Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 469641734 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2018

Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore al 'De Nicola' di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
1026 letture

L’Istituto 'De Nicola' di San Giovanni La Punta si inserisce nel circuito nazionale della moda
di m-nicotra
698 letture

Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne: la funzione educativa della scuola
di m-nicotra
676 letture

Decreto semplificazione: l'aumento dei posti deve partire dalla preselettiva per non aumentare le già troppe iniquità
di m-nicotra
549 letture

Bocciato in Commissione Bilancio l’emendamento che prevede l’esonero per il 1° Collaboratore del DS nelle scuole in regime di reggenza
di m-nicotra
476 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Concorso Docenti: I dubbi sollevati in questi giorni riguardo al Concorso Docenti 2016 sono diversi e cambiano da una classe di concorso ad un'altra e da una regione ad un'altra

Opinioni
E' sconfortante vedere quanta poca volontà ci sia, da parte dei cittadini italiani, di capire le ragioni degli altri, di approfondire, di sapere. Certamente chi non è interessato ad informarsi o a farsi una propria opinione, può legittimamente fregarsene, però a quel punto non dovrebbe nemmeno pronunciarsi in merito a questioni che non conosce. Coloro i quali, invece, spinti da una bella curiosità personale, o coloro che hanno a cuore il futuro del proprio Paese oppure coloro che, per motivi professionali, come i giornalisti, i docenti, gli uomini di cultura, si ritrovano ad avere a che fare con le questioni legate al sociale ed alla scuola, questi dovrebbero innanzitutto informarsi in maniera completa, ma soprattutto dovrebbero avere una voglia matta di arrivare a definire in maniera chiara la verità. La comunicazione è un’arma, purtroppo, che se utilizzata in maniera inappropriata, trasforma la verità, l’appiattisce, rende il tutto solamente un titolo d’effetto e abitua l’opinione pubblica ad accontentarsi e rimanere nel vago.

A volte mi sembra che la comunicazione mediatica disinformi, addirittura diseduchi.
I dubbi sollevati in questi giorni riguardo al Concorso Docenti 2016 sono diversi e cambiano da una classe di concorso ad un'altra e da una regione ad un'altra. Già semplicemente per questo, appaiono evidenti le lacune che caratterizzano il Concorso stesso.

Qui, per circoscrivere il campo, prendo ad esempio 4 punti:
le griglie di valutazione, in vari casi pubblicate soltanto dopo aver svolto la prova (1), erano differenti da regione a regione (2); alcune classi di concorso sono state accorpate nei giorni immediatamente precedenti il Concorso (3), questo vuol dire che molti prof hanno svolto le prove sulla propria materia insegnata ed in più su altre materie che non avevano mai insegnato; solamente per alcune classi di concorso è stata programmata anche la prova pratica e, questa, era diversa da regione a regione (4).

L'uniformità nazionale, per questo Concorso Pubblico nazionale, nelle prove e nel giudizio non è stata prevista (!).
Ci sono tante altre cose che andrebbero analizzate a fondo, in modo da fornire al Paese e agli italiani un resoconto reale di quanto sta accadendo, invece che far uscire commenti e articoli che, purtroppo, non fanno informazione, anzi, alimentano la confusione. Giornalisti e intellettuali, anche voi guidate lo sviluppo del Paese.

Cerchiamo di farlo, tutti, con responsabilità.
Perché alcune notizie importanti, che interessano la collettività, non vengono date? E perché, se raggiungono i media nazionali, nei minuti/paragrafi concessi non viene affrontato il problema nella sua sostanza, ma soltanto in maniera superficiale?

Inizialmente, alcuni dubbi erano rivolti alle seguenti questioni: il Governo italiano, nello stesso periodo in cui si trovava pressato dall’UE affinchè gestisse le procedure di infrazione alle normative europee riguardanti la scuola, ha fatto la legge 107/2015 sulla “Buona Scuola”, con la quale ha cercato di programmare un futuro migliore per l’intero Paese, puntando giustamente su una riforma della scuola.
Ha iniziato ad assumere gli insegnanti inseriti nella Graduatorie ad Esaurimento (GAE), che, avendo passato la SISS o precedenti concorsi, avevano il diritto di entrare a tempo indeterminato nelle scuole. Chi, inserito nelle GAE, ha optato per non fare domanda di assunzione a tempo indeterminato, si è poi iscritto all’attuale Concorso 2016.

Tutti quegli insegnanti, invece, anch’essi precari, inseriti nella Seconda Fascia delle Graduatorie d’Istituto, malgrado avessero anch’essi frequentato e superato con successo i percorsi abilitanti che hanno preso il posto della SISS, come il PAS o il TFA, non hanno avuto il diritto di entrare di ruolo automaticamente e sono stati costretti a fare questo Concorso Docenti 2016, tutt’ora in corso.
Questi sono alcuni punti, già di per sé, interessanti da approfondire.

Faccio un ulteriore passo in avanti. A proposito di questo Concorso, più vanno avanti le prove e le correzioni, più avanzano anche grandi dubbi su quale fosse, inizialmente, l’intenzione effettiva del Governo nel momento in cui l’ha indetto. La percentuale dei candidati che non sono stati ammessi all’orale è altissima. A che cosa è servito, quindi, il Concorso?

Non saranno coperti neanche i già pochi posti che erano stati messi a disposizione. Il dibattito, oggi, si sta focalizzando solo su questo: la colpa delle bocciature è dei precari (ignoranti ed incompetenti) oppure di chi ha organizzato il Concorso (accorpando le cdc all’ultimo momento, diversificando le prove pratiche sul territorio nazionale, lasciando alle singole commissioni regionali l’autonomia nel redigere le griglie di valutazione e nel giudizio finale, predisponendo prove non confacenti a fornire in maniera oggettiva una reale valutazione della capacità di insegnare del candidato)?

Una volta presa coscienza delle disquisizioni tecniche che hanno caratterizzato l’organizzazione del Concorso, si potrebbe provare a formulare un’analisi un po’ più seria rispetto agli articoli e ai servizi che vengono pubblicati in queste settimane. Credo sia importante fare effettivamente informazione e comunicare agli italiani quanto stia accadendo, in maniera onesta intellettualmente, presentando un’analisi articolata che rispecchi la complessità del quadro nella sua totalità.

Ripeto, mi chiedo il perché si facciano uscire articoli o servizi senza che l’autore sia effettivamente a conoscenza dei fatti.
Per esempio, è un fatto che le cdc A071, A072 e A016 siano state accorpate nella nuova cdc A037 (valida solo per il Concorso, perché nel prossimo a.s. 2016/17 continueranno ad esistere le tre cdc separate) immediatamente prima dell’inizio del Concorso; come ci si poteva preparare in così poco tempo su materie mai insegnate? Perché sono state architettate condizioni concorsuali tali da provocare un numero così basso di promossi? È possibile che la maggior parte dei precari sia ignorante ed incompetente, come viene apertamente detto, questo sì, però viene anche da chiedersi se il Concorso sia stato fatto in maniera giusta, in tutte le sue parti. È stato giusto farlo, ovviamente, ma come è stato fatto?

E non sono lamentele sterili, come vengono banalmente definite, anzi, è molto importante reagire in maniera sensata, arrivare ad indignarsi e quindi cercare di far valere le proprie ragioni; è importante soprattutto perché non sono proteste che riguardano solamente una singola persona, ma qui è in ballo il mondo scolastico, dagli studenti al Ministero, la questione riguarda tutti noi ed è per questo che è importante conoscere, informarsi e capire.

Vi ringrazio
Tomaso Bozzalla Cassione








Postato il Martedì, 30 agosto 2016 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi