Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484089486 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4465 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1891 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1495 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1297 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
998 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Catania ritorni la città delle mille fontanelle di acqua corrente
·Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
·Convegno nazionale sul middle management nella scuola italiana
·Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
·Emanuele Navarro della Miraglia nel centenario della sua morte e 140 anni dopo la pubblicazione de 'La Nana' il primo romanzo del Verismo italiano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


INVALSI: Ecco perché c'è chi bara nei test INVALSI; si bara di più nelle scuole più in difficoltà. Il fenomeno del cheating alle prove invalsi

Recensioni

Il fenomeno del cheating alle prove Invalsi è stato ben messo in luce in due interventi pubblicati di recente su lavoce.info. Uno studio condotto dalla Fondazione Giovanni Agnelli permette un ulteriore approfondimento sui fattori che possono influenzare la tendenza degli studenti a copiare nei test, oppure degli insegnanti ad aiutarli. (1) Alcuni di questi fattori hanno un carattere compensativo: sono gli studenti delle scuole con una situazione meno privilegiata e con più difficoltà nell’apprendimento della disciplina a essere aiutati di più, oppure a ricorrere in maggior misura a comportamenti scorretti.

CHI BARA NELLA PRIMARIA. E CHI ALLE MEDIE

I livelli complessivi di apprendimento in alcune scuole e in alcune aree sono ampiamente sovrastimati per i comportamenti scorretti tenuti nel corso delle prove Invalsi. Il cheating può assumere forme diverse (copiatura, suggerimento della risposta esatta da parte del docente, “aggiustamento” mentre si compilano i fogli risposta, eccetera) ed è difficile averne una misura certa. Se applichiamo una definizione restrittiva, possiamo considerare “sospetto” il test di uno studente che presenti la stessa identica sequenza di risposte del test di un altro studente nella stessa classe. Nelle figure 1 e 2 sono riportate le distribuzioni delle performance in matematica degli studenti con test “sospetto” e di quelli con test “non sospetto” al termine della scuola primaria e al termine della scuola secondaria di primo grado. È evidente che la media dei risultati degli alunni che adottano comportamenti sospetti è significativamente più alta rispetto a quelli con comportamenti normali.
Anche la distribuzione della performance degli studenti sospetti varia significativamente fra i due gradi e probabilmente nasconde strategie differenti di cheating. Come si osserva nella figura 2.b, il cheating nella III classe della scuola media – dove il test Invalsi è una prova molto importante, con un peso significativo perché contribuisce a definire il voto all’esame di Stato – nasce probabilmente dagli studenti stessi, tant’è che anche i risultati di quelli che hanno copiato tra di loro, pur non sapendo se le risposta sia corretta, seguono una distribuzione (relativamente) normale. Di converso, il cheating nella scuola primaria sembra essere incoraggiato sistematicamente e in modo coordinato dagli insegnanti (ad esempio, utilizzando la prova come sostegno all’apprendimento e correggendo i risultati in modo collettivo), facendo sì che i risultati si spostino omogeneamente verso l’alto e non seguano più una distribuzione di probabilità continua (figura 1.b).

DIVARI TERRITORIALI

Le mappe della figura 3, che mostrano la percentuale delle sequenze identiche di risposte nella stessa classe per provincia, evidenziano come la tendenza al cheating sia maggiore in Sicilia e nelle Regioni del Sud.
Nella tabella 1 presentiamo i risultati della stima di un modello logistico sulla probabilità di avere un test “sospetto”. In tutti i gradi la probabilità è molto superiore al Sud e nelle Isole rispetto alle altre aree del paese. Ad esempio, un studente del meridione ha, rispettivamente per la II e la V classe della scuola primaria, una probabilità di 11 e 15 volte superiore di "barare" di uno studente settentrionale. La tendenza è crescente a mano a mano che si sale lungo i gradini del sistema scolastico.

OSSERVATORI IN CLASSE

Dell’effetto dissuasivo della presenza di osservatori esterni che vigilano sul corretto svolgimento delle prove hanno già parlato Marco Bertoni, Giorgio Brunello e Lorenzo Rocco. (2) Lo studio della Fondazione Agnelli conferma in larga parte le loro conclusioni sulla scuola primaria, ma aggiunge nuove informazioni sugli effetti diretti (ovvero quando gli osservatori sono presenti nella classe) e indiretti (quando sono presenti nella scuola ma non nella classe) nella secondaria di primo grado. Come mostrato in tabella 1, se prendiamo come riferimento le classi con osservatore, vediamo che gli studenti che non hanno alcun controllo hanno una probabilità di cheating fino a tre volte superiore; anche quelli che si trovano in una classe senza osservatore di una scuola campionata , adottano comportamenti scorretti, sebbene in misura minore. Ma torna l’effetto high stake nella prova di terza media: se la probabilità di copiatura rispetto a una classe monitorata nella scuola primaria è infatti attenuata nelle classi con supervisione indiretta (restando comunque due volte superiore a quelle con osservatore), in terza media la probabilità è invece praticamente la stessa che nelle classi delle scuole non monitorate. Il risultato è un ulteriore indizio della diversa origine del cheating. Se è vero che nella scuola primaria sono gli stessi insegnanti ad agevolare gli studenti, la presenza di un osservatore presso la scuola avrebbe l’effetto indiretto di indurli a far sì che i risultati delle classi non campionate non appaiano troppo dissimili rispetto a quelli delle classi monitorate. Nelle scuole secondarie di I grado, dove invece sono soprattutto gli studenti a cercare di avvantaggiarsi copiando, la presenza di un osservatore esterno in un’altra classe della scuola non funge da deterrente efficace.

CARATTERISTICHE INDIVIDUALI E COMPOSIZIONE SOCIALE DELLA SCUOLA

Se si guarda al profilo socio-demografico degli studenti e al contesto scolastico si scopre che il cheating sembra avere un ruolo di compensazione degli svantaggi iniziali, sia nella primaria che nelle medie.
I risultati evidenziano come nelle scuole che mostrano una composizione sociale bassa, aumenta il rischio di comportamenti opportunistici. Si potrebbe presumere che queste scuole tendano ad aiutare di più nello svolgimento delle prove, ma potrebbe essere altresì il caso che siano gli studenti, in questi contesti socialmente svantaggiati, ad assumere più frequentemente comportamenti scorretti. (3)
Un altro fattore che determina una maggiore probabilità di copiare è il genere: le ragazze hanno una probabilità di circa 1,5 volte superiore dei ragazzi di "barare" al test di matematica. Sia che il cheating dipenda dagli insegnanti di scuola primaria, sia che la responsabilità vada attribuita agli studenti di scuola media, siamo di nuovo davanti a un fenomeno di compensazione, poiché le ragazze ottengono risultati in matematica sistematicamente inferiori rispetto ai ragazzi. Se all’inizio del primo ciclo di studi (seconda primaria) non si notano differenze nella probabilità di cheating tra studenti italiani e studenti di origine straniera, entro la fine della primaria gli studenti italiani mostrano una tendenza al cheating del 35 per cento più alta. La tendenza si rafforza entro la fine della scuola media. È difficile dire se si tratti di un fattore culturale o se invece gli studenti italiani non siano facilitati, a livello relazionale, nello sviluppare strategie collettive di cheating con i loro compagni.

BATTERE IL CHEATING COL CONTRASTO D’INTERESSI

Inviare un controllore esterno in tutte le classi è ovviamente un’operazione improba e finanziariamente non sostenibile se gestita dal centro. Ma se le scuole fossero chiamate a rispondere non delle performance assolute dei loro studenti, bensì di quelle relative, in un’ottica di guadagno cognitivo (valore aggiunto), il problema potrebbe trovare una facile soluzione nel primo ciclo scolastico. Adottare un modello di valutazione basato sul progresso cognitivo, cioè sulla differenza tra i livelli di apprendimento degli studenti in uscita da una scuola e i loro livelli in ingresso, consentirebbe infatti di giocare sul contrasto di interessi tra gli insegnanti del livello primario e quelli del livello secondario di I grado nell’ambito degli istituti comprensivi. I docenti della scuola media avrebbero tutto l’interesse a evitare che i livelli di apprendimento misurati in uscita dalle scuole elementari siano sovrastimati a causa del cheating poiché questo renderebbe loro difficile creare valore aggiunto alle medie. Dunque, sarebbero i controllori ideali per i test dei livelli inferiori. Impiegare le risorse disponibili localmente libererebbe inoltre i fondi necessari a sistematizzare i controlli al livello superiore.


Dati
Fattori di cheating nella scuola primaria e secondaria di I grado (Tabella 1). Download file excel.


(1)
Ferrer-Esteban, G. (2012). Cheating to the test in the Italian standardized assessment system: rationale and incentives. Working Paper, (in press). Fondazione Giovanni Agnelli
(2) Non solo nell'articolo su lavoce.info, vedi anche Bertoni, M., Brunello, G. e Rocco, L. (2012). “When the cat is near, the mice won’t play: the effect of external examiners in Italian schools”. ISER Discussion Paper, Osaka University.
(3) Per la classe terza della scuola secondaria di I grado non è disponibile l’informazione relativa al background sociale degli studenti. Quindi abbiamo imputato il valore medio della variabile Escs (status socioeconomico e culturale) degli studenti della I classe di secondaria della stessa scuola

Tabella 1. Fattori di cheating nella scuola primaria e secondaria di I grado
         
Variabile dipendente: identica sequenza di risposte nella stessa classe   Modello 1: Modello 2: Modello 3:
    II classe scuola primaria V classe scuola primaria III classe scuola secondaria I grado
    Odds ratio Odds ratio Odds ratio
         
  Nord Ovest 0,86 0,80 2,36***
    (0,13) (0,15) (0,36)
  Centro 3,02*** 3,58*** 7,61***
Macroaree: (ref: Nord Est)   (0,39) (0,61) (1,07)
  Sud 11,33*** 15,07*** 19,52***
    (1,35) (2,28) (2,65)
  Sud e Isole 11,78*** 14,99*** 27,09***
    (1,46) (2,30) (3,67)
         
Osservatore in classe: (ref: classe con osservatore nelle scuole campionate) Classe senza osservatore nelle scuole non campionate 2,97*** 2,44*** 1,37**
    (0,38) (0,33) (0,16)
  Classe senza osservatore nelle scuole campionate 1,92*** 1,84*** 1,50**
    (0,27) (0,28) (0,18)
         
Scuola con composizione culturale / socioeconomica bassa, primo quartile (rispetto media-alta e alta)   1,28*** 1,40*** 1,23***
    (0,07) (0,08) (0,06)
Essere donna (rispetto uomo)   1,27*** 1,52*** 1,63***
    (0,04) (0,05) (0,05)
Essere ripetente (rispetto non aver ripetuto)   1,17 1,07 0,99
    (0,13) (0,14) (0,05)
Essere italiano (rispetto stranieri di 1 e 2 generazione)   1,01 1,35** 1,51***
    (0,07) (0,12) (0,13)
Osservazioni (studenti)   350339 344976 398523
Clustering units (classi)   26090 26541 25821
    Pseudo R2=0.11 Pseudo R2=0.11 Pseudo R2=0.10
         
Significance level (based on clustered robust standard errors, in brackets): *** p<.001 ** p<.01; * p<.05; ^ p<.10
Nota: nei modelli sono stati inclusi solo gli studenti con una performance compresa tra il 10° e il 90° percentile
Fonte: elaborazioni su dati Invalsi a.s. 2009-10

 









Postato il Martedì, 19 giugno 2012 ore 16:37:58 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi