Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 454386015 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2018

Fashion Day all’Istituto De Nicola di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
979 letture

La Cattiva scuola è ritornata buona?
di m-nicotra
750 letture

Attori senza diversità
di m-nicotra
697 letture

Usate la testa!. Una lezione di Educazione Stradale al Polivalente di San Giovanni La Punta
di a-battiato
629 letture

Chi si innamora troppo di sé stesso, non avrà contendenti
di s-indelicato
626 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Festa per l’Arma dei Carabinieri, a Catania celebrati i 204 anni dalla Fondazione nella caserma 'Vincenzo Giustino' di piazza Giovanni Verga
·Per il docufilm 'A me resta la speranza' il comisano Marco Guccione riceve il Premio Rai-Cinema Channel
·La Crusca 'bacchetta' il MIUR, ma Massimo Gramellini scrive una breve lettera per esprimere la sua solidarietà al ministro Fedeli
·'Amore Panico' cortometraggio che narra la bellezza della Riserva Cavagrande
·WEBTROTTER 2018 - Nuovi premi e indicazioni importanti per scuole sede di seggio elettorale


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: Lettera DiSAL ai colleghi dirigenti scolastici

Sindacati
Ai dirigenti scolastici
Cara/o collega
Un 'maggio dei presidi', quello che stiamo vivendo, nel quale le annunciate azioni sindacali di protesta raccolgono un disagio forte e diffuso, causato:

- da un oggettivo carico di responsabilità ed incombenze improprie, accumulatesi negli anni a cominciare dalla assimilazione alla figura del 'datore di lavoro',
- dalla mancanza di una retribuzione adeguata ai carichi di lavoro, di una equità retributiva interna alla categoria e dall'inspiegabile protrarsi del rinnovo contrattuale,
- da un irrazionale dimensionamento scolastico, inesistente in Europa, che ha ricondotto in pochi anni circa 14.000 istituti preesistenti alle 8.000 scuole attuali,
- da un improprio utilizzo dell'istituto della reggenza che ha avuto un aumento esponenziale e che nel 2018 giungerà al 50% degli istituti scolastici italiani,
- da nuove e improprie responsabilità in ambito amministrativo (gestione appalti, amministrazione trasparente, anticorruzione, piani di formazione e reti di ambito da gestire, ecc.)

La rabbia è inevitabile in chiunque svolga con dedizione ed intelligenza questa professione per il fatto che non è riconosciuto il proprio impegno di lavoro svolto con responsabilità e senso di servizio alla collettività. Un lavoro impegnativo, difficile, carico di rischi e, per questo, nobile e meritevole di riconoscimento, anche economico.

Ma dove affondano veramente le loro radici il disagio e il malcontento?

Dal veder snaturata sempre più negli anni la funzione per la quale ciascun preside si è assunto il rischio di dirigere una scuola: quella di prendersi cura di chi è in formazione, di dedicarsi a sviluppare spazi di libertà di insegnamento, di realizzare strumenti di progettualità condivisa, di tentare un protagonismo professionale mirato a rendere le scuole comunità di apprendimento, luoghi di vita, ambienti di cultura. Cioè dal veder che una vera leadership educativa delle scuole è stata fortemente ridotta a tecnicismo burocratico. Per questo, innanzitutto, sarebbe giusto mobilitarsi.

Scontato che sia così? Nei comunicati sindacali, assieme a legittime rivendicazioni, è debole il riferimento ad una chiara e nuova figura dirigenziale al passo con la domanda sociale. E proprio l'assenza di questa chiarezza rischia di ridurre la mobilitazione, come quelle precedenti, a rivendicazioni poco incidenti, inadeguate a rilanciare un'azione coerente. La posta in gioco è alta: occorre un nuovo ruolo, un nuovo e moderno quadro giuridico della direzione scolastica che la riforma della dirigenza pubblica non ha affrontato.

Occorre, per questo, chiarezza nell'impostazione di questa mobilitazione.

Chi dovrebbe essere il vero interlocutore dell'attuale protesta: unicamente il MIUR, o piuttosto il MEF e la Funzione pubblica che hanno espresso in questi anni rilevabili resistenze a impegnare risorse finanziarie a favore dei capi d'istituto? E il Parlamento che stenta a riconoscere un'equiparazione con la Dirigenza pubblica che non ne snaturi il compito specifico?

Se le ragioni della protesta sono quelle scritte nei comunicati sindacali, come mai le parti sociali agiscono divise e con modalità di azione così diversificate, dividendo, di fatto, i presidi tra di loro? Una divisione che disorienta e non si comprende, vista la quasi identità delle richieste. L'unione fa la forza - recitava un antico adagio - e questa sarebbe stata la volta, allora, di dare un'unica voce ad una misura che giustamente si giudica colma.

La situazione attuale è anche, occorre dirlo, l'esito di una linea perseguita dall'amministrazione scolastica, non contrastata dalle rappresentanze sindacali dei presidi con il fine di perequare il profilo del dirigente scolastico a quello delle altre figure dirigenziali pubbliche, che ha via via equiparato compiti, incombenze, responsabilità del preside assimilandolo, come oggi è a tutti evidente, a funzionario ed esecutore di norme. La conseguenza, per la quale oggi ci si lamenta, è sotto gli occhi di tutti: il predominio di adempimenti burocratici e procedure di difficile gestione e l'appiattimento dell'impeto ideale del miglior preside a preoccupazioni ed affanni per il timore di non aver corrisposto ai commi e cavilli di qualche legge. Nel frattempo senza aver ottenuto (almeno!) alcun benché minimo miglioramento salariale né giustizia retributiva interna.

Non protestare, allora? I contenuti della mobilitazione sono più che condivisibili: adeguato riconoscimento retributivo, riduzione delle incombenze burocratiche non appartenenti al profilo del preside, emanazione del concorso. Ma rimangono diverse domande cruciali senza risposta. Quale la funzione di un preside nei contesti educativi attuali? Quale immagine di leadership sviluppare? A quale idea di scuola e di educazione deve far riferimento una figura direttiva moderna? Che tipo di valutazione e valorizzazione del preside si intende perseguire? E, per questo, con quale riconoscimento economico sostenerne giustamente il delicato compito?

«Una crisi - scrive Hannah Arendt - ci costringe a tornare alle domande; esige da noi risposte nuove o vecchie, purché scaturite da un esame diretto» senza rinunciare «a vivere quell'esperienza della realtà, a utilizzare quell'occasione per riflettere, che la crisi stessa costituisce». Il disagio di questo momento, compreso nella sua vera natura, costringe ancora di più, allora, a guardare e verificare la vera posta in gioco: rendere possibile a chi dirige una scuola di contribuire alla realizzazione di ambiti di autentica educazione, ricchi di proposte di apprendimento e relazione significativi e aperti al tutto; la possibilità di realizzare la funzione specifica di contribuire alla libertà educativa, dentro la comunità scolastica che si dirige.

E per realizzare questo, allora, chiedere l'emanazione di norme leggere, esigere che la responsabilità direttiva possa essere attuata senza gravarla di incombenze non proprie, domandare di disporre di strumenti di autonomia professionale utili al fine formativo, esigere l'emanazione del concorso direttivo.

E, quindi, sostenere il riconoscimento, anche, della 'giusta mercede'.

Per salvaguardare un protagonismo professionale a servizio delle comunità scolastiche.

La Direzione nazionale DiSAL








Postato il Lunedì, 22 maggio 2017 ore 07:30:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.32 Secondi