Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485910265 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1238 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
905 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
700 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
698 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
625 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Miur: assunzioni a ribasso e nuova ondata di precari
·L’Osservatorio sulla violenza di genere della Regione Calabria invita le scuole ad ‘adottare la storia di una vittima di femminicidio’. Le storie delle donne non si adottano
·Promosso dall'associazione ''Stella Danzante'' il 15 marzo 2019 dalle ore 15:00 alle ore 20:00 si svolgerà l’VIII Giornata Nazionale di sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare presso il centro fieristico “Le Ciminiere” di Catania
·Per soddisfare le tante richieste ritorna in scena il 9 marzo alle ore 21.00 al Metropolitan di Catania la replica de ''I Promessi Sposi Amore e Provvidenza''
·Incontri, Teatro, Cinema: al centro le DONNE


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Integrazione sociale: Classi uniche, uguaglianze illusorie

Rassegna stampa
Caro Direttore, Monique è una ragazza di quindici anni che viene dal Centro-Africa. Alta, il viso ovale, con quel tratto di melanconia che a volte hanno i ragazzi che vanno male a scuola, al suo arrivo in Italia venne subito messa in una quinta elementare, quando ancora non conosceva la nostra lingua e quindi non capiva nulla di quello che si diceva della sua classe. Figuriamoci poi come socializzava! Nel suo paese d’origine, in una scuola di lingua francese, aveva un buon profitto scolastico, ma dopo l’ingresso nella scuola italiana tutto è stato difficile: le medie le ha fatte stentatamente e alla prima superiore è stata bocciata. Ora ha cambiato indirizzo, è di nuovo in un’altra prima superiore. Le do qualcosa da leggere e la lettura formale è piena di intoppi e di errori: in queste condizioni leggere è una fatica improba e tuttavia riesce ugualmente a capire il significato del breve brano che le ho proposto, probabilmente perché ha una buona intelligenza. Anche nel parlare non è completamente padrona dell’italiano che nessuno le ha insegnato seriamente. Mi è stata portata in visita perché disattenta, ma di un problema specifico non c’è traccia: è comprensibile che non conoscendo bene la nostra lingua la sua attenzione a scuola sia poco costante.
Mi sembra chiaro che per Monique la nostra scuola ha organizzato un percorso che le prepara un futuro uguale al presente dei suoi genitori, poveri immigrati: si prepari a fare la badante o a pulire i pavimenti delle case dei bianchi italiani. E così per tutti gli altri figli di immigrati stranieri: restino nel posto destinato ai loro genitori, e sul piano lavorativo rimangano cittadini di serie B.
Come Monique c’è un milione di ragazze e ragazzi figli di immigrati nelle nostre scuole; e alcuni vengono da Paesi come la Cina, l’Ucraina, la Russia, dove la lingua è diversissima dalla nostra. vengono accolti nella stessa maniera di Monique: messi subito in classi con gli altri, al massimo poche ore di insegnamento d’Italiano. Per il resto del tempo possono navigare, specialmente all’inizio, nella più completa oscurità linguistica e senza conoscere una parola di italiano dovrebbero seguire le spiegazioni di matematica, storia, scienze e delle altre materie. Ecco perché condivido in pieno l’iniziativa della scuola di Bologna, che ha istituto una classe apposita per far apprendere l’italiano a un gruppo di ragazzi stranieri, per poi inserirli al momento opportuno in una classe normale. Invece, un direttiva della passata gestione del Ministero della Pubblica Istruzione per i figli degli immigrati propone che “le due ore di insegnamento della seconda lingua nella scuola secondaria di primo grado possano essere utilizzate anche per potenziare l’uso della lingua italiana”, come se conoscere poco o affatto la lingua parlata in classe fosse poca cosa che si può risolvere con un paio d’ore in più la settimana.
Ma cosa succede negli altri paesi dell’Europa? In Finlandia, per fare un solo esempio, l’accoglienza scolastica è del tutto diversa: i ragazzi immigrati vengono inizialmente messi a studiare soltanto il finlandese e ogni due mesi, in relazione alle migliori capacità nel padroneggiare la nuova lingua, sono gradualmente integrati con gli altri: nella musica, nel disegno, nella ginnastica, e poi nell’ultima parte dell’anno in tutto, ormai uguali agli altri.

È un paradosso: ma la curiosa “integrazione” che la nostra scuola propone ai figli degli immigrati in realtà li emargina in classe a causa delle gravi difficoltà a comunicare con i propri compagni e prepara con loro un destino di emarginazione sociale e lavorativa. Precisamente come quarant’anni fa facevano le scuole differenziali e speciali, che prendevano i figli dei nostri emigrati del sud. Erano bambini normali, il cui limite era soltanto il dialetto e nella deprivazione culturale familiare, ma venivano messi in classi in cui poteva succedere che la prima si dovesse fare due volte, nello stesso modo la seconda, e così via: catalogati insieme ai disabili, ricevevano un tipo di educazione impoverita, che li condannava nel futuro ad un percorso lavorativo di quart’ordine. Un risultato analogo viene prospettato nell’oggi per i figli degli immigrati stranieri, anch’essi bambini normali il cui limite è solo nel non conoscere la lingua del Paese che li accoglie.

A ben guardare, l’atteggiamento della scuola verso i disabili e quello verso gli immigrati hanno un tratto in comune, quello di prevedere una soluzione valida per tutti, sempre per la paura “che si sentano esclusi”. E la soluzione è “tutti in classe”, senza tener conto delle diverse esigenze, per esempio dell’insofferenza al rumore di molti bambini autistici, o, appunto, della necessità di imparare la lingua italiana per seguire le lezioni.
C’è, quindi, l’esigenza di organizzarsi in modo che nella scuola l’obiettivo prioritario sia quello di dare a ogni bambino e ragazzo un percorso educativo adeguato ai suoi bisogni, presenti e futuri: negare questo diritto è la forma peggiore di esclusione.

Michele Zappella, Neuropsichiatra dell’età evolutiva (Corriere della Sera)





dello stesso autore




Postato il Sabato, 16 novembre 2013 ore 07:30:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi