Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481455200 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
829 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
697 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
665 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
641 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
635 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Compiti a casa obbligatori per gli italiani: cento pagine di censimento

Rassegna stampa
     ROMA – E’ partito il censimento degli italiani, costerà 590 milioni, e fotograferà la situazione, demografica e sociale, della popolazione del nostro paese, fornendo le prime risposte, i primi dati, la primavera prossima. Bisognerà compilarlo entro il 20 novembre, anche se la data ultima per farlo non è indicata in modo chiarissimo, ma che farlo, cioè compilarlo, spedirlo o comunicarlo sia un obbligo di legge è scritto chiaro e tondo. E’ il 15° censimento della popolazione curato dall’Istat. Da ieri, 12 settembre, sono cominciati ad arrivare nelle case degli italiani, per la prima volta via posta, gli incartamenti contenenti i moduli e le istruzioni per compilarli. Ed è subito stato “panico”.

Torme di anziani e non che si aggirano, buste alla mano, per i corridoi e i cortili condominiali chiedendo agli inquilini più “smart” cosa si debba fare con il pacco appena arrivato. L’Istat, a onor del vero, prova a spiegarlo sia nella lettera allegata al questionario, sia nel questionario stesso, sia attraverso un sito internet dedicato (http://censimentopopolazione.istat.it/). E la prima certezza è che il questionario non può essere ignorato come vengono ignorate le ricerche di mercato che affliggono molti italiani, compilarlo è un obbligo di legge, con relative sanzioni. Compilarlo poi deve essere cura di una sorta di “capofamiglia”, colui al quale la busta dell’Istat è indirizzata, e solo in sua assenza può essere compilato da altre persone, parenti o affini. Già, perché il questionario non è personale, cioè non tutti i cittadini riceveranno una busta a loro indirizzata, ma è “casalingo”, nel senso che arriverà un modulo per ogni abitazione italiana. Obbligatorio dunque, ma attenzione a non essere troppo solerti, il censimento è datato 9 ottobre 2011, e non va quindi compilato prima, o almeno con dati che saranno diversi da qui a un mese, per questo non è prevista sanzione ma è caldamente consigliato. Per tutti i dubbi sarà poi attivo, dal primo ottobre, un numero verde: 800069701, e saranno allestiti punti informativi in tutti i comuni.

Oltre ad essere il primo censimento che arriverà via posta, sinora erano stati degli incaricati dell’Istat a consegnare le domande, altre saranno le novità che accompagneranno questa 15° fotografia dell’Italia. La prima, o almeno quella che più colpisce vista la nota difficoltà della burocrazia in genere a misurarsi con i tempi, e che non solo si potrà rispondere ai quesiti posti dall’Istat via internet, ma che lo stesso istituto di statistica lo consiglia, invitando i più anziani a farsi aiutare dai giovani. La rete come mezzo preferenziale quindi, potrebbe non sembrare una grande novità ma è invece una piccola rivoluzione. Basta appuntarsi il codice presente nella busta arrivata a casa e si potrà fare tutto attraverso un sito dedicato. Sito che ad oggi ricorda che mancano poco più di 3 settimane al via vero e proprio del censimento perché, se le prime buste vengono recapitate in questi giorni, le domande fanno riferimento alla situazione del 9 ottobre prossimo. Multimediali e in anticipo. Chi non risponde via internet dovrà portare il questionario compilato ad un ufficio postale o a “sportelli” che i Comuni si sono impegnati ad aprire.

Quello del 2011 è il 15° censimento della popolazione, se ne fa uno ogni 10 anni, il primo risale al 1861, anno dell’unificazione del Paese nel Regno d’Italia, quando gli italiani erano 26 milioni e trecentomila. Da allora sono state realizzate 14 rilevazioni, l’ultima nel 2001, quando gli italiani erano quasi 60 milioni. In realtà esistono però due versioni del censimento, una “normale” e una “light”, una di 84 quesiti e una di soli 35. Come spiega l’apposito sito: “le versioni del questionario sono due: nei Comuni di minori dimensioni verrà distribuita la versione completa, composta da 84 quesiti; in tutti gli altri Comuni, solo ad un campione selezionato di famiglie verrà inviata la forma completa del questionario, mentre le altre riceveranno la forma ridotta con 35 quesiti”. Per alcuni il compito sarà meno arduo dunque. I quesiti toccano più o meno tutti i campi: famiglia e alloggio, persone nell’alloggio, stato civile, dimora precedente, istruzione, professione e sede di lavoro, ed già è nata qualche polemica. «Non c’è alcuna valutazione delle scelte sessuali né delle coppie omosessuali», precisa il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, rispondendo ai mugugni sull’eventuale conta delle coppie gay nate dalla presenza di una casella speciale dedicata ai conviventi dello stesso sesso. Giovannini spiega che «nel precedente censimento (quello del 2001) c’era stata confusione tra chi aveva dichiarato una convivenza anagrafica e chi si era classificato in modo non chiaro. Ora invece c’è una chiara indicazione su come compilare il questionario». In effetti, nel questionario che viene spedito nelle case degli italiani, al capitolo «Notizie anagrafiche», nella parte che riguarda «Relazione di parentela o di convivenza con l’intestatario del Foglio di famiglia» c’è una risposta che potrebbe permettere di «fotografare» le convivenze tra persone dello stesso sesso. Si tratta di quella che recita: «convivente in coppia con l’intestatario», da non confondersi con altre situazioni di «coabitazione senza legami di coppia, parentela o affinità» previste in un’altra risposta. E questo punto potrebbe consentire di «contare» le coppie omosessuali.

I primi risultati provvisori per Provincia e Comune saranno diffusi dall’Istat il 31 marzo 2012, mentre la popolazione legale sarà disponibile entro il 31 dicembre 2012. E racconteranno non solo quanti siamo, ma risponderanno anche a domande nuove che riguardano l’ambiente (il tipo di combustibile o di energia usata per riscaldare l’abitazione o l’eventuale presenza di impianti a energia rinnovabile); quanti cellulari abbiamo in casa; quante abitazioni hanno le connessione a Internet; gli handicap quotidiani che affrontiamo per lavorare a causa di eventuali problemi di salute.

Alessandro Camilli
Blitz Quotidiano, 14 settembre 2011

redazione@aetnaent.org








Postato il Mercoledì, 14 settembre 2011 ore 15:50:37 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi