Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 585189780 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2024

Gran Galà 2024 del Convitto Cutelli: l’addio delle quinte classi fra danze, sorrisi e lacrime
di a-oliva
382 letture

Tre, due, uno… si parte!!!! Dall’Italia all’America viaggiando con la lettura
di m-nicotra
322 letture

Aperitivo culturale, III edizione: un anno di Redi
di m-nicotra
300 letture

Esami di Stato a.s. 2023/24 - Pubblicazione nomine Commissione
di m-nicotra
285 letture

QUANDO PARLA LA MUSICA. Festival internazionale dei Cori in Val Pusteria. La Sicilia presente con il coro di voci bianche “Vincenzo Bellini”
di a-oliva
245 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·ICDL a Job&Orienta! Dal 22 al 25 novembre, oltre 50 eventi e uno spazio per l’orientamento e la formazione
·VERSO UNA SCUOLA NUOVA PNRR, Codice dei Contratti, transizione digitale e inclusione sociale
·UCIIM convegno PNRR e Codice dei Contratti
·CINEMASET UNA PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA CHE NON SI FERMA MAI !!
·Premiazione Concorso “Alla ricerca del sacro”. Sabato 15 aprile – Museo Diocesano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: Quando la vita chiama la vita. Intervista a Giuseppe Mammoliti, una delle guide autorizzate dell’Etna, fratello del ragazzo siciliano tragicamente scomparso di recente

Redazione
“Ciò che dà senso alla vita, lo dà anche alla morte”. Le parole di Antoine de Saint-Exupéry sembrano calzare alla perfezione al caso di un giovane di 38 anni, colto da improvviso malore, prematuramente scomparso, la cui vita, nel fiore degli anni, è stata inaspettatamente falcidiata, senza preavviso, lasciando attoniti familiari (in particolare i genitori Luigi e Rosellina) come pure il fratello Giuseppe, la storica fidanzata Ivana, gli amici di tutta una vita, i colleghi di lavoro.
Ma la storia di Marco Mammoliti, di origini messinesi, nonostante il tragico epilogo che sembrerebbe accomunarlo all’insensatezza delle tante vite umane spezzate che pullulano la cronaca, si discosta, ha un finale inedito, aprendo nuovi scenari e ricordandoci che in fondo, per dirla con Ralph Emerson, “la vita è un viaggio, non una destinazione”. In “Gradini” anche Herman Hesse afferma che “dobbiamo attraversare spazi e spazi, senza fermare in alcun d’essi il piede, lo spirto universal non vuol legarci, ma su di grado in grado sollevarci”. È forse questo il destino di quella umanità eletta che tenta il riscatto per sé e per gli altri. Ed è il caso di Marco, il quale, tanto in vita e ancor più oltre la vita, diviene paradigma per amplificare quanto di più eroico e nobile si celi nel cuore umano: una vita che chiama altre vite, le nutre. Il sacrificio di uno per il beneficio di molti. Tutti i “gradini” sono stati affrontati. L’elevazione di una salita che, con una vita più lunga ma ordinaria, con ogni probabilità, non avrebbe potuto toccare la cima.


Pure Bertold Brecht riteneva che “non bisogna temere tanto la morte, quanto piuttosto una vita non all’altezza”. Ma per comprendere più a fondo l’esistenza e le scelte etiche che stanno a monte di tale visione, abbiamo incontrato il fratello del nostro protagonista, Giuseppe Mammoliti,  che opera tra l’altro come guida autorizzata dell’Etna a tutela del  patrimonio siciliano.

 
Albert Camus soleva asserire che “C’è una vita e c’è una morte, e in mezzo ci sono bellezza e malinconia”. Giuseppe, quali sono i ricordi che conservi relativi al modo di essere di tuo fratello e al legame che vi univa?
Il suo modo di essere era lampante, chiaro ed istintivamente intuibile. Bastava guardare i suoi occhi, il suo sorriso e le sue espressioni, tutto emanava dolcezza, gentilezza e soprattutto grande sensibilità. Può apparire una risposta scontata, data da un fratello carico di dolore, ma è proprio così. Sempre attento a non dar fastidio, a non arrecare disturbo, Marco era una persona rara, con una sconfinata dose di altruismo e generosità, e tutto l’affetto e il  dolore, manifestato da tantissime persone, anche da chi lo conosceva appena, ne è la prova! Noi eravamo praticamente una persona sola, nonostante fosse più piccolo, per me era ed è un faro. Cercavo costantemente un suo parere, un suo consiglio sulle cose importanti. Il suo giudizio mi serviva per sentirmi più sicuro, per avere la certezza che avevo fatto la cosa giusta. Era capace di trasmettere una tranquillità assoluta e, anche nei momenti più burrascosi, quelli in cui facilmente si perde la lucidità, lui era lì, pronto a riportare la “barca verso lidi calmi e sicuri”. Questo era Marco, punto di riferimento di tutta la sua famiglia e di tante altre persone.
 
Abbiamo appreso da Ugo Foscolo che “Un uomo non muore mai se c’è qualcuno che lo ricorda”. Già in vita Marco era destinato a essere ricordato in quanto benvoluto e stimato da tutti, nella vita pubblica e lavorativa come nel trascorso privato, secondo le svariate testimonianze di coloro che gli hanno vissuto accanto. Ciò ha reso forse ancora più acuta la sofferenza della comunità di riferimento nell’apprendere la notizia della sua dipartita. Puoi restituirci un breve ritratto di Marco impegnato nel suo lavoro e nella società?
Marco, nel lavoro e conseguentemente nella società, non risparmiava tempo e fatica. La sua attività si divideva tra la Casartigiani (sindacato artigiani) ed un Caf. In tutti e due era il punto di riferimento principale, per le sue capacità informatiche e per la sua abilità nel risolvere ogni tipo di problema. Generoso di consigli, spesso era lui stesso ad informare le persone riguardo ad eventuali diritti e benefici, infatti numerosissime persone non frequentano più questi uffici... perché? Perché Marco non c’è più! Basta chiedere a chi lavorava con lui o ad un semplice amico o cliente, per sentirsi dire esattamente le stesse cose che sto raccontando.
 
Secondo il Vangelo di Matteo Gesù domanda: “Chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un’ora sola alla sua vita?”. Dunque ti chiedo: con quali strumenti si riesce a sopravvivere ad una disgrazia di simile portata, come si elabora il dolore? E in ultimo: se ti fosse concessa quella famosa ora in più, come la spenderesti?
Come si sopravvive ad un dolore del genere? Non lo so, non credo ci sia una regola assoluta. Credo che ognuno elabori a modo proprio. Ovviamente c’è chi non ce la fa e non si rialza più. È come vivere tra realtà e finzione, io sento che lui è presente e continua a seguirmi e ciò mi aiuta tanto. Parlo costantemente con lui, proprio come se fosse qui. Bisogna crearsi una convinzione ed uno stato mentale tale, per far fronte ai momenti dolorosi che, irrimediabilmente, arrivano all’improvviso, come un temporale violento. Occorre farsi forza su ciò che di buono è rimasto, e continuare su questa scia profumata che lui ci ha lasciato. Se avessi un’ultima ora da spendere con lui, la spenderei parlandogli tanto, gli direi tante cose mai dette, ma soprattutto lo ringrazierei di cuore, per avermi dato l’onore di essere suo fratello e di aver trascorso questo tratto di vita insieme.
 
Il noto artista e writer britannico Banksy ci ricorda che si muore due volte, “una volta quando si smette di respirare e una seconda volta, un po’ più tardi, quando qualcuno dice il tuo nome per l’ultima volta”. Ma tu, la tua famiglia e la fidanzata di Marco avete riscritto il finale, non consentendo che ciò accadesse. In che modo?
Sì, è vero. Si muore davvero quando nessuno pronuncia o ricorda più il tuo nome. Proprio per questo noi cercheremo sempre di far rivivere Marco attraverso diverse iniziative benefiche, aiutando con piccoli gesti. È una goccia nell’Oceano, ma siamo convinti che anche una goccia sia utile a qualcuno. Attraverso questo intento, cerchiamo di dare un senso a ciò che un senso non ha. Dopo una tragedia del genere ci sono due strade da poter imboccare, una buia e carica di rabbia ed un’altra piena di luce e retta, sta ad ognuno di noi scegliere.
 
Quanto è diffusa in Sicilia e più in generale nel nostro Paese la cultura della donazione degli organi? In fondo anche Thomas Mann pensava che “l’interesse per la malattia e la morte è sempre e soltanto un’altra espressione dell’interesse per la vita”. Quali sono i timori e i dubbi che, secondo te, impediscono allo stato attuale la piena condivisone e la concretizzazione di certi ideali etici?
Nel nostro Paese e ancora meno in Sicilia, la cultura della donazione degli organi è ancora poco diffusa. Certo, qualche piccolo passo è stato fatto, ma è un processo ancora lento rispetto ad altri Paesi. Nel meridione il retaggio culturale costituisce ancora una barriera per certi principi, che dovrebbero essere, a mio avviso, immediati, quasi istintivi. Perché far marcire sotto terra una parte sana che può donare ancora vita ad altri? Che torto si fa a chi va via da questo mondo? Nessuno, anzi si onora ancor più la sua anima, la si esalta alla massima essenza, perché da una vita che si spegne se ne accende un’altra. Credo sia questo il vero significato dell’esistenza umana, aiutarsi, donare e salvare, e Marco, prima di andare via, ha donato se stesso salvando cinque vite, chiudendo perfettamente e nel modo più alto il cerchio della vita ed il suo percorso terrestre.
 
Tramite le iniziative di solidarietà avete dato gambe al famoso assunto agostiniano secondo
cui “coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dove erano, ma sono ovunque noi siamo”. Dopo quel fatidico gennaio 2022 quali obiettivi filantropici vi siete posti?
Gli obiettivi che ci siamo posti sono quelli di trasformare la tragedia in qualche cosa di buono, di utilizzare l’energia e la luce che Marco continua ad emanare, in beneficenza. Abbiamo già raccolto qualcosa per gli ‘ultimi’, coloro che davvero vivono ai margini, ma anche per un’associazione che si occupa di dare assistenza alle famiglie di bambini malati, presso il Policlinico di Messina, al cui interno del Padiglione Pediatrico è  stata peraltro intitolata dall’Associazione  Il  Bucaneve una targa a Marco. Continueremo, con piccoli gesti, a donare in diverse parti del territorio, dove capita, senza seguire un binario fisso. Ovviamente la sensibilizzazione sulla donazione degli organi sarà sempre il motore di questa locomotiva.
 
Ci vuoi illustrare le intenzioni future? Hai un messaggio da recapitare alla gente e, in particolare, alle nuove generazioni?
Di messaggi alle nuove generazioni ce ne sarebbero tanti, uno su tutti è coltivare l’empatia, perché, solo riuscendo a metterci nei panni dell’altro, si può migliorare un po’ questo mondo. Marco partiva sempre da questo punto di vista e, a pensarci bene, è la chiave di tutto o quasi.
 
Maria Valeria Sanfilippo











Postato il Domenica, 15 ottobre 2023 ore 08:00:00 CEST di Andrea Oliva
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.39 Secondi