Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485912585 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1238 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
905 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
700 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
698 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
625 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Normativa Utile
Normativa Utile

·Detrazione lavoro dipendente € 80,00
·Scheda FLC CGIL cessazioni dal servizio del personale della scuola 2014
·Modello di diffida per il rimborso del 2,50% per indebita trattenuta sul TFR (trattamento di fine rapporto)
·Documenti necessari per ottenere la disoccupazione
·Bocciata dalla Corte Costituzionale l'assunzione diretta dei docenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Progetti: Formazione in progress 'Scuola senza Zaino' . Istituto Comprensivo Statale di Santa Venerina

Istituzioni Scolastiche
Come ogni anno, procede la formazione dei docenti dell'Istituto Comprensivo di Santa Venerina, guidato dal Dirigente Scolastico Dott.ssaMariangiola Garraffo, per portare avanti il percorso che ha dato il via all'applicazione del modello "Scuola senza Zaino", in alcuni classi dell'Istituto. Un modello educativo attuato nel 2002 a Lucca, per iniziativa diMarco Orsi, allora Direttore Didattico, diffuso, oggi, in più di cento istituti italiani, i cui assi portanti sono rappresentati da tre valori fondamentali: comunità, ospitalità, responsabilità. Comunità come luogo in cui l'istituzione scolastica diventa interlocutore attenta con le altre agenzie del territorio, con le famiglie, valorizzandone la partecipazione; comunità come aggregazione di forze, dentro e fuori la classe, come luogo dove si fa largo l'esplorazione, la ricerca, la curiosità, dove ognuno svolge il proprio lavoro in vista di obiettivi comuni.

Ospitalità quale luogo in cui gli ambienti vengono "ripensati", nell'ottica di un miglioramento costante della qualità della vita scolastica giornaliera, a cominciare dal colore delle pareti, dagli arredi, dalla disposizione dei banchi, dagli angoli attrezzati, dall'agorà. Quest'ultima, rappresenta un'area dove i ragazzi possono ascoltare le lezioni, confrontarsi, analizzare le problematiche, rilevare i propri errori, trovare soluzioni, leggere libri, discutere su quanto succede nel mondo, magari seguendo in diretta un programma, un documentario, esercitando lo scambio e il confronto tra allievi e tra allievi e docente.
Responsabilità intesa come esercizio di esperienze concrete, in autonomia di movimento e di scelta, accogliendo le sfide, risolvendo problemi, svolgendo compiti reali, all'insegna di un significante apprendimento cooperativo.

Di considerevole importanza, per il modello "Scuola senza Zaino", è il ruolo dell'insegnante che non dispensa il sapere dalla cattedra, ma si muove tra i tavoli, continua a spiegare, a guidare, a valutare, a coinvolgere il singolo così come il gruppo, in un clima affettivo sereno, in uno spazio di ascolto e parola, in un tempo disteso, dove ogni alunno è reso partecipe del lavoro da svolgere, perché ha un quadro chiaro di ciò che lo terrà impegnato, tramite il planning delle attività organizzate, condiviso con l'intera comunità scolastica.
In un modello, quale è il "Senza Zaino" che attua l'integrazione tra saperi disciplinari e pratica laboratoriale, cura la ricerca e l'utilizzo di materiali alternativi e sperimenta le nuove tecnologie, le discipline diventano vive e attive, come attivo diventa l'alunno, protagonista del proprio apprendimento, co-costruttore del proprio sapere, fruitore dinamico di un servizio. Un servizio volto a garantire interventi comuni finalizzati alla piena inclusione, offrendo un percorso di insegnamento che favorisca il successo formativo di tutti, promuovendo la piena realizzazione della personalità dell'allievo a livello culturale, sociale ed etico.

Il "Senza Zaino" è un modello che si caratterizza per un diverso modo di apprendere, un diverso approccio all'apprendimento sostenuto dai più grandi pedagogisti che hanno evidenziato il valore del "fare" degli allievi in autonomia. In verità non si tratta di un modello ex novo, ma di un modello che affonda le radici nella pedagogia di autori come Pestalozzi, Rousseau, Dewey, Freinet, Cousinet, Steiner, Montessori, Bruner, Vygotskij, Gardner, Sternberg, ecc. Autori che hanno messo in rilievo l'importanza di un modello di scuola che non assegna il primato al cognitivo, alla trasmissione sterile di contenuti tout-court, ma una scuola che considera l'alunno nella sua unità di mente e corpo, che fa interagire teoria e prassi, che suscita interesse e motivazione per l'apprendimento, attraverso l'esperienza. Ciò che Maria Montessori ha affermato molti anni fa è stato confermato dagli studi delle neuroscienze, le quali proclamano, oggi, l'importanza della percezione, dell'esplorazione sensitiva, del movimento, per un apprendimento significativo e duraturo nel tempo.
In questo contesto, il ruolo del docente non è più quello di "trasmettere" conoscenza, ma è quello di accompagnare, o meglio, come suggerisce la Montessori, di "affiancare" l'alunno, nel senso proprio di "stare-a-fianco", non per giudicare, ma per ascoltare, guidare, sostenere l'alunno nei suoi sforzi; rispondere ai suoi bisogni, creare occasioni di apprendimento, rispettando modi e tempi di tutti e di ciascuno!

Il modello Senza Zaino non è, pertanto, un "modello alternativo" alla scuola tradizionale, ma un "modello complementare"; è un modello in cui i ragazzi sono ri-chiamati alla cura, alla responsabilità, al rispetto di sé, degli altri, dell'ambiente; è un modello in cui l'alunno è valorizzato per quello che "è", per le sue capacità, le sue doti, le sue aspirazioni, i suoi talenti.
Nell'ottica di unascuoladell'autonomia intesa a migliorare laqualitàdel servizio, partendo proprio dalla crescita professionale, i docenti dell'Istituto Comprensivo di Santa Venerina hanno abbracciato l'innovazione del "Senza Zaino", quale modello idoneo a costruire percorsi integrati che puntano all'unitarietà della persona.

Condizione sine qua non, affinchè la didattica non sia una mera tecnica di trasmissione della conoscenza, ma si configuri quale prassi di un agire educativo significativo, è l'impegno della scuola nel prestare attenzione a nuovi contesti educativi di cittadinanza, sostenibilità ambientale, sociale, economica, culturale, e a nuove competenze comunicative, collaborative, tecnologiche, per dar vita a nuove forme di apprendimento che prestino attenzione al fattore cognitivo così come a quello emotivo, promuovendo motivazione e autostima negli alunni.
Come è stato sottolineato nei vari incontri formativi, si tratta di "Far emozionare al sapere", si tratta di "Immettere emozioni all'interno del processo della conoscenza, per promuovere un sentimento positivo verso la conoscenza stessa!"

Maria Torrisi









Postato il Domenica, 03 febbraio 2019 ore 08:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi