Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481531517 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
976 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
748 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
682 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
676 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
647 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·La scuola odierna, non solo in Italia, ridotta ad essere una scuola finta
·A chi giova escludere i posti Quota 100 dai posti disponibili per la mobilità?
·Sì ai controlli biometrici dei dirigenti scolastici
·I 'veri' problemi della scuola
·L'Istruzione non ha la stessa 'attrattiva' della salute?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Fresca di stampa e di pixel arriva una notizia: Fare festa il 18 aprile invece che il 25 aprile?

Opinioni
     Il Governo ha accolto «come raccomandazione» l'ordine del giorno presentato dal parlamentare bolognese del Pdl, Fabio Garagnani (membro della commissione - Cultura, Scienze e Istruzione) contenente la proposta di sostituire il 25 aprile del 1945 con il 18 aprile 1948, giorno delle elezioni politiche vinte dall'allora Democrazia Cristiana guidata da Alcide De Gasperi. Lo ha comunicato lo stesso Garagnani che in una nota afferma di avere “ricevuto dal servizio di controllo parlamentare la conferma scritta dell'accoglimento - come raccomandazione - da parte del Governo del mio ordine del giorno che, in sede di discussione della manovra finanziaria del 14 settembre, impegnava e impegna il Governo a sostituire la festività del 25 aprile con il 18 aprile 1948 che, a parere mio, è la vera data fondante ed unificante della democrazia italiana”.
E’ una nuova provocazione della maggioranza contro la Festa della Liberazione dal nazifascismo. Dopo il tentativo, poi abortito, di eliminare il 25 Aprile (assieme al primo maggio e al 2 giugno) inserito in Finanziaria, il governo torna alla carica.


Onorevole  Avvocato Fabio Garagnani,
Ella mi insegna che la Legge non ammette ignoranza. Io, vecchio Prof ,  Le ricordo che STORIA è Magistra vitae, si fonda sulla Verità e non tollera menzogne. La sua proposta di cambiare il senso delle festività civili ad usum delfini mi lascia immaginare che la sua lettura dei “documenti”  della storia italiana è superficiale e approssimativa. Le do un aiutino.
Nello scorso XX secolo abbiamo avute due guerre mondiali. Per l’Italia: la grande guerra è finita il IV Novembre  1918;  la Seconda guerra mondiale si è chiusa il XXV Aprile 1945. In ognuna delle due occasioni esiste un comunicato documentale che io le fornisco per non farle perdere il suo tempo prezioso.

1.    Il testo del Bollettino della Vittoria, il documento ufficiale emesso dal Comando Supremo il 4 Novembre 1918, ore 12
“La guerra contro l’Austria-Ungheria che, sotto l’alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l’Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 Maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi è vinta. La gigantesca battaglia ingaggiata il 24 dello scorso Ottobre ed alla quale prendevano parte cinquantuna divisioni italiane, tre britanniche, due francesi, una cecoslovacca ed un reggimento americano, contro settantatre divisioni austroungariche, è finita. (…) I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli, che avevano disceso con orgogliosa sicurezza”. (Diaz)

2.    Il comunicato del PCI per il XXV Aprile 1945
“PARTIGIANI SEMPRE!!! Noi non abbiamo sete di vendetta. Non vogliamo vendette. Vogliamo Giustizia. Vogliamo soprattutto impedire che quelle forze oscure e reazionarie e certe oligarchie che hanno dato vita e sostenuto per vent'anni il fascismo, non possano mai più rialzare la testa. Coloro i quali sono i responsabili della catastrofe e della rovina d'Italia, coloro che hanno aperto ai barbari tedeschi le porte del nostro Paese, coloro che li hanno serviti che hanno collaborato con loro, quei grandi industriali che hanno fornito ai fascisti e alla gestapo i nomi dei patrioti per farli deportare in Germania, i grandi plutocrati che hanno dato vita al fascismo, che per vent'anni l'hanno sostenuto nei suoi delitti, nelle sue guerre di rapine, nelle sue infamie, COSTORO DEVONO PAGARE.  Costoro sono gli infami traditori della nostra Patria, le loro mani sono sporche di sangue. Costoro devono rispondere davanti alla Giustizia Popolare. Giustizia deve essere fatta. Lo chiedono i vivi, Lo comandano i nostri Morti.

Caro Onorevole, ex democristiano,
Le ricordo che il giornale “Il Popolo”, organo del partito della democrazia cristiana, quel 25 Aprile intitolava: “L’Italia è libera. L’Italia risorgerà”, e si rivolgeva con questo manifesto del Partito. “Italiani, mentre il turbine di vergogna e di sangue nel quale sono state sommerse le nostre regioni si allontana sopraffatto dalle forze Alleate e dell’Italia risorta, la Democrazia Cristiana, che ha vissuto e sofferto la lunga vigilia in junione con gli altri Partiti raccolti nel C.L.N., invita tutti coloro che credono e sperano in essa come guida dell’Italia di domani, ad operare immediatamente perché il suo programma si compia (…)”.

Onorevole deputato (oggi Pdl), 
altri reagiranno arrabbiati e risentiti per la sua proposta di abolire la festa civile del 25 Aprile e sostituirla con il 18 Aprile del 1948, in ricordo delle prime elezioni politiche repubblicane. Io Le scrivo in pace, anzi come operatore di pace (come un cattocomunista che segue le beatitudini evangeliche). Si ricordi che sia il IV Novembre che il 25 Aprile ci permettono di festeggiare, da tanti decenni, la gioia per la fine di due guerre mondiali; il primo giorno di pace dopo anni di inutili stragi. Le guerre le vince solo la Morte, che miete così milioni di giovani vite.  Quando “la dama dell’alba” (cfr. A. Casona), si accorge che sono state deposte le armi lascia il posto libero alla Vita. Facciamo festa perché comincia la risurrezione civile, dopo “le lunghe domeniche di passione” (cfr. S. Japrison). Eros ci ha liberato dal Tanathos.

In conclusione, da Prof di Storia Le ricordo, “Onorevole”,
che la Repubblica italiana nasce dal libero e democratico voto del popolo il 2 giugno 1946. Insieme alla scelta relativa alla nuova forma di Stato da dare al Paese, il corpo elettorale fu chiamato a votare anche per l’elezione di un’Assemblea Costituente il cui compito fu la stesura e l’approvazione di una nuova Costituzione che vide la confluenza delle principali forze e delle maggiori idee dell’antifascismo e della cultura democratica laica, cattolica e marxista. Questa prima fase della storia repubblicana fu caratterizzata dalla collaborazione al governo dei maggiori partiti politici di massa (DC, PSI, PCI) e dei partiti laici minori. Fu compito di questa generazione politica traghettare sulle sicure rive della democrazia e della libertà un Paese in cui erano ancora bene evidenti i segni della dittatura fascista ed i danni della guerra. Per dirla con le parole dell’illustre giurista Piero Calamandrei, “la Repubblica italiana fu un patto fra uomini liberi e forti  e la Costituzione divenne la più nobile ed alta espressione dei valori democratici ed antifascisti e del rifiuto fermo e perpetuo della violenza e della prevaricazione delle libertà civili e politiche che avevano caratterizzato tutto il ventennio mussoliniano.
Lei, ex democristiano, queste vicende storiche dovrebbe averle nel DNA (che non è né un tunnel tra il Gran Sasso e la Svizzera, né tantomeno un cul de sac !).

Saluti.
Giovanni Sicali
giovannisicali@gmail.com









Postato il Mercoledì, 28 settembre 2011 ore 22:33:13 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi