Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 454402359 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2018

Fashion Day all’Istituto De Nicola di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
980 letture

La Cattiva scuola è ritornata buona?
di m-nicotra
755 letture

Attori senza diversità
di m-nicotra
698 letture

Usate la testa!. Una lezione di Educazione Stradale al Polivalente di San Giovanni La Punta
di a-battiato
630 letture

Chi si innamora troppo di sé stesso, non avrà contendenti
di s-indelicato
627 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Progetto “Percorsi di Libertà – Come contrastare la violenza maschile sulle donne” - Presentazione libro
·Graduatorie Ambiti Territoriali Diocesani per l’individuazione del personale soprannumerario a.s.2017/18
·Pubblicate sul sito del MIUR le comunicazioni che riguardano le innovazioni introdotte per la certificazione delle competenze e Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione
·Elezioni degli Organi Collegiali a livello di Istituzione Scolastica – A.S. 2017/2018
·Decolla l’Alternanza Scuola-Lavoro con il protocollo siglato dall’Ambito Territoriale di Catania e la Società Aeroportuale di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lavoro: Smontata dalla magistratura di Catania, dopo sette anni, la denuncia infondata della C.G.I.L. alla scuola di Valverde.

Giurisprudenza
Giorno 9 Aprile 2013, presso il Tribunale di Acireale, il giudice dott. Roberto Camilleri ha emesso una importante sentenza. Tale sentenza ha assolto, con formula piena, perché il fatto non sussiste, 10 operatori scolastici dell’Istituto Comprensivo “P.G. M. ALLEGRA” di Valverde. Sono stati assolti: il Direttore dei servizi generali ed amministrativi, cinque assistenti amministrativi e quattro collaboratori scolastici. Il giorno 10 giugno 2013, è stata depositata, dallo stesso giudice, la motivazione della sentenza. Oggi, trascorsi i giorni previsti per legge, la sentenza è definitiva, non più appellabile.
La scuola di Valverde può gioire perché è stata, definitivamente, resa giustizia al personale amministrativo, che, da tanti anni, lavora con grande impegno nella scuola. Sono stati pienamente assolti, la direttrice dei servizi generali e amministrativi, Signora Russo Rita; gli assistenti amministrativi Bertolo Nicola Alfio, Carcò Luisa, Giuliano Concetta, Napoli Angela, Ponti Agata; i collaboratori scolastici Fusari Giuseppe, Lizzio Maria Grazia, Mannino Carmelo e Tosto Carmelo.

La vicenda giudiziaria, in se stessa, ha avuto inizio, però, nel dicembre del 2004.
In tale anno infatti, un assistente amministrativo della stessa scuola, responsabile sindacale aziendale della CGIL-scuola, ha presentato in data 15/09/2004, (quello che si presentava come)  un “circostanziato” esposto denuncia alla Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Catania, per segnalare che nella sede amministrativa della scuola: “si sono verificati e continuano a verificarsi dei fatti criminosi (mancato rispetto dell’orario di lavoro da parte dei pubblici impiegati e omissione e falsità nelle certificazioni di presenza) il cui accertamento e impedimento è necessario per evitare che essi vengano portati a più gravi conseguenze dannose oltre quelle che già si siano  potute verificare”.
A seguito di tale esposto, come fedelmente riportato, la Procura della Repubblica ha, immediatamente, disposto, come era doveroso, una accuratissima indagine conoscitiva.
Per tutto il mese di novembre 2004 e fino al giorno 9 dicembre 2004, la Guardia di Finanza ha effettuato, con i propri uomini, un intensissimo giornaliero controllo, anche con pedinamenti, di tutto il personale amministrativo della scuola.
Il giorno 10 dicembre 2004, ben 16 finanzieri, comandati dal loro Capitano della compagnia, sono venuti a scuola e, nell’arco della giornata, hanno sequestrato tutti gli atti relativi al controllo delle presenze e delle assenze del personale ATA.
La Guardia di Finanza il giorno 04/09/2006, a quasi tutto il personale amministrativo  della scuola, comunica che è stato iscritto nel registro degli indagati. Risultano, pertanto, imputati, da questa rigorosa indagine: il dirigente scolastico Salvatore Patti per il reato di omissioni in atti di ufficio, di falso ideologico e truffa; il direttore dei servizi generali e amministrativi e sette (7) assistenti amministrativi per il reato di falso ideologico e truffa; quattro (4) collaboratori scolastici per il reato di falso ideologico e truffa. Il giorno 20 settembre 2006, la guardia di finanza emette un comunicato stampa, dando notizia che 13 dipendenti amministrativi della scuola di Valverde  sono stati rinviati a giudizio perché ritenuti responsabili per i reati di falso ideologico e truffa.

Esplode, inevitabile a dirsi, l’assalto mediatico dei quotidiani regionali e tv locali. Il giorno 21/09/2006 sia “la Sicilia” di Catania che il quotidiano “Giornale di Sicilia” di Palermo, fanno a pezzi la scuola. “La Sicilia” di Catania titola: “A lavoro? Si, no, forse….”; il Giornale di Sicilia invece: “Facevano shopping anziché lavorare”; sotto titolo: “Valverde, preside e altri 12 indagati”. Ovviamente, tutte le firme di “peso” dei due quotidiani si sono scatenati a distruggere la scuola. Anche le televisioni locali hanno dato ampio risalto alla notizia. In fondo, quale scoop migliore poteva loro capitare!
C’è stata, però, la corale manifestazione di solidarietà, di stima e la certezza che si sarebbe fatta chiarezza su tutto, da parte di tanti: il Sindaco di Valverde, Arch. Dott. Angelo Spina, la Giunta Comunale di Valverde, l’intero Consiglio comunale di Valverde, il Consiglio di istituto, tutti gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo di Valverde, l’associazione delle scuole autonome di Sicilia, rappresentata dai Dirigenti Scolastici Tripodi Roberto e Occhipinti Riccardo, l’associazione nazionale dei dirigenti scolastici rappresentata dal DS Nino Prastani, l’associazione nazionale Dirigenti CONFEDIR rappresentata dal DS Salvatore Indelicato, il Coordinatore dei DS iscritti alla CISL SCUOLA, Salvatore Pappalardo.
Sia il dirigente scolastico che gli operatori amministrativi e i collaboratori scolastici coinvolti nell’esposto-denuncia hanno ricevuto pure personali manifestazioni di stima, di conforto e di incondizionata solidarietà da parte di colleghi e amici.
 Preso coscienza delle nostre rispettive posizioni, abbiamo, con i nostri avvocati, iniziato il lento, accorto e certosino lavoro di documentare con prove certe, le posizioni di ognuno, chiusi in un grande silenzio, durato otto anni, fiduciosi nell’opera della magistratura.

Dopo quattro anni dall’aver presentato una copiosissima documentazione a discolpa, si ottiene un primo risultato: il giorno 30/09/2008 la Magistratura dispone l’archiviazione del procedimento penale per il DS Salvatore Patti e per due assistenti amministrative, Laura Distefano e Rosa Maria Bella.
Per costoro la Magistratura non ha trovato fatti criminosi da addebitare loro, come invece era certissimo l’assistente amministrativo che aveva, premurosamente, depositato l’esposto-denuncia. I tre hanno chiesto e ottenuto dallo Stato e, quindi, dall’ufficio scolastico provinciale, il rimborso delle spese legali, come prevede l’articolo 18 della legge n. 135/97 – DL 67/97 Al dirigente scolastico, lo Stato ha rimborsato euro 6400,00, mentre alle due assistenti amministrative ha rimborsato, ad ognuna, euro 4.050,00. Tale rimborso, ovviamente, è stato ritenuto congruo dalla Avvocatura Distrettuale dello Stato.
Dopo 8 anni e 4 mesi di indagini e processo, come detto all’inizio, anche le altre 10 persone sono state assolte con formula piena perché il fatto non sussiste e perché, quindi, non hanno commesso, anche loro, alcun “crimine relativo al mancato rispetto dell’orario di lavoro e omissione e falsità nelle certificazioni di presenza”. E’ doveroso portare a conoscenza di tutti coloro che leggono, due affermazioni della motivazione della sentenza.

La prima è relativa all’inchiesta della guardia di finanza. Dice il Giudice dott. Roberto Camilleri: “Senza indugiare più del necessario sul materiale probatorio, sussistono gravi difetti di impostazione delle indagini eseguite che vanificano ogni risultato. In breve i verbalizzanti non hanno posto sotto osservazione tutti gli ingressi della scuola, sicché gli impiegati potevano uscire da un varco e non rientrare perché avevano utilizzato altro ingresso. Inspiegabilmente non sono state eseguite né fotografie né video, e per l’identificazione degli imputati, a dire dei verbalizzanti, sono state utilizzate le schede anagrafiche delle carte di identità per riconoscerli, ma a parte che tale sistema è chiaramente fonte di possibili errori non c’è traccia agli atti di queste schede. L’orario degli appostamenti non corrisponde sempre con gli orari che si assumono violati. Numerosi allontanamenti per presunti motivi personali trovano puntuale riscontro in mansioni di servizio, come riferito e confermato dal dirigente scolastico”.
L’altra affermazione riguarda il querelante, responsabile sindacale della CGIL-scuola. Dice il Giudice: “Il soggetto che aveva presentato l’esposto, Manfredini Carlo, è risultato inattendibile.”
Sono partito dal 2004, ma onestamente, bisogna evidenziare che nei tre anni precedenti, a scuola, per iniziativa del querelante, sono accadute tante altre cose.
Il querelante, infatti, dal suo arrivo a scuola, nel mese di novembre 2001, ha iniziato, certamente nel lodevole impegno di contribuire al miglioramento della qualità dei servizi di segreteria, a segnalare al dirigente scolastico, in maniera verbale, tutte le imperfezioni nel lavoro di tutti i colleghi e anche nel lavoro del DSGA. Non contento di tale lodevole impegno, ad iniziare dal 07/03/2003 le sue osservazioni, sulle imprecisioni lavorative di tutti, furono portate a conoscenza, con note scritte, oltre che al dirigente scolastico, anche al Ministero, alla Direzione Regionale e al Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale.
Tali note non si contano e, tutte quante, hanno sempre avuto regolare e documentata risposta da parte del dirigente scolastico.
 Come si può evidenziare il superiore Ministero, la Direzione Regionale e l’Ufficio Scolastico Provinciale, hanno sempre saputo tutto.

In tali anni, il querelante, ha fatto di tutto per cambiare l’organizzazione del lavoro negli uffici amministrativi della scuola. Non avendo avuto soddisfazione dal dirigente scolastico e dalle autorità superiori a cui inviava le sue innumerevoli missive, ha ottenuto il coinvolgimento, in tale lodevole battaglia, dei dirigenti del suo sindacato, in special modo del segretario generale della CGIL-scuola Prof. Franco Tomasello e di un altro dirigente dello stesso sindacato, Prof. Sebastiano Maggio. .
Bisognerebbe chiedere ai dirigenti della CISL-scuola, della UIL-scuola, dello SNALS  e della GILDA degli Insegnanti, per quelle volte che ha partecipato, cosa non accadeva durante la contrattazione integrativa di Istituto.
 Io sono, sempre, profondamente grato alla RSU, interna alla scuola, alla CISL scuola, alla UIL scuola e allo SNALS per la stima e l’appoggio convinto che hanno sempre dato alla proposta di contratto integrativo di istituto, precisando che tale proposta, in tutti gli anni della mia dirigenza, veniva sempre elaborata collegialmente con la partecipazione di tutte le componenti dell’istituzione scolastica e pertanto, nonostante l’accanita posizione negativa della CGIL–Scuola, la scuola ha potuto sempre funzionare con l’applicazione integrale, senza nemmeno lo spostamento di una virgola, della contrattazione integrativa annuale.

Ho sentito il dovere morale ed etico di far conoscere, quanto accadeva in quegli anni a Valverde, al parlamento. Ho infatti, a mie spese, inviato, a tanti deputati delle due commissioni permanenti dell’istruzione di Camera e Senato, un’ampia relazione, con tutta la documentazione in mio possesso, incluso il testo della contrattazione integrativa della scuola.

Tale iniziativa ha voluto far conoscere al legislatore la profonda degenerazione determinatasi in tante scuole durante la contrattazione integrativa.

Ho avuto la piccola, ma significativa soddisfazione, di avere ricevuto un biglietto di ringraziamento dell’allora Presidente della Commissione della Camera, On. Ferdinando Adornato che mi ha scritto: “La ringrazio per l’ottima e istruttiva documentazione che mi ha inviato”.

Di recente, in più siti internet, il signor Polibio (alias prof. Sebastiano Maggio) è ritornato sui fatti accaduti a Valverde.
 Ha parlato e continua a parlare di fatti accaduti negli anni 2003, 2004, 2005, di cui lui fornisce una sua versione che io non condivido,in quanto assolutamente infondata, come se quei fatti accadessero ancora oggi, collocandosi, in tal modo, in una posizione anacronistica di vita. ( Di sicuro il grande Polibio, storico illustre dell’antica Roma, si sta rivoltando dentro la tomba per la cattiva figura che gli sta facendo fare il Signor Sebastiano Maggio)
Con le due sentenze, di archiviazione, la prima, e di assoluzione perché il fatto non sussiste, la seconda, otteniamo finalmente, un definitivo chiarimento sul mobbing e sulla illegalità di cui parla Polibio. Infatti, la Magistratura giudicante chiarisce, in maniera definitiva che il vero mobbing l’hanno subito le 13 persone perseguitate, calunniate e querelate dall’assistente amministrativo,responsabile sindacale aziendale della CGIL-scuola, già detto e qui, con forza, ribadito,  e che nessuna di queste 13 persone ha commesso illegalità alcuna.

Nessuno andava, quindi, a disperdersi per negozi o altri ambienti vicini e lontani durante l’orario di lavoro e che tutti e tredici hanno sempre rispettato, con scrupolo, l’orario di servizio.
Il signor Polibio, dopo tale sentenza può sentirsi addosso, rigettato, tutto il fango che ha versato sul personale amministrativo della scuola di Valverde.

Finalmente un poco di giustizia.     
Si, certo, c’è ancora, per il momento, l’esigenza di chiarire il comportamento dell’assistente amministrativa, in pensione dal 1° settembre 2006, addetta, in quegli anni, al protocollo generale della scuola. Tale chiarimento potrà avvenire solo quando la magistratura si deciderà ad iniziare l’indagine.

Il prof. Sebastiano Maggio ha chiesto, infatti, ed ottenuto, difendendo, come dirigente sindacale, l’assistente amministrativa, che l’ispettore della Direzione Regionale, inviasse gli atti relativi al contendere, alla Procura della Repubblica, per accertare eventuali responsabilità penali, di quanti interessati: la stessa assistente amministrativa, il dirigente scolastico Salvatore Patti e il DSGA.
Sono dieci anni che si aspetta l’inizio di tale indagine. La Scuola e il dirigente scolastico Salvatore Patti, sebbene oggi in pensione, sono pronti, da allora, a chiarire ogni cosa.
A questo punto mi sorge spontanea una riflessione: dal momento che il Giudice dott. Roberto Camilleri dice, come già riferito, che “il soggetto che aveva presentato l’esposto, Manfredini Carlo, è risultato inattendibile”, può accadere che lo stesso possa, impunemente, continuare il suo “pacifico lavoro”, adoperandosi “con solerzia” a migliorare la qualità dei servizi amministrativi delle nostre scuole, causando danni economici allo Stato?

Oggi, però, è stato restituito, purtroppo senza lo spazio dovuto nella stampa locale, l’onore a tutto il personale amministrativo, a tutti i collaboratori scolastici e a tutta l’Istituzione Scolastica “Padre Gabriele M. Allegra” di Valverde, che operava, come continua ad operare, con la guida di un nuovo Dirigente Scolastico, con grandissima professionalità, per il superiore bene degli alunni e delle loro famiglie.

Catania 28/11/2013
 
Salvatore Patti
spatti1@ngweb.it








Postato il Giovedì, 28 novembre 2013 ore 18:27:26 CET di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi