Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 396702249 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2017

Graduatorie di circolo e istituto di III fascia del personale Ata, disponibili i moduli per le domande
di a-vetro
1351 letture

Il 10 novembre sciopero generale della scuola contro la politica scolastica del governo e lo strapotere dei presidi
di m-nicotra
797 letture

Profilo di Collaboratore Scolastico - A.S. 2017/2018 - Ulteriore convocazione per incarichi a T.D. e disponibilità
di a-vetro
778 letture

Personale docente Scuola Secondaria di I e II grado. A.S. 2017/2018
di a-vetro
773 letture

PRESIDI INDIGNATI MANIFESTERANNO SPONTANEAMENTE A ROMA IL 21 OTTOBRE 2017
di s-indelicato
766 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Docente sanzionato all'Ipssar Cascino di Palermo: TAR condanna dirigente scolastico, nominato commisario ad acta
·Dare dell'ignorante al collega è reato
·Il TAR del Lazio, per la prima volta, ammette all'orale una candidata non ammessa
·Accolti numerosi reclami di Confintesa Scuola
·Vinto il ricorso GAE per Trento: considerata un'impresa impossibile


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: L’ANP di Rembado perde la battaglia del portfolio dei presidi

Sindacati
Il 31 luglio era il termine ultimo per inoltrare da parte dei dirigenti scolastici on line il portfolio uno dei più inutili e fastidiosi adempimenti burocratici in capo ai presidi; un oggetto misterioso che conterrà informazioni che vanno dal curriculum, al bilancio delle competenze, agli obiettivi e alle azioni professionali finalizzato alla valutazione dei dirigenti. Rembado presidente dell’ANP che raccoglie il 38% delle deleghe dell’area aveva sfidato il MIUR e la quatriade della compagna Roberta Fanfarillo, invitando i presidi arrabbiati al boicottaggio e alla disubbidienza civile. Mentre la quatriade di Roberta Fanfarillo, Paola Serafin, Rosa Cirillo e Carlo Frascari detentrice del 52% delle deleghe dell’area in un patto di cartello di ferro, aveva scritto un appello ove non riconosce nelle dichiarazioni di disubbidienza o di boicottaggio degli obblighi contrattuali un’opzione possibile né per il dirigente scolastico né per qualsiasi altro lavoratore.

Ebbene la categoria a maggioranza assoluta ha dato ragione alla Fanfarillo ed ha compilato on line il portfolio; addirittura in Campania il direttore Luisa Franzese ha pubblicato un bollettino di vittoria affermando che La Campania, in questo momento, con il 63% di compilazione del Portfolio si colloca tra le regioni con la più alta percentuale di partecipazione.
La sberla a Rembado è stata micidiale confermando che il ventre molle della categoria è dalla parte dei confederali e della Fanfarillo e del suo mentore Gianni Carlini.

E’ bastato scrivere due righe di deterrente minacciando la disubbidienza e il boicottaggio come atteggiamenti disdicevoli per i presidi, per far cambiare idea anche a una parte dei presidi arrabbiati della coalizione opposta.
Rembado avrebbe dovuto studiare bene il manuale “ L’arte della guerra “ di SUN TZU che contiene tutta la saggezza cinese su come si gestiscono gli eserciti e le masse in questo caso. Per vincere una guerra bisogna ben valutare 5 elementi tra cui lo studio del territorio su cui si combatte, la preparazione dei quadri intermedi su cui si fa affidamento e il livello di disciplina delle truppe. Cose che non erano presenti nell’esercito messo in marcia il 25 maggio.

Rembado si è trincerato in un silenzio significativo mentre la quatriade e la Fedeli incassano compiaciuti questo indiscutibile successo e guardano ora, dal lor punto di vista, fiduciosi alla chiusura del contratto lisciando i presidi con la famosa parola magica “ armonizzazione “ progressiva delle retribuzioni accessorie di posizione e di risultato agli altri dirigenti dello stato.
Cioè la solita colossale e gigantesca presa per i fondelli dei presidi divisi verticalmente tra una minoranza di “ arrabbiati “ e una maggioranza di “ rassegnati “ al fato avverso.

Nel frattempo sono partiti all’ARAN il 2 agosto 2017 gli incontri con le 13 confederazioni dei sindacati del Pubblico Impiego
I medici sono pronti a firmare il contratto della loro area dirigenziale. Il plauso arriva da Silvestro Scotti, Segretario Fimmg, Antonio Magi, Segretario Sumai Assoprof e Giampietro Chiamenti, Presidente Fimp "Accogliamo con apprezzamento il lavoro svolto da parte del Presidente del comitato di settore Massimo Garavaglia che, raccogliendo l'invito del Ministro Lorenzin, ha provveduto all'aggiornamento dell'atto di indirizzo per il rinnovo della medicina convenzionata".
Stefano Bonaccini, Presidente della Conferenza delle regioni, in cui si e' creato un favorevole clima di dialogo che ha determinato l'accoglimento della nostra richiesta di confronto politico costante tra le nostre OOSS e le massime rappresentanze delle Regioni sui temi da affrontare nell'ACN.

"Il nuovo ACN - affermano i tre segretari - innanzitutto potra' dare, adesso, risposte e chiarezza al dovuto ristoro economico atteso dalle categorie da troppi anni,
Con il Ministero della Salute, Beatrice Lorenzin, e con le Regioni - hanno aggiunto Scotti, Magi e Chiamenti - abbiamo trovato sintonia su metodo e contenuti di discussione adesso si va alla prova dei fatti, e vogliamo essere moderatamente ottimisti sulla possibilita' che stia veramente cambiando qualcosa per la medicina territoriale ma soprattutto per i nostri assistiti".
Tutti gli Statali e i ministeriali sono pronti a firmare il contratto e a riprova di questo fatto hanno già sottoscritto tutti i rinnovi dei contratti decentrati di singolo ministero.
Di fronte al pericolo che l’area dei presidi resti strangolata dall’accordo in sede ARAN con tutte e 13 le Confederazioni che sicuramente avranno un effetto di trascinamento sui comparti e sulle aree e di fronte al silenzio dell’ANP che ha assorbito il colpo, la minoranza dei presidi arrabbiati non ci sta.
E subito parte sul web e su facebook un appello alla mobilitazione spontanea e trasversale da parte degli stessi promotori della raccolta delle firme per la diffida ai sindacati concertativi e per la sicurezza.
Il preside Pietro Rapisarda di Torino è uno dei promotori dell’iniziativa e ha postato su tutti i siti dei dirigenti scolastici l’appello alla chiamata alle armi https://goo.gl/forms/eoZ8RubNq50LU2Cn1

Scrive nel manifesto di lancio: In funzione di una possibile manifestazione a Roma, sui temi: PEREQUAZIONE e SICUREZZA, che dovremo articolare su un documento da inviare alla stampa, alle OOSS e al MIUR, chi si impegna a partecipare? Ritengo che la manifestazione possa essere indetta SOLO se abbiamo una *sicurezza* di un numero di partecipanti che io ritengo debba essere almeno 1500 - 2000.
Si tratta di replicare la manifestazione del 25 maggio che portò a Roma 800 presidi da tutta Italia intruppati sotto le bandiere dell’ANP ma in un altro contesto e sotto altra organizzazione.

Lo scopo ancora non dichiarato è quello di una plateale occupazione del palazzo di Trastevere da parte dei dirigenti scolastici che avrebbe del clamoroso e potrebbe determinare anche la caduta del ministro Fedeli e la sua revoca da parte di Gentiloni.
La storia insegna che sono le minoranza agguerrite e organizzate che fanno le rivoluzioni per cui ci sarebbero tutte le premesse per battere il 52% dei rassegnati del ventre molle della categoria, coperto politicamente dalla quatriade della compagna Roberta Fanfarillo.
Una mossa a sorpresa che porti 2.000 presidi a Roma davanti al MIUR e che con un balzo improvviso penetri nelle stanze del palazzaccio per OCCUOPARLO lascerebbe di stucco tutta la politica e la società civile.
Non è chiaro e nessuno lo sa se è pensabile e prevedibile che una minoranza di questo tipo esista all’interno della categoria dei dirigenti scolastici; ma la paura e la rabbia di vedersi fregati ancora una volta dopo 18 anni dalla attribuzione della dirigenza potrebbe scatenare forze ed energie nascoste.
Il 7 sindacato l’UDIR che al momento è un outsider ma minaccioso continua attraverso il suo sito a invocare un REFERENDUM sperando di bissare la vicenda ALITALIA quando la base a stragrande maggioranza smontò e sfasciò l’accordo concertativo stipulato dai confederali.

“Le cose purtroppo stanno diversamente – commenta Marcello Pacifico, presidente Anief, segretario organizzativo Confedir, cui aderisce Udir – e sono fatte di un comparto che nell’ultimo decennio ha ricevuto uno stipendio sempre più magro. Per questo, sottoscrivere un rinnovo contrattuale alle condizioni che si prospettano, con aumenti ridicoli, rappresenterebbe un vero tradimento di chi ha delegato i sindacati a rappresentarli: i lavoratori vanno tutelati. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: prima di firmare un contratto del genere, ascoltiamo la base con un referendum: sentiamo cosa ne pensano i dipendenti, a iniziare da quelli della scuola che percepiscono in media ormai meno degli impiegati e che provano un forte senso di frustrazione quando leggono i compensi dei loro colleghi europei”.
Vedremo.
 
Salvatore Indelicato
Cell 330365449
s.indelicato@libero.it








Postato il Mercoledì, 02 agosto 2017 ore 16:09:49 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi