Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484077443 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4462 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1884 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1493 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1288 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
995 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Piano nazionale scuola digitale - Avviso pubblico per l'individuazione di 120 docenti costituenti le équipe formative territoriali
·Formazione GPU, dal 15 luglio sarà online la piattaforma di formazione
·#Maturità 2019, la traccia più scelta è quella sull’illusione della conoscenza
·#Maturità2019, al via mercoledì con la prova di Italiano. Ammesso il 96,3% degli iscritti
·#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Troppi bocciati ma i docenti non sono dei giudici

Rassegna stampa
Tra queste due posizioni estreme degli “schierati” c’è una miriade di posizioni intermedie, quasi tante quanti sono i docenti e quanti sono gli alunni. È molto facile valutare gli studenti bravi, ci si divide sugli alunni che non raggiungono risultati soddisfacenti. La spiegazione è semplice: i primi vanno avanti nel corso degli studi, i secondi possono essere fermati e ripetere l’anno. Gli insegnanti non hanno per cultura e per formazione, nella loro azione didattica, l’obiettivo di promuovere alla classe successiva o far ripetere l’anno ai propri studenti. Gli è imposto da regole esterne alla scuola, dalla legislazione, dall’organizzazione, dalla consuetudine.
C’è un effetto premiale o punitivo in tali scelte che va oltre i compiti connessi alla funzione docente. Che non è quella del giudice. Anche se ci sono docenti che fondano tutta la loro autorità sul potere di promuovere o bocciare gli alunni, e altri che questo potere mette perennemente in crisi. Stiamo parlando di promozioni e bocciature, non certo di verifiche e valutazioni che fanno i singoli insegnanti e l’intero gruppo docente, esse sì connaturate all’azione didattica nei processi di apprendimento. Il rapporto Ocse, almeno nelle sintesi che abbiamo letto, sottolinea i danni che derivano da troppe bocciature. Danni ai singoli studenti che già svantaggiati non ricevono alcun aiuto dalla bocciatura. Danni alle scuole che “appesantite” dalla presenza dei bocciati sono evitate dagli studenti più dotati e diventano “una segregazione nel sistema scolastico”. Danni all’economia del Paese per l’aggravio di costi sociali non indifferenti, che vanno dalla ripetizione dell’anno scolastico al ritardo con cui i giovani ripetenti si affacceranno nel mondo del lavoro. Ma il vero danno, per una scuola tutta concentrata sulla fine dell’anno in cui promuove o boccia gli alunni, è quello che colpisce l’organizzazione e l’azione didattica: scrutini trimestrali o quadrimestrali, interrogazioni e compiti in classe per i voti in pagella, perfino corsi di recupero come atti dovuti, sono tutti elementi che rischiano di essere delle vere e proprie interruzioni del normale “programma”. Per non parlare dell’esame, in nome del quale tutto è consentito, perfino “saltare” alcune materie per concentrarsi su altre. Insomma gli strumenti diventano il fine. Il tempo per scrutini esami e connessi diventa più lungo e importante e condizionante di quello per le attività didattiche vere e proprie.
Allora, per liberare il nostro sistema scolastico dai troppi condizionamenti di scadenze che vengono viste e vissute come adempimenti burocratici, si dovrebbero abolire promozioni e bocciature, così come l’intendiamo oggi. Si svolgono i programmi nei tempi distesi dell’anno scolastico. Si rivisitano costantemente, per tutto l’anno, programmi e parti di programmi attraverso gruppi diversi dalla classe, che sperimentino possibilmente metodologie diverse. Si accede ad essi in seguito a verifiche e valutazioni dei docenti. Gruppi alternativi alla classe sono costituiti anche per approfondimenti e potenziamenti. I tempi di percorrenza del ciclo di studi non saranno uguali per tutti gli studenti, ma si potrà da parte di quelli svantaggiati recuperare più facilmente, avendo forme di aiuto specifico. Il cambiamento che si propone riguarda certo l’organizzazione: più strutture e più risorse, una maggiore flessibilità nell’orario di lavoro dei docenti e più spazio per la programmazione. Ma ancora più significativo è il cambiamento di mentalità richiesto ai docenti e agli operatori della scuola: una scuola che non promuove e non boccia, per come l’intendiamo oggi, ma che accompagna tutti gli studenti nel percorso di studio, rispettando i tempi e intervenendo tempestivamente nelle difficoltà che essi incontrano.





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Sabato, 30 luglio 2011 ore 12:03:26 CEST di Sebastiano D'Achille
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Rassegna stampa

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi