Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 515653659 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2021

Lu Trenu
di a-battiato
1712 letture

# Ragazzi Sindaci di Sicilia uniti salutano il 2020
di a-oliva
1612 letture

Valutazione scuola primaria senza voti, ma…
di a-oliva
1505 letture

Elogio del tempo, ovvero, al nuovo anno che verrà
di a-battiato
1456 letture

Come sarà la festa di S. Agata?
di a-oliva
1373 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: 50 anni di divorzio. Fu vera conquista di civiltà?

Redazione
Sono trascorsi cinquant’anni dal 1° dicembre 1970 quando con la Legge n.898 “Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio”, entrata in vigore il 18 dicembre 1970, è stato introdotto in Italia il divorzio, salutato come conquista di civiltà e segno di progresso della società italiana.
Agli inizi dell’Ottocento con il Codice Napoleonico era consentito di sciogliere i matrimoni civili, ma la legge era molto complicata da applicare. Nel 1902 il Governo Zanardelli elaborò una proposta di riforma che però non fu mai approvata. Il deputato socialista Loris Fortuna nell’ottobre 1965 presentò una prima proposta di legge sui “Casi di scioglimento del matrimonio” che animò un acceso dibattito e contrasti ideologici tra laici e cattolici, sostenitori dell’indissolubilità.
Si costituì la Lega per l’Istituzione del Divorzio (LID) guidata dal partito radicale di Marco Pannella che nel dicembre del 1969 attivava lo sciopero della fame ad oltranza assieme a Roberto Cicciomessere.
 La legge fu riproposta e integrata con alcuni emendamenti del senatore liberale Antonio Baslini e venne discussa da ottobre a dicembre 1970 alla Camera dei Deputati e al Senato, fino ad arrivare alla data del 1° Dicembre, quando con 319 “Sì” e 286 “No”, fu approvata col nome: di “Legge Fortuna -Baslini”.


Nello stesso anno il presidente della Repubblica, Giovanni Leone, in considerazione della particolare sensibilità etica dell’argomento,  dando applicazione all’art. 75 della Costituzione chiese il voto referendario e si avviò la costituzione del Comitato Nazionale per il referendum sul divorzio”, raccogliendo un milione e mezzo di firme che facevano sperare nell’abolizione della legge del 1970. A distanza di quattro anni, il 12 maggio del 1974 il primo referendum popolare della Nazione fece registrare il 59,3% dei favorevoli alla legge, contro il 40,7% dei contrari.

L’evento fu salutato dal partito Radicale di Marco Pannella e dal movimento femminista, come la prima vittoria per i diritti civili in Italia In un successivo referendum, nel 1981, si registrò che il 70% della popolazione era favorevole al divorzio.
A distanza di cinquant’anni viene da chiedersi se tutto ciò è stato una vera conquista di libertà e di civiltà.
Fu vera gloria? Potremmo chiederci con il Manzoni; e noi, i posteri, possiamo dare l’ardua sentenza.
Le trasformazioni culturali e gli stili di vita che l’avvento della legge per l’introduzione del divorzio ha prodotto nella società, modificando l’istituto del matrimonio e la cultura della famiglia, sono evidenti e fanno registrare pesanti contributi sul degrado morale ed una diffusa crisi di valori, in parte segno dei tempi, ma certamente alimentata dal relativismo e dal distacco da quei principi che hanno costituito “da sempre” le radici della società e della civiltà italiana, differenziandola dalle altre Nazioni definite “progressiste”.
 Un tempo, a scuola, nelle classi i ragazzi che avevano famiglie problematiche erano in pochi (e si contavano sulle dita di una mano), oggi la situazione è totalmente ribaltata ed il cospicuo numero di famiglie divise, allargate, miste, fa registrare solo pochi e rari studenti appartenenti a famiglie serene, unite e formate da una mamma e da un papà, adeguati a ricoprire loro ruolo, per il quale si sono impegnati già “in coscienza” nel momento in cui hanno contratto matrimonio.
La facilità di pensare al divorzio, provocando la rottura del nucleo familiare appare sorprendente e diffusiva, seguendo la moda dei tempi, e nel linguaggio comune persino il termine marito e moglie è spesso sostituito da “compagno e compagna”.
Al primo litigio la formula di reazione, diventata ormai una regola è appunto: “Io ti lascio! Siamo liberi. Ognuno fa la sua strada… e i figli ?
Vengono sballottati tra papà e mamma, a settimane alterne e il venerdì pomeriggio, al termine delle lezioni, non sanno se verrà Lui o Lei e non sanno in quale casa completeranno i compiti.
Anche nella società italiana all’istituto del matrimonio, spesso per leggerezza, si sostituisce quello della “convivenza” che, affrontata con superficialità, rende fragile il rapporto e agevola la scissione e la rottura del vincolo, imponendo le stesse difficoltà e le stesse sofferenze di un divorzio.
Si registra che oggi lo stile di vita è totalmente mutato e la tecnologia galoppante, il Web, i social hanno modificato il vivere italiano, in questo momento storico reso ancor più difficile e complesso anche a causa della crisi sociale ed economica prodotta dalla pandemia Covid-19.
Rileggere il passato alla luce del presente” dovrebbe diventare regola d’indagine e di riflessione, che impegna altresì a “progettare il futuro” per “guardare oltre”.
 Cosa ci hanno lasciato i nostri Padri? Che cosa lasceremo noi ai nostri figli?
Interrogativi che fanno pensare e non tanto ai beni materiali, quanto ai valori che non tramontano.
                                                                                                                     
Giuseppe Adernò






 








Postato il Giovedì, 03 dicembre 2020 ore 16:44:29 CET di Andrea Oliva
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi