Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 585605099 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2024

Gran Galà 2024 del Convitto Cutelli: l’addio delle quinte classi fra danze, sorrisi e lacrime
di a-oliva
438 letture

Aperitivo culturale, III edizione: un anno di Redi
di m-nicotra
364 letture

Tre, due, uno… si parte!!!! Dall’Italia all’America viaggiando con la lettura
di m-nicotra
356 letture

QUANDO PARLA LA MUSICA. Festival internazionale dei Cori in Val Pusteria. La Sicilia presente con il coro di voci bianche “Vincenzo Bellini”
di a-oliva
351 letture

Esami di Stato a.s. 2023/24 - Pubblicazione nomine Commissione
di m-nicotra
348 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Di chi è la colpa - Terzo classificato, categoria revenge porn - IVB Capizzi Bronte
·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: MA DOVE SONO I PROFESSORI MASCHI NELLA SCUOLA?!

Opinioni
da La Gazzetta del Mezzogiorno
Lunedì, 20 Marzo 2006

«Quote celesti» nella scuola: 95% degli insegnanti sono donne

Mentre in politica si discute di rafforzare le presenze femminili, nel mondo dell'istruzione si pone un fronte contrario: assicurare una «congrua» presenza di maestri e professori maschi. Le cattedre delle elementari sono praticamente tutte al femminile e oramai anche la grande maggioranza degli insegnanti alle medie e ai licei

ROMA - Dalle «quote rosa» alle «quote celesti». Mentre si discute ancora -con l’approssimarsi delle elezioni politiche - delle «quote rosa» non garantite per rafforzare la presenza delle donne in Parlamento, pedagogisti, psicologi e sociologi, interpellati insieme al ministro per le pari opportunità Stefania Prestigiacomo, aprono un nuovo «fronte», opposto e parallelo: introdurre le «quote celesti» nella scuola per assicurare una «congrua» presenza di maestri e professori maschi, mentre le cattedre delle elementari sono praticamente tutte al femminile e oramai anche la grande maggioranza degli insegnanti alle medie e ai licei.
Come dimostrano i dati di una recente ricerca del sindacato Uil-scuola, infatti, «nella scuola dell’infanzia le donne sono praticamente la totalità; nella scuola primaria il «signor maestro» è praticamente sparito, ridotto a meno del 5%; nella scuola secondaria di primo grado la femminilizzazione avanza superando ormai i tre quarti dei posti disponibili; nella secondaria di secondo grado siamo vicini al 60%». Solo nella dirigenza, la presenza femminile è decisamente più bassa, «ma il trend è in costante crescita, di circa un punto percentuale ogni anno».

Più in particolare, nel 2004 -ultimo anno per il quale sono disponibili le statistiche aggiornate- le donne risultano essere il 99,6% degli insegnati nelle scuole materne, identica percentuale rispetto a cinque anni prima; il 95,4% nelle scuole elementari (erano il 94,2%); il 75,5% nelle scuole medie (rispetto al 74,1%) e il 59,2% nelle scuole superiori (contro il 57,2% registrato cinque anni fa).
«Il problema della compresenza di tutte e due le figure educative, quella maschile e quella femminile, è serio e riguarda la scuola al pari della famiglia - sottolinea il sociologo Sabino Acquaviva - I bambini e anche i ragazzi hanno bisogno dell’insegnamento maschile e di quello femminile, come dimostrano i disagi che hanno sempre denunciato i figli orfani di padre. A maggior ragione oggi che, con la disgregazione della famiglia tra separazioni, divorzi e coppie di fatto più o meno stabili, la presenza del padre, comunque già di per sé limitata dal lavoro, non sempre è «garantita». La figura maschile non può essere assente anche a scuola, dove i bambini trascorrono le ore più importanti della loro giornata, formando il loro carattere».

Per Acquaviva, «stiamo costruendo la prima società davvero al femminile, anche se i vertici restano al momento ancora in mano agli uomini, perché più aggressivi, più opportunisti o semplicemente più interessati al potere. Ma interi settori, non solo la scuola, sono oramai a netta preponderanza femminile, quando sarebbe invece opportuna e necessaria una miscela fra maschi e femmine. Credo che presto si porrà nella società una «questione maschile», a cominciare dalla scuola, dove è giunta l’ora di miscelare i due sessi per evitare che diventi «unisex». Anche perché - osserva ancora Acquaviva - difficilmente un ragazzo deciderà di fare il maestro o il professore in futuro, se vedrà che quel ruolo è sempre impersonato da una donna».

Il ministro per le pari opportunità Stefania Prestigiacomo, la principale propugnatrice della legge sulle «quote rosa» che avrebbe dovuto fissare una percentuale minima comune per tutti i partiti nelle candidature per il Parlamento, non si tira indietro rispetto all’idea che va in direzione esattamente opposta: l’introduzione appunto delle «quote celesti» nelle scuole elementari e medie. «Va benissimo - risponde il ministro - A patto che lo stesso si faccia dove le donne sono ancora in netta minoranza».
Per la Prestigiacomo, infatti, «è giusto che ci siano tanti maestri e professori uomini. Esattamente quanto è giusto che ci siano però anche tanti ambasciatori donne, tanti rettori e professori di Università donne, tanti direttori di giornale donne, tanti magistrati di Cassazione donne, tanti dirigenti di Ministero donne; e l’elenco potrebbe continuare a lungo...».

Dunque, la sua proposta è: «Prima pareggiamo i mille settori in cui le donne sono minoranza -sfida il ministro per le pari opportunità- Poi sarà certamente opportuno occuparsi anche della scuola, ovvero dell’unico settore in cui sono maggioranza». «E’ da tempo che ci si interroga su come affrontare questo problema -conferma il pedagogista Luciano Corradini, presidente dell’Uciim, l’Unione cattolica di insegnanti, dirigenti e formatori, docente di Pedagogia prima alla università «Statale» di Milano poi alla «Sapienza» di Roma- Non si tratta di porre una sorta di pregiudiziale in difesa di una categoria, quella degli insegnanti maschi, rispetto a un’altra: ma la realtà dei fatti è sotto gli occhi di tutti, incontestabile; e in qualche modo occorrerà porvi un rimedio o quanto meno riequilibrarla. Le quote riservate possono apparire antipatiche ma talora sono necessarie».

Per Corradini, infatti, «la vita scolastica deve essere concepita alla stregua della vita nella comunità, dove è bene che vi sia la presenza di uomini e di donne, entrambi indispensabili per la crescita culturale e soprattutto psicologica dei più giovani. Inoltre - conviene il pedagogista - trovandosi davanti solo figure femminili, i ragazzi si sentiranno sempre più marginalizzati all’interno delle aule scolastiche: da un lato, rifiuteranno categoricamente di intraprendere una professione etichettata come femminile, adatta solo alle donne; dall’altro, come in parte già avviene, si percepiranno come la parte più debole reagendo con atteggiamenti aggressivi che possono sconfinare nel bullismo».
Ecco allora che «occorre indubbiamente cercare di riequilibrare la composizione scolastica per quanto riguarda i generi, maschile e femminile. Non si può lasciare tutto al “libero mercato” anche se regolato da concorsi pubblici, perché per i motivi che conosciamo, dalla disponibilità oraria alla bassa retribuzione, è oramai chiaramente e irreversibilmente indirizzato verso una direzione ben precisa». Lungo una strada sempre più “rosa” ma proprio per questo sempre meno “celeste”.









Postato il Martedì, 21 marzo 2006 ore 00:15:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.39 Secondi