Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485767186 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1206 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
843 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
672 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
648 letture

Sì alla legge per il ritorno dell'Educazione civica a scuola da settembre 2020
di g-aderno
582 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Catania ritorni la città delle mille fontanelle di acqua corrente
·Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
·Convegno nazionale sul middle management nella scuola italiana
·Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
·Emanuele Navarro della Miraglia nel centenario della sua morte e 140 anni dopo la pubblicazione de 'La Nana' il primo romanzo del Verismo italiano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Scientifiche: L’astronauta, la prof, la studentessa. Nel 2014 tre italiane nello spazio Tre storie che raccontano chi siamo

Rassegna stampa
Il 2014 sarà scintillante per lo spazio italiano anche perché avrà tre volti femminili che accompagneranno due imprese europee attese da tempo. Il prossimo novembre Samanta Cristoforetti, milanese d’origine (36 anni) ma cosmopolita nella vita, volerà sulla stazione spaziale internazionale soggiornandovi per sei mesi. È la prima astronauta italiana e la seconda a salire in orbita con la tuta dell’agenzia europea Esa. «Il 30 novembre decollerò da Baykonur su una navicella Soyuz e sono molto felice» dice Samantha. E l’ultima parola ama spesso pronunciarla accompagnata da un sorriso che sottolinea la passione per l’imminente avventura. Quando venne selezionata nel 2009 dall’Esa assieme ad altri cinque colleghi maschi (è rimasta l’unica donna del corpo astronauti) disse subito: «Sono cresciuta con il sogno dello spazio chiuso nel cuore e nella mente. Il caso mi ha favorito: sono felicissima».

In realtà c’era ben altro oltre il caso se era stata preferita tra le 8.413 domande giunte da tutti i Paesi dell’Unione. Dopo la laurea in ingegneria meccanica al Politecnico di Monaco di Baviera varcava la soglia dell’Accademia aeronautica di Pozzuoli diventando pilota e prendeva una seconda laurea in ingegneria aeronautica. E poi volava sui caccia Amx con i gradi di capitano. Se ha raggiunto il sogno cosmico lo deve alla sua determinazione e al suo carattere che zampilla ben definito quando le si parla. «La tv? Non la guardo mai, non mi interessa, anzi l’ho venduta perché ingombrava la casa». Non è sposata e per il resto aggiunge: «Sono cose personali». Complicato arrivare al risultato desiderato? «Di difficile non ho trovato nulla, solo una snervante attesa». E la moda? «Mi affascina solo la tuta spaziale». La passione per le stelle ? «Nulla di particolare: non ho visto lo sbarco sulla Luna ma ricordo con emozione le immagini degli astronauti che riparavano il telescopio spaziale. Mi ha aiutato la fantascienza: sono una fanatica di Star Trek». E pensando al futuro «sogno di sbarcare sulla Luna», ammette. Sulla stazione manovrerà i bracci robotizzati, però si è preparata anche per una passeggiata spaziale. «Avrò il privilegio — nota con consapevolezza — di essere una abitante della grande casa cosmica e per questo mi impegnerò a condividere la straordinaria esperienza attraverso Twitter».

Sempre in novembre una piccola mini-sonda robotizzata si staccherà dalla sonda spaziale Rosetta dell’Esa in viaggio da dieci anni, sbarcando sul nucleo ghiacciato della cometa Churyomov/Gerasimenko. È la prima volta che accade e per sondare il mistero dell’astro con la coda compirà un’operazione tanto difficile quanto preziosa. Con una trivella perforerà il suolo e lo analizzerà trasmettendo i risultati sulla Terra. La «madre» di questo straordinario strumento costruito a Milano da Selex Es è Amalia Ercoli Finzi del Politecnico milanese. Amalia è stata la prima signora in Italia a insegnare come volare nello spazio entusiasmando schiere di studenti perché, per Amalia, il cosmo è prima di tutto la dimensione più bella da comunicare ai giovani. Nel frattempo ha cresciuto cinque figli. «Non è stato facile - dice -. Ma nella nostra famiglia tutti sanno che ognuno deve fare la propria parte. Una donna non può essere solo a casa o al lavoro. Ci sono gli interessi, la carriera. Non ci si deve negare nulla, l’importante è avere fiducia e mettersi d’impegno».

«Sono emozionata — ammette —, dopo tanti anni d’attesa incrocio le dita perché quei delicati strumenti funzionino come li abbiamo disegnati. La cometa sarà a 675 milioni di chilometri dalla Terra e dovremo fidarci dei nostri apparati che potrebbero scoprire molecole organiche, i mattoni della vita». Adesso, a 76 anni, Amalia è professore emerito e oltre a seguire lo sbarco cometario di cui è protagonista sta partecipando con i suoi giovani studenti alla competizione internazionale X-Price per lo sbarco di una sonda sulla luna che i suoi allievi hanno battezzato, guarda caso «Amalia», acronimo di una magnifica espressione latina: Ascensio Machinae Ad Lunam Italica Arte.

Ma la piccola e intelligente sonda di cento chilogrammi che si adagerà sul nucleo della cometa largo quattro chilometri, porta il terzo nome italiano delle imprese dell’annata. Quando si trattò di battezzarla l’Esa bandì un concorso tra le scuole europee e alla fine scelse la proposta avanzata da Serena Olga Vismara di Arluno, vicino a Milano. Allora era una studentessa di 14 anni del liceo umanistico ma appassionata di spazio. Serena avanzò il nome Philae che era l’isola sulla quale venne scoperta la stele di Rosetta che permise di decifrare i geroglifici e il mondo egizio. «Pensai — racconta — a qualcosa che fosse legata proprio alla stele e mi sembrò spontaneo immaginare il luogo dove venne trovata». Così convinse i commissari europei. Allora fece a se stessa due promesse: «Studierò ingegneria spaziale al Politecnico e voglio fare l’astronauta». La prima è stata mantenuta e per la seconda è sulla buona strada.

Giovanni Caprara - 27esimaora.corriere.it








Postato il Domenica, 05 gennaio 2014 ore 06:30:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi