Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487882350 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
1006 letture

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
999 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
880 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
738 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
688 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione
·Autonomia differenziata, la partita è aperta
·Al Governo si gioca a spaccare la scuola ed il paese
·Concorso presidi annulllato, Bussetti si dimetta


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Burocrazia: L’E-Government: il punto di arrivo

Redazione
L'Europa ha posto la realizzazione dei programmi di E-Government ai primi posti della propria Agenda, ponendo regole e monitorandone l'attuazione. Recentemente è stata pubblicata l'undicesima edizione del "Quadro di valutazione dell'E-Government", che rappresenta la prima misurazione completa dei servizi pubblici online nell'ambito del nuovo "E-Government Benchmark Framework 2012-2015" e che ci dà modo di proporre alcune riflessioni sulla situazione attuale e sulla sua distanza da quella che dovrebbe essere la "società digitale" progettata dall'Europa.

I risultati della ricerca hanno dato un quadro molto realistico, e certamente non entusiasmante, della situazione dei servizi pubblici digitali in Europa, sulla base di una valutazione di un gruppo selezionato di eventi della vita di ogni cittadino ed azienda europei ed in relazione alla fruizione dei più comuni servizi pubblici. L'obiettivo della ricerca è quello di misurare i progressi fatti per raggiungere le principali priorità del Piano d'azione di E-Government, che delinea una visione di un governo aperto, centrato sugli utenti e che fa leva sull'innovazione per fornire servizi migliori e a costi minori.

Il documento finale evidenzia alcuni progressi ma anche molte criticità in relazione: alla Centralità dell'utente - intesa nel senso della disponibilità dei servizi on line e della loro usabilità - alla trasparenza, alla mobilità transfrontaliera - che centra l'attenzione sulla capacità di operare al di fuori dei confini geografici - ed ai fattori abilitanti ed alla loro semplicità ed efficacia (Electronic Identification, Electronic documents, Authentic Sources, Electronic Safe e Single Sign On).

Nell'ottica delle finalità europee evidenziate dal documento, il punto di arrivo nell'attuazione dell'E-Government dovrebbe essere rappresentato dal cosiddetto connected government. Cioè un modello costituito da tecnologie e processi correlati tra loro, che consente alla P.A. di erogare efficacemente i propri servizi, attraverso la gestione efficiente delle informazioni digitali in modalità di tipo collaborativo.

Nel connected government gli enti pubblici dispongono di un flusso completamente elettronico per la raccolta, l'archiviazione, la condivisione e il recupero delle informazioni. L'utilizzo della carta viene quasi del tutto eliminato e sostituito da informazioni digitalizzate e indicizzate. Le procedure operative sono sensibilmente semplificate e automatizzate, con pieno rispetto dei tempi di erogazione dei servizi. I cittadini e le imprese interagiscono con le pubbliche amministrazioni tramite portali ed in completa sicurezza.

Le istituzioni pubbliche interconnesse condividono le informazioni a loro disposizione, internamente e con altri enti, utilizzando modalità collaborative per accelerare l'elaborazione di pratiche o richieste (collaborative case management).

Il connected government permette tracking e audit delle attività, offrendo trasparenza e costante visibilità ai cittadini sulla qualità e sull'efficienza dei servizi.

La Pubblica Amministrazione in definitiva, deve essere in grado di governare il proprio fabbisogno tecnologico, costruendo le relazioni logiche ottimali tra la propria missione istituzionale, la struttura organizzativa, i processi produttivi e le opportunità che il mercato ICT offre. Senza gli strumenti per interpretare e guidare le scelte tecnologiche, essa rinuncerebbe a governare pienamente la propria crescita. Esiste una relazione molto diretta, sia sul piano concettuale che su quello operativo, tra innovazione tecnologica e qualità, infatti, entrambi gli elementi investono le dimensioni economica, produttiva, e organizzativa della P.A. e la sua capacità di essere aggiornata sul mercato globale. La qualità è l'attributo principale della costruzione del valore sull'intera catena cliente/utente da un lato e Amministrazione dall'altro, rappresentabile come un unico flusso di processi scomponibili in specifiche attività da gestire con efficienza.

La P.A. che governa le proprie scelte tecnologiche agisce coerentemente, razionalizza i processi produttivi e distributivi, migliora l'efficienza, ottimizza i costi. Tiene quindi efficacemente in mano le leve della crescita. La capacità della P.A. di fare leva sulle tecnologie per la propria crescita è la parte più consistente della governance, cioè del sistema di organizzazione e competenze della P.A. e l'ICT fornisce la cornice di tale processo della qualità, al cui centro sta sempre l'uomo con la sua sensibilità e capacità di mediazione sociale.

Di fronte all'esigenza di favorire lo sviluppo tecnologico dell'amministrazione e i servizi on line evitando, nel contempo, il digital divide, una nuova prospettiva è anche quella della multicanalità. Questa dovrebbe consentire di integrare la rete in un sistema di canali o modalità di azione amministrativa allo scopo di ampliare e migliorare l'accesso dei privati all'amministrazione.

Multicanalità è un termine che da pochi anni è entrato a far parte del linguaggio politico-normativo. Il suo significato è semplice e descrive il fatto che le modalità, ossia i canali, utilizzabili nell'attività amministrativa e, in particolare, relativamente all'erogazione dei servizi pubblici, sono molteplici.

Sotto il profilo della finalità d'uso, i canali sono considerabili, nel contempo, canali di lavoro e di servizio. Sono canali di lavoro in quanto veicolano flussi di informazioni relativi ai procedimenti amministrativi. Sono canali di servizio perché rivolti anche all'utenza ai fini dell'erogazione dei servizi richiesti.

Per quanto invece riguarda l'identificazione dei canali, allo stato attuale delle conoscenze, ogni classificazione rischia di essere parziale e incompleta. L'insieme costituito dai canali esistenti e da quelli innovativi e sperimentali, oltre ad essere un insieme complesso, è anche aperto, dai confini non facilmente prevedibili anche perché legato al continuo e crescente sviluppo nelle scienze e nelle tecnologie dell'informazione.

Nel processo generale di erogazione dei servizi pubblici la multicanalità, a condizione che sia accompagnata dall'integrazione dei diversi canali, può avere ricadute rilevanti soprattutto nei rapporti tra i privati utenti e le amministrazioni. In particolare, il complesso dei canali utilizzabili consentirebbe alla modalità telematica di trovare una collocazione adeguata che eviti o riduca il rischio di diseguaglianze nelle possibilità di accesso ai servizi pubblici.

La multicanalità, pertanto, è un approccio, più che un insieme di strumenti, che propone la valorizzazione della telematica e dei servizi on line in un contesto che, però, tenga conto delle diseguaglianze di accesso alla Rete e nell'uso dei servizi on line. L'approccio multicanale non esclude, dunque, la Rete come modalità o canale di innovazione nei servizi pubblici, ma, al contrario, ne prevede lo sviluppo, includendolo in un contesto di fruizione più ampio ed equo.

Quello su cui in realtà ci si interroga è fino a che punto la struttura della Pubblica Amministrazione in Italia ed in Europa è in grado di gestire l'innovazione, o meglio, fino a che punto può obiettivamente, in considerazione dei vincoli organizzativi, gestionali e normativi, gestire un processo di qualità sostanziale - piuttosto che un meccanismo autoreferenziale di quality managment - che passi dalla realizzazione primaria degli interessi alla legalità, trasparenza, efficacia ed efficienza cui ogni cittadino di uno Stato democratico ha diritto.

Purtroppo la "cartocrazia", il potere della burocrazia di imporre la carta nelle relazioni con i cittadini e le imprese, batte ancora l'innovazione tecnologica

dott. Giuseppe Motta - avvocato e sociologo
Giuseppemotta.it





dello stesso autore




Postato il Sabato, 08 novembre 2014 ore 08:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi