Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480069583 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
843 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
843 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
656 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
652 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
610 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Decreto concretezza: Timbratura in entrata e in uscita dalla scuola per i 'Presidi' attraverso il rilevamento delle impronte digitali
·Webtrotter: Il giro del mondo in 80 minuti
·Lettera a Francesco Merlo
·Premio 2018 Domenico Danzuso
·Maturità, alternanza, test d’ingresso: il ministro Bussetti risponde alle domande degli studenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Sicurezza: Scuola - Trump: 'Insegnanti armati' Non Docenti poliziotti, ma 'literis armatur'

Istituzioni Scolastiche
Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump incontrando alla Casa Bianca un gruppo di genitori e studenti della scuola della Florida teatro dell'ennesima strage ha proposto di armare gli insegnanti delle scuole americane per metterli in condizione di difendere gli studenti nel caso di attacchi omicidi come quello di Parkland in Florida, dove un giovane ex studente della Marjory Stoneman Douglas High School ha ucciso diciassette persone tra studenti e professori. La soluzione proposta non è condivisibile e anche se "una scuola senza armi è una calamita per le persone cattive" la risposta non sono le armi. La scuola che deve insegnare e trasmettere valori non può e non deve usare le armi, non può insegnare la violenza. La nostra Costituzione sancisce che " L'Italia ripudia la guerra".

Sulla porta Ferdinandea di Catania e nella sala consiliare di Palazzo degli Elefanti in piazza Duomo a Catania campeggiano due scritte indicative ed efficaci: "Literis armatur" e "Armis decoratur". Le armi sono solo un decoro, la vera arma sono le "lettere", la scuola, la cultura.
"Così ci hanno insegnato i nostri Padri e noi siamo ingrati e indegni di tanta eredità se non sappiamo coglierne il senso e il valore."
Armarsi di cultura è la vera difesa e una sana educazione civica a scuola, capace di produrre apprendimenti efficaci e di modificare i comportamenti degli studenti, aiutandoli a modificare il modo di pensare, di sentire e di agire salva dai bullismi e dagli atti di violenza.

La proposta americana, anche se collocata in un contesto diverso da quello italiano non si può condividere., anche se si ascolta con rispettosa attenzione lo sfogo di un genitore «Noi, come Paese, abbiamo deluso i nostri figli, non doveva accadere. Proteggiamo gli aeroporti. Proteggiamo concerti, stadi, ambasciate - ha aggiunto Pollack, con la voce piena di rabbia -. Non posso salire su un aereo con una bottiglia d'acqua, ma lasciamo un animale armato entrare in una scuola». La sicurezza degli studenti a scuola diventi una priorità e si ponga fine alla violenza armata e alle sparatorie di massa nelle scuole.
Nella scuola italiana, oggi, sono frequenti gli atti di violenza tra gli studenti e nei confronti dei docenti, dei dirigenti e del personale della scuola, anche da parte di alcuni genitori. Tutto ciò crea panico, tensione e preoccupazione.
Secondo gli psicologi "la scuola diventa il luogo dove le frustrazioni presenti ed emergenti in strati sempre più ampi di popolazione trovano l'humus ideale per attecchire".

Come contrastare questa violenza? Qualcuno preferirebbe il pugno duro, Qualche altro propone le telecamere in ogni classe, il metal detector all'ingresso delle scuole.
Si è proposto anche il docente "vigile" o "carabiniere" e secondo alcuni anche il referente per il bullismo dovrebbe diventare "poliziotto" e controllore dentro e fuori la scuola.
Con le telecamere e il metal detector non si costruisce una scuola del benessere che non potrà neanche essere quella indicata dallo psichiatra Paolo Crepet, il quale, intervenendo alla trasmissione Tagadà di La7 ha ribadito il suo pensiero sulla deriva educativa, che coinvolge famiglie e scuola, affermando in contrapposizione al "buonismo educativo" che "una scuola che non boccia è una scuola marcia".
La bocciatura è un'arma che potrà essere utilizzata, ma la finalità della scuola è quella di promuovere e far crescere persone, ragazzi e giovani che diventano adulti e cittadini.

Alcuni genitori fanno crescere i loro figli come dei piccoli Budda cui essere devoti, consentendo loro di fare tutto. I ragazzi di oggi "hanno tutto e non sono contenti".
Si sostituisce all'amore, alla paternità e maternità responsabile e autorevole, il regalo materiale, la paghetta per i capricci che diventano sempre più esigenti.
Questo comportamento è sbagliato, quando questi ragazzi diventeranno grandi, ci sarà qualcuno che gli dirà di "no" e allora le reazioni saranno imprevedibili e le conseguenze incontrollabili.

L'avvocato Giacinto Dragonetti (1738-1818), giurista abruzzese e avvocato fiscalista, laureato alla cattedra di Antonio Genovesi a Napoli, e nel 1792 magistrato della Monarchia di Sicilia, la seconda carica per importanza dopo quella di viceré, scrisse in riposta al Beccaria, autore del noto libro dal titolo Dei delitti e delle pene" un volume , rimasto nell'ombra e custodito nelle biblioteche, conosciuto solo da pochi, mentre custodisce preziosi messaggi di positività e vantaggi sociali. Se è vero che raccoglie più mosche un cucchiaio di miele che un barile di aceto, l'azione positiva di attenzione e di guida alla virtù, al bene, il costante riferimento ai valori, fatto bene con intenzionalità educativa e in costruttiva relazione, diventa più efficace delle punizioni e delle bocciature.

Il titolo "Delle virtù e dei premi", un pamphlet del 1766, ristampato in Francia e in Spagna, ma rimasto sconosciuto in Italia, diventa la risposta all'emergenza educativa che non si vince con la violenza del castigo, bensì con la delicatezza di una positiva relazione educativa, capace di costruire rapporti e interazione tra giovani e adulti.
La ricerca della felicità, la valorizzazione delle virtù, premiando anche l'impegno profuso nel conseguire il benessere dei cittadini, costituiscono i nuovi filoni da seguire per assicurare un vero successo educativo ed una promozione integrale della persona.

Non è "buonismo" cercare e percorrere la via del bene per conseguire i traguardi di una vera educazione e di una scuola di qualità, ma è un impegno educativo che caratterizza la professione docente.

Giuseppe Adernò










Postato il Lunedì, 26 febbraio 2018 ore 08:30:00 CET di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi