Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484089546 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4465 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1891 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1495 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1297 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
998 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Previdenza: Il pensionamento coatto nella scuola; preavvisi dagli USR senza riferimenti certi

Ufficio Scolastico Regionale
Per quanto riguarda le pensioni, finora ci siamo occupati della possibilità di andare in pensione da parte di chi vuole andarci, a seguito delle pesanti modifiche alla legislazione previgente apportate dalla Legge 214/2011.
Adesso sta esplodendo la questione opposta: il “pensionamento coatto” di coloro che hanno maturato i requisiti per l’accesso alla pensione, ma che in pensione non ci vogliono andare.
In questi giorni, diversi USR hanno inviato le lettere di preavviso di rescissione del rapporto ai dirigenti scolastici, invitandoli a fare altrettanto nei confronti del personale docente ed ATA delle loro scuole.

Tutto questo, in mancanza di disposizioni di livello nazionale, che non vengono emanate per il semplice motivo che le questioni irrisolte nel passaggio dalla vecchia alla nuova normativa sono veramente molte.
Forse per evitare di trovarsi in difetto, gli USR si sono mossi quindi autonomamente, emanando disposizioni di dubbia legittimità e creando probabilmente disparità di trattamento tra le diverse Regioni.
Vediamo di fare il punto della situazione.
Collocamento a riposo d’ufficio per età
Un primo discorso va fatto per il collocamento a riposo d’ufficio per raggiunti limiti di età.
Fino all’anno scorso la pensione di vecchiaia era fissata al compimento dei 65 anni di età, con la Legge 214/2011 il limite è stato fissato a 66 anni, di conseguenza anche il collocamento a riposo d’ufficio dovrebbe essere disposto al compimento dei 66 anni; tutta la normativa previgente dovrebbe essere adeguata, ivi compresa la possibilità di chiedere ed eventualmente ottenere la proroga di due anni non più a 65 ma a 66 anni, con la possibilità di rimanere in servizio fino ai 68 anni.
Bisognerebbe quindi riaprire i termini per la richiesta della proroga e rivedere le situazioni già definite, spostando il termine ultimo per il collocamento a riposo a 68 anni.
Rescissione del rapporto di lavoro per anzianità massima contributiva
Alquanto diverso il discorso per una novità degli ultimi anni: la rescissione del rapporto di lavoro al compimento dell’anzianità massima contributiva di 40 anni, previo preavviso di sei mesi.
Abbiamo avuto più atti normativi; questa la cronologia:
-legge 133/2008, art. 72, comma 11
-legge 102/2009, art. 17, comma 35 novies, che limita il campo di intervento agli anni 2009, 2010, 2011
-legge 148/2011, art 1, comma 16, che estende il campo di applicazione agli anni 2012, 2013, 2014
Ora, l’anzianità massima contributiva non esiste più come istituto giuridico; la stessa legge 214/2011, all'art. 24, comma 20, fa però riferimento all’applicazione della legge 112/2008: “Resta fermo che l'attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 72 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni con legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni e integrazioni, con riferimento ai soggetti che maturano i requisiti per il pensionamento a decorrere dal 1° gennaio 2012, tiene conto della rideterminazione dei requisiti di accesso al pensionamento come disciplinata dal presente articolo.”
Il pensionamento coatto dovrebbe quindi essere rimasto in vigore; ma in che termini? La norma fa riferimento “ai soggetti che maturano i requisiti per il pensionamento a decorrere dal 1° gennaio 2012”, così come sono fissati nel medesimo articolo 24 della Legge, che dovrebbero quindi essere i nuovi termini del “pensionamento coatto”.
I requisiti per l’anno 2012 sono:
-41 anni e 1 mese di contribuzione per le donne
-42 ani e 1 mese di contribuzione per gli uomini.
Questi dovrebbero essere i nuovi termini per il “licenziamento coatto”, con l’aggiunta del requisito dei 62 anni di età, dato che per età inferiori è prevista una penalizzazione nel trattamento pensionistico.
Come si sarà notato, abbiamo usato sempre il condizionale, perché le cose non sono affatto chiare.
Va anche considerato che il “pensionamento coatto” appare in contrasto con la norma che nel medesimo articolo 24, al comma 4, incentiva la permanenza in servizio grazie all’ “operare dei coefficienti di trasformazione calcolati fino all'età di settant'anni”; come si può migliorare la propria posizione, se si è costretti ad andare in pensione? La norma appena citata subordina però questa possibilità ai “limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza”, che onestamente al momento ci sfuggono.
La confusione è grande sotto il cielo…
E’ chiaro comunque che un USR non ha la competenza per risolvere simili problemi interpretativi, si tratta di questioni di livello nazionale, per cui i preavvisi inoltrati appaiono veramente di dubbia legittimità.
Ad esempio, va detto che sicuramente è illegittimo quanto disposto dall’USR Sicilia: “quest’anno coloro che hanno compiuto 65 anni di età entro la data del 31/12/2011 e/o sono in possesso di 40 anni di contribuzione, saranno collocati obbligatoriamente in quiescenza a decorrere dal 1° settembre p.v.”; non si capisce come si possa ora disporre il pensionamento coatto per requisiti maturati lo scorso anno.
Di fatto, l’USR Sicilia fa riferimento alla maturazione dei diritti acquisiti, che sono però una prerogativa di cui il singolo soggetto può avvalersi, a domanda, oppure non avvalersi, scegliendo di rientrare nella nuova normativa; un diritto da agire a livello soggettivo non può certo essere utilizzato per imporre il collocamento a riposo, quando ormai la normativa è cambiata.
Dal punto di vista pratico, ricordiamo comunque che un preavviso è appunto un preavviso, che lascia il tempo che trova in caso le disposizioni emanate a livello nazionale siano di altro tenore; prima o poi, il MIUR dovrà decidersi ad emanare una circolare sulle pensioni e l’INPS/INPDAP dovrà decidersi a rendere pubblica la sua interpretazione degli aspetti più oscuri nell’applicazione delle nuova normativa.
Quanto appena detto non vale però nel caso si riscontrino nelle comunicazioni dell’USR delle palesi illegittimità, tipo quelle della Sicilia; in tal caso, è bene fare subito opposizione, anche davanti al giudice del lavoro.
Ricordiamo infine che si sta parlando di una facoltà che l’Amministrazione può anche non esercitare, in base ai criteri già definiti negli anni scorsi, sia per i dirigenti che per il personale docente ed ATA.
Pietro Perziani dal sito www.governarelascuola.it








Postato il Giovedì, 01 marzo 2012 ore 21:46:04 CET di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi