Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481987628 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1682 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1261 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
836 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
813 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività
·"Autismo: transizioni e sinergie"


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Mariastella Gelmini, la più giovane ministra del MIUR. Di che meritocrazia parla?

Ministero Istruzione e Università
      L’avv. Mariastella Gelmini, pidiellina e ministra del governo Berlusconi IV,  è al MIUR dall’8 maggio 2008.
      Era il 1º luglio 1973 e a Leno (BR) nasceva Mariastella Gelmini (mentre il vecchio prof insegnava storia e filosofia, da tre anni, in un liceo classico). Le sue notizie biografiche si possono trovare su Wikipedia. Si è diplomata presso un liceo privato e confessionale  nel luglio del 1992, con 50/60 (in centesimi avrebbe preso 83,3 !). Entrata in FI sin dalla cosiddetta "discesa in campo" di Silvio, nel 1998 ha ricoperto  la carica di presidente del consiglio del comune di Desenzano del Garda fino al 2000, perché sfiduciata. Nel 2002 si è laureata - fuori corso - all'Università degli Studi di Brescia in Giurisprudenza con la tesi “Referendum di iniziativa regionale” portando a casa il voto: 100 (!?) su 110. Ha superato l'esame di Stato per la professione di avvocato presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria (!?).  Da quell’anno al 2004 è stata assessore della Provincia di Brescia. L’anno dopo consigliere regionale della Lombardia. Dal 2006 è membro della Camera dei deputati. Confermata anche nel 2008 è diventata  ministra del MIUR del governo Berlusconi IV. 
      E’ la quarta donna  ad essere responsabile dell’Istruzione; e la seconda, dopo la Moratti, nel Ministero dell’Istruzione (non Pubblica, ma unificata)  con l’Università e la Ricerca; è la prima ministra che si è sposata durante il suo mandato.  Politicamente parlando, la creatura epocale della Gelmini è la sua riforma scolastica: un insieme di atti normativi contenuti nelle leggi 133/2008, 169/2008, il cui scopo principale è quello di riformare il sistema scolastico italiano. La riforma è entrata in atto il 1º settembre 2009 per la scuola primaria e secondaria di primo grado, mentre per la secondaria di secondo grado il 1º settembre 2010. Con la  legge 240/ 2010 è la Riforma universitario è entrata in vigore nel gennaio 2011. 
      Non voglio assolutamente stare qui a criticare la riforma dell’avv. Gelmini, perché sarà il tempo divoratore a dirci se - nell’Istruzione - stiamo vivendo in un periodo “epocale” oppure “pocale”, di poco conto. Certo quel ritornello, che chiude moltissime delle norme gelminiane, «non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica» sembra una barzelletta, uno scherzo, una presa in giro, o un’operazione tremontiana di economia creativa, cioè fatta di tagli, forbici e mannaie. La riforma scolastica del governo di centro destra segue non un progetto culturale ma una logica di mercato, cioè le leggi di bilancio, (le finanziarie!), dal 2008 al 2013 e oltre.
      Fin’ora, questa riforma ha “tagliato e segato”: 87 000 insegnanti e 44 000 tecnici, senza la concertazione con i Sindacati. Si sono susseguiti scioperi degli insegnanti e del personale ATA, manifestazioni dei genitori delle elementari, oltre a diverse iniziative dei movimenti studenteschi delle superiori e delle università, cortei, lezioni in piazza. A quei pochissimi che in questi ultimi tre anni si fossero distratti, consiglio di andare a rileggere nel grande archivio di questo sito del consorzio aetnanet,org alla voce “riforma Gelmini”. 
      Qui, il vecchio prof si vuole togliersi un sassolino dalla scarpa, a proposito del bla bla bla della tanto sbandierata  meritocrazia. Con la sperimentazione meritocratica dello scorso anno, 1.000 docenti, che si sono fatti valutare, hanno avuto 250 € in più rispetto a tutti gli altri 800.000 che siamo fermi agli stipendi stabiliti dal CCNL del 2007 e prenderemo lo stesso stipendio, forse, fino al 2015. 
      Meritare, nella lingua di Dante, è essere degno, è essere meritevole, valère. Si dice comunemente: Quella persona merita una statua d’oro… Tra le popolazioni pellerossa la persona più meritevole è il vecchio saggio indiano, che è il punto di riferimento della tribù, anche se non lavora più, non combatte e non produce che il fumo del suo kalumet. Ma se apre bocca non sputa sentenze, e se dice ad una montagna: “ Spòstati!” , essa ubbidirà. (cfr Marco 11.23).
      Valutare il merito degli insegnanti è un fatto qualitativo non quantitativo. Appartiene al paradiso dell’essere non all’inferno dell’avere.  Attiene non al calcolo matematico (freddo come la pietra = càlculos),  bensì alla stima tipica del mondo dell’arte. Un quadro non si valuta dal valore della tela bianca e dalla spesa dei colori. C’è un quid che l’artista trasferisce attraverso la sua mediazione, la sua emozione, il suo estro, il suo talento, il suo linguaggio universale. Il tempo accresce valore ad un’opera d’arte. Il pittore Antonio Ligabue, il matto, nel 1928 incontrò Renato Marino Mazzacurati il quale ne comprese l'arte genuina e gli insegnò l'uso dei colori ad olio guidandolo verso la piena valorizzazione del suo talento. Allo stesso modo, i lavoratori della conoscenza sono scopritori di talenti e “artisti” essi stessi, tutti un po’ matti perché nel campo dell’educazione e della cultura si vive un mondo controcorrente. 
      La società ti prospetta i soldi facili delle escort e del bunga bunga e tu devi parlare di dignità della persona. C’è tanta disonestà in giro e ti tocca argomentare sul rispetto e il senso civico dei Cincinnato. La madre dei Gracchi presenta i suoi figli come dei gioielli, e glieli ammazzano, nonostante le buone riforme sociali. Spesso al vecchio prof chiedono cosa insegni e guardano le “rossastre  nubi”  rispondo: “Imparo, insegnando emozioni”.

      Una mattina, al semaforo rosso di un incrocio di città,  si avvicina all’auto un anziano signore discretamente vestito. Non per vendere cose, né per pulire i vetri, ma per offrire parole, per recitare dei versi. Lo ascolto e poi cerco degli spiccioli nel cassettino. Il vecchio si schermisce e aggiunge, mentre scatta il verde:  – “No, grazie, niente soldi! La poesia non si paga!”.

Giovanni Sicali
giovannisicali@gmail.com
(Quarto di 4 post, gli altri sono pubblicati il 2 il 4 il 6 u.s.)









Postato il Martedì, 09 agosto 2011 ore 00:06:04 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 5


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi