Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481993438 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1684 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1263 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
837 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni
Istituzioni

·Il Majorana - Arcoleo di Caltagirone sulla Nave della Legalità il 22 e 23 maggio
·Il possibile nuovo volto della scuola dell’autonomia, al convegno nazionale al Campus Universitario di Matera
·L’insegnante e il dirigente scolastico nella scuola dell’autonomia tra didattica, governance e progetto culturale - Convegno a Matera 14 e 15 marzo
·Seminario per docenti 'Famiglie, scuole, servizi e nuove tecnologie'
·L’apprendimento dell’inglese come gioco. A Didacta un metodo sperimentale basato su tecnologie e movimento del corpo


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Esame di Stato: La lunga notte dopo gli esami. I problemi? Rimandiamoli all’anno prossimo.

Rassegna stampa
     La lunga notte dopo gli esami. I problemi? Rimandiamoli all’anno prossimo.
Profluvio di notizie e interesse per una settimana circa. Poi, passati gli scritti, oblio, fino al prossimo anno. L’esame di Stato si è concluso da pochi giorni. Chiuso negli scatoloni, come il presepe dopo l’Epifania. È la tecnica migliore per annullare un’occasione di potenziale riflessione e determinazione di strategie alternative. L’esame non è solo la fine di un percorso per mezzo milione di ragazzi ogni anno, ma l’interfaccia di una scuola che celebra le sue contraddizioni.

Se il tormentone dell’era Gelmini-Brunetta – la valutazione – fosse davvero un’urgenza costruttiva, si farebbe tesoro delle evidenze che emergono. Invece, le restrittive novità introdotte quest’anno hanno solo reso la prova frustrante per molti dei ragazzi più meritevoli, senza fare dell’esame un test più confacente a ciò che la scuola è.

Le risposte di Gelmini per arginare la caterva di 100 e lode di alcune scuole del Sud Italia hanno di fatto interdetto quella votazione a ragazzi seri, dal curriculum ineccepibile, in possesso di voti superiori all’8 per tutto il triennio e del massimo dei crediti scolastici, se “rei” anche di un’unica imprecisione in una delle 4 prove di esame, nelle quali – per prendere la lode – è necessario avere ottenuto sempre il massimo dei punteggi: mission impossible. Inutile provare a spiegare a Gelmini che il peso troppo sbilanciato sui punteggi dei 3 scritti e dell’orale rischia di vanificare il lavoro serio di anni. Difficilmente il voto dell’esame, così determinato, rende merito di percorso globale, formazione costruita nel tempo, adeguatezza della preparazione complessiva, crescita culturale di un individuo. Quanto ai criteri di ammissione, la nota barriera del 5 anche in una sola disciplina, vincolo a bocciare, ha costretto i consigli di classe a funamboliche operazioni di facciata per eludere quell’orpello di finto rigore.

Ma torniamo al punto: nella tanto evocata Europa gli esiti delle prove finali e intermedie sugli apprendimenti degli alunni sono la base per interventi di politica scolastica. Da noi non è così. Da anni l’esame indica direzioni inascoltate, perché la preoccupazione suprema non è rendere la scuola migliore, ma ricavare da essa i maggiori risparmi possibili. Mi piacerebbe, come fanno in molti, Mastrocola in primis, credere che la popolazione scolastica italiana sia costituita esclusivamente dai miei liceali. Non è così. Nel 2008 – ultimo anno disponibile sulla banca dati del ministero, provare per credere – quando ancora non era entrata in vigore la “riforma”, che ha notevolmente peggiorato la situazione, dei 9113 bocciati nella scuola statale, 4464 provenivano dal tecnico, 2297 dal professionale, l’esigua rimanenza dai licei. I diplomati dei licei furono il 35,8%, quelli dei tecnici il 36,7%, con i professionali al 15,7% e i restanti distribuiti tra magistrali e istituti d’arte. Per il prossimo a.s. la distribuzione delle iscrizioni vedrà il 49,2% ai licei, il 51,8% tra tecnici e professionali. Tecnici e professionali concentrano maggior numero di bocciature e massima propensione alla dispersione, ancor più oggi, indeboliti come sono stati dalla “riforma”. Perciò somministrare prove d’Italiano identiche per tutti gli ordini di istruzione secondaria non fa altro che sottolineare il gap di prestazioni tra gli studenti: siamo, anno dopo anno, di fronte ad analisi del testo letterario con sofisticate consegne di tecnica letteraria o a saggi brevi, di ambito artistico e filosofico, che richiedono conoscenze e competenze che solo il liceo prova a fornire ai propri studenti. L’incursione del ’900, poi, sollecitazione culturale e stimolo a riflessione e comprensione dell’oggi, continua a essere annuncio, etichetta suggestiva, con scarsa concretizzazione nelle pratiche scolastiche, compresse in percorsi disciplinari su cui da troppo non si mettono le mani seriamente. In un Paese in cui si è da tempo rinunciato all’idea di biennio unitario e a sanare la tradizionale divaricazione tra sapere e saper fare.

La seconda prova – quella di indirizzo, Latino o Greco per il classico, Matematica per lo scientifico, ma anche Costruzioni per i geometri – dimostra anno dopo anno l’inadeguatezza della didattica attuale per l’apprendimento di quelle discipline, in cui si registrano clamorosi insuccessi, quando non intervenga il ricorso clandestino alla rete, come quest’anno (il 32% degli studenti ha dichiarato di aver copiato). In tutto ciò, manca solo la III prova (il quizzone) uguale per tutti, insistito annuncio di Gelmini: sfidando buon senso e insegnamenti di don Milani, sempre più “parti uguali tra diversi”. E l’ostinazione a non voler interpretare costruttivamente le evidenze che l’esame, anno dopo anno, ci consegna.

Marisa Boscaino (Il Fatto Quotidiano, 3 agosto 2011)

redazione_at_aetnanet.org









Postato il Giovedì, 04 agosto 2011 ore 19:46:03 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi