Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487603975 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
917 letture

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
901 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
820 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
657 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
630 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Non vogliamo una scuola di sole 'competenze'
·Il 27 settembre i COBAS scioperano insieme a Fridays for future
·Ferdinando Pagliarisi (segretario generale Cisl Scuola): “Dispersione fa rima con disoccupazione”
·Nuovo confronto aperto sulla Scuola italiana. Il punto di vista dei Collaboratori del Dirigente Scolastico
·Concorso straordinario infanzia e primaria. Rettifica erronea attribuzione punteggi per titoli e servizi


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Satira: Intervista a Salvo Lima

Rassegna stampa
Salvo LimaNel corso della settimanale seduta spiritica, finalizzata a influenzare Antonella Clerici perché riconvocasse il presidente dell’ASASi per “La Prova del Cuoco” in data martedì 1 marzo 2011 ore 12,00, si è invece materializzato lo spirito di Salvatore Achille Ettore Lima Vicesindaco di Palermo dal 1956 al 1958 e primo cittadino del capoluogo siciliano dal 1959 al 1963 e poi dal 1965 al 1968.
I Garanti dell’Associazione, invece della solita intervista, hanno deciso di intentargli un vero e proprio processo postumo.
ASASi: On. Lima, l’ispettore della Polizia di Stato Salvatore Bonferraro, nel 1996, nel processo a carico di Giulio Andreotti, affermò che lei fu in rapporti di affari con Ciccio Vassallo, notissimo costruttore palermitano, in odore di mafia, è vero?
Salvo Lima: non solo è vero, ma fu lui a darmi la mia bella casa sita al civico 175 della via Marchese di Villabianca (nota di trascrizione 19866 del 15/07/1961). Io in cambio feci approvare un Piano regolatore con indice di fabbricabilità di 12 metri cubi su metro quadro, una cosa mai vista, e invece di costruire nuove scuole feci affittare dal Comune i suoi appartamenti e li adibii a scuola. Gli anni dal 1966 al 1968 furono per Palermo anni meravigliosi, costruttivamente parlando, poi gli studenti riempirono le piazze contro la mafia e la pacchia terminò.
ASASi: On. Lima, è vero che nel 1974 lei fece dimettere Paolo Sylos Labini dal comitato tecnico-scientifico del ministero del Bilancio, di cui faceva parte da circa dieci anni, quando Giulio Andreotti, ministro in carica per quel dicastero, la nominò come sottosegretario?
Salvo Lima: Guardi io non c’entro niente. Prima delle dimissioni, Sylos Labini sollevò il problema col presidente del consiglio Aldo Moro, il quale affermò di non poter fare nulla in quanto «Lima è troppo forte e troppo pericoloso». Sylos Labini si rivolse allora direttamente ad Andreotti, affermando: «O lei revoca la nomina di Lima, che scredita l’immagine del ministero, o mi dimetto». Andreotti non lo lasciò nemmeno finire e lo liquidò.
ASASi: On. Lima, il pentito Tommaso Buscetta rilasciò nel settembre del 1992 alcune dichiarazioni secondo cui lei aveva avuto rapporti (senza essere affiliato) con la famiglia mafiosa dei La Barbera (della quale invece era stato parte suo padre Vincenzo). Egli inoltre affermò di essersi incontrato con lei nel 1980 durante la sua latitanza. È mai possibile?
Salvo Lima: questi pentiti ci hanno rovinato, speriamo che il Presidente riesca nel suo tentativo e faccia una legge che li neutralizzi, che impedisca le intercettazioni, che faccia durare i processi cento anni, altrimenti qui finisce che Cosa Nostra dovrà chiudere i battenti. Anche il pentito Gaspare Mutolo ha spiegato ai magistrati inquirenti Pier Luigi Vigna e Paolo Borsellino il ruolo di mediatore ricoperto da me tra mafia e politica, riconoscendo responsabilità in capo all’onorevole Giulio Andreotti. Nella sentenza di primo grado del processo contro lo stesso Andreotti (pronunciata il 23 ottobre del 1999), la Corte dichiara nella seconda sezione del provvedimento emanato, che dagli elementi di prova acquisiti si desume che già prima di aderire alla corrente andreottiana, l’on. Lima aveva instaurato un rapporto di stabile collaborazione con “Cosa Nostra”.
ASASi: On. Lima, e del pentito Leonardo Messina, che effettuò dichiarazioni ai giudici in merito alle sue responsabilità nei tentativi di aggiustamento del maxiprocesso alla mafia, che dice?
Salvo Lima: Eravamo quasi riusciti ad aggiustare il maxiprocesso! Avevamo fatto inserire un pubblico ministero da noi ricattato. Ci hanno rovinati il Giudice Giovanni Falcone, il Giudice Alfonso Giordano che ci sembrava un ometto innocuo e invece si rivelò una roccia di Capo Gallo (800 kg. su cmq. alle prove di schiacciamento a rottura in laboratorio) e quegli studenti che venivano a vedere le udienze del processo. Cari presidi, voi non dovete mandare gli studenti alle udienze dei processi di mafia: senza di loro i parenti dei mafiosi intimidiscono carabinieri e giudici, con loro presenti cambia l’atmosfera. I giudici si ringalluzziscono, i carabinieri fanno la faccia feroce, insomma, così non ci date tregua.
ASASi: On. Lima, la sua fine fu violenta: il 12 marzo del 1992, mentre stava per recarsi a lavoro dalla sua villa di Mondello a bordo di un’auto civile guidata da un docente universitario, con un suo collaboratore ed assessore provinciale, un commando con alla testa due uomini in motocicletta sparò alcuni colpi di arma da fuoco contro la vettura bloccandola. Gli altri occupanti del mezzo non furono presi di mira dagli assassini che, contrariamente all’abitudine, non distrussero la moto impiegata per il delitto. Mentre scendeva dall’auto cercando di mettersi in salvo venne raggiunto dai killer e ucciso a colpi di pistola. Non fu neppure possibile farle il processo.
Salvo Lima: Macché, appena arrivato al cospetto di Dio, quel gran corn… di S. Pietro mi ha condannato subito all’Inferno, senza tenere conto del difetto di notifica, delle attenuanti, senza interrogare i mille testimoni che avevo citato, senza spostare l’udienza visto che il mio avvocato aveva presentato un falso certificato medico che attestava un grave raffreddore, senza prendere in considerazione l’appello, né la mia richiesta di ricusazione! Ma è un’ingiustizia però!

R.T. dalla letterina ASASI - Rete delle scuole autonome della Sicilia ( asasisicilia@alice.it )

Letterina n. 269 - 17 febbraio 2011 formato open document (.odt)


Qualora non riuscisse ad aprire la Letterina in tale formato, con il seguente link è possibile scaricare la letterina in formato pdf

Letterina n. 269 - 17 febbraio 2011 formato PDF (.pdf)


o in formato word 2003 (senza formattazioni e immagini) contenuta in un file .zip


Letterina n. 269 - 17 febbraio 2011 formato word 2003 (.doc)






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Martedì, 22 febbraio 2011 ore 11:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi