Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 500752516 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2020

Consiglio generale CISL Scuola - 11 maggio 2020 - Documento conclusivo
di a-oliva
3336 letture

Concorso per i precari e Corso-concorso per Dirigenti scolastici: questi i nodi del DL 22
di m-nicotra
1572 letture

Convitto Cutelli, dalla fase dell’emergenza alla riapertura
di a-oliva
1530 letture

Attenzione ai disabili. Lettera e raccomandazioni della Ministra Azzolina
di a-oliva
1466 letture

A settembre classe divisa ma unita. Proposta di didattica intensiva e modulare
di a-oliva
1353 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Andrea Oliva
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Maggio dei libri web per il liceo G. Lombardo Radice di Catania A spasso con lo stupor mundi
·Lettera al Presidente del Consiglio da parte dei RAGAZZI SINDACI. Gradito cortese riscontro
·Il Convitto Cutelli partecipa a Webtrotter, il giro del mondo in 80 minuti … in bocca al web ai nostri alunni del Liceo Europeo!
·l tempo della riscoperta. Un video dei ragazzi dell’IISS Ven. Capizzi, di Bronte, al tempo della quarantena
·Convitto Cutelli, dalla fase dell’emergenza alla riapertura


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: La grande proletaria (digitale) si è mossa

Opinioni
Già circa quaranta giorni sono trascorsi dalla chiusura delle Scuole sull'intero territorio nazionale, causa coronavirus, e noi docenti siamo pronti ad una riflessione sui metodi ed i mezzi scesi in campo per affrontare l'emergenza. La prima, epidermica sensazione è che, ad oggi, fatta eccezione che per le mere petizioni di principio, il sostegno del Governo e del MIUR sia stato (e continui ad essere) quasi invisibile. Tutto è ricaduto sulle spalle larghe di Dirigenti scolastici, di ATA, di insegnanti, delle famiglie. Una specie di "armata Brancaleone" si è radunata, con il suo portato di competenze raccogliticce e difformi, ma con uno straordinario entusiasmo e spirito di sacrificio, con vero eroismo. La Scuola si è "reinventata": dalle realtà più grandi delle metropoli ai piccoli Istituti di paese, nessuno si è tirato indietro, con quello che ha potuto: tablet, computer, smartphone, telefono tradizionale. Tutti ci siamo attivati, dai docenti che bazzicavano da anni con le TIC a chi si barcamenava a stento con WhatsApp per comunicare tramite videochiamata con nipotini lontani: tutti!
È proprio il caso di dirlo, parafrasando un'immagine suggestiva: "la grande proletaria (digitale) si è mossa".

Dapprima eravamo perplessi, tuttavia, spinti da una carica positiva; adesso, però, la stanchezza si fa sentire, insieme a numerosi dubbi e difficoltà.
Cominciamo a tirare le somme: dobbiamo chiederci quali siano i metodi didattici ed i mezzi adeguati alle varie fasce di età, perché è ovvio che uno studente liceale ha un approccio più consapevole sia nei riguardi dell'emergenza che dei mezzi e metodi proposti in questo frangente.
Le fasce fragili le vediamo in ordine decrescente per età, sino a giungere ai bimbi delle Scuole dell'infanzia che hanno subito più di chiunque altro la chiusura forzata delle Scuole.

Infatti bisogna sottolineare che il rapporto all'interno delle classi reali, concrete, "analogiche" e "non virtuali", è ciò che attiva la consapevolezza ed accende la conoscenza; non può essere in alcun modo surrogato da una Didattica di mera comunicazione di informazioni, fatta con un botta e risposta in videoconferenza o su WhatsApp o altro medium digitale.

Anche i ragazzi diversamente abili stanno soffrendo per la carenza dei contatti concreti, nonostante l'impegno degli insegnanti di sostegno, degli insegnanti curriculari e delle famiglie.
Negli anni della nostra esperienza a Scuola, abbiamo studiato e messo in pratica l'insegnamento situato e significativo, l'Attivismo pedagogico, e via dicendo. Un lungo e sofferto percorso ha condotto il sistema scolastico italiano lontano dal modello di stampo idealista, retaggio della Scuola fascista e gentiliana.

Adesso sembra ripresentarsi lo spettro di un insegnamento nozionistico cui la DAD ci costringe, basata come è sulle "conoscenze" e "nozioni" piuttosto che sulle competenze, ad eccezione di quelle informatiche.
Ci saranno coloro che mi spiegheranno che anche con la DAD si può puntare alle "competenze", organizzando verifiche e "laboratori" a distanza ... ma già tale enunciazione è antinomica.
Certo è l'emergenza che ci costringe a questa modalità; ciò che mi preoccupa sono le ultime "esternazioni" della Ministra: si vuole "istituzionalizzare" ed inserire nel profilo del docente la Didattica a Distanza? Oppure ho compreso male?

Innanzi tutto è quantomeno singolare che la Ministra, senza nessun confronto con i Sindacati, faccia simili dichiarazioni. Credevo di sapere che il ruolo professionale dei docenti è regolamentato da norme precise che affondano le basi nella Costituzione che statuisce la libertà di insegnamento, a finire con il compendio legislativo costituito dal Testo Unico, il D.lgs. 297 del 1994, con il D.lgs. 165/2001, che regolamenta il Pubblico impiego, fino al Contratto Collettivo del Lavoro - comparto Scuola.
Mi risulta semplicemente incredibile sentire un Ministro che, senza nessuna consultazione preliminare con Sindacati e parti sociali, affermi che i docenti dovranno, per legge, adottare la DAD.

Con altrettanto stupore apprendo dai mezzi di stampa che la Ministra è uscita (fuggita) dal confronto con gli Assessori regionali alla Pubblica Istruzione senza dare nessuna risposta ai numerosi interrogativi.
E mi suona stridente sentire che Sua Eccellenza Lucia Azzolina si riferisce agli studenti in situazione di disagio come ai "più poveri"... certo la ex-docente di sostegno non usa mezzitermini o litoti, adottando il linguaggio semplificato di ascendenza paternalistica che divide banalmente la società in "ricchi" e "poveri".
Non so, forse avrei apprezzato di più vedere immediatamente le Scuole fornite di attrezzature informatiche, senza dovere attendere i tempi di una burocrazia viscosa ed inutile.
Avrei apprezzato una sensibilità diversa nei confronti di moltissime famiglie che non sono "povere" e "disperate", ma che lo diverranno se ci si attarderà ancora sulla linea dei proclami invece che scendere in campo concretamente.

Gli 80 milioni di euro stanziati in prima battuta dal MIUR appaiono un contributo insignificante distribuito ad una popolazione scolastica numerosa e a Scuole che da anni richiedono l'attenzione delle Istituzioni verso un ventaglio di problematiche gravissime che vanno dalla sicurezza delle strutture edilizie, alle attrezzature, al trattamento economico del personale, al metodo e tempi di reclutamento.
Senza dubbio non è solo il "senso del dovere" evocato dalla Ministra come indispensabile presupposto dell'attività didattica a mancare; al contrario se non si fosse animati da un profondo senso del dovere, oltre che da una dedizione e da un amore infinito per il proprio lavoro, la Scuola italiana si sarebbe bloccata e sarebbe rimasta inerme di fronte all'emergenza.
Invece il personale scolastico si è rimboccato le maniche ed ha agito senza tergiversare, né attendere le direttive ministeriali.

In questa triste vicenda ci stiamo scontrando con più di una violazione dei Diritti riconosciuti dalla Costituzione italiana, dal principio di uguaglianza della persona umana, disatteso nel trattamento riservato agli anziani in alcune case di cura, alla disparità di presidi medici e di sicurezza tra regione e regione, alla oggettiva diversità di opportunità degli alunni a poter seguire la DAD.
Non si può mettere sullo stesso piano il ragazzo che vive nei quartieri agiati delle metropoli, che ha il supporto di una famiglia di professionisti, con il ragazzo che vive in un contesto già in partenza meno attrezzato.

In classe, in presenza, la Scuola ha appianato molte disparità; il docente ha fornito a tutti la medesima cura didattica, pur tenendo conto della personalizzazione degli insegnamenti; ha coinvolto gli studenti in maniera adeguata nel lavoro in classe, li ha valutati con ponderazione ed oggettività; ed ancora: ha compensato eventuali difficoltà attraverso la propria presenza ed empatia, oltre che grazie al supporto dell'intera Comunità scolastica che conta su svariati contributi da parte di Territorio, famiglie, realtà culturali diffuse.

Viceversa, a "distanza" la "distanza" si divarica a dismisura e non è solo la gravissima assenza affettiva ad intervenire, ma anche una carenza nelle opportunità e negli strumenti di partecipazione.
Quindi la vera "povertà" è quella collettiva, di una collettività che si è fatta cogliere doppiamente impreparata, sia sul piano delle strutture sanitarie, depauperate da tagli ventennali, che sul piano della Scuola, sfornita di mezzi concreti e di risorse economiche ... ancora una volta.
Allora, Eccellentissima Ministra, La prego, non si pronunzi tacciando il disagio come "povertà", non chieda a noi docenti di sottometterci all'ennesima decisione "emergenziale".
Piuttosto, coinvolga democraticamente tutte le parti in gioco e fornisca risposte concrete e tempestive:
noi ci saremo!

Maria Làudani










Postato il Venerdì, 17 aprile 2020 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi