Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483803879 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4373 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1444 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
850 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
826 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
762 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni
Istituzioni

·Il Majorana - Arcoleo di Caltagirone sulla Nave della Legalità il 22 e 23 maggio
·Il possibile nuovo volto della scuola dell’autonomia, al convegno nazionale al Campus Universitario di Matera
·L’insegnante e il dirigente scolastico nella scuola dell’autonomia tra didattica, governance e progetto culturale - Convegno a Matera 14 e 15 marzo
·Seminario per docenti 'Famiglie, scuole, servizi e nuove tecnologie'
·L’apprendimento dell’inglese come gioco. A Didacta un metodo sperimentale basato su tecnologie e movimento del corpo


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Le Quotidiane domande: La domanda di mercoledì 19 giugno 2013

Redazione
Dacci oggi la riflessione quotidiana (19 giugno 2013)

L’esame di maturità è stato snaturato da un esame-concorso per acquisire la pole-position per i concorsi di accesso alle università prestigiose a numero chiuso?
E i docenti in mezzo a tutto ciò.


Una volta (ripeto, sono un po’ vecchio) esistevano due tipi di esame al termine degli studi: l’esame di Stato e l’esame di Maturità. La seduta di laurea al termine degli studi accademici non era considerato un vero e proprio esame, ma una formalità di rango elevato, quasi una cerimonia tra pari. Anche l’esame di Stato era in molti casi una formalità che consentiva ai professionisti (medici, ingegneri, architetti, etc.) o ai tecnici specialisti (geometri, agronomi, periti vari) di inserirsi nella professione attraverso gli albi professionali o le associazioni di categoria. Solo l’esame di Maturità era una prova veramente dura e temuta da tutti gli studenti al termine della scuola secondaria. Il sottinteso concetto era quello che il giovane passava dall’adolescenza alla condizione di adulto maturo (un po’ come avveniva più in generale con la leva militare), dando prova di tutto quanto appreso in tanti anni di studio, davanti ad una numerosa commissione di professori diversi dai propri (salvo uno), diretti da un presidente nominato tra persone di alta cultura e navigata esperienza.
Dal dopoguerra, attraverso gli anni sessanta ed oltre, si è giunti ad un ammorbidimento di detta ardua prova. Essa presentava due importanti caratteristiche: gli studenti (allora tali, non ancora allievi) si confrontavano con estranei professionisti della cultura su di un vasto programma di conoscenze ed il sottinteso possesso di una cultura generale anche attualizzata (non valeva allora dire: “scusi, ma non fa parte del programma”).
I docenti, poi, promossi a commissari di stato, scambiavano esperienze e si confrontavano con i colleghi di tutte le parti d’Italia. Poco a poco le pretese dei commissari nei confronti degli studenti furono normativamente ridimensionate.
Si passò dai tredici-quattordici commissari a sei, dalla conoscenza (ad esempio) di qualche migliaio di versi del divino Dante e del supremo Euripide, nelle rispettive lingue, a specifici ambiti tematici con rinuncia alla conoscenza del “tutto” per motivare e valorizzare la scelta della “parte”. Da un concetto di “maturità” completa fatta di equilibrio, vaste conoscenze, acuto giudizio critico al più facile concetto di maturità complessiva della persona, capace di orientarsi  verso gli studi successivi (anni 70 e 80) accertata attraverso la trattazione di pochi specifici argomenti.
Per poi tornare alle conoscenze analitiche su temi specifici, organicamente costruite attorno ad un nucleo (spesso povero o pretestuoso) che “colpisse” i commissari (tre interni e tre esterni) spesso organici anch’essi alla costruzione del tema. Contestualmente di abbandonava l’alto concetto del tema di italiano come saggio delle più alte capacità espressive linguistiche, contenutistiche, di maturità critica appunto. Con tale abbandono si  è passati dall’esame di Maturità all’esame di Stato: certificazione come titolo di accesso (salvo altre prove successive a carattere selettivo) alle facoltà universitarie, con eventuali “bonus” di merito.
Cosa si è perso per strada nel passaggio da una forma d’esame all’altra, dai voti in decimi al voto unico in sessantesimi e poi in centesimi, dai tanti professori esterni e lontani a i pochi della porta accanto e in parte già noti, dai presidenti di chiara fama e noti ai presidi della scuola accanto o ai professori di ruolo della vicina scuola? Intanto lo scopo e la validità del mezzo. Serve poco l’esame per l’accesso all’università: basterebbe un tirocinio d’ingresso a questa. Non serve affatto per stabilire un “bonus” di merito per tale accesso perché a ciò varrebbe meglio una rilevazione statistica di tutto il curricolo, cosa semplicissima da fare con i mezzi di oggi.
Si è perso il concetto di maturità: non è possibile dare un giudizio complessivo sganciato dal meccanicismo delle varie prove, studiate per evitare particolarismi. Ecco: il timore dell’illecito e della corruzione. Tutto in Italia è deciso in tale ottica. Per ciò n on c’è più scambio tra docenti e tra capi di istituto di varie parti d’Italia (qualcuno ne approfittava per lucrare la vacanza dorata).
Non c’è più fiducia nel giudizio del docente-professionista della didattica che deve essere chiuso in gabbie che garantiscano dai ricorsi contro i favoritismi. Il vecchio esame di stato professionale è stato soppiantato dai pochi concorsi pubblici per i pochi raccomandati.
L’esame di maturità è stato snaturato da un esame-concorso per acquisire la pole-position per i concorsi di accesso alle università prestigiose a numero chiuso, spesso inefficaci o controproducenti. E i docenti in mezzo a tutto ciò? Devono far finta  di niente e devono lavorare duramente per convincere (subdolamente) gli allievi-studenti che la cultura è ancora un valore.

Roberto Laudani
robertolaudani@simail.it





articoli correlati




Postato il Mercoledì, 19 giugno 2013 ore 21:27:10 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi