Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486051133 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1254 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
962 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
741 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
720 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
662 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Lettera al ministro Bussetti, autismo ed elezioni
·Sulla povertà
·Concorso Dirigenti: Parlando con il Ministro Bussetti
·Le petizioni per la regionalizzazione ed i paventati ricorsi degli aspiranti Ds con riserva
·Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Integrazione sociale: Velo islamico nelle università francesi: il 78 per cento è contrario

Rassegna stampa
Sul Fatto Quotidiano di qualche giorno fa si riapre la polemica in Francia sulla proposta di proibire il ricorso al velo islamico nelle università. E l’opinione pubblica sembra essere d’accordo per tale prospettiva. Secondo un’inchiesta realizzata dall’istituto Ifop, uno dei più affidabili per i sondaggi nel Paese, il 78% dei francesi si dice contrario al velo islamico negli atenei. Partiamo dalla situazione attuale. Il divieto, per il momento, sulla base di una legge del 2004, si applica solo nelle scuole di ordine inferiore, fino alla maturità. Quel provvedimento, appunto, proibisce di “ostentare segni religiosi” nelle scuole pubbliche, sia medie che licei, veli compresi, ammettendo solo ”segni discreti”. Ma il divieto del velo non si applica oltre, presso gli studenti maggiorenni che frequentano le università, dove solo quelli integrali, come il burqa e il niqab (peraltro proibiti anche in strada, dopo una discussa legge del 2010), non sono permessi. Ebbene, uno studio realizzato dall’Alto consiglio dell’integrazione (Hci) propone al Governo alcune piste, tra cui “proibire segni e indumenti che portano a ostentare un’appartenenza religiosa nelle sale dell’insegnamento universitario, dove si svolgono lezioni o si fa ricerca”. Insomma, niente velo. Le proposte dell’Hci, che è un organismo governativo, sono state rese pubbliche nei giorni scorsi dal quotidiano Le Monde e verranno esaminate dall’Osservatorio nazionale della laicità, creato nell’aprile scorso, che deve in effetti inviare all’Esecutivo socialista eventuali proposte, compresi nuovi interventi legislativi. E’ una procedura complessa, ma ricorrente in Francia. E questo tipo di rapporti vengono spesso tenuti in conto dalle autorità, perché si basano su inchieste sul territorio e incontri con rappresentanti di associazioni e con i diretti interessati. Questa volta però, far passare una norma del genere sarà dura, viste le polemiche insorte immediatamente, sulla rete e nel mondo politico. Le voci “contro” sono trasversali, provengono sia dal campo della sinistra che da quello della destra. Anche se Manual Valls, ministro degli Interni, esponente di spicco del Partito socialista, ha definito la proposta “degna di interesse”. Non solo: in seguito è arrivato il sondaggio Ifop, nel quale il 78% dei francesi si sono detti favorevoli al divieto del velo nelle aule universitarie. Appena il 4% degli intervistati è invece contrario e il 18% non si pronuncia. Sta di fatto che nel Paese con la più grossa comunità di musulmani in Europa, per oltre quattro milioni di fedeli, l’attaccamento alla laicità resta molto forte. Altre inchieste del recente passato avevano fatto emergere la stessa tendenza in contesti simili. Nel marzo 2013 ancora un sondaggio Ifop aveva indicato che l’84% dei francesi vorrebbe proibire il ricorso al velo anche nelle imprese private aperte al pubblico (come la reception di un’impresa), mentre un’altra inchiesta dello stesso istituto, realizzata l’anno scorso, aveva fatto emergere che il 63% degli intervistati era addirittura contrario al velo per strada: qui, per il momento, solo burqa e niqab sono proibiti. Ma la legge, approvata nel 2010, quando era Presidente Nicolas Sarkozy, è risultata di difficile applicazione. Il 19 luglio scorso il controllo dell’identità di una donna, che portava il velo integrale a Trappes, nell’hinterland parigino, ha scatenato parecchie notti di violenza urbana, come già avvenuto in situazioni simili. A commentare la vicenda è intervenuto anche il ministro responsabile dell’università, Geneviève Fioraso, per calmare le acque: “Lasciamo a questo stadio l’Osservatorio della laicità lavorare e formulare le sue proposte”, ha detto. Ma sull’eventualità di un divieto del velo negli atenei, ha precisato che “nessuna università ha chiesto un intervento del legislatore a questo riguardo. Mi sembra che il fatto di portare il velo non sia un problema”. La Fioraso, quindi, è di opinione contraria rispetto al collega degli Interni. E ha aggiunto: “La priorità è che le giovani donne seguano sempre più numerose gli studi universitari, comprese le donne che portano un velo”.

Il Fatto Quotidiano









Postato il Martedì, 20 agosto 2013 ore 14:04:00 CEST di Rosita Ansaldi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi