Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485833377 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertą educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1222 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilitą dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
870 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
681 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
674 letture

Sulla povertą
di m-nicotra
599 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Integrazione sociale: 755.939. Noi e loro

Redazione
Alunni con cittadinanza non italiana. Verso l’adolescenza. Rapporto nazionale a.s.2010/2011.
A cura di Vinicio Ongini e Mariagrazia Santagati pubblicato nel sito del Miur.

Perchè leggerlo?

Perchè potrebbe costituire, un buon punto di partenza  per ripensare alle nostre responsabilità professionali, etiche e politiche di insegnanti ed educatori.

 ''Ma se io non ho alunni stranieri, posso fare a meno, di leggerlo, posso fare a meno di fare educazione interculturale...e poi c'è già il programma che rischio di non riuscire a completare...perchè fare argomenti che non servono...''.

 Posizione discutibile,  che tutti qualche volta abbiamo sentito, ma non troppo, se si tiene conto del fatto che in Italia, le questioni del dialogo interculturale emergono ogni qualvolta, si verifichino episodi di intolleranza o scontri tra gruppi etnici, solo allora scatta l'automatismo dell' urgenza dell'educazione interculturale da delegare interamente alla scuola.

Il Rapporto pubblicato fotografa un Italia che cambia, una popolazione scolastica che ci sfida a rivedere contenuti della didattica e modalità educative

Ma la scuola cosa fa e cosa può fare?

L'impegno di tutti, (docenti, educatori, dirigenti), dovrà essere volto, per fare dei processi educativi una leva di trasformazione concreta delle relazioni fra classi sociali, generazioni, culture, fedi, per arginare la deriva diffusa verso l’insofferenza reciproca, la paura irrazionale, la rimozione collettiva, la xenofobia, l’omofobia ed il razzismo. Proprio in quanto considera tutte le molteplici e differenti  manifestazioni della diversità soggettiva come patrimonio collettivo ed elemento irrinunciabili del suo sviluppo, perché arricchiscono il contesto sociale e culturale delle potenzialità di cui ogni  individuo è portatore. Lo sviluppo di una società o di un territorio non dipende solo dall' accrescimento di beni e di servizi, non si identifica con l’aumento  del reddito pro capite o con il progresso tecnologico, ma è processo di espansione delle libertà reali che sono associate alla conoscenza alla comunicazione e alla condivisione: al saper leggere, scrivere, far di conto, alla diffusa soddisfazione dei diritti, all'educazione ai doveri, alla consapevole partecipazione democratica. Lo sviluppo si realizza con il riconoscimento e l'affermazione delle libertà di ciascuno
 di poter decidere la priorità da assegnare alle varie componenti identitarie che possiamo simultaneamente avere e che formano la nostra irripetibile e singolare personalità: origine e appartenenza culturale, religione, genere e orientamento sessuale, stile di vita, competenze professionali, creatività e talento, caratteristiche somatiche e costituzione fisica. 
Per i ragazzi e le ragazze nelle nostri classi convivere con le diversità, entrare in relazione con altre popolazioni, partecipare a iniziative volte ad includere giovani provenienti da altre culture, da altri paesi, rispettare le differenze di genere, di abilità e di capacità psicofisiche, rappresentarà un' occasione per aprire il proprio orizzonte per decentrare il proprio punto di vista,un’esperienza che li induce ad ampliare gli orizzonti del proprio territorio e della propria cultura, e da cui dipenderanno importanti  elementi di riflessione quando si tratterà di decidere del proprio orientamento scolastico e professionale, per poter dare un senso al proprio progetto di vita.
Ma la realizzazione  di un contesto educativo in cui viene assicurato uguale diritto ad apprendere a chi è portatore di diversità di genere, di cultura, di capacità psicofisiche, costringe a ripensare anche la relazione educativa e l’istituzione scolastica nel suo complesso. Senza mai dimenticare che la scuola rimane ancora il luogo prezioso e irrinunciabile del pensiero disinteressato, del gioco libero e gratuito delle idee, palestra indispensabile per la formazione del pensiero critico, dove deve essere incoraggiata la curiosità, assecondato e valorizzato il desiderio di capire. La scuola è ancora il luogo dove può essere appreso un metodo per dare un ordine al mondo reale, e per orientarsi nell’intricata e affascinante  foresta della vita. È l’istituzione che persegue come suo fine principale l’attuazione del diritto ad apprendere per tutti e può svolgere un ruolo insostituibile per accompagnare bambini e adolescenti verso la conquista dell’autonomia e della consapevolezza dei propri diritti e delle connesse responsabilità. È il luogo della socializzazione, attraverso cui si transita per passare dal mondo chiuso e protetto della famiglia allo spazio aperto e libero della città e della cittadinanza, del locale e del globale.
A noi insegnanti il faticoso compito di aprire piccoli varchi  tra ''confini culturali''.
 Le politiche delle quote e il presidio delle frontiere sono tentativi patetici per non affrontare la vera questione.
Si riuscirà a convivere  tra differenti o prevarrà la logica malthusiana dell' homo homini lupus?
Occorrerà. insegnare ai giovani, ad avere il coraggio del meticciato, la voglia di contaminazioni, la curiosità all'altro, alla sua ''alterità'', non per buttare via ciò che siamo, per essere più elastici, più diversi, e che renda il diverso più curioso, a sua volta, a capire chi siamo noi.  Occorrerà che, insieme ai tanti bambini e ragazzi ''venuti da lontano'', ci si stupisca della ricchezza che abbiamo dentro mettendo a tacere la voce dell'etnocentrismo, del razzismo, della prepotenza che è in tutti e in ciascuno. Per iniziare un viaggio verso gli altri e negli altri, senza quote e fili spinati, che ci riporti poi dagli altri a noi stessi, ma arricchiti e impreziositi. Un esodo cosmografico interiore.  Un progetto che come insegnanti ci assumeremo,  senza maggiorazioni stipendiali e incarichi formali, senza corsi di aggiornamento obbligatori o liberamente scelti ma, solo perchè consapevoli delle responsabilità civili ed etiche che ci porteranno a compiti educativi volti a creare i presupposti  di una educazione al dialogo e alla pace. L'educazione è uno strumento potente ma non può e non deve porsi problemi che non è in grado di risolvere; le scelte future della scuola dovranno essere rigorose e radicali nell pensiero che riguarda le sue responsabilità dirette e inflessibile nel ricordare le responsabilità della politica, che spesso vengono blandamente scaricate sulla scuola. Se il mondo andrà come andrà, la responsabilità di chi insegna è in minima parte. Ma in quella minima parte, c'è una partita aperta, e occorre la consapevolezza, il coraggio per giocarla fino in fondo.
 
Obiettivi da raggiungere?
 
UNO

La costruzione di una comunità dove ognuno abbia l'orgoglio della propria pelle e della propria identità culturale, ma che poi se ne dimentichi anche, nell'amore, durante il sonno, nel lavoro con gli altri; in una comunità pacificata di uomini e donne, bambine e bambini, umani accanto ad altri umani, frammenti policromi di un arcobaleno di quanti abitiamo su questo pianeta:
Sette miliardi di Io, Sette miliardi di Tu

Giusi Rasà








Postato il Sabato, 23 marzo 2013 ore 12:42:40 CET di Giuseppina Rasą
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Redazione

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi