Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 495511111 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2020

Lettera aperta alla Ministra Lucia Azzolina
di m-nicotra
3759 letture

'Agata, Vergine e Martire' di Pino Pesce al Teatro Sangiorgi di Catania. Una sacra rappresentazione multimediale fra medievalità e contemporaneità
di m-nicotra
1305 letture

Francesco Paratore Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto 'Gabelli' di Misterbianco. I Commissari: lodevole iniziativa che dovrà coinvolgere tutte le scuole.
di a-oliva
1302 letture

Cara Lucia Azzolina, prima che diventassi ministro, eri d’accordo su tutto quello che ho scritto in questo articolo. Oggi lo sei ancora?
di m-nicotra
1299 letture

Io non sono così cattivo. Questo personaggio mi fa stare male. Non mi piace anche se lo interpreto. La banalità del male!
di m-nicotra
1252 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia
·Una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione
·Autonomia differenziata, la partita è aperta
·Al Governo si gioca a spaccare la scuola ed il paese


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lavoro: Lettera di un’insegnante di scuola media

Opinioni
Salve,
sono un‘insegnante di scuola media. Voi direte: rieccoci con chi parla di tagli, di stipendi bassi, di soliti problemi... Io, invece, vorrei porre il problema della democrazia interna alle scuole, esiste o è solo un miraggio? Tutti questi organi collegiali, consigli di classe, riunioni... Mi sono convinta di no o almeno solo in parte.

Eccovi la mia” banalissima” storia: perdo il posto di ruolo dove insegnavo da qualche anno, vengo assegnata ad un altro istituto vicino. Fino a qui ordinaria amministrazione, cose che succedono. Ovviamente la nuova scuola ha regole diverse, che mi preparo ad apprendere, amara sorpresa, non c’è nessuno che ti informa, se non una specie di vicepreside (siamo in una scuola dove non c’è la segreteria), con funzioni di raccordo, di controllo (ma che controllo!).
 
Nessuna informazione data, brancolavo nel buio, solo “fette”, “partacce bruttissime” davanti a tutti, anche agli alunni, ogni volta che sbagliavo non sapendo, messaggi mandatimi tramite alunni del tipo "così non si fa", "non ci si comporta così", alla faccia del non rovinare la stima, la credibilità degli insegnanti di fronte ai loro studenti.
 
Sapete cosa è successo quando le ho chiesto il perché di una regola e poi di un’altra? Mi ha detto che è il regolamento, ma non hanno voluto perdere tempo a spiegarmi, o forse il suo rigidissimo comportamento da "piccola leader” non glielo ha permesso. Continuo stress e controllo anche su ciò che facevo o no anche all’interno delle ore curricolari.
 
Premetto che non sono una “santa crocifissa”, anch’io ho delle pecche, sono testarda, porto avanti le mie idee, non amo la burocrazia, ma neanche le imposizioni di quella che considero una mia pari. Sono polemica per natura, soprattutto di fronte ai torti, (con l’aiuto della sindacalista Fracassi, sono stata la prima supplente precaria nella provincia di Arezzo ad ottenere il riconoscimento economico alla maternità).
 
All’inizio dell’anno volevo far presente un mio problema alla segreteria, ma sono stata rimandata a parlare con il capo, la Vicepreside. A lei ho fatto presente che avendo due bambini piccoli avevo problemi ad organizzarmi un giorno alla settimana, cioè poteva capitare che facessi qualche minuto di ritardo. La risposta testuale è stata: "Non me ne importa nulla, sono problemi tuoi, ti organizzi, io non intendo venirti incontro". Puntualmente, qualche occasione di ritardo c’è stata, massimo 5 minuti, in genere arrivavo al suono della campanella.

Fatto sta che alla fine, anche con trucchetti infantili, come far sparire dei libri e farli riapparire magicamente da un’altra parte, dove io non li avrei mai messi, ha convinto anche le altre colleghe che sono una persona lassista, superficiale, inaffidabile, che ha reazioni violente (in due situazioni le ho detto di non trattarmi in modo arrogante, e che non mi sembrava giusto che io mi scusassi con lei delle mie mancanze, eventualmente con tutti i docenti).

Io ho cercato di stringere i denti e di trovare sfogo e sollievo nella cosa che amo di più, insegnare, spiegare, far riflettere, educare, trasmettere buoni principi ai miei ragazzi, sviluppare le capacità critiche, con tanto lavoro loro, ma soprattutto mio, a casa, di correzione, di ricerca ma anche di messa in discussione.

Ovviamente svolgendo il programma nei modi consueti ma anche con qualche innovazione, in una scuola dove queste sono viste come una catastrofe. Che ci volete fare, alla grammatica e al latino (anche se li faccio lo stesso) amo di più la storia, la lettura e parlare tanto con i ragazzi di questi argomenti, ma anche di problemi attuali.
 
A tutto ciò si sono aggiunti problemi personali di salute e altri legati ai bambini, di cui non ho voluto parlare con nessuno per motivi di privacy, quindi sono stata costretta a prendere circa 20 giorni di congedo parentale di cui non avevo usufruito, e di cui avevo pienamente diritto per legge. I giorni li ho presi frazionati quando la collega di sostegno poteva sostituirmi, continuare il programma e non rallentare l’apprendimento.
 
Nel frattempo, mentre portavo avanti un mio progetto sui personaggi grandi della storia che hanno trasmesso idee di cambiamento, spesso lottando contro tirannide, sfruttamento, indifferenza, in tutto il mondo e di tutte le etnie, ma con la non violenza, ho conosciuto e sono rimasta affascinata da una organizzazione non governativa che ha sede nella nostra provincia e propone aiuti, progetti per rendere autonome economicamente, migliorare la situazione sanitaria e scolastica di varie popolazioni del mondo.
 
Con la mia collega di sostegno, che allora credeva ancora in me, abbiamo creato un progetto e abbiamo invitato l'organizzazione in classe a parlare con i ragazzi. Tutto molto bello, ma purtroppo io non mi fermo mai.
 
Questa organizzazione, insieme a vari enti, tra cui la Regione Toscana, promuoveva un corso su una cosa che faccio già in classe, ma solo con il buon senso, l’intuito, cioè l’inserimento e la valorizzazione delle diversità, come un arricchimento e non come un handicap. Anche se molti la intendono limitatamente, vedendo solo l’alunno extracomunitario, che peraltro è il maggiore interessato, ma non solo.
 
Allora ho deciso che quel corso faceva per me, avevo bisogno di creare e crearmi un piano di azione che avesse alla base delle conoscenze profonde di esperti in vari settori. Tra l’altro la creazione di questi progetti di inclusione e valorizzazione non solo è una tematica molto sentita, ma dal prossimo anno diverrà obbligatorio per tutti gli Istituti Comprensivi redigere questo piano. Mi ci sono buttata con tutto il mio entusiasmo di insegnante (con alle spalle scuola, figli, casa, marito, aiuto ai genitori, situazioni di ansia crescente).
 
Quando il corso era già iniziato, ho avuto l’amara sorpresa di scoprire che per proseguirlo avrei avuto bisogno di chiedere dei permessi orari al dirigente, quello vero, che non conoscevo, e con cui non avevo mai parlato, essendo preside di circa 4 istituti, di cui fanno parte moltissime scuole, e tantissimi insegnanti, alcuni altamente insignificanti come me.
 
Quando sono entrata credevo che non mi conoscesse, altroché se mi conosceva, vita morte e miracoli, sapeva tutto su di me, ma quale me? Ebbene quella persona non ero io, era la professoressa incapace, lavativa, menefreghista, interessata solo a stare a casa, tanto che io, scioccata, non ho potuto che rispondere, con la bocca spalancata: "Ma nessuno mi ha mai vista così!".
 
Ho cercato di spiegare del corso, di me stessa, ma ho trovato un muro, un muro vero, non mi ascoltava, continuava a dire che io avevo creato solo problemi, che avrei trovato scuse per stare ancora a casa, che se la situazione mi faceva stare in ansia, mi provocava attacchi di panico, me ne stessi pure a casa, magari fino alla fine della scuola, in astensione o in malattia, “fregandosene” del fatto che i miei ragazzi stavano per avvicinarsi all’esame finale e che quelli più piccoli si stessero finalmente faticosamente avvicinando al concetto di bullismo, e iniziassero a riconoscere nei loro atteggiamenti un bullismo psicologico che è il più devastante.
 
Lui continuava a fare ipotesi, anzi certezze, sulle mie future mancanze e assenze, io lì davanti condannata senza processo, senza difensori, senza ragionevole dubbio. Mi ha proibito di continuare il corso, ha detto che non mi avrebbe concesso nessun permesso orario, neanche se avessi trovato chi mi sostituiva, neanche se avessi rinunciato al mio giorno libero per sostituire i colleghi. Di fronte a questa dimostrazione di dialogo, di discussione democratica, di ottusità, mi sono alzata, gli ho dato la mano, l’ho ringraziato e me ne sono andata con la coda tra le gambe, a piangere amaramente per l’imposizione di non fare questo corso di perfezionamento e soprattutto per la mia identità violata, calpestata, per un’immagine di me distrutta.
 
Tuttavia il giorno dopo avevo già deciso che il corso lo avrei fatto non usufruendo di nessun permesso, ma correndo via velocemente da scuola alla fine delle lezioni e arrivando con 2 ore di ritardo. Ne avrei perse 2 di lezioni, poco importa, perché dovevo accompagnare i miei ragazzi in gita (gita di 2 giorni con ragazzini di 13-14 anni) progettata accuratamente insieme da diversi mesi.
 
Due giorni prima della partenza arriva la doccia fredda, il preside manda un’altra insegnante al mio posto, non mi fa sapere nulla direttamente, solo un fax infilato nella ma cassetta della posta. Provvedimento ampiamente giustificato a livello di numeri, legale - che non sto a spiegare - ma legale sarà davvero se io due giorni prima avevo parlato, spiegato ai colleghi del Consiglio di classe di fronte a 4 rappresentanti dei genitori che saremmo andati nel tal posto, spese, dettagli e soprattutto che li avrei accompagnati io. Il tutto ovviamente verbalizzato.

Certo si può dire che quel giorno ero malata, che ho avuto un problema, che me lo sono creato, che per me era troppo stancante accompagnarli, tutte scuse perché io so che non è vero, io sarò a scuola normalmente e i genitori e i ragazzi hanno il diritto di sapere che non è stata una mia scelta.
 
Per ultimo ho ringraziato vivamente le mie colleghe, soprattutto il capo, che avevano parlato così dettagliatamente di me al Preside, tanto che io stessa non mi sarei saputa descrivere meglio. Nonostante ciò non è tutta colpa loro, in fondo il loro modo di essere democratiche lo hanno appreso dal loro diretto superiore, che nemmeno per un attimo ha messo in dubbio ciò che gli riferivano persone che lavorano con lui da anni, contro una persona arrivata allora, senza conoscenze, alleati e anche un po' “ rivoluzionaria”.
 
Un Preside del Valdarno aretino (Istituto Comprensivo e una scuola superiore), oltre che preside di uno o due Istituti comprensivi di Arezzo, persona altamente stimata, per le innovazioni tecnologiche, la razionalizzazione delle spese interne, teorico di non cambiare i testi che tanto si possono passare ad altri, per il risparmio delle famiglie, veramente eccezionale, ma con un "ma": una volta era un professore che ascoltava i suoi alunni (me lo ha detto mio marito che lo ha avuto come docente), in questo caso si è rivelato un rigido burocrate, incapace di dialogo, di mediazione e giudizio critico, affidandosi al sentito dire, a una sola parte, come chi ascolta le dicerie di paese che diventano verità assolute.
 
Agoravox








Postato il Mercoledì, 15 maggio 2013 ore 04:00:00 CEST di Filippo Laganà
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi