sui “Casi di scioglimento del matrimonio” che animò un acceso dibattito e contrasti ideologici tra laici e cattolici, sostenitori dell’indissolubilità.
Si costituì la Lega per l’Istituzione del Divorzio (LID) guidata dal partito radicale di Marco Pannella che nel dicembre del 1969 attivava lo sciopero della fame ad oltranza assieme a Roberto Cicciomessere.
 La legge fu riproposta e integrata con alcuni emendamenti del senatore liberale Antonio Baslini e venne discussa da ottobre a dicembre 1970 alla Camera dei Deputati e al Senato, fino ad arrivare alla data del 1° Dicembre, quando con 319 “Sì” e 286 “No”, fu approvata col nome: di “Legge Fortuna -Baslini”.
                                                                                                                    
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 03 dicembre 2020 16:44:29 (1729 letture)

(Leggi Tutto... | 14613 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: 4 Dicembre Web-Pressing “Fermiamo la strage di scuola pubbliche paritarie
Redazione
143 istituti scolastici paritari hanno chiuso.  Quasi 28.000 studenti hanno perso la loro scuola. Altrove la retta è cresciuta troppo, divenendo ormai appannaggio solo di ricchi. Per i disabili scegliere una  scuola “paritaria” comporta costi inarrivabili.
E’ questa la fotografia della scuola paritaria in Italia, riconosciuta per legge, ma ostacolata di fatto nell’espletare un servizio “pubblico”, facendo parte del sistema scolastico nazionale.
La proposta di legge di stabilità (“Bilancio 2021”)  in discussione alla Camera dei Deputati continua a  sottovalutare la sempre più grave situazione di disabili e  delle scuole paritarie, esposti al perdurare di una crisi che non risparmia certo i soggetti più fragili.
La liberta di scelta educativa, sancita dalla Costituzione viene calpestata facendo morire  il  già ridotto  pluralismo scolastico presente in Italia, che sarebbe addirittura scomparso senza l’impegno comune dello scorso giugno di decine di associazioni, di tantissimi partecipanti a quel web-pressing” e di (quasi) tutti i gruppi parlamentari che, mettendo fondi “propri”, hanno poi raddoppiato lo stanziamento del “Decreto Rilancio”.
Nel “web-pressing” del 4 dicembre  quasi tutti i gruppi parlamentari  sono compatti nell’approvare alcuni emendamenti finalizzati a non discriminare bambini e giovani, soprattutto con disabilità.
Interverranno al  Web pressing:  Suor Anna Monia ALFIERI (ALTIS-Univ. Cattolica-USMI), Maria Elena BOSCHI (Italia Viva), Piero FASSINO (PD), Stefano FASSINA (LEU), Padre Luigi GAETANI (USMI-CISM), Mariastella GELMINI (FI), Paola FRASSINETTI (Fratelli d'Italia), Giancarlo GIORGETTI (Lega), Virginia KALADICH (FIDAE-Agorà), Stefano LEPRI (PD, )Maurizio LUPI (misto), Luigi MORGANO (FISM-Agorà), Maria Rachele RUIU (membro Fonags), Gianluca ROSPI (Misto). Coordina  il giornalista Giancarlo LOQUENZI.
Per partecipare il 4 Dicembre 2020 ore 13.30-15.00, ecco il link:
https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZIocOqqrDgoEt0B_Z908-ksCE3HFxHy6V5d


Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 02 dicembre 2020 08:00:00 (1733 letture)

(Leggi Tutto... | 10938 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Vi racconto ...: Salviamo la stretta di mano
Redazione

Tra le privazioni più difficili da accettare, durante questo lungo periodo di “privazioni”, è l’astensione dal contatto fisico amicale che consente, soprattutto ai giovani, di trasmettere sentimenti di amicizia e di condivisione anche quando le parole non sanno o non possono farlo.

Ora il distanziamento ci impedisce l’abbraccio: è comprensibile il rischio ed è auspicabile la prudenza da parte delle persone “consapevoli”, ed è consequenziale che questo generi sofferenza nel momento in cui non si può o non si sa ricorrere alle parole.

Per i giovani, che preferiscono un approccio comunicativo più totale, plateale, esuberante è comprensibile che l’abbraccio sia visto come l’unico strumento di “comunicazione”, ma dovendo “rinunziare” all’abbraccio, per chi lo volesse -giovane, adulto o anziano- perché non consentire la stretta di mano, sia pure con la protezione di guanti in pvc!... Forse non sarebbe “bello da vedere”, ma questo non sarebbe l’essenziale: “L’essenziale è invisibile agli occhi” dice il Piccolo Principe nel suo viaggio sul Pianeta Terra, e l’essenziale della stretta di mano non sta nella platealità, ma nel suo tempo e nella sua intensità.

 

Enza Grecuzzo
Postato da Andrea Oliva Martedì, 01 dicembre 2020 10:52:26 (1771 letture)

(Leggi Tutto... | 7900 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: All’Europeo si ritornerà tra i banchi
Redazione
Il suono della campanella, sorda al silenzio dei corridoi, il colonnato del Vaccarini, che avvolge l’eco delle voci in fila per il pranzo …
Il Convitto sembra respirare solitudine, quasi come un albero cui han tagliato le fronde, le più basse, ma anche le più verdi e rigogliose.
Le nuove aule con i banchi, tutti incolonnati nel rispetto del protocollo di distanziamento, son là, sospese nel tempo dell’incertezza, finalmente pronte ad accogliere gli alunni.
Pur tuttavia, ancora i piccoli semiconvittori della primaria e della secondaria di primo grado corrono in cortile nella pausa dopo pranzo, seguiti dalle loro educatrici che, attente, ricordano loro di tener ben salda la mascherina al viso, come farebbe Zorro in una combattuta azione di salvataggio della sua bella señorita.
Presto bambini, è ora di fare i compiti, gridano loro con fermezza, e subito i piccoli riprendono l’impegno scolastico, che, al Convitto, si sa, non finisce mai, ma li farà crescere forti nella mente e nello spirito.
Nonostante tutto il Convitto non si arrende … Verranno ancora i giorni di lezione in presenza, con le aule dense di sapere, i pranzi dello chef, i gran galà col ballo di fine anno, le giornate della più sfrenata creatività, le feste di carnevale con il gruppo più votato per la maschera più bella, che stavolta li renderà tutti diversi e non tutti uguali, impauriti dall’altro, ma l’altro è nostro amico, l’altro è nostro fratello.

Cinzia Nigro
Postato da Andrea Oliva Domenica, 29 novembre 2020 11:00:00 (1836 letture)

(Leggi Tutto... | 7360 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

Ambiente: 29 novembre - Giornata della saggia Ecologia I giovani speranza per la Sicilia
Redazione

Il 29 novembre 1979 Papa Giovanni Paolo II ha proclamato San Francesco d’Assisi Patrono dell’ecologia e, ricordando tal evento ogni anno si celebra la “Giornata della saggia ecologia” sollecitando l’impegno per “la custodia e la difesa del Creato”, di cui la Fondazione “Sorella Natura” nata ad Assisi per opera dell’ispettore Roberto Leoni si è fatta promotrice e guida, avviando anche un percorso formativo che, attraverso il progetto didattico “Ambientiamoci a scuola”, fondato sul decalogo della Saggia Ecologia, dieci regole ispirate a San Francesco, capaci di guidare il rapporto uomo-natura e favorire un comportamento di rispetto, salvaguardia e sviluppo del Creato.

Giuseppe Adernò


Postato da Andrea Oliva Domenica, 29 novembre 2020 10:50:00 (1617 letture)

(Leggi Tutto... | 14646 bytes aggiuntivi | Ambiente | Voto: 0)

Vi racconto ...: “UOMINI NUOVI” PENSANO LE DONNE Sfogliando il libro di Tiziana Ferrario
Redazione
All’articolata scansione formulata da Leonardo Sciascia nel definire le categorie sociali e comportamentali degli uomini.

La giornalista Rai, Tiziana Ferrario,  nel volume “Uomini, è ora di giocare senza falli”, scritto durante il lockdown,  ha classificato la tipologia caratteriale del maschilista, analizzandola negli atteggiamenti subdoli o violenti manifestati in famiglia o nelle variegate attività professionali. C’è il maschilista inconsapevole (che non sa di esserlo), il silente (che preferisce cambiare discorso), l'infastidito (che trova le donne esagerate nelle loro rivendicazioni), l'indifferente (che proprio se ne frega dell'argomento) e ci sono anche i maschilisti “asintomatici” e “planetari”.
Con sagace ironia, ma con una critica e attenta lettura del presente, la giornalista elenca anche le “donne maschiliste” che non fanno squadra con le altre donne ed hanno sempre bisogno di un referente uomo e fotografa uno spaccato di società costruita sul modello patriarcale e maschilista in ogni suo ambito, dalla politica allo sport, all'istruzione, alla scienza, allo spettacolo, al giornalismo e all'editoria.

Giuseppe Adernò


Postato da Andrea Oliva Sabato, 28 novembre 2020 09:18:23 (707 letture)

(Leggi Tutto... | 11070 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Sicurezza: Cultura di genere conoscere e agire 25 NOVEMBRE – GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE
Redazione
La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne risponde alla drammatica violazione dei diritti umani. Nei confronti delle donne la cronaca quotidiana registra la piaga sociale di sempre efferati ed ingiustificati delitti.
Il 25 novembre segna l’inizio dei Sedici giorni di attivismo contro la violenza basata sul genere, che hanno lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e spingere ad agire per il cambiamento fino alla Giornata dei diritti umani del 10 dicembre.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità rivela che nel mondo il 35% delle donne ha subito violenza e la crisi sanitaria per la pandemia Covid-19 ha accentuato il problema, come documentano le telefonate al 1522 nel primo periodo di lockdown in Italia ed il numero dei femminicidi ha raggiunto il 57.1% degli omicidi.
La violenza sulle donne ha diverse forme e modalità, da quella fisica che fa scalpore nei casi di morte a quella silente e nascosta che è la violenza psicologica e quella economica, ampliando la disuguaglianza e la discriminazione nella società umana.

Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 25 novembre 2020 08:00:00 (746 letture)

(Leggi Tutto... | 10913 bytes aggiuntivi | Sicurezza | Voto: 0)

Open Day: Secondo Open Day al Liceo Cutelli di Catania
Redazione
Sabato 21 novembre si è tenuto il secondo Open day del Liceo Cutelli, che ha confermato ancora una volta la grande attenzione  del territorio e della nostra città nei confronti di un’istituzione scolastica che affonda le sue radici nella tradizione, sa stare al passo con la contemporaneità e si apre al futuro.
La Dirigente scolastica, prof.ssa Elisa Colella, con i suoi più stretti collaboratori, la prof.ssa Anna Bertino,  il prof. Giuseppe Palermo, la prof.ssa Annalisa Girianni, la prof.ssa Glenda Dibenedetto, la prof.ssa Mimma Torrisi, F. S. Orientamento in ingresso, la prof.ssa Tina Santuccio, Referente Liceo biomedico, il prof. Vincenzo Cro, Amministratore della piattaforma informatica, ha accolto anche in questo secondo appuntamento più di cento genitori in videoconferenza in una classe virtuale densa di attese e di curiosità.
La distanza fisica non ha impedito ai genitori e alle future matricole di entrare di contatto con una realtà scolastica variegata ed interessante, che suscita evidentemente grande attrattiva presso i giovani che si accingono a fare una scelta determinante per il loro percorso formativo.
Nel corso dell’incontro sono stati esposti il progetto educativo e formativo della nostra Scuola, i corsi, gli ordinamenti, i progetti, le iniziative. Particolare attenzione oltre al corso Aureus, ai potenziamenti di diritto, matematica, inglese e della classe 2.0, è stata rivolta al corso liceale di potenziamento biomedico che il Liceo Cutelli, unico fra i licei classici della Provincia, ha avuto autorizzato dal Ministero dell’Istruzione sin dall’anno scolastico 2018/2019 e che quest’anno inaugura dunque il suo terzo anno.
Alla fine della piacevole occasione di conoscenza e informazione sui diversi aspetti che caratterizzano il Liceo Cutelli,  genitori e figli hanno chiesto ripetutamente se ci saranno altri Open day: certamente!
Arrivederci al 18 Dicembre

Ufficio stampa Liceo Ginnasio Statale Mario Cutelli
Postato da Andrea Oliva Martedì, 24 novembre 2020 08:00:00 (636 letture)

(Leggi Tutto... | 7370 bytes aggiuntivi | Open Day | Voto: 0)

Voce alla Scuola: Per chi suona la campanella?
Redazione
Per chi suona la campanella? Ci siamo chiesti in questi giorni muti e malinconici, con un sole pallido e asciutto che fa breccia fin dentro le aule semideserte di tutte le scuole d’Italia. Per chi suona la campanella? Ci chiediamo ogni mattina mentre fuori avanza un nemico insidioso e invisibile, e da tramontana si preannuncia una tempesta di furore e di paura, con lugubri nuvoloni che rubano anche il cielo. Per chi suona la campanella? Ci chiedono i ragazzi che proprio l’altro ieri sgambettavano sorridenti nei corridoi, nelle palestre, nei laboratori, nelle aule, mentre l’autunno con impeto attacca gli alberi e li denuda di foglie e di speranza. Oramai sono tante, troppe le domande senza più risposte, gli interrogativi che non trovano soluzioni, le richieste inevase, che fanno capolino dalle “alpi alle piramidi”, come i lamenti delle vestali nelle tragedie greche. “Chiuderanno tutto! Devono chiudere tutto!”: è il grido di dolore di tante mamme, di tanti insegnanti che snocciolano, come poste di rosario, cifre, luoghi, nomi, statistiche, percentuali, numeri da far paura, “aumenti esponenziali di dolore e di terrore”. E’ difficile “fare scuola” con quest’incubo, è difficile “stare a scuola” mentre tutt’intorno infuria la bufera, mentre quello che sapevamo vita sembra irriconoscibile, sembra quasi irrimediabilmente perduto.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Martedì, 24 novembre 2020 06:00:00 (1521 letture)

(Leggi Tutto... | 4603 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 0)

News: “Dopo la pandemia cambiare stili di vita”. Progetto di ecologia integrale di Papa Francesco.L’economia si apre all’inclusione
Redazione
“Urge prendere atto responsabilmente del fatto che l’attuale sistema mondiale è insostenibile da diversi punti di vista e colpisce Sorella Terra, tanto gravemente maltratta e spogliata, e insieme i più poveri e gli esclusi”.
 Queste parole forti del messaggio del Papa ai giovani partecipanti alla tre giorni di “ The Economy of Francesco connessi via web con la Basilica di San Francesco d’Assisi, costituisce una nuova “Carta di Assisi” che ribalta il sistema economico e si proietta vero una vera e positiva “inclusione”.

 Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Lunedì, 23 novembre 2020 08:00:00 (773 letture)

(Leggi Tutto... | 11721 bytes aggiuntivi | News | Voto: 0)

Vi racconto ...: NELLA SCUOLA TORNA LA PAROLA EDUCAZIONE. Passaporto per i diritti, fedeltà ai doveri. Webinar dalla scuola “San Biagio” di Vittoria
Redazione
Nella ricorrenza storica della Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia più di cento docenti educatori di Vittoria, Ragusa, Catania, S Venerina, Treviso e Zevio, in provincia di Verona hanno partecipato al Webinar promosso dall’Istituto comprensivo “San Biagio” di Vittoria, sul tema “L’insegnamento dell’Educazione Civica Passaporto per i diritti” con il coordinamento della prof.ssa Adriana Minardi.
Dopo il saluto istituzionale della dirigente dell’Istituto San Biagio, Giuseppina Spataro, è intervenuto il commissario straordinario di Vittoria, Prefetto Filippo Dispenza, il quale ha condiviso l’impegno delle istituzioni nel dare priorità e attenzione alle problematiche riguardanti i minori e l’azione educativa della scuola che intreccia diritti e dover, come recita l’art.54 della Costituzione.
Le Soroptimiste Rina Florulli, vice presidente nazionale e Valeria Sanzone, presidente di Vittoria insieme al presidente del Rotary di Vittoria, Salvatore Cirignotta, hanno plaudito all’iniziativa e condiviso le finalità dell’evento formativo per i docenti e per un rilancio efficace dell’azione educativa in vista di un “nuovo e radicale modo di stare nel mondo”.
Con dettagliata precisione la dirigente dell’USP di Ragusa, Viviana Assenza, ha presentato “I nuovi scenari dell’Educazione Civica”, illustrando le Linee guida della Legge 92/2019, soffermandosi sulla cittadinanza digitale che impegna la scuola ad un nuovo percorso educativo nel corretto e responsabile uso d’internet e dei media.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Domenica, 22 novembre 2020 08:05:00 (925 letture)

(Leggi Tutto... | 10606 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 1)

Voce alla Scuola: ANCoDiS: legge di bilancio e rinnovo contrattuale per la scuola del futuro
Redazione
E’ in dirittura d’arrivo l’esame della legge di bilancio per il 2021 in Commissione Bilancio della Camera e da parte di Ancodis è prestata ovvia attenzione agli articoli che interessano la scuola italiana.
“Tra le misure previste – fa rilevare il Presidente di Ancodis Rosolino Cicero - troviamo il piano pluriennale per l’assunzione in organico di diritto di 25000 docenti di sostegno che si accompagna al piano per la formazione sui temi dell’inclusione unitamente all’acquisto di ausili didattici, l’assunzione di 1000 docenti di potenziamento per rispondere alle carenze di organico nella scuola dell’infanzia, la stabilizzazione degli Assistenti tecnici nella scuola del primo ciclo e dei collaboratori scolastici ex LSU. Dal punto di vista infrastrutturale è posta l’attenzione per l’ammodernamento degli edifici, per il potenziamento della digitalizzazione delle scuole (implementata l’attività degli animatori digitali e dei team digitali), per il sistema dei trasporti urbani ed extraurbani che – in questa emergenza pandemica – si è rivelato uno degli anelli deboli. Viene, infine, incrementato il fondo per la formazione e l’apprendistato e “riesumata” e speriamo semplificata la 440, una legge che dà meritata attenzione all’arricchimento ed ampliamento dell’offerta formativa”.

Per Ancodis
Ins. Kelia Modica
Responsabile Comunicazione Ancodis
Postato da Andrea Oliva Domenica, 22 novembre 2020 08:00:00 (1560 letture)

(Leggi Tutto... | 14491 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

20 novembre GIORNATA MONDIALE DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA. Convegni on line Associazione ex allievi Don Bosco, Kiwanis, Istituto San Biagio di Vittoria, il Soroptimist di Treviso, il Rotary e l’Unicef di Ragusa
Redazione
Il 20 novembre è una data storica per fare luce sulle problematiche relative al mondo dell’infanzia. Si ricorda, infatti, la dichiarazione firmata nel 1959 a New York nella sede dell’ONU.
Sono trascorsi 61 anni ed ancora molti di quei diritti enunciati stentano ad essere applicati nei diversi Paesi del mondo.
 Le immagini dei bambini morti annegati, o di quanti a causa della pandemia restano soli e abbandonati sono ferite che colpiscono e fanno soffrire.
Ragazzi senza scuola e senza banchi, mentre si osservano nelle scuole cataste di banchi in buone condizioni dismessi per l’arrivo dei nuovi arredi scolastici monoposto, sono un pugno allo stomaco per una società distratta.
La dichiarazione: “L’umanità ha il dovere di dare al fanciullo il meglio di se stessa” purtroppo viene disattesa nella pratica quotidiana ed i piccoli vengono spesso dimenticati e trascurati.
Anche il diritto all’educazione e all’istruzione spesso viene disatteso quando prevalgono altri fattori di carattere economico, sanitario e politico.

redazione@aetnanet.org
Postato da Andrea Oliva Venerdì, 20 novembre 2020 08:00:00 (690 letture)

(Leggi Tutto... | 8501 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

Vi racconto ...: Ambrogino d'oro 2020. Tra i premiati Suor Anna Monia Alfieri e il prof. Giorgio Vittadini
Redazione
Ogni anno il Comune di Milano assegna 15 medaglie d'oro e 20 attestati di benemerenza civica a cittadini che sono distinti per particolari meriti
Un riconoscimento particolare, da tutti condiviso, è una grande medaglia d’oro alla memoria degli operatori sanitari morti nello svolgimento del loro lavoro per fronteggiare la pandemia del Covid. Milano dice un grazie collettivo gli "eroi" che hanno compiuto fino in fondo il loro dovere di medici, infermieri, operatori della sanità, che hanno combattuto in prima linea l’epidemia.
Quest’anno nell’elenco dei premiati in ordine alfabetico al primo posto figura suor Anna Monia Alfieri, presidente dell'Istituto Marcelline, paladina delle scuole paritarie, zelante sostenitrice di Autonomia, Parità scolastica e Libertà di scelta educativa”.

 Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Giovedì, 19 novembre 2020 08:00:00 (555 letture)

(Leggi Tutto... | 13118 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 0)

Voce alla Scuola: La voce dei ragazzi sul Covid. Proposta operativa di Educazione Civica
Redazione
Nel precedente lockdown, anche se in alcune realtà ha avuto buon esito la didattica a distanza, i ragazzi si sono sentiti trascurati e molti di essi hanno scritto nei loro diari “i professori fanno lezioni, ma non ci chiedono come ci sentiamo”.
Adesso è il caso di dare voce ai ragazzi, ascoltare i loro bisogni e aiutarli a recuperare la dimensione della positività e del futuro. Come sarà il post.Covid-19?
Su proposta dei Ragazzi Sindaci e dei Consigli Comunali dei ragazzi si estende a tutte le scuole l’invito a scrivere una pagina di diario sul tema: “Scrivere dritto su righe storte “ e raccontare esperienze, sentimenti, riflessioni, paure, sogni, desideri, nella semplicità del linguaggio spontaneo e creativo.
S’intende estendere l’iniziativa a tutte le scuole e rendere i ragazzi protagonisti attivi di cittadinanza, costruendo ponti di amicizia tra studenti del Nord e del Sud, allacciando una rete di cooperazione per la ricerca del bene comune, e attivare scambi d’idee e di proposte originali provenienti da diverse regioni, in vista di un futuro migliore.

Nell’ambito dell’insegnamento dell’Educazione Civica che quest’anno sarà valutata con voto, pur nella sua trasversalità, la proposta intende essere un invito a riflettere sul momento storico che stiamo attraversando in maniera critica e attenta, pensando al futuro e come costruire una società migliore post-Covid-19.
Si invitano gli studenti delle scuole ad inviare in formato Word prima di Natale, entro il 20 dicembre 2020  all’indirizzo e.mail  ccr.consiglio.ragazzi@gmail.com
 
le  riflessioni e i lavori prodotti   dai singoli o dai gruppi classe, con l’intento di realizzare una pubblicazione che raccolga la voce dei ragazzi sull’emergenza coronavirus.

Coordinatore CCR - Preside Giuseppe Adernò
giuseppe.aderno1@gmail.com -  ccr.consiglio.ragazzi@gmail.com

Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 18 novembre 2020 08:15:00 (1780 letture)

(Leggi Tutto... | 7740 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Vi racconto ...: “Scintille Dantesche” Diario inedito del Beato Gabriele Maria Allegra. Un contributo letterario da San Giovanni La Punta
Redazione
In preparazione alle celebrazioni del VII centenario della morte di Dante è tornato alla luce il volume di Padre Gabriele Maria  Allegra:Scintille dantesche Antologia dai diari”
Edito da Edizioni Dehoniane di Bologna a cura di Anna Maria Chiavacci Leonardi e Francesco Santi, come si legge nel piego del testo: “Dal 1 gennaio al 31 dicembre del 1965 e dal 1 gennaio al 16 dicembre del 1967, il francescano Gabriele Maria Allegra, dalla Sicilia, (nato a San Giovanni La Punta in provincia di Catania) missionario in Cina, con l’incarico di tradurre la Bibbia in lingua cinese, compose due diari danteschi, intitolando il primo, semplicemente, VII centenario dantesco A.D. 1965 e il secondo Scintille dantesche A.D. 1967.
I due quaderni sono rimasti inediti fino al 2011 e documentano l’attività culturale del grande francescano che ha tradotto la Bibbia in lingua cinese e nelle sue lezioni leggeva e commentava la Divina Commedia, testi che egli portava sempre con sé in un’edizione tascabile e come attesta il biografo Umberto Castagna nel volume " La parola è seme " era un appassionato di Dante e, conosceva la Divina Commedia a memoria.
 
Giuseppe Adernò

Postato da Andrea Oliva Mercoledì, 18 novembre 2020 08:00:00 (848 letture)

(Leggi Tutto... | 10602 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 1)

TFA e PAS: TFA e CONCORSI DA CONGELARE
Redazione
In attesa del vaccino  antivirus si predispongono i congelatori dove poter conservare un prodotto così speciale ed utile per la salute pubblica.
Occorre predisporre un congelatore  anche al Ministero  per i concorsi straordinari, e presso le Università per il TFA in quanto alcuni  candidati hanno avuto l’opportunità di affrontare le prove preselettive e scritte ed altri sono ancora in attesa e coinvolti in ansiosi rinvii. La proposta di congelare il V ciclo del TFA appare necessaria  e forse unica soluzione per non creare discriminazioni ed evitare di accumulare le carte dei ricorsi.
Giad
 
Ecco la lettera  aperta di una candidata al TFA di Messina
Seduta alla scrivania, tra un compito da correggere e la pentola sul fuoco, cerco di concentrare i pensieri su slides e libri e dispense che da mesi e mesi affollano la mente. 

Postato da Andrea Oliva Lunedì, 16 novembre 2020 09:02:19 (1758 letture)

(Leggi Tutto... | 11045 bytes aggiuntivi | TFA e PAS | Voto: 1)

Voce alla Scuola: Il Giornale Web del Convitto Cutelli su Repubblica@Scuola
Redazione
14_01

Quest’anno, in occasione dell’iniziativa​ "Effetto Terra" realizzata da Repubblica@Scuola, il Convitto Nazionale Mario Cutelli partecipa alle proposte della nota testata giornalistica che ha lanciato i due concorsi “Il mio giorno perfetto con la natura” (con articolo giornalistici) e ”I colori delle stagioni”(con foto). Per il primo contest gli studenti partecipanti descrivono l’esperienza più bella fatta a contatto con la natura o ad avvicinarsi ad essa e raccontano ciò che li ha colpiti, in che modo quell’esperienza li ha fatti cambiare o se hanno fatto qualcosa, anche forse solo un piccolo gesto, per preservare quell’angolo di natura o, ancora, se immaginano qualcosa di particolare che possa essere utile a preservarlo. Per il secondo, invece, inviano una foto in cui sono riusciti a cogliere l’esplosione di luce e colori che la natura può offrire durante la stagione estiva o autunnale.
Saranno scelti​ due vincitori​ (uno per concorso), ritenuti gli autori più originali e interessanti tra tutti gli articoli e le foto e si aggiudicheranno due tablet.
Tutti i pezzi e le fotografie, inoltre, vengono pubblicati su Repubblica@Scuola, nelle sezioni dedicate a questi concorsi e sul Giornale scolastico della nostra scuola, che trova spazio da quest’anno sempre su Rep@Scuola.
L’iniziativa è seguita dalla prof.ssa Giusy Gattuso, referente per​ concorsi artistico-lettereri, e vede la partecipazione di un gruppo cospicuo di studenti che danno attivamente ed entusiasticamente il loro contributo.
Di seguito i link.
http://scuola.repubblica.it/sicilia-catania-lceconvittonazionalemcutelli
https://scuola.repubblica.it/blog/tema/il-mio-giorno-perfetto-con-la-natura/
https://scuola.repubblica.it/blog/la_mia_foto/i-colori-delle-stagioni/
http://scuola.repubblica.it/sicilia-catania-pmlceconvittonazionalemariocutelli/

Prof.ssa Giusy Gattuso
Postato da Andrea Oliva Sabato, 14 novembre 2020 08:00:00 (962 letture)

(Leggi Tutto... | 8114 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Vi racconto ...: L’intelligenza artificiale. Sfida del terzo millennio. Rotary, Uciim e Ucsi per un cammino insieme
Redazione
10_01
L’intelligenza artificiale è alla base del cambiamento di epoca che stiamo vivendo e la robotica può rendere possibile un mondo migliore se proiettata verso il bene comune.
Su questa emergenza sociale, che diventa la sfida del terzo millennio, anche Papa Francesco ha formulato una speciale intenzione di preghiera in considerazione che il progresso tecnologico, pur apportando notevoli benefici a volte aumenta le diseguaglianze.
“Preghiamo affinché il progresso della robotica e dell’intelligenza artificiale sia sempre al servizio dell’essere umano e “sia  umano”.
 Sulla necessità di un approccio etico all’intelligenza artificiale è stata organizzata dalla sezione UCIIM di Misterbianco una conferenza educativa con collegamento on-line, alla quale sono intervenuti come relatori il dott. Nino Prestipino sul tema Rome call for AI Etichs”, i  professori Marco Pappalardo e Alfredo Petralia, autori del volume “Educarsi ad educare al Web 30+1 riflessioni, consigli e idee per tutti”: studenti, docenti e genitori.
 In apertura hanno espresso apprezzamenti per l’iniziativa la presidente nazionale UCIIM, Rosalba Candela; la presidente regionale, Chiara Di Prima; della sezione di Misterbianco Letizia Spampinato e di Tremestieri, Agata Pennisi.
 
Giuseppe Adernò
Postato da Andrea Oliva Martedì, 10 novembre 2020 08:00:00 (572 letture)

(Leggi Tutto... | 10642 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 1)

Voce alla Scuola: Non ce n’è coviddi? Tesi di laurea del giornalista siciliano Salvatore Ganci a Torino
Redazione
È questo il titolo originale della tesi di Laurea magistrale in Comunicazione Digitale e Marketing del giornalista siciliano, Salvatore Ganci, presentata all’Università di Torino, presso il dipartimento di Culture, politica e società. La tesi sviluppa una diligente analisi dell’orientamento verso la pandemia Covid-19 nella twittersfera italiana. La lezione tremendissima del virus ci ha introdotto forzatamente nella porta stretta della fratellanza che reclama libertà e uguaglianza e nello strano e surreale isolamento, proclamato “distanziamento sociale”, invece dovrebbe limitarsi solo a quello fisico, attraverso i social si è aperto ad una forma nuova di libertà e di socialità, senza limiti. Dopo una breve introduzione ed excursus storico di altre pandemie, come Sars, Ebola, Colera fino al Coronavirus, la tesi prende in esame 1800 tweet, annotati a mano, in un intervallo di tempo che va dal 31 gennaio al 31 marzo 2020, analizzando, attraverso tecniche mutuate dall'analisi del sentimento, le diverse dimensioni di opinioni degli utenti nei confronti della pandemia: la stance, ossia l’atteggiamento degli utenti verso la malattia di Covid-19 divisa in preoccupazione, neutralità, propositività e sottovalutazione; il sentiment dell’ironia rispetto al sarcasmo, prestando attenzione alle differenze tra queste due etichette, che sono ancora oggi difficili da rilevare dagli stessi strumenti di Sentiment Analysis; e infine fake news vs debunk, per evidenziare la presenza o meno di notizie false tra i tweet e se ci sono stati casi di smascheramento della bufala tra i tweet del corpus, campione di messaggi.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Lunedì, 09 novembre 2020 08:00:00 (710 letture)

(Leggi Tutto... | 5109 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Voce alla Scuola: Scrivere dritto su righe storte. Iniziativa del Consiglio dei Ragazzi di Zevio (Verona)
Redazione
Il sindaco dei ragazzi, Pietro Todeschini e i rappresentanti di classe, eletti al Consiglio Comunale dei Ragazzi dell’Istituto comprensivo di Zevio (Verona), coordinati dall’assessore comunale  all’istruzione, Paola Conti e dalla prof.ssa Francesca Beltrame coordinatrice del CCR e referente per l’Educazione Civica, hanno organizzato la prima riunione “a distanza”, invitando a partecipare anche il preside Giuseppe Adernò, primo ideatore dei Consigli Comunali dei Ragazzi in Sicilia nel 1993.
L’incontro è stato efficace nel rendere attiva l’Educazione Civica che quest’anno fa parte delle materie da valutare con voto, e il CCR costituisce uno spazio privilegiato di tale disciplina trasversale che insegna nel concreto e con “compiti di realtà” la cultura della democrazia e della partecipazione attiva e responsabile.
L’impossibilità di attivare scambi e gemellaggi in presenza ha reso necessario il collegamento in videoconferenza dalla quale sono emerse delle proposte operative.
In considerazione del momento difficile che vive la scuola e la società nello stato di emergenza contagio Covid -19, è emersa la proposta di raccogliere considerazioni e riflessioni personali e di gruppo classe sul tema: “Scrivere dritto su righe storte “con l’intento di socializzarle con i ragazzi di altri CCR d’Italia.
Il tema condiviso si presta a costruire una rete di relazione e di scambio tra le diverse regioni e realtà locali e presentare originali interpretazioni e commenti.


Postato da Andrea Oliva Sabato, 07 novembre 2020 08:00:00 (731 letture)

(Leggi Tutto... | 6159 bytes aggiuntivi | Voce alla Scuola | Voto: 1)

Vi racconto ...: Pier Paolo Pasolini, la poetica del corpo, le nuvole e i 'ragazzi di vita'. Un’intervista possibile
Redazione
L’appuntamento era fissato per le ore 20.00, in un piccolo ristorante della periferia di Roma, dove il poeta, di solito, andava a cenare. Era un luogo appartato, in una zona della città che più amava, frequentato dai suoi amici, i “ragazzi di vita”, come lui li chiamava. Ed era stato proprio uno di quei ragazzi che m’avevo fissato l’appuntamento con Pierpaolo Pasolini, per quel sabato sera. E ricordo che quel ragazzo, che conosceva bene le abitudini e gli impegni del poeta, mi raccomandò, per evitare disguidi e imprevisti, di arrivare puntale all’incontro. Forse il giovane aveva intuito che ci tenevo particolarmente ad incontrare e parlare con Pasolini. Così quella sera, sabato 1 novembre 1975, alle 20 in punto arrivai nel locale, mi sedetti, presi qualcosa per ingannare il tempo, ed aspettai un bel po’, poi verso le dieci, dopo aver sentito all’esterno il rumore d’una macchina, entrò nella piccola sala della trattoria Pier Paolo Pasolini. Aveva un sorriso pallido, con un’aria di chi cercava qualcosa o qualcuno, sembrava avere fretta. Dal suo saluto capii che già conosceva tutti gli avventori e che era un assiduo frequentatore di quel luogo, soprattutto, in quelle ore notturne. Mi sembrò di capire che quella sera non aveva tanta voglia di mangiare, ricordo che prese solamente un piatto di spaghetti aglio e olio e un po’ di vino rosso, sembrava quasi che avesse fretta d’andar via, che cercasse, che volesse incontrare qualcuno.

Angelo Battiato
Postato da Angelo Battiato Lunedì, 02 novembre 2020 06:00:00 (750 letture)

(Leggi Tutto... | 18542 bytes aggiuntivi | Vi racconto ... | Voto: 1)

Didattica a distanza: La scuola ha un futuro?
Redazione
1) Ripensare la scuola
Ragionare di scuola nei giorni in cui viene sacrificata  e costretta alla didattica a distanza per coprire  le pubbliche inadempienze soprattutto in materia di trasporti pubblici, dopo mesi estenuanti e difficili  in cui gli istituti scolastici hanno lavorato per  garantire in sicurezza la ripresa delle attività didattiche del nuovo anno scolastico, puo' sembrare un mero esercizio retorico; forse una provocazione in un clima di esasperata delusione. Credo invece che serva per  alzare lo sguardo "in modo da contrastare il rischio di ritirarci impauriti e talvolta rabbiosi nel nostro particulare".  (Chiara Saraceno). Se vogliamo pensare al futuro con ragionevole speranza, sempre con la scuola dobbiamo fare i conti, perchè   necessariamente ci proietta su quello che potrebbe essere il nostro domani, avendo il compito di prendersi cura delle nuove generazioni.

Ma la scuola così come l'abbiamo vissuta e così come ancora funziona ha un suo futuro? Questo è il problema e non è per nulla ozioso che in modo particolare  chi riveste un ruolo in  un sistema di istruzione si chieda  come dovrebbe/potrebbe essere la scuola fra qualche anno. Pensarci significa  impegnarsi  per impedire, ognuno per la propria parte, che la scuola  si lasci trascinare dagli eventi, anche se non è dato di potere definire con nettezza i confini di quel che sarà la nostra società tra un decennio, ma sapendo, già,  che sono cambiati  gli orientamenti e le scelte di moltitudini di persone relativi ai processi di istruzione e formazione.

Raimondo Giunta
Postato da Michelangelo Nicotra Domenica, 01 novembre 2020 12:00:00 (1895 letture)

(Leggi Tutto... | 17247 bytes aggiuntivi | Didattica a distanza | Voto: 1)

Nuove Tecnologie: Approccio etico all’intelligenza artificiale. UCIIM di Misterbianco - Conferenza educativa il 6 novembre
Redazione
La scuola è chiamata a rivedere le strategie didattiche ed è evidente che il modo di apprendere delle nuove generazioni sta cambiando. L’intelligenza artificiale (AI) sta portando profondi cambiamenti nella vita degli esseri umani e offre un potenziale enorme quando si tratta di migliorare la convivenza sociale e il benessere personale, aumentare le capacità umane e consentire o facilitare molti compiti che possono essere svolti in modo più efficiente ed efficace. Le trasformazioni attualmente in corso non sono solo quantitative ma qualitative, perché influenzano il modo in cui questi compiti vengono svolti e il modo in cui si percepisce la realtà e la natura umana stessa.
Compito della scuola è implementare la “saggezza digitale” al fine di fare buon uso della tecnologia, strumenti flessibili di mediazione che supportano la collaborazione e potenziano le capacità sensoriali e cognitive fondamentali per collaborare con gli altri.

Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 01 novembre 2020 11:00:00 (966 letture)

(Leggi Tutto... | 5748 bytes aggiuntivi | Nuove Tecnologie | Voto: 1)

Salute: Chi cura le anime?
Redazione
“I medici curano i corpi, noi, cantanti, curiamo le anime” questa espressione del cantautore Renato Zero in occasione della presentazione dell’album della trilogia “Zero settanta” in occasione dei suoi settant’anni, è diventata virale, ribaltata da tutti i social, ed è stata ripresa anche dai telegiornali. Certamente la bellezza, la musica, il canto, l’armonia, la poesia, l’arte, curano la dimensione spirituale dell’uomo, lo distraggono dalla paura, dalla noia, del vuoto pessimistico del momento storico che si attraversa anche a causa della pandemia che ha prodotto gravi danni all’economia e alla socializzazione. Il culto della bellezza è stato sempre preziosa medicina per vincere gli orrori delle guerre, delle crisi, dei disastri sociali e ne sono preziosi testimoni le splendide opere artistiche, i monumenti, le chiese, i palazzi che suscitano ammirazione, stupore ed elevano lo spirito.  Si curano così le anime? Sono sufficienti l’arte, la bellezza, la poesia e la musica?
E’ vero che “la poesia, parola dell’uomo,  ha stessa dignità della parola di Dio, perché entrambe salvano”?
   
Giuseppe Adernò
Postato da Giuseppe Adernò Domenica, 01 novembre 2020 10:00:00 (1885 letture)

(Leggi Tutto... | 4785 bytes aggiuntivi | Salute | Voto: 1)

Più letto di Oggi
Ancora Nessun Articolo.


Social AetnaNet
Cerca


Community
Community
Diventa utente attivo della community di Aetnanet!
Inviaci articoli, esperienze, testimonianze sul mondo della scuola.

scrivi a: redazione@aetnanet.org


Pubblicità
pubblicità su Aetnanet.org


Seguici
telegram facebook
google plus facebook
mobile twitter
youtube rss


Bandi PON

Progetto PON 'Comunicare per crescere'. Ovvero, insegnando s’impara, al Circolo Didattico Teresa di Calcutta, Tremestieri Etneo
di a-battiato

Reiterazione avviso ad evidenza pubblica per la selezione di esperti esterni “madre lingua” francese - PON/FSE: avviso pubblico n. 4396 del 09/03/2018 - FSE - Competenze di base - 2a edizione
di m-nicotra

Bando di selezione n. 3 Esperti esterni madrelingua inglese e n. 3 Esperti esterni madrelingua francese - Scuola Media Castiglione di Bronte
di m-nicotra

I ragazzi del Liceo Cutelli al Processo Simulato del Lavoro a.a. 2019/2020
di m-nicotra

Da Roma all’Europa: tappe del progetto di Cittadinanza Europea per gli studenti del Liceo Classico Europeo del Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
di a-oliva

Bando selezione esperti FSE/PON - Liceo Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra

Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
di a-oliva

Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
di m-nicotra

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra

Bando selezione esperti madrelingua FSE/PON - ICS San Domenico Savio - San Gregorio di Catania
di s-tricomi

Indice Progetti PON


Top Five Settimana
i 5 articoli più letti della settimana

'Il MUOStro di Niscemi' - Antonio Mazzeo, all’I.I.S. 'Mario Rapisardi' – Liceo Classico ed Artistico di Paternò, ospite del Progetto 'Incontri con l’Autore'
di m-nicotra
798 letture

OPEN DAY: “Classe II A in esubero”
di a-oliva
588 letture

Scuola primaria e classi prime medie in presenza
di a-oliva
524 letture

Covid - SCUOLE PULITE - GRAZIE ai COLLABORATORI
di a-oliva
303 letture

CORONAVIRUS, MUSUMECI A ROMA: ''SICILIA ZONA ROSSA PER DUE SETTIMANE''
di a-oliva
228 letture


Top Video
Video
25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
2073 letture

Caro virus, non sei simpatico e gentile
2682 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
2515 letture

Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca
2628 letture

Il Caffè filosofico al Liceo scientifico dell'IISS Francesco Redi di Belpasso
17273 letture

Riflessioni della maestra Margherita sull'Innovazione didattica a scuola di Giovanni Biondi - Presidente INDIRE
15048 letture

26 Novembre, manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne: le CattiveMaestre ci saranno
16074 letture

Human - Le fonti. Trovare il proprio posto
15359 letture

Sicilia, record dei beneficiati dalla legge 104 nella scuola, e Agrigento è la prima provincia per numero di applicazioni
18204 letture

La 5A Informatica di Belpasso discute di Rivoluzione industriale 4.0
25411 letture



Articoli Precedenti
Seleziona il mese da vedere:

  Gennaio, 2021

[ Mostra tutti gli articoli ]


Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti



Utenti registrati:
Ultimo: gmirabella
Oggi: 0
Ieri: 0
Totale: 11170

Persone Online:
Visitatori: 244
Iscritti: 0
Totale: 244

Traffico Generato
Anonimi: 244 (100%)
Registrati: 0 (0%)
Numero massimo di utenti online:244
Membri:0
Ospiti:244
Ultimi 5 Registrati
gmirabella
    Jan 28, 2017.
raffagre
    Jan 28, 2017.
gvaccaro
    Jan 28, 2014.
mrdinoto
    Jul 09, 2013.
sostegno
    Jul 09, 2013.

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2002

Pagine visitate
· Visitate oggi 80,722
· Visitate ieri 74,971

Media pagine visitate
· Oraria 3,072
· Giornaliera 73,730
· Mensile 2,242,655
· Annuale 26,911,864

Orario Server
· Ora

23:13:54

· Data

22 Jan 2021

· Zona

+0100

© Weblord.it


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.61 Secondi