Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 495513006 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2020

Lettera aperta alla Ministra Lucia Azzolina
di m-nicotra
3763 letture

'Agata, Vergine e Martire' di Pino Pesce al Teatro Sangiorgi di Catania. Una sacra rappresentazione multimediale fra medievalità e contemporaneità
di m-nicotra
1306 letture

Francesco Paratore Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto 'Gabelli' di Misterbianco. I Commissari: lodevole iniziativa che dovrà coinvolgere tutte le scuole.
di a-oliva
1303 letture

Cara Lucia Azzolina, prima che diventassi ministro, eri d’accordo su tutto quello che ho scritto in questo articolo. Oggi lo sei ancora?
di m-nicotra
1300 letture

Io non sono così cattivo. Questo personaggio mi fa stare male. Non mi piace anche se lo interpreto. La banalità del male!
di m-nicotra
1255 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Tremila studenti a lezione sui Diritti umani con Vincenzo Spampinato.
·Alberto Angela a Catania come una rockstar. Riprese anche sull'Etna
·“Webtrotter: Il giro del mondo in 80 minuti” - APERTE LE ISCRIZIONI ALL'EDIZIONE 2020
·Roma, 7 novembre 2019. Obiettivo stabilità del lavoro, vale anche per chi insegna religione.
·Erasmus for young entrepreneurs - partecipazione italiana, dal 2009 al 2019, 2.000 esperienze imprenditoriali


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Vangelo, il futuro è oltre l'Europa

Rassegna stampa
«Erano tempi belli, splendidi, quando l’Europa era un Paese cristiano, quando un’unica cristianità abitava questa parte del mondo plasmata in modo umano; un unico, grande interesse comune univa le più lontane province di questo ampio regno spirituale». Queste sono le celebri frasi introduttive di uno degli scritti programmatici più influenti del primo romanticismo tedesco, cioè del frammento Cristianità o Europa di Novalis, scritto nel 1799.

Una concezione del tutto particolare e del tutto nuova del passato, del presente e del futuro affiora dal suo suggestivo testo. Quanto al passato dell’Europa, esso viene immerso con il tono nostalgico delle favole in una luce che sa di età dell’oro; soprattutto il Medioevo appare retrospettivamente come un’epoca contraddistinta da una cristianità omogenea. Invece il presente è descritto in modo estremamente critico. In esso regnerebbero l’egoismo, un razionalismo soffocante e interessi materiali detterebbero legge. La causa principale di questa triste situazione e di queste perdite sembrerebbe risiedere nella secolarizzazione dell’Europa.

Quanto più desolato è il quadro del presente dipinto da Novalis, tanto più luminoso è lo sguardo gettato sul futuro. Egli prevede l’avvento di uno Stato europeo sovranazionale, che sarà tenuto insieme da un cristianesimo rinnovato, supererà la sua divisione confessionale e, con spirito cosmopolitico, non escluderà altre parti del mondo, ma inviterà alla pacifica convivenza. Molto importante è qui per lui il fatto che questo cristianesimo rinnovato non sarà più «irreligiosamente chiuso entro confini statali» , ma saprà mantenere la propria distanza dagli interessi di ogni singolo Stato.
Vale la pena di chiedersi brevemente come vadano giudicate oggi le tre affermazioni fondamentali di Novalis. L’Europa è stata mai omogeneamente cristiana? Oggi essa è completamente secolarizzata? Il suo futuro sarà il futuro di un cristianesimo rinnovato, oppure il cristianesimo emigrerà dai suoi confini?

Alla prima domanda mi pare che si debba rispondere con un chiaro «no». Nessuno oggi contesta più l’ininterrotta importanza della religione ebraica nella storia europea. E neppure l’islam è diventato una parte dell’Europa solo con l’immigrazione di manodopera nel corso degli ultimi decenni, ma ha al contrario una lunga storia europea soprattutto nella penisola iberica e nei Balcani. Inoltre, pratiche e idee religiose precristiane continuarono a rimanere vitali fin nel tardo Medioevo, soprattutto in vaste parti dell’Europa settentrionale e orientale. La cristianizzazione di alcuni Paesi, per esempio della Lituania, ebbe luogo solo nel XIV secolo. L’assimilazione del cristianesimo ha continuato a essere influenzata per lungo tempo, forse fino a oggi, dalla specifica religione precristiana della popolazione. Gli antichi politeismi (soprattutto quelli greci e romani) non hanno fatto sentire il loro influsso solo una volta nella storia europea della religione e della cultura, cioè nel Rinascimento , ma hanno rappresentato una continua fonte di ispirazione o una sfida.

Parlare di un cristianesimo unitario significa, inoltre, perdere di vista la sua intrinseca eterogeneità. Dalla Riforma protestante e dalla conseguente divisione della Chiesa in poi, il carattere drammatico del rapporto tra le diverse forme di cristianesimo è divenuto evidente. Più importante nel nostro contesto è il fatto che non sia stata solo la Riforma protestante ad avere la conseguenza non voluta del pluralismo. La separazione tra la cristianità ortodossa e quella latina era avvenuta già secoli prima. Inoltre, nel Medioevo la Chiesa latina fu caratterizzata da una notevole molteplicità interna e dovette far di continuo fronte ai cosiddetti movimenti ereticali. E, infine, l’avvento dell’«opzione secolare» (Charles Taylor), cioè la crescente possibilità di disporre di immagini del mondo indipendenti dalla fede religiosa, costituisce un passo in avanti sostanziale nella direzione del pluralismo, dato che la reazione alle nuove immagini secolari del mondo può imprimere a sua volta un’ulteriore spinta verso nuove secolarizzazioni oppure rendere le persone più disponibili ad adottare tradizioni religiose orientali – neppure in questo caso, quindi, abbiamo a che fare solo con la secolarizzazione.

Bisogna perciò immaginarsi l’Europa come un continente indubbiamente ricco di tradizioni di pluralismo religioso. L’Europa, si potrebbe dire in maniera riassuntiva, non è stata mai unitariamente cristiana, così come del resto il cristianesimo non è stato mai solo europeo. Quando ci si lascia prendere dall’entusiasmo per un Occidente cristiano, si dimentica facilmente che il cristianesimo non solo non ha avuto origine in Europa, ma anche che all’inizio esso si diffuse attraverso molteplici vie, alcune delle quali poste ai margini estremi dell’Europa o che conducevano lontano da essa (Armenia, Georgia; i copti; la diffusione verso l’India o dei nestoriani fino in Cina). Non è un caso che, oggi, nell’epoca della globalizzazione del cristianesimo, si prenda maggiormente coscienza di questa storia dimenticata o «perduta».

Alla seconda domanda – se l’Europa sia ormai ampiamente secolare – dobbiamo rispondere oggi affermativamente con più sicurezza di quanto non si potesse fare al tempo di Novalis. Guardando indietro rimaniamo sorpresi nel notare come, attorno al 1800, lo spirito del tempo vedesse la religione sulla difensiva in diverse parti d’Europa. La situazione odierna è estremamente eterogenea. Oggi l’Europa è effettivamente molto secolarizzata in alcuni Paesi e, fatte poche eccezioni, anche nei Paesi più secolarizzati parti consistenti della popolazione appartengono a raggruppamenti religiosi, condividono verità di fede e partecipano almeno occasionalmente a pratiche e riti religiosi.

Quanto al futuro, azzardo con grande prudenza alcune previsioni: soprattutto le dissoluzioni – ma anche le nuove formazioni – di ambienti animati da uno spirito religioso e la grande importanza della migrazione verso l’Europa per la situazione religiosa del continente. Ovviamente, altrettanto importante è anche il revival religioso in quei Paesi postcomunisti, in cui è possibile constatarlo (Russia, Romania). Va sottolineato il fatto che la messa in discussione dell’idea che la modernizzazione conduca necessariamente alla secolarizzazione dischiude senza dubbio nuove possibilità alla fede. In ogni caso, il futuro dell’Europa non sarà, nei prossimi decenni, il tempo di un rinnovato cristianesimo, anche se si dovesse arrivare a tale rinnovamento. Il futuro dell’Europa sarà un futuro multireligioso; ed esso dovrebbe essere caratterizzato da una nuova reciproca apertura dei credenti e dei non credenti, posto che essi concordino circa gli orientamenti fondamentali, in fatto di valori, dell’universalismo morale.

Avvenire.it








Postato il Mercoledì, 25 dicembre 2013 ore 06:00:00 CET di Filippo Laganà
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.30 Secondi