Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 474689159 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2019

Cyberbullismo e i suoi Pericoli all'I. C. Fontanarossa di Catania
di m-nicotra
727 letture

La scuola come tramite nella valorizzazione culturale
di m-nicotra
706 letture

Giornata Mondiale della lingua greca al Convitto Nazionale Mario Cutelli di Catania. 12 Febbraio 2019, ore 11.00 - 13.00.
di a-oliva
677 letture

Cyber bullismo e insidie web. Il questore di Catania Alberto Francini incontra gli studenti del Liceo Classico Statale 'N. Spedalieri' con il dirigente del Compartimento Postale La Bella
di m-nicotra
644 letture

Il saluto di Misterbianco al Prof. Santo Mancuso, educatore e politico d’altri tempi
di a-battiato
640 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sergio Garofalo
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Caro Premier Giuseppe Conte e caro Ministro Luigi Di Maio, cosa state per fare?
·Napoli, giorno della memoria: un roseto per ricordare
·Ministro Bussetti, i problemi della scuola sono ben altri!
·Un concorso dalle duemila ingiustizie
·Sulla rimozione dell’esame di Storia dalla Maturità


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Vi racconto ...: Parru cu tia. Ignazio Buttitta e la lingua siciliana. Un’intervista possibile

Redazione
Ignazio ButtittaLo incontravo spesso, per le vie di Misterbianco, nei lunghi pomeriggi di domenica, mentre passeggiava con il suo inseparabile amico poeta Turi Scordo. Così conobbi Ignazio Buttitta, il viso asciutto, simpatico, espressivo, l'abito perennemente scuro e il suo caratteristico e immancabile berretto "alla siciliana". Lo inseguivo con gli occhi, lungo lo "stradone provinciale" (via Garibaldi), tutte le sante domeniche d'inverno, poi raggiungeva i pisòla do' Monumentu, (Piazza Mazzini), e lì, sempre con l'inseparabile amico Turi Scordo, si fermava sotto i possenti eucalipti dell'antica piazza cittadina. E li vedevo parlare e parlare... Ricordo che scrutavo, con giovanile curiosità, il loro modo di gesticolare, ardente e gioioso, gridando, quasi, in un siciliano arcaico e a me sconosciuto; dopo, beatamente, si sedevano su una panchina e continuavano i loro inestricabili ragionamenti. Finché una domenica mi avvicinai e con una scusa banale chiesi a Turi Scordo di cosa stessero discorrendo: "di Carnevale", fu la risposta, tagliente e repentina. "Di Carnevale!?", replicai io. "Si, della festa più bella e più importante del popolo siciliano. E questo è un amico speciale, il poeta e compagno Ignazio Buttitta!". Iniziarono così i nostri interessantissimi incontri... pieni di ricordi, di  poesia e di Sicilia ...

Maestro, ci racconti la sua vita, la sua giovinezza ...
«Caro amico, in Sicilia la vita è bellissima, ma la mia infanzia è stata difficile... e molto travagliata! Mio padre era un commerciante, aveva una salumeria, dove io, sin da piccolo, vi lavoravo! Di quegli anni ricordo solo lavoro e lavoro,... e tanti sacrifici... E non come i ragazzi d'oggi ... ».

Poi è scoppiata la guerra ...
«Io sono stato... uno dei ragazzi del '99! Che ha salvato la Grande Guerra e l'onore dell'Italia! Tanti paroli ppi non diri nenti! Sono stato chiamato alle armi quasi alla fine della guerra, nel '17, e con la mia "generazione" "partecipai" al massacro di tanti giovani d'Europa, di tanti figli di mamma! Che tragedia... e che tristezza!».

Al suo ritorno come ha trovato la Sicilia?
«Pèggiu di prima! Dopo la guerra... iniziai una nuova vita, frequentai nuovi amici, Giuseppe Pipitone Federico, Luigi Natoli, Giuseppe Nicolosi Scandurra, Alessio Di Giovanni, Filippo Fichera, Antonio Negri, Giuseppe Pedalino e numerosi altri poeti e intellettuali siciliani. E iniziò il mio impegno politico! Nel 1922 sono stato tra i fondatori del circolo di cultura "Giuseppe Turati", pubblicammo un giornaletto settimanale "La povera gente". Il Primo maggio di quell'anno abbiamo promosso una grande manifestazione per ottenere la giornata lavorativa di otto ore. Una follia per allora! Il 15 ottobre, proprio alla vigilia della Marcia su Roma, ho organizzato una sommossa popolare contro l'irrigidimento del dazio comunale, che mi costò l'arresto insieme ad altri collaboratori del settimanale. Nel 1924, in occasione delle elezioni politiche, presentai la lista del Partito Socialista, ma subito dopo aderii al Partito Comunista d'Italia. Il mio partito!».

Quando ha scritto la sua prima poesia?
«Ricordo che nel 1923 pubblicai la mia prima raccolta di versi dialettali: "Sintimintali", e nel 1928 il poemetto "Marabedda". Nel 1927 sono stato condirettore, insieme a Giuseppe Ganci Battaglia e Vincenzo Guarnaccia, del mensile palermitano di letteratura dialettale "La trazzera", che solo dopo due anni è stato soppresso dai fascisti! Ma non ci siamo dati per vinti! In quegli anni ho continuato a pubblicare le mie poesie... in fogli clandestini e nel mitico quindicinale "Il Vespro Anarchico", diretto da Paolo Schicchi. E quante gliene abbiamo dette a... quel regime lì!».

Poi venne "l'altra" guerra ...
«Anch'io, come te, caro amico, ho tastato... il "duro pane dell'emigrante"! Nel 1943 sono andato a Codogno, in Lombardia, e da lì mi sono impegnato nella lotta partigiana contro il nazifascismo. Quante battaglie abbiamo fatto! E quanti pericoli! Sono stato "acciuffato" per ben due volte dai fascisti,... e tutte due volte sono riuscito a fuggito! Poi, finalmente, venne la Liberazione,... e dopo tanti anni sono ritornare a casa, in Sicilia. Ma tutto era cambiato! I magazzini e la mia casa erano stati saccheggiati, gli amici di un tempo scomparsi! La mia vita non c'era più! Così decisi di ritornare in Lombardia,... dove già mi aspettava una moglie, i miei figli... e il lavoro di rappresentante. E in Lombardia ho avuto la possibilità di frequentare gente come Quasimodo e Vittorini. E non so se mi spiego!
Solo a metà degli anni Cinquanta, sentii forte il richiamo della mia terra, e sono rientrato a Bagheria. Affidai l'attività commerciale ad amici, e mi sono dedicato, finalmente, anima e corpo, alla mia amata terra e alla poesia siciliana!».

Maestro cosa ne pensa del dialetto siciliano?
«Caro amico, voglio che comprendi 'na cosa, noi non parliamo o scriviamo in siciliano, perché è più "comodo", più facile, per ignoranza, o perché ci piace! No! Noi parliamo e scriviamo in siciliano perché ci appartiene, perché è la nostra lingua, la nostra identità, 'a nostra ràdica; perché sono state le prime parole che abbiamo sentito all'alba della nostra vita, nelle viscere di nostra madre, quando eravamo 'nta naca, quando ci addormentava, ci allattava, ci nutriva. Il siciliano è la madre della nostra cultura! E non ce la possiamo scordare! Mai! La lingua siciliana, inoltre, è importante anche perché "combatte" l'omologazione e la standardizzazione culturale della nostra epoca. E voglio ricordare le belle parole di un... nostro amico comune, "Questa nostra lingua va protetta e difesa sino allo spasimo! Il nostro dialetto è di una dolcezza infinita, di una musicalità struggente. E tu ne sei amante degnissimo, geloso, competente e appassionato, e capace di farcelo amare ancora di più!"».

E cosa pensa del fatto che al giorno d'oggi, i giovani nati in Sicilia parlano poco il siciliano, e lo conoscono ancora meno!? Purtroppo!
«La lingua è tutto per un popolo! È... libertà, identità, memoria, speranza, futuro! Un popolo rimane libero anche se lo mettono in catene, se lo spogliano di tutto, se gli chiudono la bocca, un popolo rimane ricco anche se gli tolgono il lavoro, il passaporto, la tavola in cui mangia, il letto in cui dorme, un popolo diventa povero e servo quando gli rubano la lingua ereditata dai padri, allora si, è perso per sempre! Non finirò mai di ripeterlo! Un populu | mittitulu a catina | spugghiatulu | attuppatici a vucca | è ancora libiru. ...livatici u travagghiu, u passaportu, a tavola unni mancia, u lettu unni dormi, è ancora riccu, un pupulu diventa poviru e servu, quannu ci arrubbbati a lingua addutata di patri, è persu pi sempri».

Cos'è la poesia?
«La vera poesia è attualità, è atto politico di ribellione e di riscatto, e non solo allitterazione e tradizione. Se vuoi comprendere non solo il metodo, l'agire poetico, ma anche il merito, l'orizzonte della mia poesia, devi sapere che io "vivo" la letteratura come visione che si fa ragione, coscienza del lettore, che diventa progetto da agire nella realtà. La mia poesia siciliana è esplicitamente impegnata e radicata nelle cause e nelle conseguenze del disagio economico delle classi subalterne. La letteratura, caro amico, esprime sempre un soggetto collettivo, raffigura i miti di una società, i modelli narrativi, i valori in cui essa crede, le emergenze di senso che ricompongono il mondo. Miti come realtà desiderata, simbolicamente risolta, origine e modello di ogni civiltà».

Maestro, cosa pensa del popolo siciliano? Riuscirà a salvarsi?
«Difficili mi pari, difficili! Ma io, come sempre, non mi do per vinto! E con la penna e la voce combatto una battaglia civile e culturale per il mio popolo! La Sicilia è addurmisciuta, dormi 'u sonnu di li morti, ed aspetta mentri dormi, chi canciassi la so sorti! Parru cu tia, toia iè la culpa, sfradda 'sta cammisazza, tìngila e fanni 'n pezzu di bannera. Questo è mio il "comandamento": Siciliani, alzate la testa e diventate protagonisti del vostro destino!!!».
Ignazio Buttitta, nato a Bagheria, il 19 settembre 1899 e morto il 5 aprile 1997, è considerato uno dei maggiori poeti italiani, apprezzato per aver ridato lustro alla lingua e alla cultura siciliana, combattente per la libertà e per il riscatto dei diseredati e delle classi popolari, ha saputo coniugare con rara maestria la purezza e la musicalità dell'idioma isolano con la concretezza e la forza del linguaggio e delle idee.

Angelo Battiato
angelo.battiato@istruzione.it








Postato il Domenica, 15 febbraio 2015 ore 08:30:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi