Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486097114 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1258 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
986 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
760 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
728 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
674 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·L’Università di Messina con il corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Navigazione approda all’ITT Ettore Majorana di Milazzo
·Fiera Didacta Italia 2019: intervento della Rete Nazionale dei Licei Classici
·Incontro - Gemellaggio Sicilia-Cina. 'Scambiando si impara'
·San Giuvanni Decullatu, un classico martogliano portato in scena dagli alunni del Laboratorio Teatrale dell'I.I.S.S. Majorana - Meucci di Acireale in occasione degli eventi estivi acesi 'Acireale Summer 2019'
·L’ITT Majorana di Milazzo tra le tre sedi nazionali per la certificazione fiso rilasciata da Enac


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: DEGLI AMORI TRAGICI di GIROLAMO BRUSONI

Rassegna stampa

Girolamo Brusoni
Degli amori tragici. Istoria esemplare
a cura di Emanuela Bufacchi
Salerno Editrice, 2009


Un romanzo seicentesco che parla delle vestali dell’antica Roma, per parlare, in realtà, delle suore dei conventi cattolici. Lo stratagemma fu pensato da Girolamo Brusoni (ca. 1614-1686), letterato e storico, originario del Polesine, caratterizzato da una vita irregolare, dopo gli studi a Ferrara e a Padova. A Venezia si avvicina agli ambienti libertini, entrando a far parte dell’Accademia degli Incogniti, e proprio alla luce della filosofia libertina del tempo può essere letto questo romanzo ‘a chiave’ e, insieme, ‘a tesi’.

La nuova edizione è curata con ottima competenza critica e apprezzabile scrupolo filologico da Emanuela Bufacchi, la quale scrive nella sua ricca introduzione: “Dalla speculare rappresentazione di vestali e monache si ricava la dissolutezza di quest’ultime, avvezze più di quelle agli stupri, ai veleni, agli aborti, alla fuga dai chiostri, insomma a quella molteplicità di colpe che rendono il convento un luogo infernale”. Degli amori tragici racconta infatti episodi di sesso, di violenza e di sangue di cui sono protagoniste le vestali della Roma pagana, con un certo gusto per il macabro e l’orrido di stampo senechiano (lo nota giustamente Emanuela Bufacchi).

L’allontanamento cronologico della vicenda in un’epoca distante diversi secoli consente all’autore di aggirare la censura. Stessa funzione assolve l’impostazione apparentemente moralistica della narrazione, che si configura retoricamente come un exemplum (Istoria esemplare è, del resto, il sottotitolo del libro). Tuttavia, alla morale esplicita inneggiante alla religione e alle sue prescrizioni di continenza e castità, si aggiunge (si sostituisce, alla fine di un’attenta lettura) una morale implicita, che pare però quella effettivamente condivisa dall’autore: “Se si lasciasse libera la volontà delle sfortunate donzelle, farebbe per avventura il Cielo che maggior numero di vestali si troverebbe, né tra loro nascerebbono di quegli accidenti che a giornata s’ascoltano recitarsi dal vulgo con nostra vergogna; ché quando di loro intenzione si dedicassero a Vesta, se non altro per non mostrare alle genti d’aver fatto cattiva elezione, si starebbono contente del loro stato e, quando loro incontrasse qualche mala soddisfazione, non potendo lamentarsi d’altri che di sé stesse, per non dir male di sé medesime si tacerebbono”.

Insomma, un’accusa molto dura e diretta al malcostume di certi padri che monacavano a forza le loro figliole (la Gertrude manzoniana – anche l’epoca è quella – docet). Inoltre c’è, da parte dell’autore, una difesa di quegli istinti naturali che trovano nell’appetito sessuale la loro normale estrinsecazione. A tale proposito dichiara uno dei personaggi, Porzia, a Ennio, per invitarlo a cedere alle sue voglie: “Non siamo noi forse donne come l’altre? Non abbiamo i medesimi sentimenti? Non siamo sottoposte alle medesime passioni? Ti pensi tu forse che quando veniamo rinchiuse quaddentro ci trasformiamo di donne in statue di marmo o pure che perdiamo quei membri che ci fanno conoscere per donne? Anzi che noi, dolcissimo Ennio, meglio dell’altre donne sappiamo amare e con più sensitivi diletti possiamo contentare i nostri amici; e, perché tu non pensi che le mie parole sieno ciance gittate al vento, puoi tu ora per te stesso farne la prova per mia felicità e per tua consolazione”.

La prima parte di questo discorso presenta parole molto simili a quelle pronunciate, in diverso contesto e in diversa situazione, dalla Ghismonda di Boccaccio, nella celebre novella della quarta giornata, a perorare i diritti della natura su un malinteso senso dell’onore.









Postato il Mercoledì, 09 dicembre 2009 ore 00:00:00 CET di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi