Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484078367 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4462 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1884 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1493 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1289 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
995 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Ciao Andrea. La Sicilia democratica e antifascista ti ricorda con grande affetto
·Concorso per presidi va avanti, il Consiglio di Stato accoglie l’appello del Miur. Bussetti: 'Ora le assunzioni'
·Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto
·Le avventure dei Cyberkid: impegno continuo per il futuro dei nostri ragazzi
·La certificazione ECDL cambia nome e diventa ICDL


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Quesiti: Le due ''malattie mortali'' che paralizzano il rito degli scrutini

Rassegna stampa
Lo scrutinio, si sa, è segreto. Difficile quindi pretendere di fare un’ analisi attendibile di ciò che è successo o che accadrà nelle aule delle scuole superiori dove i docenti hanno valutato i loro allievi (se hanno adottato il trimestre) o li valuteranno (se vige il quadrimestre).
Scrivo a caldo, sulla scorta delle esperienze personali e di ciò che ho sentito raccontare dai tanti docenti che conosco e incontro nelle scuole. L’Italia è lunga, ed è inutile dire che le differenze non sono solo sfumature. Ma esistono pesi e misure differenti nella valutazione persino in sezioni diverse della stessa scuola.
Non è sul valore e sulla “presunta” - e mai dimostrata - oggettività della valutazione che vorrei porre l’accento in questo scorcio di quadrimestre. Né sui criteri per una buona valutazione. Anche se verrebbe da chiedersi: che cosa si valuta veramente negli scrutini? Ciò che c’è o ciò che dovrebbe esserci? Le potenzialità o gli atti? Il processo o il prodotto?
Vorrei invece soffermarmi su due convitati eccellenti al “banchetto” della valutazione: uno troppo ingombrante, l’altro pressoché inesistente. Il primo è così invadente che, ormai, lo spazio per la discussione sui ragazzi, sulle strategie per aiutarli e motivarli, insomma sul valore educativo del voto è così risicato da diventare spesso inconcludente o inefficace.
Non che non si discuta durante gli scrutini, anzi. Ma il confronto, talvolta anche acceso, è spesso legato ad aspetti formali: 6 o 7 in condotta? Se si mette 6, però, ci sono le note sul registro; e le assenze sono veramente molte? E si seguono i criteri stilati in collegio? E così via.
Certo, esistono anche consigli di classe in cui, fortunatamente, del valore di un 6 o di un 7 per quel ragazzo, in quella classe, per la sua crescita personale si discute; e si ipotizza allora anche che cosa spetta ai docenti per tirarlo fuori da quella situazione, perché sanzionare un livello non significa affatto aver risolto la questione. Da lì in avanti, che sia la condotta o il profitto in qualsiasi disciplina, il problema non è - come verrebbe da pensare - del ragazzo, ma proprio del docente, meglio dei docenti.
Ma lo spazio per discutere di ciò non c’è, tantomeno la volontà di farlo e non già per incuria dei professori, quanto per evidente sottovalutazione dell’azione formativa della valutazione da parte della scuola come struttura e istituzione, perlomeno di quella superiore. La scena è tutta presa dal convitato ingombrante che - si sarà capito - è la burocrazia di Stato, ingorda e onnivora, capace di assorbire tempo, energie, motivazione e passione dei docenti.
Ho visto tanti (troppi) insegnanti rinunciare a intervenire soffocati dalle incombenze burocratiche: i voti sui cartelloni, le lettere da spedire, le assenze da conteggiare, la corrispondenza da verificare tra i voti e i giudizi, il verbale da vergare, le firme da apporre sui cartelloni, gli statini da consegnare (ma in epoca di scrutini elettronici, a che cosa servono gli statini?), i registri da compilare... e chi più ne ha, più ne metta.
E lo scrutinio elettronico, che dovrebbe semplificare le operazioni, in realtà è ancora più svilente e impersonale: lettura veloce dei voti, sottolineatura delle insufficienze e delle assenze, e poi via con le lettere ai genitori, la definizione dei corsi di recupero, le firme, ecc. E quest’anno anche la compilazione dei piani personalizzati per gli studenti con disturbi nell’apprendimento. Ma dov’è finito lo studente? Non si stava valutando, cioè “dando valore” proprio a lui?
E il docente, anziché essere spinto a fare e a brigare per i suoi alunni, si ritira. Si vive sempre sotto l’incubo del ricorso, della telefonata dei genitori che protestano, del padre o della madre che potrebbero far esplodere il caso pubblicandolo sui giornali, dei ragazzi (soprattutto se maggiorenni) che protestano vivacemente. Meglio il quieto vivere. Occorre tutelarsi. E allora carta sopra carta. Lettere sopra lettere. E corsi istituzionali per il recupero, uno dopo l’altro. Come se il rapporto educativo - unica vera soluzione - potesse essere sostituito dalla sequela fedele delle leggi (dello Stato e della scuola stessa nella sua autonomia). A me pare che gli interventi programmati e istituzionali (corso di recupero, help, sportelli, recuperi in itinere e così via) nella loro lodevole intenzione, tanto più così comicamente ridotti nelle ore e nell’articolazione (solo italiano in prima, solo matematica in seconda, solo per 10 alunni in terza... perché non ci sono i fondi) non possano sostituire un’attenzione reale del docente nei confronti dei propri studenti.
Burocrazia omnivora, dicevo, bulimica al punto d’aver ingoiato l’altro convitato eccellente: le competenze. Ricordiamo che al termine del biennio della scuola superiore, da quest’anno, per effetto del D.M. 27 gennaio 2010, n.9, sarà obbligatoria la certificazione delle competenze durante lo scrutino finale.
Eppure quest’oggetto didattico, tanto è citato, nei testi del Riordino della scuola superiore appena varato; tanto è menzionato dai dirigenti nei collegi dei docenti; tanto è evocato nei documenti, quanto è assolutamente assente dalla pratica didattica. Un fantasma. E infatti, a parte qualche eccezione, negli scrutini della scuola secondaria non ha neanche fatto capolino.
Probabilmente, poi, dovrà spuntare alla fine dell’anno, quando verranno rispolverati i lunghi elenchi di competenze che le scuole (le più zelanti) avranno redatto in fase di progettazione d’inizio d’anno.
Ma la domanda è: come si potranno valutare le competenze senza che sia stata agita una didattica funzionale ad una loro - eventuale - espressione? Come sarà possibile valutare un oggetto che è rimasto un’encomiabile declaratoria d’intenti stesi sulla carta? O che, nella migliore delle ipotesi, è stato declassato alle molto più maneggevoli abilità? Insomma, come si può valutare un oggetto... che non c’è?
Tra i mille problemi che si attorcigliano attorno alla valutazione ne ho colti solo due, e forse neppure i più significativi: ma sono due aspetti che si presentano oggi come spunti per una possibile riflessione. Il primo, perché la scuola potrebbe morire di bulimia burocratica, che sta già paralizzando la libera - e fruttuosa - iniziativa di tanti docenti attenti e attivi. Il secondo, perché l’istruzione potrebbe perdere, per anoressia delle competenze, una possibile occasione per passare ad una scuola dell’esperienza, per rendere più vere e significative le conoscenze.
 (da Il Sussidiario)

redazione@aetnanet.org








Postato il Lunedì, 31 gennaio 2011 ore 13:30:00 CET di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi