Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 559652773 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
gennaio 2023

Benedetto XVI, un papa che ha segnato la storia
di a-oliva
766 letture

Un anno senza DAVID SASSOLI. Un libro raccoglie i suoi discorsi e la lezione di ottimismo e di speranza
di a-oliva
644 letture

Esame di maturità colloquio multidisciplinare
di a-oliva
475 letture

PERSONALE DOCENTE - PROPOSTE DI CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO - ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia – SEDI ASSEGNATE - 11/01/2023
di a-oliva
456 letture

DISPONIBILITA' PER CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO PERSONALE DOCENTE PER GLI ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia - 11/01/2023
di a-oliva
441 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·PERSONALE DOCENTE - PROPOSTE DI CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO - ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia – SEDI ASSEGNATE - 26/01/2023
·DISPONIBILITA' PER CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO PERSONALE DOCENTE PER GLI ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia - 26/01/2023
·PERSONALE DOCENTE - PROPOSTE DI CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO - ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia – SEDI ASSEGNATE - 16/01/2023
·DISPONIBILITA' PER CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO PERSONALE DOCENTE PER GLI ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia - 16/01/2023
·PERSONALE DOCENTE - PROPOSTE DI CONTRATTI A T.D. A.S. 2022/2023 SU POSTI COMUNI E DI SOSTEGNO - ASPIRANTI INCLUSI NELLE GAE E GPS di I e II fascia – SEDI ASSEGNATE - 11/01/2023


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Intervista con lo psicoterapeuta Claudio Risé: il bisogno di sicurezza si traduce anche in un bisogno di legalità

Opinioni

Perché il bisogno di legalità è oggi così sentito?

È normale che questo avvenga quando la legge è spesso violata e la sicurezza delle persone è minacciata. La vicenda di Brindisi ha dato un rilievo drammatico a questa necessità, perché ad essere attaccati sono stati i nostri corpi, la nostra integrità e dunque la nostra stessa esistenza. Quando le persone si sentono così minacciate, aumenta la richiesta di legge. E il bisogno di sicurezza si traduce anche in un bisogno di legalità.

Come e dove si impara il rispetto della legge e chi è in grado di insegnarlo?

Direi che prima di tutto si impara dall’esempio delle persone. Quando una classe dirigente dà un esempio costante di rispetto della legalità, questo costituisce un grande insegnamento. E poi vengono coloro che svolgono l’attività di giudicare: i giudici, con il loro comportamento innanzitutto pubblico cioè amministrando la legge con equità ed imparzialità, e con il loro comportamento privato. Essi sono grandi, potenziali testimoni della legge. Di grande importanza inoltre le figure educative: il padre e la madre giusti, l’insegnante giusto.

Dove comincia l’educazione alla legalità?

La prima legge da rispettare è quella in cui consiste la natura delle cose. Da questa, si passa alla legge scritta nei codici e quindi amministrata da un preciso apparato di giustizia. È evidente che chi svolge questo compito di interesse pubblico, lo fa bene nella misura in cui è «figlio» di quella prima esperienza.

La legalità deve divenire per forza una disciplina di insegnamento?

Farei una premessa: il parlare molto di legge non aiuta la legge, come il fare molte norme non porta assolutamente a uno sviluppo della legalità. Anzi la mette in pericolo, perché aumenta a dismisura la possibilità di violazione delle norme, diminuendo proporzionalmente il senso di legalità nel cittadino: cioè la responsabilità della persona nell’assoggettarsi alla legge, cominciando da sé, dall'essere giusto.

Perché dice questo?
Perché oggi le persone delegano sempre di più allo Stato qualcosa di cui dovrebbero essere amministratori in prima persona; non evidentemente il fare giustizia, ma sviluppare il proprio senso della legalità, e delle responsabilità che ne conseguono.

Che cosa la scuola dovrebbe o potrebbe fare?

Sviluppare il senso personale, interiore, profondo, della giustizia. La legge non si dovrebbe imparare a scuola ma in famiglia, là dove avviene la prima educazione all’ordine delle cose. È qui, come abbiamo detto, la radice interiore della legalità. Dopo di questo viene l'ambito culturale e socio-culturale. Poiché dal codice napoleonico in poi nel continente europeo le leggi sono aumentate a dismisura, è d’obbligo svolgere un’opera di discernimento − con la critica, l’esempio e l’esercizio − su tutto l’apparato statuale che presiede alla giustizia, se non altro perché non la danneggi gravemente.

Non basta quindi fare lezione di diritto nelle scuole.

Assolutamente no. Intendiamoci: conoscere la Costituzione è una buona cosa, ma è illusorio − dove non è deleterio − pensare che sia un insegnamento disciplinare ad essere centrale nello sviluppo personale del rispetto della giustizia. Se viene meno quest’ultimo, cosa ce ne faremo dell’erudizione giuridica?

Una studentessa liceale, in risposta agli appelli civili di Ferruccio De Bortoli e del ministro Profumo dopo l’attentato di Brindisi, centrati sul senso dello Stato, ha scritto: «io non voglio essere estranea alla mia vita, rimandando ad altri, o come in questo caso allo Stato, una responsabilità che è mia. Mio è il compito di rispondere alla vocazione che è la vita».

È un pensiero profondissimo, che va al cuore della nostra conversazione. Esprime una grande stima della vita e la interpreta come vocazione. Dimostra che la nozione di legalità precede ogni struttura di amministrazione legale. È questo che occorre fare: ridare spazio alla vita. Verso persone che hanno fatto una grande esperienza di morte e dunque di negazione della vita, come è accaduto alle compagne di Melissa, occorre prestare innanzitutto amore e ascolto, per ricostituire quello spazio.

Che cos’è lo spazio di cui sta parlando?
In casi come questo, in cui c’è stato un forte trauma (più forte e devastante, ma non sostanzialmente diverso dalle nevrosi da cui è affetto il paziente dello psicoterapeuta), occorre restituire alla vita l’ambito pieno e concreto della sua espressione, delle sue molteplici forme e manifestazioni. La nevrosi richiude la vita, restringe il suo spazio espressivo. Là dove si attenta all’integrità fisica della persona, questo lavoro di restituzione alla vita può rivelarsi più radicale, ma nella sua essenza si tratta della medesima cosa. Ogni impostazione ideologica, per esempio, riduce lo spazio della vita, costringendola dentro uno schema. La vita invece richiede spazi di libertà, quindi di responsabilità personale (come ricordava la studentessa nella sua lettera) per essere amata ed accolta: spazi di ascolto e spazi espressivi. Solo così la persona può tornare a stare bene.

Alla luce di questa considerazione, qual è il compito di un insegnante?

Ridare spazio alla libertà, in modo che la vita si manifesti attraverso l’esercizio concreto delle scelte personali. Educare è rendere consapevole la persona di questa possibilità e − appunto − dello spazio necessario alla sua realizzazione.

(Federico Ferraù)

Claudio Risé
Psicoterapeuta, giornalista e scrittore

Nato a Milano nel 1939, è sposato, con due figli. Laureato in Scienze Politiche a Ginevra, presso l’Institut Universitaire de Hautes Etudes Internationales di Ginevra, nel 1963. È Psicoterapeuta, iscritto all’Albo degli Psicologi della Lombardia, già membro del Consiglio Direttivo dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia. Docente di Psicologia dell’Educazione alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Milano Bicocca, Corso di laurea specialistica in Scienze Infermieristiche. Giornalista professionista. È editorialista per temi di psicologia sociale ed educativa sui quotidiani: il Giornale, Avvenire e, con una propria rubrica settimanale, Pensieri e Passioni, su Il mattino, di Napoli. Conduce la rubrica Psiche e società su Fondazione Liberal, la pagina Psiche lui sul supplemento del Corriere della Sera, Io Donna, e la rubrica Il buon selvatico sul settimanale Tempi. In campo editoriale, ha diretto la collana di Psicologia Analitica "Immagini del profondo", i "Quaderni di Eranos", e i " Quaderni di Psiche", presso le Edizioni Red, Como/Milano. Ha diretto la collana di libri di psicologia “I dodici gradini per la felicità” per Famiglia Cristiana. Dirige la collana “Psiche e società” per San Paolo editore.









Postato il Giovedì, 24 maggio 2012 ore 16:44:49 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.51 Secondi