Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 497383779 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2020


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia
·Una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione
·Autonomia differenziata, la partita è aperta
·Al Governo si gioca a spaccare la scuola ed il paese


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: Giordano Bruno, la tempesta del dubbio e gli infiniti mondi. Un’intervista possibile

Redazione
“I miei occhi sono puntati dritti al Vaticano! Guarderò in faccia per sempre quegli uomini vestiti di nero! E i papi devono stare attenti a parlare di “male e di genocidio”, perché il primo genocidio della storia lo ha commesso la chiesa di Roma. Il male non si misura con la matematica! Ditemi voi, chi fa più male, chi uccide un milione di persone, chi ne uccide sei milioni, o chi ne uccide uno solo!? E’ più ladro chi ruba cento denari o chi ruba un semplice baiocco!? E lo dico io che sono stato massacrato da Santa Romana Chiesa. E mai lo dimenticherò!”.
E’ un fiume in piena Giordano Bruno, reduce dall’ultimo “duro” interrogatorio dai giudici della Santa Inquisizione romana. Lo incontro, quasi di nascosto, nella penombra della sua cella, è molto provato, stanco, parla con un fil di voce, l’ultimo “colloquio” con i suoi accusatori lo ha sfiancato, ma conserva ancora tanta serenità, tanta forza d’animo e desiderio di lottare e di dimostrare la sua totale innocenza. E’ veramente un grande uomo, come pochi, al giorno d’oggi…

Maestro, perché è stato recluso in questo cupo luogo di supplizio?
«Be, non lo devi chiedere a me, caro amico, ma ai miei aguzzini, a chi mi ha condotto in queste oscure segrete con astuzia e perfidia. Ho creduto e ceduto al “gentile” invito del nobile Mogenico, di lavorare e insegnare in Italia, a Venezia, ma sono stato tradito da persone che ritenevo amiche. Ho commesso degli errori di valutazione degli ambienti culturali e sociali italiani, i più retrogradi e oscurantisti dell’intera Europa. Non li perdonerò giammai!».

Ma allora perché è tornato in Italia?
«L’Italia è la mia patria, la “culla” del mio pensiero. Ripeto, ho commesso degli errori di valutazione, credevo, o meglio speravo di adempiere alla “mia missione” di riformare dall’interno la chiesa romana, credevo che la situazione politica in Italia fosse cambiata, che si respirasse un clima di distensione e di clemenza. Ma ho sbagliato, anche se non mi pento di nulla, anzi, prima o poi ne uscirò vincitore, ne sono certo!».

Maestro, ci vuole raccontare un po’ della sua infanzia, della sua famiglia.
«Io mi chiamo Filippo Bruno. La mia casa era modesta, la ricordo con commozione e smisurato affetto. Ripenso ai miei cari genitori. Rivedo le campagne tutt’intorno il paese di Nola, l’amenissimo monte Cicala, le rovine del castello, gli ulivi, e da lontano l’amato Vesuvio. Ah, che serenità! Da bambino credevo che oltre quella montagna non vi fosse più nulla nel mondo. Ma poi ho capito a non basarmi “esclusivamente sul giudizio dei sensi”, come diceva il grande Aristotele, perché aldilà di ogni “apparente limite”, vi è sempre qualcos’altro. Da piccolo imparai a leggere e a scrivere da un prete nolano, un certo Giandomenico de Iannello, feci gli studi di grammatica nella scuola di un tale Bartolo di Aloia. Proseguii gli studi superiori, dal 1562 al 1565, nell’Università di Napoli, che allora era nel cortile del convento di San Domenico, per apprendere lettere, logica e dialettica da uno che si chiamava il “Sarnese” e lezioni private di logica da un agostiniano, fra Teofilo da Vairano. Avevo tanta curiosità e sete d’imparare! Così a Napoli diventai domenicano, con il nome di Giordano. Sacerdote nel 1572, dottore in teologia tre anni dopo, ma il mio vero obiettivo era di studiare filosofia; volevo approfondire le mie conoscenze e sviluppare i miei ragionamenti filosofici».

Maestro, perché il suo pensiero è considerato pericoloso e le sue teorie eretiche?
«Caro amico, i miei pensieri non hanno niente di pericoloso. L’ignoranza degli uomini è il “pericolo assoluto”; l’arroganza, la superstizione, la superbia, l’invidia, questi si che sono pericolosi! Stai attento, stai alla larga dagli uomini vestiti di nero. I vertici della Chiesa di Roma e le gerarchie ecclesiastiche sono una minaccia per lo sviluppo del libero pensiero. Ancora fanno credere al popolo che il Sole gira attorno alla Terra, ancora difendono le idee tolemaiche della Terra al centro dell’Universo! Ma dai, dove devono andare!».

Maestro, ma lei è un sacerdote o sbaglio?
«Ero un sacerdote, ero! Nel 1576 ho abbandonato il mio abito talare e sono fuggito al nord, prima a Genova, poi a Savona, Torino, Padova, Bergamo. A Venezia ho pubblicato i miei primi libri. Che meraviglie di città, li ricordo tutte con nostalgia! Poi ho deciso di lasciare l’Italia e sono andato all’estero, a Ginevra, a Tolosa, poi finalmente a Londra, dove ho conosciuto persino la regina Elisabetta. In Inghilterra sono stato accolto benissimo, ho lavorato, insegnato e pubblicato le mie opere più importanti, “La cena delle ceneri”, “De l’infinito universo et mondi”, “ Lo spaccio delle bestia trionfante”, “Degli eroici furori”. Poi mi sono trasferito a Oxford, e dopo in Francia, a Praga, a Helmstedt, a Francoforte, in Germania. Ho girato mezza Europa».

Ma torniamo alle sue idee. Dov’è l’eresia?
«Non c’è nessuna eresia, caro amico. Rifletti, se Dio, che è infinito, ha creato l’universo, anche l’universo per forza di cosa deve essere infinito. E se l’universo è infinito, è ridicolo parlare di sopra e sotto, destra e sinistra, centro e periferia. L’universo è infinito, punto. E infiniti saranno anche le costellazioni, i soli, i mondi, i pianeti, e forse anche gli essere viventi che li abitano. Pensaci, perché mai la vita si sarebbe dovuta sviluppare solo qua, sulla Terra!? Possono state tranquilli i pastori della chiesa, noi non siamo soli nell’universo. Ma stai attento a dirglielo! Inoltre, se Dio è infinito, tutto è Dio, l’universo, il creato, la natura e tutto ciò che ci circonda. Dio è natura da amare infinitamente, da amare sempre. Per tutta la vita ho cercato la verità, solo la verità: E ho avuto sempre e solo dubbi, mille dubbi; sono stato assalito, massacrato dai dubbi. Caro amico, anche tu, abbi dubbi, sempre! Non credere alle cose che ti dicono, non dare ascolto a chi racconta la “loro” storia, il “loro” punto di vista. Devi sempre approfondire, scendere in profondità, andare oltre, aldilà delle barricate, più in là del confine. E ricordati sempre che la conoscenza è passione, è furore, una “passione amorosa”, un “eroico furore”. Studiare è quasi come fare l’amore! Devi amare lo studio e ciò che studi. Capito!? Ecco perché mi hanno considerato “pericoloso”. Ecco perché mi hanno ucciso».

Molto interessante anche il suo concetto del “lavoro umano”.
«Caro amico, io sono stato il primo a parlare di lavoro e ad approfondire il concetto. L’uomo è simile a Dio perché crea. Di più, l’uomo è co-creatore e coproduttore insieme a Dio delle meraviglie della Terra. Come l’uomo è affascinato dal “lavoro” di Dio, così anche Dio è affascinato dal lavoro dell’uomo. Come l’uomo ammira le “opere” infinite del creato, così Dio ammira le opere eccelse di cui è capace l’uomo con il suo lavoro. Sono l’intelligenza e le mani, il pensiero e le azioni, che permettono all’uomo di “continuare” e di “modificare” l’opera divina. L’uomo è superiore a tutti gli altri esseri viventi sulla Terra, non perché “dotato di anima”, come predicano i sacerdoti, ma perché ha la “percezione del sé”, e perché ha la “forza delle idee e delle mani”, pensiero e azione, attività teorica e pratica».

E il suo pensiero sulla “memoria”?
«La memoria è vita. Devi coltivare sempre il “vizio della memoria”, perché senza memoria non c’è nessuna conoscenza, nessun futuro possibile, nessun mondo immaginabile. La memoria è “via, verità e vita”, come diceva di se Gesù. E con la memoria possiamo “percorrere” tutte le strade della conoscenza e del dubbio senza mai aver paura di perderci. La memoria è magia, cioè saggezza e conoscenza. Bada, la magia è…».
All’improvviso nella cella semibuia entrarono due guardie che in modo brusco mi ordinarono di uscire immediatamente. Giordano Bruno non ebbe neppure il tempo di completare il suo discorso. Si fermò, mi fissò, ci salutammo con un lungo e sereno sorriso. Ma mentre quei loschi individui mi spingevano fuori dalla cella, Giordano Bruno ebbe il tempo di gridarmi, “Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo... l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui, in questo mondo!”. Non lo vidi più. Seppi in seguito che il Tribunale dell’Inquisizione lo condannò al rogo. Ai suoi carnefici che gli leggevano la condanna gli gridò in faccia, “Forse tremate più voi nel pronunciare contro di me questa sentenza che io nell’ascoltarla!”. La mattina del 17 febbraio 1600, Giordano Bruno, con la lingua serrata da un bavaglio di ferro, così da non poter parlare, venne condotto a piazza Campo de’ Fiori, a Roma, denudato, legato a un palo e arso vivo Le sue ceneri furono gettate nel Tevere.
E’ proprio vero, “l’Anticristo può nascere dalla stessa pietà, dall’eccessivo amor di Dio o della verità, come l’eretico nasce dal santo e l’indemoniato dal veggente”. E Giordano Bruno, spirito libero e ribelle, precursore della modernità, che ha sacrificato la propria vita alla ricerca della verità e alla difesa del libero pensiero, ha aperto la strada alla rivoluzione scientifica e al pensiero moderno.

Angelo Battiato








Postato il Sabato, 14 marzo 2020 ore 10:00:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi