Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547670701 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1922 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1875 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1800 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1732 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1715 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Bocelli e Mitoraj a Noto per promuovere i siti Unesco Siciliani
·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: A Napoli o dalla parte della camorra o dalla parte dello Stato

Sindacati
La scuola partenopea ha l’occasione storica di porsi e di assumersi la responsabilità di intervenire sul problema della legalità a Napoli proprio ora sull’onda dell’emozione provocata dai fatti del rione Traiano.
I presidi napoletani in particolare se vogliono contribuire al dibattito nazionale sulla legalità a Napoli intervengano senza pudore e senza veli entrando però nel merito e magari aprendo la piaga ora e dicano la loro. Si può a Napoli sperare che lo Stato comprendendo nello Stato la scuola napoletana con i suoi docenti e i suoi presidi esprima quello scatto di orgoglio che serva ad invertire una tendenza di illegalità diffusa e corrosiva di tutto il tessuto sociale?
I giornali hanno riportato notizie allucinanti tipo quello che la gente gridava al corteo funebre del giovane Davide Bifolco ucciso perché non si era fermato al posto di blocco con il motorino alle 2 di notte e con tre amici a bordo senza documenti e senza casco: «La camorra ti protegge, lo Stato ti uccide».
Si percepisce in questi quartieri della città una carica antistato diffusa nella cultura popolare Luigi Bobbio, per anni pm anticamorra a Napoli, poi senatore e sindaco di Castellammare di Stabia (Napoli), oggi giudice al Tribunale civile di Nocera Inferiore (Salerno) posta su facebook un giudizio severo asserendo che il carabiniere «è la sola è unica vittima di quanto è accaduto, vittima del suo senso del dovere e del fatto di essere chiamato a operare in una realtà schifosa la cui mentalità delinquenziale e la inclinazione a vivere violando ogni regola possibile è la normalità …giustificazionismo, buonismo, perdonismo e pietà non solo non servono a niente ma aggravano il male. A 17 anni si è uomini fatti e gli uomini sono responsabili delle loro scelte, delle loro azioni, dei loro stili di vita …quello che a me interessa è che un bravo ragazzo in divisa stia bene e non abbia riportato danni nel fare il suo dovere inseguendo con i colleghi, di notte, tre teppisti su un ciclomotore, senza caschi, uno dei quali era evaso dagli arresti domiciliari e che avevano forzato un posto di blocco e comunque non si erano fermati all'alt facendosi inseguire a folle velocità …il fatto che sbandati come loro, parenti e non del morto, vogliano giustificarli mostrando di ritenere normale la loro condotta che evidentemente ritengono normale mi fa solo disgusto».
Queste le parole di un magistrato in trincea con il quale non si può non essere d’accordo.
E ancor di più «i disordini di piazza, le sommosse di teppisti e familiari che bruciano auto della polizia per vendicare uno di loro sono folli e inammissibili e vanno represse con durezza». Secondo Bobbio «il problema non è nella vicenda in sè ma piuttosto in quella ignobile gazzarra che sta percorrendo le strade del rione Traiano. È quella gente, la sua insofferenza alle regole, la sua cultura del disordine la causa e l'origine di episodi come quello in questione».
Altrettanto dure e indignate le reazioni delle forze dell’ordine : «Mettetevela voi la divisa. Andateci voi al "Bronx" di San Giovanni a Teduccio a fare i posti di blocco. Fermateli voi i pregiudicati a piazza Garibaldi alle quattro del mattino. Mentre voi ogni sera ve ne tornate a casa sereni a coccolare mogli e figli, quando ve ne andate sereni a letto a dormire, provate a pensare a noi. A quello che facciamo, quando il cuore ci batte a tremila. Pensateci e poi magari ne riparliamo. Anzi, giacché ci siamo: dite a Caldoro e a de Magistris di venirsene a stare una notte insieme a noi. Loro che sono bravissimi nell'esprimere i sentimenti di lutto quando muore un ragazzo al Rione Traiano, ma mai pronti a spendere una sola parola per noi, che essendo servitori delle forze dell'ordine siamo anche servitori dello Stato».
«Siamo qua. Mentre qualche alto magistrato della Procura si gode ancora le ferie, beato lui - si sfoga Matteo, 24 anni, da tre in forza all'Arma, prima destinazione l'inferno, leggi Napoli - io invece sono qua con i miei colleghi a rispettare i turni per il Radiomobile. L'altra notte è toccato al mio amico, ma al posto suo avrei potuto esserci io».
Su facebook ho trovato un post della preside Daniela Salzano impegnata nella cultura alla legalità a Napoli che riporto:  "La parte di chi educa i figli al senso civico, al rispetto della polis, al senso di comunità; la parte di chi attraversa certe fette della città con il cuore in gola perché non sa che cosa può succedergli ma le attraversa lo stesso perché qui ha scelto di restare, nonostante tutto; la parte di chi aspetta alla pensilina un pullman o un treno che neanche a Bophal funzionano così. La parte di chi non cerca certificati medici a buon mercato per giustificare assenze inesistenti, ma che considera il lavoro una religione laica, che rispetta gli orari, che chiede permesso, che dice buongiorno, che lascia una donna passare prima. La parte di chi non ha nulla a che fare con le urla ossessive della gente che al Rione Traiano ha urlato “Assassini in divisa” o “Lo Stato uccide, la camorra ci difende”. Possiamo provare a capire il dolore di una mamma e di un quartiere ma non solidarizziamo con coloro che hanno fatto della illegalità la ragione di vita, che non denunciano mai un abuso della camorra ma che sono pronti a distruggere auto e simboli dello Stato di fronte a un errore gravissimo, come quello del carabiniere."
Prima che del carabiniere di pochi anni più vecchio che ha sparato uccidendolo, Davide Bifolco, il 17enne ammazzato a Napoli mentre fuggiva dalle forze dell'ordine, è vittima della sua città. Dove è normale andare in tre in motorino, come andava Davide alle 2.30 del mattino, è nelle cose girare senza casco e viaggiare sulla sella di un latitante e a fianco di un pregiudicato. Dove forzare un posto di blocco viene ritenuto prassi se non una prova di coraggio e virilità. Napoli è una città che vive al di fuori della legge, i cui abitanti, anche quelli che non sono criminali, tengono abitualmente comportamenti che in altre parti d'Italia non sono tollerati. Peggio, spesso non sono subiti con fastidio ma accettati con compiacenza come un tratto caratteristico della città, un qualcosa di pittoresco da fare con orgoglio. L'indagine chiarirà se il carabiniere è un assassino, di certo Davide è vittima anche della Napoli che lo piange e lo descrive come il bravo ragazzo che, probabilmente, non era.
Sono poche comunque le prese di posizione nel mondo della scuola napoletana. E’ giunto il momento di cambiare registro. Non servono a niente i progetti sulla legalità perché sono soldi buttati al vento se non determinano una nuova consapevolezza e una presa di posizione collettiva. Cosa ne pensa l’USR di Napoli? Cosa ne pensano le istituzioni culturali e le centrali educative partenopee?
Noi stiamo dalla parte delle forze dell’ordine e dalla parte del magistrato Bobbio senza se e senza ma.

Salvatore Indelicato, s.indelicato@libero.it
Vice Pres. ASASI Associazione Scuole Sicilia
Cell 330365449








Postato il Lunedì, 08 settembre 2014 ore 19:25:09 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi