Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547715529 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1926 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1879 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1811 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1742 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1724 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Bologna. Un referendum consultivo all'insegna dell'integralismo ideologico

Comunicati

 L’accanimento e la recidività di queste associazioni, nonostante gli smacchi già subiti, hanno una sola motivazione: l’integralismo e l’intolleranza, frutto di un pregiudizio ideologico.
A nulla serve che la Costituzione italiana, al pari dei principali documenti del diritto internazionale, riconosca indistintamente a tutti i cittadini pari dignità di fronte alla legge; allo studente  la titolarità prima del diritto-dovere di istruzione e alla famiglia la libertà di scelta educativa; a nulla serve che ci sia una legge dello Stato italiano (62/2000) che riconosca la scuola paritaria come parte integrante e costitutiva dell’unico sistema nazionale di istruzione e formazione e pienamente legittimata al finanziamento pubblico per il “servizio pubblico” che essa svolge nell’interesse del bene comune; a nulla serve che, a fronte di eguali servizi erogati se non addirittura migliori, il costo medio dell’alunno di scuola paritaria sia largamente inferiore a quello della scuola statale con evidente vantaggio per l’erario dello Stato e, di riflesso, per i cittadini contribuenti; a nulla serve che in Europa, ma anche in larghissima parte del mondo, gli Stati finanzino la scuola non statale; a nulla serve che il servizio della scuola paritaria renda più diffusiva, più capillare, più variegata, più rispondente ai diversificati bisogni del territorio e degli alunni l’offerta formativa; a nulla serve dimostrare che il problema vero della scuola italiana non sia quello della natura giuridica del suo gestore (lo Stato, l’Ente locale, il privato), ma la qualità e l’eccellenza della sua offerta, perché è solo la qualità e l’eccellenza che fa la differenza tra una buona e una cattiva scuola, è solo la qualità e l’eccellenza che garantisce “di fatto” l’esercizio del diritto di istruzione ed educazione degli alunni; a nulla serve richiamare la necessità che il citato comma dell’art.33 della Costituzione vada letto all’interno del disegno generale della Costituzione e non estrapolato dal suo contesto con un’operazione rozza di analisi testuale; a nulla serve che l’Unione europea con ben due Risoluzioni, una del 1984 e l’altra del 2012 abbia ammonito severamente gli Stati membri perché garantiscano il pluralismo scolastico senza praticare alcuna discriminazione, compresa quella economica, tra la scuola statale e quella paritaria; a nulla serve ricordare che la scuola cattolica abbia iniziato la sua attività educativa a favore di tutti, in particolare delle classi popolari, ben secoli prima che gli Stati nazionali, compresa l’Italia, ne sentissero il dovere e l’urgenza.

Potremmo ancora continuare a lungo con queste osservazioni, ma purtroppo rischiamo soltanto di perdere tempo perché i soci di queste associazioni referendarie sono rimasti imprigionati dentro i loro precostituiti schemi ideologici avendo abdicato all’esercizio della loro intelligenza nella analisi della questione.

Se questa questione si limitasse soltanto ad essere un dibattito astratto e teorico si potrebbe rimanere anche indifferenti lasciando che il tempo faccia il suo corso e le consapevolezze maturino lentamente; ma non è così. Essa ha una sua forte concretezza, un risvolto dalle ricadute immediate sull’esercizio di un diritto di cittadinanza di migliaia di studenti e di famiglie e prima ancora sulla loro dignità in quanto persone libere, per nulla dissimili da quelle altre che legittimamente optano per la scuola statale.

La questione sollevata attiene alla civiltà giuridica che respinge ogni ingiusta discriminazione tra cittadini dello stesso Stato, alla libertà delle persone, alla giustizia, alla democrazia compiuta. La battaglia portata avanti da queste associazioni è una battaglia oscurantista, anacronistica, da retroguardia. Su ben altri fronti dovrebbero manifestare interesse e passione, come ad esempio quelli:

** del pieno riconoscimento civile, sociale, economico del ruolo che la scuola (statale o paritaria) e gli insegnanti svolgono nell’interesse del bene comune,

 ** della modernizzazione dell’intero sistema nazionale di istruzione e formazione rispetto alla sua organizzazione, ai curricoli, ai contenuti, ai nuovi saperi, al rapporto con la società e con il mondo produttivo,

 ** della qualità e dell’eccellenza perché tutta la scuola (statale e paritaria) sia di fatto inclusiva, solidale, aperta, corrispondente ai crescenti bisogni educativi

 ** dell’autonomia e sussidiarietà delle istituzioni scolastiche; della valutazione dei docenti, delle scuole, del sistema scolastico; della formazione iniziale ed in itinere del personale direttivo e docente, come pure dei criteri della sua selezione e avanzamento di carriera;

 ** dell’istruzione ed educazione di tutti e per tutto l’arco della vita con particolare attenzione alle fasce più deboli e marginali della popolazione;

 ** della contrazione dell’attuale alto tasso di abbandono e mortalità scolastica;

 ** della valorizzazione della formazione professionale di primo, secondo e terzo livello;

 ** dello sviluppo delle competenze;

 ** della centralità dell’alunno all’interno del processo educativo e della promozione integrale della sua personalità;

Su queste grandi questioni vorremmo vedere questa associazioni unirsi a noi per garantire ai giovani un futuro più certo e più sicuro e non, invece, su sterili dibattiti ideologici, che tendono soltanto a produrre strumentalmente, per fini e interessi ben lontani da quelli veri delle scuole e dei loro alunni, soltanto conflittualità, contrapposizioni. Il futuro dell’Italia, specialmente in un momento di così grave crisi economica ed occupazionale come quello attuale, di così grande urgenza di istruzione ed educazione si gioca sulla disponibilità di un numero sempre più vasto di scuole e non viceversa, sulla mobilitazione e il coinvolgimento di tutte le forze vitali della società civile perché gli standard di istruzione e formazione dell’intera popolazione italiana si equivalgono a quelli raggiunti in tutto il mondo più avanzato.

Non è la natura giuridica della scuola in quanto “statale” che automaticamente garantisce la sua qualità e, quindi, i diritti degli studenti e delle loro famiglie. Si tratta di un’affermazione ovvia. L’auspicio è che, nell’interesse della intera nazione e  nell’ottica di una sana, vera, sostanziale “laicità” lo possa diventare  presto anche per i promotori referendari di Bologna.  E’ la scuola in quanto scuola, libera da etichette, che deve essere collocata tra i primi posti dell’agenda della politica del Governo, ma anche delle associazioni e della gente comune. Si tratta della risorsa strategica e preliminare per qualsiasi ipotesi di sviluppo umano, sociale, economico; pertanto é su di essa, nell’interezza del sistema (statale e paritario), che tutti devono convergere, senza divisioni, perché sia promossa a garanzia del futuro di ciascuno.
Roma, 07 Maggio 2013 Comunicato Fidae n. 13/13

La Presidenza nazionale









Postato il Martedì, 07 maggio 2013 ore 21:31:54 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi