Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556972513 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2022

Sognando una Catania più pulita. Il progetto “Green” del Liceo Lombardo Radice
di a-oliva
611 letture

PREMIO JEAN PIAGET E JACQUES MULHLETHLER alla Lumsa di Roma il 3 dicembre. Tra i premiati il Prof. Luciano Corradini ed il preside Giuseppe Adernò , “Ambasciatori dell’Educazione Civica”
di a-oliva
390 letture

“La scrittrice Barbara Bellomo alla scuola Dante Alighieri di Catania”. Riprendono le attività di Bibliocenter
di a-oliva
386 letture

ALICE COLETTA - Sindaco dei Ragazzi di MOTTA S. ANASTASIA cerimonia di giuramento al Castello
di a-oliva
349 letture

Attività laboratoriali all'IIS “Francesco Redi”, indirizzo Tecnico Industriale 'Galileo Ferraris' di Belpasso
di m-nicotra
333 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·La negoziazione assistita
·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Manifestazioni non governative: Sciopero dei docenti e scrutini: ciò che i sindacati dovrebbero fare, compresa la politica

Opinioni
Il diritto di sciopero, già sancito dall’art.40 della Costituzione, venne approfondito e regolato dalla legge 146/90. In questa legge, infatti, vennero chiariti quali siano da considerare i servizi pubblici essenziali nel cui ambito può esercitarsi lo sciopero nella salvaguardia di interessi e diritti soggettivi costituzionalmente tutelati.
L’elenco dei servizi essenziali è contenuto nell’art.1 della suddetta legge fra cui troviamo fra gli altri ( salute, sicurezza, libera circolazione…) anche quello relativo all’istruzione. Nelle prime stesure del testo legislativo si parlava più che altro di “beni” al cui termine venne sostituito nel testo definitivo quello di “diritti della persona”, con esclusione di quei diritti che non sono prettamente attinenti alla tutela soggettiva, come, per esempio, quello sancito dall’art.41 della Costituzione ( iniziativa privata economica).

Tecla Squillaci


 
Il diritto di sciopero, già sancito dall’art.40 della Costituzione, venne approfondito e regolato dalla legge 146/90. In questa legge, infatti, vennero chiariti quali siano da considerare i servizi pubblici essenziali nel cui ambito può esercitarsi lo sciopero nella salvaguardia di interessi e diritti soggettivi costituzionalmente tutelati.
L’elenco dei servizi essenziali è contenuto nell’art.1 della suddetta legge fra cui troviamo fra gli altri ( salute, sicurezza, libera circolazione…) anche quello relativo all’istruzione. Nelle prime stesure del testo legislativo si parlava più che altro di “beni” al cui termine venne sostituito nel testo definitivo quello di “diritti della persona”, con esclusione di quei diritti che non sono prettamente attinenti alla tutela soggettiva, come, per esempio, quello sancito dall’art.41 della Costituzione ( iniziativa privata economica).
Per quanto riguarda la definizione legittima dei servizi minimi essenziali relativi all’istruzione, inoltre, la legge 146/90 rimandò ai termini dei contratti di lavoro.
Nel 91 le OOSS firmavano un accordo, in sostituzione del rinnovo del contratto, che poneva di fatto un assoluto divieto di sciopero durante gli scrutini.
A onor del vero, furono gli insegnanti della Gilda di Milano a contravvenire a questo divieto, scioperando durante gli scrutini e vennero precettati per questo. Il ricorso si concluse  con la sentenza di Cassazione che diede ragione alla Gilda. Venne accertato un vizio di forma della precettazione poiché non era stato esperito un tentativo di conciliazione prima dello sciopero.
In seguito a questo risultato giudiziario venne codificato nel successivo CCNL che, fermo restando l’istruzione come servizio essenziale,gli scrutini in caso di sciopero e se non propedeutici agli esami di Stato, sono differibili. Per inciso, ogni azione da parte del dirigente scolastico di “aggirare” lo sciopero mediante sostituzione del docente che sciopera ( anche se uno soltanto, in quanto non vi è collegio perfetto  e non si può procedere allo scrutinio)oppure procedere allo scrutinio  sulla scorta dei registri personali ed altro è sanzionabile ai sensi dell’art.28 legge 300/70.
A parte tutto questo, vorrei fare alcune riflessioni sull’incisività che l’azione di sciopero, o altre, possano avere allo stato attuale. Mi sembra chiaro che ne derivi un  gran senso d’impotenza. A ciò va aggiunta la frammentazione delle azioni di protesta nonché una certa disaffezione verso il sindacato di cui esso stesso è, in parte, responsabile.
In alcuni sindacati si è scivolato sempre più verso un’accondiscendente autoconnotazione del proprio ruolo; un ruolo limitato più ad un’immagine di “sindacato Faemino” , cioè che si interpella solo nelle piccole necessità quotidiane per il computo di punteggi vari che sforna al ritmo di una macchinetta del caffè, piuttosto che ad una rivalutazione della sua portata sociale  determinante.
Spesso si pongono all’interno di direttivi locali dei “mestieranti” del sindacato, abili nel compilare forse domande di trasferimento, ma con scarsa preparazione giuridica e meno che mai sindacale nel senso genuino ed ortodosso del termine. Magari lo si fa lasciando ai margini chi ha idee, perché dovrebbero essere le idee anzitutto a dirigere più che le mere abilità tecniche. E si incorre così in quel grave errore di valutazione sulle persone , sulle loro capacità, senza nemmeno metterle alla prova ( se non forse per ripulire i cassetti) che alla lunga si ritorce come un boomerang contro lo stesso sindacato.
Anche il qualunquismo politico è dannoso per lo stesso. L’affermazione stolida per cui non importa che direzione politica abbia il paese l’importante è che si tutelino gli interessi di una determinata categoria è sconcertante nella sua  leggerezza e superficialità. Il sindacato deve avere una connotazione politica. Infatti, se non si conoscono le dinamiche dei rapporti sociali , che stanno alla base anche di quelli del lavoro, sulla scorta di che cosa si possono rivendicare i propri diritti? Instillate nella gente il virus del qualunquismo politico e avrete spianato la via per scompaginare tutte le conquiste sociali presenti e passate.
I precari della scuola, così come gli operai che rischiano il posto di lavoro e le cui problematiche non si possono parimente ignorare, non hanno nessuna possibilità di farcela, ripeto:NON HANNO NESSUNA PROBABILITA’ DI FARCELA, se i loro sforzi non vengono convogliati subito  da una direzione politica forte ed univoca che li formi soprattutto ad avere un’identità di classe prima ancora che di categoria. Ciò che oggi manca, ed infatti i risultati si vedono.  Mi sento oggi di rivolgere questo mio appello a quelle forze sociali, prima che sindacali, che dovrebbero sentirne il peso della responsabilità .Mi rivolgo a quei sindacati con cui oggi è ancora possibile interloquire, in primo luogo alla CGIL, ( e allargo anche questo mio messaggio ai COBAS ma loro non ne hanno bisogno…) ai dirigenti provinciali, regionali e nazionali della CGIl che, sono certa ,capiranno perfettamente il senso delle mie parole, se non hanno dimenticato del tutto le loro origini e la loro storia.

Tecla Squillaci
stairwayto_heaven@libero.it








Postato il Mercoledì, 21 aprile 2010 ore 05:52:00 CEST di Tecla Squillaci
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Opinioni

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.73 Secondi