Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483596477 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4241 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1393 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
796 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
723 letture

L’Anima e il Corpo (Parte I)
di m-nicotra
615 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Catania ritorni la città delle mille fontanelle di acqua corrente
·Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
·Convegno nazionale sul middle management nella scuola italiana
·Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
·Emanuele Navarro della Miraglia nel centenario della sua morte e 140 anni dopo la pubblicazione de 'La Nana' il primo romanzo del Verismo italiano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Pedullà ripercorre la letteratura del ‘900

Recensioni
I grandi studiosi di letteratura con le loro opere saggistiche mostrano quanto profondi e indissolubili siano i rapporti tra la letteratura e la storia, tra i linguaggi della cultura e la rappresentazione della realtà. Nel suo saggio vasto e poderoso Walter Pedullà, uno dei maggiori studiosi e critici letterari del nostro Paese, descrive e interpreta nel suo libro, edito dalla Rizzoli ed intitolato “Modelli e Storie della letteratura del XX secolo”, quanto è accaduto nella cultura del Novecento. Il secolo inizia culturalmente con la crisi che sconvolge il panorama letterario nei primi anni del ‘900.   

A causa della crisi il naturalismo, che aveva dominato la cultura del secondo Ottocento influenzata dal romanticismo, entra in crisi. Questo accade perché, fa notare Pedullà nel suo libro, il meccanicismo positivista e determinista non aiuta più a capire la causa da cui gli eventi dipendono. Infatti con la nascita del futurismo, dovuta alla pubblicazione del manifesto di Tommaso Marinetti, inizia il fenomeno dell’avanguardia, il cui obiettivo artistico consiste nel ripudiare la tradizione letteraria contemplata dai canoni estetici del passato e nell’innovare profondamente i linguaggi della cultura. Con il futurismo si manifesta il fenomeno dell’avanguardia, nell’ambito del quale rientrano le correnti culturali quali il surrealismo, il dadaismo, l’espressionismo, il formalismo russo, lo sperimentalismo linguistico.

Luigi Pirandello ai primi del Novecento pubblica il famoso saggio sull’Umorismo, per mettere sotto accusa e smascherare la vacuità di fronte alla crisi della cultura legata alla vecchia logica e alla retorica del passato. La realtà non ha più un fondamento che consenta di cogliere il rapporto tra la causa e gli effetti dei fenomeni di cui l’uomo è testimone e osservatore. I pensatori del sospetto, come Nietzsche, Freud, Marx, dimostrano che la morte di Dio, la scoperta dell’inconscio e le trasformazioni dovute alla modernizzazione capitalistica, hanno modificato il panorama culturale, sicché i linguaggi della vecchia cultura entrano in crisi, collassano e si estinguono. Non è un caso che lo scrittore che meglio di altri nel Novecento ha saputo descrivere e rappresentare la crisi dell’uomo di fronte alla modernità sia stato Italo Svevo, autore del celebre romanzo “La Coscienza di Zeno”.

Questo autore e la grandezza della sua opera vennero riconosciute solo in un secondo momento, poiché al loro apparire le opere di Svevo non vennero comprese dalla cultura letteraria del tempo. Aldo Palazzeschi è autore di un libro straordinario “Il Codice di Perelà”, romanzo futurista, nel quale un uomo di Fumo scende dal camino per scrivere un nuovo codice con cui salvare un Paese in procinto di fallire, senza tuttavia riuscirvi. Nel libro ampio spazio viene dedicato alla figura di Giacomo Debenedetti, il più grande studioso di letteratura del Novecento. Debenedetti è autore del grande saggio intitolato “Il Romanzo del Novecento”, nel quale dimostra come le grandi narrazioni di Joyce e Proust, destinate ad influenzare la cultura del secolo, fossero basate sulla Epifania di Epifanie e sulla Intermittenza delle Intermittenze.

Questi termini usati da Debenedetti spiegano ed aiutano a capire il famoso flusso di coscienza ed il monologo interiore, registri espressivi che hanno profondamente modificato la forma del romanzo sul piano della struttura e dello stile, segnando una differenza ed una svolta tra il romanzo ottocentesco di impianto verista e naturalista e quelle novecentesco, sperimentale ed espressionista. Infatti per Giacomo Debenedetti gli scrittori del Novecento con l’occhio sinistro osservano e ritraggono la società, con quello destro scrutano i meandri misteriosi ed oscuri del proprio inconscio. Ampio spazio viene riservato nel saggio al ruolo che ha avuto Gabriele D’Annunzio nel formare una lingua letteraria magniloquente e retorica, con cui la realtà nel periodo fascista è stata reinventata artificialmente, senza essere tuttavia descritta e compresa.

Sono memorabili per chiarezza e perspicuità le interpretazioni critiche di Pedullà volte a spiegare la poetica di grandi scrittori come Tozzi, Moravia, Savinio, Landolfi, Sciascia, Calvino, Primo Levi. Per capire la differenza di stile e di linguaggio tra questi grandi scrittori, è opportuno tracciare una distinzione, cara sempre a Debenedetti, tra l’epica della realtà, il realismo, e l’epica dell’esistenza, l’esistenzialismo e la fenomenologia. Tozzi narra nei suoi libri il conflitto tra padri e figli e la nevrosi da cui è posseduto l’uomo moderno. Moravia con il romanzo fenomenologico dà forma visibile all’alienazione nel mondo Borghese, si pensi al suo libro celeberrimo “La Noia”. Savinio e Landolfi con la loro prosa splendida sospesa tra atmosfere surreali e fantastiche narrano lo smarrimento dell’uomo in un mondo in cui si è soli e privati delle vecchie certezze del passato. Nel libro le pagini più belle e perspicue sono dedicate a Gadda.

Nel suo libro “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana”, Gadda racconta le peggiori turpitudini umane per rivelare la dimensione tragica dell’esistenza e per dimostrare che l’uomo agisce spinto dall’interesse e dal desiderio erotico. Proprio con i libri di Gadda irrompe nella scena letteraria italiana il nuovo linguaggio dell’espressionismo, che è basato sulla combinazione plurilinguistica tra stili diversi, sicché il linguaggio colto convive con quello popolare. A questo proposito Gadda parlò, a proposito della prosa espressionista, della deformazione integrativa della lingua letteraria.

Calvino è stato uno scrittore che nelle sua opere ha sperimentato diversi linguaggi culturali, da quello storico esistenziale, si pensi al “Sentiero dei nidi di ragno”, a quello sperimentale, con l’opera “Le Cosmicomiche”. Sciascia con opere mirabili, quali “Todo Modo” ed “Il Contesto”, ha indagato la dimensione occulta del potere mafioso e politico. Primo Levi, testimone della shoah, nella sua vasta opera ha descritto a quali livelli di abiezione può arrivare l’uomo, che sia condizionato dalla ideologia totalitaria. Nel libro si nota come la cultura nata nel secondo dopoguerra, quella che va dal 1945 al 1956, cade ed entra in crisi con la dissoluzione dell’illusione progressista, dopo che in Ungheria i militari sovietici repressero la rivolta popolare di Budapest.

Dopo questo evento storico e la crisi del marxismo, vennero accolte e celebrate le scienze sociali proibite durante lo stalinismo, come l’antropologia, la linguistica, lo strutturalismo, l’etnologia, il formalismo russo. È interessante notare come, e per averne conferma è sufficiente soffermarsi sulle opere degli scrittori del secondo Novecento, si hanno periodi in cui viene restaurato il linguaggio tradizionale ed altri in cui, come avvenne con la neoavanguardia degli anni Settanta, lo sperimentalismo linguistico modifica la forma e la struttura delle opere letterarie. Appartiene a questa stagione sperimentale l’opera di autori come Manganelli, Arbasino, Testori, Malerba.

Questo di Pedullà è un libro che gronda erudizione da ogni pagina, grazie al quale è possibile cogliere i rapporti esistenti tra le opere letterarie ed il contesto storico e culturale in cui vennero concepite e scritte dagli intellettuali. Alcuni di essi, come ricorda l’autore, furono prima fascisti e poi comunisti, assumendo atteggiamenti politici diversi e contraddittori a seconda dei momenti contingenti che hanno attraversato e segnato la storia novecentesca. Belle le pagine finali sui libri e la poetica di autori quali Volponi, Pasolini, Elsa Morante e D’Arrigo.

L'opinione.it








Postato il Mercoledì, 18 dicembre 2013 ore 07:00:00 CET di Filippo Laganà
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi