Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 402449516 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2017

Viaggiatori stranieri nella Sicilia dell’Ottocento - giovedì 9 novembre alle ore 17,30, al Teatro Antico Catania - Sala dell’Esedra
di m-nicotra
936 letture

Convocazione per incarichi a T.D. - Disponibilità
di a-vetro
849 letture

La Fedeli annuncia i nuovi concorsi, ma i Commissari dell’ultimo consorso 2016 sono ANCORA in attesa di essere retribuiti e rimborsati!
di m-nicotra
629 letture

Gli Attestati di eccellenza Certilingua alle studentesse diplomate del Liceo E. Boggio Lera
di m-nicotra
552 letture

Determinazione organico posti comuni personale Docente a.s. 2017/2018
di a-vetro
521 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche
·ASA Scuola - Il verbale d’invalidità anche se scaduto è ancora valido: da rifare l’assegnazione provvisoria di scuola dell’infanzia della provincia di Catania
·Docente sanzionato all'Ipssar Cascino di Palermo: TAR condanna dirigente scolastico, nominato commisario ad acta
·Dare dell'ignorante al collega è reato
·Il TAR del Lazio, per la prima volta, ammette all'orale una candidata non ammessa


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Scuola pubblica e o privata: La cultura delle riforme. Verso una migliore allocazione delle risorse e il costo standard per studente

Redazione
In un appassionato e pungente editoriale del Corriere della Sera (9 settembre) Francesco Giavazzi, dopo l'attenta analisi della situazione socio politica italiana conclude, auspicando "un programma di governo che dovrebbe lasciar da parte le «grandi riforme» e concentrarsi invece su piccole correzioni delle norme che, consentano una migliore allocazione delle risorse", anche attraverso interventi mirati sulle norme del codice civile che regolano alcuni adempimenti. Nella scuola, anziché l'ennesima «grande riforma» si potrebbe sperimentare, seguendo l'esempio degli Stati Uniti, ma anche della Svezia e di altri Paesi, qualche charter school, non scuole private, ma istituti (sia d'istruzione secondaria che professionale) che godono di particolare autonomia, soggetti ad un minor numero di regole, leggi e vincoli statutari e legati a un sistema di finanziamento misto al quale contribuiscono fondi pubblici e privati. Non ne servono mille. Per diffondere il miglioramento ne basterebbero due o tre per regione.

Nella proposta del costo standard di sostenibilità per allievo, applicabile ugualmente a tutte le scuole pubbliche, paritarie e statali, della quale Suor Anna Monia Alfieri si è fatta promotrice e attiva sostenitrice, si rende possibile un effettivo risparmio ed un efficace servizio, con positivi vantaggi per la Comunità nazionale.
Immaginando ad esempio che in ogni classe ci siano 25 studenti, nella scuola materna ogni alunno costerebbe 4.570 euro (se in quella stessa classe ci fosse un alunno disabile, la cifra salirebbe a 5.360 euro). Applicando questi costi standard, ogni alunno di ogni scuola pubblica, statale e paritaria, costerebbe 5.441 euro, per un costo statale di 47,1 miliardi di euro (cioè ben 2,8 miliardi in meno di oggi).
È possibile, perciò, far risparmiare soldi allo Stato e garantire il diritto fondamentale all'istruzione senza discriminazioni economiche, restituendo alla famiglia la responsabilità educativa in una piena libertà di scelta. Ed è possibile grazie a un pluralismo educativo in cui lo Stato garantisca pari risorse a tutte le scuole, con l'obiettivo di innalzare la qualità dell'istruzione italiana, portandola allo stesso livello degli altri Paesi europei. Consideriamo, ad esempio, Paesi con grande tradizione in materia di Stato sociale, come quelli nordici: il sistema scolastico finlandese vede una stragrande maggioranza d'istituti paritari (se non quasi la totalità) finanziati dallo Stato, a tutela delle esigenze educative del singolo bambino.

Gli eccellenti esempi di "scuole changemaker" espressione e modello di cambiamenti e d'innovazione nella didattica e nell'organizzazione dell'apprendimento ', confermano che le potenzialità esistono, tante cose si possono fare, "Basta volerle".
La volontà del Governo stenta ad emergere e spesso si limita a piccoli rigurgiti di promesse e di belle parole, subito smentite dall'inefficienza del carrozzone burocratico e dalla lentezza procedurale.
Le scuole mal messe e senza le garanzie di sicurezza, le 355 scuole senza dirigente e affidate a formali "reggenze", di fatto senza una guida e senza una progettualità di sviluppo e di potenziamento, la disparità di esuberi di docenti al Sud e di carenze al Nord, di cattedre di matematica vuote e affidate a supplenti, e docenti senza titolo nel delicato compito del sostegno, sono tutti segnali di allarme, che, nonostante il rosso lampeggiante, vengono trascurati dalla "politica nazionale" attenta a sistemare coalizioni e partiti per garantirsi poltrone e posti di comando.

La contraddizione tra l'articolo 30 e 33 della Costituzione potrebbe, così finalmente trovare una soluzione.
L'equivoco he ha caratterizzato nel tempo l'espressione: "senza oneri per lo Stato", scrive Suor Alfieri, prolunga "un'ingiustizia storica, rendendone più difficile la soluzione. Esso equivale a confondere il fine dell'educazione con i suoi mezzi, che sono le scuole. Dobbiamo evidenziarlo: troppi persistono in una visione filosofica per cui la persona e l'educazione sono funzionali allo Stato, che, attraverso le scuole, intenderebbe "rieducare gli italiani, troppo condizionati dalla Chiesa Cattolica"... e quindi inquadrarli in una scuola di regime".

Tutto ciò non è per nulla vero!
Se in Italia il sistema del costo standard per persona è stato già applicato alla sanità, per quanto in modo imperfetto, perché non si può introdurre anche nella scuola?
La proposta non comporta alcun onere per lo Stato (che adesso risparmia più di 6 miliardi di euro annui, grazie al servizio "pubblico" delle scuole paritarie), ma mira a garantire il diritto alla libertà di scelta educativa, riconosciuto peraltro dall'art. 30 della Costituzione stessa: "È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli".
L'iniziativa delle famiglie non costituirebbe affatto un onere, ma semmai un risparmio per lo Stato, infatti, l'emendamento "senza oneri" riguarda l'istituzione di scuole, non il diritto della persona all'educazione, né il diritto dei genitori di educare i figli (diritti che la Repubblica deve riconoscere e garantire.

È inaccettabile che ancora oggi, nell'anno scolastico 2017-2018 un milione di famiglie debba pagare due volte la scuola dei propri figli, prima con le tasse e poi con la retta!
Nell'attesa dei programmi elettorali, le famiglie, future elettrici, possono ritenere lo school bonus come uno strumento che riconosce l'esercizio della responsabilità educativa, sostenendo con un "premio" chi la favorisce. Si tratta, infatti, di un'importante agevolazione fiscale prevista dall'art.1 commi 145-150 della legge 107/2015 (Buona Scuola) che al comma 146 specifica la tipologia delle donazioni previste: "erogazioni liberali in denaro destinate agli investimenti in favore di tutti gli istituti del sistema nazionale d'istruzione, per la realizzazione di nuove strutture scolastiche, la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti e per il sostegno a interventi che migliorino l'occupabilità degli studenti".

Il credito d'imposta, per il donante, è del 65% per le erogazioni effettuate nel 2017 e del 50% per le erogazioni effettuate nel 2018. Perché non cogliere quest'opportunità?
La multiculturalità, che caratterizza la scuola italiana oggi, necessita dei meccanismi e procedure innovative che non possono essere inseriti, ope legis, quasi vino nuovo in otri vecchi, o piccole toppe nuove sul vestito lacero e consunto dal tempo. La scuola non potrà continuare ad essere un ammortizzatore sociale, che bandisce concorsi, semina illusioni e speranze, e mantiene in vita le graduatorie che non si esauriscono mai.

Basta con la litania delle annunciate riforme, che non corrisponde e tradisce gli effettivi mutamenti culturali, che necessitano l'incremento del potenziale di crescita della nostra economia.
Occorrono fatti e non parole e, come suggerisce Francesco Giavazzi, è necessaria una migliore allocazione delle risorse, un'oculata e intelligente scelta dei manager, dei dirigenti, dei Ministri, dei Parlamentari per competenza e non per fedeltà al partito o al "padrone", o per "rispetto degli accordi".
Questa potrebbe essere una possibile soluzione. Noi ci speriamo ancora.

Giuseppe Adernò








Postato il Lunedì, 11 settembre 2017 ore 20:00:00 CEST di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.39 Secondi