Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485911909 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1238 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
905 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
700 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
698 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
625 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Catania ritorni la città delle mille fontanelle di acqua corrente
·Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
·Convegno nazionale sul middle management nella scuola italiana
·Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
·Emanuele Navarro della Miraglia nel centenario della sua morte e 140 anni dopo la pubblicazione de 'La Nana' il primo romanzo del Verismo italiano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Le interviste impossibili da oltre tomba. L’ASASI evoca lo spirito di Jean-Jacques Rousseau

Recensioni
Alla seduta spiritica della Rete ASASi di questa settimana, tenuta presso la Sala delle Lapidi, è apparso Jean-Jacques Rousseau.
Nato da un’umile famiglia ebbe una gioventù difficile ed errabonda, visse e studiò a Torino e svolse diverse professioni, tra cui quella della copia di testi musicali. Le sue relazioni con tutti gli intellettuali illuministi suoi contemporanei, oltre che con le istituzioni della Repubblica di Ginevra, finirono per deteriorarsi a causa di incomprensioni, sospetti e litigi, e Rousseau morì in isolamento quasi completo. Suo padre, Isaac, un artigiano di modeste condizioni ma di una certa cultura, educò il bambino da solo per i primi dieci anni della sua vita, instillandogli un amore per la lettura e un sentimento patriottico per la Repubblica di Ginevra che Jean-Jacques avrebbe conservato per tutta la vita.

Studiò inoltre la geometria, il latino, la storia, la geografia e l’astronomia. Con Françoise-Louise de Warens, di tredici anni più anziana e da lui soprannominata maman, Rousseau intrattenne anche una relazione sentimentale, i cui piaceri rievocò poi nelle Confessioni. Nel 1737 Rousseau si assentò da Chambery in due occasioni, prima (a luglio) per recarsi a Ginevra a ritirare l’eredità di sua madre e poi (a settembre) per consultare un medico in seguito a un problema al cuore; durante questo secondo viaggio ebbe una breve ma appassionata relazione amorosa con una donna incontrata durante il tragitto, Madame de Larnage. Per quanto breve il soggiorno di Rousseau a Venezia fu significativo, perché fu in questa occasione che egli iniziò a stendere alcune riflessioni sul malgoverno della città che posero le basi di un ampio trattato di filosofia politica, le Institutions politiques; questo testo rimase incompiuto, ma in seguito ne venne estratto quello che sarebbe divenuto il Manoscritto di Ginevra e, quindi, Il contratto sociale. Gli abbiamo posto alcune questioni:
Rete ASASi: Professor Rousseau, Nel 1753 venne pubblicata una nuova questione dell’Accademia di Digione: «Qual è l’origine della disuguaglianza fra gli uomini e se essa è autorizzata dalla legge naturale.» Il Discorso sulle scienze e le arti rappresenta un’aspra critica della civiltà (civilization) contrapposta allo stato naturale, di assoluta felicità, dell’uomo. Rousseau argomenta che i rapporti tra gli uomini all’interno della società sono profondamente viziati da un’attitudine ineliminabile alla menzogna e all’ipocrisia, tanto che è in generale impossibile distinguere l’apparenza di ciascuno dal suo essere reale. Cosa pensa lei, eminente pedagogo, della formazione professionale in Sicilia?
Jean-Jacques Rousseau: Come sarebbe dolce vivere tra noi, se l’atteggiamento esteriore fosse sempre l’immagine delle disposizioni del cuore. Prima che l’arte avesse modellato le nostre maniere e insegnato alle nostre passioni un linguaggio controllato, i nostri costumi erano rozzi, ma naturali. La natura umana, in fondo, non era migliore; ma gli uomini trovavano la base della loro sicurezza nella facile penetrazione reciproca. Nel momento in cui diventa impossibile rapportarsi al prossimo con assoluta sincerità, si ha l’emergenza del vizio. La Formazione professionale Regionale in Sicilia è un bel corteo di vizi! Addio stima reale, addio fiducia fondata. È così, che la depravazione dei costumi è avanzata di pari passo con il progresso dei finanziamenti clientelari. La perdita della virtù ha causato enormi abusi, ha generato una diseguaglianza convenzionale (indipendente dalla naturale differenza di forza o di ingegno tra due individui) molto maggiore della diseguaglianza naturale, e ha viziato in profondità la stessa costituzione delle società umane. L’assessore Centorrino ha appena finanziato 289 milioni di euro per gli Enti di formazione collegati a partiti e sindacati. Ma si stanno perdendo 1,6 miliardi che la Regione non riesce a spendere perché non ha deciso come lottizzare. Si perdono 1,6 miliardi e si escludono dal finanziamento le scuole statali che potrebbero fare formazione seria collegata con aziende presenti sul mercato.
Rete ASASi: Professor Rousseau, le sue tesi, esposte nel Discorso sulle scienze e le arti, erano evidentemente in aperto conflitto con la visione del mondo di un’epoca, quella illuminista, che riconosceva al progresso scientifico e culturale un ruolo molto positivo nel miglioramento dell’uomo, liberato dalla superstizione e affrancato dal suo stato di minorità. Cosa pensa dell’iniziativa del Ministro profumo di destinare 30 milioni di euro agli studenti eccellenti?
Jean-Jacques Rousseau: Sono d’accordo con Profumo. Non dobbiamo proporre una scuola elitaria, ma il modello di un allievo ideale. Émile appunto, che richiede, un’umanità retta e virtuosa, che solo un’educazione accurata e ponderata dei singoli individui può sviluppare: per la società nuova è necessaria una nuova umanità, una generazione di cittadini consapevoli e buoni, di cui idealmente Émile è il primo rappresentante. Quello dell’Émile (la proposta del modello di studente bravo e serio) può essere letto come un «programma minimo», come un tentativo di riforma morale e civile sulla piccola scala dell’individuo, che viene intrapreso perché si riconosce l’impossibilità pratica di attuare una simile riforma sulla grande scala dello Stato. Alcuni hanno interpretato l’Émile come un tentativo di portare l’uomo alla felicità all’interno dello Stato e della società, cioè come una riscrittura del Contratto sociale non più nell’ottica di modellare uno Stato legittimo, bensì nell’intento di formare alla moralità un singolo individuo, di renderlo capace di rapportarsi correttamente con la comunità e di fargli ottenere così l’unica felicità possibile al di fuori dello stato di natura.
Rete ASASi: Professor Rousseau, cosa pensa del poco onorevole Gianfranco Micciché che ha detto di Maria Falcone: “Ci avissiru a dari timpulate” (dovrebbero schiaffeggiarla) e “Sul fratello morto vuole speculare fino all’ultimo”, e che ha contestato l’intitolazione dell’aeroporto di Palermo con la motivazione: “Intitolare l’aeroporto a Falcone e Borsellino è un errore dal punto di vista del marketing?”.
Jean-Jacques Rousseau: Riguardo a Gianfranco Micciché, bisogna distinguere i bisogni dell’infante dai suoi capricci, assecondando senza esitazione i primi e ignorando completamente i secondi. Occorre assicurare a Micciché una buona educazione contro la corruzione a cui la società che lo circonda lo fa andare incontro. Queste circostanze minimizzano la capacità di Gianfranco di dedicarsi ad attività impegnative come gli studi. Sempre condotto da un obiettivo pratico, cioè sempre immediatamente consapevole dell’utilità di quello che studia, Émile - Gianfranco deve essere in grado di entrare a contatto con l’umanità in modo che egli la capisca a fondo, più che invidiare gli altri uomini. Comunque, per come è stato educato, il suo naturale amor di sé prevarrà sempre. L’educazione sociale e morale di Micciché deve essere completata dall’introduzione alla religione, alla quale è dedicata una larga parte del mio quarto libro sotto forma della Professione di fede del vicario savoiardo. Infine, Gianfranco, deve essere davvero introdotto in società: sulla quale il precettore non ha mancato di alimentare le aspettative del discepolo in modo che egli non si accontenti di niente di meno di quello che merita: inevitabilmente disprezzerà la lussuosa e corrotta civiltà urbana. Evidentemente, con le critiche a Falcone e Borsellino voleva accreditarsi presso qualcuno, chissà verso chi?         

Roberto Tripodi, robertotripodi@virgilio.it,






articoli correlati




Postato il Venerdì, 15 giugno 2012 ore 15:49:35 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi